12 FEB 2004

Intervento di Olivier Dupuis sugli assassini politici in Cambogia

STRALCIO | - Parlamento Europeo - 00:00 Durata: 2 min 11 sec
A cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Olivier Dupuis sugli assassini politici in Cambogia", registrato a Parlamento Europeo giovedì 12 febbraio 2004 alle 00:00.

Sono intervenuti: Olivier Dupuis (parlamentare europeo, Lista Bonino).

Tra gli argomenti discussi: Asia, Banca Mondiale, Banche, Cambogia, Commissione Ue, Consiglio Europeo, Decessi, Diritti Umani, Finanziamenti, Fmi, Parlamento Europeo, Unione Europea, Violenza, Watson.

La registrazione video ha una durata di 2 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Olivier Dupuis

    parlamentare europeo (Lista Bonino)

    FR) Signor Presidente, prima di tutto desidero ringraziare la Commissione per la fermezza dimostrata. Credo che dalle elezioni in Cambogia l'Unione europea, in particolare grazie alla Commissione, si sia dimostrata capace di mantenere la propria posizione. Ritengo tuttavia che la situazione al momento sia estremamente delicata e condivido l'analisi dell'onorevole Watson. Anche se non sappiamo se Hun Sen e il suo partito siano i mandanti dei numerosissimi crimini commessi, sappiamo, però, che né loro né il governo guidato dallo stesso Hun Sen hanno fatto nulla per arrestare i colpevoli di questi crimini. Sappiamo inoltre che la Cambogia di oggi non è più ricca di dieci anni fa e che da dieci anni l'Unione europea e la comunità internazionale erogano al paese milioni e milioni di euro. Fatte queste premesse forse dovremmo trarne alcune conclusioni. La persona che non è stata in grado di assumersi il ruolo di capo del governo per impedire i crimini, arrestare i colpevoli e dare un livello minimo di prosperità alla Cambogia si chiama Hun Sen. La Commissione potrebbe chiedere al Consiglio di istituire un mandato per discutere la questione con le controparti americana, australiana e giapponese allo scopo di indicare la destituzione di Hun Sen come condizione per riattivare i prestiti della Banca asiatica per lo sviluppo, del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale. In questo modo sarebbe possibile dimostrare e far comprendere al Vietnam e alla Cina, come per molti versi hanno già compreso, che il problema del cambiamento in Cambogia può essere risolto solo mediante la destituzione di Hun Sen e l'investitura di un altro membro del suo partito, che ha pur sempre vinto le elezioni, a prescindere dal grado di democraticità delle stesse
    0:00 Durata: 2 min 11 sec