25LUG2014
stampa

Piano eliminazione barriere architettoniche: Torino, anno zero? - Conferenza stampa Associazione Aglietta e Associazione Coscioni

CONFERENZA STAMPA | Torino - 12:30. Durata: 32 min 31 sec

Player
Con l'ausilio di un video girato alle fermate dei mezzi pubblici, vengono illustrate le criticità rilevate in merito alle barriere architettoniche esistenti in città e le iniziative che i radicali intraprenderanno nei prossimi mesi, a partire dalla richiesta che la Città di Torino si doti finalmente del Piano per l'Eliminazione delle Barriere Architettoniche (PEBA), previsto dalla Legge n.

41 del 1986.

Registrazione video della conferenza stampa dal titolo "Piano eliminazione barriere architettoniche: Torino, anno zero? - Conferenza stampa Associazione Aglietta e Associazione Coscioni" che
si è tenuta a Torino venerdì 25 luglio 2014 alle ore 12:30.

Con Giulio Manfredi (segretario dell'Associazione Radicale Adelaide Aglietta di Torino, Radicali Italiani), Domenico Massano (membro della Giunta di Segreteria dell'Associazione Radicale "Adelaide Aglietta" di Torino, Radicali Italiani), Alessandro Frezzato (componente del Consiglio Generale, Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica), Nicola Vono (membro della Giunta di Segreteria dell'Associazione Radicale "Adelaide Aglietta" di Torino, Radicali Italiani), Domenico Massano (membro della Giunta di Segreteria dell'Associazione Radicale Adelaide Aglietta di Torino, Radicali Italiani), Giulio Manfredi (segretario dell'Associazione Radicale "Adelaide Aglietta" di Torino, Radicali Italiani), Roberto Frezzato.

La conferenza stampa è stata organizzata da Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica e Associazione Radicale "Adelaide Aglietta" di Torino.

Tra gli argomenti discussi: Aglietta, Associazioni, Comuni, Coscioni, Disabili, Legge, Malattia, Piemonte, Radicali Italiani, Regioni, Salute, Servizi Pubblici, Torino, Trasporti.

Questa conferenza stampa ha una durata di 32 minuti.

Oltre al formato video è disponibile anche la versione nel solo formato audio.

leggi tutto

riduci

12:30

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno a tutti iniziamo questa conferenza stampa diverse relazioni radicale dell'Italietta naturalmente gli organizzatori sono costituzionali dieta deduzioni Luca Coscioni
Io sono Giulio Manfredi direzione radicali italiani Segretario assunzione maglietta
La mia sinistra c'è Alessandro forzato della diretta ma anche del Consiglio generale la soluzione di qualcos'ogni alla mia destra Domenico massaggio collaborasse con la soluzione Aglietta
è una situazione più a Coscioni e Nicola Bono
Chiede l'aggiunta di segreteria della soluzione Aglietta
Io dico pochissime parole e sono contento di dire pochissime parole perché l'iniziativa è stata fatta da Alessandro Nicola e Domenico
Poche parole
Siamo
Natura suoniamo sembra sullo spartito come radicali
C'è una legge dell'ottantasei non rispettata e quindi c'è un problema
Di rispetto e la legge ma non è solo un problema formale come
Si potrà vedere chiaramente anche dal video che Domenico o Nicola restando hanno predisposto
L'inadempienza e la legge a ricadere pesantemente sulla vita delle persone dei diversi in questo caso i diversi sono Nicola e Alessandro che appunto non a cui è impedito cose elementari come l'accedere a una fermata per salire su un pullman questo accade non del del Burundi ma da nella Torino debiti due mila quattordici
Quindi ma per spiegare bene tutto do la favola a Domenico che appunto è un po'il deus ex machina la macchina dell'iniziativa e quindi se spiegare molto meglio di me ma Paola Domenico Massaro
Grazie Giuliano brevemente che cosa sogni tema iper Bassani piani per l'eliminazione delle barriere architettoniche previsti dalla normativa dell'ottantasei la legge quarantuno dell'ottantasei che all'articolo trentadue
Prevedeva che tutte le amministrazioni competenti dovessero dotarsi di piani di eliminazione delle barriere architettoniche entro un anno dall'entrata in vigore della presente legge
Per il gli interventi di competenza dei Comuni delle Province trascorso il termine previsto ossia nell'ottantasette le Regioni e le vince autonome di Trento e Bolzano nominano un commissario per l'adozione dei piani di eliminazione barriere architettoniche presso certo ciascuna amministrazione
Ossia cosa ci dice la normativa che nell'ottantasei i Comuni avrebbero dovuto dotarsi di questi Piani entro l'ottantasette se non fosse successo le Regioni avrebbero tutto commissariare i Comuni inadempienti
Non è successo senonché qua in Piemonte andando un po'a recuperare nostra storia nell'ottantasette la Regione invio ben consapevole delle proprie responsabilità diverse lettere circolari per sollecitare la predisposizione dei piani ad amministrazioni competenti
Queste le tre circolari andarono inascoltate nulla venne fatto la Regione però continuo con la collaborazione dell'ANCI
Di cui
L'attuale sindaco di Torino e anche attualmente Presidente lanci promossa e un'indagine su tutti i Comuni piemontesi mille duecento Comuni alla quale i Comuni risposero circa novecento non tutti
E alla fine di quest'indagine i Comuni chiamano adottato un piano per l'eliminazione erano circa venti
Ma non un Piano adottato un'ipotesi di piano di queste ipotesi dodici corrispondevano a quello che poteva essere un piano a oggi non sappiamo quanti piani effettivamente siano stati adottati quante delibere di adozione del Piano ci siano state
Il la Regione continuo con le sue iniziative iniziative formative iniziative di promozione organizzano addirittura un convegno
Nell'ottantanove i cui atti sono stati pubblicati nel novanta la pubblicazione di questi atti e l'ultima cosa che ufficialmente ci dato conoscere dei piani Perini azione delle barriere architettoniche
Che cosa veniva detto dalla Regione cioè al di là di quello che ne possiamo pensare e dire o la Regione
Poneva alcune caratteristiche nel nei suoi documenti di pubblicizzazione diceva il Piano uno strumento di pianificazione necessario che va predisposto in modo chiaro e completo
Perché perché il Piano permetterebbe una mappatura di tutte quelle che sono le barriere presenti sul territorio una mappatura che il primo passo per predisporre poi delle politiche di abbattimento
Razionali concrete e con una programmazione di lunga durata e che non scadono col mandato politico
Un'iniziativa di cultura di promozione culturale e di acquisizione anche di cultura
Tanto che nel nella presentazione di di quello che doveva essere il piano la Regione nel mille centonovanta ricordo la Regione diceva
In conclusione l'accessibilità è un concetto che scaturisce da menti sgombra da barriere concettuali barriere queste profondamente radicati noi e quindi molto più difficili da rimuovere rispetto a quelle fisiche che ci circondano in modo visibile
Le prime barriere erano e continua a essere quelle politico-culturali bisogna superarle e bisogna uscire dalla situazione di illegalità
La normativa dell'ottantasei è stata ampliata dalla legge centoquattro del novantadue
Che testualmente citava
I piani di eliminazione Bari architettoniche devono essere modificati ampliandone la portata l'accessibilità di tutto il tessuto urbano
Modificare qualcosa che non esiste una circolo questione che purtroppo dal peso di quella che la nostra situazione una norma che usciva se anni dopo non poteva che dire bisogna modificare
Prevedendo presupponendo l'esistenza di qualcosa che mancava non so Satie fatti paghi piani tanto meno le modifiche agli stessi ricordo in ultimo che il piani programma nazionale biennale di azione sulla disabilità varato l'anno passato che per il biennio o dal due mila tredici al due mila e quindi ci dovrebbe orientarci su tre politiche sulla disabilità richiama i piani per l'eliminazione delle barriere architettoniche
E evidenzia
Quella che è una carenza trasversale su tutta la nazione ossia l'assenza degli stessi mari richiama nel loro valore di strumenti importante per una pianificazione è un'effettiva alcune un effettivo avvio di politiche per la rimozione di tutte le barriere
L'accessibilità ai diritti tutti i cittadini l'accessibilità è un patrimonio comune è un qualcosa che ci prete farle così insieme l'accessibilità e quello che permette alle persone con disabilità di avere la possibilità di partecipare
Ma l'accessibilità anche quello che permette a tutti quanti di poter sviluppare delle iniziative insieme le persone con disabilità
Nel senso che bisogna ricordarsi che c'è sempre la doppia faccia della medaglia la cultura dell'accessibilità cultura inclusiva che permette a tutti di farle così insieme a tutti è una cultura che riguarda tutti quanti
Non sono una parte la parte fa parte del tutto questo dovrebbe essere in modo in cui si inizia a ragionare in termini di cultura inclusiva
E il valore dei peli ma anche da questo punto di vista un'enorme portata di tipo culturale più sia spetta più questa cultura inclusiva fatica ad arrivare
Grazie come Eniko esaustivo come al solito
Per
La parola è stato forzato informando di questo che Alessandro
A arriva la comune di Torino dove ha presentato anche un'istanza al Sindaco Fassino Presidente dell'ANCI anche
Ma perché come Sindaco attui predisponga finalmente questo per banche statali copiamo lo piano per l'eliminazione dei vari architettoniche restando ci parli di questo
Quindi
Pagina incarna staccando maniera strana situazione come massoniche
Presentazione bindiani bene eliminazione del miele elettroniche tema
Tra
Si era in campo mese esame
Entro i termini
Incardinare
Anche a chi arriva non è una
Spagna iniziativa se questo è un tema
Rimini basico Anna lei o fondi una strano studenti guarentigie
Torniamo anno prima sembrano Howard designare chi vive in ordine simili indiano i mezzi pubblici
Nella
Giannone Grameen già lembo calmiamo insieme era
Barriere è ingaggiare ingenti sia nel iniziamo un minore
Che nelle stesse
Mesi vive
Bene a Londra schema sentirà mi
Chiedere salvo ma no fa la chiama e anche lei dei semafori quindi è
E ora andiamo
Realizzando ESA Rezza Sammarco
è una bella
Che ammonta a cena inizio ognuna ognuna incentivate Tagliavanti andiamo
Senta M. pagheranno ed azioni di una deliziosamente non banale è una canzone Rino quindi sanno tante donne io diversi anni approvazione nelle aree in generale
Quante altre sei spendeva bomba
Questa è una
Negli anni quasi l'undici comuni
è una mia no nei comuni e
Strumenti italiane sì e no scellini annuale direi iniziale che non abbiano
E la Cina India nelle
Nei canili spese risolta slancio Spagna rosa pieno amente rende nostra Strangio fuorilegge
E anche in materia diritti civili nell'emersione Resemi rinvia in questo caso
Per sanzione Fasciani no idee nell'ambito
Rigenerare del cioè affermazione IGM scadenti riserve indiane quindi al Madison una campagna
Però in terra situazione lì azioni giudiziarie per sennò quindi di un'altra
Ad agire in
In giudiziale
Il rappresentante era persona Vissani vecchie
Se ne sta anche a noi degli enti locali destinazione Varenne eccetera
Vorrei in genere dove siamo naso amiamo un'anomalia calmare insegna sessantasette del
Mila e sei gli enti
Che i fondi già Grecia pancia vicino e azioni
Nicola francese persone riserve indiane Siram Angeli Edipo undici araba Angelini Pira anch'io persone fisicamente
Indaga magna tange anche noi esclusi si sente in tribunale non in tribunale
A Roma accogliendo una sparse nella
Cioè la sanzione
Tra un anno Antonio ci sono i miei romanzi vanta rendere accessi indire e non se ne va in Iran l'accendi ENI pressione indiane una trainante che hanno mostrato
Quindi
Risente è
Regna sembra già un anno richieste aveva stesse Nocioni
Vaste iraniana che non serve ogni anno anche verrà mandamenti
Qui signor Cavallari nella fanghi di una
Personale
La signora Giovanna residui incanto
è unendo in mente e anche a risentire ad personam indiani significa
Lasciar sono
Economici ma
Smart lungo maniere varie
Quindi e anche di sentire
Ce n'è uno quindi cioè mesi
Come fanghi quello
Ter frazionale l'INVIM la Wagen rendendo
Amministrazioni comunali e provinciali italiane è anche voi no nere non c'è anche
Sangue cinemino valersi vinte
Prescrizioni
Volevo accesi alla generazione chiesta guadagna con grosse e nazionale rimanga
Lunghissimi anni John esaurita
Italiani quindi
Quindi criminose non ammissivo lì irrazionale questione tema che
Un jumbo negli anni questione in giorni crisi economica emesso anche è una
Mi venisse no secondario ma cinquanta notissime Bessone c'erano eccetera
Questo è un mistero non meno anche viene dovrebbe essere insieme Santo esuberante
Massimamente avrà che ancora non
Sturba man mano
Ieri sono già viola Sommese livelli
E numerosa
Grazie
Grazie alle stando allora per le considerazioni conclusive la parola a Nicola buono
Grazie giudice
Ma inizio
Subito contraddicendo il mio segretario Manfredi passa dicendo che in realtà il vero deus ex machina e Alessandro perché a lei ci ha sfrucugliate spronato da mesi ricordo che io già nella mia relazione di tesoreria di dicembre parlai dei
Dei PM
Ma riprendo da da quello con cui ha iniziato la conferenza stampa sempre Giulio cioè i radicali è il solito spartito nel senso che
Appunto è sempre
Una questione di legalità
Cioè del potere
Che si dà
Una legge e poiché il we imprime o hanno rispettarla sono abbassati il ventotto anni
Da quell'ottanta sei
E
Qualcuno in meno se in meno dalla legge del novantadue
E noi siamo ancora qui a dover
Individuare gli strumenti
Per raggiungere l'obiettivo e noi ci diamo assolutamente disponibili
Al in primis al Sindaco Fassino all'assessore competente
A dare una mano per
Vedere nella pratica che cosa poi è necessario fare esattamente quello che abbiamo fatto nel video che forse dopo sarà proiettato
Ci siamo messi nella pratica
Da radicali da militanti da disabili che vivono sulla propria pelle la condizione
Ogni giorno è ogni giorno trovano
Le le difficoltà
Di cui si parla
Saranno i ministri colta alcune volte evidenti
Di esempi hanno nel video si vedrà la fermata di piazza derma una fermata del del
Tram quattro della metropolitana leggera
Si potrebbe dire è una delle
Fermate più moderne più accessibili sì se non abbiamo come Alessandro
Una carrozzina perché è un piccolo gradino
Diventa un
Un ostacolo invalicabile se non ovviamente aiutati
E che
Io stesso possono accorgermene
Perché non ho problemi
Motori almeno da quel punto di vista come tante altre fermate
Magari sono
Accessibili o quantomeno non sono
Arriba abili se si fosse tesse dire così
E non ci rendiamo conto che persone non vedenti come me
Non sanno che la fermateli
Se non appunto o perché
Lo sanno per pregressa esperienza perché magari hanno anche
C'è stato anche un giorno come me che ci vedevano o perché c'è una persona che li accompagna ogni e lo invita
Altrimenti non non non riusciamo
E
è ovvio
Che io dico sempre in disabili siamo diversi
è indubbio per quaranta
Impegno le istituzioni e che deputati ci possa mettere per
Rendere accessibile
Un minimo di difficoltà restano sempre e dobbiamo far ricorso io ad esempio a tutti gli altri sensi
Quindi con l'ordine con dietro sentire che sta arrivando il CUR ma
Anche distanza si ferma eccetera eccetera
Il punto però non è lì il punto e
La dimensione politico-culturale che diceva prima Domenico
Cioè
Ad esempio
Le barriere sensoriali molte volte non è qualcosa di fisico
Anzi quasi sempre non è qualcosa di fisico anzi è qualcosa di che non c'è
Ma
Che bisogna individuare per poter abbattere
Ed è lì che le istituzioni o chi è deputato
Deve essere bravo
A trovare gli strumenti
E comunque
Per tornare al tema della legalità
Ripeto sono ventotto anni
E in ventotto anni
Io ad esempio sono
Da dodici anni che faccio politica
E da quella porta non è mai entrato nessuno di rame è un conto alle persone per strada Malthus e un impegnato hai voglia di
Aiutarci darci una mano per capire individuare
Questo vuol dire che si e
Magari
Se il Roberto padre di Alessandro della situazione Bali a sbattere i pugni sul tavolo magari qualcosa poi ottiene
Ma non possiamo andare avanti che
Solo sbattendo
I pugni sul tavolo legati alla volontà di una persona coinvolta sì può andare avanti perché
Perché in Italia la così detta abbiamo tante belle leggi su
E i i temi più disparati
E però poi non vengono applicate è il caso dei prema
Allora noi cercheremo di farlo approvare
In Consiglio comunale grazie all'aiuto di di di di amici di compagni come Silvio viale
Cercheremo di farlo approvare in Regione cercheremo
Di trovare tutte le strade possibili questo è un primo passo
Per
Dare una sveglia per
Allertare l'amministrazione in questo caso comunale su
è guarda che c'è questa roba
è
è vero e luglio stiamo andando verso le vacanze
Come si sanno e radicali in vacanza soprattutto in vacanza dei diritti non abbiamo mai
E quindi siamo qua per
Fare quello che normalmente facciamo le sentinelle dei diritti
Perché
In questo caso non l'ho vista non so che mi potrebbe smentire ma di veri e propri diritti umani civili e personali si parla
Grazie
Michalis passo cioè io dico solo una cosa
Sul video velocemente che adesso verrà presentato dopo e proveniente messo anche si siede su questo dirà Giulio ma non è ovviamente un quadro sulle barriere della città e quello che capita a tre persone che cercano di girare insieme per le vie sotto casa in un qualsiasi giorno della settimana
E di qua che si parte non dalle grandi cose non delle grandi iniziative da grandi acquisti fatti magari rimane resta imparare a ma dal quotidiano solo questo volevo dire
Quello che volevo dire io l'ho letto meglio Domenico quindi
Io diciamo temiamo questa conferenza stampa con la posizione del video che sarà disponibile da oggi sul sito associazione Aglietta punto it e che naturalmente e disponibile
Cioè Oberto forzato che voleva fare un
Breve intervento gli do la parola
Grazie Giulio
Sono il papà di Alessandro e volevo ringraziare innanzitutto Domenico
Che Nicola che si sono resi disponibili Giulio per la sua sempre cordiale presenza
E puntualizzare su un punto che a me duole molto quello psicologico e morale che ha toccato prima Domenico
Noi ci troviamo davanti Adda una nuova morale euro a una nuova etica
Soprattutto per quello che riguarda il mondo occidentale noi da questo punto di vista siamo rimasti Terzo Mondo il calzino d'Europa
Quindi questa filosofia che grazie ad Alessandro a Nicola dia Domenico nuova morale ed etica deve incominciare sia dalle scuole elementari
Come Alessandro che lo volevano mandare dallo psicologo io dallo psicologo gli ho risposto ci mando voi perché i diversi
Non sono su questo d'accordo con Giulio ma non per il tema ma per
La frase sono gli altri non sono loro
Perché se una persona normodotate vede un diverso solo perché invece di camminare con le scarpe a due ruote ove di Nicola che gira con un bastoncino bianco per lui e un diverso il diverso ripeto
E lui perché questo può capitare sempre e comunque a tutti in qualsiasi momento ne abbiamo le ultime recensioni con la slide con altrettante altre patologie
Quindi oltre che ad essere un discorso sociale psicologico e anche un discorso egoistico quindi come diceva il buon professor Danieli
All'epoca professore universitario a Padova in una cena la sera mi disse Roberto dove vive bene un disabile vive meglio chi non lo è
Questo è il punto che il popolo italiano si deve mettere in testa
Dalla costruzione delle case dove ci sono i bagni che si entra schiacciando sì uno con l'altro si avrebbe il bagno dove a intravvede né un disabile chi non lo è meglio ancora
Ha più spazio
Con questo ho concluso quindi ripeto e ribadisco si tratta di partire dalle elementari fino all'università
Dove alcuni professori e cito Schopenhauer perché io mi paragono un po'all'UIC c'ero un po'con i professori universitari che estrapola no da questi ragazzi che sono lo attori e artefici
Di questa nuova trasformazione morale ed etica per
Loro torna conti personali
Do la parola Giulio grazie
Grazie Roberto solo per precisare come opportunamente mi hanno fatto presenti i tecnici di Radio radicale che il sì il video sarà disponibile anche sul sito Radio Radicale punto it
E Associazione Luca Coscioni punto it e associazioni Aglietta punto it
Siamo alla fermata
Alessandro cerca di accedere però c'è un gradino di fronte
Per accedere quindi proprio per arrivare alla fermati una qualsiasi mattina
Per arrivare
Alla fermata di via Botticelli
Numero
Tre quattrocento
Eccoci qua c'è di nuovo però lo scalino quindi siamo punto a capo non si riesce a salire
Cioè è possibile proprio
Impossibile proprio
Ok
Torniamo indietro allora
Intanto
Arrivare
Alla fermata
Non indicata
è un problema se non chiedendo se uno chiede e si
Mai nulla assicuri dove non ci sia
Alcuna persone del
Tutta la zona
Uno non riesce a Gabriele
Poi una volta ha ribadito che magari ha trovato una persona che gentilmente lo accompagna capire ora ci pullman passano
Gli articoli
Innanzitutto
Va
Bene
E verde
Abbiamo schiacciato vediamo quanto passa di tempo
Grosso
Verde possiamo provare andare
Proviamo
Proviamo
Beh accompagnano
Così vediamo un po'
A
Giallo
Rosso
Ok qua reale scendere marciapiede
è già un po'problematico
Ma non ricordo
Grosso modo il fatto il
Ospedalieri che
Faceva gincana
Del passaggio
Va bene queste afferma capace queste la fermata accessibile da ma vediamo un po'come si sale sulla fermata accessibile
Lo assiste vale
Pensiamo brutta

Sinistra dunque ci arrivi alla fermata qua c'è qualche segnalazione queste accessibile accessibile per chi perché ci vede no