17 NOV 2018
intervista

Svolta nel caso Shalabayeva. Intervista a Emma Bonino

INTERVISTA | di Roberta Jannuzzi - RADIO - 11:58 Durata: 8 min 31 sec
A cura di Guido Mesiti
Player
Il 31 maggio 2013 da Roma venivano rapidamente rimpatriate la signora Alma Shalabayeva, moglie dell'uomo d'affari e politico dissidente kazako Moukthar Abliazov, e sua figlia Alua, di sei anni.

Ieri il Tribunale di Perugia ha rinviato a giudizio sette persone per sequestro di persona e più episodi di falso.

Saranno processati tra gli altri Renato Cortese, che all'epoca dirigeva la squadra mobile, e Maurizio Improta, che dirigeva l'ufficio immigrazione della Questura di Roma.

Prosciolti invece i funzionari dell'ambasciata kazaka, ai quali il gup ha riconosciuto l'immunità diplomatica.

Emma
Bonino era allora il Ministro degli Esteri del Governo Letta.

Informata a operazione già avvenuta, con un lungo lavoro, è riuscita a riportare Alma Shalabayeva e sua figlia in Italia.

Le abbiamo chiesto un commento su questa prima decisione di un giudice su quei fatti.

leggi tutto

riduci