14 NOV 2015
dibattiti

L'eredità del passato, le sfide del futuro - Conferenza per il 50° anniversario IAI (2ª ed ultima giornata)

CONVEGNO | - Roma - 09:45 Durata: 3 ore 15 min
A cura di Bretema e Delfina Steri
Player
Conferenza per il 50° anniversario dell'Istituto Affari Internazionali in programma dal 13 al 14 novembre 2015.

Evento sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

Convegno "L'eredità del passato, le sfide del futuro - Conferenza per il 50° anniversario IAI (2ª ed ultima giornata)", registrato a Roma sabato 14 novembre 2015 alle 09:45.

L'evento è stato organizzato da Istituto Affari Internazionali.

Sono intervenuti: Ettore Greco (direttore dell'Istituto Affari internazionali (IAI)), Nathalie Tocci (vice direttore dell'Istituto Affari Internazionali), Silvia Colombo (responsabile
di ricerca dell'Istituto Affari Internazionali), Ali Vaez (osservatore per l'Iran dell'ICG, Instanbul), Jane Kinninmont (ricercatrice per il Middle East and North Africa Programma, Chatham House, Londra), Sinan Ulgen (presidente di EDAM, Instanbul), Richard Youngs (professore di Rapporti Internazionali presso l'Università di Warwick), Stefano Silvestri (consigliere scientifico programma sicurezza e difesa dell'Istituto affari internazionali), Alessandro Marrone (responsabile di ricerca dell'Istituto Affari Internazionali), Lucio Caracciolo (direttore della Rivista di Geopolitica "Limes"), Daniel Gros (direttore del Centro europeo di studi politici di Bruxelles), Luca Giansanti (direttore generale per gli affari politici e di sicurezza - MAECI), Jan Zielonka (professore di Politica Europea presso il St Anthony's College, Università di Oxford), Marta Dassù (direttrice di Aspenia e Senior Director European Affairs dell'Aspen Institute), Ettore Greco (direttore dell'Istituto Affari Internazionali).

Tra gli argomenti discussi: Africa, Crisi, Difesa, Economia, Esteri, Europa, G20, Iai, Integrazione, Medio Oriente, Mediterraneo, Recessione, Sicurezza, Storia, Unione Europea.

La registrazione video di questo convegno ha una durata di 3 ore e 15 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

  • Terza sessione - L'Europa e il Mediterraneo in fermento. Il Medio Oriente e il Nord Africa sono in una fase di profonda trasformazione. L'ordine regionale, risalente al secolo scorso, si sta disgregando, mentre non si intravvede ancora una nuova configurazione stabile. Fragilità istituzionale, stati falliti e spazi ingovernabili si moltiplicano, offrendo un terreno fertile allo sviluppo del terrorismo e alla criminalità organizzata. Inoltre i contrasti tra le potenze regionali stanno alimentando conflitti e settarismo in tutta la regione. Può l'Europa, in questo contesto, salvaguardare la propria sicurezza e al contempo sostenere un cambiamento virtuoso nei paesi della regione? Quale contributo può offrire alla costruzione di un'architettura regionale che coinvolga tutti i principali attori locali?

  • Ettore Greco

    direttore dell'Istituto Affari internazionali (IAI)

    9:45 Durata: 3 min 53 sec
  • Nathalie Tocci

    vice direttore dell'Istituto Affari Internazionali

    Presiede
    9:49 Durata: 1 min 25 sec
  • Apertura del dibattito

    Silvia Colombo

    responsabile di ricerca dell'Istituto Affari Internazionali

    9:50 Durata: 8 min 45 sec
  • Ali Vaez

    osservatore per l'Iran dell'ICG, Instanbul

    Senior Iran Analyst, The International Crisis Group (ICG), Istanbul (Intervento in lingua inglese senza traduzione)
    9:59 Durata: 10 min 45 sec
  • Jane Kinninmont

    ricercatrice per il Middle East and North Africa Programma, Chatham House, Londra

    Deputy Head and Senior Research Fellow, Middle East and North Africa Programme, Chatham House, Londra (Intervento in lingua inglese senza traduzione)
    10:10 Durata: 9 min 25 sec
  • Sinan Ulgen

    presidente di EDAM, Instanbul

    Chairman of the Centre for Economics and Foreign Policy Studies (EDAM), Istanbul, and visiting scholar at Carnegie Europe, Istanbu (Intervento in lingua inglese senza traduzione)
    10:19 Durata: 12 min 23 sec
  • Nathalie Tocci

    vice direttore dell'Istituto Affari Internazionali

    10:31 Durata: 1 min 19 sec
  • Richard Youngs

    professore di Rapporti Internazionali presso l'Università di Warwick

    Professor of International Relations at the University of Warwick; Senior Associate in the Democracy and Rule of Law Program, Carnegie Europe, Bruxelles (Intervento in lingua inglese senza traduzione)
    10:33 Durata: 10 min 50 sec
  • Domande dalla sala

    Interventi in lingua inglese senza traduzione
    10:43 Durata: 22 min 8 sec
  • Richard Youngs

    professore di Rapporti Internazionali presso l'Università di Warwick

    (Intervento in lingua inglese senza traduzione)
    11:06 Durata: 4 min 40 sec
  • Sinan Ulgen

    presidente di EDAM, Instanbul

    (Intervento in lingua inglese senza traduzione)
    11:10 Durata: 5 min 57 sec
  • Jane Kinninmont

    ricercatrice per il Middle East and North Africa Programma, Chatham House, Londra

    Intervento in lingua inglese senza traduzione
    11:16 Durata: 5 min 46 sec
  • Ali Vaez

    osservatore per l'Iran dell'ICG, Instanbul

    (Intervento in lingua inglese senza traduzione)
    11:22 Durata: 2 min 52 sec
  • Silvia Colombo

    responsabile di ricerca dell'Istituto Affari Internazionali

    (Intervento in lingua inglese senza traduzione)
    11:25 Durata: 3 min 20 sec
  • Pausa caffè

    11:28 Durata: 19 min 54 sec
  • Tavola rotonda - Quale politica estera e di difesa per l'Italia? Alle prese con una prolungata recessione economica, l'Italia si è sforzata di mantenere un alto profilo di politica estera e di difesa in linea con le sue responsabilità europee e transatlantiche e di membro di gruppi di spicco quali G7 e G20. L'inasprirsi delle dinamiche conflittuali nel vicinato meridionale e orientale e i massicci flussi migratori hanno avuto pesanti ripercussioni sul Paese. È in grado l'Italia di rilanciare il proprio ruolo all’interno dell'Ue e della Nato? Come può contribuire all'azione internazionale per contenere i fattori di instabilità a Est e a Sud del Paese? È possibile raggiungere un consenso nazionale intorno a obiettivi strategici di politica estera e di difesa? E come si possono affrontare i problemi politici e di bilancio che frenano la proiezione esterna del Paese?

  • Stefano Silvestri

    consigliere scientifico programma sicurezza e difesa dell'Istituto affari internazionali

    Presiede
    11:48 Durata: 1 min 14 sec
  • Apertura del dibattito

    Alessandro Marrone

    responsabile di ricerca dell'Istituto Affari Internazionali

    11:49 Durata: 5 min 59 sec
  • Intervengono

  • Lucio Caracciolo

    direttore della Rivista di Geopolitica "Limes"

    11:55 Durata: 8 min 51 sec
  • Daniel Gros

    direttore del Centro europeo di studi politici di Bruxelles

    Director, Centre for European Policy Studies (CEPS), Bruxelles
    12:04 Durata: 12 min 5 sec
  • Luca Giansanti

    direttore generale per gli affari politici e di sicurezza - MAECI

    12:16 Durata: 16 min 58 sec
  • Jan Zielonka

    professore di Politica Europea presso il St Anthony's College, Università di Oxford

    Professore di politica europea; Director, European Studies Centre St Antony’s College, Università di Oxford (Intervento in lingua inglese senza traduzione)
    12:33 Durata: 12 min 27 sec
  • Marta Dassù

    direttrice di Aspenia e Senior Director European Affairs dell'Aspen Institute

    Senior Director, European Affairs, The Aspen Institute, e Direttore, Aspenia, Roma
    12:46 Durata: 13 min 32 sec
  • Stefano Silvestri

    consigliere scientifico programma sicurezza e difesa dell'Istituto affari internazionali

    12:59 Durata: 1 min 15 sec
  • Conclusioni

    Ettore Greco

    direttore dell'Istituto Affari Internazionali

    13:00 Durata: 19 min 18 sec