19 FEB 2016
dibattiti

Riunione della Commissione Cultura dell’Assemblea parlamentare dell’Unione per il Mediterraneo (AP-UpM), presieduta dal deputato Khalid Chaouki.

ASSEMBLEA | - Roma - 09:35 Durata: 4 ore 6 min
Player
Saluti del sottosegretario agli Affari Esteri, Vincenzo Amendola e di Khalid Chaouki (Presidente della Commissione per la Promozione della qualità della vita, gli scambi umani e la cultura".

Prima sessione: "Il patrimonio culturale del Mediterraneo: preservare le radici per costruire un futuro comune".

Intervengono: il sottosegretario ai beni e alle attività culturali, Antimo Cesaro, Paolo Matthiae (ordinario di archeologia e storia dell’arte del vicino oriente antico presso l’università La Sapienza di Roma e direttore della missione archeologica italiana in Siria), Fethi Bahri
(direttore dell’Istituto nazionale del patrimonio tunisino),Vincenzo Scotti (presidente Link campus university) e il vice presidente della World islamic call society (Wics), Abdulkarim Khalil.

Seconda sessione è dedicata al tema "Le città quali luoghi di dialogo e protagoniste della convivenza".

Intervento del sindaco di Sidi Bou Saïd, Raouf Dakhlaoui.

Seguono: Sara Funaro (assessore all’integrazione del comune di Firenze), Huseyin Eren (del vice segretario generale della grande municipalità di Istanbul), Omar El Barassi (del sindaco di Bengasi) e il consigliere della municipalità di Tripoli, Abdulrahman Gelali.

Una relazione sullo stato di attuazione dei progetti dell’Unione per il Mediterraneo viene presentata dal consigliere diplomatico Mario Gomes del segretariato dell’UpM.

Alle 14,45, alla ripresa pomeridiana, è prevista la proiezione del film-documentario Le Maroc: incrocio di culture e religioni, alla presenza della regista Lia G.

Beltrami, cui seguono gli interventi dell’ambasciatore del Regno del Marocco, Hassan Abouyoub, di monsignor Giampietro Dal Toso, segretario del pontificio consiglio Cor Unum, di Victor Magiar, assessore alla cultura dell’Unione delle comunità ebraiche italiane, e di Farid Lasri, dell’Università internazionale di Rabat.

leggi tutto

riduci