SUMMIT Giappone - Africa : TICAD IV - YOKOHAMA JAPAN - 28 - 30 May 2008

Pubblicato il 13 Giugno 2008

Quatrième Conférence Internationale De Tokyo pour le Développement en Afrique (TICAD IV)

“Un nuovo approccio del Giappone verso l’Africa ”

Il Giappone ( la seconda potenza economica mondiale) , ha organizzato dal 28 al 30 maggio 2008, la quarta riunione della TICAD (Conferenza Internazionale di Tokyo sullo sviluppo in Africa), insieme all’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) e la Banca mondiale, per segnare il quindicesimo anniversario dell’iniziativa. Il summit si è tenuto nella città di Yokohama, a trenta chilometri da Tokyo, nell’ambito della cooperazione tra il Giappone e l’Africa, ed ha visto una grande partecipazione: oltre quaranta capi di Stato e di governo africani venuti da 51 paesi.

Porto di Yokohama foto by m.baPorto di Yokohama foto by m.ba

Migliaia erano i delegati: rappresentanti di organizzazioni regionali e internazionali e dei responsabili del governo giapponese, per formulare delle proposte a favore dello sviluppo in Africa, per creare un piano di lavoro che miri “ un secolo di crescita africana ”. La conferenza della TICAD IV (Tokyo International Conference on African Development), ha come obiettivi: sostenere la crescita dei paesi africani attraverso la realizzazione di infrastrutture, la riduzione della povertà sul continente, colpito dalla crisi alimentare e la partecipazione alla lotta contro il cambiamento climatico.

ll tema della conferenza è stato “ Vers una Afrique qui gagne: un continent d’espoir

et d’opportunité ” ( “Verso una Africa che vince: un continente di speranza e di opportunità ”, ndr ).

foto by m.bafoto by m.ba

OPENING SESSIONOPENING SESSION

La cerimonia è stata aperta dal Premier giapponese Yasuo Fukuda, che nel suo discorso, si è impegnato inoltre ad aiutare l’Africa per raddoppiare la sua produzione annuale di riso, di 14 milioni di tonnellate, in dieci anni, vista la grave crisi alimentare in corso, e l’innalzarsi dei prezzi dei prodotti alimentari, che secondo lui non fa che suscitare una grande preoccupazione.

Ha affermato di raddoppiare l’aiuto pubblico allo sviluppo (APD) del Giappone verso l’Africa, che era di 580 milioni di euro all’anno, in media tra 2003 e 2007, a 1,16 miliardi di euro da qui al 2012. Oltre a questo, ha ribadito la creazione di un fondo per le imprese giapponesi, che vogliono investire in Africa, all’altezza di 1,6 miliardi di euro in cinque anni.

Secondo il Primo ministro, questo è un modo, per stimolare i progressi da compiere per raggiungere gli obiettivi del Millennio per lo sviluppo (OMD) da qui al 2015.

Il Premier ha annunciato che il Giappone si impegnerà a offrire fino a 4 miliardi di dollari di prestiti nell’ambito dell’APD, per aiutare i paesi africani a sviluppare dei settori come l’infrastruttura e l’agricoltura, e a fornire un appoggio finanziario di 2,5 miliardi di dollari, oltre la messa in opera del Meccanismo per l’investimento in Africa della Banca giapponese per la cooperazione internazionale (JBIC). Ha sottolineato altrettanto la volontà del Giappone di collaborare con i paesi africani e la comunità internazionale, per creare una Africa che vinca in un spirito di Afro-ottimismo.

I principali temi della TICAD IV:

1- Accelerare la crescita economica in Africa

Infrastrutture, Sviluppo agricolo, Commercio estero e investimenti, Scienze e tecnologie (Tic e insegnamento superiore)

2- Garantire la “sicurezza umana”

Sanità pubblica, Educazione, Sostegno alle comunità rurali, Accesso all’acqua salubre, Consolidamento della pace

3- Impegno sulle questioni ambientali e sul cambiamento climatico

Lotta contro la desertificazione

Maggio 2008, la quarta Conferenza Internazionale Sullo sviluppo dell’Africa ( TICAD IV) che viene a concludere i suoi lavori a Yokohama, è stato un successo, secondo le testimonianza della maggior parte dei capi di Stato e di governo che vi hanno partecipato. Molti di loro insieme a

rappresentanti della comunità internazionale, ritengono che questa conferenza è stata la migliore, più delle edizioni precedenti, che rimarrà un evento storico e indimenticabile per tutti . Intanto il Giappone cerca di agire in cooperazione con l’Unione africana, il NEPAD e le diverse organizzazioni economiche regionali nella prospettiva di aiutare i partenariati regionali e l’integrazione in Africa, come ha dichiarato il Primo ministro Yasuo FUKUDA.

Dichiarazione di Yokohama

La “Dichiarazione di Yokohama” che è stata presentata è stata adottata. Riassume i risultati ottenuti dall’iniziativa della TICAD nel corso dei 15 ultimi anni e conferma l’impegno politico senza faglia del Giappone e di altri partner a favore dello sviluppo dell’Africa. Il “Piano di azione di Yokohama”, definisce alcune misure per mettere in opera dalla via dell’iniziativa, nel corso dei cinque anni a venire, un “Meccanismo di controllo della TICAD”, per sorvegliare la messa in opera e valutare l’impatto. La Dichiarazione soleva (suscita) anche il fatto che il Giappone si è impegnato a presentare le conclusioni della TICAD IV al Summit del G8 che si terrà, nella prefettura di Hokkaido, nell’Isola di Toyako, nel nord del paese dal 7 al 9 luglio 2008.

Il cambiamento climatico è un argomento che il Giappone ha molto a cuore, visto la fragilità delle sue Isole ( circa 4000 di cui 4 le principali ), spesso esposte a una serie di calamità naturali (tifoni) in quasi tutta la regione. Ed è uno dei motivi, che porta il paese a farne la sua priorità nella lotta contro il cambiamento climatico, da quando è stato firmato a Kyoto il protocollo internazionale sulla riduzione dei gas a effetto serra. Il Primo ministro giapponese Yasuo, spera con il G8 di luglio, di poter pervenire a un consenso internazionale sulla riduzione dei gas (Co2), dopo la scadenza del protocollo nel 2012.

Il TICAD e il G8 sono due appuntamenti importanti per il Giappone, per rinforzare i partenariati tra i due continenti ( Asia e Africa) e cercare di mobilitare la comunità internazionale per sforzarsi a favore dell’Africa.

La TICAD a Yokohama, si scrive anche nell’ambito del 150° anniversario della città…

Anche se questo anniversario sarà formalmente celebrato nel giugno 2009. Yokohama è la seconda città e il primo porto del Giappone.

Che cosa è TICAD ?

La TICAD è la conferenza internazionale di Tokyo sullo sviluppo dell’Africa, creata nel 1993, è diventato il principale quadro di cooperazione tra l’Africa e l’Asia per le questioni di sviluppo- La TICAD è co-organizzata dal governo giapponese, il bureau del consigliere speciale del segretario generale dell’Onu per l’Africa, il programma delle nazioni unite per lo sviluppo (PNUD), la coalizione mondiale per l’Africa e la Banca mondiale che ha raggiunto i co-organizzatori della conferenza nel 2000.

Dal suo lancio (1993), tanti risultati importanti sono stati registrati nei campi della pace, dello sviluppo umano e nella riduzione della povertà attraverso la crescita economica. Era all’indomani della caduta del muro di Berlino, in una epoca in cui i dirigenti occidentali si interessavano di più ai paesi europei appena liberati dal comunismo che all’Africa.

La TICAD é un forum che si ripete ogni cinque anni, con essa, il governo giapponese rilancia un nuovo modello di cooperazione con l’Africa e spera accordare un vero posto allo sviluppo del continente.

La cooperazione tra l’impero nipponico e l’Africa si consolida sempre di più a livello diplomatico, cosa che imbellisce la sua immagine, come una risposta alla sfida con la Cina. L’Africa è diventata un nuovo polo strategico importante in termine geopolitico, non solo per l’Asia, ma del mondo. Visto l’abbondanza delle sue risorse naturali, è un continente potenzialmente ricco e il suo margine di progressione é enorme, come lo ricorda una nota autorità europea presente

durante i lavori. L’annuncio del raddoppio dell’aiuto giapponese è molto importante per il continente. Rispetto alla Cina, l’UE e il Giappone l’approccio è nettamente differente. La Cina opera con dei prestiti concessionari, invece per il Giappone e l’UE lavorano con degli aiuti. La gioia degli Africani per l’aiuto giapponese é tanta , ma resta di sapere quando arrivano questi fondi.

TICAD is an international conference wich has been held once in every 5 years since 1993. It is co-organised by the Japanese Goverment and UN agencies. A variety of actors mainly including leaders of African countries gather in Japan to seek the solutions for the challenges that the people of Africa face today. Civil society, however, has not been recognised so far as an official partner of TICAD. TICAD must listen to the voices of African peoples and come up with concrete measures to improve their lives.


Cerimonia della Consegna del Primo Premio dell’Africa Hideyo Noguchi

*Premio Hideyo Noguchi Africa

I partecipanti della TICAD hanno salutato il lancio del Premio Hideyo Nogushi Afrique, destinato a riconoscere, promuovere e integrare la ricerca nella medicina tropicale e le attività sanitarie in Africa. i primi Premi Hideyo Nogushi Afrique sono stati conferiti nel corso della conferenza. Il professore Miriam K. Were, della Fondazione UZIMA (Kenya) ha ricevuto il premio per i servizi medicali e il Dr. Brian Greenwood, della London School of Hygiene and Tropical Medicine

(R.-U.) quello per la ricerca medicale. I laureati in ciascuno di queste categorie sono dei specialisti riconosciuti alle attività sanitarie e alla ricerca medicale in Africa. La cerimonia di presentazione dei premi si è svolta in presenza di sua Maestà l’Imperatore e l’Imperatrice del Giappone.

*Il premio è all’onore del Dottore NOGUSHI, che effettuò dei lavori di ricerca

sulla febbre gialla in Africa.


Alcuni interventi dal Plenum

Mr. Robert B. Zoellick- President World Bank

Dr. Asha-Rose Migiro- Deputy Secretary-General of UN

H.E. Mr. El-hadj Omar Bongo- Presidente della Repubblica

Del Gabon

Plenaria del 28 Maggio 2008

Plenaria del 29 Maggio Mattina

Plenaria del 29 Maggio Pomeriggio

Plenaria del 30 Maggio Mattina

QUARTIERE CONGRESSI A YOKOHAMA FOTO M.BAQUARTIERE CONGRESSI A YOKOHAMA FOTO M.BA

INTERVISTE

Katsumi Yoshida Manager International Service Dept. National Headquarters Scout Association Of Japan

See you in Japan 2015

Scout Association of Japan

Is bidding to host the 23 rd - World Scout Jamboree

Yukichi Okazaki M.A Executive Director Education and International Affairs ASHINAGA A non-profit organization dedicated to Building international relationships among orphans ASHINAGA KOKORO-JYUKU RAINBOW HOUSE- Tokyo-Japan

Adolphe Kivudi Manu Conseiller en charge Des Communications et des Médias Cabinet du Premier Ministre RD Congo

Adagony Baudouin Euloge Attore Commediografo Del Giappone originario del Bénin Comedian & Actor, Talent

Louis Michel Member of the European Commission In charge of Development and Humanitarian Aid

Frun Muplesden Assistente International Tropical Timber (ITTO)

International Tropical Timber organization

(ITTO)

ITTO is an intergovernmental organization established to promote the conservation and sustainable management, use and trade of tropical forest ressources. With an estimated 1.0 billion hectares, Africa forest woodland constitutes about 20% of the world total. However, Africa’s enormous forest ressources are coming under increasing pressure resulting in serious deforestation (about 35% of the global total in 2000- 05), which in turn has led to significant loss of soil fertility, increased soil erosion, water depletion, soil and water pollution and loss of biodiversity. This can be attributed to the high popolation growth and poverty in the region. The increase in human popolation results in an ever-rising demand for forest ressources, on which

the economy and livelihood patterns in most rural communities largely depend.


Jean Pierre Mouranga Manager ETAFRICA Consulting & Expertises PECHES MARITIME ET AQUACULTURE Pointe-Noire République du Congo

Kiyoaki Katoh Social Democratic Party Professore Ph.D. Tokiwa University, International Studies Biotecnology, Biodiversity, Environment soybeans Nakano-Ku- Tokyo Japan Former FAO Biotecnology Officer

Mr. Gustave Assah Adovocacy and Social Mobilitation Officer of Social Watch Benin Chairman of C-CfA (Civic Commission for Africa) Presidente della Diaspora africana

Wangari M. Maathai Former Assistant Minister For Environment and Natural Ressources of Kenya

Kama Sywor Kamanda Professore Scrittore Congolese (residente in Luxembourg)


Shiratori Kurumi- Executive Director Africa Rikai- Ethiopia


Yuki Moriya Public Information Officer United Nations High Commissioner for Refugees (UNHCR) Representation in Japan


Minoru Obayashi Professor Ryukoku University Faculty of Economics Kyoto-Japan

Pierre Sombo Directeur De la Coopération décentralisée Camerun

Asha-Rose Migiro Deputy Secretary-General

United Nations. Già Ministro degli Affari Esteri , È la prima donna della Repubblica della Tanzania ad occupare questo ruolo fin dalla sua indipendenza nel 1961. Prima di questo ministero, era Ministro for Community Development, Gender and Children.

Obiageli Katryn Ezekuwesini Vice – Direttore World Bank

30.05.08

foto by m.bafoto by m.ba

Conferenza stampa finale