10FEB2016
dibattiti

Sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione nella comunicazione pubblica, sociale e politica

CONVEGNO | Roma - 10:23. Durata: 3 ore 24 min

Player
Nel corso dell'evento è previsto il saluto del Deputato Paolo Fontanelli, Questore della Camera dei Deputati.

Convegno "Sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione nella comunicazione pubblica, sociale e politica", registrato a Roma mercoledì 10 febbraio 2016 alle ore 10:23.

L'evento è stato organizzato da Consiglio italiano per le Scienze Sociali e Istituto Luca Coscioni.

Sono intervenuti: Luca Landò (giornalista scientifico), Paolo Fontanelli (questore della Camera dei Deputati, Partito Democratico), Maria Antonietta Farina Coscioni (presidente dell'Istituto Luca Coscioni),
Carla Rossi (vice presidente del Consiglio Italiano Scienze Sociali), Alessandra liquori o'neil (programme Officer UNICRI, United Nations Interregional), Franco Scarpa (direttore dell'Unità Operativa Complessa Salute in Carcere dell'OPG di Montelupo Fiorentino), Antonio Cavaliere (ordinario di diritto penale presso l'Università Federico II di Napoli), Alessandro Vento (psichiatra), Valentina Stella (giornalista free lance), franca Compagnoni (responsabile SERT del Carcere di Rebibbia), Giuliano Vettorato (docente di Sociologia della Devianza all'Università Pontificia Salesiana).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Antiproibizionisti, Carcere, Comunita' Terapeutiche, Coscioni, Cultura, Droga, Legalizzazione, Liberalizzazione, Politica, Prevenzione, Proibizionismo, Ricerca, Salute, Scienza, Societa', Tossicodipendenti.

La registrazione video di questo convegno ha una durata di 3 ore e 24 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Allora buongiorno a tutti grazie di essere qui il il mio nome lucana andò e hanno soltanto il compito di come dire di regolare il traffico di questa giornata impegnativa questa mattinata impegnativa perché
Trattiamo di un argomento complesso
Sicuramente complesso e importante
Dedicato alle sostanze si psicotrope ma soprattutto dedicato alla comunicazione di questo argomento quindi alla complessità nella complessità
Perché ovviamente nella comunicazione può provocare degli affetti se non è corretta se non è adeguata se non è aggiornata popolo del protrarre gli effetti che poi sono difficili
Da correggere e quindi cerchiamo di mettere a fuoco lei il problema per come viene conosciuto oggi e lo facciamo grazie alla all'aiuto delle persone che vedete a questo tavolo
E che adesso vi presento ma lo facciamo con questa chiave proprio del cercare di aggiornare le nostre conoscenze in questo campo ma per arrivare a mettere a fuoco la necessità di una comunicazione adeguata
Quindi imparare sapere ma soprattutto comunicare in maniera adeguata
Il ci stanno ascoltando agli ascoltatori di radio radicale che salutiamo e vi presento le persone che sono quello a questo tavolo
E alla mia sinistra Carla Rossi che vicepresidente del Consiglio italiano per le scienze sociali ohi Maria Antonietta Farina Coscioni Presidente dell'Istituto Luca Coscioni
Franco Scarpa
Che direttore qui abbiamo
Incrociamo subito degli a una serie di acronimi delle l'unità operativa complessa
Della salute in carcere rappresentante italiano nel progetto cost che poi ci spiegherà che cos'è ma è una di costo psichiatria forense che un consorzio che riunisce diciamo così con degli obiettivi
Di di collaborazione il mondo della scienza della tecnologia
Poi alla mia destra Antonio Cavaliere che professore di diritto penale dell'Università degli Studi di Napoli Federico II e Alessandra di Corioni il programma program officer dell'UNICRI
Che il United Nations Inter regional Crime and Justice Research Institute lunga definizione poi anche lei a lei chiederemo di esplicitare di raccontarci di che cosa si occupa
A questo tavolo non non vedete perché assente per seri problemi familiari Patrizia De Rose che è responsabile del dipartimento politiche antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri
Però lei ci teneva molto essere presente e ha mandato una relazione di cui daremo lettura tra poco prima però vorrei dare la parola alla l'onorevole Paolo Fontanelli che il questore della Camera dei deputati
E ci sta ospita
Grazie
No grazie mi nel mio ranch un
Un saluto che faccio il porto molto volentieri perché
Insomma di fronte alla richiesta di
Trovare diciamo uno spazio nei film
E la alla Camera per promuovere questa iniziativa insomma ci siamo
Adoperati per fare in modo di poterlo realizzare un esempio semplice perché ovviamente abbiamo
Tantissime richieste pressioni che dobbiamo anche a volte diciamo riuscire a
Armonizzare diciamo l'utilizzazione dei nostri spazi che ovviamente hanno una precedenza rispetto alle attività proprio diciamo delle istituzione quindi
E anche poi far fronte alle tante richieste che
Che vi sono comunque possibile insomma la Camera si fa in modo diciamo che anche
Spazi che abbiamo siano
Un'occasione diciamo prete realizzare momenti di confronto importanti sui temi
In più ampi possibile in questo caso mi è parso
Molto significativo ecco importante fare in modo che avesse luogo questo specifiche iniziative che il tema è sicuramente un tema
Di grande rilevanza è un tema
In generale ma a partire anche con la specificità che voi indicate quella comunicazione insomma che
Deve cozzare spesso con molti pregiudizi e anche con molti modi sbagliati di affrontare
Il tema
Delle sostanze psicotiche come pazzo importante anche perché proprio in questo momento credo insomma spero mi auguro si facciano ulteriori e rapidi passi in avanti insomma si sta procedendo perché
Alla Camera possa diventare legge al più presto diciamo con il lavoro che sta facendo la dodicesima sedicesima
Commissione la legge che riguarda
La legalizzazione diciamo della coltivazione
Della
Vendita dell'uso che riguardava la cannabis cioè non
Il lavoro avviato dalle Commissioni messo su basi credo abbastanza a positive rispetto al passato qui sembra si sia produciamo spazio per poter concretizzare una
Legge quindi un quadro normativo nuovo
Atteso da tempo ecco non è che si può dire sia insomma
Su questo piano si procede con
Grande difficoltà e anche molta lentezza perché appunto pregiudizi resistenze problemi diversi hanno impedito in fasi
Negli ultimi anni insomma in fasi diverse che
Sì potessero
Determina le condizioni accordi arrivare a un risultato importante
Io
Ciò per quello che ho visto del lavoro finora avviato insomma si poteva arrivare diciamo un pezzo una parte ma un sarebbe un risultato
Significativo che ovviamente
Sia per le nuove normative insomma che consentono
Imminenti dare risposte insomma significative già molte Regioni si sono mosse la somma
Si allargherebbe il campo ecco dall'uso terapeutico sostanzialmente legalizzato l'Amati a un quadro molto più ampio di possibilità rispetto all'uso del della cannabis ecco e quindi dei derivati ma penso che questa risultato se si se avviene insomma aiuti anche
Una discussione quindi anche una campagna di comunicazione del Paese che possa
Aiutare ad affrontare il tema in modo sostanzialmente diverso e più aperto di quello che abbiamo avuto in questi anni quindi in questo senso il la vostra iniziativa mi sembra
Importante vi auguro buon lavoro
Penso insomma che i risultati di fronte sicuramente diciamoci aiuteranno a guardare con orizzonte diciamo più positivo verso questi temi grazie e buon lavoro
L'onorevole Fontanelli a chi ogni mezzo per interventi riprendo subito il mio ruolo ivi giornalista vado subito su due punti che ha
Che ha elencato ovviamente il primo è quello della l'importanza dei questa legge
Sulla legalizzazione e il
Di cui si sta parlando da tempo e vediamo se si riesce che lavoriamo tutti a ad Adria i tempi ed arrivare a finalmente un'approvazione
Però ovviamente la discussione sulla legge si scontra sull'altro elemento che ha citato che ovviamente fondamentale c'è poco da fare che il pregiudizio la presenza di pregiudizi
Dove però pregiudizi né tutti sappiamo che cosa sono ne abbiamo una una una conoscenza ma però andiamo a prendere la radice mi permetto di di di citare la definizione che usa la Treccani la Treccani
Dice lo definisce proprio una idea un'opinione concepita sulla base di convinzioni personali Prevenzioni Generali senza una conoscenza diretta dei fatti e da indurre quindi in errore allora
Viene fuori il concetto di una conoscenza che precoce è incompleta e quindi
Una o per lo meno di una conoscenza incompleta che porta a un giudizio precoce che cammina sulle gambe corte
Questo apre in questa definizione apre la porta un altro concetto è quello che il le opinioni che si hanno su dei fatti specialmente non società molto in evoluzione vale questa
In cui viviamo così da società la conoscenza
Porta anche dei giudizi che a volte si basano su dei dati che stanno cambiando
Le conoscenze e quindi vanno aggiornate
Vanno verificate alla luce delle di quello che si sa in modo da avere poi dei giudizi che siano sempre aggiornati
Questo dico questo perché senza una revisione delle proprie conoscenze si rischia che quelle che un tempo erano
Secondo la nostra vi girone dei giudizi adulti in realtà erano dei giudizi diventano dei giudizi precoce dei giudizi che sono stati superati da nuove conoscenze nuovi fatti
Quindi e importante ad esempio l'incontro di questa mattina ma anche altre iniziative del genere per cercare di fare come si fa con le macchine sorta di tagliando di controllo verificare se le conoscenze che abbiamo sono adeguate
Alle conoscenze che circola nella società sono aggiornati i nostri giudizi che stiamo nostre opinioni
Sono ancora valide o è il caso di cominciare a rivederle e questo vale per tutti vale per noi vale per gli altri quindi anche alla luce di questo recuperi di spirito di questo approccio che andrebbe elaborato un pensiero sul tema della legalizzazione
Cercando proprio di rimuovere gli ostacoli a volte cognitivi proprio di pregiudizio che ci sono alla luce di nuove conoscenze di quello che sta succedendo in altre parti del mondo ad esempio
Ecco dopo
Questo brevi pistolotto di cui vi chiedo scusa io passerei la parola per interposta persona a Patrizia De Rose
Battista De Rose che come ho detto che per ma seri problemi familiari non
Non è qui oggi
Però ci ha mandato una la sua relazione preso però se di solito parla a braccio e questo come dire aiuta amano addormentare la platea io non posso interpretare nel braccio nel pensiero di Patrizia De Rose
Per cui mi limito a leggere sperando di non addormentarmi mai l'alta è un intervento lo vedrete molto importante ci sono almeno tre punti che anche qui giornalisticamente vanno sottolineati
Ovviamente i saluti buongiorno e con grande piacere che saluto tutte le autorità presenti e ringrazio per l'invito a questo importante convegno
Il Dipartimento che dedico ma e
Molto impegnato sul fronte della prevenzione e sta investendo cospicue risorse del proprio bilancio per iniziative in tal senso
Se da un lato infatti si fa strada un pattern di consumo normalizzato tra virgolette normalizzato più spesso rivolto funzioni espressive o strumentali
E diffuso presso una fascia di popolazione giovanile di estrazione socio-culturale medio alta dall'altro lato restano nicchie di consumo problematico di frequente correlato ad altre condotte devianti spaccio vagabondaggio furto
Estese anche ad una popolazione più adulta talvolta relegato a condizione di marginalità
La presenza delle diverse tipologie di droghe legali illegali appare piuttosto trasversale nella popolazione così come differenti sono i pattern di consumo
Nel primo caso si tratta di soggetti inseriti in un contesto economico e sociale avvantaggiato in cui il consumo di droghe e di alcuni in particolare sta perdendo stigma sociale e la riprovazione riprovazione morale collettiva
Si tratta di un uso gestito e controllato che non attenta alla stabilità individuale e all'integrazione sociale e consente di adempiere mantenere il proprio ruolo all'interno della società
In tale contesto solleva non poche perplessità la possibilità di standardizzare i trattamenti per i consumatori problematici di sostanze psicotrope poiché assuntori così eterogenei
Richiedono interventi sempre più selettivi e mirati e i servizi nel campo delle tendenze sono sempre più chiamati ad agire secondo processi produttivi aperti
Tali processi si basano sostanzialmente sul principio della promozione e attivazione di processi di comunicazione interazione scambio in modo da coinvolge nel contempo risorse umane e sociali economiche e politiche
La prevenzione della tossicodipendenza e la gestione il recupero sociale di chi soffre questa forma di dipendenza
Richiedono un continuo aggiornamento professionale
Modelli di intervento innovativi e complesse sinergie tra i diversi nodi della Rete di aiuto e gli effetti che la comunicazione del tema droga a sull'immaginario collettivo sulla percezione dei rischi
E sul valore dei progetti per la prevenzione e gestione della tossicodipendenza
Esista la necessità di sintonizzare continuamente retto la più volte su questo fatto del del continuamente dell'aggiornare qua quello cui diceva più prima l'intervento tecnico in questo settore con una realtà fino meno logica legata i processi sociali e culturali
Che oggi cambia con una notevole velocità rispetto a un passato non così lontano dove i processi culturali impiegavano almeno la generazione perché potesse essere avvertita la portata del loro cambia del loro cambiamento
La storia accelera ci insegue i significati sensi le ragioni dell'uso di stupefacenti mutano vistosamente anche rispetto solo a qualche anno indietro
Lo sforzo attuale non solo in termini progetti interventi soprattutto lo sforzo di riflessione sulle difensore dimensioni sui significati del consumo di sostanze legali e illegali
Per raggiungere questo obiettivo occorre preliminarmente conoscere capire intercettare i significati culturali le tendenze dei consumi sapendo di trovarsi di fronte a un fenomeno non molo ridico ma variabile nel tempo e nelle forme
Un aspetto fondamentale quando si parla di tossicodipendenza è l'integrazione sociale
Le attuali politiche di liberazione dell'altro dalla droga prevedono che l'astinenza debba avvenire prima di accedere ad una
Ad una vita sociale adeguata essendo il tossicodipendente considerato un posseduto dalla sostanza
Nella riduzione del danno invece il rischio più grande quello che deriva e quello della deriva sociale del tossicodipendente e di conseguenza si cerca di agevolarne l'inserimento o il reinserimento sociale
La riduzione del danno infatti pur non accettandolo prende atto del consumo e tende a
Da un diritto dalla cittadinanza e alla salute anche dei tossicodipendenti attivi che non sono intenzionati a interrompere l'uso di sostanze stupefacenti
Mettendo in secondo piano gli interventi di tipo terapeutico
L'obiettivo fondamentale è quello della tutela della salute globalmente intesa fisica psichica relazionale da perseguire attraverso la definizione di percorsi specifici che spaziano dalla completa riabilitazione
Al raggiungimento di un equilibro personale accettabile e alla rimozione modifica di comportamenti e stili di vita a rischio
I sistemi di recupero di emancipazione sono complessi ripensare gli interventi socio assistenziali implica una nuova visione di inclusione sociale
Non semplicemente intesa come assistenza
Ma come occasione di crescita della partecipazione attraverso il disegno di un sistema ampio di regole di accesso ai mercati alle istituzioni e nello stesso tempo traverso rispetto di impegni e responsabilità collettive
Che muovono l'individuo e la collettività verso forme di produzione più efficienti e cooperative
In tal senso riabilitazione significa comprendere che il consumo di droga e quindi la tossicodipendenza
è un processo complesso le cui dinamiche di sviluppo dipendono da una molteplicità di variabili che esulano in modo rilevante delle condizioni solo fisiologiche del soggetto
L'obiettivo quindi diventa la costruzione di una politica integrata di inclusione sociale e di repressione penale
Che sia flessibile nelle more delle modalità di gestione in realtà economiche differenziate per gradi reversibile con riferimento alle scelte intertemporali chiese induce
Ma condizionante nelle modalità in cui gli attori chiave prendono parte al processo decisionale attuativo
Risulta da questo punto di vista abbastanza intuitivo immaginare come in questa nuova visione di welfare trainato attraverso forme di inclusione sociale
Si aprano spazi per l'espansione del terzo settore nella sua interna articolazione in organizzazioni con finalità di tutela promozione e redistribuzione da un lato e in organizzazioni produttivi orientate al mercato pubblico privato dall'altro
Le varie misure messe in campo per favorire l'inserimento lavorativo dei soggetti tossicodipendenti rappresenterà un tassello importantissimo nella strategia a favore dell'integrazione sociale dello sviluppo
In ambito europeo internazionale di confronto tra istituzioni e società civile
è sempre più di più incoraggiato l'accesso alle cure per tutti e quindi anche per i tossicodipendenti la riduzione del rischio del danno all'assistenza sanitaria in carcere l'accesso ai farmaci essenziali
La proibizione della pena di morte della tortura e di altre forme di maltrattamento saranno tra le questioni centrali di un gas due mila sedici lunga se la sessione speciale dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite
Confido che grazie al contributo europeo in cui necessariamente confluirà la posizione italiana l'auto l'altro campo che mentre il documento di sintesi di un gas due mila sedici
Riuscirà a dare voce a tutte le diverse posizioni del dibattito in linea con il principio di responsabilità comune e condivisa
I temi da trattare sono dunque molteplice non desidero sottrarre tempo prezioso il programma di questa giornata densa di attività nel ringraziarvi quindi per l'attenzione auguro a tutti voi un proficuo lavoro e questo l'intervento di Patrizia De Rose
Ecco
Come vi dicevo anche qui
Commento personale giornalistico sono rimasto nel leggere abbastanza sorpreso perché
Nel modo nell'approccio nella dinamicità dell'intervento mi sembra più un intervento da un tecnico del settore che la figura istituzionale ci sono vari punti e che poi in realtà abbiamo già previsto all'interno di questo
Di questa mattinata che sono poi in effetti i punti chiave di discussione che andranno che andranno affrontati
Noto ad esempio il riferimento a una politica ovviamente inclusiva e a una nuova visione di welfare e in questo momento di lo sappiamo dei vini grave difficoltà economica ma anche soprattutto di visione politica
Il welfare come sempre rischia di non avere una nuova visione ricevono avere nessun tipo di visione quindi ribadire l'importanza di una politica che si fa
Prenda cura dei dei cittadini di tutti i cittadini e nelle forme adeguate e quanto meno importante
Mi son permesso durante la lettura di di ritornare sul tema della Dini e dinamicità del problema
Sono problemi non mollo l'ITC ma che mutano e che quindi richiedono degli atteggiamenti pronti a recepire le dinamiche delle politiche adeguate acque accogliere questa dinamicità
A questo punto io passerei
Invece aprire un po'al dibattito questo tavolo con gli interventi dei relatori fisicamente presenti
E lo farei citando una frase di di Nanni Moretti in Palombella rossa premente la ricordate e quando lui stesso dice chi parla male pensa male Elide Malavasi
Per le parole sono importanti ecco allora io giro questa questa frase a Maria Antonietta Farina Coscioni chiedendole se l'Italia parla male pensa male visto che le parole sono davvero importanti
Grazie Luca
Da davvero le in
Le parole sono sono importanti e di vorrei partire da quello che possiamo definire un un antico sapere che trova riscontro nel sentire quotidiano dei proverbi
E e che deriva da un testo contenuto nella nella Bibbia cristiana
E abbiamo qui presente il
Il professore di psicologia sociologia delle tossicodipendenze dell'Università salesiani e di Roma il professor Vettorato Giuliano quindi in qualche modo insomma
La sua presenza mi ha ispirato nella nell'introdurre insomma questo
Questo mio contributo
E e in uno dei cinquantun capitoli con con detti di genere Sapienza alle si legge che è un colpo di frusta produce di ridurre ma un colpo di lingua rompe le ossa
Molti sono caduti a fil di spada ma non quanti sono periti per colpa della lingua
E il paragone tra il parlare e la spada ricorrente io né ne cito due richiami di disarmo
Il salmo sessantaquattro e quattro leggiamo affilano la loro lingua come spada scagliano come frecce parole amare
Oppure nel Salmo cinquantadue quattro leggiamo la tua lingua ordini c'è delitti è come l'AMA filata insomma la questione della della lingua dell'uso della parola dei rischi
E dei pericoli connessi e cosa antica come l'uomo che affonda che affonda le sue radici
In pressoché tutte le tradizioni culturali e religiose non solo quella quella cristiana
E quindi volendo il tutto si traduce nel popolare può proverbio né uccide più la lingua della spada quindi è un'efficace sintesi di una questione cruciali cioè rapporti
Fra gli umani e l'uso buono cattivo proprio improprio che sia della parola questo vale in generale ma vale anche
In tantissimi casi specifici come quello che cerchiamo di affrontare e sviluppare e sviluppare oggi
Parto con nuovo una locuzione che è diventata di uso comune ce la fa parte ormai del nostro vocabolario la usiamo frequentemente e i direi in modo Pablo Viano e l'espressione guerra alla droga
E sono tre parole appena però dietro queste questa espressione c'è un mondo c'è una concezione c'è una politica io qui non vorrei dare una valutazione sui risultati di di questa guerra anche se penso che abbia ragione
Il premio Nobel per l'economia Gary Becker che insieme al collega che è rimasti ha scritto che era il Wall Street Journal un piccolo saggio
Dove dimostra come gli esiti di questa guerra siano fallimentari e controproducenti
E qui quindi a me interessa oggi porre la nostra attenzione su sul significato di questa di questa espressione le conseguenze pratiche tecniche
Ricordiamo tutti che la guerra la droga nasce negli Stati Uniti quando infuria la guerra in Vietnam e inizialmente viene utilizzata per per cercare di sviare
Per cercare quindi di di di attenuare di nascondere l'attenzione
Dai lutti e dei disastri di quel conflitto quindi una guerra quella la droga che comporta per esempio da una parte quindi la dilatazione della
Della convegno della sorveglianza da parte delle forze dell'ordine
E la Costituzione negli Stati Uniti ma non solo negli Stati Uniti di un di un crescente apparato di controllo di un apparato repressivo
Quindi si entra nella vita privata di cittadini in modo massiccio si fa ricorso a strumenti sempre più sofisticati dal punto di vista tecnologico per spiare osservare controllare
Quindi si può dire che ogni nuova tecnica di sorveglianza e viene inizialmente testata per casi vicende di droga
Quindi abbiamo spionaggio da una parte legislazione repressiva dall'altra
E grazie alla quale si incentiva una incarcerazione e di massa e la maggior parte dei detenuti infatti si trova in carcere per reati legati alla droga
E quindi si fa si fa appunto la droga si fa appunto la guerra e la guerra con la guerra si giustifica ogni cosa e ed è tutto consentito e tutto ENI è permesso
E quindi questa espressione non è solo l'azione di contrasto e l'azione repressiva nei confronti dei gruppi criminali mafiosi e dei narcotrafficanti con guerra la droga si fa politica
E quindi ormai
Sostanzialmente non naturale viene percepito come è naturale che tutto sia circoscritto in questo ambito
Poiché ci sia un problema di cura un problema di assistenza un problema di recupero che oltre al criminale e allo spacciatori ci sia anche una persona
Titolare Pulse assuntore di sostanze stupefacenti di diritti di garanzia ha comunque
Diritto quindi all'assistenza sanitaria ed essere curato ad essere
Dico io ho rispettato più che tollerato ecco tutta questa sfera tutto questo
Questa assunzione di responsabilità non rientra nell'ambito della guerra dichiarata non costituisce un problema che vieni guardato con sospetto chi invece questo problema lo solleva
E chi questo problema lo osserva
Questo negli Stati Uniti però diciamo che anche qui da noi in Italia la situazione non è granché dissimile
E comunque si tratta sembra trattarsi di problematiche che vengono dibattute sollevate all'interno di inascoltati ambiti di addetti ai lavori
E quindi su questo terreno accanto alla manipolazione della parola si deve registrare proprio la mancanza della parola possiamo fare qualche altro esempio
Prendiamo il termine di dipendenza Luca mandò ha citato
Il dizionario Treccani in termini di pendenza viene individuato con il dipendere l'essere dipendente ma una dipendenza che a vari fattispecie pensiamo
Si dipende dai genitori nel caso di figli minorenni sì dipende da
Da un'azienda da un ente si sia un contratto detto subordinato poi ci sono quelle accezioni specifiche nella medicine nelle scienze sociali
Che è la condizione in cui si può trovare in cui ci si può trovare di incorreggibile bisogno di una sostanza uno o di un prodotto
E possono essere queste sostanze come conosciamo bene farmaci alcol e stupefacenti poi ci sono altri significati però se le diamo la nostra attenzione alla dipendenza da sostanze
Vediamo che nell'accezione comune quindi nel nella percezione comune la dipendenza viene associata cocaina a a di rovina quindi a a sostanzia a droghe chimiche
Non ci viene in mente che
Per dipendenza ci possa essere una condizione di tossicodipendenza ad esempio da dal Corno da da tabacco da altri sostenesse e quindi in questo caso è parola
Associata mancanza di conosce a mancanza di conoscenza e questo perché
Perché quotidianamente siamo bombardati da dati relativi ai danni che può provocare l'abuso di sostanze come cocaina ed eroina
Ma dei danni provocati ad esempio dall'alcolismo quand'è che se ne parla se ne parla quando qualcuno si mette alla guida di un'auto
Investe pedoni oppure altri automobilisti provocano disastri preferibilmente alla guida di quest'auto deve esserci
Un albanese un un romeno quindi una figura che nulla si rispecchia diciamo
Nella individualità italiana di esempio quindi sui danni che possono provocare altre sostanze si assunte indossi quantità mastice massicci si preferisce
Sorvolare
Poi c'è tutto il terreno relativo all'utilizzo dei termini delle parole in campo scientifico e medico e qui e siamo dinanzi ad una prateria enorme perché ci sia del sì ci si addentra
All'interno di un terreno anche tecnico scientifico da tempo studiato
E io qui però vorrei citare solo due nomi quello di un nostro amico da tempo scomparso che a parer mio ha lavorato bene equilibri meritano ancora di essere letti studiati e parlo di Giancarlo andiamo
E quello dello psichiatra Toma un fax
Letture sempre a parer mio da affiancare ad uno studio prezioso che è quello del governo della paura del professor Jonathan Simon
Che esamina come la percezione della centralità del crimine nella vita sociale contribuisce a ridefinire i poteri del Governo il ruolo della famiglia della scuola la posizione dell'individuo nella società
E infatti testualmente
Riscrive la guerra la criminalità permetteva di ridefinire i programmi politici nei termini di un efficace prospettiva si cui l'Italia
In questi anni quindi fatti si è assistiti si è assistito ha una fine proprio uso politico della paura
Cioè si punta sulla paura e il timore del del diverso che viene identificato con il criminale che viene identificato con il perverso
Si viene bombardati da una quantità di di emergenze di volta in volta
Cioè ascoltiamo le parole parole come Roma albanesi romeni extracomunitari e appunto di droga
E i notiziari tv suoni farciti di storie turpi efferati delitti in omaggio non tanto ad una Dorcu ad una logica di udienza peraltro tutta da verificare quanto la volontà di diffondere quindi una percezione
E sempre per restare sul terreno tecnico della parola dell'uso comune dei termini va denunciata la grande confusione che si fanno in uso di termini legalizzazione liberalizzazione
Perché
Poco importa se lo si fa per dolo o per colpa fatto è che si tende a equiparare i cui termini come se fosse scambiabili
In realtà sono al contrario due concetti diametralmente opposti perché la liberalizzazione connaturato con i regimi proibizionista
Nel senso che tutti sappiamo come la disponibilità di sostanze stupefacenti sia sostanzialmente libera cioè incontrollata proprio perché il propizio l'ISMU non controlla
E quindi è una grida manzoniana retorica ENI efficace perfino dannosa mentre legalizzazione presuppone un regime di regole
Che prefiggono appunto di normare una situazione appunto di governarla
Io qui ho fatto alcuni esempi frattanto tutti oppure si potrebbero fare sperando
Di essere riuscito a chiarire le ragioni per cui è necessario prestare molta attenzione all'uso di certe Paroli alla loro manipolazioni
Io credo che dietro l'uso e la manipolazione di questo di quell'altro termine ci sono precise volontà politica
Ci sono fatti concreti che comportano uscente e conseguenze rilevanti e quindi come
Ho cominciato concludo mi uccide più la lingua della strada
Grazie
Già
Delle vittime se dalla Libia si preoccupava delle possibili vittime dell'usura parola figuriamoci quello che può succedere oggi nelle piena in piena società della comunicazione quindi
Proprio questo è il tema uno dei temi centrali di oggi
E diceva Maria Antonietta con la querela droga si fa politica la politica si fa anche con l'uso delle parole così come c'è un uso politico della paura quindi ci sono parole che permettono di raccontare un problema inquadrarlo e quindi di conseguenza aiutare a a definirlo anche dal punto di vista legislativo
E ci sono a Lecce parole che vengono utilizzate per creare uno stato di anziano Stato di negatività uno stato di disinformazione
Allora su questo doppio aspetto dell'uso le parole parole per informare parole per disinformare chiedo l'intervento di Carla Rossi che è vicepresidente del Consiglio italiano per le scienze sociali

Eccolo qua deve essere questo
Anch'io
I scusate il computer non è il mio quindi non trovo il tasto per
Dove sta
Va bene provato
Siccome c'è il padrone del computer entro smobilizzo sulla prima
Crocefissi speriamo che esca
Ok
Va bene grazie
Allora
Io
Naturalmente mi baso essendo o di origine matematico statistica e avendo lavorato sulla statistica medica in particolare sull'epidemiologia delle della i DS poi della droga
Cercherò di
Basarmi su questioni critiche dell'informazione e della comunicazione
Allora il problema dell'informazione
Nell'ambito della droga
è un problema assai complessa perché
L'uso delle sostanze in particolare illegali ma e in per esempio anche dell'alcolismo ma io non lo tratto eh in gran parte nascosto
Cioè non
Non c'è motivo
Che diventi evidente scusate la voce ma a è così ormai
Allora l'
Il documento che ufficialmente produce e sintetizza tutta l'informazione sul problema
è la relazione al Parlamento
Ora la relazione al Parlamento dovrebbe essere un elemento un documento che e permette la comunicazione e l'informazione sui diversi aspetti del problema di e che è leggibile
Sia ai governanti diciamo a chi deve fare le leggi e impostare la politica di e quindi anche e sia la società civile cioè i cittadini
La società civile in realtà
Comprende anche noi in qualche modo cioè chi studia o tenta di risolvere o propone soluzioni per il problema e ivi analizza per valutare le politiche il
Le conseguenze dell'attuale politica
Cioè fa una valutazione
Le conseguenze ormai hanno utilizzato questo termine internazionalmente corrispondono in parte agli obiettivi cioè devono valutare gli obiettivi in parte sono anche
Conseguenze
Non previste inattese
E non
Volute
E sono in realtà delle leggi predizione miste la maggior parte delle conseguenze effettive
Allora la relazione del due mila e quindici cioè l'ultima che si trova on line per la prima volta dopo oltre cinque anni ma forse anche di più
è una proprio come obiettivo all'obiettivo di portare informazione
è è una relazione che è stata scritta da tantissime mani
Ci sono qua diverse persone che hanno collaborato e che si ricordano le grandi riunioni del tavolo che
Diciamo produceva i vari capitoli
E in realtà
Non non deve spaventare perché è di settecento pagine
Ma dovrebbe essere analizzata e diciamo collegata privati nei vari capitoli
Più a fondo perché ci sono ancora tante informazioni che devono essere analizzate e devono fornire evidenzi
Per proporre modifiche della politica
A già
Luca Lando ad Ettore parlato e anche
Patrizia De Rose
Dice hanno accenna spesso è ideologia stigmatizzazione che sono parole che nessun chiuse in se stesse cioè non permettono di allargare e di
Acquisire informazione quindi l'informazione
Prima di quest'ultima relazione è stata vittima
Nelle relazioni precedenti
Dell'impostazione ideologica stigmatizzata e quant'altro
Allora io adesso invece faccio un esempio
Di una situazione in cui si è proceduto diversamente da come
Siamo abituati a vedere procedere qua in Italia speriamo non più
Allora nel due mila e dieci
è stata
Diciannove effettuata una dichiarazione di principio
A Praga
In cui che seguiva la valutazione della legge della Repubblica Ceca
Che era si era dimostrato quella repressiva non essere efficace
E dopo la valutazione era stata modificata la legge
E l'uso delle sostanze era stato depenalizzato
Quindi nel due mila e dieci c'è stato un cambiamento
Dalla diciamo dal
Drappo all'istituzione repressiva alla grappoli sì
Diversa insomma collinare la depenalizzazione del consumo
Non solo poi sono state fatte altre cose tipo migliorare i servizi personalizzare nell'accoglienza a seconda del se sono giovani se sono problemi previous e così via
Quindi noi abbiamo anche fatto nell'ambito di un progetto europeo un confronto fra le conseguenze in Italia nella Repubblica Ceca e c'è un abisso
Allora qui c'è
Poi vi do semmai le slide c'è il sito dove si trova
La dichiarazione di Praga
Vi posso anche dare la dichiarazione di Praga perché è molto importante perché esamina tutti i punti base su cui ci si deve focalizzare per una politica efficace a livello urbane a livello globale
E per esempio un
Una cosa che devo constatare è che non è nota quanto dovrebbe
Questa dichiarazione
Nella valutazione della nuova legge fra l'altro è stata anche dimostrata molto positiva utilizzando i dati espanda cioè i dati sull'uso giovanile
E la Repubblica Ceca e quella che sta meglio di tutti cioè in cui i ragazzi stanno meglio di tutte le altre trentasette nazioni che partecipano al risparmio
Allora non entrerò nei dettagli fra l'ITC
Allora a spedire per misurare il grado di raggiungimento di un obiettivo di una legge
O della politica bisogna
Misurare alcune conseguenze voluto non voluta in particolare dobbiamo misurare quanti sono i consumatori
Dite sostanzia e anche
Quale la quantità che si offre
Diciamo che è disponibile sul mercato per le diverse sostanze
E poi dobbiamo tener conto perché in qualche modo
Su questo punto è una anni intende conseguenze disse cioè è una delle conseguenze
Non volute cioè gli effetti sanitari
Quindi
Diciamo l'uso di droga fatti sanitari criminalità indotte le spese che si fanno per la repressione e prevenzione riabilitazione eccetera
Anzitutto
Che devo fare
Troppo delicata
Scusate
Non lo sa
Perché poi
Anche lui deve usarli presto dobbiamo farlo funzionale
Un anno ma pure io so che sta
No su questo il suo
Disordine anzi io volevo ringraziare
Se nel giorno giusto
Sul più successo
Allora comunque adesso vediamo in che cosa andiamo a vedere se della relazione

I signori
In questo caso e non si sa perché parli lo capiscono intende nel senso sono politiche che però qualcuno degli affetti o ci sono degli effetti non strettamente legati alla droga e
Perché meglio la lamentando allora la Nintendo ed tutto quello che la la legge la la politica provocano
Non
Voluto
Ma negativo quindi praticamente se noi abbiamo una politica estremamente repressiva come c'è in Svezia
Provochiamo un grosso costo della criminalità
Cioè diventa molto costoso
Ottenere
Diciamo che sia perseguita la criminalità questo
è stato anche fatto un progetto in cui si confrontavano i diversi costi
Quindi per detenuti per processi per polizia eccetera in diversi Paesi e dove ci sono le politiche più regressiva e più repressive chiaramente il costo è maggiore
Allora questo costo ok è utile se contemporaneamente a un'efficacia
E quello che adesso andiamo a vedere un'efficacia
Allora
La Commissione europea
Ha fatto due conferenze
In cui fra le varie cose si parlava soprattutto di valutare correttamente la la soppressione la linea di limitazione dell'offerta di droga quindi
Normalmente sono le politiche
Cioè ottengono queste cose con la repressione in qualche modo però una cosa importante
è stato messo al centro del dello studio in pratica
L'approccio olistico
Ora chissà
Si occupa di medicina Saccà comunque sostanzialmente loro dicono che per capire il fenomeno droga globalmente occorre
è troppo delicato
Occorre affrontare il problema con un approccio olistico cioè globale in qualche modo
L'approccio olistico significa che è necessario considerare i dati dal lato della domanda per comprendere aspetti relativi all'atto dell'offerta e viceversa cioè non ci si può
Foto diciamo focalizzare solo sullo studio di quanti sono quelli che usano droga ma bisogna anche studiare quanti sono quelli che la Procura no droga cioè l'aspetto non è mai
Isola bile in qualche modo non è mai
Diciamo
Non son mondi che non si possono distinguere fra loro
è importante anche riconoscere
Che dell'offerta di droga e questo l'avevo già detto anche prima è legata ad aspetti più ampi ti sicurezza criminalità e così via
E diceva la Commissione europea i dati possono suggerire che cosa fare naturalmente per capire cioè per avere informazione
Allora dice che le conseguenze di tutti i tipi sia quelle volute che quelle non volute devono essere misurate correttamente
è questo il problema e le politiche devono essere valutate appropriatamente
La valutazione delle politiche deve essere chiaramente comunicata
Ai politici e i cittadini
Cioè tutte cose che forse la relazione di quest'anno ha tentato di fare
E esempi devono essere condivisi
I dati possono effettivamente indicare cosa fare le conseguenze intenzionali e non intenzionali delle politiche sulle droghe devono essere misurate in modo corretto
E appropriato
Allora praticamente quando si va a studiare il fenomeno droga
Sia di fronte a una situazione di questo tipo in cui si vuole studiare per esempio che cosa c'è dentro un iceberg perché ci sono anche dei metalli delle sostanza
Allora se uno vuole misurare cosa c'è dentro un'ASL verde a
Due
Tipi di dati da usare quello che vede
Tanto è quello che c'è fuori è visibile
E per la droga sono i dati amministrativi disponibili
Lì per esempio vedo la sanità o la salute adesso si chiama hanno dei dati importanti disponibili amministrativi che riguardano la cura per esempio dei Pd-U
Diciamo
Ma i dati amministrativi sono anche i dati delle prigioni i dati dei processi e quant'altro anche della polizia ovviamente
Per saperne di più occorre anche però andare a indagare la parte che non si vede
Allora la parte che non si vede si indaga con delle
Diciamo delle indagini
E allora se è un'indagine riesce è come una carota dei geologi
Se e l'indagine riesce apprendere
Effettivamente
Il da una parte importante dell'iceberg è un'indagine che ci danno informazioni
Ma se per caso la carota sta in gran parte nel mare
Informazioni non ce ne dà moltissime allora le indagini che si fanno
In generale in Europa ma in particolare in Italia sono di due tipi l'indagine nella popolazione generale e l'indagine nelle scuole su quelle si fanno sempre allora l'indagine nella popolazione generale è una carota di questo tipo
Perché soltanto il trenta per cento delle persone a cui si chiede informazione risponde
Quindi se risponde il trenta per cento è come dire
Un pezzetto di carota mi porta sostanza il resto no
L'indagine nelle scuole invece a un oltre il novanta per cento di risposte quindi chiaramente
Una carota di questo genere
Allora adesso il voglio fare un piccolo esempio di informazione che si può ricavare ma non è contenuta nella relazione con dei piccolissimi passaggi
E che ci permette di valutare un aspetto della politica
Allora sull'il sulla base dei dati del dato prova si può stimare
Del la dimensione della popolazione che offre sostanze a livello medio-basso
Cioè spaccio
Medio basso
E questo numero per esempio per il due mila e tredici è riportato nella relazione
Il numero di operazioni antidroga nel due mila e tredici si può si trova in pratica a pagina trentaquattro
E ventuno mila eccetera sono il numero di operazioni antidroga il numero di persone segnalate
In nel corso di queste operazioni si trova pure a pagina trentatré enne questo intanto ci permette di concludere che ogni operazione poliziesca
Identifica in media uno virgola cinque cinque persone
Il che significa che sono ben pochi
Quelli che si sono presi dalle operazioni antidroga cioè ogni operazione acchiappa una o due persone significa proprio lo spaccio
Diciamo poi ci sono alcune poche operazioni che prendono di più il che significa che la maggior parte prendono una persona sola
E questa è
Un primo
Una prima valutazione
Fatta con un rapporto di numeri
L'efficacia però l'efficacia della repressione e quindi anche
Il costo efficacia
Delle azioni di repressione
Va calcolato facendo il rapporto fra il numero di persone identificate
E il totale delle persone
Questo rapporto il sei per cento il che significa che sostanzialmente qualcosa che è intorno al sei per cento di sostanza viene eliminato dal mercato
Più o meno è quello che succede anche quando le aziende distribuiscono e supermercati ma in parte simili si spreca
Questo significa anche che il novantaquattro per cento della popolazione di coloro che si marciano droga non è visibile in un certo anno quindi rimane nascosta
E questa stima è coerente con quello che
Riportato nella relazione ufficiale dell'antimafia
Che è che la percentuale di sequestro è trentacinque il dieci per cento
Quindi se la quantità sequestrata viene dichiarato essere fra il cinque il dieci per cento
E il numero delle persone identificate il sei per cento
Siccome in alcuni casi hanno anche quantità maggiori di sostanza
è questo è molto coerente
Quindi dati che provengono da diversi
Da diversa origine perché alcuni dati dei sequestri li fornisce la DCSA i dati sui prigionieri li fornisce la giustizia
Quindi dati diversi sono coerenti il che vuol dire che la valutazione
Della politica repressiva praticamente un disastro
Perché con tutto lo sforzo e il costo
Si provoca a
Chi gestisce dall'alto le sostanze
Un danno come quello
Del supermercato che il pacchetto del caffè non è sotto vuoto
Succede
L'entità più o meno è questa
Quindi l'informazione
Deve essere ricavata
Chiaramente qua era soltanto da fare qualche piccolo rapporto di dati che sono nella relazione
E poi dovrebbe essere anche fornita con trasparenza e rigore cioè nel caso della repressione dare questi tre numeri è una cosa comprensibile a tutti
Allora anche i mass media dovrebbero essere trasparenti e completi
Io vi do soltanto uno spunto perché chiaramente non ci mettiamo a vedere trasmissioni
Ma non ci sono state due trasmissioni nel due mila quattordici
Nel due mila quattordici perché c'era stata la il contesto
Va bene
Qual è l'organo
Che ha dato l'incostituzionalità
E esatto
Nel due mila quattordici la Corte costituzionale aveva dichiarato che e della legge Fini-Giovanardi non era
Del tutto costituzionale quindi sono state fatte poi due trasmissioni nel settore
Allora la prima trasmissione ve la potete andare a vedere è una trasmissione della sette
Ed è una trasmissione in cui sala era gestita
Va bene adesso mi ricordo il nome della presentatrice
Comunque Giulia innocenti

E in pratica era una
Un torchio
Libero
Fra Giovanardi fare ed ex e qualche ex spacciatore uscito di prigione
E praticamente non portava nessuna informazione
Facilmente si vede perché anche scritto sul sito
L'altra
Era Presa diretta di Iacona
E ci sono un sacco di informazioni a parte che
E il modo di lavorare io l'ho potuto sperimentare perché sono stati tre ore danni
Per mettere un intervento di una decina di minuti il che significa che hanno imparato un sacco e poi hanno potuto isolare ma anche le altre informazioni di quella trasmissione sono importantissime
Quindi
Il modo di anche di comunicare
è completamente diverso se si fa un talkshow o se si fa un approfondimento
Anche scientifico
Quindi
E va be'vi invito se mai andarli a vedere mi fermo qua anche perché la voce proprio arrivata
Castel Carla Rossi io
Semplice colpo di prendere chi quelli punti che secondo me almeno
Mi hanno
Mi hanno stimolato e di cui ho preso nota il primo punto riguarda relazione due mila quindici e la frase per la prima volta dopo più di cinque anni una relazione all'obiettivo di essere informativa è un'affermazione inquietante perché appunto viene da chiedersi
Quanto altro tempo c'è bisogno perché un'operazione importante di comunicazione col mondo politico sia adeguata
Perché non è stato fatto prima e e questo non vale soltanto o per il il problema delle sostanze psicotrope
L'altro aspetto
Era quello della relativo alla dichiarazione di Praga e alla legge della Repubblica Ceca legge come dice Carla Rosini iniziativa di legge non del tutto nota se ne parla molto poco e anche qui torniamo di nuovo nel problema dell'informazione della scarsa informazione dell'assenza di informazione ecco allora che i giudizi ritornano pregiudizi perché se i giudizi non sono aggiornati hanno le gambe corte RFI camminano poco
In un mondo soprattutto che cambia abbastanza rapidamente
Del problema le ho chiesto lei ha risposto sul problema del gli effetti hanno intende non
Non previsti non voluti delle politiche repressive i ce ne sono sono tanti soprattutto la cosa interessante punto possono essere misurati misurata seri misuriamo riusciamo ad avere un'idea concreta oggettiva dell'efficacia o meno di una politica
Quindi le politiche possono essere mi sugli effetti delle politiche possono essere misurati al di là delle parole con cui si
Sostiene si difende un'iniziativa politica era alta poi si va a vedere se gli effetti sono quelli voluti come no
E quindi evidentemente muoversi di conseguenza interessante il a mio parere il
L'esempio della dell'iceberg molto molto interessante come anche l'informazione anche ricordare la raccolta dei dati possa essere che poi i dati che vengono serva per affrontare a discutere una una una fenomeno possono essere fuorvianti e qui ovviamente lavoro della storia della matematica la statistica che viene
Che viene fuori
E molto interessante ancora inquietante il i dati che ci porta perché il novantaquattro per cento della popolazione di coloro che smerciava droga rimane invisibile
E questo in una in un regime di politica repressivi in originale che fondamentalmente quello di guerra la droga questi sono i risultati
Della guerra a della droga arriverà la droga in Italia e quindi ovviamente inevitabile una riflessione collettiva riflessione che ha bisogno
Di come ho detto prima di di elementi di discussione dei riscontri collettivamente qui il ruolo ahimè ci sono di mezzo io tutti i miei colleghi
Il ruolo dei mezzi di informazione che non sempre svolgono va detto un un lavoro adeguato alle Carla Rossi porta due esempi ma su questo tema sui temi eticamente sensibili o socialmente delicato sempre si arriva una divaricazione di informazione ci sono
Momenti di informazione adeguata e ci sono momenti in cui non è
Non si può definire informazione ripetizione di stessi
Di concetti di slogan è questo impedisce quell'evoluzione dei giudizi però perché manca lo strumento prima mancano informazioni di base
Allora
Io proverei allargare il discorso dalla situazione italiana e chiedo l'intervento
Di Alessandra li Corioni il che come persona del dell'UNICRI quindi era a contatto con le attività e i dati creative queste cose del le Nazioni Unite può mostrarci in un mondo più ampio
Grazie di della parola e grazie di questo invito
Io non ho portato una presentazione questa volta per in genere mi servo appunto di presentazioni perché è più veloce però voglio portarvi soltanto dei dati
Diciamo di discussione per aprire dopo il dibattito
Però voglio appunto ancora ringraziare per questa iniziativa ringrazio la dottoressa Coscioni la dottoressa Russi
E il il giornalista Luca Lando che con il quale ci siamo sentiti e mi ha indirizzato su quale era la parte di interesse che potevo portare io come istituto delle Nazioni Unite
E voi sapete che tra poco ci sono questi due importantissimi appuntamenti a livello globale la Commissione sui narcotici che si svolge a Vienna ogni anno
E che quest'anno è molto importante perché subito dopo ci sarà una sessione speciale voluta dal Segretario generale
Almeno cinque anni prima e c'è stato tutto un processo di lavoro
Che ha portato a questa assemblea generale l'assemblea generale che non si riunisce uno
Ogni volta sul problema della droga quindi è un appuntamento ad hoc
Ha dato e che è la famosa anche ASS due mila sedici già a alla Commissione sui narcotici
Si discuterà agli Stati membri si discute discuteranno soprattutto delle questioni della legalizzazione ma anche di altri temi molto importanti come l'accesso alle misure alternative che quest'anno sarà
Al centro del dibattito
Ma anche appunto ci sarà poi la riconferma diciamo così di quello che uscirà un po'da Vienna dal dibattito di Vienna all'assemblea generale
Avviene non ci saranno tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite perché i limiti i membri della Commissione non sono centonovantatré
Mentre all'Assemblea generale ci sarà tutto il mondo insomma
Quindi sono due appuntamenti molto importanti io vi ho portato solo alcuni dati globali perché se è molto interessante questo
Questo fatto che anche l'Italia si prepara questo cambiamento
Sa siamo molto o interessati delle Nazioni Unite
E sono un po'e delle il PIL il posto dove tutte le istanze cercano poi di trovare una uno un un dialogo e una le istanze dei che vengono portate da tutti gli Stati membri cercano di trovare
Diciamo così un punto di contatto e di dialogo
è chiaro che
Molti Stati membri a livello l'Europa chi è lavora sulla legalizzazione della cannabis soprattutto
Mentre ci sono altri Paesi altri regioni del mondo che sono focalizzate su problemi molto diversi dalla legalizzazione della cannabis
Quindi
Diciamo che noi dobbiamo pensare a questo al problema delle droghe
In maniera più globale dobbiamo vedere come in alcuni Paesi non è solo il problema della legalizzazione della cannabis quello principale ma ci sono ben altri problemi
Come ad esempio la pena di morte che viene come commi
Abbiate in data
A ancora in trentatré Stati
Inclusi molti Paesi soprattutto chiaramente gli Stati del Medio Oriente e del
Diciamo gli stati islamici
Che hanno una
Lasciare in via che non che che non che
Che vieta l'uso di sostanze anche l'alcol eccetera
Ma anche i lascino alla Cina e l'appeal primo Paese al mondo per esecuzioni
Legate appunto al consumo di droga il sud est asiatico anche
E la Cina si mantiene a livelli altissimi di anno in anno continua a essere light Paese dove si si si usa di più Barilla la pena di morte ma c'è anche appunto gli Stati Uniti chiaramente non vengono negli Stati Uniti non vengono mandati e morte i piccoli
Consumatori mentre in un Paese come la Cina per esempio c'è il
Il trattamento co coatto cioè si viene ci sono delle comunità diciamo così di riabilitazione lavorativa dove appunto
N si va si deve andare se non si fa le pulci difficili Pirelli insomma ci sono diciamo
Paesi dove la legalizzazione della marijuana più nulla rispetto invece a questioni molto più importanti secondo
Il Word tragga le porte dell'umano dissi che è stato pubblicato ore l'anno scorso
Duecentoquarantasei milioni di persone hanno fatto uso di droghe globalmente chiaramente questi sono i famosi dati ufficiali che citava Carla
Che corrispondono al cinque per cento delle persone tra i quindici e i sessantaquattro anni sembra un dato molto molto basso e appunto ci chiediamo quale e il dato reale
Anche a livello
Delle a livello globali diciamo ci sono tantissime differenze l'Europa si configura come
L'aggiornamento che
Collegata all'uso della marijuana e delle sostanze soprattutto appunto della marijuana
Mentre nel nel nel negli negli Stati Uniti adesso c'è un enorme problema con il la meta anfetamina
E con
Le delle rovina ritornata all'eroina alle e e soprattutto i danni legati alle AIPE in killer sapete navi vedete ogni tanto sulle sui mezzi di comunicazione di massa la grande star l'attore che morì di overdose eccetera questi sono i esempi che vanno sui nidi appunto dicevamo
In realtà la situazione è talmente terribile
Che
Adesso anche gli Stati Uniti che hanno sempre avuto un approccio di Criminal Justice molto forte stanno cercando di
Pensare a come
Ma come in qualche modo
Arginare questa terribile epidemia di utilizzo dei pentiti verso epoca appunto di eroina per via iniettiva
E dove la ITS sta tornando di nuovo a ad essere significativo e dove il problema non è più legato alle alle fasce di popolazione vulnerabile come le persone di colore quelli che abitano nei ghetti eccetera eccetera
Ma
Si parla di gentrification OPA di Jean e cioè sono le persone bianche
Anziché benestanti o comunque che conducono una vita normale
Che diventa nero in Omenia muoiono di overdose quindi si perdono i figli eccetera e in questa in quei in questo quindi sta cambiando e e c'è un un approccio molto diverso anche a livello comunicativo
Perché i nidi anni non hanno più nostra anche
Lo vedete anche nelle righe nelle campagne presidenziali tutti i candidati
Presidenziali si stanno in qualche modo danno il messaggio che si impegneranno sul fronte delle del della droga della
Di combattere questa cosa ma non più a livello di Criminal Justice anzi stanno scavalcando appunto il
Un l'atteggiamento appunto che bisogna fare qualcosa io ho portato anche
Una un'esperienza che stanno facendo a livello di polizia la Polizia capi non
Ha capito che non si può più
Arrestare mettere in cioè il due tre giorni e poi si ributta per strada una persona ma
Si sta lavorando la polizia sta lavorando per creare dei collegamenti molto stretti con i servizi di trattamento per cercare di prendere queste persone in carico già direttamente al posto di polizia perché veramente la la la situazione è veramente terribile per quanto riguarda
L'abuso di di di oppiacei ieri
E di
Tempi e di appunto una prescrizione di transito il
E dunque dicevo appunto come nelle campagne di informazione
Visto che adesso appunto non sono più solo certe persone ma è
Appunto
La alto altri fasce di popolazione che sono
Collegate adesso si cerca un approccio diverso e anche alla alla Prantoni prossimi dibattiti il cavallo di battaglia appunto dei degli Stati Uniti sarà li alternative al carcere perché le carceri scoppiano
Non si capisce non si sta dove non si risolve niente
E quindi
Negli Stati Uniti si sta proprio facendo questo sforzo di trovare delle buone pratiche per non
Continuare apportare attraverso a trattare
Lì il il la persona che usa sostanze attraverso solo da una prospettiva di Criminal Justice perché non è non è efficace non serve a niente e crea altissimi costi noi l'abbiamo
Fatto con Carla uno studio su tre Paesi europei crea altissimi costi di prigioni di giudici è che non servono poi a niente in realtà
Dunque e c'è questo sforzo di chiarificazione all'interno
Del del dialogo io ho portato appunto le la questione degli Stati Uniti non mi dilungo perché neanche so quanto tempo ancora
Ma non mi voglio dilungare perché l'avrete sentito e risentito seguire ed è anche
Molto da vicino il dibattito sulla legalizzazione negli simpatica sapete che negli Stati Uniti la maggioranza ormai degli Stati ha legalizzato
L'uso medico della marijuana mentre alcuni Stati ha legalizzato andrà regolato l che legalizzato diciamo così
L'uso ricreativo
Sì siamo aspettando di vedere quali sono i risultati di questo di questo processo
E l'appuntamento dell'anno gas anche se ripeto gli Stati Uniti stanno cercando un po'di fa carta vince carta verde cercando di non parlare della marijuana andava la di parlare no
Di cose che però per loro sono adesso sono molto più urgenti questo qui appunto di
Di della anche soltanto stanno facendo la battaglia la la battaglia della che dà Minai messa da parte
E invece stanno cercando di mettere in tabella due io so per giudicarla con la voce
In tabella due la la all'efedrina in tutti i
E tutti i le sostanze appunto
Collegate perché loro hanno questo grosso problema delle Pharma SISS dove le persone vanno comprano le boccette di sciroppo per la tosse
Il Rabbit Houssine eccetera eccetera vanno a casa e si preparano il metto
E anche quello è una è una cosa dirà sta diventando devastante ma quello appartiene alle classi in quel tipo di consumo appartiene alle classi sociali svantaggiate
è anche adesso pochi giorni fa se mi pare proprio ieri la mia collega me l'ha mandato Sedo tonfo che è a capo della dello hanno dissi che è l'ufficio delle Nazioni Unite
Nostra consorella che siano e siamo nel solco lo stesso ombrello che si occupa appunto di
Che si occupa che si sta occupando di organizzare anche la Langazzi eccetera eccetera
Ha ripetuto l'impegno di tutti gli Stati membri di arrivare all'Hangar ASS cercando di
Di avere una
Lascia quindi questo con D.P. di continuare a mantenere questo concetto di share da responsibility tra tutti ed è lì che l'importanza del Ballantyne comprehensive approach CIT
Routine Bindi International da control contenga chance
è chiaro che l'UE non dissi è il
Diciamo un custode delle tre
Convenzioni internazionali il web o di sia il custode anche delle altre convenzioni internazionali delle Nazioni Unite quella di Palermo sulla corruzione quella sul traffico degli esseri umani
Le convenzioni che riguardano il terrorismo di nuovo qui è volevo solo portare un piccolo flash sul fatto che il fatto di mettere in galera le persone soprattutto i consumatori in alcuni Paesi ma anche nei Paesi europei
Per esempio i Paesi dell'est ha delle conseguenze devastanti anche dal punto di vista della prevenzione del terrorismo e della radicalizzazione
Perché queste persone diventano molto spesso vittime e vengono arruolate nei programmi appunto di
Iniziali in carcere in ogni all'unica e abbiamo un grosso programma terrorismo che si occupa proprio della prevenzione della radicalizzazione in carcere
Siamo nello Yemen in Indonesia nei punti diciamo negli otto sfottò e conserviamo che
I ragazzi che vengono anche il Foreign Fighters a quei famosi ragazzi che vengono dall'Europa dagli Stati Uniti che finiscono appunto nelle maglie del terrorismo e poi si fanno esplodere eccetera eccetera
Vengono appunto
Co entrano in carcere magari per un reato di droga di consumo personale
E poi finiscono per essere arruolati noi in questi gruppi estremisti perché vivono appunto un la stigmatizzazione l'isolamento sociale mi dica quanto ancora o perché ciò tantissime ma
Concludo ecco si fa possiamo facciano degli interventi di dibattito
Volevo anche sottolineare l'importanza di
Di una cosa che secondo me e lettere noi abbiamo visto che molti Paesi cioè il grosso del dibattito e finisco con questa riflessione il grosso del dibattito
è cambiamo le convenzioni internazionali
Ma noi stiamo vedendo che probabilmente in alcune parti vanno cambiate e questo lo sblocco lo tolga perché
Come negli UM non dovrei dirlo
No quello quello che voglio dire
Che noi vediamo anche moltissimi Paesi
Che sono in grado di fare delle cose alternative al proibizionismo restando nell'ambito delle convenzioni internazionali
Noi non dobbiamo mai pensare solo come europei dobbiamo pensare al grosso numero di vittime
Bella del traffico ma anche dell'uso di sostanze che non hanno assolutamente accesso a nessun tipo di servizio sociale e sanitario
E quindi non dobbiamo solo pensare a noi che si abbiamo dei begli delle sfide
Di dei servizi lei la mancanza di soldi a
Ma non è nulla noi siamo per privilegiati rispetto a quello che succede in alcune parti del mondo
Quindi è molto importante secondo me mettere l'accento su questi Paesi come la Cecoslovacchia il Portogallo e andare a fare delle valutazioni loro lo Stato il Portogallo per esempio la sta preparando e credo che la presenterà appunto all'anche ASS
E e alla sia di la Repubblica Ceca last la privata e la presenterà allargasse perché appunto stanno
Preparando anche un evento eccetera eccetera
Quello che dico per concludere
Lavoriamo su queste buone pratiche ci sarà anche l'Italia non credo che l'Italia con questa legge
Che sta preparando e questo percorso che sta facendo uscirà dalle convenzioni internazionali credo che anche questo percorso si potrà fare
Nell'ambito del dei bisogni globali e non solo dei bisogni del singolo Paese grazie dell'attenzione
Vorrei approfittare ancora di quel che resta della voce solo rapidamente seggi ripete le date di questi due appuntamenti di Enna Lanca squame do si tengono
Da
Quattordici anni
Dal quattordici al ventidue ci sarà la Commissione esamina il Codice civile marzo la Commissione sui narcotici che si svolge ogni anno è un appuntamento annuale a Vienna
E mentre dal
Ad Anna nella seconda metà di aprile sempre intorno al mi faccia menzione sempre dal quattordici al ventidue ci sarà
La l'assemblea generale piccolo parlava dell'Italia l'Italia
In che modo parteciperà come sto preparando che cosa porta con esperienza perché parlava l'esperienza con i terroristi non glielo devi chiedere alla dottoressa De Rose dal tetto perché io non posso parlare per l'Italia ha ragione credo che l'aspetta
Allora abbiamo
Fatto ha avuto con uno sguardo ma dal mondo torniamo adesso invece è uno sguardo e in Italia ma uno sguardo allora che non è sotto gli occhi di tutti riprendo ancora quella bella Sly dedicarla Rossi
Con la con l'iceberg ce l'abbia visto la
Alla carota è una carota efficace che la gamba a pescare nel ghiaccio una carota non efficace è quella che va a Pescara nell'acqua c'è anche un mondo in cui non ci sono nemmeno carote un mondo che viene dimenticato che quello delle carceri dove questo problema però
è un problema arrivo reale e questo chiederei
Aiuto a a Franco Scarpa di di spiegarci quello che succede quelle che sono le problematiche di questo mondo appunto tenuto al buio
Franco Scarpa qui presentato sotto la veste di guerra acronimi di cui uno particolarmente impegnativo nell'unità operativa complessa è questa la dice lunga sulla
Sulla difficoltà e trattare questi temi ma eviterò più di spiegarci sia la quale fondamentalmente la sua la sua attività
Grazie
Grazie prima di tutto per la presentazione per l'invito le presentazioni perché lascia un po'di vista
Diciamo così di mistero poi
Cioè le parole fanno male fanno male più della spada e sicuramente mistero deporre misteriosi possono creare imbarazzo ma molto semplicemente nella
Modernizzazione di linguaggio che spesso e volentieri non crea cambiamenti ma semplicemente crea nuovi
Acronimi ONU nuove realtà
L'unità operativa complessa sono le articolazione delle aziende sanitarie delle USL o delle ASL o comunque come si chiami delle varie realtà regionali
è una sorta di reparto di organizzazione articolazione che si occupa di un problema specifico salute in carcere vuol dire tutto quello che a partire dal due mila otto
Anno in cui c'è stato il passaggio completo completo perché l'assistenza ai detenuti alle persone detenute in tossicodipendenza era già vigente dal credo degli inizi del novantadue in maniera più o meno
Diciamo così iniziale
Dal due mila otto tutta l'assistenza sanitaria alle persone detenute transitata alle ASL e questo
Ha fatto sì che in molte realtà regionali locali si sono create queste specifiche articolazioni che si occupano di
Diagnostica di curare di organizzare i servizi di salute in carcere
Questo è ancora più importante per quanto riguarda la questione relativa alle trattamento della tossicodipendenza della dipendenza in generale perché è un problema enorme vedrete con i numeri
Abbastanza significativamente alto non ci siamo messi d'accordo ma anche la mia voce pena corpo del virus dell'intero
Raffreddore stacco
Potrebbe calare ma spero di riuscire ad andare avanti
Io vi presento dei dati soprattutto mirando su questo aspetto i disturbi psichici e tossicodipendenza sono psichiatra non lo faccia perché non lo faccio perché mi interesso comuni farci portare via della mia professione ma come forse vedrete come sapremo come ce ne può discutere
Il legame tra aspetti ITC psicologici individuali di scelta di volontà
Quella che poi alla definizione di dipendenza ma prima della dipendenza dovrebbe pensare all'uso all'abuso alla tossico infili via e molto sono molto strettamente legate cioè si usano sostanza perché
Fino a un certo punto si scegliere usata da un certo punto un poi si diventa dipendenti cioè non si riesce più a stare senza
Gli effetti di quella sostanza anzi la mancanza della sostanza innesca una serie di effetti alle Baudo paradossi o comunque opposti che fa anzi che la persona stia male semplificare così non faccio l'avvenuta assolutamente nessun tipo di
Accademia quello che mi presento sono i dati venuti fuori da una ricerca organizzata è uno dei progetti CCM
è un grande ricerca sulla saluto dei detenuti in Italia da cui è scaturito quella parte relativa alla salute mentale alla tossicodipendenza coordinato dalla Regione Toscana dall'Agenzia regionale di sanità ma cui hanno partecipato come vedrete
Queste Regioni Lazio Umbria
Bene però Liguria e solo nell'ambito della Campania solo l'ASL o anzi il carcere di Salerno sono stati diciamo così
Erano presenti diciassette mila persone detenute di queste il novantadue per cento quindici mila e passa
è stata effettivamente valutata con il loro consenso la questione la loro sarà stato di salute premetto una cosa per epidemiologico comunque statistici è una fotografia di quel giorno quindi
Non fotografa il dinamismo delle condizioni di salute ma foto corso in quel momento quante persone quali persone e quali patologie erano presenti
Molto rapidamente la prevalenza per quella delle donne è stata testata Ugo messa a parte la teoria dei transgender perché comunque ci interessavo interessava capire qual erano le caratteristiche di questo numero abbastanza piccolo di
Persone come sapete ho come sa chi lavora in carcere hanno delle sezioni separate nel maschile né femminile hanno delle sezioni piccoli reparti separati da ambedue gli altri generi
Fascia di età siamo sui quarant'anni anche un po'sorprendente perché di solito il carcere c'ha un'età media molto bassa soprattutto in questo mondo della l'abuso uso sostanza vedere che c'è anche qualche dato interessando dico bene
Si modifica nel tempo la presenza di persone corda
Corda tossicodipendenza o problemi di dipendenza da sostanze queste la percentuale degli stranieri non un dato da sottovalutare perché
A un numero doni non indifferente quasi il
Cinquanta per cento guardando il sei virgola tre con Lund tutta una serie di problemi che sono legate non solo
Alla cura alla anche a quello che giustamente si diceva prima bene intercettare le persone
Fin dall'inizio dall'arresto amabilità restarci ma quante difficile questo
Con persone che non hanno residenza o non hanno titolo di permanenza nel nostro Paese oppure hanno residenza ma hanno scarsa integrazione o contatti sociali questo è un problema importante impegnativo
Che deve vedere uno sforzo
Sostanziale e forte al di là di quello che poi è la tipologia di reato e li vede attribuita
E credo che me ne sto occupando che per altri versi credo che richieda un passaggio da quella che ormai è abbastanza nota cioè
La mediazione linguistica a qualcosa di diverso a una mediazione etno culturale e con qualche aspetto anche
E temo che limita sul senso psichiatrico
è necessario capire quante come
Anche la manifestazione dei
Delle dei disagi dei disturbi
Risente della loro cultura della loro modalità di agire da loro modalità di esprimere anche i i contenuti psichici mentali quindi
Piccola parentesi ma
è un punto da tener presente
Bene questa un po'dice conferma un po'come dalla tante persone quasi il
Siamo al trentadue per cento proviene dalla libertà quindi al primo ingresso
Quindi personalmente erano in quel momento in carcere provenienti dalla libertà e non appartenente al circuito penitenziario un elemento che non ha nulla a che vedere però importante segnalarlo
La ed è un po'derivato dalla stato di
Di di scarsa movimentazione di scarsa motilità di diciamo anche di apatia di scarsi stimoli che ci sono le carceri quasi del dodici più trentacinque siamo al quarantasette per cento e passa a un'obesità o comunque un sovrappeso
Questi sono elementi che ai accoppiati anche alla a alla mancanza di stimoli determino poi condizioni che favoriscono quelli che sono i dati che emergono da questa
Da questo rilievo quaranta per cento delle persone ha un disturbo psichico è la patologia prevalente negli istituti penitenziari
Non molto Puppin dietro vengono e parlo patologie dell'apparato digerente quelle parassitari sistema circolatorio e così via però ci concentriamo un po'ad analizzare ma rapidamente perché non voglio annoiarvi con i numeri
Quelli che riguardano gli aspetti psichici
è un dibattito che vale per la per il carcere vale anche per il concetto di dipendenza di uso di sostanze
Viene è un po'in carcere e ci si fa perché c'è una fascia rischio sociale anche psichica anche con una serie di
Mancanza di supporti di sostegni e di capacità anche di di autocontrollo che effettua può far parte di un quadro
Psichico non negli sia Stati Uniti comunque in molti studi c'è questa hanno sempre rilevato questa elevato tasso di morbosità psichiatrica dalle persone detenute
Quindi questo crea questa necessità di capire quanto questo rilievo si può associare
Al comportamento criminale gli atti delinquenziali ma quali sono i fattori
Che possono essere chiamati in causa
Ora questo va un po'interpretato bisogna dire che nel sistema di classificazione dell'ICI di nove
La tossicodipendenze inquadrata dei disturbi di
Diciamo così mentali nel senso che le diagnosi che vengono fatte e qua e che sono come abbiamo detto prima
Il quarantuno per cento i disturbi mentali la dipendenza da sostanze sono almeno sono alla metà quant'è questo sia comunque
Espressione di una patologia pregressa che ha portato all'uso
Ho abuso dipendenza da sostanze quando invece vada capovolto come minimo
Messe in della cosiddetta comorbilità o doppia diagnosi andrà analizzate specificato in maniera più dettagliata certo la compresenza di questi due quadri chiamiamoli così di
Disagio di sofferenza di difficoltà o comunque di comportamento danno diciamo è importante da tener presente è da considerare perché questo implica anche su un aspetto di intervento di cura e di presa in carico di
Io sono molto d'accordo con quello che ha scritto nella relazione otto restate rosso cioè con quella selettività e attenzione mirata i trattamenti che va introdotta non trattamenti Standard per le persone con problemi
Di tossicodipendenza vale lo stesso anche per problemi persone con problemi di Po psichico non ci sono trattamenti Standard ma vanno trovate delle forme di integrazione di tutti gli aspetti non solo quelli
Diciamoci farmacologici terapeutici ma anche e soprattutto quelli sociali
Di autonomia ed altro
è importante quindi sottolineare in questa grande prevalenza di
Di di di disturbi siamo associati anche alla tossicodipendenza
Cream positiva di questo concetto probabile che tante delle patologie siano dovuti alla al quello che può essere definito in termini classici un disturbo l'adattamento a una condizione stressante come quella del carcere quindi ansia depressione
Apro ma proprio brevemente tutto quello che ha a che fare con la tematica dell'autolesionismo del rischio suscitare in carcere quanto come questo
Diventi un problema
Come questo problema che in particolar mente forte ecco particolarmente degno di attenzione
Certo sicuramente il carcere il contenitore in senso buono diciamo così
Di persone con situazioni difficili compro multi problematicità sia sociali che sanitarie questo può spiegare di per sé quanto sia quanto si possa essere elevato il numero di persone
Tra le tante decine centinaia di di studi che peraltro non riusciranno mai a portare un
Un è meglio così cara tra l'altro una parola fine sul rapporto tra
Pericolosi Paolo rischio maggiore o meno
Di violenza nel
Soggetti con problemi psichici una delle l'ho portato cito solamente questo del febbraio due mila tredici dove
Si ragiona non tanto sull'automatismo questo disturbo questo livello di rischio ma si ragiona su quelli che sono i fattori associati
Quindi non solo alla patologia ma anche per quelli che sono i fattori
Anche per le persone che non hanno problemi e disturbi da questo punto di vista
E l'abuso di sostanze di alcol e il dado aderenza terapie dei comportamenti pregressi antisociali insomma sono elementi fattori che sono considerati ad alto rischio non in sé per sé una patologia
Questo aprirebbe una finestra che
Mi segnavo prima perché come tutte le relazioni si viene con qualcosa che voi dire poi nello stimolo con gli altri della ascoltare le relazioni degli altri
Ti ti vengono dei dubbi però quando si parliamo parliamo in questo momento
Per lui ipotesi presa in carico di cura delle persone con problemi di tossicodipendenza la domanda è ma cosa stiamo cercando di
Non dico di curare ma di prendere in carico
Le condotte devianti derivanti in maniera specifica dall'uso di sostanze
Se nella fase acuta di intossicazione oppure nella fase
Di mancanza quindi diciamo così di astinenza stiamo cercando invece di curare quello che il disagio non in senso comportamentale ma in senso psichico cioè quali sono i disturbi che una persona a nella fase acuta ore la fase
Diciamo così di astinenza beh questo tutto sommato potrebbe essere
Il problema meno difficile da prendere in carico o probabilmente sotto per molti aspetti questo legame tra comportamenti e qua andrebbero molto analizzate le politiche criminali quanto negli anni appare tattile
Ma io per quello che è la mia memoria e partire da trent'anni fa o memoria di specifiche politiche
Direi quanto il Comune politica di lotta alla droga ma anche lotta alle persone con tossicodipendenza perché non dimentichiamo che non è che si combatte solo le politiche e comunque alle le leggi non vanno a toccare magari solo gli interessi alti
Dei grandi spacciatori dei trafficanti ma incidono molto sulla vita reale delle persone non so quanto causa questi siano ad attendendo o meno rendo merito investono molto volto previsti molto pensate quindi questo è un po'un un quadro che dobbiamo avere presente è un LEA
Una
Valutazione che dobbiamo fare su quanto e come
Cerchiamo davvero degli di incidere sensori sui comportamenti sui disagi o su questo legame tra comportamento criminale uso di sostanze
Torniamo a questo un po'il riassunto dei fasi precedenti molte delle diagnosi sono doppie non si parla quindi non è tante teste tante diagnosi ma
Molte persone tante una persona può venire
Più diagnosi un po'come quella fase di ogni operazione o porta un arresto virgola cinque più o meno
Abbiamo Chiodi persone con disturbi psichici almeno una virgola cinque di anni sul una diagnosi e mezze metà sono legate all'uso al disturbo da dipendenza da sostanze poi disturbi nevrotici ed altro
Che cosa importante dire la
Quanto questi disturbi mentali da dipendenza da sostanze siano più elevati nei negli uomini rispetto alle donne è il punto più prevalente comunista
Più significativo che emerge da questo rilievo
Quanto mentre
Vece delle donne avviene più
Occorre far confusione neve emerge molto di più il disturbo da allattamento al quello che è una sorta di relazione alla durezza la condizione di chiusura del carcere
Ecco una cosa importante viene fuori i disturbi di dipendenza da sostanze calano con il tempo nell'età giovanile tra i diciotto e ventinove anni parliamo di persone in carcere detenute sono quasi il cinquanta per cento
Ma mano che sale letta si arriva Ascensi scende ad un ventinove per cento questo è un po'non classico fosse restano Igli i cronici i quelli con un anche con una capacità di autogestire di gestirsi rispetto all'uso di sostanze mentre diciamo la fascia giovanile molto più rappresentata ma questo è un punto importante
Perché bisogna puntare soprattutto l'attenzione sulle primo ingresso sulle fasce giovanili o su quelli che devono essere intercettati ancor prima di entrare in carcere
Al contrario trovando dei disturbi del Tropici negli aspetti di tipo
Soprattutto le azioni di adattamento depressione ansia
Nei disturbi psicotici
Questo polo ripete quello che dico a parole ecco l'altra cosa importante l'inversione di diciamo di prevalenza di presenza di
Disturbo tra nordafricani dell'Europa
Del l'Africa del nord magrebina in generale Europa dell'est più rappresentato i disturbi la dipendenza da sostanze al contrario al ramo molto più alcolismo e disturbi correlate all'uso di alcol nelle persone provenienti dai Paesi dell'est
C'è un aspetto molto culturale sicuramente però anche importanza riflettere su quanto
Assistiamo sicuramente a una fenomeno di validazione che
Storicamente ha visto la prevalenza dell'arrivo di persone dai Paesi del Nord Africa probabilmente nel tempo potremmo anche trovare una modifica di questi aspetti
Questo ripeto è quello che ha detto la bene grosso modo i disturbi d'ansia la depressione sono più
Della popolazione detenuta è superiore rispetto alla medesima popolazione il generale per diciamo libera nel territorio ed è questo l'elemento diciamo che colpisce di più la depressione in generale non ha grandi differenze
Numericamente dei disturbi mentali alcol correlati sono più presenti nel carcere questa importante dirlo perché evidentemente
Non sono le relitti Polo Gia di alcolisti che hanno vanno più incontro a problemi di di controllo comportamentale dovrebbe diciamo così
Spunto di osservazione sullo PGT punto dopo che era l'unico residuo PG che era in quel momento presente la ricerca risale al due mila quattordici è chiaro che l'abbiamo tutta una grande prevalenza una preferenza
Spiccata disturbi dello spettro schizofrenico quindi
Gravi psicosi disturbi affettivi psicotici
Fino al settanta per cento quasi
Come dire di queste la deve la paragone con le persone detenute vediamo come in effetti la percentuale di persone con doppia diagnosi quindi super mentalità dipendenza
Dove normalmente o usualmente prevale poi alla fine la
Lo sviluppo della patologia psichica rispetta la dipendenza da sostanze diciamo è morta diciamo decisamente bassa mentre molto più alta la presenza
Di disturbi psicotici per questa è un'altra ricerca fatta dall'Istituto superiore di sanità che conferma
Grosso modo
I dati sugli OPG questo non è solo punto rumors tutti gli ex OPG d'Italia quello che colpisce molto
Al
Breve parentesi forse interessa poco l'immagine il problema della tossicodipendenza
E l'età media all'esordio del disturbo psichico che ha portato le persone in o Spedale psichiatrico giudiziario misura di sicurezza la lunga durata di malattia quindi abbiamo persone che
Dai l'età media come vedete
Non so se c'è qua ma comunque sui quarant'anni se abbiamo persone che mediamente si ammalano sui ventitré anni è hanno problemi di patologia portata avanti per almeno diciotto anni quindi un
Quattro abbastanza impegnativo forte
Di persone con molti problematicità da trattare da cui si mette anche un cinquantasei per cento che comunque ha un abuso il dato che ho dato prima del nove per cento è una dipendenza qui parliamo di uso abuso
Tanti pazienti tante persone cominciano a fare uso di sostanze poi chi c'è chi smette chi va avanti
Ecco l'altro l'ultima cosa su cui vorrei parlare brevemente perché è importante nello studiare anche fotografata in quel momento che tipo di farmacie quanti farmaci venivano dati
Perché questo è importante perché non basta il trattamento con metadone
Subtex o con altre sostanze che
Risolvono la condizione di dipendenze di astinenza molto spesso ben noto come in carcere
Si sostituiscono con altri farmaci con altre sostanze più o meno consentite
La mancanza o la il venir meno del delle rovine soprattutto lungo delle sostanze a carattere psico stimolante e questo nell'analisi di questi dati relativi al all'uso di farmaci insomma viene fuori questo dato molto importante per cui il dieci i dieci mila trecentocinquantadue farmaci prestiti a quattro su quattro mila cinquecentoundici persone detenute quindi ogni persona
Detenuta trattata a una media di due virgola tre principi attivi del sistema nervoso quindi usano sostanze il PAR-FAS baci
Che poi vedremo quali sono
Voglio dire in maniera sostitutiva comunque supporto o come
Elemento di anche per alcuni aspetti voluttuario prevalgono gli ansiolitici
Non vi dico i nomi ma immagino ti potete tutti derivate benzodiazepine o simili di vario genere al trentasette per cento antipsicotici e neurolettici sedativi si intende
Vero antipsicotici ma molti dei neurolettici anche se non hanno vengono usate nelle schizofrenia tipo e l'arringa che il dico nomi commerciale così ci capiamo meglio piuttosto che dei nomi delle molecole
Del Talofen ad altri me alcuni aspetti nel carcere sta crescendo sempre più il ricorso a una affondi molecole qua dico il nome della mole Gorban creare danni che si chiama questi a Pina
E che comincia a essere particolarmente appetita averlo chiedono anche se non hanno problemi psicotici è vero che
Un effetto sedativo può far dormire un po'ipnotico però
A si comincia a capire invece che è una richiesta molto volte ovarica la prendo perché mi crea una situazione non dico simile ma abbastanza vicina
Alle sostanze che non possa avvenire
I debba per qualche antiepilettico Bisoli quindi stare molto attenti
E delle anche sostanze con livello giudice né una i specifica il deperita eri che viene anche qui molto molto richieste molto appetita bisogna quindi stare anche attenti nel delle prescrizione del tipo di
Siamo di interventi
Rete che si fanno
In carcere questo posso le molecole prevalentemente voi dei soli benzodiazepine
Però
Queste quella precedente la color propaggine alla prova Zinato possono avere molecole che vengono più facilmente usate gli antiepilettici
Ma grosso modo al di là dei nomi dei farmaci questo problema è fortemente importante e qua vengo un po'alla fine con un riassunto generale queste sono le patologie
Rilevate questi sono la tipologia di farmaci per cui il cinquantadue per cento sono farmaci del sistema nervoso e seguono tutti gli altri
Spesso purtroppo e bisogna dirlo bisogna stare molto attenti perché queste sostanze non solo vengono usati a scopo voluttuarie non sono purtroppo anche una sono farmaci possono essere usata a scopo suscitare insomma un abuso soprattutto di diciamo di neurolettici associati magari a benzodiazepine comportano possono portare anche la veda anni al rischio di morte insomma
Da questo punto di vista è concluderei
E importa perché importanti CELTA finora hanno fatto credo un egregio lavoro dal novantadue in poi all'interno dei carcere dal due mila otto qual è poi la grande novità
Che può essere chiamato in questo campo non entra solamente il certa come servizio che si occupa delle tossicodipendenza intera tutto il sistema sanitario nazionale nel carcere
E tra all'interno del sistema sanitario nazionale non tiro l'acqua al mio mulino ma
Dovrebbe e deve entrare la salute mentale
Davvero non Psichiatria ma salute mentale deve entrare
L'organizzazione del Dipartimento di salute mentale che deve essere in grado in maniera integrata collaborativa con incerte con gli altri servizi di farsi carico delle persone con problemi di dipendenza e con problemi
Mentali proprio per nell'ottica di quello che diceva scrivevate ci ha letto dove andò sulla
Della relazione dottoressa De Rose interventi mirati selettivi globali e dire anche proprio sulla multi problematicità
Semplice è un po'gli assunti dalle come ho detto beh notevole presenza disturbi psichici e siamo in linea con i dati internazionali
Frequenta associazione con l'uso di sostanze qua devo dire una cattiveria
Non ci troviamo quasi mai con i dati dei tossicodipendenti in carcere perché spesso
La definizione di dipendenza
Non incrocia in realtà quello che poi hai sotto gli occhi che anche chi non lo fa uso a un trattamento Surico con metadone
Viene etichettato come tossicodipendente per cui tutte le gradazione di uso abuso più o meno esplicite più o meno autodenunciato e dalla persona riescono ad arrivare per cui spesso i margini di incertezza o comunque un gap di
Allora identificazione numerica per quanto può servire ma servono i numeri anche per attirare concentrare le risorse non sempre collimano tra quelli del dato quelli del Ministero della salute
Anche questa piccola analisi fatta è necessario potenziare l'intervento dei Dipartimenti di Salute mentale dei servizi in maniera integrata
Fare interventi multidisciplinare questi alcuni dei tram sui trattamenti e proprio il focoso dovesse del l'attenzione sull'uso eccessivo di benzodiazepine per periodi prolungati
Chi lavora nella psichiatrica nella medicina sa che le benzodiazepine sono ad altissimo rischio di dipendenza
Prendere una vale un po'qualsiasi altra cosa per un periodo che supera i sette e quindici
Tre settimane comincia già a terra creare una condizione di abitudine di un'assuefazione per cui
Se non se ne può più fare a meno pure si alza la dose perché non si
Riceve più l'effetto desiderato
Per questo riguardano alcuni antico vizi Alì che vengono usati per interventi sul comportamento
Quante necessaria anche anche per l'uso di sostanze lavorare sul rischio di suicidio
E questo rischio di
Alcune molecole vengono prese per scopo voluttuario oppure ahimè anche qui spesso come commercio interno persone che accumulo agrofarmaci in cambio di
Piccoli benefici sigarette o altro ma proprio perché la condizione carceraria spessore di grande deprivazione di povertà di mancanza di risorse
Non c'è una slide sulle condizioni economiche lo potete ben immaginare che sono non certamente quelli da non so che prima citato quella fascia di tossicodipendenze di uso di sostanze
Che diciamo così medio-alta no
Io credo che il chiuderei proprio per il novanta per cento di
Di sostanze non intercettate insomma sta Bortolan
Molto interessante c'è bisogno di Rieti
Di ripetere è evidente che e proprio
La mancanza di informazione alla base dei
La maggior parte dei problemi perché la mancanza di informazione questa arriva rapidamente alla rimozione
E all'ipocrisia perché basta rileggere i dati del dottor Scarpa per
Prima Uncle Pito il
Due di una proporzione carceraria campione il due virgola tre ci pare due virgola tre principi attivi per persona sulla popolazione campione di dieci mila persone il terrorismo oltre trentasette quasi quaranta per cento fa uso di benzodiazepine
Ecco evidentemente il problema lo si porta un'altra parte che si crea un altro sono gli effetti indesiderati della legge di cui parlava Carla Rossi è una società
E che si definisce civile e moderna deve rimuovere questi
E non dico pregiudizi ma semplicemente rimboccarsi le maniche andare ad analizzare la realtà per quello che interessante riferimento del i dati non definiti oggettivamente questo crea un grosso problema
Ma allora se riusciamo rimuovere se c'è la volontà politica di rimuovere il vero diciamolo pure dell'omertà dell'ipocrisia e allora a quel punto si possono realizzare degli strumenti di indagine per avere una conoscenza il più possibile oggettiva di questi dati
è abbastanza curioso che si debbano
Si debba lottare per avere dei dati che siano come dire consultabili e scambiabili invece andiamo avanti per Conte compartimenti stagni proprio perché c'è una mancanza di informazione o forse ancora purtroppo c'è la volontà di non informare adeguatamente
Dal carcere dal problema delle carceri inevitabilmente arriviamo a parlare del problema di diritto penale c'è un filo un filo rosso diretto io Antonio Cavaliere loro isolato nel cogliere l'ho conosciuto di persona questa mattina e l'alta
Ho avuto il piacere di conoscerlo tramite una un suo intervento un suo testo che Maria Antonietta Coscioni mi ha girato per prepararmi all'incontro di questa mattina e è un intervento che io vi suggerirei di leggere perché anzitutto da me sembra allora è scritto per una rivista tecnica diritto penale processo questo è il numero del maggio due mila quattordici un intervento molto lungo ma non è un intervento tecnico giornalisticamente un'ottima potrebbe essere pubblicato
Nonostante la lunghezza lo dico perché affronta e sistematizzare i problemi i di cui abbiamo parlato finora infatti ho lasciato lo allora in questo almeno primo giro
Di di tavolo interventi ho lasciato la parola finale a Cavaliere perché questo intervento lì proprio riunisce un po'le cose che abbiamo detto finora perché si arriva al punto chiave e allora che cosa bisogna fare
Le leggi che stiamo la regia di cui stiamo a parlando ma non quella che si spera in cui sperano erano una rapida approvazione ma quella che abbiamo finora e una legge adeguata oppure no ma soprattutto l'impostazione la filosofia
Alla base di questa legge adeguata o no anche qui
Stiamo usando parole esatte corrette stiamo parlando bene o stiamo pensando male e qui lascio la parola Cavaliere
Grazie lo sa dove a questo punto invertire l'ordine nei ringraziamenti cominciando a ringraziare il nostro moderatore per la
Stenda presentazione che mi ha fatto
Ma mi corre l'obbligo anche direi ringraziare gli organizzatori dell'incontro
Non si tratta di mera retorica in realtà io sono molto grato anzitutto Luca
Coscioni alla
Sito di scienza sociali
In particolare Anna professoressa Carla Rossi per questa occasione di di comunicazione tra l'Accademia
In particolare i giuristi accademici e
Una serie di altri saperi
Non è per la verità quanto mi sembra di aver capito dall'elenco gli accreditati invece un'occasione di confronto con la politica però credo forse mi sbaglio quanti politici sono qui dentro parlamentari ce ne sono qui dentro
Assistenti di parlamentare ce ne sono siamo venuti a casa loro per comunicare diciamo per farne
A ecco ex quante e quali sono gli effetti buongiorno
Buongiorno a tutti
Insomma c'è un problema di comunicazione che
Lei studiosi di diritto in partita di diritto penale avvertiamo molto perché
Quando si parla di diritto penale
Nella comunicazione mediatica nel rapporto con la politica dai non interpellati soggetti altri visto
Metto I studiosi universitari non si parla di economia
Si chiama Port professore non so dirle se si trattasse di un altro quasi quale diritto penale non esisteva un sapere scientifico in materia e questo dipende dal secondo me da diversi fattori
A
Che sono anche fattori diciamo che un po'ipotecano e dibattito in materia filtro oriente
Io come vedete cerco di andare a braccio perché
Ho pensato che fosse opportuno fare questo perché lasciarmi suggestionare dagli interventi che mi hanno preceduto e che vanno molto arricchito anche questa è una frase di circostanza
Cercherò quindi in qualche modo di inserirmi nel solco del discorso che è stato fatto finora
E che in gran parte
Condivido dalla mia dal mio angolo visuale di penalista
Ci sono delle ipoteche nel dibattito
Intorno agli stupefacenti
Me ne vengono in mente tre in particolare
Un'ipoteca di tipo securitaria
Un'ipoteca di tipo
Morale già ante comunque eticità in tempo
Un'ipoteca relativa
Alla politica internazionale
Per quanto riguarda l'ipoteca securitaria ci tornerò se posso
Ma diciamo questo abbastanza evidente
Da quando il problema della
Tossicodipendenza della
Del consumo di stupefacenti è stato trasformato in un problema è stato menzionato problema di guerra
C'è anziché affrontare i problemi come problemi di sanità come problemi di
Stato sociale
Qual è il fare
Integrazione sociale si è visto che si doveva combattere e quindi guerra
E diritto penale è uno strumento di guerra
La lotta alla droga
Sì questo si ricollega a quei condizionamenti internazionali perché non l'abbiamo voluta solo noi ma siamo stati fortemente condizionato
Questa stessa prospettiva securitaria si vede anche in rapporto ad altri temi pure penalistici Opara penalistici mi piace ricollegarmi al discorso che è stato fatto da un
Al psichiatra poco fa
è che il discorso delle OP G per fortuna l'anno
Nel due mila quattordici una legge è previsto finalmente che
Lotti il G.I.P. dovesse essere sostituito da una cosa che si chiama Renzi ma soprattutto che queste strutture cibi se dovessero costituire l'estrema ratio c'è invece di affrontare un problema di salute
Con il carcere perché lo PG è un carcere
Si è capito che il discorso doveva essere affidato ad altri
Partendo dalla consapevolezza del dato per cui si tratta delle vite delle persone questi internati sono dei sofferenti psichici
Che vanno aiutati ma non ci sono i soldi per spendere da parte delle ASL inserire attraverso servizi territoriali queste persone e allora che si fa molti internati rimanevano internati perché non c'era nessuno che li voleva
Non perché cioè la prognosi era quella di non più
Pericolosità ammesso che si sappia cosa vuol dire pericolosità
Ma giudice dicevamo questo soggetto non hanno inserito socialmente allora
Ancora una volta si tratta di un modo securitaria di affrontare i problemi delle persone
Il secondo tipo di
Di ipoteche a quello moralistico
è un'acquisizione metodologica elementare quella
Ottenuto molto risalente quella della separazione fra diritto e morale
E tra i tanti aspetti di questa distinzione ce ne sono due particolarmente rilevanti nel nostro contesto
Uno è quello per cui
Mentre la morale o una religione individua un male
è quindi
Emanerà contrastato combattuto ed è un male dell'anima innanzitutto
E il diritto non si può non può salvare le anime
Il diritto può soltanto tutelare le persone in aggressioni altrui
Facciamo l'esempio dell'aborto
Aborto ma tutti vogliamo la tutela della vita in fieri no ma se ci rendiamo conto
Che l'intervento penale non diminuisce ma aumento degli aborti allora proprio perché vogliamo tutelare le vite dobbiamo rinunciare in parte
Almeno al diritto penale e così
Le vogliamo la lotta alla droga
Vogliamo contrastare le morti da droga ma se ci rendiamo conto che il diritto penale è uno strumento sbagliato
Che anziché tutelare le vite le distrugge che provoca overdose sì allora dobbiamo rinunciare allestito penale per tutelare le vite
E questo non ha nulla a che vedere con la prospettiva morale per cui drogarsi è male
Un secondo aspetto sotto il quale bisogna distinguere diritto e morale quello per cui
La morale prevede come è noto anche doveri contro se stessi dovrei scusatemi riguardo se stessi doveri verso se stessi doveri verso Dio
Darfo di vista giuridico invece io sono libero almeno
Stato costituzionale in cui vige il primato della autodeterminazione della persona di fare le mie scelte esistenziali
E quindi anche
Penso al dibattito in tema di un canale sia per esempio sono libero di
Mettermi d'accordo con qualcuno perché mi aiuti a fare una scelta che io
Penso di fare della mia vita questo vale per lo dalla sia ma vale anche per gli stupefacenti
Perché perché qualcuno mi dà la droga
Qui dal punto di vista terminologico si parla tanto di legalizzazione di penalizzazione una cosa deve essere chiara non si tratta di semplicemente legalizzare il consumo perché
Nel nostro ordinamento nei già abbiamo soltanto sanzioni amministrative e magari ci torno
Siamo in uno dei punti che cerco di toccare quel vorrebbe essere approfondito magari anche attraverso il dibattito
La questione non è questa la questione è quella
Vini
Rendere lecito
Cedere dello stupefacente a una persona che due
Che nel pieno possesso delle proprie facoltà questo evoca problema dipendenza Omero assunzione leciti di assumere stupefacenti
Allora la prospettiva del diritto penale appunto eh quella di
A tutelare dei beni delle persone da aggressioni a strumenti
E qui dobbiamo capire quali sono in Belgio
Dobbiamo capire
Quali sono le condotte effettivamente aggressive rispetto a questi beni
Dobbiamo capire se
Si tratta di beni di cui è giusto che l'individuo possa disporre e soprattutto dobbiamo capire la quarta ed ultima cosa se il diritto penale sia uno strumento efficace nella tutela di quei beni
Questa per me la questione più significativa quella che decreta dal mio punto di vista il fallimento del proibizionismo
L'insostenibilità meglio il profilo delle tradizioni insomma cerco di arrivarci ma vorrei anche dire qualcosa su un qualche punto precedente
Proprio perché l'hanno superato la ipoteche etici durante proprio perché
Sappiamo che il diritto penale deve essere indicato se serve a tutelare i beni delle persone i diritti fondamentali delle persone
è essenziale il riferimento ad un sapere empirico
è quindi per me molto diciamo produttivo l'incontro di oggi perché
Ascolto una serie di nozioni o dicevo diverse conferme
E anche diversi spunti di riflessione
Da cui sono ad oggi con l'ultima cosa che ho da dire sul piano generale e che
è fondamentale l'apporto delle conoscenze empiriche d'altra parte spero
La ci sono delle scelte valoriale che noi facciamo noi come giuristi abbiamo un riferimento sommo che è quello della Costituzione
Per cui Bondi e ci ha insegnato che le persone magari dal punto di vista fenomenologico empirico non sono uguali
Ma non è un principio di uguaglianza cioè dal punto di vista giuridico
A delle diseguaglianze che non essere come la giustizia
Oggetto di una benna cioè io non devo discrimina imporre scoprire domani che c'è il
Il cromosoma nell'assassino come
Si vuole oggi in Italia è il segno non prussiano allora il soggetto che
Dato vista empirico si scopre che altro cosa deve essere immediatamente fermato
A questo un delitto penale un diritto orientato
All'esigenza che vengano commessi fattive poter fruire non lo può fare
Cioè ci sono delle scelte di principio
Per cui riprendendo la vecchia legge di un ma da
Ciò che non si può derivare ciò che deve essere da una conoscenza empirica non si può derivare necessariamente
Acché
Queste sono le premesse
Rimesse
Generale l'ultima premessa ho detto che c'è un'ipoteca di tipo internazionale ancora il fallimento quale spero di poter parlare
A chiusura del mio intervento è un fallimento di cui responsabile
Sono irresponsabili istituzioni cioè non è che la disciplina penale di stupefacenti con i suoi effetti disastrosi ci sia piovuto dal cielo
è venuta da una scelta politica
Che non è una scelta politica italiana
Che sicuramente è stata avallata
Dalla politica italiana e da chi voleva confondere diritte morale
è una scelta che trova la sua vincolatività giuridica in convenzioni delle Nazioni Unite
Se noi abbiamo una disciplina rispetto alla quale non possiamo svincolarci di tipo proibizionista è perché ci sono queste convenzione
Palestra hanno perché alcuni Paesi o alcuni Stati all'interno
Gli Stati Uniti e poi se ne possono anche disinteressare di queste convenzioni noi invece dobbiamo essere vincolati
C'è chi
Kippur cioè di non poco
Io mi auguro che invece prevalga
Su questi condizionamenti
La constatazione di principi ed i dati di fatto che con i quali contrasta l'attuale disciplina anche perciò attente dal mio punto di vista radicalmente puntata
Brevemente su quei punti di cui parlava che sono un po'l'oggetto del lavoro che è stato
Benevolmente citato dal nostro moderatore
Da
Il primo punto è quello di quali siano i beni che il diritto penale può tutelare ora riprendendo questa suggestione della comunicazione non è il linguaggio della politica e del linguaggio del diritto penale
Anche nella giurisprudenza costituzionale si trova una l'asserzione secondo cui il bene da tutelare in materia di droga farebbe la sicurezza l'ordine pubblico allora questi sono
Finti beni giuridici sono concetti onnicomprensivi che sono serviti innanzitutto uno Stato totalitario come quello fascista per
Opprimere le persone dicendo che veniva prima
Lo Stato è poi l'individuo
E nazisti dicevano che mai viuzza Foa e che hanno
Cioè
Inutile comune prima e quindi si può sacrificare la vita umana alla Altare della Patria
L'ordine pubblico e sicurezza oggi si parla tanto di sicurezza approccio securitaria è stato detto
Che cosa si succede quando noi assumiamo come oggetto di tutela penale l'ordine pubblico in materia di stupefacenti succede che
Innanzitutto facciamo in tutta l'erba un fascio qualsiasi fatto di cessioni mi trovo che è un fatto contro la sicurezza punto all'ordine invece e quindi tutte le norme sono uguali
La conseguenza ideologica di quell'asse punto di partenza è questa una seconda conseguenza è che se il bene da tutelare e l'ordine pubblico il singolo non può disporre dell'ordine pubblico e la sicurezza
Ma sicurezza è un concetto che dal punto di vista politico è molto in voga dal punto di vista giuridico e giuridico penale è completamente screditato
Da decenni
Per una ragione molto semplice sicurezza che vuol dire
Sicurezza può essere la sicurezza della mia vita sicurezza
In un altro bel molto diverso che l'integrità personale la libertà
Ma sicurezza anche del patrimonio cioè la mia borsa Ennio portafogli
Sicurezza come decoro urbano sensazione di sicurezza serio
Assumo come oggetto di tutela penale la sicurezza insegne questo porta inevitabilmente a fare di tutta l'erba un fascio cioè alla tolleranza zero
Invece io devo distinguere
La sicurezza di che cosa della vita o dell'integrità fisica o del patrimonio o di niente o della mia sensazione soggettiva di stare tranquillo perché vedo troppi zingari per strada
Il diritto penale mira a tutelare può tutelare come ultima ratio se veramente serve i beni e le persone non queste oggettività fantastico
E allora da questo punto di vista che cosa si scopre si scopre
Che sul piano dell'individuazione delle condotte che ledono questi beni
Allora in materia di droga il vero bene giuridico della salute della persona
Eliminando ordine pubblico e sicurezza resta solo questo il problema è tutelare la salute delle persone
Si può dire sì ma poi il il tossicodipendente delinque bene ci sono dei reati ad hoc per
I reati che eventualmente è forse lei commette proprio perché c'è la disciplina della droga
Fra il Vice mista questo per un altro problema
Da potenza della salute le droghe sono molto diverse ora è stata ricordata la sentenza della Corte Costituzionale la numero trentadue del due mila quattordici
Chiare dichiarato incostituzionale la legge fine infimi Giovanardi sotto questo profilo cioè sotto la il profilo della
Indebita equiparazione le sostanze ma questo bisogna dirlo però non perché si è colto l'abnormità
Da fondi statutaria della salute di questa indebita equiparazione ma la normativa è stata dichiarata incostituzionale perché
C'era un problema formale cioè la convenite crei la legge di conversione aveva assunto dei contenuti eterogenee rispetto al decreto legge
Questa è la ragione per cui è caduta
Francamente mi passaggi degli articoli della Fini-Giovanardi
E siamo ritornati alla legge Jervolino Vassalli
Che però diciamo che è appunto una legge predice mista emanato al due anni dopo la convenzione comunque delle mille novecentottantotto di Vienna
Sotto l'influenza di quella convenzione
E quindi nell'ottica della guerra alla droga però almeno facendo distinzione tra leggeri e pesanti
Allora dal punto di vista della salute tutti sappiamo adesso ed in questo contesto penso che sia ancora più lunghi scontato quanto
Quanto sto per dire cioè che c'è un abisso in termini di revisione lesività tra
Cannabis e derivati
E sostanze come in rovina Ucraina
Io mi sono un po'documentato fatto no il mio modestissimo punto di vista un'indagine sui dati empirici
E le varie istituzioni dalla organizzazione mondiale della sanità all'Osservatorio europeo sulle droghe sulle tossicodipendenze
Alle istituzioni italiane che si occupano di questo argomento
E a insisto odiosi
Mi piace ricordare Giancarlo ornano in particolare è già stato fatto risulta che rilievi la cannabis che ricordiamo no
Nella comunicazione politica sociale non compare il dato per cui l'ottanta per cento delle sostanze che fanno il traffico di droga oggi in Europa è costituito da cannabis giudicati
Quindi stiamo parlando in realtà all'ottanta per cento di guerra alla cannabis
La cannabis non mi risulta che sia morto nessuno di cannabis
Non mi risulta che in caso di uso occasionale ci siano gravi turbative dal punto di vista del sistema psicofisico
Apprendo con un po'di stupore che si parlava di dipendenza da cannabis quando ma a livello internazionale non mi risulta questo
Poi sul concetto di demenza SIT si dovrebbe intendere perché c'è una dipendenza psicologica stamattina qualcuno parlava di dipendenza dal lavoro ce la dipendenza dallo sport dalla televisione
Quindi concetti di tendenza andrebbe un po'
Anni sto meglio
Dal punto di vista sempre della lesività ci sono sostanze ben più le file disappunto che le morti la droga derivano che
Massimo vorrà adottare eroina e in secondo luogo la cocaina
Per entrambe queste sostanze bisogna però opporsi il
Problema se questo non dipende dalle modalità di assunzione
E quindi ancora una volta anche dalla disciplina legale detto questo
Non è avvenuto ma dovrebbe avvenire
Che ci fosse una differenziazione di trattamento tra le sostanze
Anche in un contesto di criminalizzazione anche in un contesto proibizionista
Ma se la canna missione pericolosa per la vita si tratta di un
Nel caso di uso occasionale neanche pericoli della salute superiori a quelli del bere un bicchiere di visti
Nel caso di USA invece pesanti e droghe leggere rischi paragonabili mi sembra inferiori ma diciamo paragonabile a quello dell'abuso conico di alcolici tabacco
Se le cose stanno così allora
Se i rischi della salute sono questi e non sono
Letali bisogna che porsi non ulteriore domanda cioè in che misura
L'individuo debba accettare delle imposizioni sulle scelte in materia di gestione della propria salute
Ma qui viene in considerazione il tema del paternalismo in in diritto in diritto penale
Noi abbiamo nel nostro ordinamento sotto diversi aspetti e lì mi ricollego ancora una volta la tematica dell'eutanasia per esempio
Ha un orientamento paterna lista di tipo autoritario sostanzialmente con
Venature morale già tanti
Per cui la vita non sarebbe la mia vita ma
Sarebbe la vita sacrale Anita inviolabile la vita della collettività lievito avrebbe un dovere di referenza niente
Tutti sappiamo
Dall'evoluzione normativa e giurisprudenziale in materia che invece la Costituzione italiana come si è arrivati a comprendere
Prevede il primato della autodeterminazione della persona sulle proprie scelte esistenziali
Articolo due della Costituzione articolo tre e dignità della persona articolo tredici libertà personale è inviolabile articolo trentadue salute come diritto e non come dovere
Ma almeno si vorrà ammettere che per sostanze che non provocano i visti imminente di morte io possa scegliere
Perché posso scegliere questa è un vecchio argomento antico del vizio in lista che però non è mai stato smentito perché io posso asserire esso sia di compagnia bella bottiglie di whisky berrà tutte ben come etilico e non posso fumare uno spinello che ne fa nulla
Perché
Non si comprende dal punto di vista dei beni giuridici della libertà di decidere nelle proprie scelte
Da questo punto di vista non solo le sanzioni penali ma anche quelle amministrative che esistono oggi per il consumo sono illegittime c'è oggi l'articolo settantacinque del testo unico
Prevede che ci sono negli Stati Uniti nell'ultimo anno leggo dalla
Dalla relazione al Parlamento
Nel dipartimento politiche antidroga sono stati più di trenta mila persone
Chiamate dal prefetto a dare conto del perché hanno assunto una sostanza cioè sento consumatori sotto minaccia di sanzioni amministrative
Come la
Sospensione della patente
Se poi
Scatta l'articolo settantacinque bis del Testo Unico
Le sanzioni sono molto più invasive sulla libertà personale cioè per i fatti del vetro consumato uno spinello una ragazzo
Diciottenne impoverirsi non solo privato
Della patente ma anche costretto a stare a casa
La sera
Costretto ad andare monili due volte a settimana la polizia costretto a non lasciare il proprio comune di residenza eccetera eccetera questo dal punto di vista di uno Stato laico non ha alcuna giustificazione
E neanche le proposte di legalizzazione stanno superando questo aspetto per cui c'è una
Schedatura è una stigmatizzazione sociale lì semplici consumatori in Italia
Se io Riolo una prescrizione di cui all'articolo settantacinque bis commette un reato e diventano criminale reato punibile con il carcere
Ultimo punto e così mi avvio alla conclusione è quello però più importante cioè
Noi dobbiamo
Ha senso che noi abbiamo un diritto penale se quel diritto penale serve a tutelare i beni che si vogliono tutelare
Se quel diritto penale efficace nella tutela della salute delle persone e poi siccome ci sono degli effetti indiretti dobbiamo vedere anche quali sono gli effetti in una certa disciplina penale della
Di stupefacenti sulla collettività tanto brevemente
I due settori effetti sull'individuo effetti sulla collettività
Effetti sull'individuo se l'obiettivo della disciplina per il vizio vista era quello di abbattere il consumo questo eh palese che non sia avvenuto il consumo aumenta
Specialmente per quanto riguarda
La cannabis
In Europa secondo i dati della dell'Osservatorio europeo sulle Loris devo sicuramente abbiamo ventitré milioni di persone che dichiarano nell'ultimo anno
Di aver consumato almeno una volta cannabis ventitre milioni di persone
Ci faccia un po'ridere dietro un questa disciplina penale
Fallimento
Del consumo
Ripeto cannabis ottanta per cento dei consumi percentuali in tema di in materia di sequestri centoquaranta sette tonnellate contro cinque tonnellate di cocaina il che vuol dire vuol dire che la sostanza si deve presumere che circoli sia conferiti
E la in Commissione antimafia Novartis la Direzione nazionale antimafia afferma
Che appunto si sequestra il dieci per cento l'altro novanta per cento
Quindi non si riesce a controllare il consumo non di Minsk ma nell'interesse a controllare il consumo
Diversi hanno interesse a tutelare la salute delle persone anche dei consumatori e avere da questo punto di vista
La proibizioni in tema di cannabis aumenta i rischi per il consumatore
Perché perché la cannabis in sé
Ma a scarsissimi affetti
In termini che dicono collezione della salute della persona ma la Canalis comprato da un criminale
Quelli tagliata
Non so quale la sostanza che sta lì dentro e lo stesso discorso vale per le droghe sintetiche io non so cosa c'è in quella pasticciere sto comprando da in un criminale
Il si il regime legale aumenta in maniera
Vertiginosa i rischi per la salute
Ci sono le tecniche di marketing criminale un giorno ti faccio trovare a piazza qui sotto non soltanto infatti una casa più vicino che faccio trovare una sostanza te la vendo per hashish ti sto vendendo cocaina fumare
E tu il giorno dopo sei dipendenti da cocaina
Io ti uccido serio domani decido che non mi sono di più di dei perché forse sento riluttante come assuntore forse doveva dire procurati elimino se vogliamo cioè sono persone ostaggio di criminali
Mentre non si verifica il passaggio è statisticamente
Mi sembra abbastanza comprovato che non c'è il passaggio da noi leggere e droghe pesanti c'è il rischio di morire di droghe leggere
Se passiamo all'ai rischi per la salute degli assuntori di sostanze ben più pesanti
Ente parliamo dei Nardelli rovina innanzitutto
Dipende da uno spacciatore ti espone al rischio quotidiana di omertosa ogni registrazioni proibizionista e responsabile di
Centinaia
Di morti all'anno nel nostro Paese se non sbaglio sono circa una al giorno ancora oggi che si vuole meno di droga
Perché dico che comprovato che sia responsabile il proibizionismo perché dove si se la riduzione del danno il primo sicuro risultato che hanno le politiche in Europa dizione nave l'abbattimento verticale delle opere dossi
E se io affermo che la legislazione in materia di droga serve a tutelare la vita delle persone e mi accorgo che dove non si punisce
Dove si somministra in rovina la gente non muore evidentemente
Siamo quattrocento azzero
Nel Milan so di chi è più bravo alterare le vite umane
C'è un bel libro di razza zuffa sulla riduzione del danno anche testimonia un'altra cosa cioè il tossicodipendente
Ma incontro altri rischi che sono socio sanitari cioè
Rischi di emarginazione rischi di
Assunzione in condizioni igieniche carenti e quindi conseguentemente di contrarre DS i partiti nessuno statisticamente verificate tutti questi rischi per la salute
Oltre a rischio consente consistente non sbattimenti psicologico di chi deve ogni giorno trovare i soldi per comprare la droga sul mercato illegale costa di più
Fanno sì che dal punto di vista della tutela della assuntore la legislazione in materia di stupefacenti sia semplicemente inumana
Ipocrita inumana
Omicida è criminogena
Criminogena allora andiamo a vedere gli effetti per la collettività vorrebbe dire sì va bene tuteliamo attraverso la legalizzazione il singolo però che succede alla collettività non succeda quel attività faccia non diversi cosa
Utilizzabili in un paio per ragioni di tempo
Allora la prima cosa è che
Abbiamo consegnato un mercato molto redditizio
No
Un mercato si parla di decine di miliardi di dollari all'anno Italia soltanto dati della Direzione nazionale antimafia alla criminalità organizzata
Sono loro che vedono la droga
Dieci Euro dose di droga leggero sessanta euro se non sbaglio dose di cocaina
Anche settanta
Roberti Procura nazionale antimafia dice che appunto riescono comunque a sequestrare il dieci per cento
Quindi l'atto novanta per cento sono proventi della criminalità organizzata
Ogni anno che mantiene con questa precisazione non è arricchiamo la criminalità organizzata le mettiamo a disposizioni ingenti ed è un finissimo capitali da riciclare pecca da investire incursione
In appalti
In
Usura estorsione e sostanzialmente espropriazione di attività commerciali e professionali industriale da parte di
Esponenti della criminalità pian piano si comprano
Banche
La protesta della che verrà realizzata quindi assolutamente dinastia disastroso quello che stiamo
Facendo
Mi sembra che
Da questo punto di vista no manca qualcosa di molto importante a Napoli
Nell'ultimo anno comune della gente la gente non è più sicura circolare per strada
Perché ogni giorno si fanno delle lotte fra criminali per il controllo del traffico
Io non mi
Vede teoricamente dirò che non credo quello che afferma Roberti Uberti dice che la capacità di controllo delle forze dell'ordine e magistratura esaurita non si può fare niente di più perché se mettiamo ancora più energie sul traffico di droga non possiamo più tutelare negli altri fenomeni criminali dobbiamo spendere
Quindi non si può fare di più non Moro od segni non li chiuderà stride lo stesso perché non funziona
è questo che non funziona determina morti ogni giorno nelle strade di Napoli
Una specie di sangue che non è solo italiana perché se c'è quella cancrena che c'è in Messico se c'è stato che la cancrena c'è stata in
Colombia e io sono stato una volta
In Costarica in un istituto di custodia cautelare cioè di carcere preventivo dove c'erano settecento pericolosi trafficanti erano dei ragazzi tutti sventati tutti condizioni igienico-sanitarie pessime perché erano i manovali
Di queste organizzazioni
Quindi è sul piano mondiale che questa è una strategia fallimentare e criminogena perché aiuta la criminalità organizzata criminogena perché il tossico del dipendente deve procurarsi la droga quindi commettere reati
Non li commetterebbe sei trovasse la droga sul mercato legale a prezzi ragionevole anziché
Ok secondo aspetto fra i tanti ed ultimo veramente perché ho abusato della vostra pazienza del vostro tempo
Dal punto di vista degli effetti sulla collettività c'è un altro aspetto sotto il quale
è disastrosa questa legislazione ed è quella della quantità di carcere che produce
Tutti siamo contenti nel fatto che
Grazie alla sentenza della Corte costituzionale non abbiamo più le cifre vertiginose che abbiamo avuto negli anni della Fini-Giovanardi in termini di
Carcerazione
Per fatti di droga e di carcerazione di tossicodipendenti degli assuntori per altri fatti per esempio contro il patrimonio
Però dobbiamo anche ricordarci che ricordo un articolo di un magistrato Giuseppe Cascini
Che scriveva sotto il vigore della legge Jervolino Vassalli nel novantadue novantatré
No che la legge ora in vigore
E dicevo guardate questa è una legge carcere oggi era perché questa legge prima e la figlia Giovanna armi
A ha determinato un trenta per cento dei detenuti nelle carceri per troverà effetti che i dati del trentuno dicembre due mila quindici testimoniano proprio questo su cinquantadue mila detenuti diciassette mila
Per violazione della legge sulla droga sono trafficanti pericolosi questi no
Perché se andiamo a vedere qual è il reato di cui si tratta articolo settantatré o articolo settantaquattro sforzo e le percentuali di
Detenzione per reato associativo
Esclusivo sono irrisorie insieme allo spaccio sono comunque meno della metà della percentuale di detenuti per il semplice che la semplice cessione cioè persone che con la criminalità organizzata non c'entra
Oltre a questo abbiamo sei mila persone circa
In affidamento in prova speciale quindi comunque
La la dei carceri tra azioni in concreto io penso che sia una bella cosa ma sarebbe preferibile una dei carceri infezioni in astratto cioè non punire al personale fatto ti
Avete ceduto a consenzienti droghe leggere
C'è una ci sono cinque mila persone detenute in questo momento in detenzione domiciliare e fino ad oggi insegnano che la detenzione domiciliare senza il
Certamente meglio del carcere è una cosa pesantissima subire per cui tra le varie alternative al carcere quella meno consigliata
Non a quella contenuto di risocializzazione l'articolo ventisette terzo comma della Costituzione impone che le pene devono tendere ad educare invece si chiude qualcuno in casa e si butta la chiave per un po'
Quelli carceri trazione facilitazione indica è stato detto non certamente trafficanti colletti bianchi ma di persone che spesso sono i manovali della criminalità organizzata minimi da questo punto di vista
La legislazione carcera oggi
Non
Risolve i problemi
Determina un sovraffollamento nati misurare evidente un sovraffollamento carcerario
Che anche se è stato molto diminuita negli ultimi anni continua ad essere inquietante è tale da non poter porre le premesse per l'integrazione sociale delle persone
Integrazione sociale che si commenta sarebbe per un ritorno dallo Stato penale allo stato sociale c'è uno Stato che ti lascia libero sulle scelte nella attivato salute e che sia in bisogno che aiuta attraverso la sanità attraverso
L'inserimento né lavorativo e l'inserimento sociale grazie
Avevo detto che il Cavaliere avrebbe sistematizzato o tutti gli argomenti che abbiamo messo sulla sul tavolo e su questa tavola rotonda però ho colto un elemento di dissenso giornalisticamente mici fiordo
Per su quanto ribellato riguarda il tema delle convenzioni internazionali ed in particolare come se una delle Nazioni Unite
Perché Alessandra di quella villa diceva ci sono esempi a livello internazionale che stanno mostrando che si può restare all'interno delle convenzioni ma fare un'efficacia
Politica in questo senso mentre colgo da Antonio Cavaliere invece
Con uno tout-court
Voglio sapere se questa impressione Verona quindi voglio sentire il parere di al di Alessandra con il
Lei chiaramente io non sono a livello del professore rispetto alle questioni di diritto penale
Però il posso dire che noi siamo stiamo vedendo del dei tentativi di muoverci un anno Sky non solo recenti anche precedenti ci sono stati ed
I tentativi come quello della Bolivia che a un certo punto sette tolta dalle convenzioni no ha detto basta voi non della comunità internazionale non riconosce l'importanza della coca
Perché l'uso di sostanze anche molto legato come è stato detto alle differenze culturali no
Faceva che l'esempio delle differenze anche
Rispetto alle fai alle dimensioni psico psicologiche non del dei detenuti in carcere africani rispetto a quelli
Eccetera eccetera ci sono differenze culturali che
Portano appunto una maggiore diffusione di sostanze in alcuni
Paesi la Bolivia poi ieri entrata nelle convenzioni internazionali perché sfortunatamente
Le convenzioni sono un po'come dire sono un po'i limiti entro i quali
Tutti quanti dovrebbero cercare di poi sviluppare delle buone pratiche
E però volevo dire anche che le convenzioni internazionali che non c'è che adesso non stiamo parlando di quelle sulle
Sulle droghe e quella dell'ottantotto e in particolare sul traffico che comunque è un problema in importantissimo perché anche
Se noi eliminassimo completamente qualsiasi sistema proibizionista
Comunque non non sarebbe così facile togliere del tutto i proventi al crimine organizzato
E questa è una con è una questione che è la comunità internazionale riconosce tantissimo specialmente adesso
Dove i i proventi del crimine organizzato finanziano il terrorismo cella del traffico di stupefacenti è il primo finanziatore il secondo e il traffico di esseri umani del terrorismo
Dunque questa è una sì che è una questione assolutamente importante
La
è molto difficile mettere d'accordo il mondo a livello globale su alcuni argomenti
Senz'altro le convenzioni internazionali appartengono a una politica e ha una dimensione globale che adesso non c'è più
Senz'altro ci sono stati Stati come appunto gli Stati Uniti lo sappiamo che sono stati
Preponderanti nel dettare le le misure e nel dettare l'idea di di controllare appunto attraverso queste convenzioni e il modo in cui sono state fatte però noi dobbiamo anche appunto per l'Italia comunque non ha non ha non ha avuto un ruolo di secondo piano
Io voglio solo ricordarvi che per molti anni le seguiti dal rettore dell'UE non dissi è stato italiano e l'Italia un grande finanziatore delle Nazioni Unite
Quindi non è che l'Italia abbia proprio questo piccolo ruolo nell'ambito internazionali per questo io credo che
E che subisce solo no è anche molto
Anche ENI nell'ambito soprattutto nell'ambito di questi consessi
Per questo io credo che in questo processo che l'Italia sta facendo avvicinandosi anche a un processo che stanno facendo un po'tutti i Paesi del bacino del Mediterraneo il Portogallo la Spagna ha fatto
Sta ai coffee shop eccetera eccetera diciamo che si vede questo questo processo di dialogo e di cercare di di lavorare sulle buone pratiche che gli altri Paesi
Stanno stanno incrementando è chiaro che si arriverà a un punto in cui se c'è se ci sono tanti Paesi e ci si sta arrivando perché come ho detto
Anche gli Stati Uniti che hanno liberalizzato l'uso della cannabis stanno rivedendo la necessità di non criminalizzare l'uso accanto poi c'è chiaramente tutto
Questo casino tra il Governo federale lei saprà meglio di me che noi abbiamo un sistema di diritto diverso da quello degli Stati Uniti
E quindi loro non sono la compra common law e per questo ci ha questa
Che non è risolta infatti adesso il Governo federale sta facendo delle azioni molto pesanti verso gli Stati che hanno legalizzato l'uso ricreativo con molta difficoltà però perché lì c'è appunto un sistema di diritto diverso
Io volevo solo però fare una piccola
Parente sì e vorrei dire che appunto Sico secondo me la progressione ci sarà verso una divisione delle convenzioni
Soprattutto perché adesso appunto a
Gli l'ONU sta cercando no di di
Di aumentare questo dialogo anche tra
Non si non c'è più questa fermezza di posizioni no
Quindi io credo che piano piano però ripeto quello che io voglio continua a ripetere che dobbiamo mettere insieme d'accordo centonovantatré Paesi contanti sistemi
Di democrazia ma anche di dittatura quindi tanti sistemi politici diversi tante condizioni politiche sociali ed economiche diverse
Quindi ecco questa è la difficoltà e
Purtroppo sono processi no che
Non hanno la villa vitali di un uomo magari vanno oltre il generazioni e generazioni però volevo anche fare un po'una piccola riflessione velocissima sul fatto che secondo me
Sarebbe molto importante che Paesi come l'Italia si
Che stanno appunto facendo questi passi sì si adottassero anche dei piani nazionali
Credo che sia molto importante che in questo processo ci sia anche e si faccia molta chiarezza e si aiuti essi fatti ci si faccia aiutare dalla scienza c'è una risoluzione
Di del della fine dell'anno scorso che dice livelli politici devono farsi aiutare dagli scienziati per capire meglio come
Regolare il mercato delle sostanze stupefacenti
Sarebbe importante che ci fosse appunto questo processo anche per avere un piano nazionale come la maggioranza dei Paesi europei e a
Che identifichi bene le priorità di
Di lavoro e che forse metta anche a cioè l'accento sull'importanza di considerare l'aspetto medico della cannabis e cioè di delibere come si può
Migliorare anche in Italia l'accesso a questa sostanza per fini medici quindi aumentando anche la ricerca scientifica
Su
Gli altri gli aspetti di di no medici della cannabis perché forse potrebbe essere usata
A fini scientifici in ma i medici potrebbero prescriverlo al posto delle benzodiazepine cioè cercando di considerarla
Per i benefici che può dare anche a livello dei disturbi psichiatrici eccetera eccetera al posto di sostanze che invece stanno facendo dei grossissimi danni e che invece vengono prescritte
Normalmente dalla dalla dalla comunità dai medici di base
Grave ovviamente sfondiamo il stiamo aprendo grande tema del rapporto tra politica e ricerca scientifica qui ci porterebbe lontano è un tema ovviamente delicato
E anche in Italia rappresenta un problema enorme sul rapporto tra politica e ricerca scientifica e rapporto tra opinione pubblica e informazione scientifica che non è soltanto la divulgazione dei programmi alla Piero Angela le formazione scientifica e ben altro di questo in Italia ovviamente
C'è una grande carenza io dire a questo punto si visto che si è fatto tardi
Cerchiamo di approfittare ritenere minuto che dei minuti che rimangono per anziché fare una secondo giro di tavolo perché non abbiamo tempo però invece vorrei sapere se voi avete delle domande da porre le persone qui presenti
E mentre ci pensate volevo una rapida replica opinione di Cavaliere sul tema di facile lo domanda a proposito proprio delle delle convenzioni
Non alla luce di quello che sta accadendo nel mondo c'è comunque i vari Paesi che cura dei discorde come una punizione Commissioni ove si stava ponendo il problema di vedere lei le loro normative
Davvero di così impensabile poter rivedere normative restando all'interno del convenzione ottantotto
Sì io non sono brevemente d'accordo si declina in accordo con chi mi ha preceduto su un dato per cui non si tratta di una
Di scelte a senso unico per cui l'ONU impone all'Italia esegue c'è un problema di mentalità predizione Istica dominante che vale a livello internazionale
Sicuramente le convenzioni attualmente consentono un limitato spazio di de finalizzazione di legalizzazione del consumo ma non della cessione
E in mancanza di questo un un regime che rimane proibizionista sulla cessione presento tutti gli inconvenienti cui ho già parlato quindi non
Necessario arrivare a una svolta da questo punto di vista è certamente l'Italia non deve più soltanto subire
Nelle scelte ma a farsi portatrice dal mio punto di vista di politiche di legalizzazione
Questo può senz'altro avvenire c'è stato ci sono state più mozioni del Parlamento europeo
Aprire alla legalizzazione a volte sono aggiunte ad essere approvate altre invece non sono riuscita nella maggioranza penso che i tempi siano maturi anche attraverso
Le indagini in più di si vanno facendo anche a livello europeo per una diversa politica innanzitutto europea perché il problema va affrontato assista a livello globale certamente però diciamo che resta il dato per cui
Sul piano generale proprio della della democrazia
è un problema il fatto che le scelte punitive non ne facciano più Parlamenti nazionali ma ne facciamo delle istituzioni internazionali e poi difficile tornare indietro
Qualcuno lo fa ma questi sono in difficoltà tecniche isolato nella comunità internazionale non si tratta di ditte fondamentale diritto penale
Dovrebbe vale ancora di più il principio democratico e quindi dovremmo essere noi i sovrani decidere cosa punire costano
Allora chi ha domande io da lei
Ho raccolto prima il le prime tre mani alzate una Alessandro vento ricercatore
Che dovrebbe portare anche se non sbaglio sua esperienza sulle nuove droghe
Vi chiedo di essere brevi proprio che il tempo e e breve quindi
Ecco
Dovete venire
Utilizzare microfono come per consentire a Radio radicale di ascoltare anche alle vostre domande la ringrazio brevissimo io sono uno psichiatra che lavora nei servizi territoriali a un docente universitario
E ho apprezzato molto l'utile rivali i vertici della della mattina perché ognuno ha portato un contributo con tavolo così multidisciplinare
In particolare mi è piaciuta la relazione del professore di diritto che cita una visione a trecentosessanta gradi di un problema complesso che ma a volte rischia di sembrare un po'un minestrone
E però c'è una cosa che mi sembra necessario dover sottolineare in sala senza nessun intento polemico
Ciò che riguarda la cannabis
Perché diciamo noi abbiamo tantissimi dati rispetto agli effetti della cannabis in salute mentale in nella salute pubblica generale
Che purtroppo come diceva la dottoressa non vengono utilizzati poi per la definizione delle polizie per la diciamo nel delineare delle politiche generali in particolare ad esempio potrei citare uno studio divano Ossorio pubblicato nel due mila dieci su Nature
Che spiega che la cannabis è il principale fattore di rischio DD firmatura azione del cervello che conduce alla schizofrenia
Per cui
Uno dei fattori più importanti che riempie il mio archivio del Centro di salute mentale di cartelle di giovani con schizofrenica l'uso di cannabis
Quindi dire in una sede istituzionale che non ci sono evidenze scientifiche dell'effetto come dire dannoso per la cannabis a mio avviso è un pochino rischioso
Altra altro elemento importante e che la cannabis non è un'entità unitaria
Cioè la cannabis contiene al suo interno tutta una serie di varietà e in particolare quello che noi siamo abituati a ricordare degli anni Settanta io non ero
Presente ma diciamo della cultura degli anni Settanta della Summer of love della l'uso della cannabis irrazionale è un tipo di sostanza che contiene al suo interno un principio che si chiama cannabidiolo
Che ne la cannabis di oggi non c'è
Pertanto la cannabis del due mila sedici è un prodotto diverso da quello della cannabis e mille novecentosettanta
è viene da sé che la trattazione sulla definizione di di di una legalizzazione o comunque di uno di utilizzo quelli però di questo prodotto deve non può prescindere dalla specificazione di questo problema di questo contenuto come dire farmacologico che c'è prodotto
A me io sono una giornalista freelance
Voleva innanzitutto a dare uno spunto di riflessione alla dottor listelli cuochi perché quando parlava di quello che accadeva ultimamente negli Stati Uniti
C'è un articolo interessante dei New York Times del novembre del due mila e quindici che parla appunto della nuova dipendenza dei bianchi nelle rovina e quello che interessanti in questo articolo è una prima cosa come anche diceva l'onorevole Farina Coscioni
Che questo fenomeno interessando e le classi medie minima anche diciamo l'iscritto dal punto di vista del minor logico detti i genitori che hanno perso i figli da un'overdose di Rosolina
Chiedono che non vengano additati come devo dati quindi Candiani proprio la parola e quello che anche cambiato e che è stato rilevato anche dalla comune tali intellettuali Mieli e che adesso pressoché classi medie bianche stanno facendo un lavoro di lobbying sulle a sulla politica ai Governi
Affinché la parola piena sparisca e i suoi passi a un approccio compassionevole nei confronti di di queste persone nel tempo evitando appunto
Queste classi medie si punta più a cali di curare e di insomma
E di nonna di non punire la comunità anni ha accettato questo nuovo approccio ha però ha anche criticato dicendo fosse che fosse stato fatto anche con la comunità nominati fatta fortemente coinvolta nelle deroghe e negli anni precedenti fosse i risultati adesso serie devo dimessi
Ma invece agli anni al inanella antiche trovi dandoti e vada anche a cui va da Watteau che prediche Tonini italiani più adatto spazzare questioni scientifiche si è proprio lui spetta a tanti altri direttori io nel mio precedente lavoro
Ho potuto del modo di parlare con lei insomma l'unità era una dei pochi che dava spazio e la domanda e lì ma da una cosa prettamente giornalistica tutti avete in dialetto della polemica che c'è stata sull'intervista di son penna AX Aponte
è qui la comunità dei giornalisti si è divisa alcuni hanno detto invidioso antenne che l'ha potuta fare atti invece hanno detto a una pantomima personale viene la parola
Non va data alla stessa polemica dei natanti consoni mai dette ed intervista lucana l'animale non va mai
Ascoltato quindi volevo chiedere questa lei e in ultimo invece alla potesse dal Cavaliere anche a potestà scatta una questione che riguarda il rapporto tra magistratura essenza perché pochi mesi fa e mi ha dato notizia la Stampa il professore Leo Gullotta di tutti i costi conosciamo perché spesso ospite di Bruno Vespa e anche atti in euro senza dati da cui professore Pietrini hanno firmato un memorandum di Anna distribuito
Tra i magistrati e nella comunità scientifica
Che diciamo miniera anni vedere né le pene ma sulla base di una valutazione neo scientifica dei cosiddetti presunti colpevoli Sella o anche in un capitolo sulle tossicodipendenze dicono
Che ci potrebbe essere un gene che a una predisposizione all'alcolismo ma anche sulle démodé sostengono che una un uso cronico ad la deroga potrebbe compromettere capacità di dipende chi di voi di questi soggetti quindi la pena dovrebbe essere il viva dotata
Sulla base di una di una predisposizione diciamo biologica a commette discrimine quindi vedere anche da questo punto quindi non casomai in carcerarie ma curare nelle sedi opportune grazie
E va avanti con la poi se c'è qualcun altro sono poi cominciamo con la risposta va bene
Anch'io sarò Franca Compagnoni sanno loro la la responsabile del SerT di Rebibbia
Il SerT più grande del Lazio non so se a livello nazionale dunque io ho sentito tutti i nostri interventi devo dire con grande interesse sono pieni di spunti su cui poter riflettere
Noi abbiamo aperto nel due mila e quattordici mille sei cartelle cliniche e nel due mila e quindici novecentonovanta più abbiamo incarico tutti i detenuti tossicodipendenti degli anni precedenti che ancora non sono usciti
C'è un grande movimento e quindi ci occupiamo anche io spero tantissimo che entri il DSM in carcere come
C'è il SerT il nostro sette insieme a quello di Regina Coeli sono gli unici due proprio interni e dedicati ai detenuti tossicodipendenti
Quest'anno a giugno abbiamo avuto la visita di due delegati dell'ONU perché sono venuti a verificare se noi rispettavamo le convenzioni internazionali devo essere sincera io non l'avevo neanche lette
Quindi perché lavoriamo sul campo abbiamo a che fare con si parte ho visto sono enormi quindi quando mi hanno detto che venivano questi affarista verifica nell'oppure preoccupata comunque
Noi abbiamo fatto vedere come lavoriamo in ambito della salute in carcere e quello che loro si sono stupiti molto perché mi hanno fatto varie domande su questo oltre la visita all'interno dei nostri reparti
Perché non so se sarete Rebibbia un complesso poli penitenziario a quattro istituti quindi non è un istituto solo ognuno gestito da un direttori diverso autonomo
E io cioè il nostro servizio a ambulatori in tutti e quattro gli istituti quindi dobbiamo sempre interagire con con quattro modalità diverse di gestire la sicurezza
Quello che loro ci chiedevano molto era si andavamo d'accordo con il personale penitenziario e c'erano ovviamente durante la visita i poliziotti insieme a noi ed è direttore del carcere
Comunque al di là di questo io ho da sempre ho semplicemente detto la verità che ci andavamo d'accordo ma non ci facevamo mettere i piedi in testa nel senso che ed il livello di controllo il livello della salute spesso cozzano l'uno contro l'altro
Quindi dove ci
Uno dei problemi ne facevamo dei protocolli di intesa
Alla fine dell'avidità della visita sono stati molto sono rimasti piacevolmente colpiti e quindi hanno detto che porteranno le nostre linee di attività il nostro modello
Ad aprile nella sede dell'ENI internazionale
Ora detto questo che è un po'che mi fa mi sto facendo propaganda però
La mia domanda a livello di informazione perché quello che ne verifichiamo sempre
E anche io quando vado a fare i corsi di formazione informazione ne parlo con una giornata parte eh il problema dell'alcol perché è molto più pesante di qualsiasi altra sostanza
Che crea dipendenza ora quello che io chiedo è perché non si fa in formazione ma anche a livello di mass media sulle dipendenze da Arcole
è l'ad sostanza che crea il maggior numero di morti
è vero che a livello epidemiologico quando uno morì per alcolismo non sempre si sa perché viene scritto è morto la causa di morte per cirrosi epatica collasso cardiocircolatorio emorragia cerebrale e quant'altro
E non si va a vedere che in soggetto
Dipendente da alcol quindi secondo me anche a livello di leggi andrebbe cambiato qualche cosa perché l'alcol è una sostanza legale e in quanto legale viene completamente sottovalutata
Mi fermo qui
La domanda perché
Giuliano Vettorato grazie a lei che è professore di Psicologia tra tossicodipendenza l'università salesiani Roma lo dico perché ho trovato PIL quindi grazie ne approfittavo minare Naccarato noto presentazione che nel
Nel contempo dico anche come era già un po'fatto intendere piccole che mi ha salutato all'inizio che sono anche sacerdote salesiano quindi sono religioso
E a proposito di questo ringrazio innanzitutto io però con me
Studioso seguo da parecchi anni nella produzione scientifica soprattutto quando c'è Carla De Rossi
Mi piace essere presente sentire appunto le innovazioni e le novità che ci sono a livello di ricerca scientifica perché questo è il mio compito come
Come docente
D'altra parte sono stato interessato da quanto è stato affermato dal giurista dalla professor perso il Antonio Cavaliere vero ospito tanto che mi son persone le pagine
Perché
A dato innanzitutto dei criteri molto interessanti per il dibattito
E ha fatto anche delle affermazioni di cui qualcuna anch'io dubitava questo stato contento di uno di quelli che mi ha preceduto che l'abbia un po'messa il forse perché se
E il diritto deve tener conto della ricerca scientifica deve tener conto di tutto e non ti niente non mi risulta insomma che cioè quel che ho letto io dai libri scientifici dicono di per sè nessuna deroga
è
Il che non faccia male
Nemmeno lasci esserlo o nemmeno Lester sì no anche se ovviamente le proprietà diminuiscono molto rispetto ad altre sostanze questo almeno quello che ho letto io
Se poi ci sono altri altre evidenze cedo a questo
Però vorrei solo far notare nonché nella sua
Lungo presentazione probabilmente se da tener conto
Che
Anche nella lettura dello stesso diritto io non non sono esperto di diritto però qualcosa di filosofia ho fatto anch'io il se
Magari da tener presente che ci sono
Delle posizioni magari tipo Giustina naturalistico
Cioè di chi ritiene che il diritto abbia una discendenza che si trova nella stessa natura umana ovviamente dal punto di vista sentito questa è una posizione superata ma non sempre è superata da chi
Studia morale o diritto
Così pure
Ci sono posizioni ancora di Stato etico che sono state citate non otterranno usate dal fascismo dal
Nazismo e non so quindi quanti inc quanti altri Stati totalitari non sia ancora utilizzata adesso
Ecco allora mi domando se queste mentalità non finiscano per influire sulla sull'opinione pubblica e quindi sulle scelte politiche
Ecco cioè con me essenziale atto dico io mi attengo ai dati della scienza però con me uomo
Cittadino di questa Repubblica
So che alcuni la pensano in maniera altri un'altra e poi dopo i vari li vari personaggi politici o il dibattito politico non sempre tiene conto di queste distinzioni
E in effetti anch'io mi domando fino a che punto
La legge deve seguire solo i dati della ricerca scientifica o non deve anche porsi dei problemi di tipo etico
La solita domanda personalmente appunto personalmente dico questo no io sono salesiano seguito per parecchi anni anche a livello nazionale
I centri salesiani che si occupavano di tossicodipendenza e so che i miei confratelli
Si sono opposti alla legge e cioè non ha hanno scelto di non collaborare con la legge di Giovanardi pur essendo Giovanardi un ex allievo salesiano e che ci ha
Aiutato in tre sotto tanti aspetti ma su questo non abbiamo aderito né alle leggi precedenti anche quella della Vassalli e Jervolino pura essendo persone che magari politicamente potevamo
Ritenere vicine perché
Hanno una concezione appunto di tipo come diceva lei nodi di tipo proibizionista ora io vorrei chiarire una cosa che le diverso la atteggiamento di e del
Di quello che vuole essere del moralista dal dalla morale in moralista e quello che vuole imporre
Per una ragione di tipo morale agli altri di fare una certa maniera la morale invece sostiene il principio perché ogni persona è libera e deve procedere verso il suo miglior bene
Ora che questo bene sia quello scelto da Luigi o
Se il tuo da altri su questo può il dibattito e sempre ampio e so che non tutti anche qui condividono questa posizione però chiarirei che quando si vuole
Parlare di morale bisogna distinguere dal moralismo questo importante ora la nostra scelta come salesiani è stata quella di puntare sull'educazione cioè di dire
Noi riteniamo che sia importante il duca ringiovaniti a scegliere bene
No e quindi anche se gliele la propria salute la propria il proprio benessere anche chi ha sbagliato essere messo in grado attraverso appunto delle forme anche assistenziali tipo case famiglie o con
Forme di recupero la possibilità di
Rifare un cammino ma di farlo per libera scelta
E non
Per una imposizione da parte dello Stato il quale ti dicevo va in carcere o va in comunità però altre comunità fatto altre scelte questo vorrei chiarire
L'altra posizione quelle invece di privilegiare la scelta di tipo preventivo educativo
Questo è dire che la nostra posizione e mi sembra che da studi internazionali fatti per esempio in America dove ha studiato
La prevenzione e quanto costa allo Stato un cittadino che è stato messo in carcere dal momento in cui è messo in carcere fino
A trentacinque anni ha detto che se su questo si fosse speso
Non so quanto lo lo zero virgola sette per cento per prevenzione avrebbero ottenuto un miglior risultato
Grazie
Passerei la parola alla
Offeso Scarpa che è entrato deve andare via di fretta per cui
Chiediamo un commento chiedo scusa dalle due
Prenotato il treno dove andare a Brescia dunque tre rapide informazioni un grave completamente solidale con la collega lavora Rebibbia
Tatto lavorando con gli stranieri in questo progetto al costo che riguarda però la psichiatria forense diciannove Paesi europei capisco come loro hanno molta attenzione
Non si preoccupano relativamente poco anche se se ne preoccupa delle strutture
Dei progetti terapeutici ma molto dei rapporti delle relazione dei diritti delle persone il punto chiave
Che va sottolineato l'altro è quello dei rapporti tra scienza e giustizia da un lato capisco dalla e la legge il diritto penale non possono correre alle scoperte pseudo vere ovvero desidero
Quest'ordine o Londero sia dei simbolo che serpeggia
Sotto traccia
E che poi si statuisce dare il per lo scopo entrino i loro scopi di lotta viene fuori da due casi stiamo parlando di un minimale
Due casi in cui abbia trovato un riscontro tra
Da Lele positivo per il sintesi di
Delle sostanze devono mediatrice che potrebbe essere gol connessa all'aggressività siamo molto lontano
Tenendo conto che comunque la legge dice che quando una persona sia per la dipendenza da sostanze sia
Nella capacità di intendere e volere a una patologia non è che automaticamente la patologia comporta non consapevolezza incapacità o comunque pericolosità aggressività va visto caso per caso uno
Ma veri vicenda deliberata sicuramente
Lei diritto alla magistratura dovrebbe dialogare di più con gli psichiatrico dei medici con la scienza e viceversa
Dialogare significa Chorus decisa per le linee di pensiero lesivi edilizia anche come si lavora presto purtroppo spesso banca
Ed è la praticità nella pratica quotidiana e anche
Della nell'aspetto diciamo così di orientamento verso nuove frontiere della legislazione
Su questo punto il nostro codice penale è ferma abile novecentotrenta sulla capacità di intendere e volere terzo e ultimo se ben diverso da quello che dicevi tu
Credo che l'esperienza quotidiana sia diserta
Sia di salute mentale vediamo tanti darli ma non tanto della cannabis vediamo tanti dati delle aspettative delle sostanze da discoteca tanti giovani psicotici Brady Cobra di buffet deliranti investivate da questi cocktail micidiali di sostanze psico stimolanti mi verrebbe da dire porterà Borrell eroina allora faceva tardi ma tutto sommato di meno
Scherzo Popa questo è veramente la frontiera del futuro che dobbiamo affrontare
Vi chiedo ancora scusa grazie Antonietta che il
L'Istituto per l'invito buon lavoro ancora
Allora io
Chiederei a Cavaliere se vuole intervenire sradicato stato tirato in ballo interventi se mandare una breve
Risposta
Intanto ringraziare chi è intervenuto perché mina la possibilità interloquire poi fare forse la cosa più interessante questi incontri
Per quanto riguarda la prima domanda quella relativa
Alla cannabis
Dunque innanzitutto parte dal dato per cui a livello internazionale però forse l'evidenza non è proprio quella diciamo schiacciante nel senso di una pericolosità di nesso eziologico la schizofrenia mi pare
Che a livello internazionale la situazione sia molto diverso da questa
Premesso questo certamente bisogna distinguere le sostanze
La distinzione alle sostanze poi va fatta tenendo presente appunto che nel mercato illegale
Non si sa che cosa ci sia oppure si sa ma non si sa al momento in cui la si assume la sostanza
Quindi il dato per cui ci possa essere una pericolosità una lucidità la cannabis per esempio l'OMS dice che giustamente fu di cannabis
Fumata con tabacco porta con sé i rischi del tabacco sicuramente ecco
Il fatto che ci sia però una pericolosità di questo come dell'assumere alcolici o superalcolici e io condivido molto la posizione della
Iniziai evidenziato con l'esperienza del SerT i danni dell'alcol l'OMS ancora una volta nell'atto l'asse due mila e dieci dice che
Trentacinque su cento mila persone
Muoiono per gli effetti dell'accordo cinque quattro cinque seicento mila per le altre droghe legale quindi
Diciamo il PAI il problema
Quindi premesso che ci può essere mi risulta a livello internazionale ufficiale documentata una possibile
Dalla sita in caso di uso non occasionale ma pesante di droga leggera premesso che questo
è aperto il dibattito
Il diritto penale non può basarsi su mere ipotesi per cui non posso che una persona perché penso che forse possa essere pericoloso
E in secondo luogo bisogna chiedersi la cosa principale cioè
Se il regime proibizionista non sia quello che aumenta questi rischi della salute perché non sai cosa assume
Lei ha fatto un esempio di un particolare sostanza che si sono emerse tante che non era pericolosa ecco forse il momento in cui si legalizza non si dà
A come con le sigarette le sigarette di contrabbando è risaputo che contenevano delle sostanze soci nocive che neanche le sigarette legalizzati contengono mentre mantengo
Già fanno male pure quelle però a questo punto puniamo chi mangia troppo perché anche l'obesità pace l'argomento del costo dello Stato possiamo arrivare situazioni come in qualche ordinamento autorità e due siccome
Mangiare troppo comporta dei costi della salute pubblica a questo punto non puoi neanche mangiare troppo e ti misuro la cintura vita e di ritenere lascino evita ben
E noi non siamo ovviamente ordine autorizzare questo ben Djerba stavo un su questa domanda molto più breve su un'altra che però mi sta molto a cuore
E detrarre tra parentesi poi lì ci sarebbe proprio dell'informazione è stato detto molto meglio anziché fare pedagogia morale mettendo in carcere le persone molto meglio fare informazione
Siena sta ottenendo i risultati molto
Apprezzabili in termini di prevenzione con delle campagne antifumo future legale
Quindi cerchiamo di insistere sull'informazione da un lato dall'altro poi sulla diseguaglianza perché purtroppo ci sono droghe che sono appannaggio c'è un discorso di classe la droga
Sono droghe e come la colla nei Paesi latinoamericani che sono appannaggio di persone che non hanno niente dall'Italia o cosa che possono fare aspirare la con lei una bottiglia
Quindi forse c'è problema anche di offrire delle alternative esistenziali quindi oltre educazione ripeto Stato sociale uguaglianza eccetera eccetera c'è una dimensione sociale se non altro l'ultima cosa condivido le considerazioni che sono state fatte
Non lo psichiatra che ha risposto poc'anzi sulla propria neuroscienze
Innanzitutto anche lì si tratta di conoscenze tutt'altro che verificate
In secondo luogo penso che decenni di Psichiatria da da Saglia in poi ci abbiano insegnato che queste presunte
Questi
Queste prime presunte catena Hindemith deterministico né sono delle finzioni che sono servite al potere per mani come all'iniziale la gente
Quindi
Molta attenzione all'utilizzo nello scienze e sicuramente non utilizzo repressivo perché l'equazione malattia mentale o
O diciamo dipendenza
Criminalità indipendenza malattia mentale uguale criminalità è una equazione indimostrata sono per quanto riguarda la malattia mentale è risaputo che sono molto più le persone sane di mente tra virgolette che delinquono rispetto agli altri
E questo appunto un meccanismo disciplinare conviene molto di più tenere in di i sofferenti psichici o voi tossicodipendenti al chiuso per rassicurare la gente non è sbagliata campagna sicuri Italia
Piuttosto che riconosce che ci sono dei problemi che non sono problemi finali che sono un problema di socio sanitario
A mano che andava sul tasto rosso ha capito che la
Stessa richiesta di essere previa Alessandra chiffon alla
Velocissimi tre punti e uno volevo dire alla dottoressa Compagnoni e a tutti
Che Ines setti la comunità internazionale sta lavorando e sta chiedendo una convenzione quadro anche sull'alcol così come c'è per il tabacco e così come c'è per le altre sostanze
Chiaramente la l'OP è molto potente la lobby legale
No dei produttori eccetera
Però
Ci sono i piani dell'OMS per la riduzione dei danni eccetera ma non c'è neanche che vincola gli Stati a regolamentare
In maniera definita l'alcol e quindi ecco volevo informare che c'è anche questo processo in corso
Quindi invece di diminuirle le convenzioni
Competente perché
Non prescrive estrema calcolo una storia
Cantano
Appunto no no appunto quindi voglio dire c'è anche questo questa spinta proprio degli scienziati a regolamentare attraverso una convenzione anche la questione dell'alcol
Esatto e il mio secondo punto velocissimo era volevo fare commentare velocemente quello che ha detto il sacerdote che
In un qualsiasi regime di regolamentazione delle sostanze senz'altro andrà posta attenzione sulla prevenzione in ogni anno abbiamo parlato tantissimo oggi
Però credo che sia importantissimo non dimenticare le famose Lights skinheads
Direi perché anche in un qualsiasi altro regime che non sarà proibizionista ci saranno a comunque
Le persone vulnerabili che non accederanno a a comprare no
Le sostanze perché magari sono minori eccetera eccetera e che forse continueranno a ad andare sul mercato illegale che sicuramente ma si resterà quindi la cosa importante soprattutto sui giovani gli immigrati
Eccetera e lavorare sull'aumento delle capacità
A fronteggiare diciamo così le difficoltà della vita le le queste laici skinheads
E basta non voglio fare volevo dicastero
Grazie Carla Rossi
Naturalmente mi son venute tantissime idee suggerimenti comunque
Vedrò di dire sono un paio di base
Allora in sia da quello che ha detto il dottor Scarpa sia da quello che ha detto Alessandro niente Sierri parlato di nuova epidemia di uso di eroina
Negli Stati Uniti ma in realtà ne sequestri aumentata anche da noi quindi si sa che è aumentata anche da noi
Allora questa cosa qua questo aumento il nuovo dell'eroina quindi nuova epidemia la parole per più giuste epidemia
Era atteso
Da modellizzazione i fatte dall'Osservatorio europeo
Quindi si sapeva che se non avesse funzionato bene la prevenzione
E ovviamente non essendoci non ha funzionato sarebbe di nuovo aumentata l'eroina dopo una ventina di anni dal precedente Picco ora il picco precedente in Italia e del novantuno
Quindi è chiaro che dopo il due mila dieci li aumenta
Questo perché cambia la generazione quindi
Sono finiti quelli vecchi c'è una nuova generazione pronta
Alle offerte del mercato e si ricomincia questo è come se un come le epidemie delle malattie del morbillo va beh adesso si faccino insomma per
Che hanno
Delle periodicità
Esattamente così le droghe per esempio negli Stati Uniti c'è stata l'epidemia di cocaina
E se non hanno non fanno qualcosa ce ne sarà un'altra fra un po'
E lo stesso succede anche da noi quindi questa è una cosa
Che mi era venuta in mente perché un lavoro fatto insieme al nel all'Osservatorio europeo e l'altro punto lui dotto Scarpa parlava di due
Del delle persone dell'est europeo delle persone del Nord Africa e la droga più diffusa nel Nord Africa
Eh beh questo per forza ci passano le rotte cioè le nuove rotte di della droga passano dall'Africa entrano a Ovest esco nel nord
Quindi è normale che le persone che sono dentro erano per questioni
E in particolare di droga ci sono perché trafficano e quindi usano anche la droga
Bassa non dico nient'altro
Grazie a Maria Antonietta Farina Coscioni
Ma io non aggiungo altro perché tanto è stato detto e gli spunti gli spunti di riflessione sono stati davvero davvero molti stimolanti
Ma né ci siamo e posti il problema circa insomma si due-tre più anni e mezzo fa con alcuni sociologi anche alcuni giuristi giornalisti
E di come poteva costituire urgenza
E quello di riflettere dibattiti e dibattere sui reali rapporti tra la scienza potere Democrazia partecipazioni pubbliche e mondo dell'informazione
Abbiamo fatto un'analisi che dovrà è durata davvero di diversi mesi e siamo arrivati al punto di far nascere
L'istituto Luca Coscioni
E infatti proprio istituto Luca Coscioni a quest'altra irreperibilità
E non so se se è un caso però il ventinove febbraio sempre una sede istituzionale come la fama Aldo Moro quindi anzi divulgativa
Affronteremo un una sorta di di di confronto che abbiamo voluto dare il titolo della libertà di ricerca la ricerca di di libertà
E cioè per riflettere un po'sulle eventuali responsabilità neuro giuridiche dei comportamenti umani
E abbiamo voluto il mettere insieme lo scopritore dei neuroni specchio già comuni isolati
Lo scienziato neuroscienziato di fama internazionale Piergiorgio stata e il Presidente emerito della Corte Costituzionale Giovanni Maria Flick
Perché lui ha riflettuto e in occasione della notte europea dei ricercatori
Dice se è vera la teoria dei neuroni specchio dice dovremmo certa il core G dal cogito ergo sum sul marco Goggi colui dice quindi c'è comunque una sfera d'attenzione
Che in qualche modo la quale in qualche modo non dobbiamo sottrarci
E quindi credo che anche questo è il punto è la riflessione credo che oggi abbiamo un po'aperto
E quindi credo che la presenza del professor Cavaliere abbia in qualche modo
Colto degli aspetti
Diciamo nascosti relativamente quindi è un po'come e a volte si ha la consapevolezza e la percezione
Però
Sì a una sorta di inerzia nel far emergere alcuni aspetti
E quindi credo che insomma sono davvero contenta di questo appuntamento e spero che di
Di potere insieme estendere a molti altri e credo che oggi
A proposito di informazione
Radio Radicale armi sia stato il vero servizio pubblico dell'informazione di oggi perché
Raggiungerà davvero tantissimi tantissimi utenti quindi di stimoli arriveranno anche da loro quindi grazie era dire raggirare avviare una verifica
Abbiamo la chiusura anche Peter dice che devo fare i complimenti a voi mi ha fatto dei complimenti è relatore invece io devo dire storicamente la nostra resistenza encomiabile perché sono quasi quattro ore che siamo qua siete rimasti qui segno che si tratta di una argomento complesso ma importante soprattutto importante per voi per capite che
Sentite sulla vostra pelle nei vostri neuroni che è necessario un impegno da parte di ciascuno di noi per cambiare le cose vere che non hanno per migliorarle volevo rispondere rapidamente alla domanda visto che è stata rivolta
Sulla l'intervista Shawn pensi c'era l'avessi avuta ricorsa l'avrei pubblicata perché ma non perché perché c'è un tema perché all'informazione bellezza
L'informazione non deve porsi molte domande deve fare bene il proprio lavoro ci sono delle regole che vanno rispettate ma meno regole ci sono per l'informazione meglio è per tutti l'importante
Fare informazione questo aprirebbe un grande capitolo di casomai una piccola parentesi sul fatto che a fare l'intervista è stato un personaggio molto noto e quindi questa la ovviamente spettacolarizzata però è lui che è riuscito a farlo e non altri
Non è il problema dell'intervistato che parla dopodiché non sta al all'informazione decidere comuni si commentare ma in fase successiva prima conosciamo dopodiché arriviamo a a dare delle delle interpretazioni
Molto rapidamente era sacerdote diceva parlava della rapporto
Tra scienze morale ma io posso un accordo che un conto è un moralista un conto è la morale e così però mi viene da dire un conto è la scienza un conto è la morale la scienza deve fare il proprio lavoro secondo dei criteri che vanno rispettati soprattutto difesi
Cosa che non sempre avviene dopodiché c'è un momento anche per la morale ogni scienziato è un cittadino anche Stalin era un credente un profondo senso della morale ma questo non è impedito di essere un ottimo scienziato
E a proposito visto che abbiamo citato anch'essa in vorrei chiudere con è una frase la frase di Einstein dove dice che è più facile rompere un ATO ma un atomo che spaccare un pregiudizio
E qui mi permetto nel mio piccolo di aggiungere io la differenza è che i pregiudizi anche se non sono radioattivi hanno delle scorie che sono molto difficile da trattare e difficilissime da eliminare grazie a tutti