28 MAR 2002

PRT: 38° congresso, intervista a Olivier Dupuis

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 43 min 28 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Il congresso del Prt si avvia tra polemiche e incertezze, ma Dupuis chiarisce l'importanza del progetto transnazionaleIl segretario del Partito radicale transnazionale ha risposto, in un'intervista realizzata da David Carretta, alle critiche rivoltegli da Marco Pannella nella consueta conversazione settimanale con Massimo Bordin di domenica scorsa.

Dupuis ha inoltre specificato i punti che caratterizzeranno il 38° congresso del Partito Radicale Transnazionale che si svolgerà a Ginevra dal 4 al 7 aprile.Le critiche avanzate da PannellaMarco Pannella non ha ancora confermato la presenza al
congresso di Ginevra, sostenendo che, secondo lui i dirigenti del Partito radicale transanzionale non ritengono necessaria la sua presenza.

"Per me non è certamente così, per gli altri membri della direzione neanche", ha chiarito Dupuis, che ha aggiunto di non capire "fino in fondo questa posizione di Marco", soprattutto dopo frequenti incontri nelle scorse settimane con il leader radicale."Non capisco fino in fondo - ha ribadito.

Evidentemente penso che la sua presenza sia estremamente importante e spero veramente molto che" nei prossimi giorni cambi idea, anche se c'è l'iniziativa "che sta portando avanti sul fronte italiano".

"Non so - ha aggiunto - quanto questo potrà influire ma spero vivamente che sarà presente a Ginevra durante il Congresso"Altra critica mossa dal leader radicale è che Olivier Dupuis avrebbe riscoperto la non violenza come strumento di lotta solo nell'ultimo anno e mezzo."Anche questo credo sia una ricostruzione un po' personale di Marco.

Credo che dimentichi un po' il lavoro fatto nel '95, '96, '97 su uno dei fronti prioritari indicati dalla mozione del congresso di Roma del '95, quella della battaglia tibetana.

L'idea del Satyagraha mondiale di un anno, proposta da Marco - ha affermato il segretario del Prt - va ricondotta a quel filone identificato nel '95, del Satyagraha mondiale per il Tibet.

Lo abbiamo dimenticato e lo dimentichiamo ma dal '95 al '98 su questo fronte di lotta prioritario sono state fatte cose abbastanza impegnative" "Emma Bonino sarà a Ginevra e ha lavorato molto per tentare di articolare e di sviluppare l'idea dell'organizzazione mondiale della democrazia e su quel fronte possiamo contare su un suo sostanziale e importante apporto così come su molti altri fronti".

Questa la risposta di Olivier Dupuis alla critica avanzata da Marco Pannella per cui né lui né Emma Bonino hanno avuto un ruolo determinante nell'organizzazione del congresso.Il 'caso Italia' e le polemiche con Radicali ItalianiAlcuni esponenti della direzione di Radicali italiani hanno denunciato la mancanza del caso Italia dai temi del Congresso di Ginevra, ma Dupuis ritiene che "sia una valutazione poco generosa, per non dire altro".Il segretario del Prt ha ricordato i suoi interventi e quelli di Emma Bonino alla Commissione Diritti Umani dell'Onu proprio per denunciare le 'anomalie' italiane.

"Non credo - ha comunque aggiunto Dupuis - che il caso Italia sia poi così diverso dal caso Francia o di tanti altri casi europei, credo ci sia un logoramento dei sistemi democratici".

In ogni caso "il caso Italia nella lotta contro la burocrazia è uno dei temi importanti" e "deve essere un tema del congresso e un tema d'impegno per il dopo congresso" 'Quarto Potere': necessarie nuove proposteSulla questione informazione e sul 'quarto potere' "abbiamo articolato bene le denunce ma non le proposte", ha evidenziato Dupuis aggiungendo che su questo "dovremmo trovare un momento di confronto anche con altri dopo il congresso, con esperti britannici o altri.

Chiaramente l'abolizione dell'ordine dei giornalisti e la privatizzazione del servizio pubblico sono fondamentali ma vanno concepite anche altre proposte"Libertà, diritto e non violenzaIl segretario del Prt ha chiarito inoltre che il 38° congresso dovrà concludere un periodo fecondo ma anche difficile, con un totale ricambio ai vertici.

Dovrà quindi costituire un momento per tirare le fila di un progetto quasi decennale che ha visto i radicali al fianco degli "oppressi del mondo e del proibizionismo".

"Abbiamo assunto degli impegni nei confronti dei laotiani, dei tibetani, dei Falun Gong, degli oppressi del mondo e degli oppressi del proibizionismo", in particolare è quello di offrire loro "lo spazio della politica".

Questi impegni "ci impongono dei problemi in termini di decisioni e di assunzione di responsabilità in questo congresso e ci pongono un problema molto difficile": "non possiamo una sommatoria delle esigenze di ciascuno di loro", ma "dobbiamo in qualche modo trascendere tutti questi obiettivi e trovare un filo conduttore, evidentemente ora non lo abbiamo".

Gli "elementi unificatori - ha spiegato il segretario del Prt - sono secondo me due: la questione dei diritti e delle libertà e la non violenza".Nello specifico Olivier Dupuis ha ricordato e rilanciato la questione della necessità di strumenti per il rispetto del diritto internazionale, quali "una Corte Costituzionale internazionale", la "mondializzazione della Corte europea per i diritti dell'uomo", l'idea della "globalizzazione dei diritti e della democrazia", che sarà di fatto il tema conduttore del congresso, e "la proposta di Emma per l'organizzazione mondiale della democrazia".

leggi tutto

riduci

  • La partecipazione di Marco Pannella al 38° Congresso Prt

    <br>Indice degli argomenti<br>
    0:00 Durata: 2 min 40 sec
  • Il 'caso Italia'

    0:02 Durata: 6 min 4 sec
  • Sospensione dello statuto e convocazione dopo 8 anni

    0:08 Durata: 4 min 16 sec
  • Il progetto politico generale e gli impegni con «gli oppressi del mondo e del proibizionismo»

    0:13 Durata: 8 min 31 sec
  • È possibile un Partito radicale transnazionale?

    0:21 Durata: 3 min 3 sec
  • La non violenza come strumento di lotta e la questione tibetana

    0:24 Durata: 6 min 57 sec
  • Il ruolo di Emma Bonino

    0:31 Durata: 56 sec
  • Un congresso di «cesura»

    0:32 Durata: 4 min 20 sec
  • Il congresso del Prt

    <strong>Argomenti correlati</strong><p>&nbsp;24.03.2002 - <strong>Nella conversazione settimanale con Marco Pannella</strong><br>
    1:22 Durata: 6 min 41 sec