11 SET 1997

Il Procuratore della Repubblica di Milano, Borrelli, in un'intervista al quotidiano "La Repubblica" afferma che dietro la richiesta di arresto, da parte del Pool di Mani Pulite, di Cesare Previti non c'è solo una questione giuridica ma anche "morale": è un'ingerenza grave della magistratura sulle prerogative del Parlamento; La maggioranza di governo è in crisi per le divergenze sullo stato sociale con Rifondazione Comunista; Il sistema bipolare attualmente non funziona e si rischia di tornare al solito teatrino della politica italiana; Se è vero che l'economia italiana va bene, ci sono ancora fasce di povertà notevoli

FILODIRETTO | di Roberto Iezzi - RADIO - 00:00 Durata: 1 ora 4 min
A cura di Andrea Maori
Player
Il Procuratore della Repubblica di Milano, Borrelli, in un'intervista al quotidiano "La Repubblica" afferma che dietro la richiesta di arresto, da parte del Pool di Mani Pulite, di Cesare Previti non c'è solo una questione giuridica ma anche "morale": è un'ingerenza grave della magistratura sulle prerogative del Parlamento; La maggioranza di governo è in crisi per le divergenze sullo stato sociale con Rifondazione Comunista; Il sistema bipolare attualmente non funziona e si rischia di tornare al solito teatrino della politica italiana; Se è vero che l'economia italiana va bene, ci sono ancora fasce di povertà notevoli.

leggi tutto

riduci