28 SET 2018
intervista

Interviste a Carlo Grande e Roberto Carretta al termine della conferenza "Giordano Bruno, il fuoco e l’acqua santa"

INTERVISTA | di Emiliano Silvestri - Torino - 00:00 Durata: 13 min 6 sec
A cura di Valentina Pietrosanti
Player
Nella conferenza, tenutasi nell'ambito della manifestazione "Torino spiritualità", viene sommariamente descritta la vita del "filosofo errante" che percorre l’Europa alla ricerca di un luogo dove poter esercitare, anche da una cattedra, il libero pensiero.

Una vita che vede il suo tragico epilogo dopo che Bruno era tornato in Italia, a Venezia, chiamato dal nobile veneziano Mocenigo che poi lo denuncerà: il processo a Venezia, la consegna all’inquisizione vaticana e, nel febbraio del 1600, il rogo in Campo dei Fiori.

I motivi per i quali Giordano Bruno faceva paura sono forse gli stessi
per i quali non è stato mai riabilitato e per i quali fa paura ancora oggi?.

leggi tutto

riduci