19 GEN 1995

Intervento di Alexander Langer a favore del sostegno a giornalisti serbi e croati che scrivono in giornali sottoposti a censura

STRALCIO | - Parlamento Europeo - 00:00 Durata: 1 min 40 sec
Scheda a cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Alexander Langer a favore del sostegno a giornalisti serbi e croati che scrivono in giornali sottoposti a censura", registrato a Parlamento Europeo giovedì 19 gennaio 1995 alle 00:00.

Sono intervenuti: Alexander Langer (parlamentare europeo, Federazione dei Verdi).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Balcani, Censura, Commissione Ue, Croazia, Esteri, Giornali, Giornalisti, Parlamento Europeo, Sanzioni, Serbia, Ue.

La registrazione video ha una durata di 1 minuto.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Alexander Langer

    parlamentare europeo (Federazione dei Verdi)

    intervento in tedesco, traduzione simultanea in inglese (DE) Signor Presidente, qualche giorno fa abbiamo avuto ospiti presso il Parlamento europeo a Bruxelles in occasione di una manifestazione comune alcuni giornalisti provenienti dalla Serbia e dalla Croazia. Credo che al giomo d'oggi non si tratti di un awenimento usuale. In ambo i casi si trattava di rappresentanti di mezzi di comunicazione oggetto di persecuzione nei rispettivi paesi: nella fattispecie erano di Barba - giomale di cui ha già parlato chi mi ha preceduto - e di Feml Tribune, testata politico-satirica in Croazia. A quest' ultima attualmente si sta tentando da un lato di sottrarre linfa vitale attraverso una cosiddetta tassa sulla pornografia e dall'altro di impone pene pecuniarie altissime a seguito di una serie di processi, per cui se non verrà fatto nulla dovrà probabilmente chiudae molto presto. Pareva che l'Unione europea avesse l'intenzione di dare il proprio sostegno a Barba, ma la cosa sembra essere saltata a causa del Comitato sanzioni dell'ONU. Quali altre iniziative ritiene praticabili, Signor Commissario, che non si limitino soltanto a invitare una qualche associazione di giomalisti o di editori a fare qualcosa? Questo è giusto, e anche noi lo crediamo opportuno. Noi dobbiamo invece adoperare il peso dell'Unione europea in difesa dei mezzi di comunicazione, e chi non l'aveva ancora capito nel caso Jugoslavia, oggi lo rivede in Cecenia.
    0:00 Durata: 1 min 40 sec