03 LUG 2001

Intervento di Benedetto Della Vedova sulle offerte pubbliche di acquisizione

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 2 min 35 sec
Scheda a cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Benedetto Della Vedova sulle offerte pubbliche di acquisizione", registrato a Parlamento Europeo martedì 3 luglio 2001 alle 00:00.

Sono intervenuti: Benedetto Della Vedova (parlamentare europeo, Lista Bonino).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Borsa, Commissione Ue, Concorrenza, Energia, Europa, Francia, Impresa, Lavoro, Lista Bonino, Mercato, Montedison, Parlamento Europeo, Protezionismo, Ue, Usa.

La registrazione video ha una durata di 2 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Benedetto Della Vedova

    parlamentare europeo (Lista Bonino)

    Signor Presidente, signor Commissario, le imprese, i lavoratori e i risparmiatori europei hanno urgente necessità di un mercato europeo dei capitali libero da vincoli protezionisti, integrato ed efficiente. La stessa forza dell'euro dipenderà dalla forza e dall'appetibilità dei mercati finanziari. La contendibilità delle società per azioni è un elemento essenziale per un mercato dei capitali efficiente e orientato alla creazione di valore e alla tutela del valore per gli azionisti, grandi e soprattutto piccoli. In questo senso proprio l'articolo più controverso della direttiva, l'articolo 9, muove nella giusta direzione, quella di offrire all'interno del mercato unico europeo un quadro legislativo affidabile ed omogeneo in merito alle offerte pubbliche di acquisto. Per questo i radicali italiani della Lista Bonino voteranno a favore della direttiva. Inoltre, quando si fa riferimento al modello degli Stati Uniti, io credo che sia improprio prenderne un pezzettino: o si prende tutto il modello, collega Lehne, oppure lo si rifiuta in toto . In queste settimane i conservatori e i protezionisti, che hanno avversato questo provvedimento, hanno avuto dalla loro un gigantesco alibi: quello delle asimmetrie esistenti tra i vari paesi. Il caso della scalata da parte di una cordata, di fatto promossa da Electricité de France, al secondo gruppo elettrico italiano privato, Montedison , è emblematico. EDF è una società non quotata in borsa, al cento per cento di proprietà del governo francese, che gode nel suo paese di un monopolio legale. E' chiaro che la sua aggressiva politica di shopping in giro per l'Europa rappresenta un'intollerabile distorsione del mercato europeo dei capitali. Con la promessa di rafforzare la competitività e la concorrenza nei mercati di alcuni servizi pubblici si lascia spazio a politiche di ritorno allo statalismo e alla gestione monopolista. Concludendo, signor Presidente, per evitare che questo tipo di operazioni dia luogo a reazioni come la golden share , decreti di blocco, il rifiuto delle normative, come quella che voteremo domani sulla contendibilità della società, è necessario che la Commissione intervenga con i poteri di cui dispone sugli aiuti di Stato, sull'abuso e l'esportazione di posizione dominante, per evitare che queste asimmetrie distruggano il mercato europeo dei capitali.
    0:00 Durata: 2 min 35 sec