13MAG2013
intervista

Intervista a Marco Causi sul pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione

INTERVISTA | di Alessio Falconio Roma - 00:00. Durata: 5 min 27 sec

Player
"Intervista a Marco Causi sul pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione" realizzata da Alessio Falconio con Marco Causi (deputato, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata lunedì 13 maggio 2013 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Amministrazione, Camera, Commercio, Crisi, Economia, Governo, Impresa, Letta, Parlamento, Stato.

La registrazione audio ha una durata di 5 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Marco Causi deputato del
Partito Democratico del relatore del provvedimento di legge sui debiti della pubblica amministrazione il rimborso di una parte di questi debiti il provvedimento che ha concluso il proprio iter nell'ambito della Commissione Bilancio di Montecitorio e che domani apro dall'Aula per essere licenziata nonché tempi cause secondo ricordiamo le novità sul principale di questo testo
Sul piano politico la cosa che mi piace ricordare che
Il testo del provvedimento emendato che è stato già approvato dalla Commissione bilancio dalla Camera senza nessun voto contrario
Quindi
Alcune opposizioni sostenute Cinquestelle lega
Sale addirittura avuto favore quindi questo già dimostra che il provvedimento approvi approda domani al nell'Aula di Montecitorio
Con un sentimento fortemente favorevole perché si tratta di una manovra molto importante proprio perché i netta quaranta miliardi di liquidità aggiuntiva nel sistema economico italiano tramite il
Pagamento dei debiti arretrati dei debiti commerciali arretrati delle pubbliche amministrazioni nei confronti delle imprese
Quindi io mi auguro anche che l'esame
Piste questi presupposti politici mi auguro che l'esame del provvedimento da parte loro sia veloce
Spero che si possa concludere già domani sera al massimo mercoledì anche perché ricordiamocelo dobbiamo combattere questo decreto entro il sette giugno insomma poi decade
E ella d'urgenza dell'importanza di questa manovra espansiva alla prima va a scuola realmente espansiva che facciamo da anni riconosciuto tutti da tutti e se è un primo
Segnale espansivo ossigeno per un'economia spesso boccheggiante nell'
Ed è un
Tanto si gioca quaranta miliardi non sono pochi
Tra l'altro ho visto che si sa che l'ammontare dei debiti commerciali ormai accumulatisi e superiore a quella cifra e anche i primi dati di attuazione del provvedimento ci dicono che profonda disponibili sono superati dalle richieste
Da parte di comuni province regioni e amministrazioni statali
è importante fin d'ora già pensare a una fase due
Uno degli emendamenti che sono stati approvati oggi esso distribuire il testo dicono che la fase due parte
Dal quindici settembre da quando quindi ci sarà il Censimento a questo punto
Omnicomprensivo dei debiti dovuti alle imprese
E e che questa fosse due potrebbe essere poi scritta accesa la scritta l della legge di stabilità e userà adeguato operazioni finanziarie quindi non sarà necessariamente le missioni di altri titoli del debito pubblico
Non potrà essere organizzato tramite adeguato prossime finanziarie che possono può addosso cercare la liquidità aggiuntivo sui mercati interbancari e sui mercati finanziari generale
Quindi sono operazioni poco quello che ha fatto la Spagna in cui
Questi
Crediti delle imprese adeguatamente certificati e coperti da adeguata garanzia dello Stato diventano
Un investimento quindi a basso rischio per operatori bancari in un caso si potrebbe pensare anche
Ha un ruolo di garante di ultima istanza da parte della Cassa depositi e prestiti questa fase due professato ancora scritto in termini operativi copertura chiesto tempo presso uso esaminarla ma abbiamo introdotto nel provvedimento
La la prospettiva che da qui a settembre si apre con una fase che quindi porterà l'ammontare di vita al di sopra dell'attuale profondi quaranta miliardi tutti la domanda
Per grandi linee quali sono i parametri in base ai quali si si sceglie
Quali debiti rimborsare ovviamente che non esaurendo l'intera platea e l'anzianità del debito l'anzianità anzi dell'ATER segrete buchi del pagamento e ci sono due canali
Un canale quello dei comuni che hanno già le risorse che non hanno potuto spendere nel corso di questi anni per il progressivo irrigidimento dei vincoli del patto di stabilità
Un secondo canale sono quelli e quelli invece
A cui potranno accedere le amministrazioni che invece non dopo puliti dita e e sarà il Tesoro Repubblica ad anticipare
Quindi a concedere delle anticipazioni con cui questa Amministrazione poi pagano le imprese e che poi queste amministrazioni ripagherà fino a poco poco alla allo Stato con un adeguato piano di ammortamento più rilevanti
I primi soldi quando verranno materialmente saranno e la disponibilità
Ebbe il riparto per i Comuni quindi riparto dei fondi che vengono sbloccate i Comuni col Patto di stabilità con i soldi che già i Comuni hanno in cassa
Sarà fatto il quindici maggio quindi fra pochissimi giorni
E quindi su questo riparto e io credo che privatamente le imprese potranno arrivare già giova entro fine mese
Per quanto riguarda le anticipazioni ci sono già
Ben diciassettemila amministrazioni sul ventimila
Che si sono accreditate sulla banca dati centrale ci sono già nove regioni che hanno concluso l'accordo con il Ministro dell'economia per questi piani di ammortamento e quindi credo che anche su quel versante sicuramente prima delle stati sinceramente prezzo
Grazie a Marco Causi deputato del Partito Democratico grazie