XXVème Sommet Afrique - France Nice 31 Mai - 01 Juin

Pubblicato il 3 Giugno 2010
Logo del XXIIIème sommet Afrique-FranceLogo del XXIIIème sommet Afrique-France

Il XX° Summit Africa-Francia, si è svolto dal 31maggio al 1° giugno 2010 presso il Centro Congressi Acropolis di Nizza (Costa Azzurra). È l’Anno per l’Africa, della pace e della sicurezza, dopo i 50 anni d’indipendenza. Capi di Stato, Ministri capi di Governo e cinquantuno delegazioni di paesi africani hanno partecipato all’evento, insieme a rappresentanti dell’Unione Africana (UA), dell’Unione europea (UE), dell’Organizzazione delle Nazioni-unite (UN), dell’Organizzazione internazionale della “Francofonia” (OIF), dell’Organizzazione delle Nazioni-unite per l’Alimentazione e dell’Agricoltura (FAO), della Banca Mondiale, allargando la comunità ad altri paesi anglofoni. Trentotto paesi presenti.

photo by m.baphoto by m.ba
Sala Stampa Summit Africa Francia 2010   photo by m.baSala Stampa Summit Africa Francia 2010 photo by m.ba

Lo scopo di questo importante incontro, è di rinforzare le relazioni tra la Francia e l’Africa, per creare un “partenariato” più forte, affinché si possano riaffermare i principi fondamentali di legalità e di rispetto mutuale dell’indipendenza, della sovranità e dell’integrità degli Stati, tra l’Africa e la Francia. Accelerare rinforzando il processo d’integrazione, l’azione collettiva e la cooperazione per il bene comune dei loro Stati e dei loro popoli.

Chiamano alla riforma urgente del Consiglio generale di sicurezza delle Nazioni-unite (ONU), una riforma della “ Governance mondiale ”, poiché il continente africano possa aver la sua rappresentazione a livello delle istituzioni internazionali, al G20, come al G8, che la Francia presiederà prossimamente. Facilitare l’adesione degli Stati africani all’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC).

La lotta al terrorismo, al traffico di esseri umani, dei migranti, delle armi e della droga. Di trovare una soluzione ai rifugiati e accelerare il processo di democratizzazione in alcune zone di conflitto o a rischio nella regione. Il cambiamento climatico è di rigore nel dibattito, all’indomani dell’Accordo di Copenhagen, in vista della conferenza di Cancùn in Messico.

Il Summit ha visto la partecipazione delle forze vive francesi e africane, organizzazioni sindacali, imprese economiche, culturali, provenienti da tutto il continente. Ed è la prima volta che questo accade nella storia dei Summit “Françafrique”, diventato Africa-Francia.

Tre riunioni sono state svolte a porte chiuse con l’insieme dei Capi di Stato chi vi hanno partecipato.

I ministri dell’Economia insieme alle imprese africane hanno dibattuto sui diversi aspetti economici: l’ambiente degli affari, il finanziamento delle imprese in Africa, la formazione professionale, la responsabilità sociale e ambientale delle imprese, le risorse d’energia

per domani.

photo by m.baphoto by m.ba

L’Africa è confrontata alle nuove sfide geopolitiche, economiche e sociali, un paese in piena crescita, per un’Africa emergente. Il summit si è svolto su due piani: quello politico ed economico e quello del clima e dello sviluppo.

photo by m.baphoto by m.ba

Dunque è stato un summit storico, quello di Nizza, nonostante la furia dei cittadini che hanno avuto grossi problemi di viabilità nell’ area centrale di Nizza, per l’allargamento della zona rossa dove convergevano tutti i delegati della conferenza.L’allargamento del cerchio ai paesi anglofoni e “lusofoni” è stato cruciale, per il nuovo “partenariato” tra la Francia e l’Africa.

La Francia quanto detto non sarà più il “Gendarme” dell’Africa, secondo il presidente francese, Nicolas Sarkozy.

“Il fallimento dell’Africa sarà quello dell’Europa” - N. Sarkozy

Il summit di Nizza ha messo in rilievo il ruolo dell’impresa privata nello sviluppo economico

in Africa. Il prossimo si svolgerà fra tre anni in Egitto.

2010: 25° summit Francia-Africa è anche quello dei 50 anni d’indipendenza dei 17 paesi dell’Africa subsahariana.

photo by m.baphoto by m.ba

L’Africa, un continente di 53 paesi, è d’ora in avanti, un continente potente che si muove verso uno sviluppo forte all’ora del XXI° secolo, vista la sua potenzialità umana e demografica.

Sala Stampa Summit Africa Francia Nizza 2010 photo by m.baSala Stampa Summit Africa Francia Nizza 2010 photo by m.ba
photo by m.baphoto by m.ba
photo by m.baphoto by m.ba
Esterni Press Center Nizza photo by m.baEsterni Press Center Nizza photo by m.ba
Press Center Nizza - photo by m.baPress Center Nizza - photo by m.ba
photo by m.baphoto by m.ba
photo by m.baphoto by m.ba
photo by m.baphoto by m.ba

Summit Francia-Africa:

“Un legame duraturo”

Il Primo summit della France-Afrique, si è tenuto nel 1973, presieduto dal presidente

della Repubblica Francese Georges Pompidou…

C’erano sei capi di Stato africani : il presidente della Costa d’Avorio, Félix Houphouet Boigny -il presidente della Repubblica del Senegal, Léopold Sédar Senghor -il presidente della Repubblica del Niger, Hamani Diori -il presidente della Repubblica del Gabon, Albert Bernard Bongo (riconvertito- El-hadj Omar Bongo, ndr) il presidente della “Haute-volta”, Sangoulé Lamizana – (“Alta-volta”- prima di divenire Burkina-Faso, ndr), il presidente della Repubblica Centrafricana, Jean Bedel Bokassa

L’idea di fare un summit ogni anno, veniva dal presidente Hamani Diori, era un modo di

riavvicinare la Francia alle sue colonie africane; un modo di trovare insieme un accordo,

che poteva sul piano della cooperazione, rinforzare i legami tra la Francia e l’Africa; sia sul piano politico che militare , sia sul piano economico che sociale.

Il 24° Summit si era svolto

Nel febbraio a Cannes…

Il Presidente Abdoulaye Wade   - photo by melting potIl Presidente Abdoulaye Wade - photo by melting pot

Abdoulaye Wade Presidente del Senegal

Jonathan Goodluck - photo by melting potJonathan Goodluck - photo by melting pot

Jonathan Goodluck Presidente della Nigeria Il presidente Goodluck, ha prestato giuramento il 6 maggio scorso, all’indomani della scomparsa del suo predecessore, El-hadji Umaru Ya’Ardua. In realtà, in veste di Vice-presidente. Goodluck assume l’interim dal 9 febbraio 2010. Nato nel Sud, ha 52 anni, di religione cattolica, è laureato in zoologia, nonostante i conflitti intercomunitari e la corruzione, si appresta a preparare le prossime elezioni, che avranno luogo nel 2011.

photo by m.baphoto by m.ba
Didier Moulion  photo by m.baDidier Moulion photo by m.ba

Dr.Didier Moulion - Directeur De l’Institut africain du Médicament Sécrétaire général- Association Pharmaciens Africains de France- Editeur pharmacien-Africain Cameroun-Afrique

Christine Lagarde - Ministre de l’économie, de l’Industrie et de l’Emploi- Paris-France

Christine Lagarde  photo by m.baChristine Lagarde photo by m.ba
George Ewane e Mohamed Ba photo by Melting PotGeorge Ewane e Mohamed Ba photo by Melting Pot

George Ewane - Giornalista Chef de la cellule des Reportages du Président de la République du Cameroun (CRTV).

Nicole Suzia photo by m.baNicole Suzia photo by m.ba

Nicole Suzia - Journaliste Gabonese IC Production-New African African Bank-African Woman Parigi-Francia

John Rwangobwa -photo by melting potJohn Rwangobwa -photo by melting pot
John Rwangobwa -photo by melting potJohn Rwangobwa -photo by melting pot

John Rwangobwa - Ministro Dell’Economia Repubblica del Ruanda Kigali-Rwanda

photo by m.baphoto by m.ba
photo by m.baphoto by m.ba

Argomenti: , ,