16 NOV 1999

Intervento di Olivier Dupuis sugli investimenti europei a favore delle energie rinnovabili

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 1 min 53 sec
Scheda a cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Olivier Dupuis sugli investimenti europei a favore delle energie rinnovabili", registrato a Parlamento Europeo martedì 16 novembre 1999 alle 00:00.

Sono intervenuti: Olivier Dupuis (parlamentare europeo, Lista Bonino).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Ambiente, Aria, Commissione Ue, Consiglio Europeo, Energia, Finanziamenti, Fonti Rinnovabili, Investimenti, Nucleare, Parlamento Europeo, Ricerca, Ue.

La registrazione video ha una durata di 1 minuto.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Olivier Dupuis

    parlamentare europeo (Lista Bonino)

    (FR) Signor Presidente, in primo luogo vorrei congratularmi con il relatore, soprattutto per la sua abilità nell'estrapolare la questione nucleare dalla relazione. A prescindere da questo, sono anch'io del parere che il problema del nostro Parlamento sia il non riuscire a trovare la spinta per affrontare in modo globale e approfondito la questione della politica energetica. Ciò è dovuto alle lacune del Trattato, dei Trattati, e forse anche al Parlamento. In realtà con la recente elaborazione di una relazione sulle energie rinnovabili, si assiste a una frammentazione di questa problematica benché essa sia fondamentale: anche su tale punto sono d'accordo con il relatore e con i numerosi oratori intervenuti. Per quanto attiene a questa relazione non possiamo limitarla alle conseguenze ambientali legate alla CO2. Certamente è un aspetto rilevante del problema ma, come hanno affermato gli onorevoli Belder e altri, ce ne sono molti, in particolare il nucleare, le cui conseguenze ecologiche dovranno essere affrontate. Si tratta anche di un problema di fondi. In mancanza di una politica energetica comune, l'Unione europea moltiplica gli stanziamenti specialmente quelli destinati alla ricerca. Questa è la prova che, fra le righe, esiste una politica che ancora oggi privilegia il nucleare, e a mio avviso ciò non è più tollerabile. L'obiettivo del 12 percento di energie rinnovabili è totalmente insufficiente e ciononostante rischiamo di non conseguirlo. Pertanto, è urgente unificare la discussione sull'energia per determinare esattamente le nostre scelte d'investimento e por fine alle contraddizioni per cui almeno cinque membri dell'Unione europea, Austria, Italia, Danimarca, Portogallo e Grecia, che non ricorrono all'energia nucleare, sono obbligati a finanziare una politica che, in materia di nucleare, è ancora sovvenzionata dall'Unione europea per più del 50 percento. Ritengo urgente aprire un dibattito per poter avere un'autentica discussione sulla questione dell'energia e non praticare più una politica energetica a scomparti come é stato fatto fino ad oggi.
    0:00 Durata: 1 min 53 sec