05 NOV 2010
dibattiti

Perché il testamento biologico è un progresso civile. Prendendo spunto dal libro di Amato De Monte e Cinzia Gori "Gli ultimi giorni di Eluana"

DIBATTITO | - Firenze - 14:54 Durata: 3 ore 21 min
Scheda a cura di Delfina Steri
Player
Registrazione audio del dibattito dal titolo "Perché il testamento biologico è un progresso civile. Prendendo spunto dal libro di Amato De Monte e Cinzia Gori "Gli ultimi giorni di Eluana"", registrato a Firenze venerdì 5 novembre 2010 alle ore 14:54.

Sono intervenuti: Maria Grazia Campus (commissione di Bioetica della Regione Toscana), Maurizio Mori (presidente della Consulta di Bioetica), Monica Sgherri (presidente del Gruppo Consiliare della Federazione della Sinistra - Verdi della Regione Toscana), Mauro Romanelli (consigliere regionale della Toscana, Federazione dei Verdi), Valentina
Piattelli, Enrico Bertrand Cattinari (membro dell'Associazione Liberauscita), Gianni Baldini (membro dell'Associazione Liberi di decidere, Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica), Marco Accorti (Rappresentante UAAR), Amato De Monte (medico), Mariella Orsi (vice presidente della Commissione di Bioetica della Regione Toscana), Paola Innocenti (Direttore della U.O. di Neuroanestesia e Neurorianimazione - AOU Careggi), Cinzia Gori (infermiera), Elena Nave (collaboratrice alla cattedra di Bioetica dell’Università di Torino), Antonio Panti (presidente dell’Ordine Provinciale dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri di Firenze).

Tra gli argomenti discussi: Associazioni, Ateismo, Bioetica, Coscioni, Costituzione, Diritti Civili, Diritti Umani, Englaro, Etica, Eutanasia, Laicita', Liberta' Di Cura, Salute, Testamento Biologico, Welby.

La registrazione audio di questo dibatto ha una durata di 3 ore e 21 minuti.

leggi tutto

riduci