16 SET 2021
rubriche

America sociale - Conversazione settimanale con Giovanna Pajetta

RUBRICA | di Ada Pagliarulo - RADIO - 16:41 Durata: 30 min 41 sec
A cura di Guido Mesiti
Player
Le celebrazioni ufficiali dell'11 settembre venti anni dopo: Donald Trump le diserta, l'ex presidente repubblicano George W.

Bush tiene invece un discorso in cui denuncia lo sgretolamento dell'unità del Paese avvenuto in questi anni e il pericolo rappresentato dalla violenza interna.

Due Americhe si contrappongono ormai su molti fronti, compreso quello della lotta alla pandemia: il decreto preannunciato dal Presidente Biden prevede obbligo vaccinale per i dipendenti federali e per le aziende con più di 100 dipendenti.

La contestazione dei governatori repubblicani, che intendono contrastare con
azioni legali quello che considerano un abuso di potere.

Intanto aziende come la Cisco e la Blackrock si adeguano e proibiscono l'accesso in sede a chi non sia vaccinato.

La vaccine hesitancy però persiste e le cifre della pandemia sono allarmanti.

Democratici e Repubblicani allo scontro sulla procedura di recall per rimuovere il governatore Dem Newson, che esce trionfalmente dalla sfida.

I dem hanno fatto leva anche su temi estranei alla campagna come il diritto di aborto minacciato da una sentenza della Corte Suprema sulla legge del Texas.

E soprattutto, sullo spauracchio del ritorno di Trump, spingendo l'elettorato a mobilitarsi e votare.

Scontro anche sul ritiro dall'Afghanistan tra i due fronti in occasione dell'audizione al Congresso del Segretario di Stato Blinken, che ha difeso la linea dell'Amministrazione Biden e addossato a Trump le responsabilità di un negoziato con i Talebani disastroso per gli Stati Uniti.

leggi tutto

riduci