World Summit on Food Security Rome 16 - 18 November 2009

Pubblicato il 19 Novembre 2009

Altre pagine di questo documento:

  1. World Summit on Food Security Rome 16 - 18 November 2009
  2. World Summit on Food Security Rome 16 - 18 November 2009 - Le Conferenze Stampa -

Vertice mondiale della FAO sulla Sicurezza Alimentare

Il Vertice mondiale sulla Sicurezza alimentare, che si è tenuto dal 16 al 18 novembre 2009, nella sede dell’Organizzazione della FAO a Roma, ha raggruppato sessanta capi di Stato e di governo venuti da tutto il mondo, (soprattutto dall’Africa, dall’Asia e dall’America Latina), 191 ministri e 3646 delegati rappresentanti i 182 Stati, la Comunità europea e tante altre organizzazioni internazionali e regionali, con la presenza del Segretario generale delle Nazioni-Unite (ONU) Ban-Ki Moon e del Papa Benedetto XVI° .

foto by m.bafoto by m.ba

Un miliardo di persone soffrono attualmente di malnutrizione. L’Africa è uno dei continenti

più colpiti. Molte sono state le reazioni delle ONG, che hanno protestato contro le multinazionali, criticando il loro modo di utilizzare il cibo come mezzo di speculazione, chiedendo un sostegno ai piccoli agricoltori. Hanno manifestato davanti alla sede della FAO in piccoli gruppi, con i loro strumenti agricoli ed i loro prodotti. Reclamano ai governi di mantenere le promesse fatte al summit G8 dell’Aquila: ventidue miliardi di dollari su 3 anni per combattere la fame.

È ora di passare dalle parole ai fatti, operare per un mondo più prospero, più giusto, più sano, più equo e più pacifico.

Secondo il direttore generale Jacques Diouf, “Occorre agire subito, perché il povero e l’affamato, non può attendere a lungo”. Il cambiamento climatico è ancora un argomento da dibattere nell’ambito della sicurezza alimentare.

foto by faofoto by fao

Appello di Jacques Diouf

Serve maturare una coscienza solidale che consideri l’alimentazione, come un diritto universale di tutti gli esseri umani su questa terra, senza distinzione, né discriminazione, i capi di Stato non hanno obiettivi né i mezzi, per riuscire a sconfiggere la fame nel mondo.

foto by m.bafoto by m.ba

Intervista a Luca Zaia. Ministro delle politiche agricole alimentare forestali.Laureato in scienze della produzione animale alla facoltà di medicina veterinaria presso l'università degli studi di Udine.Nel 2009, poco prima del G8 dell'Aquila, ha presieduto nel Castelbrando di Cison di Valmarino il primo G8 agricolo, vertice che ha affrontato, tra l'altro, il tema della fame nel mondo.

photo by m.baphoto by m.ba

Eng. Seares Sambù Porta-voce Conselheiro Politico e Diplomatico Presidencia Da Repùblica - Repubblica della Guinea-Bissau.

photo by m.baphoto by m.ba

Dr. Flavio Valenti Secretary-General FIAN International Human Rights Organization www.fian.org

Boniface Vignon Giornalista Inviato speciale di Radio France internationale (RFI) -Service Afrique-Francia.

Amba Jamir Development Consultant & Director: The Missing Link (TML-INDIA) India-Representative of indigenous Peoples. Civil society/Non governmental organizations.

Enrico Bianchini Giornalista Corrispondente di “La Nostra gazzetta” Quindicinnale italiano in lingua russa.www.lanostragazzetta.it

Jeanne Verlinden Mouvement d’Action Paysanne “La Via Campesina” Representative of the Youth Belgium

photo by m.baphoto by m.ba
photo by m.baphoto by m.ba

Dr. John K. Mutungo Representative of peasants organizations Kenya National Federation of agricultural ProductionKENFAP-Kenya

Aksel Noerstad International Coordinator For “The more and Better Campaign” An International campaign for food, Agricolture and development Aid to eradicate hunger and poverty. Norway

www.moreandbetter.org

Salamao Luheto Xirimbimbi Ministro dell'Agricolutra e Pesca dell'Angola si intrattiene con i giornalisti

foto by m.bafoto by m.ba

L’assenza dei Leaders del G8 , detta “La sedia vuota” è stata fortemente deplorata sistematicamente dagli Altermondialisti. Muammar Ghaddafi il leader libico e Robert Mugabe, il presidente dello Zimbabwe erano le figure più in vista durante il summit…

L’Impegno del direttore generale è stato notevole, questa sua volontà di voler sensibilizzare l’opinione pubblica ed internazionale, attraverso il suo digiuno della fame e con una serie di spot nel quale dichiara: “Ogni sei secondi muore un bambino nel mondo”, 1000 ogni ora con una spaventosa esplosione demografica, che porta a un miliardo il numero degli affamati. I piccoli contadini ne soffrono di più.

Ed è la ragione che spinge allo sviluppo delle “bidonvilles” (baraccopoli), legato all’esodo rurale.

La maggior parte di questi si trasferiscono nei centri urbani alla ricerca di lavoro, là dove è già moltiplicata la povertà.

Questo mercoledì 18 novembre, la FAO ha concluso i suoi lavori con una dichiarazione adottata il 16 novembre, senza nessuna promessa in cifre, per la lotta contro la malnutrizione. Gli Stati si sono impegnati ad adoperare delle misure concrete ed ingenti, per mettere in opera la dichiarazione. Ci si auspica da qui al 2015, di riuscire a debellare al più presto la fame nel mondo. Secondo molti, l’esito di questo summit, non ha portato grande cambiamento, si è tornati a fare le stesse promesse. Nessuna novità. È un fallimento.

Ghaddafi:

Ha messo in guardia contro “un nuovo feudalismo in Africa”, dove le imprese straniere acquistano quantità ingenti di terre agricole. Ma la cosa più grave secondo lui, è quella delle semenze monopolizzate dalle imprese che lui considera “diaboliche”. Ledono (danneggiano)

il popolo africano dai suoi diritti.

Robert Gabriel Mugabe: “Alzate tutte le sanzioni contro il mio paese”.

Ban ki-moon: “Non ci sarà sicurezza alimentare senza sicurezza climatica”.

“Non prendere oltre quello che ti occorre”. Proverbio “Sami” (Artico).

1) Concetto di sicurezza alimentare: si parla di sicurezza alimentare quando tutti gli individui accedono in ogni momento a un cibo sufficiente, sano e nutritivo che gli permettono di soddisfare i loro bisogni energetici e le loro preferenze alimentari per svolgere una vita sana e attiva. I quattro pilastri della sicurezza sono: la disponibilità, l’accesso, l’utilizzo e la stabilità.

La dimensione nutritiva fa parte integrante del concetto di sanità alimentare.

“L’Acqua non è necessaria alla vita. È la Vita”. Saint-Exupéry.

Mio padre diceva:“Durante la vecchiaia, non serve soltanto, avere dell’acqua vicino, ma molte assistenze”).

Dedica:(dessin du dessinateur libanais)- Pubblicato sul giornale Le MondeDedica:(dessin du dessinateur libanais)- Pubblicato sul giornale Le Monde

“Non esiste nulla su terra che non sia creata Da Dio!”

Mon père disait: “Durant la vieillesse, il ne suffit pas seulement avoir de l’eau à ses co^tés, mais beaucoup d’assistances”. MB.


Dr. Gu Guanjun foto by m.baDr. Gu Guanjun foto by m.ba

Dr. Gu Guanjun Scienziato Consulente scientifico presso la FAO


David Halliman foto by m.baDavid Halliman foto by m.ba

David Halliman Rappresentante della Fao

Altre pagine di questo documento:

  1. World Summit on Food Security Rome 16 - 18 November 2009
  2. World Summit on Food Security Rome 16 - 18 November 2009 - Le Conferenze Stampa -
Argomenti: