13 MAR 1995

Intervento di Alexander Langer sul funzionamento del Parlamento Europeo e sull'elezione del Mediatore Europeo

STRALCIO | - Parlamento Europeo - 00:00 Durata: 2 min 30 sec
Scheda a cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Alexander Langer sul funzionamento del Parlamento Europeo e sull'elezione del Mediatore Europeo", registrato a Parlamento Europeo lunedì 13 marzo 1995 alle 00:00.

Sono intervenuti: Alexander Langer (parlamentare europeo, Federazione dei Verdi).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Amministrazione, Elezione Membri, Mediatore Europeo, Parlamento Europeo, Regolamento, Unione Europea, Verdi.

La registrazione video ha una durata di 2 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Alexander Langer

    parlamentare europeo (Federazione dei Verdi)

    intevento in tedesco, traduzione consecutiva in inglese (DE) Signor Presidente, onorevoli colleghi, noi non abbiamo motivo di vergognarci del gruppo Verde, bensì di questa Assemblea e dei suoi grandi gnippi politici. Il Mediatore europeo, una istituzione democratica per i cittadini, una possibilità in più di intervento per i cittadini, una possibilità in più per correggere gli errori dal di dentro dell'Unione europea, il Mediatore ancora non c'e. I due grandi gruppi politici con i loro candidati, i loro sottogruppi politici e i loro interessi hanno finora bloccato la nomina del Mediatore. Si sono candidati solo ex-parlamentari e parlamentari, si sono formati dei fronti. L'elezione è stata rimandata. Il regolamento, al quale abbiamo già apportato le nostre critiche un anno fa, prevedeva una procedura secondo la quale il Parlamento avrebbe avuto solo la possibilità di dire di si o di no. Ciò equivale in definitiva a una mortificazione dei candidati. dell'Assemblea nonchè della stessa istituzione del Mediatore. Da oltre un anno ci adoperia- mo perchè si affermino la ragione e le riforme. Adesso anche gli altri rinsaviscono. Ne prendiamo nota con soddisfazione. Quale via ci conduce fuori da questa intricata situazione? Primo: deve avere luogo una selezione preliminare dei candidati sulla base delle ?mie raccolte. I candidati devono cioè godere di un certo appoggio in seno all'Assemblea. Secondo: salutiamo il fatto che la commissione per le petizioni si occupi della selezione dei candidati, poichè questa commissione non deve cessare di esistere con la nomina del Mediatore. Occorre infatti instaurare una stretta collaborazione nonchè mantenere e rafforzare le attribuzioni della commissione per le petizioni. Terzo: a nostro parere all'Assemblea plenaria dovrebbero venire presentati tre candidati e non, come vagamente formulato, da tre a cinque. Quarto: riteniamo che la soluzione migliore per l'elezione del Mediatore sia di adottare le stesse norme applicate per l'elezione del Presidente del Parlamento, vale a dire tre scnitini e la maggioranza assoluta dei voti espressi. Se dopo tre scrutini non si è raggiunto ancora un risultato valido si passa allora a un ballottaggio fra i due candidati che hanno riportato più voti. Il candidato che vince il ballottaggio è eletto Presidente. senza rimandi ulteriori. Questa è la correzione che vorremmo apportare. Concludendo: naturalmente noi vedremmo di buon occhio altri candidati. Vorremmo che si candidassero personalità di Amnesty International o di Grenn Peace o di enti per la tutela dei consumatori. Abbiamo bisogno di simili candidati e non di ex-parlamentari che considerano questa carica superflua sin da ora.
    0:00 Durata: 2 min 30 sec