27 NOV 2015
dibattiti

Chi devasta e saccheggia è Il CAPITALE! Le contraddizioni di un reato ereditato dal fascismo

DIBATTITO | - Teramo - 21:02 Durata: 2 ore 26 min
Scheda a cura di Enrica Izzo
Player
Registrazione video del dibattito dal titolo "Chi devasta e saccheggia è Il CAPITALE! Le contraddizioni di un reato ereditato dal fascismo", registrato a Teramo venerdì 27 novembre 2015 alle 21:02.

Dibattito organizzato da Osservatorio sulla Repressione.

Sono intervenuti: Italo Di Sabato (responsabile nazionale dell'Osservatorio sulla Repressione), Cristiana Pugliese (giornalista, Radio Radicale), Davide Rosci, Enzo Di Salvatore (professore), Vincenzo Di Nanna (segretario dell'Associazione Amnistia Giustizia Libertà Abruzzi, Radicali Italiani), Nicoletta Dosio (componente del Movimento NoTav
della Val di Susa), Renato Di Nicola (componente del Coordinamento No Ombrina), Maurizio Acerbo (membro della Segreteria Nazionale, Partito della Rifondazione Comunista), Mauro Gentile, Giulio Petrilli, Marco Pannella (presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito, Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito).

Tra gli argomenti discussi: Abruzzo, Ambiente, Amnistia, Associazioni, Avvocatura, Bernardini, Carcere, Chimica, Contrada, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Costituzione, Democrazia, Detenzione Domiciliare, Diritti Umani, Diritto, Economia, Emergenza, Enti Locali, Europa, Fascismo, Ferrovie, Francia, Garante Detenuti, Geopolitica, Giovani, Giustizia, Governo, Indulto, Industria, Inquinamento, Istituzioni, Italia, Legge, Letta, Magistratura, Mass Media, Monti, Movimenti, Pannella, Partiti, Penale, Petrolio, Polemiche, Politica, Polizia, Prezzi, Procedura, Radicali Italiani, Referendum, Regioni, Renzi, Roma, Salute, Sinistra, Societa', Stato, Storia, Tav, Teramo, Territorio, Totalitarismo, Trasporti, Unione Europea.

La registrazione video di questo dibatto ha una durata di 2 ore e 26 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci