01 MAR 2001

Intervento di Olivier Dupuis sugli attacchi aerei in Iraq

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 4 min 19 sec
Scheda a cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Olivier Dupuis sugli attacchi aerei in Iraq", registrato a Parlamento Europeo giovedì 1 marzo 2001 alle 00:00.

Sono intervenuti: Olivier Dupuis (parlamentare europeo, Lista Bonino).

Tra gli argomenti discussi: Armi, Cina, Curdi, Guerra, Informazione, Iraq, Medio Oriente, Onu, Parlamento Europeo, Rifugiati, Russia, Saddam Hussein, Sanzioni, Usa.

La registrazione video ha una durata di 4 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Olivier Dupuis

    parlamentare europeo (Lista Bonino)

    (FR) Signor Presidente, signor Presidente in carica del Consiglio, signor Commissario, onorevoli colleghi, ritengo che innanzitutto si debbano ringraziare gli americani e gli inglesi per il senso di responsabilità che li contraddistingue. All'onorevole Wurtz, secondo cui si potrebbe e si dovrebbe affidare al Consiglio di sicurezza ogni decisione in materia, vorrei dire che ha mostrato non poca sfrontatezza. Quando si sa che due membri del Consiglio di sicurezza, la Repubblica popolare cinese e la Federazione russa, forniscono armi all'Iraq, pensare di prendere decisioni in tale sede mi sembra perlomeno irresponsabile. I ringraziamenti agli americani non devono però impedirci di pensare a un nuovo concetto di sanzioni, ma non certo ad un'abolizione. Ritengo che vi sia un'efficacia che, come ha riconosciuto lo stesso Generale Powell, è necessario ritrovare. Sono inoltre sorpreso che, a parte l'onorevole Wurtz, nessuno oggi parli degli interessi americani. L'onorevole Wurtz ci ha presentato un'analisi molto sottile degli interessi americani, ovvero il tentativo di legittimazione dello scudo spaziale. Ognuno può trarre le conclusioni che vuole, ma è innegabile che in altre discussioni abbiamo sempre fustigato gli americani, accusati di avere grossi interessi economici nella regione. Ora, suppongo che forse alcuni degli Stati membri, anche il suo probabilmente, onorevole Wurtz, hanno degli interessi, gli stessi che condannate con estremo vigore, quando si parla di americani. Credo che questa serie di problemi debba essere discussa, se vogliamo intavolare una dibattito che possa essere anche minimamente costruttivo. Dobbiamo ritornare all'essenza del problema, e la onorevole Nicholson lo ha fatto: il problema principale è il regime al potere e ormai sappiamo che non dobbiamo farci troppe illusioni. Conosciamo le difficoltà che impediscono di smantellare questo tipo di regime e conosciamo le difficoltà inerenti all'attuazione di un sistema di sanzioni. Abbiamo una certa esperienza ormai: le sanzioni sono state introdotte nel 1991, dieci anni fa. Credo che dovremmo pensare a nuove sanzioni, ma difficilmente si potrà eliminarne l'aspetto militare, anzi si dovrà accentuare la pressione militare, si dovrà certamente estendere la zona di interdizione al Kurdistan. La recente ondata di rifugiati approdati sulle coste francesi è stata causata dalla mancanza di protezione in alcune regioni del Kurdistan. Dovremmo estendere le zone protette e, per assicurarne il rispetto, si renderà purtroppo necessario utilizzare mezzi armati che al momento solo gli inglesi e gli americani sono in grado di mettere a disposizione. Bisogna inoltre accentuare la pressione sulla Repubblica popolare cinese e sulla Russia, affinché tali paesi cessino di collaborare militarmente con l'Iraq, ma si dovrà innanzitutto pensare a un nuovo tipo di bombardamenti, mi riferisco al bombardamento di informazioni che deve essere condotto giorno e notte usando satelliti, bisogna bombardare il paese di volantini, affinché i cittadini siano messi al corrente della politica di Saddam Hussein, una politica che gli consente di sottrarre gran parte delle risorse provenienti dal programma Oil for Food . Bisogna quindi predisporre una politica d'informazione che consenta agli iracheni di sapere, affinché possano finalmente sovvertire il regime.
    0:00 Durata: 4 min 19 sec