FAQ

Radio Radicale

- Che cosa trasmettiamo

- Dove trasmettiamo

- Come siamo finanziati

- Non si tratta di un doppione di Gr Parlamento?

- Qual'è il legame con il Partito radicale?

- La musica

- Per partecipare ai fili diretti

- Come seguire la radio su internet

- Posso seguire la radio su internet?

- Come faccio a recuperare una trasmissione sul sito?

- Come faccio a sapere cosa sarà trasmesso?

- Posso ascoltare i programmi su smartphone e palmari?

Come usare l'archivio audiovideo

- Dopo quanto tempo un evento registrato viene pubblicato sul sito?

- Quanto indietro nel tempo va l'archivio?

- Come faccio a rintracciare una registrazione?

- Posso scaricare i vostri file?

- Cosa significa il messaggio Too Many Requests quando tento di scaricare un file?

- Cosa sono e come posso iscrivermi ai podcast?

- Posso riutilizzare vostri brani?

- Come funziona la trascrizione?

- Perché utilizzare il nuovo player HTML5?

- Verrà abbandonato il supporto al plugin Flash? 

- Quali sono dispositivi e browser supportati dal player HTML5?

- Non riesco a fruire un evento sul vostro sito

- Posso rendere pià veloce la riproduzione del contenuto? 

- Posso sottoporre un evento da registrare?

Radio Radicale

- Che cosa trasmettiamo

Il palinsesto di Radio Radicale ruota intorno ai lavori delle due Camere del Parlamento. La radio è obbligata dalla convenzione con il Ministero delle poste e telecomunicazioni a trasmettere nel corso dell’anno almeno il 60% delle sedute delle due Camere nella fascia oraria che va dalle 8 alle 21. Nel tempo residuo, Radio Radicale tenta di documentare anche l’attività di altre istituzioni così come i congressi, i festival e le maggiori assemblee di tutti i partiti politici, le assemblee e i convegni organizzati dalle maggiori associazioni del mondo del lavoro e dell’impresa, manifestazioni o conferenze stampa di particolare interesse, dibattiti e presentazioni di libri.
Esistono alcuni appuntamenti fissi nel palinsesto come la rassegna dei quotidiani Stampa e regime, i notiziari, e le rubriche. Ogni giorno i redattori della radio realizzano interviste con parlamentari, esperti e protagonisti della vita politica e civile.

- Dove trasmettiamo

Su gran parte del territorio nazionale. Le nostre frequenze si possono ricercare nella pagina Come ascoltarci

- Come siamo finanziati

Radio Radicale riceve ogni anno poco meno di 8 milioni di euro quale corrispettivo della convenzione con lo Stato per la trasmissione delle sedute del Parlamento, e 4 milioni di euro di contributo dal fondo per l’editoria in quanto riconosciuta dalla legge 7 agosto 1990, n. 230, “Impresa radiofonica che svolge attività di informazione di interesse generale”.

Radio Radicale è l’unico soggetto tra quelli che ottengono i contributi ad avere una rete nazionale (spende oltre 3,7 milioni di euro l’anno solo per la gestione tecnica della rete) ed è anche l’unica a destinare la quasi totalità del palinsesto per mandare in onda programmi di servizio pubblico. 

La legge 7 agosto 1990, n.230, oggi utilizzata come requisito per accedere al contributo editoria, riconosceva per il triennio 1990-1992, alle imprese radiofoniche private che svolgevano attività di informazione di interesse generale, un contributo complessivo di 20 miliardi di lire. Il contributo veniva concesso alle emittenti che nei tre anni precedenti avessero: trasmesso quotidianamente propri  programmi  informativi su avvenimenti politici,  religiosi,  economici,  sociali,  sindacali  o letterari per non meno di nove ore comprese tra le ore sette e le ore venti ed utilizzato esclusivamente  per  la  diffusione  dei  propri programmi,  in  ciascuno  dei  tre  anni,  almeno  60   impianti   di trasmissione  ubicati  in  almeno  35 province e in almeno 14 regioni italiane e che, quantomeno nel terzo anno, avessero esteso  il  numero di  impianti  al 50 per cento delle province e all'85 per cento delle regioni. Si trattava quindi di una norma che, di fatto, riconosceva il servizio pubblico svolto da Radio Radicale fino a quel momento.

Dal 1994 Radio Radicale si è aggiudicata la gara per l’assegnazione della convenzione per la trasmissione delle sedute parlamentari. 

- Non si tratta di un doppione di Gr Parlamento?

Radio Radicale costa allo Stato poco meno di 8 milioni di euro l’anno e non può trasmettere pubblicità. Di Gr Parlamento non esiste un bilancio pubblico. E’ parte dei servizi richiesti dal contratto di servizio.

ll servizio svolto da Radio Radicale è regolamentato da un contratto con il Ministero dello Sviluppo economico che prevede una percentuale minima di sedute da trasmettere, le modalità di separazione rispetto alle altre trasmissioni, l’invio mensile dei resoconti delle ore di trasmissione e la collocazione rispetto agli altri programmi. Il servizio svolto da Gr parlamento è regolato da tre righe del contratto di servizio e nessuna forma di controllo né di rendicontazione risulta essere prevista.

Radio Radicale rende disponibili tutte le sedute parlamentari in audio-video sul proprio sito dal 1998. Le sedute, dopo la diretta, vengono presentate in schede che rispettano la scansione delle varie fasi dei lavori parlamentari. L’aggiornamento avviene ora per ora, in tempo reale. Sul sito di Gr parlamento sono ascoltabili solo alcune rubriche dell’emittente.

Radio Radicale ha sempre svolto il servizio di trasmissione delle sedute parlamentari, molti anni prima della convenzione del 1994. Grazie a questo le prime sedute pubblicate su internet da Radio Radicale risalgono al mese di settembre del 1976. Per molti anni le registrazioni di Camera e Senato sono state realizzate solo da Radio Radicale. Il Parlamento provvedeva alla sola produzione dello stenografico e la Rai non realizzava nessuna documentazione integrale. 

Nelle fasce non occupate dalle sedute  parlamentari, Radio Radicale, al di fuori di qualsiasi finanziamento pubblico, documenta l’attività anche delle altre istituzioni, così come i congressi e i maggiori eventi di tutti i partiti politici, i convegni organizzati dalle maggiori associazioni del mondo del lavoro e dell’impresa, manifestazioni o conferenze stampa di particolare interesse, dibattiti e presentazioni di libri. Gli eventi registrati, che solo in minima parte trovano spazio nel palinsesto, sono fruibili via internet da qualsiasi utente. Il costo della sola produzione esterna, della archiviazione e della pubblicazione integrale su internet degli eventi esterni supera i 2 milioni di euro l’anno. Nessuna attività del genere è effettuata da GR Parlamento.

- Qual'è il legame con il Partito radicale?

Radio Radicale è di proprietà del Centro di Produzione s.p.a. il cui socio di maggioranza è l'Associazione politica lista Marco Pannella che detiene il 51,91% delle azioni. 

- La musica

Radio Radicale si caratterizza per l’assenza totale di spazi musicali commerciali. Gli stacchi tra un programma e l’altro sono riempiti con musica da requiem, scelta che risale alla campagna radicale contro lo sterminio per fame nel mondo, quando il Partito radicale decise di abbrunare in segno di lutto il proprio simbolo. La radio iniziò allora a trasmettere brani di messe da requiem per ricordare le centinaia di persone quotidianamente sterminate dalla fame e dalla denutrizione. Le musiche trasmesse sono quindi brani delle messe da requiem di Mozart, Verdi e Fauré.

- Per partecipare ai fili diretti

Per poter porre le proprie domande in diretta durante le trasmissioni di filodiretto con gli ascoltatori occorre telefonare allo 064880541.

Come seguire la radio su internet

- Posso seguire la radio su internet?

Su questo sito internet è possibile seguire in diretta la programmazione di Radio Radicale. Puoi ascoltarci avviando il player "Ora in onda" in alto a destra o dalla pagina specifica delle dirette.

- Come faccio a recuperare una trasmissione sul sito?

Cliccando sulla voce “riascolta” nel menù rosso in alto sotto la testata si accede alla sezione dove è possibile recuperare l'intero palinsesto diurno odierno e dei giorni precedenti. Tutti gli eventi esterni, tutte le rubriche e molte delle interviste sono inoltre archiviate e pubblicate singolarmente sul sito. Attraverso le voci “archivio”, “radio” e “agenda politica” del menù o utilizzando il motore di ricerca è possibile ritrovarle.

- Come faccio a sapere cosa sarà trasmesso?

Sotto la voce “palinsesto” del menù è possibile conoscere il palinsesto quotidiano di Radio Radicale. Gli orari indicati possono essere soggetti a cambiamenti dato che le dirette dal Parlamento o da altri eventi non consentono sempre di poter prevedere i tempi esatti di durata,

- Posso ascoltare i programmi su smartphone e palmari?

E' possibile fruire dello streaming audio e video con i dispositivi mobili supportati. Sui dispositivi mobili non è abilitato l'avvio automatico, come consigliato dalle stesse piattaforme mobili per evitare un uso involontario della banda per la connessione dati utilizzata. 
Per la migliore riproduzione su iPhone e iPad è necessario disporre di una versione con iOS 8.0 o superiore.
Per avere la migliore esperienza con i dispositivi Android è necessario disporre della versione 4.4 o superiore ed utilizzare il browser Chrome aggiornato. Per i dispositivi Android 4.1 - 4.2 - 4.3 possono verificarsi dei problemi nel puntamento al secondo preferito, questo è dovuto al limitato supporto dello streaming nelle precedenti versioni di Android. 

A tutti gli altri dispositivi viene invece data la possibilità di usufruire dello streaming tramite protocollo RTSP (compatibile anche con VLC Mobile). 

Come usare l'archivio audiovideo

- Dopo quanto tempo un evento registrato viene pubblicato sul sito?

Solitamente nel giro di poche ore, il tempo di indicizzare gli interventi e inviare i file al server.

- Quanto indietro nel tempo va l'archivio?

I primi eventi registrati risalgono alla seconda metà degli anni Settanta, in corrispondenza con l'avvio dell'attività di archiviazione delle registrazioni della Radio.

- Come faccio a rintracciare una registrazione?

Attraverso la voce del menù "Archivio" o attraverso il motore di ricerca è possibile rintracciare tutte le registrazioni audiovisive contenute nel nostro archivio.

- Posso scaricare i vostri file?

Oltre alla fruizione dei nostri file tramite il nuovo player Flash/Html5, sono disponibili i download dei file audio di Stampa e Regime, di tutte le Rubriche e dei Processi, oltre alla possibilità di scaricare i files della sezione Riascolta. Tutte le rubriche sono inoltre disponibili tramite il servizio Podcast.  Come già avveniva in passato, dopo 3 settimane dalla creazione delle schede i files non saranno più scaricabili. 

Attualmente sono attivi i podcast per le rubriche della radio ed è possibile scaricare i file delle singole trasmissioni, così come le registrazioni dei processi. In futuro saranno disponibili anche per altre tipologie di contenuti. A breve torneremo a rendere disponibile il download dei nostri file attraverso una procedura di richiesta

- Cosa significa il messaggio Too Many Requests quando tento di scaricare un file?

Nel caso in cui tentando di scaricare un file si aprisse una pagina con il messaggio Too Many Requests significa che hai raggiunto il limite massimo di file scaricabili. Il limite scatta quando in un periodo breve di tempo lo stesso utente scarica un numero elevato di file ed è impostato per impedire lo scaricamento massivo di file da parte di macchine programmate per questo. Dopo poco tempo sarà possibile scaricare nuovamente.

- Cosa sono e come posso iscrivermi ai podcast?

Il podcasting è un sistema che permette di abbonarsi ad una trasmissione e scaricare in modo automatico il file audio o video sul proprio dispositivo. Puoi abbonarti ai podcast con iTunes nella pagina dei Podcast di Radio Radicale su iTunes Store.

Se vuoi utilizzare un programma a tua scelta per il podcast puoi procedere in questo modo:

  1. - devi scaricare uno dei software gratuiti per il podcasting
  2. - copia dal nostro sito, dalla pagina delle rubriche, il link che si trova sull'icona "podcast" (per copiare il link usa il tasto destro del mouse e seleziona "copia collegamento")
  3. - lancia il programma che hai scaricato e inserisci nello spazio relativo ai Podcast il collegamento precedentemente copiato.

- Posso riutilizzare vostri brani?

Sì, citando la fonte secondo quanto previsto dalla licenza Creative Commons da noi adottata: https://creativecommons.org/licenses/by/2.5/it/

- Come funziona la trascrizione?

La trascrizione avviene in modo automatico attraverso un software in fase di sviluppo. Questo implica la presenza di molti errori per cui la trascrizione non può essere considerata affidabile. Tuttavia è possibile cliccando sul testo ascoltare il brano originale in modo da poterne verificare la correttezza.

Le trascrizioni sono azionabili anche dal player attraverso lo standard webvtt, rendendo così i file audiovideo accessibile anche a utenti audiolesi.

- Perché utilizzare il nuovo player HTML5? 

HTML5 ci consente di fornire contenuti audio e video ai browser web senza l'utilizzo di plugin di terze parti come Adobe Flash, migliorando le performance e il livello di sicurezza dei nostri utenti.

La migrazione di tutte le schede del sito per l’utilizzo del nuovo player HTML5 avverrà gradualmente nel corso dei mesi.

Verrà abbandonato il supporto al plugin Flash?

Tutti i principali browser stanno limitando l’uso dei plugin come Adobe Flash Player, a causa di numerose vulnerabilità, problemi di sicurezza e di performance, e già nel corso del 2016 i browser come Firefox e Chrome ne stanno ostacolando l’utilizzo. 

In questa fase non viene rimosso il supporto al plugin Flash, ma abbiamo avviato una migrazione per il completo supporto ad HTML5.

Quali sono i dispositivi e i browser supportati dal player HTML5 di RadioRadicale?

Abbiamo testato e verificato il funzionamento del nostro player HTML5 con le principali piattaforme: Mac, Windows, Linux, smartphone e tablet Android ed iOS. 

Il player HTML5 è attivo in automatico per i seguenti browser:

- Chrome 34+ Desktop e Android 4.1+

- Edge Desktop (Windows 10)

- Safari Desktop e iOS

gli altri browser, come Firefox e Internet Explorer, continueranno ad utilizzare il plugin Flash (necessaria la versione 11.2 o superiore). 

Nei prossimi aggiornamenti verranno supportati anche altri browser. 

- Non riesco a fruire un evento sul vostro sito

Per i computer desktop (Mac/Windows/Linux) che non hanno un browser compatibile con il nostro player HTML5, è necessario aver installato Adobe Flash versione 11.2  o superiore. 

Se utilizzi Firefox segui questa guida-tutorial con i tutti i consigli per l'aggiornamento e la risoluzione di problemi (Leggi).

Inoltre per avere a disposizione tutte le funzionalità di questo sito è necessario abilitare Javascript. Qui ci sono tutte le istruzioni su come abilitare JavaScript nel tuo browser.

Il nostro sito è visualizzabile correttamente con le ultime versioni dei browser Firefox, Chrome, Safari, Internet Explorer ed Opera, mentre Internet Explorer versione 8 non è una versione supportata. A chi ha difficoltà con la visualizzazione del sito consigliamo anche l'aggiornamento del browser all'ultima versione disponibile. 

Per i dispositivi mobili vai alla domanda Posso ascoltare i programmi su smartphone e palmari?

Posso rendere più veloce la riproduzione del contenuto?   

Sì, puoi utilizzare il pulsante “1,5X” che trovi nella barra dei controlli del player, visibile e selezionabile solo utilizzando uno dei browser HTML5 compatibili, ad esclusione dei terminali  Android (in quanto questa funzionalità non ha ancora un pieno supporto).

Utilizzando la modalità di riproduzione 1,5X il media viene riprodotto del 50% più velocemente rispetto alla velocità originale.  

- Posso sottoporre un evento da registrare?

Sì, ma la quantità elevate di eventi che seguiamo per motivi istituzionali ci impedisce spesso di seguire altri eventi. Siamo sempre disponibili ad acquisire, indicizzare e mettere a disposizione permanentemente su internet eventi di interesse pubblico registrati da altri.