03 MAG 2000

Intervento di Gianfranco Dell'Alba sulla nomina di alti funzionari della Commissione europea

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 1 sec
Scheda a cura di Andrea Maori

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Intervento di Gianfranco Dell'Alba sulla nomina di alti funzionari della Commissione europea", registrato a Parlamento Europeo mercoledì 3 maggio 2000 alle 00:00.

Sono intervenuti: Gianfranco Dell'Alba (parlamentare europeo, Lista Bonino).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Amministrazione, Commissione Ue, Dirigenti, Gran Bretagna, Kinnock, Parlamento Europeo, Polemiche.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Gianfranco Dell'Alba

    parlamentare europeo (Lista Bonino)

    Signor Vicepresidente Kinnock, c'è uno strano ambiente in quest'Aula. L'interrogazione orale del gruppo del PPE doveva essere uno degli argomenti forti di una tornata - si era chiesto peraltro di farla ad aprile, con grande foga - ma adesso il gruppo PPE non so dove sia, certamente non lo vedo presente in Aula. Non so se le decisioni che avete preso questa mattina hanno in qualche modo placato la sete di conoscenza di quel gruppo, ma mi pare che quest'Aula sia insolitamente deserta per un tema così importante. Ero d'accordo nel presentare l'interrogazione. Mi pongo la domanda da tempo, signor Vicepresidente; già da settembre mi sono posto la domanda: com'è possibile che a questi criteri - così oggettivi, così perfetti, sottoscrivibili da chiunque: la competenza, il merito, eccetera - rispondessero unicamente, guarda caso, funzionari che abitavano o erano originari di taluni paesi insulari, mentre invece in funzionari provenienti da altri paesi, fatti un po' più storti, a stivale diciamo, queste stesse caratteristiche non si ritrovavano? Andando al di là delle cifre, consideriamo le funzioni. A1 è un concetto molto vago: si può essere A1 ed esercitare funzioni importanti, come Direttore generale dello sviluppo, della stampa o di altre Direzioni generali, o essere aggiunti. Come mai - e questa è una domanda che continuo a pormi - questi criteri di merito, guarda caso, andavano solo a profitto di alcune nazionalità? Questo è quanto emerge da una lettura attenta, non semplicemente numerica. Questa domanda io continuo a pormela, così come mi pongo, signor Vicepresidente, oltre alla questione delle nomine interne alla Commissione, anche la questione delle nomine di alti funzionari della Commissione - funzionari o magari capi di gabinetto - che prendono il volo all'improvviso e, passando da qualche aeroporto europeo, da Londra piuttosto che dalla Malpensa, se ne vanno nel privato. Anche questa mi pare una questione che non è oggetto della nostra interrogazione orale ma che meriterebbe un'altra sede di discussione. Personalmente a questo io tengo molto. Infine, credo che la Commissione sbagli a dare troppo potere ai funzionari stessi nella selezione del personale: dovrebbe mantenere il suo giudizio politico e non delegarlo ai funzionari