09 APR 1997

Intervento di Olivier Dupuis sul rapporto tra la Repubblica popolare di Cina e Hong Kong

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 2 min 23 sec
Scheda a cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Olivier Dupuis sul rapporto tra la Repubblica popolare di Cina e Hong Kong", registrato a Parlamento Europeo mercoledì 9 aprile 1997 alle 00:00.

Sono intervenuti: Olivier Dupuis (parlamentare europeo, Lp).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Cina, Commissione Ue, Consiglio Europeo, Democrazia, Diritti Civili, Hong Kong, Istituzioni, Onu, Parlamento Europeo, Ue.

La registrazione video ha una durata di 2 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Olivier Dupuis

    parlamentare europeo (LP)

    (FR) Signor Presidente, neanch'io condivido l'ottimismo del Consiglio. Penso che abbiamo ricordato a suffcienza ciò che non va, specie l`intenzione di sciogliere il Consiglio legislativo, ma anche, più di recente, il siluramento di sette degli otto rettori delle università di Hong Kong, che non lascia presagire nulla di buono per la collaborazione che potrà stabilirsi con tali università. Non sono di quelli che ritengono si possa ragionevolmente sperare di avere due sistemi in un solo paese. Penso che dobbiamo adoperarci a favore di un solo sistema in un solo paese. ll problema è riuscire a far capire ai responsabili della Repubblica popolare cinese che il sistema vigente a Hong Kong deve diventare quello di tutta la Cina. Si possono fare osservazioni - come quelle di poco fa dell'onorevole Gahrton - sulle carenze del governo britannico nell'instaurare la democrazia a Hong Kong, ma molto spesso si dimentica che la democrazia non significa soltanto elezioni. La democrazia presuppone anche un ordinamento giuridi- co e giudiziario in grado di funzionare: tutti aspetti di cui alcune autorità cinesi cominciano a capire l'importanza. In particolare, abbiamo potuto leggere le dichiarazioni del presidente dell'Assemblea popolare, Chao Cheu. Penso che occorra insistere presso i responsabili cinesi, dicendo loro che Hong Kong deve diventare il modello, che è il sistema vigente a Hong Kong che deve essere esportato per diventare l'unico sistema di tutta la Cina. Evidentemente, bisognerà apportarvi dei miglioramenti - ci sono tutti gli aspetti elettorali e dei diritti civili - ma penso che Hong Kong rappresenti veramente il punto di partenza per Pinstaurazione della democrazia in Cina. Accogliamo con piacere le dichiarazioni della Commissione, che promette di riferire regolarmente sull'evoluzione della situazione. Speriamo che il Consiglio modi?cherà la sua politica. In questo caso non è la Presidenza olandese ad essere in discussione: essa ha svolto un lavoro notevole presso la commissione per i diritti dell'uomo dell'ONU, diversamente da altri Stati membri. Ve ne sono quattro, in particolare, che hanno fatto un lavoro disastroso e credo che ciò debba cambiare. Ebbene, è possibile cambiare soltanto grazie ad una politica estera comune. Penso che anche a tale proposito resti ancora molto da fare di qui al Consiglio di Amsterdam.
    0:00 Durata: 2 min 23 sec