15 SET 2003

New York: A Radical Shock for the 21st Century. Corrispondenza di Daniele Capezzone ed Emilio Targia

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 6 min 36 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

New York, 16 settembre 2003 - Il segretario di Radicali italiani Daniele Capezzone è negli Stati Uniti per presentare il suo libro 'Uno shock radicale per il 21mo secolo'.

Nella prima corripondenza Capezzone ha illustrato la fitta agenda di conferenze (alla Casa italiana della New York University e all'American Enterprise Institute a Washington) e incontri (con think-tank, direttori di giornali, al Dipartimento di Stato).

Oltre alla presentazione del libro, obiettivo della visita è stabilire degli importanti contatti per compiere un passo deciso verso l'Organizzazione mondiale delle
democrazie e per far conoscere il complesso delle iniziative radicali.Le conferenze.

Oggi, 16 settembre, alle 18 ore locali, il segretario dei Radicali presenterà il suo libro alla Casa italiana della New York University in un dibattito moderato dal corrispondente del quotidiano 'La Stampa' Maurizio Molinari.

Giovedì 18 settembre invece Capezzone sarà a Washington, dove alle 15.30 ore locali presenterà il libro all'American Enterprise Institute, in un incontro con il prof.

Michael Ledeen - INCONTRO ANNULLATO PER URAGANO ISABELAltri incontri.

Oggi Capezzone incontrerà oggi il direttore di Commentary Magazine Neal Kozodoy.

Già domani, 17 settembre, sarà a Washington, dove al Dipartimento di Stato incontrerà Paul Burkhead (responsabile per l'Italia) e Nicole Bibbins (che segue le questioni relative alla "Community of democracies").

Seguiranno gli incontri con John B.

Salamone, della National Italian American Foundation, con i vertici del Cato Institute e con Tod Lindberg, direttore di Policy Review.

Il 18 settemebre Capezzone incontrerà Tony Blankley, responsabile della pagina degli editoriali del Washington Times, William Kristol, direttore di Weekly Standard, Daniel Pipes del Middle East Forum e Imad-ad-Dean Ahmad, presidente del Minaret of Freedom Institute).

leggi tutto

riduci