28MAG2013
dibattiti

Oltre. Da qui a domani

CONVEGNO | Roma - 15:10. Durata: 3 ore 27 min

Player
Seminario Nazionale organizzato dal Partito Socialista Italiano.

L'attuale emergenza istituzionale ed economica, di crisi politica e di profonde fratture sociali, impone a tutte le forze politiche una urgente riflessione su come affrontare le criticità di una società che vive mutamenti straordinari.

Non esiste alternativa al mettere in campo una solida strategia riformista.

Alla crisi di una sinistra italiana troppo divisa, ‘a coriandoli’, che non ha più una missione e una casa comune, può rispondere una nuova aggregazione europeista, laica, riformista.
15:10

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Dunque
Minimo molto
Buongiorno a tutti
Pervenuti a questo seminario voluto dal Partito Socialista Italiano
E dal Segretario Nencini diciamo un seminario vera
Addetti ai lavori per interrogazione tutti insieme su quelle che sono le criticità che il nostro Paese sta affrontando ma che anche le forze politiche dal loro canto stanno affrontando l'urgenza che probabilmente
Le stesse forze politiche hanno di interrogarsi
E di riflettere su come poteva costruire tutte insieme un asse
Riformista che sia in grado di
Leggere la realtà e la società come si è evoluta in questi anni e di dare delle risposte concrete oltre che di riacquistare anche la la fiducia dei cittadini stessi da questo sono qui presenti importanti esponenti della politica e della società italiana con cui
Rifletteremo e parleremo lascio la parola proprio per indicata si scambino che lui ha pensato di intraprendere al segretario nazionale del Partito Socialista Italiano il senatore Riccardo Nencini
Grazie Claudia
Intanto pervenuti la forma del seminario obbliga interventi
Chiari laddove
Tutto si possa fare naturalmente molto brevi
E fra l'altro abbiamo avuto un pacchetto di adesioni significativo ci sarà qualche ritardo che stava votando alla Camera e quindi arriveranno dopo le ore sedici
Sunto deputati senatori sono già qui sta arrivando il senatore Nicola Latorre che già
Puntualissimo
Era stato nostro ospite
Il tema nasce da una domanda
Precisa
E la domanda è la seguente
Le elezioni politiche scorse
Io non con Fido molto nel voto amministrativo
Ho letto stamattina sulla stampa nazionale un peana alla vittoria del centrosinistra invito a guardare il voto con moltissima attenzione
Il dato più significativo di questo voto non è la vittoria di Tizio di Caio quanto la vittoria dell'astensionismo altissimo
E durevole nel tempo quanto a parlare di vittoria di uno schieramento beh certo meglio avere Marino al ballottaggio con percentuali così alte
Però mi sembra che la storia di di vecchio rito di Catalano quello del meglio vivere con due pensioni che tirare avanti con una sola
C'è una vittoria ma è una vittoria in caduta dove in termini di voti reali il centro sinistra quasi Di Mezza e il centrodestra ha sconfitto quasi tre in mezza di tutti
E questo dovrebbe essere sufficiente a non
Alzare nessun peana rispetto al risultato di domenica
Do la domanda è la seguente perché il centrosinistra italiano
Che viene dato vincente senza nessuna partita
Giocabili lei da parte dell'antagonista
Viene sconfitto non si tratta di una non vittoria quella le politiche ma di una sconfitta è la legge elettorale che porta alla Camera una maggioranza straordinario del centro sinistra ma non è il voto degli elettori
è una delle conseguenze del genere della del risultato elettorale
Crea una novità
E due la conferma di due anomalie ed una certezza
La novità e la nascita di un Governo di responsabilità nazionale
Che in questi termini l'Italia non abbiamo mai conosciuto dubito che possa essere paragonata questa storia quella dell'immediato dopoguerra però perché era immediato dopoguerra
Le due anomalie che si confermano
La prima
La giustizia viene scelta ancora oggi come linea di confine fra i due schieramenti
Che la seconda
Permane laddove deve essere dell'Europa la questione è stata non dico più usa ma decisamente risolta
In Italia permane una linea di conflitto straordinaria tra la sinistra riformista e la sinistra antagonista
Altrove la questione è stata ridotta unità non con la cancellazione del massimalismo organizzato in un partito è un sindacato
Ma con la sua marginalizzazione per cui esiste ma una posizione
Confliggente con la parte nettamente maggioritaria che si richiama tra virgolette al riformismo e quindi a forze politiche della sinistra di governo
Ma non a quella forza antagonista l'Energia la forza tale per determinare un diverso corso di chi la partita ormai
La conquistata tra la fine degli anni Novanta inizio del secolo presente
La conferma
Ed è il quarto ingrediente perché permane
Un comportamento delle forze politiche antagoniste nonostante il Governo di responsabilità nazionale
Molto simile a quello di due non avversari politici ma di due nemici
Quindi il mancato riconoscimento fatto salvo quello che potrebbe succedere con questo Governo il mancato riconoscimento
Della dell'una delle due opposizioni come soggetti riconosciuti per governare separatamente rispetto
A quella che in futuro diventerà maggioranza o minoranza governare la nazione Italia
Io ho avuto la ventura di partecipare
Quattro giorni fa al centocinquantesimo di nascita del spende
Alla manifestazione ufficiale hanno partecipato i Presidenti dei due rami del Parlamento tedesco
Il Presidente della Corte costituzionale e seduti accanto I leader socialisti democratici tedeschi il Presidente La Repubblica tedesca e Angela Merkel
Che ha assistito per due ore e mezzo alla celebrazione applaudendo sorridendo
Mi sembrava
Al
Decisamente a proprio agio trovandosi in casa del partito che sta provando a vincere le elezioni contro di lei
Non mi raffiguro la situazione è simile in Italia nemmeno non dico a un congresso nazionale o una celebrazione nazionali
Mi pare nemmeno a un congresso regionale o la manifestazione provinciale di una rete o forse politiche la vedo in maniera
Non riesco al raffigurando lo scenario
Di questo tipo
Mi pare che ci siano crescendo rapidamente per li rami quattro nodi da sciogliere
Il primo riguarda
La tipologia della coalizione da mettere in campo perché in Italia non c'è più una coalizione di centrosinistra
Non c'è più quella che si presentata alle elezioni perlomeno
Alle elezioni avevamo una coalizione a tre che si chiamava Italia bene comune PD PSI
Se il e poi si aggiunge alla fine la lista di Tabacci del Centro Civico del Centro Democratico
Con l'elezione del Presidente La Repubblica questa coalizione scompare
Scompare nel momento in cui si passa a votare prima Marini
E poi con la parentesi Prodi risultato noto il voto che riguarda
La scelta o meno tra Napolitano e Rodotà
Sella assume la posizione conosciuta
La coalizione che si è presentata all'elezione e che il non le ha vinte
Con l'elezione del Capo dello Stato
Decade muore
Quindi è una delle domande a farci eh quale coalizione di mettere in campo
Comunque
Dico comunque non perché le elezioni siano molto vicine il che potrebbe anche es
Ma perché mi è difficile pensare
Ad uno stato delle cose italiane dose
Un campo ossia delimitato il fissato con una certa decisione
E l'altro campo invece
Sia un divago e non abbia un centro di riferimento salvo ritrovarlo parzialmente durante le elezioni amministrative quello che è successo ieri
Mi pare che la questione centrale sia quella che ricordavo poco fa
Di una marcata differenza anche di natura programmatica
Legata al fatto che una parte rilevante la sinistra italiana interpreta secondo vecchie categorie la storia della Repubblica presente
Cito un esempio per ragioni di tempo conclusivo
Vi sarete accorti durante la campagna elettorale che il linguaggio prevalente non esclusivo a prevalente
Nella sinistra italiana era un linguaggio che guardava al mondo del lavoro dipendente
Quindi il bar quindi FIAT eccetera
Non è stata spesa una parola salvo marginalmente dandogli dico marginalmente per ragioni di spazio visivo
Per quelli che un tempo erano considerati categorie un tempo di eccellenza e sono le categorie di chi sta nella cornice dei mestieri e delle professioni
Liberali
Ecco oggi mestieri
L'arte del saper fare l'artigianato la piccola e media impresa porre aggiunge anche il mondo di certo commercio e nelle professioni avrei da fare troppi esempi
A cominciare dagli avvocati che se non hanno padri avvocati o parenti avvocati hanno difficoltà interne al mercato
Di questi certa sinistra non ha mai parlato in campagna elettorale prima la campagna elettorale
Cito questo caso a molti esempio ma non è l'unico caso che potrei
Decisamente citare
Quindi una questione di
Individuazione di temi di argomenti e di soggetti sociali ai quali riferirsi
Secondo la ricostruzione di una coalizione
Passa anche dalla individuazione dei punti deboli della coalizione passata
Un punto debole a mio sparire è esattamente quello citato un vulnus di natura programmatica abbiamo parlato troppo a e troppo poco altro
Ora se mi domando se Sinistra ecologia e Libertà
Continua a reputare questo Governo
Come un Governo che non può essere scelto
Come coalizione
Che la lega con una sua presenza attiva
E questo Governo dovesse essere l'ultimo Governo di questa legislatura
Cosa possibile
Che questo Governo cioè duri x mesi
E poi alla fine porti alle elezioni
Se porta le elezioni questo Governo
Possiamo pensare di andare alle elezioni tanto più con tutto un lavoro dietro di riforma legge elettorale e quant'altro
In uno scenario molto diverso alla tua
Dove Tizio gioca contro Caio e quindi ai vincitore o sconfitto
O ci dovremo preparare
Una coalizione competitiva
Che sia in grado di
Poter competere quindi vincere le prossime elezioni politiche
Chi sono i soggetti che costituiscono questa coalizione
Il PD
Qui arriveranno un po'Epifani speranza ed altri
Il PD che ha un suo congresso convocato per la fine dell'anno
Al PD va chiesto
Vanno chieste perlomeno tre cose
La prima cosa chiedere al PD
Che decidono volta per tutte quale sia la sua collocazione fuori dai confini italiani c'è un'opportunità che va colta ore
Perché il prossimo anno presenta tre occasioni che presenta soltanto il due mila quattordici nomi il due mila quindici
Due mila quattordici ti obbliga a decidere primo
Quale lista fare prevenzione europee
Noi diciamo se c'è una condivisione dentro la casa del socialismo europeo la lista può estrapolare i solitari
Due
C'è un candidato prescelto a Lipsia qualche giorno fa alla presenza del Capo del Governo italiano perché villetta sedeva a quattro posti a chi vi parla
Che il candidato e vertici della Commissione Martin Schulz
Presidente del Parlamento europeo
Subito dopo questa elezione inizia il semestre di presidenza italiana
è presumibile pensare che il semestre di presidenza italiano dell'Unione
Probabilmente venga affidato all'attuale Presidente così dei ministri
Presumibile pensare staremmo in un anno da oggi
All'inizio del turismo italiano un anno primo giugno
Questo porta
Vita obbligano ad assumere decisioni cura
Perché un anno passa rapidamente in tutto il mondo Italia inclusa
L'ultima questione fino concluso riguarda l'altro argomento che esulta
Perché anche dall'hip passa probabilmente potrebbe passare probabilmente una visione delle cose
Che mette la sinistra su una frontiera per la
Frontiera che per la sinistra è sempre stata decisamente flessibile se non ambigua
Quella della riforma dello Stato
Ne stiamo lavorando ora presentare una mozione
Che un disegno di legge costituzionale per la convocazione di un'Assemblea costituente
E soprattutto la sfida potrebbe essere quella del semipresidenzialismo come forma di governo
Come andiamo a proporre e discutere questi argomenti
Ci andiamo in ordine sparso
Potrebbe andarci la maggioranza che sostiene il Governo letta quindi un punto di struttura che vedi assieme scelta civica
Popolo della libertà il Partito Democratico
O non potremmo andarci mantenendo questo secondo assetto ma intanto con un ragionamento condiviso dentro la sinistra riformista italiana
Quindi con chi sta dentro i con chi sta fuori anche il Parlamento
Perché qui oggi non abbiamo chiesto e l'ipotesi di lavori quella di fare una rete che abbia una sua stabilità
Abbiamo chiesto anche di venire a dire la loro a tutto un mondo laico che non è più presente nel Parlamento italiano
Qui sono repubblicani liberali dice Mario Staderini che rappresenta il Partito Radicale Italiano e quant'altro
Tenere in batteria questo mondo è cosa che io trovo assolutamente buona e giusta
Ed è la cosa quindi se buona e giusta che va decisamente coltivata
Io vi ringrazio per l'attenzione e lascio la parola al professor Marco Gervasoni per i suoi dieci minuti e poi naturalmente
Iniziamo con il nostro lavoro grazie

E ringrazio Segretario per l'invito
A parlare a questo importante interessante seminario io sono uno storico quindi non entrerò nella
Diciamo nella nelle considerazioni sulla cucina politica che credo
Che siano scarsamente interessanti almeno per gli interlocutori volevo fare alcune riflessioni su proprio partire da quello che il segretario dell'introduzione il segretario su cosa vuole dire questa parola anche viene
Sempre utilizzata riformismo cosa c'è dietro questo
Questa parola e che cosa può offrire per il futuro molto sinteticamente mi scuserete se comincio con una citazione di un personaggio che credo L'Aquila e moria credo sia chiara
A a molti dei presenti una breve citazione le basi gli interlocutori del riformismo moderno non si esauriscono nella sinistra storica
E nemmeno si può affermare che i confini del socialismo e quelli del riformismo siano gli stessi
Forse qualcuno ha riconosciuto la citazione è si tratta di no di un intervento
Citazioni Bettino Craxi al quarantaquattresimo congresso del si Rimini marzo mille novecentottantasette
Da qui naturalmente Craxi citava il cattolicesimo popolare sociali riformismo democratico dei repubblicani e dei liberali radicali ovviamente
Da questa citazione
Diciamo si può partire anche se il contesto è chiaramente completamente mutato
E partire da da una considerazione precisa che nella storia della sinistra italiana nella storia d'Italia sono storia sinistra italiana
Il riformismo come sappiamo ha avuto una storia sfortunata ma intermittenze sostanzialmente una storia di minoranze quasi una storia eretica
Senza andare agli anni di Giovanni Giolitti insomma che ci porterebbe lontano stando all'Italia dagli anni Sessanta del secolo scorso ad oggi
E vediamo che alla sinistra italiana il riformismo non era molto di casa
Non lo era persino nel Partito Socialista che fa il centrosinistra dove la parola riformista era ancora considerata negli anni Sessanta un insulto
Il PC chiaramente poteva avvenire pratiche di tipo riformista laddove governava a livello locale ma non era un partito
Neanche negli anni Settanta chi era interessato a coltivare un'identità riformista né all'interno del suo gruppo dirigente né all'interno
Dei militanti
La vera diciamo il vero momento fin troppo banale ricordarlo in cui riformismo si afferma anche se non si afferma livello egemonico
E sono gli anni Ottanta sono gli anni Ottanta è diciamo prima degli anni Ottanta l'arrivo di Craxi che alla segreteria del partito socialista e nella politica italiana che
Si è
Si può al mio a mio avviso insomma si tratta di una senza enfasi insomma di una rivoluzione copernicana non solo per la storia del socialismo italiano per la storia della sinistra
Cioè
Quindi
Di riformismo degli anni Ottanta colloca il Partito Socialista su all'arrivo di Craxi colloca il partito subito socialista su un terreno
Diciamo riformista che mi forse si può meglio definire
Socialista liberale più che socialdemocratico nel senso che ovviamente l'aggancio con la socialdemocrazia
Da parte di Craxi è fondamentale anche questo nella storia del PSI era un po'una novità prima il PSI era stato all'interno del del socialismo europeo dell'Internazionale Socialista in opposizione
Un po'così con un piede dentro un piede fuori ma va anche oltre questa questo socialdemocrazia che negli anni Ottanta soprattutto quel del nord Europa era era in crisi
Ma la grande intuizione di Craxi da qui la citazione iniziale proprio il fatto di innovare la naturalmente la tradizione
Socialdemocratico una direzione di socialismo liberale esplicita la citazione di Rosselli ma anche di andare incontro alle riformismo delle altre culture politiche
Che negli anni Ottanta hanno avuto un ruolo importante lo ricordavamo nella citazione iniziale in particolare il riformismo della tradizione politica repubblicana
Il riformismo liberale il partito liberale un piccolo partito che però negli anni Settanta aveva fatto o cambiamento importante perché aveva riscoperto come dire una tradizione progressista diciamo così e non conservatrice poi ovviamente
I radicali
Il merito di soprattutto di repubblicani liberali negli anni ottanta era quello di avere messo in guardia su i rischi
Del deficit pubblico e sul fatto che il welfare State il rapporto in genere tra Stato ed economia così come si era
Configurato nella succede della socialdemocrazia classica
Andava andava rivisto per la verità questa intuizione c'era stata anche nella cultura socialista
Che aveva pienamente Coop capito come regalità c'era per identificare due figure
Il non fossero come dire una parentesi della storia ma fossero una
Una cesura
Una sfida conservatrice quella di legame Thatcher a cui si poteva fare fronte solo
Attraverso la rielaborazione
Di una nuova cultura politica di nuova pratica politica che mettesse al centro non più la classe diciamo così ma il l'individuo sostanzialmente qui ci sono
Una serie di documenti di di testi importanti su cui
Non mi soffermo poi la storia è andata a finire come sappiamo non non è il caso qui di revocare le ragioni
Capire perché perché non è questa la sede ognuno ha ammesso ha una sua idea nella seconda Repubblica
Sì a un paradosso nel senso che la parola riformista fino agli anni Ottanta era tutto sommato ancora un fatto di minoranze fondo ricordiamoci che
Il Partito socialista al massimo del suo risultato tocco il quattordici per cento che oggi è considerata una cifra deludente per il Movimento cinque Stelle cosa
Per per capire quindi siamo sempre un fatto di minoranze dal punto di vista elettorale nella Seconda Repubblica la parola riformista invece diventa un luogo comune diventa un luogo comune
Diventa un luogo comune e diciamo come spesso accade
Le parole quando vengono pronunciate eccessivamente senza una riflessione diventano prive di senso diventano prive di senso
E quello che si può vedere della della seconda Repubblica è che in realtà di riformismo nel senso socialista liberale liberalsocialista ce ne è stato poco
I post comunisti sono diventati riformisti la loro intenzioni naturalmente anch'
Degli issare beh ingeneroso non ricordare all'intero tuttavia due momenti in cui sembrava di vedere almeno a livello programmatico
Un aggancio con la riformismo questi due momenti sono
La Segreteria di massi del PDS di Massimo D'Alema dal novantaquattro novantasette in particolare il secondo congresso
Del PDS nel mio centonovantasette in cui Massimo D'Alema molti lo ricorderanno fece un intervento molto coraggiose molto importante non a caso si scontrò con Cofferati
E poi il discorso attenzione bene il discorso sottile il discorso
Di Veltroni al Lingotto nel due mila sette discorso molto importante è la storia di forbice italiano a cui a mio avviso non è seguito una coerente applicazione
Il problema grande però e non è tanto della mancanza di riformismo di gruppi dirigenti il problema è la mancanza di riformismo di militanti degli elettori della sinistra loro ricordava anche il segretario poco fa
La storia della Seconda Repubblica e la storia di uno anche di uno sforzo di aggancio una cultura riformista che poi viene rifiutata dalla base viene rifiutata da dalla base dei militanti e spesso dalla base degli elettori
E questi gruppi dirigenti sono stati costretti più di una volta più di una volta a ritornare indietro sarebbero molti qui casi da ricordare non è il caso di farlo per ragioni di tempo e anche per non in tristi ci troppo ma
Che cos'è poi questo riformismo insomma
Bisogna considerare
Qui offro proprio due o tre considerazioni
Il riformismo quello il nuovo riformismo di riformismo moderno
Parte
Dall'idea che
Contraria a quella dei movimenti utopistici o dei movimenti totalitari i movimenti utopistici movimenti totalitari pensavano che tutto è possibile tutto il possibile lo scriveva Hannah Arendt
Il riformismo
Parte dal presupposto se volete che molto poco sia possibile
Soprattutto in un contesto attuale in cui lo Stato
Nazione ha perso sostanzialmente buona parte dei suoi poteri in cui il mondo è interconnesso
Per questo il
Presupposto fondamentale del Riformista del metodo riformista è fondato sul compromesso con l'avversario politico e il compromesso tra le forze sociali
Qui sono da leggere le pagine del memorie vibrante degli di vibrante dedicate alla grande coalizione quella la prima grande coalizione che si svolse in Germania dal sessantasei al sessantanove
Dove sono un elogio del compromesso un elogio del compromesso
Ma ricordiamo anche un bellissimo libro che scrisse il politologo Bernard-Marie ma politologo francese che alla fine degli anni Settanta scrisse un libro intitolato la socialdemocrazia o del compromesso
Un libro che non è stato tradotto in Italia ma insomma francese quindi potrebbe essere anche facilmente leggibile
Poiché seguendo Edouard Berta anche poi ai padri del riformismo anche se ha vissuto la fine dell'Ottocento ha operato alla fine l'Ottocento il movimento è tutto il fine e nulla il Riformista è tendenzialmente pragmatico
Osserva empiricamente giorno per giorno i risultati del proprio intervento e li modifica a seconda del FIBE che gli arrivano
Infine ma sono non è che sto facendo un decalogo anche perché non erano dieci punti e non ho queste pretese politico riformista è un politico di governo sembrerebbe una
Una cosa ovvia ma non lo è affatto soprattutto nella cultura della sinistra supporto la cultura della sinistra italiana
Non pensa il politico riformista che ogni riformista che le riforme si possano ottenere dall'opposizione e badate che molti
Ancora la pensano così sotto sotto
Ne pensa che si possano ottenere le riforme agitando le piazze immergendosi dei movimenti movimenti che sono molto importanti
Comunque il cui il Riformista deve stare sempre a contatto ma il riformismo è impossibile senza una cultura di governo quindi un'etica della responsabilità
Secondo famosa citazione anteposta all'etica della convinzione etica denominazione che certo non deve spari l'ultimo punto se ho ancora qualche minuto
Sul sul diciamo sul sul sussunte cosa ripartire su che cosa ripartire
Non è che cesto un terreno di macerie
In Italia
Ci sono più ma charity altrove ma ormai non ha più senso ragionare in termini ammesso che lo fosse una volta in termini strettamente nazionali
Bisogna ragionare in termini europei e il riformismo europeo socialismo democratico europeo il socialismo liberale europeo deve
A mio avviso a mio avviso ripartire da due punti che poi hanno due nomi
Un nome è quello di Toni Blair l'altro nome quello dichiarato scelta show
Molto brevemente Toni Blair
Demonizzato da una larga parte della sinistra italiana quando Blair era al Governo mal compreso anche da quelli che si dicevano blairiani
La l'esperienza di Toni Blair naturalmente ricollocata in un contesto diverso e nuovo è fondamentale
Da cui da cui partire
Del resto anche il labour dopo Blair hanno una contrariamente a quanto si legge così un po'sulla stampa
A cancellato Blair voglio ricordare
Un intervento di qualche giorno fa di Ed Miliband il segretario del labour Party un intervento in una conferenza organizzata da Google
Immaginati un segretario di invio all'asse della sinistra italiana parlare a Google immune è stato invitato ad Miliband a parlare Google non è che c'è andato lì di straforo ecco Miliband ha detto
Citando Blair
Cioè facendo un elogio di Blair che nazionalizzare le principali industrie non è la via per una società più giusta
E che lei Burgio si batte per un capitalismo responsabile dove l'impresa e perseguono il profitto ma in una società più equa in quel potere diffuso e dove ognuno riconosca la responsabilità nei confronti degli altri
L'altro nome
è quello di Gerhard Schroeder
Sorridere è naturalmente a Stato ancora più
Incompreso in qualche modo di Blair soprattutto si in Germania si all'estero anche un po'ridicolizzato ma in realtà le riforme del secondo governo Schroeder e del primo Governo Merkel che ricorderete era un Governo di grande coalizione
Hanno sostanzialmente infatti permesso che la Germania sia quello pieno ci
E queste questa importanza è stata riconosciuta a Lipsia persino da Hollande
E Hollande chieda segretario del Partito Socialista assunti a suo tempo quando c'era sciopero riteneva comici o Spagna che socialismo francese dovesse essere diverso
Dalla socialdemocrazia delle spende ed al sociali dei realismo termine che nel linguaggio politico francese è un insulto dal sociali vera lirismo di Blair entrambi progetti considerati dei socialisti francesi non abbastanza radicali
E i ovviamente Olanda dovuto ritornare sui suoi passi da un lato lo sciocchi del due mila e due ricorderete quando Jospin un andò in ballottaggio al ballottaggio ci andò
Contro Chirac ci andò
Me le penne e soprattutto direi le enormi difficoltà della sua Presidenza che sono enormi considerando l'enorme potere che ha
Il Presidente della Repubblica in modo particolare questo presenterà il pubblico l'hanno visto che alla maggioranza sia alla Camera che al Senato cosa mai avvenuta
Nella storia francesi di una maggioranza di sinistra al Senato e controlla il per il per scontato la quasi tutte le principali città Francesco controlla nel senso di municipi
E nonostante questo il il
Il bilancio di Orlando è
Deludente per usare un il femminismo
E e qui chiudo che cosa sono questi due nomi che poi dietro di loro hanno naturalmente una serie di politiche dire di culture Blair e Schroeder se non socialismo liberale
L'incontro tra le istanze di giustizia sociale proprietà e la tradizione socialista e anche della tradizione
Arma radicare repubblicana per certi e che persegue quella liberale anche italiana con l'attenzione per gli individui di giustizia sociale attenzione per gli individui attenzione non solo diritti degli individui cose normali
Delay abbastanza scontata anche se fino a un certo punto ma proprio per
Gli individui per il loro arricchimento e non solo per il loro arricchimento spirituale ma anche per il loro arricchimento materiale perché la sinistra riformista la sinistra deve essere
Contraria al fatto che la maggior parte delle persone si vogliano arricchire
I socialisti liberali a mio avviso non hanno paura degli spiriti animali del capitalismo
Pensano anziché in Italia almeno questi spiriti animali siano stati per i nella sua storia troppo deboli e vorrebbero che si espande essere o più e meglio
Naturalmente
Questi spiriti animali del capitalismo per citare il Miliband
Non possono essere altrimenti la differenza tra socialisti liberali e conservatori non ci sarebbe non devono essere devono essere come dire in qualche modo regolati
Però da un insieme di ricette che che il problema e qui chiudo è che veramente nessuno ha perché
Anch'
I la regolazione dei tempi di Bramante violasse palme ricordate la famosa metafora della pittura il capitalismo che fatto usata in o uccisa
è ma c'era lo Stato nazione che permetteva questa regolazione questa posa Tura
E oggi tutti questi strumenti sono saltati per cui ed io lasci spero che voi chi siete
Attori politici sette attori politici nel senso delle istituzioni sappiate trovare questi strumenti magari anche con l'aiuto degli studiosi però per questo in questo questo in questo momento questi strumenti anche a livello europeo
Non li
Abbiamo grazie
Grazie ad essa Gervasoni invita ad intervenire in giro Cassani Giarda e errate palazzi Pier Virgilio NAS lei chiedo a tutti la possibilità di rimanere tra i sette otto minuti in modo che
Passanante essere data a tutti la possibilità di intervenire lanciamissili esofago
Intanto ringrazio
Tutti in particolar modo
Riccardo Nencini di questo invito
Doro
Per questioni di tempo parlare per più per enunciazioni che per argomentazioni
Allora riformismo benissimo ma
I riformisti italiani
Si trovano ad affrontare una situazione
Che è peculiare
Cioè
Non in Italia vediamo sommarsi
Due affetti il primo quello che deriva dalla crisi globale di un capitalismo che arrivato a un punto di svolta è arrivato al punto d deve far venir meno molte delle sue certezze
Da quelle diciamo geopolitiche
Verdi orientarsi degli equilibri tra
Dell'assalto l'antico che aveva assicurato la sconfitta di tutti gli altri totalitarismi del ventesimo secolo su altri equilibri
Alla certezza alla fiducia nel binomio in un binomio che abbina abbinava una produttività crescente ai salari reali crescenti e ad un welfare
Tendente a garantire tutto a tutti
Alla
Certezza al convinzione quasi fideistica sulla capacità autoregolazione dice del mercato che ha dimostrato di non poter sussistere o di non sapere sussistere
Senza adeguati poteri pubblici di indirizzo o di controllo
è infine alla constatazione di un capitale estremamente mobile
Mobile rispetto i confini degli stati mobile rispetto i poteri della politica ed i relativi controlli ammesso che questi si intenda operarlo
A queste
E fu a questi affetti diciamo questa crisi generale
Culturale economica anche culturale del capitalismo
Si sommano in Italia e gli affetti per fare sì di una arretratezza
E norme della società e della nostra economia arretratezza che ha radici storiche e tutto quello che vogliamo un discorso che non si può fare in questo momento ma arretratezza che in sostanza
è lo specchio
Sia negli aspetti sociali che quelli economici
è lo specchio di una politica che per oltre vent'anni è venuta meno il proprio ruolo rimaste immobile rinunziando intervenire indirizzare quelle grandi trasformazioni di cui il Paese avrebbe avuto
Bisogna
Trovare risposta a questi due aspetti è il compito che si pone oggi riformisti
Gli italiani
E di fronte alla peggior destra
Tutta Europa
Che il nostro centro sinistra non è riuscito a sviluppare e a rendere percepibile una risposta culturale politica adeguata
Cosa questa che abbiamo visto con assoluta chiarezza negli ultimi mesi sia dei mezzi come è stato accennato in precedenza che hanno preceduto le ultime elezioni politiche
Che nei sessanta giorni che hanno che le hanno seguite
Non c'è stata cioè quando si è assistito al partito che aveva dichiarato di aver vinto le elezioni che è riuscito a cambiare linea tre volte nel giro di due giorni io non lo so che cosa stiamo parlando
Ora da questa constatazione noi dobbiamo partire
Ed è ovvio che
è necessaria la presenza di una sinistra diversa
E all'interno di questa sinistra di una sinistra diversa è necessaria ed è necessario indispensabile perché è una sinistra possa essere diverso e
La presenza di una forza di sinistra fondata su concezioni modernamente critiche non ideologiche aperte dei metodi dei concetti liberali e dei metodi concetti socialisti
Ma
Attenzione io qui vorrei dire una cosa
Bisogna superare
L'equivoco che molti fanno che e dire liberalsocialismo Olli bla bla chiamatelo come volete
Se una specie di incontro tra liberali pochino poco liberali socialisti poco socialisti
è esattamente il contrario è l'incontro fra liberali che sono talmente liberali da rendersi conto che la libertà non sarà mai piena senza
Niente l'intervento
Di politiche ed i criteri di equità e di giustizia sociale e di socialiste che si rendono conto per converso
Che la giustizia non sarà mai piena se non attuata
In un clima di di di libertà
Ora in una situazione
Come la nostra occorre la prima cosa che mi appare necessaria è quella che si recuperi
Quello che fu un concetto alla base dei migliori anni del vecchio centro sinistra
Cioè la capacità di controllo di indirizzo di programmazione da parte della mano pubblica e lo dico da liberale è necessario questo
Noi abbiamo lasciato Tintori interi settori dell'economia dalla Società per vent'anni andassero per conto loro senza politiche di indirizzo senza politiche di
Di guida senza politica di di controllo
E al tempo stesso è necessario che lo Stato
La mano pubblica riduca le sue dimensioni economiche in sostanza è necessario più controllo e meno intervento diretto da parte dello Stato
Perché quando noi dobbiamo osservare una cosa molto semplice quando noi osserviamo il ridursi del potere d'acquisto dei salari soprattutto delle
Salari a basso reddito
Andiamo a vedere come perché ci accorgiamo che è molto di che gran parte della riduzione di questo potere d'acquisto da che cosa dipende
Dipende dall'aumento di accise imposte tariffe roba del genere cioè in sostanza di pelle da un'orda dal dover pagare i costi di uno Stato che non è capace di fare
Dio il suo mestiere o non è capace di spendere correttamente
E invece ci sarebbe bisogno di più sul tardi più Stato nel controllare quello che viene fatto l'esempio di questi giorni sull'Ilva di Taranto non è un esempio
è uno Stato che per anni ha lasciato correre per anni nessuno è intervenuto adesso i nodi arrivano al pettine e non lo so che
Come
Sì va
Per decenni la gestita
Va fatta ma i signori viva sono dentro da più di dieci anni se non sbaglio
Ecco va bene questi dieci anni non è stato fatto nulla
E poi gestire non vuol dire controllare attenzione
Non sono due cose non sono due sinonimi
Ora
In una situazione come la nostra dove si rischia che vengano meno le stesse basi materiali della democrazia
Chiedo scusa ai musei a un paio di riunioni sì sì sì LAR
Risposta non può essere trovata in accomodamenti tecnocrati ICI
Ma deve essere cercata nell'ammodernamento della Società dell'economia della legislazione che sia centrato sulla genere sull'estensione sulla generalizzazione di una cultura dei diritti e dei doveri e dei relativi doveri
Cultura dei diritti e dei doveri che deve vedere necessariamente inscindibili gli aspetti
Per sapere individuali civile e sociale perché altrimenti non se ne esce fuori
Questo presuppone
A mio parere una politica
Che sia in grado di articolarsi su soggetti politici cioè partiti
Degni di questo nome e che sappiano praticare al loro interno quelle regole di vita democratica dei futuri tendono o intendono essa gli artefici
Una politica di questo genere richiede però la presenza di retta
E da protagonisti della società civile all'interno dei partiti cioè la socialità artisti
Non possono
Continuare a essere quello che sono che abbiamo conosciuto fino ad ora devono trovarsi darsi delle forme tali da consentire
La presenza di retta
Da protagonisti della della della società civile io vi ringrazio il
Dell'attenzione
Vediamo un po'che cosa verrà fuori dal dibattito grazie
Grazie Angelo incassare invita a prendere la parola Pier Virgilio Das lì Presidente and demoni scusate linee movimenta federalista europeo e
Dopo li UIL nazionale ai giovani
Buongiorno e grazie dell'invito una piccola correzione sono Presidente del movimento europeo che un'organizzazione di organizzazione perché si ispirava cultura spinelliana
Chi come voi sapete ha messo insieme la cultura del federalismo anglosassone
La cultura economica radicale di Ernesto Rossi la cultura socialista di Eugenio Colorni che tutte e tre insieme in questa specie di Trenitalia
Finita l'AICA naturalmente si ritrovano nel manifesto di Ventotene
Volevo Losappio alla vostra attenzione su alcune cose la prima è che mancano trecento come ricordava il Segretario Mancini mancano oggi trecentosessantadue giorni dalle elezioni europee
Del venticinque maggio due mila e il quattordici
Meno di un anno
E mancano ottocentonovantacinque giorni al giorno in cui il primo luglio l'Italia assumerà la presidenza di turno del Consiglio del unione europea
Allora evidentemente non si tratta di come ha già ricordato il segretario non ci indichi appuntamenti di poco momento
Si tratta di appuntamenti che chiedo una riflessione
Profonda su questioni di carattere politico questione di coalizione di alleanze
E su questioni di prospettiva su quello che potrebbe avvenire durante la legislatura che comincerà nel due mila e quattordici intanto
Teniamo conto del fatto che il Parlamento ovvero esigerà dal Consiglio dal Consiglio europeo che il Presidente della Commissione venga designato non nel mese di giugno
Ma che per rispetto del Trattato di Lisbona che prevede che il Presidente la Commissione e designato tenuto conto dei risultati delle elezioni europee fatte le opportune consultazioni
Il Parlamento però si gira che il Presidente la Commissione venga designato dopo la prima sessione del Parlamento europeo del primo luglio
Il che vuol dire che se il Consiglio però rispetterà questa volontà democratica del Parlamento però di applicazione del Trattato il Presidente la Commissione sarà designato durante all'inizio del semestre di presidenza italiano
Dando a noi come Italia una responsabilità in più
Rispetto a quelle che sono state assunte nelle legislature precedenti e che contemporaneamente
Noi dovremmo nominare l'Unione Europea Donati designare il Presidente del Consiglio europeo cioè quello che dovrà sostituire vanno un poi l'Alto rappresentante della politica estera cioè quello che finalmente dovrà sostituire
A lady Ashton e il primo luglio il Parlamento però il dubbio che il Parlamento Padova e leggere il Presidente del Parlamento per ricordiamoci dell'Italia
Dal mille novecentosettantanove ad oggi non ha mai avuto un Presidente del Parlamento europea
Allora tutto questo richiede evidentemente una riflessione di carattere politico richiede una riflessione concernente la coalizioni che dovranno muoversi in vista delle elezioni europee e richiede quindi una scelta delle scelte
Che ci concerne non è di concernono su cui non su quale Europa se l'Europa conviene ci fu un convegno nell'ottantanove che aveva come titolo Europa conviene ma su quale Europa conviene
Allora in questo quadro esistente qualche modo una articolazione di colori
Da chi ritiene che il rigore
E il mercato consentono la crescita e dell'opinione per esempio del
Presidente del Consiglio uscente Mario Monti quale ci ha detto varie volte che il rigore il mercato
Al
Provocano la crescita o chi ritiene che il rigore e crescita sono due strade parallele che devono essere condotte insieme e chi ritiene invece c'è un numero crescente di economisti
Che io dirigo impedisce la crescita e che quindi
Noi abbiamo bisogno a livello ovvero di politiche diverse rispetto a quelli che sono state condotte in questi ultimi anni è chiaro che
Queste scelte non sono
In diciamo così neutre dobbiamo sapere noi che scelta voglio fare cioè se vogliamo scegliere l'una all'altra o la terza cosa anche qui ci troviamo di fronte a maternità laica diciamo
Allora per far questo noi dobbiamo pare delle scelte Padoa Schioppa diceva per esempio che
Il rigore spetta agli Stati e che la crescita invece deve essere cosa dell'Unione europea e per fare
Però è la crescita ma abbiamo bisogna intanto di affermare il principio secondo il quale la crescita dev'essere socialmente ecologicamente sostenibile cioè non si può parlare genericamente di crescita
Per avere il cash all'europea uno dobbiamo dare all'Unione europea capacità fiscale cosa che oggi l'Unione europea Nona e tra l'altro in questo quadro si pone il problema si è questa capacità fiscale debba essere attribuita
Ha soltanto alle ozono deve invece riguardare l'Unione europea nel suo insieme
Per far questo significa chiedere delle politiche a livello di Unione che lui europea però non ha fatto cioè politiche garantiscano dei beni comuni
Che non vengono però ha garantito di a livello nazionale le energie all'immigrazione la lotta alla criminalità organizzata la politica industriale la disoccupazione la politica estera le relazioni presento con i Paesi vicini
Però per far questo ma abbiamo bisogno di un'Europa che sia governata
E allora anche qui c'è una scelta noi accettiamo il principio che quello che è stato sostenuto da Sarkozy che sembra condiviso anche da Olanda secondo il quale il Governo di unione e l'insieme dei Governi nazionali
Cioè un sistema intergovernativo che non ha funzionato uno sostegno il principio secondo il quale non abbiamo bisogno di un Governo dell'Unione che sia un Governo di tipo federale che risponda
Di fronte al Parlamento perché l'insieme dei Governi nazionale cioè il Consiglio europeo non risponda nessuno e quindi non è
Democraticamente controllato diciamo non è una scelta neutra questa dell'una o dell'altra ipotesi anche se come del resto l'Olanda ha fatto un passo in avanti non marginale quando ci ha detto noi siamo favorevoli unione politica
Vogliamo che non è la politica si realizzi nel termine di due anni allora ecco queste sono scelte che sono anche legata all'idea di una coalizione
E quindi per esempio dobbiamo chiederci se la candidatura di Martin Schulz che è stata indicata al all'incontro di Lipsia una candidatura che
Si colloca nel quadro della battaglia
Per un'OPA riversa rispetto a quello attuale c'è un'OPA che garantisca queste politiche questi beni una capacità fiscale e un Governo democratico o se l'OPA in quei invece alcune di queste scelte non vengono non vengono fatte
Allora questo è un problema sul quale l'Italia può e deve giocare un ruolo facendo delle scelte io per esempio
Rispetto al professor Gervasoni o delle
Alcune perplessità rispetto a
Come posso dire alla capacità innovativa di Tony Blair Toni Blair responsabili di percosse
Molto negative in Europa non prendo posizione evidentemente sulle questioni nazionali primo Toni Blair quando è stato il Presidente del Consiglio dell'Unione europea delle dell'uno del
Consiglio europeo
è stato responsabile di tutte le frenatura che sono state fatte sul processo di integrazione europea
Toni Blair responsabili di uno dei peggiori bilanci no peggiori no perché quello adottato dal Consiglio per l'otto gennaio ancora peggiore rispetto a quello precedente quindi al peggio non c'è mai fine
E Toni Blair responsabile in tema insieme a George Bush della guerra in Iraq di cui sappiamo benissimo
Tutte le cose che stanno venendo fuori allora da questo punto di vista la scelta europea Toni Blair rappresentante di una certa visione dell'integrazione europea del resto il rappresentante nella convenzione lo hanno dimostrato per esempio lottando contro il diritto di sciopero la Carta dei diritti fondamentali
E altre cose che hanno caratterizzato il Governo di Tony Blair mentre per esempio che lascio a vedere
è stato il protagonista della Consiglio europeo che ha convocato la convenzione sulla Carta dei diritti fondamentali del due mila
E Toni Blair ed Helguera lascia stare il protagonista della dichiarazione Amato share retorica consentito che apre il dibattito sul processo di integrazione europea e che poi ci ha portato la convenzione sulla Costituzione europea allora ecco su questo
Noi di come italiani dobbiamo fare delle scelte io presento sono convinto e mi avvio alla conclusione che
Questo Parlamento dovrebbe costituire il più rapidamente possibile un intergruppo per gli Stati Uniti ed Europa possiamo chiamarlo in questo modo
Che questo intoppo debba costituirsi prima del Consiglio per il ventisette ventotto giugno in modo del tali da indicare al Governo italiano in maniera chiara e netta che non basta programmare ristabiliti d'Europa
Ma che e qui concludo dobbiamo in qualche modo ispirarci a quello che ci ha detto più volte detto ed è già dell'onore il quale tra l'altro ha firmato
L'altro giorno manifesto sulla Repubblica siglo h Merkel io al mio aiuto all'Europa vincoli Blair
Però e Schroeder chiedono che il Parlamento ovvero
Sì diventi una convenzione costituente
Allora però ci diceva che per vincere nella oppure in politica servono tre elementi un Progetto un metodo un'agenda
Il progetto a mio Pignone è
Un'Europa diversa da quella attuale c'è un'Europa che garantisca beni comuni è un governo democratico
Il metodo è quello democratico e quindi io sostengo in pieno idea dice prevedere di calore del riconoscere nel Parlamento volevo che sarà letto il venticinque maggio dal prossimo anno il ruolo di convenzione costituente
E l'agenda è un'agenda in termini rapidi cioè non possiamo
Permetterci di aspettare allungo la riforma dell'Unione quindi in questo per esempio condivido quello che ha detto François Hollande che l'unione politica
Debba realizzarsi in un periodo di tempo
Visibile Olanda detto due anni vuol dire il due mila quindici
è immaginabile presento che se il Parlamento vero assumerà su di sé quello che ha fatto il Parlamento durante la legislatura nella quale il deputato più rappresentativo
è stato Altiero Spinelli che il Parlamento varò assuma su di sé questo ruolo costituente e che proponga i Parlamenti nazionali e all'opinione pubblica e nel due mila e quindici un progetto di riforma
Deludono pensa Enzo democratico il titolare secondo l'ispirazione spinelliana cultura anglosassone economia radicale e cultura socialista russi Spinelli e coloni grazie
Grazie evidenzia casa se lei invitare intervenire al massimo mia giovinezza e di Confesercenti dopo di lui Cananea Maria Claudia Matteini
Sì buonasera profitto
Parlare o un pubblico che mi consente di dire
Come dire cose non
Non più solo politica ma cercando di coniugare
Il riformismo
Che cosa succede domani quando Riccardo aveva chiesto di d'intervenire ho pensato cercavo di capire che cos'è oggi per una una un mondo della piccola e media impresa
Il riformismo che concorda una parola vuota perché si arriva a voi che un'attività di riformismo
E chiedere la Guardia di Finanza di mentre va a fare le li ha certamente di somministrare un questionario dove domando agli imprenditori perché non apre la domenica
Su cui senatore Cina fattone interrogazione perché l'Authority per la concorrenza che erano le cose più assurde pur costosa ci siano Italia
Sta cercando di far passare questo ennesimo tacere la grande impresa
Ma riformismo
Tentare di semplificare la vita di accompagnare per esempio la piccola e media impresa che vi posso testimoniare si sente abbandonata la piccola e media impresa
Da da ripartirsi al meeting di Perugia che l'altra associazione fa a ogni anno
L'anno scorso c'era allora il vice direttore Segretario letta del PD venne fuori dal meglio e abbiamo del resto è quello il sessantotto per cento non erano domande riservate
E definirono o male o molto male l'azione del Governo Monti
Allora il riformismo ridurre la congruità la convivenza ad alta tensione che noi abbiamo oggi
La crisi aumenta il bisogno di risposte non ci sono i soldi alle
Poste non non non arrivano sia con escono i conflitti degenera ancora bisogni maggiori
E il calo di reddito e questa crisi di valori che forse il frutto avvelenato di questi ultimi ventennio sfiducia nel futuro sfiducia nell'altro e la perdita del senso della
Comunità civile
Vi ricordo i l'uomo nuovo del partito nuovo ma anche la la solitudine del del cittadino globale di Diba umane allora noi risolviamo sont siamo tanti piccoli io che non riusciamo a trasformare in noi
E qui in questa solitudine forse
Ci sta anche qualche motivazione che spinge coi al suicidio perché tutto diventa motivo di scontro il negozio di abbigliamento di fissavo per esempio trovati nel periodo invernale quattro quattrocento ambulanti irregolari
Che vendono oggetti tutto diventa un problema sociale oppure quei commercianti multati per per lo scontrino e trovano decine e decine di
Vedi di persone poveracci disperate vendono magari l'OPA contraffatte della malavita
Cose non era successa negli ultimi anni ora diventa un motivo di scontro perché ci sentiamo minacciati davano noi la nostra famiglia da questi altri e parla un'altra lingua che sono un altro colore
Io non so se c'è bisogno di un patto di o non patto da ricostruire comunque c'è un rapporto tra lo Stato imprenditore che non va
Va ricostruito assolutamente per soprattutto tra cui in quell'area della piccola e media impresa cui spargeva riferimento Nencini che il novantotto per cento delle imprese italiane e fino a cinquanta dipendenti la maggioranza del PIL
E
Anche la maggioranza del del degli occupati e quando si fanno le norme bisogna avere la testa e che fa politica dovrebbe cercare di di
Di tradurlo cariche quando si studia l'HACCP non si può usare lo stesso metro per il supermercato che quartiere e la Barilla oppure al SISTRI sulla tracciabilità dei rifiuti
E dopo la questione del fisco l'accenno ovviamente
Ovviamente ma è micidiale perché lo Stato e pretende venti per cento da Equitalia e poi non ti paga e quando si paga assetti paga tirare due per cento mentre magari da una valanga di milioni al Corriere della Sera però i giornali venduti
Capite che
Quello che dicono che in trincea dalla mattina alla sera e che non ci son più Maccianti hanno miliardi dello ve lo posso ignorare evidentemente crea dei cortocircuiti
La un'altra cosa da che il riformismo dovrebbe assolutamente aggredire la questione della giustizia della burocrazia del soffocamento e questa tenaglia sta facendo lo sapete di sicuro ma
Me li ricordo perché fa un po'effettuo una sentenza di fallimento in Italia arriva dopo venti mesi
Ci sono mille duecento dieci giorni di di per far rispettare un contratto in Francia Germania Gran Bretagna sono trecentonovanta
In Tribunale ci vogliono quarantuno procedure per rispettare un contratto in Francia sono a metà nel due mila otto ha detto l'Unione europea non noi
Una causa civile dura Torre mila quattrocentoquarantanove giorni
E
Il costo per oneri atti scartoffie pare colloca l'Italia l'ottantasette Asimo posto su cento ottantatré Paesi
Non posso leggervi per motivi di tempo
Le queste sono da una fila di scadenze che quando uno assuma un dipendente sono sedici subito può essere anche un apprendista sono altre otto
E poi altri cinque se non è se non è italiano ventinove procedure per cominciare a dire uno può lavorare anche come artigiano come apprendista
E questo è tutto un altro mondo poi ci sono
Soggetti molto più esperti minime
L'altra questione volevo sottolineare per
Invitarvi anche voi a riflettere
La questione del del territorio perché il nuovo il riformismo forse ha un sapore antico
Se in America
Che
è il paese e ci precede sempre
Stanno mettendo le ruspe e tirano giù i centri commerciali artificiali perché non sono più Barona più appeal non sono più remunerativi e guardo un po'vanno a ripristinare i quartieri prego la piazza
I negozi il nel primo piano con
Coglie quegli appartamenti
Perché questo bel riprende dell'Italia del del
Del Paese fondamentale nessuno parte da Berlino da Boston per andare a Serravalle Scrivia oppure a Barberino del Mugello a all'outlet ma parte da quei posti per andare a Pienza Castagneto Carducci
Ma se nel frattempo accoglie Salvetti sì
Predispone cinquecento mila me
Come sapete un piccolissimo Comune trovare sull'Aurelia per andare a Capalbio diceva venendo da solo
Se ci sono cinquecento mila metri quadri di superficie commerciale noi rischiamo referto Costa Azzurra dove il Governo francese un po'd'anni fa dovete mettere mano al soldi a finanziare la ripristino del da una rete commerciale una bottega assistita non sarà mai vista non sarà mai sentita
Perché senza il territorio allora anche le Terme di Saturnia per fare un altro esempio diventa una cosa asse assurda isolata autosufficiente poi metterci però se portarla dappertutto non c'era nessunissimo
E collegamento con con il territorio e ci rimane questa Oltretevere sono borghi finti
Poi Ikechi veri che vive in Toscana qui c'era un po'di di problemi ulteriori
Una piazza finta in cartongesso dove c'è perfino il Comune le Poste sono false perché è un servizio che costa troppo allora
Ha il riformismo dovrebbe cercare di di un equilibrio fra di voi diverse tipologie aziendali e non
Dare mano agli spiriti animali e nella grande distribuzione fanno solo della grande impresa fa solo de de dei problemi perché la Val d'Orcia che la cartolina con cui la Toscana si presenta nel mondo
Se ci fosse un parallelepipedo di venticinque o trenta mila metri quadri Dini era forse non sarebbe lo stesso non avrebbe
Lo stesso appeal
Vorrei dire a chiunque voglia si vorrei dirvi anche del credito e del della finanza che che se sposta ricchezza ma non l'aveva forse andrebbe regolata e voglio chiudere con questo sul turismo
Perché veramente è uno dei luoghi comuni appena riletto il ministro si in sede di c'è sempre un sacco di di stupidaggini sempre le solite nostro petrolio beni culturali poi non si fa nulla
Se vi ricordate negli ultimi anni è stato proposto il grande per il turismo le ricorsa sulla spiaggia Canesi dietro alla alla famiglia e per carità
Bip quelli prima neanche quello perché ministro ignoti aveva i nodi del turismo visto voleva alle infrastrutture e quando ragionava che stavo stavo faceva senza nessun amore senza nessuna fretta senza nessuna idea e quindi
Però il turismo ed è di rossore chiudo l'artigianato il commercio turismo e servizi da culture all'enogastronomia entra in Italia non fare un filo che riunisca riesca a venderlo è veramente una vergogna pensando che
Con la cultura a differenza di quello che ha detto per tanto tempo Tremonti si mangiasse mance come certamente se gli Uffizi fatturano cinque volte meno
Meno del Metropolitan di New York e chiaro e non si va da nessuna parte ma non è che metropolitana
è caro e che noi non siamo in grado di dare un servizio e difendere quello che abbiamo grazie
A intervenire daremo è Claudia Matteini dopodiché rispettare cassa gliela Palese resta tasselli
Naturalmente plaudo a questa iniziativa che ho l'occasione per
Riflettere insieme discutere di temi di enorme importanza
Probabilmente
Se ne sono già fa stellati troppi
Di di varia natura perché si sono intrecciati e anche un po'confusi secondo me temi di carattere teorico riflessioni di portata storica perché urgenza di carattere politico
Magari un seminario più ampio di cui questo sia in qualche modo il prologo
Che
Ci impegnarsi insieme anche a stare insieme oltre giorno almeno tre mezze giornate separando quelli che mi sembrano essere stati i tre
Fuochi della riflessione odierna
E cioè l'Europa
Quale futuro
Come tentare di correggerla
Io sono certo federalista in convinto anch'io
Qualche volta dubito però deriva
Ed è la premessa di di certe visioni federaliste che sembrano ignorare a che l'Europa non è che non sarà mai gli Stati Uniti d'America perché non siamo
Uniti dalla stessa comunità di destino come però gli americani delle tredici colonie iniziali
Ma siamo
Ventisette più altri mi pare fuori rimangono ancora una decina popoli europei
Con le storie lingue culture ben diverse e con una lunga e scellerata teoria di guerre reciproche
Unificare tutto questo con uno schema mi pare francamente arduo allora
E oltretutto l'esperienza di questi ultimi dieci anni ci dimostra che cosa ci dimostra che
Su tutto ha prevalso o è un'Europa non federalista ma centralista
E il federalismo in qualche modo è stato riassunto dalla dimensione nazionale ed a questi vertici
Che poi dicono l'ultima parola anche se poi nell'intervallo tra un vertice l'altro a governare la burocrazia europea con i suoi grandi meriti
E anche però con i suoi tanti demeriti quindi anche questa materia esigerebbe secondo me è un aggiornamento una riflessione
Approfittando del fatto che abbiamo uno straordinario Ministro degli esteri come Emma Bonino
E che è una convinta federalista e ho visto che intende misurarsi innanzitutto proprio su questo terreno è benvenuto beninteso questo impegno però
Da parte nostra degli amici radicali
E di tutti coloro che sono interessate a questa discussione varrebbe la pena di di di di mettere un po'meglio a fuoco tutti questi temi
Di natura europea
L'elezione diretta faccio un esempio del Presidente della Commissione da parte dei popoli europei Max calcolate che cosa significa concretamente cioè la vittoria di novanta milioni di cittadini tedeschi non e allora sarebbe come dire la pura e semplice ratifica di un primato di fatto che si esercita oggi attraverso il primato economico
Sul piano
Di quelli che sono le grandi questioni
Nazionali relazioni RIS sorgono in Europa e i nazionalismi e dentro i nazionalismi provincialismo i settarismo mi e anche le derive
Se no foibe
Che proliferano un po'dappertutto e non soltanto in Italia quel misto di
Politiche del risentimento di accorrere levati tu che mi ci metto io arrendetevi siete circondati tutta questa paccottiglia proliferano solo in Italia ma anche negli altri Paesi europei
Le penne Marina le per il primo partito in Francia in questo momento secondo i sondaggi
Il Pirata in terrorizzano tanto i socialdemocratici tedeschi quanto la Merkel e quindi non è che ci sono soltanto
Da noi queste tensioni questi problemi questi rischi
Ci si è chiesti quale riformismo attualmente
è giusto riferirsi a tanti esempi del passato
La nostra storia e anche della storia di altri
Ha fatto bene Gervasio da citare quella appunto di Craxi al congresso di Rimini e l'ottantanove
C'è un altro tema che Riccardo
Sfiorato nella conclusione della sua introduzione e che credo sia il tema che in qualche modo la passione in qualche smisurate forse anche lo angosciante cioè quale coalizione
Dopo il tramonto di quella
Io penso per fortuna che è tramontata insomma quella che era stata varata da Bersani
Attraverso una manovra un po'subdola quella di far partecipare Vendola alle primarie del PD
Con un accordo preventivo per cui poi al ballottaggio currency Vendola avrebbe votato Bersani così è stato puntualmente
Però se si tolgono Bersani voti di Vendola nel PD aveva vinto Renzi
Per questo
Per onestà andrebbe detto dentro il Partito Democratico perché è difficile poiché augurare fasi diverse nuove
Se non si parla se non si passa dal
La dalla verità anche perché vedo che oggi Bersani rivendica successo in queste elezioni amministrative
E qui siamo la comica finale perché il venticinque per cento del cinquanta per cento del corpo elettorale se non la matematica un'opinione Fal dodici e mezzo
Questo il dato sugli aventi diritto al voto che non sono tutti i cittadini italiani perché se calcola siamo tutti i cittadini italiani questo vale il nove per cento quindi il nove per cento bene io non lo rivendica lei come un grande successo
Perché di questo passo non so dove certo in discesa è possibile conquistare anche il controllo al Governo di tutte le principali città italiane ma in discesa cioè perché gli altri hanno perso ancora di più
Perché forse l'onda che in linea si è arrestata o a livello territoriale non non macina perché
Internet è un mezzo che funziona meravigliosamente dimensione planetaria ottimamente a livello continentale molto bene a livello nazionale segnalazioni sono comuni continenti come l'America di Obama e più però ti sei
Che riduci e alla dimensione territoriale meno è utile ed efficace un mezzo come quello internet
Va beh insomma di temi sarebbe per l'appunto troppo non voglio azionarli tutti quanti per
Aumentare
La confusione
Un punto
Mi sta a cuore cioè
Quando si parla di coalizioni del futuro dovrebbero essere coalizioni tra le forze più prossime profili
E dunque i socialisti coi laici i socialisti se vi sono altri socialista in altri partiti con
Con questi altri di socialisti rispetto al Partito Democratico mi pare che dovrebbe essere questa l'area delle nostre
Attenzioni
Sapendo quanto noi stessi siamo diventati minuscoli nella situazione attuale e dunque con con tutta l'umiltà del caso senza la pretesa di fare né i grilli parlanti
Nitida lezioni ad altri
Purché si parta dalla costatazione
Che abbiamo alle spalle vent'anni buttati gettati dalla finestra dal punto di vista politico
Non riesco a vedere francamente un beneficio apportato dalla cosiddetta seconda Repubblica considero anche abusivo parla di Seconda Repubblica perché in realtà noi continuiamo a muoverci
Nelle macerie intossicate della prima questa è la verità
Se però vogliamo per forza da Roma questi vent'anni non possiamo che chiamarli come seconda Repubblica allora non c'è che da augurarsi che fa il più fretta possibile la marcia necessaria per arrivare alla terza di Repubblica
Quindi il riformismo che ci interessa oggi e
Io direi quasi innanzitutto un riformismo costituzionale istituzionale
Eccetto questo deve toccare anche il tema della riforma dei partiti non soltanto sotto il profilo del finanziamento ma finalmente in applicazione dell'articolo della Costituzione
E separatamente da questo anche il tema della riforma dei sindacati i quali non sono esenti da responsabilità ed accolte perché se in Italia abbiamo la destra
Chi si dice liberale e della più liberale del mondo perché una destra monopolista oligopoli stesso al di là degli altri giudizi che lasciamo perdere
Ma è una destra illiberale perché è una destra che difende i monopoli degli oligopoli abbiamo una sinistra conservatrice corporativa quindi siamo messi molto male
Il corporativismo purtroppo
Frutto anche noi non solo e non tanto dei grandi sindacati nazionali ma della profughi ed i sindacati che si organizzano e che esercitano poi
Forme vero proprio di di di di di ricatto diritti nei confronti dell'impresa e delle aziende
E degli stessi lavoratori tutta questa materia ha bisogno di essere regolamentata con metodo democratico come dice
La Costituzione più bella del mondo invocata a vanvera maggior parte dei casi
E difesa laddove dovrebbe essere cambiata cioè laddove disegna la forma di Stato e di Governo
E ignorata laddove dovrebbe essere viceversa applicata
Vengo al punto che mi sta più a cuore
Su questo concludo io penso che quando si parla di socialismo liberale o di del liberalsocialismo
Bisogna
Intendersi tra di noi che molto bene non si tratta di connubi di natura ideologica di natura neanche ideale
Si tratta è stato rivendicato giustamente di compromessi pratici in alcune circostanze secondo me oggi ormai di qualche cosa di più di un compromesso soltanto pratico
Traggo questa suggestione questa ispirazione da una
Da un aneddoto perché riferisce dei della vita di John Maynard Keynes no liberale progressista appare ancora oggi poi
Foto e mio in mancanza di altri riferimenti prese riferiscono tutte le sinistre i socialisti lenti nell'idea che insomma
Indebitarsi non è così grave spendiamo di più deficit spending e così possiamo finalmente fare cose che ci stanno a cuore dal punto di vista della giustizia sociale
Vetere detto anche oggi su una riecheggia questo dibattito tra il premio Nobel Krugman a due ricercatori americani
Probabilmente
L'impronta più liberista e conservatrice rispetto CUP banche invece è un tema desiano rinnovato sul tema appunto se far debiti sia il modo migliore di promuovere sviluppo
Noi sappiamo che la nostra storia che con la Prima Repubblica si sono fatti i debiti però sempre promosso sviluppo la seconda invece a raddoppiato i debiti e ha promosso recessione
O perlomeno questo è il risultato finale di questi ultimi anni
Quindi anche questa materia andrebbe approfondita e discussa con una certa serietà e storica e soprattutto attualizzata perché sarà quello di cui si parlerà nel prossimo anno e nei prossimi anni probabilmente dunque sarebbe bene che fossimo
Tutti quanti più Ferrati in questa materia
L'altro la il riferimento di John Menna che in sé nel rapporto tra socialisti liberali nasce proprio da una un episodio della sua vita
Quando intorno al mille novecentoventi oramai i laburisti avevano su un passato illiberale inglesi
Ed erano diventati
Il partito rivale dei conservatori dei Tories in Inghilterra allora i laburisti andarono da
Da Keynes stimando lo evidentemente Lisma lei deve diventare assolutamente socialista c'è un grande spazio per lei nel Partito laburista britannico
Deve venire assolutamente con noi
E Casey riguardo poi mi pose questa semplice domanda ma voi chi siete
Siete gli eredi di una scaduta ideologia si riferiva al socialismo marxista
O siete gli eredi dell'eterno liberalismo
E cioè di quella ideologia che non si fissa in dogmi ma che sa a rinnovarsi aggiornarsi nel rapporto con la realtà
Questo è un punto cruciale soprattutto nelle discussioni politiche italiane perché
Perché noi pensiamo che la coerenza sia un valore assoluto
Voi sapete che
L'ingegno me Bertrand Russel sosteneva che soltanto i cretini non cambiano mai idea
è vero peraltro che non basta cambiare idea per non essere cretino
Ci sono tanti che abbia le idee sono effettivi lo stesso
Però rimane il punto che la coerenza è una virtù che parla disse
Non parla del rapporto con la realtà
Sì se si resta coerenti in un errore
Non è che un merito come del tutto evidente
Quindi anche noi socialisti dobbiamo sapere quello che vogliamo e vengo all'ultima questione che mi appassiona questa della coalizione accennata da recato
Nel mille novecento ottantotto in un dibattito radiofonico
Con Achille Occhetto lanciare l'idea di un Partito Democratico
Come il luogo nel quale socialisti laici si potessero riunire e offrire una sponda
Alla revisione necessaria ormai ineludibile del Partito comunista
è aperta no perché come
Poi ben capire si trattava di tutt'altra visione rispetto a quella che poi si è realizzata
Quella che si è realizzata come ha detto giustamente come si chiama il candidato socialdemocratico
No stamane la Lecciso degli enti Steinbrück Steinbrück come ha detto a da lei ma mi pare in questa riunione che avete avuto
No il Partito Democratico Italiano è il compromesso storico in un solo partito su una cosa diversa
Quello di cui si parlava la fine degli anni ottanta era l'incontro tra la tradizione socialista quella laica risorgimentale quindi repubblicani radicali beninteso il quale avevamo condiviso tante battaglie fondamentali
E capace di di incalzare l'evoluzione del PC indispensabile in ritardo evoluzione del PC
Bene Craxi non era contrario ha fatto questa idea mi fece un'obiezione mi disse il problema è che non sono d'accordo gli altri partiti socialisti europei
Ne parlo con Mitterrand ne parlò comprando e trova una posizione molto rigida sotto questo punto di vista
Ma lui non era assolutamente contrario anzi in particolare Luigi era perché venissero almeno associati i democratici americani all'Internazionale socialista ma per i democratici americani
Allearsi con organizzazioni sia socialista li espone in casa propria una contestazione virulenta come vedete è capitato di recente anche Obama
Definito islamista socialista non gli ha portato a vedere pubblica anima la contestazione c'è stata
Ora sono passati vent'anni il Partito Democratico si è realizzato in quell'altra forma
E tuttavia e lì
E al di là delle illusioni di questa tornata elettorale è alle prese con un problema che non ha risolto presente e che è un problema drammatico
E che il problema delle due sinistre italiane
E badate che io credo che questo problema sia destinato ad accentuarsi nei prossimi mesi ci sarà si svilupperà
In una forma aggressiva di contestazione del Partito Democratico approfittando del Governo di unità di larghe intese monolite chiamare troverà Lanza con Berlusconi che ovviamente lo espone
Ci sarà una contestazione sempre più aspra sempre più aggressiva
Da parte di un coagulo di forze
Da sale
Hai Grillini a una parte del sindacato antagonista la FIOM per non fare nomi
E questo metterà al Partito Democratico in seria difficoltà
Non so se il partito di letta e di lotta
Saprà da solo affrontare questo questa insidia senza sbandamenti perché poi si possa vantare sfida intanto montanti modi fettucce edificata
è un modo di
Come dire di affrontare la sfida anche quello cedendo oppure mescolando linguaggi disordinati confusi io vedo una grande un grande ruolo nostro
E degli amici radicali dei
Laici democratici liberal democratici che fossero della partita
E del sindacato riformista
Nell'affrontare questo genere di appuntamenti le coalizioni nascono dalle lotte che i Comuni
Se si fanno battaglie insieme per i nuovi referendum radicali
Si fa già coalizione si creano le premesse di una coalizione si danno ci si danno appuntamenti per
L'avvenire
Se si fanno battaglie che aiutino al Partito Democratico ad affrontare a viso aperto questa contestazione virulenta antagonista che tra l'altro fa molti proseliti nei media
Che
Di giornalisti conduttore si divertono la partita a capeggiare le rivolte a fare Masaniello loro costa nulla anzi fa guadagnare audience perché
E quindi è evidente che ci
Ci stanno volentieri al gioco
Questa mi pare una delle sfide
Più importanti che abbiamo di fronte che dobbiamo affrontare per quanto piccoli con generosità
Non pensando di approfittare
E nel momento in cui finalmente anche la socialdemocrazia si pone l'interrogativo se non si debba andare non c'è scritto oltre lì
E il tempo no il tema è oltre oltre che cosa
Oltre che cosa oltre le scadute ideologia credo perché se no di che cosa parla quello oltre non mi è chiaro
Non è che rimmel agendo ci in un bagno fiduciario
Nella nostra storia gloriosa cosa che dobbiamo fare come storici come intellettuali come studiosi e insegnarla anche i più giovani
Ma dobbiamo sapere che dobbiamo concorrere a un progetto che vada oltre i confini dei vecchi partiti vi raccomando lettura di un libro recente di Marco Revelli
Finale di partito Revelli hanno autore certamente molto più di sinistra di me
Sinistra ideologica beninteso
Il che analizza il perché della fine del partito politico il partito organizzato la democrazia organizzata anche in Italia succede in tutto il mondo Italia in un modo più più
Più rumoroso ma succede in tutto il mondo
Si passa dalla democrazia organizzata la democrazia
O Partito della transazione al partito che negozia continuamente e si arriva alla democrazia del pubblico
Che bypassa i partiti e che si affida le leadership per comunicare con l'intero popolo
E se non si spiegherebbero transumanza elettorali cui stiamo assistendo da anni a questa parte anche in Italia se sono vere le analisi che fa l'istituto di ricerche del Mulino
La maggior parte della classe operaia ha votato alle ultime elezioni per Grillo per Berlusconi
Pilo per Berlusconi non per i partiti di sinistra di che stiamo a parlare dunque
Adesso in più per Grillo adesso in più per primo
Bisogna saper davvero andare oltre e per poterlo fare bisogna essere armati della propria storia della propria cultura dei propri principi ecco il principio a cui io sono affezionato e quello
Sono due quello dell'equità e quello del merito
E penso che siano principi entrambi liberal socialisti
E sono i soli che possono
Attribuire
Darci le armi per affrontare anche questa sfida della recessione italiana
Cos'è il dinamismo dell'equità e mettere il maggior numero possibile di persone soprattutto di giovani in condizione di fare la propria gara nella vita in condizione di quasi in parità di quasi eguaglianza
E l'altro il dinamismo del merito e quindi liberare le capacità individuali anche quelle tempo infinito anche quelle tendenti al profitto è stato detto giustamente da questa tribuna
Chi produce ricchezza deve essere guardato con simpatia
Questa barriera ideologica della sinistra che non abbiamo superato tanto tempo fa
E cricca che si ci fece superare tutti insieme citando mi pare l'ultima pagina del socialismo liberale di Rosselli dove c'è l'elenco delle cose da fare
E in particolare c'è questo impulso fondamentale a liberare le energie individuali
E dunque
In questa mescolanza
Di rispetto e valorizzazione delle capacità dei talenti dei meriti individuali anche tesi al profitto
E
Di questo senso dell'equità cioè della giustizia sociale che deve a risarcire chi
Per la lotteria della vita i tempi nato in condizione di svantaggio e consentirgli di fare la sua gara che si giustifica e si può attualizzare il socialismo liberale
Grazie a Claudio onorevole Martelli chiamare intervenire
La professoressa sociologa Elisa
Sassoli dopo di lei Luigi Angeletti
Buona sera
Anch'io vorrei evocare il titolo che a me è piaciuto molto e quindi userei il oltre
Per due e i miei auspici che ovviamente non sono i soli ma ma che oggi io che appunto politico non sono
Vorrei segnalarvi da un punto di vista culturali
Il primo oltre oltre ideologia il fanatismo il secondo oltre oltre il nemico a sinistra e il Mar riposto senso di superiorità antropologica
Oltrepassando come dire anche questi due limiti per appunto
Contribuire ad una coalizione di sinistra più aperta più moderna e restituita alla realtà a quelle che Machiavelli chiamava le cose del mondo
E partirei
Come esempio da un caso esemplare appunto il referendum di Bologna sui finanziamenti alle scuole paritarie e che è stato voluto da non molti bolognesi ed da molti
Vip non bolognesi Margherita Hack Rodotà la Dandini eccetera che si sono appellati alla Costituzione indicando questo famoso piano B come un attacco alla stessa la scuola pubblica
E peccato però che sia stato come dire un'interpretazione strumentale ma l'intesa che verrà conta come invece appunto evocava anche prima il professor Gervasoni l'atteggiamento ideologico entra in contrasto quella cultura riformista e di Governo
Era da decidere appunto se un milione di euro si davano alle scuole pubbliche sommando gli ai trentotto già destinate alle scuole pubbliche tenuto conto poiché questo referendum per un milione di
è un ruolo è stato è costato cinquecento
Circa cento mila euro quindi decidere su un milione di euro che si davano le scuole pubblico alle paritarie cattoliche non
Ed è un caso locali ovviamente bolognese tra di interesse nazionale perché ovunque c'è questo problema lo dico lo dico da mamma di di due bambine che lavora e che ha sofferto anche l'attesa di lunghe liste
Perdendo anche come dire qualche entrata per rinunciare appunto a dei lavori ma questo è un altro discorso molto più serio che che non può essere come dire
Trattato en passant e quindi la domanda è ci importa
Se le convenzioni tra pubblico e privato redistribuiscono valori ci importa se lei retti ad esempio di chi manda il figlio alla paritaria coprono anche costi generali CIN portarsi si riducono le liste di attesa
No non ci importa importa impedire che i soldi pubblici
Finanzino un privato
Tra l'altro anche senza alcun onere per lo Stato pare infatti che a fronte di di un milione di euro riceva dalle pari pari un valore di sei milioni anche in termini di posti appunto assicurati
Meno recente ma sempre esemplare il referendum sull'acqua di due anni fa contro la privatizzazione dell'acqua si scrisse al tempo e si appoggio
E richiamo Turati mi piace farlo sempre di più quando dice che uno dei compiti del Partito socialista e quello di combattere le frazioni oggi e che l'uso del popolo
Credo sia ancora un po'un come dire molto molto valide e attuali e quindi avanti contro lo slogan vuoti ciechi perlomeno miopi
Continuo con Turati per premettere l'altro oltre
Agendo direttamente una citazione prima di tutto la democrazia prima il tutto alla democrazia tutti i punti di vista meritano rispetta il fanatismo non serve
E gli anatemi l'espulsione o le accuse di immoralità sono contrapposta alla cultura riformista
Su questo devo dire che che non mi pare che il maggior partito di centro sinistra sia
Mettiamo tra parentesi sia stato in questo senso perfettamente e culturalmente riformista almeno nella sua parte più numerosa inutile ora salari rievocare uscite dichiarazioni
Per esempio dei primi anni Novanta
Perché appunto sono anch'io d'accordo che si debba andare oltre
E però è pur vero che qualche appunto sullo stile esso e soprattutto sui contenuti di comunicazione che è data dalla principale partito di centro sinistra come dire giungono all'esterno
Un appunto si deve fare proprio per per andare oltre i più velocemente ma soprattutto in maniera più condivisa
E dunque ma
Diciamo seccamente eliminare su questo elemento che è diventato un elemento fortemente identitario
Per cui si trova sempre un nemico da battere o da denigrare e che si chiami Craxi che si chiami Berlusconi che precedentemente si chiamato Renzi questo non importa
è che chi non la pensa come come noi come loro diventa automaticamente il male
E tutto questo lo si fa assumendo anche uno stile piuttosto irritante quello che io ho chiamato appunto da
Pensatore illuminato e puro alle cui idee giudizi il popolo ovviamente ovviamente inferiore corrotto era adeguarsi per sollevati dalla sua
Naturalmente la vita
Su questo io riconosco riconosciuto ha ringraziato
Renzi e i cosiddetti Renzi anni mi fa molto piacere che lei nella lista del interventi si siano anche
Questi giovani nuovi parlamentari
O riconosciuta Renzi questa quei dire eresia questo coraggio di rompere di rompere dei tabù importanti di dire cose che sono
Come dire oltre il politicamente corretto ma soprattutto il
Politicamente definito a priori
E quindi di aver contributo contribuito anziana da a spostare il centro sinistra o almeno e con un piccolo spostamento supposizioni di sinistra più liberali
Una sinistra che dal mio punto di vista ripeto veemente non politico ma culturale
Deve saper elogiare il dubbio editto naturale sì avere una concezione laica dello ideologia per cui non ne esistono verità ultime definitive e soprattutto deve difendere il diritto all'eresia grazie
Grazie professoressa
Evitare intervenire nel vigente eletti Segretario generale della UIL la
E dopo li Luino Mario Staderini
Questa sarà un'ottima iniziativa io
Sarei anche favorevole a
Riproporre magari con più tempo e magari
Focalizzando di più la riflessione anche irritante e correndo il rischio che una volta mi disse voglio ragazzo e entrando con mio amico
Io ero scritta FIGC alla vigilessa entrando in un circolo della TGR la FIGC mi disse dice voi socialisti amare più gli scudi politica che farla per questo non riceve mai azione
Però correndo pure questo rischio
Perché perché penso che sul serio adesso stiamo andando contro la storia
Noi i al
Coniugando più o meno impropriamente
Il movimento sindacale con i partiti socialisti socialdemocratici almeno all'Europa occidentale
Siamo nati per
Correggere
Lei distorsione i soprusi del capitalismo
Redistribuire un po'di ricchezza opportunità e garantire la libertà e diritti alle classi più deboli che cosa accade quando il capitalismo non è più in grado di creare ricchezza
Che noi ci ci sbagliamo
Banalmente perché le ragioni per cui siamo nati sul esistono più
Oggi
Abbiamo questo problemino
Il nostro sistema economico
Molto più controllato e molto più stata Lizzadro di tutti in qualunque di tutti gli altri sistemi economici
Che esistono al mondo
E anche il più equo
No dove il controllo dei sindacati dalla mano pubblica dello stato dei Comuni Brabham
C'è
E e si vede
Il sistema economico non funziona più
E non ci sono molti anche in ulteriori e
Convincenti a parte quelle che si possono dire la propaganda
Quando Cancer inventò il fatto che si poteva fare esso debiti anzi che era giusto fare i debiti per sostenere una domanda in caduta e la crisi del ventinove era dovuta un eccesso di produzione una caduta dei prezzi perché non c'era abbastanza gente disposta a comprare
Era semplice ma avevano solo il venti per cento dei debitamente del la ricchezza prodotta non è il nostro caso
Negli ultimi venti anni l'unica cosa che
è accaduta
Non l'unico esempio di riformismo
Diciamo così applicato o in termini positivi è stato fatto in Germania la Germania era un paese
Il malato d'Europa a crescita zero il tasso disoccupazione no per la prima volta radar secoli superiore a quello italiano
Abbiamo avuto tassi su cui sono inferiori a quelli tedeschi per pochi anni ma certo ci siamo riusciti
E nessuno del
L'ombra
Sono da
Ha fatto delle riforme
Che servivano a rimettere in modo la macchina
Industriale tedesca
E ha avuto successo
Ed è stato l'unico esempio
Io non a caso è stato il più maltrattato di tutti no ancor più di Blair siccome inglesi sono ovviamente molto più a fascinosi
Nella retorica politica fece eccetera si concentra ovvio molto più sul personaggio Bau quell'oscuro
Socialdemocratico
Compagnie dei capitalisti come lo chiamavano i miei compagni la
Del sindacato dei Visco
ANSA ha fatto l'unica cosa cioè si è posto un problema la macchina per produrre ricchezza del nostro Paese si è bloccata adesso bisogna rimettere modo perché altrimenti non sapremo più che cosa ne redistribuire
E lo stiamo parlando di aumenti salariali stiamo parlando di Autodesk delle élite della ricchezza delle risorse necessarie per garantire la salute l'assistenza la pensionistica la scuola alla cultura tutto
Perché è ovvio che quando risorse diminuiscono
Poi uno possono dire semplifichiamo un po'prima questo un po'quell'altro ma indubbiamente Luca il nostro sistema di vita di cui giustamente siamo stati così
Gloriosi e che non è stato
Che non è stato gravissima non
Cioè tutta la lotte anche sanguinose che sono state condotte in nome della
Garantire un docente tenori di vita e un livello di diritti di dignità politica alle classi più deboli
Ecco saldo dell'Europa e siamo riusciti a raggiunge un traguardo oggi in Italia non solo però occupiamoci adesso dell'Italia
Perché in Europa non tutti quanti soffrono la stessa malattia noi i francesi sicuramente ma gli spagnoli e i tedeschi sono già di alloggia malattie diverse
Compresi spagnoli che non stanno bene ma e è un altro problema dal punto di vista del italiani e francesi hanno un problema drammatico che il loro stoccato
Economico
Non è competitivo
O quanto meno non è sufficientemente competitivo per continuare a garantire uno Stendhal divida e qui soprattutto posti di lavoro
Perché la più grande ingiustizia è quella di non avere un posto di lavoro Pocetti tutte giusti ingiusti deciso successivamente sono individua molto meno dallo
Che cosa deve fare un partito riformista
Se non porsi questa domanda e cercare di dare una risposta
Ovviamente una
A questa domanda non a tutte a tutte quelle più comode
Come si fa a far sì che le nostra ricchezza cresca almeno dell'uno virgola cinque per cento ogni anno
Non dobbiamo crescere come i G cinesi non non esistono né sulla condizione e non dobbiamo neanche andarci a cercare
Però dobbiamo Grecia meno dell'uno virgola cinque per cento che sono esattamente i soldi necessari per garantire lo Standard di vita e i beni
E i servizi necessaria sessanta milioni di abitanti senza
Creare dei disastri sociali senza spingere
Una parte magari minoritarie dalla nostra popolazione a suicidarsi perché improvvisamente la sua vita e ci ha cessato di avere una seria prospettiva come terra di lavoro non ha vent'anni ma cinquanta che non è la stessa cosa
Il problema politico il sindacato
Non è e non può essere e non devi essere
Lo strumento attraverso il quale passa la risposta
Perché il Sindaco l'alto il livello di adesione delle persone al sindacato è profondamente diverso del del di quello che muove la partecipazione del cittadino alla vita politica
E quindi al partito lo schieramento al leader politico i sindacati checché ne pensino molti dici lui esce amici politici non portano voti ma possono farvi perdere questo sì
Il il sindacato per il tipo di adesione e per il suo compito perché verrebbe meno
Dal punto di vista politico e di tutto io sostengo e della polizza morali etico al suo mandato la sua missione e necessariamente in una fase di crisi conservatore
Perché percepisce una cosa molto semplice che domani è molto probabile delle condizioni siano peggiori di quelli di oggi questo lo percepiscono anche le persone che noi rappresentiamo
Ed è una questione morale etica oltre che politica ed organizzativa quello di rappresentare i sentimenti le preoccupazioni delle persone certo cercando di dare una visione è una risposta positiva quindi
Di non farle cadere nel pessimismo né di aggregarli con l'idea che
Come dire che UNCI solo che ci sono solo pasti gratis o che si può cambiare il mondo perché anche neanche questo è il nostro compito
Il sindacato può fare un'altra cosa
Può sostenere una politica riformista
Ma non ne può non ne può sostituirsi
E non ce lo dovete chiedere
Primo perché sarebbe frustrante per voi non per noi perché ci siamo abituati
è un mestiere che sappiamo fare bene
Non può
Sostenere ma per sostenere si può sostenere qualcosa che c'è
Una politica che c'è
Non si può sostenere una politica che non c'è e che al massimo viene predicata
Perché non possiamo rischiare di perdere quella piccolo grande consenso che abbiamo sostenendo una politica che solo parlata e che noi percepiamo solo parlava e vengo qui all'ultima questione
Fondamentale cioè come si fa a
A produrre una pura buona politica riformista
In un sistema politico come il nostro
Bisogna prendere atto di due cose
Per quanto complicati esse possano essere la prima il no la mia percezione anzi devo dire che siamo arrivati
Anche se con ovviamente siamo diversi dal punto di vista anche culturale nuovo con gli altri però piano piano
Sono riusciti a a porre come condizione la riduzione delle tasse come primo obiettivo dei sindacati mai avvenuto i centocinquanta anni di storia del sindacato mai anzi percento cibo quarantanove abbiamo detto metà delle tasse e finanziare i servizi
Per la prima volta abbiamo fatto una rivoluzione
No anche la CGIL
Anche la CISL vi solo
Cinque anni fa mi dicevano noi amiamo le tasse
Ma pubblicamente non
In segreto
Che cosa possiamo fare dobbiamo cambiare il sistema politico
Il sistema istituzionale il sistema attraverso il quale si prendono decisioni politiche la nostra valutazione e giù e al Lincoln non in maniera retorica nostra
E che il sistema politico in Italia è diventato troppo debole e con è avvenuto quello povero che avviene come nell'ammonita
Se ne stampa veramente tanta che il Papa solo ore
Ci sono migliaia di voti due persone politiche hanno il potere di prendere decisioni a parte che questo possa
Perché sono tutte decisioni su come spendere
E questo è un altro capitolo Tizio svegli utile avete ma
Ovviamente sono un susseguirsi di decisioni perché si paralizzano e si annullavano con l'altro risultato finale questo Paese non viene governato e questa è la paralisi ma questioni
La principale questione non risolvendo la quale tutto il resto è inutile
Ne ha già a questo si aggrava un'altra cosa che siccome il nostro sito la seconda Repubblica è vissuto sull'idea che l'importante era vincere e dopo aver dopo aver vinto le elezioni governare era un semplice
E file falla fallimentare perché ai aggiotaggio ad aggravare la
Deficit istituzionale Chang risarcite politico cioè il fatto che si mettono insieme persone solo con l'obiettivo di prendere i voti il premio di maggioranza
Dopodiché
Passati cinque
Mesi il l'alleanza prova
Ma noi dentro la perché siamo matti o hanno eletto sono dei pazzi
Volete sapere qual è l'abbia previsto qual era la LIPU previsione ottimistica che il centrosinistra avrebbe vinto le elezioni nel due mila a febbraio e lei il Governo sarebbe durato otto mesi
I miei compagni del sindacato lo sanno perché gli ho spiegato otto mesi tre o quattro incidenti i primi tre come dire
Mediatica la necessità di
Tenere in piedi del sistema di continuare a stare al Governo della paura delle elezioni e della sua al quarto
Sì e sarebbe stato fatale perché ho una delle componenti avrebbe perso il consenso
Cioè facciamo un esempio piccolo uno quanti Ilva devono accadere prima che qualunque maggioranza di centrosinistra venga giù di botto
A
Il centrosinistra ha vinto tre volte le elezioni
Due volte avete vi sono andata a finire
Fava quante repliche bisogna fare per imparare una cosa elementare
Quanto tempo può allora sull'IVA ci sono due soluzioni uno facciamo un colpo di soviet espropriamo Riva e nazionale diamo
Ritorniamo all'antico non mettiamo una paralisi continueremo ad inquinare perché l'acciaio bis si produce a mille duecento gradi
è chiaro
Novanta ancora non abbiamo inventato un sistema diverso e i forni elettrici ha quelle dimensioni non esistono oltre che cosa così caro quindi si fa come si fa in Germania si brucia al carbone
Non
Si brucia Campone e quindi si inquina poi certo si può inquinare di meno
Giustamente si deve cercare di inquinare di meno le leggi ci sono se poi non le fanno rispettare non ci possiamo fare niente no perché Purtuc paghiamo i i funzionari dei MAG tutto paghiamo per controllare no
Quindi di fronte a un caso come questo importante fondamentale quasi teorico
Un po'una coalizione di centrosinistra la
La cosa dei progressi sarebbe divisa colore diceva come razionalizziamo e
Ed non si può fare l'Europa lo impedisce l'utero solo se qua e con l'abito no come è noto abbiamo razionalizzare
Magari si superava alla il Dini incidente superiori e si superava nel senso che
Qualche parte veniva scontentare e la base
Il litorale di quella parte o di destra o di sinistra SIS atti ad non avrebbe
Accettato più di tre o quattro mediazioni alla quarta volta sì si accorgono che i consensi cadono e siccome non abbiamo un Governo
Il governo del Presidente che si può permettere da venerdì di avere nove i francesi su dieci contro e continuare a governare per i prossimi cinque anni
Il Governo veniva giù
Solo a puntando una favola
Mi sembra di sala contando uno scenario diciamo così assolutamente realistico quindi che cosa si deve porre un partito socialista un partito riformista deve pensare in grande
Noi siamo
Molto meno di quello però
Credo che stiamo qui perché siamo coscienti di una cosa che quell'atto cultura politica
Non più solo la prassi politica che esso soggetta come dire a
Alla all'abilità o meno vuol dire del personale politico corrente uno ma quella cultura politica
E l'unica capaci di governare meglio questo Paese
Deve fare i conti con il fatto che
I riformisti non sono stati mai maggioranza del nostro Paese il che però non ha impedito di far fare a questo Paese dei passi da gigante ogni qual volta questa cultura politica ed è prevalsa è stata come diceva Gramsci egemone
E questo Paese ha fatto dei passi da gigante
Non abbiamo mai avuto il cinquantuno per cento mai
In un Paese come questo è impossibile pensarlo e non ce l'abbiamo neanche porre come problema noi ci dobbiamo porre come problema prima di cambiare il sistema di usare le nostre forze la nostra cultura che aumenterà perché la gente per fortuna
Si è molto più laici Zanda
E quindi giudica sulla base di quello che percepisce essere la soluzione
Percepisce ci sono delle migrazioni impressionanti milioni di voti si spostano nell'arco di un anno
Pensa milioni non
Addenta vi forse pubblica allo zero cinque per cento segnava il confine tra la tintoria la sconfitta a esodo milioni di voti che
Si spostano perché si spostano
Perché valutai giudicano le azioni che vengono fatte
E la credibilità rispetta gli obiettivi vedete voi avete qui davanti avendo un esempio vivente di questa teoria
La UIL secondo certi schemi
Di politici non dovrebbe esistere
Noi abbiamo solo la doppia degli scritti da quando sono finiti i partiti dai quali siamo nati
Non è a caso non è un caso non siamo dei marziani
Non
Ovviamente né dei miracolati o cose di questo genere abbiamo semplicemente capito che il seconda col famigerato Seconda Repubblica
Il sindacato per sopravvivere e lusingato doveva diventare sempre di più un sindacato cioè un una organizzazione che diceva i lavoratori noi vogliamo fare queste cose
Le condivisibile condividi scrivi vota per noi quando ci sono elezioni
Vogliamo i nostri rappresentanti
E queste oggi paradossalmente
Per questa cultura
è tornato una grande occasione
Perché noi abbiamo una grande qualità che gli altri non hanno
Noi essendo laici e avendo una visione laica del mondo oltre che di nostri stessi persone
Siamo più veloci non lo improbabili non è detto che siamo intelligenti
Ma siamo più veloci
A riflettere su ciò che bisogna cambiare
Ci vediamo meno tempo
Ed è un grande vantaggio
Il combinato dice PD CGIL Rocco cantava bensì le mie figlie come dire del ventesimo secolo
Nel ventesimo secolo andava benissimo avrebbe probabilità anche conquistando però non funziona più perché venuta lì mese stiamo andando contro la storia anzi stiamo attenti a non uscire dalla storia
Perché l'Italia
E l'Europa rischiano
Dell'Italia poi da sola uscirebbe dalla storia tranquillamente
Ecco perché io credo che queste riflessioni oggi c'erano
Molto importanti forse potremmo sconfiggere come aveva detto che
Parlare di politica invece di farla è un handicap adesso stiamo ritornando in un mondo nel quale bisogna continui cominciò di cominciare a pensare
Perché le risposte che conosciamo non funzionano più
Agrigento eletti in merito ad intervenire Mariastella vini segretario dei Radicali dopo di lui l'onorevole portasse
Sì grazie ringrazio ovviamente Riccardo Nencini al Partito Socialista Italiano per aver voluto organizzare questo seminario e anche per aver voluto
Una presenza una presenza radicale dagli interventi all'intervento diciamolo introduttivo e dagli altri che si sono succeduti credo che stiano emergendo
Tre punti centrali rispetto ai quali poi bisognerebbe andare a offrire delle soluzioni ovvero delle strategie
Riformatrici come come è scritto dell'invito da una parte la situazione economica non solo italiana tutti quanti sono temi connessi questi al traslazionale rispetta la quale
Tare
Evidente che la necessità lo ha ripetuto Angeletti nell'ultimo intervento la necessità quasi di arrivare a una visione che li porti a un nuovo contratto sociale quindi anche un nuovo una
Una riconversione molto spesso del sistema produttivo sotto sotto diverse nuove forme sia una una priorità dall'altro punto di vista ed è tema noi radicali ma
Toccarono quello della
Della democrazia della crisi delle democrazie non solo in Italia e che quindi porta con sé la necessità di ammodernare attraverso quale vediamolo modello
Di aggiornamento e di quelle che è stato nel nostro Paese in particolare la distruzione in questi ultimi decenni e di stato di diritto e anche del funzionamento democratico stesso inteso così come era stato concepito
All'inizio dall'altra abbiamo l'esigenza di individuare appunto quale percorso quale strategia alternativa da una parte attraverso e l'individuazione dei temi
E dei e degli interlocutori sociali dall'altra attraverso appunto di Chiambretti comprendere quale sia la possibilità di contenitore di aggregazione o altro B
Credo che tutti noi sappiamo che non c'è spazio per tentativi di
Non ci sia spazio per tentativi di
Diciamo così resuscitare vecchi partiti o formare nuove aggregazioni che poi ma sotto la sfera hanno viste in realtà hanno semplicemente la replica del passato e allora mi permetto prima di andare a offrire
Dei terreni di azione
Di richiamare quello che per me rappresenta forse uno dei primi
Momenti di impegno politico di inizio di attività Anza politica che è stato evocato anche da Claudio Martelli prima cioè
Nel mille novecentottantanove quando
Di fronte all'evidenza che l'alternativa di sinistra radici ormai perdeva di senso storico
Si fu ci fu un'offerta io ricordo Marco Pannella anche e in particolare a chi gli occhi detto quando c'era la cosa e quant'altro l'offerta di un partito democratica Potì democratico anglosassone aperto
All'americana quindi che potesse
Essere preceduto in quella fase e se non ricordo male da una presentazione anche elettorale di mi sembra fosse Federazione democratico le chiedemmo gradire qualcosa del genere che consentisse di non dover mutare
E in quel momento i propri i propri le proprie case di appartenenza ma potesse
Alleanza ratio è quella di oppure da forse Alleanza Democratica sì però ecco la mia memoria era più
Era più più blanda e in quel momento si propose di quel tipo di percorso ovviamente al Partito Comunista Italiano nella prospettiva di arrivare ad un modello di riforma
Di istituzionale in cui poi riuscirà ad aprire quel partito così come lo si era inteso quella è un'occasione che è stata che è stata perduta non c'è dubbio ma credo sia importante ricordarla proprio
Perché può essere un punto un punto di partenza ricordando anche quello che è accaduto sinteticamente subito dopo che riguardano i radicali ma credo anche i socialisti possono sentirsi compresi in questa ricostruzione
E che vede ovviamente Partito Comunista e poi DS per Partito Democratici coprotagonisti da questo punto di vista ovvero
All'epoca quel partito democratico all'americana
Venne chiuso seppure all'inizio che proprio un dialogo perché si scelse la Rete di Leoluca Orlando quello fu
Se andiamo a vedere facendo un salto nel tempo né quella stessa cosa che è accaduto nel due mila otto quando fu scelto fu preferito e devo dire mi continua a essere molto singolare per quanto
è la mia cognizione di politica che fu scelto l'una lista che giustizialista come quella
Di Italia dei Valori di Di Pietro come alleato reale e dall'altra furono messi veti ai radicali e dall'altro ancora esclusi i socialisti
Situazione che si è ripetuta
Di fatto alle ultime elezioni in cui almeno per quanto riguarda noi in cui fu scelto Sinistra ecologia Libertà piuttosto che un un movimento di sin di di di liberale di sinistra come io ritengo siano i radicali
Che invece ha dovuto fare altre altre scelte altre strade poi se andiamo a vedere cosa però ha prodotto questo per questo tipo di di linea B ha prodotto che questi due alleati Italia dei Valori e Sinistra ecologia e Libertà
Proprio nel momento difficile
Nel momento in cui c'era o da scegliere il governo tecnico o da accettare governare la situazione elettorale uscita dalle urne con il governo delle larghe intese
Beh hanno un fungo fu fatto baracca burattini hanno rotto immediatamente quel patto sottoscritto
Il sottoscritto poco prima quando invece
Storia e cultura di radicale dei socialisti è sempre stata quella che
Ovviamente nel dissenso del dissenso anche duro noi siamo stati di recente abbastanza criminalizzati anche
Per le condotte parlamentari però la capacità nostra di tenere i radicali e socialisti Latella la barra dritta rispetto a quelle che erano le scelte le scelte di fondo perché ho richiamato ho richiamato questi esempi
Perché c'è una questione di fondo che non può se vogliamo andare verso una una strategia riformatrice davvero e coinvolgere in questo non solo chi oggi è presente ma chi
Verso i quali ci rivolgiamo a partire dal Partito Democratico B sia proprio affrontare finalmente la questione della sinistra liberale velare delle del socialismo liberale che
è da da sempre il tabù che viene che viene non affrontato e su cui è stato detto bene prima ci sarà di nuovo i prossimi mesi sul Partito Democratico una questione di di confronto anche a livello a livello sociale
E questo perché perché se andiamo a vedere quelle che sono stati punti anche tra le trattati a livello di di
Di di urgenza anche di riforma della Società da un punto di vista economico B io penso che e la priorità dei prossimi mesi non potrà che essere quella di riuscire in qualche modo a
A convertire
La spesa inefficiente in inni spesa invece invece produttiva e a farlo attraverso un percorso di conversione che non è affatto facile
In cui ossia la forza e la capacità di far partecipare le persone di quelli che saranno i sacrifici o altrimenti non sarà comprese quindi non sarà vincente
E questo significa a occuparsi di quelli che sono ancora i grandi carrozzoni
Penso alle municipalizzate
Di occuparsi di quello che l'eccesso di
L'eccesso di strutturazione pubblica che c'è nel nostro Paese un l'unica riforma di questo tipo troppo tardi fatte con le ovvie conosciute problematiche è stata quella delle pensioni
Ma su questo si andrà avanti così come sulla giustizia OPA ho apprezzato molto l'intervento della presentante di Confesercenti
Come la giustizia sia questione illiberale centrale
Questione sociale quindi a mio avviso socialista per lì per i costi che determina sull'economia e sulle famiglie anche che sono direttamente coinvolti e che però non viene affrontata proprio perché altrimenti bisognerebbe mettere in discussione quello che fino ad oggi il rapporto con la magistratura e quant'altro allora
Queste sono a mio avviso delle delle questioni che dovremo tenere presenti se vogliamo avere davanti la prospettiva di recuperare quello che è sempre mancato c'è una concessione di un grande partito di governo che sia aperto alla società
E in contatto con i cittadini beh
Allora sotto questo punto di vista credo che i terreni di azione su cui
Possiamo possiamo tentare
Di di andare oltre a ai singoli contenitori senza per questo però scomporre troppo il quadro politico ma avendo l'ambizione di aggregare l'elettorato e del PdL del movimento e civile del momento Cinquestelle stesso siano tre
Il primo terreno quello delle istituzioni e in cui però bisogna a questo punto riconoscerlo Riccardo ha fatto bene a fa ha parlato anche di aperture rispetto al semipresidenzialismo auto io credo che un punto centrale sia quello per cui
Il il collegio uninominale maggioritario ossia l'elemento dirimente affinché non si possa e non si debba necessariamente andare
E sempre incontra delle disgregazioni l'unica possibilità che non ci sia la disgregazione che non si ripetano gli errori di questi vent'anni
è riconoscere andare verso verso quella direzione che peraltro è la dimensione che permetterebbe poi allora quel partito aperto all'americana in cui le famiglie le Casse possono stare insieme senza essere giusta posizione di apparati
E anche dovremo dirglielo a chi sentito ieri o Fini in questo mi piaceva in qualche modo incalzato ripetere ancora della Costituzione più bella del mondo non radicali sapete quanto denunciamo che state distrutte violata in questi anni però faccio un esempio
Sarà possibile
Cambiarla almeno per poter dire che un Presidente del Consiglio deve essere in grado
Di rimuovere un Ministro se non si ritrova d'accordo delle supposizioni è qualcosa di così
Decisivo che non si può neanche mettere in discussione ma io credo che su questo terreno istituzionale
Sicuramente è il primo è il primo campo è il primo campione azione il secondo l'Europa
Per di giro da Astoria anche ha ripreso quello che la l'incipit in iniziale della convocazione del seminario beh qua però dobbiamo essere chiari non serve un un generico europeismo
Ma serve effettivamente puntare verso la direzione della
Della federazione della Federazione europea del federalismo europeo noi con Emma Bonino abbiamo una proposta e la proposta peraltro storica
De di Ventotene quella intanto di partire con una in vista degli Stati Uniti d'Europa con una federazione leggera che mette in comune alcune tematiche
è male io vado a memoria quelle che sento citare sempre da Emma la difesa la sicurezza ricerca innovazione gli esteri la fiscalità
E divo dire anche io l'immigrazione tema su cui poi tornerò tornerò anche perché e Riccardo ha detto chiaramente che dobbiamo individuare anche i temi sociali su cui poi giocare giocare questa partita giocarla inizialmente magari come radicali socialisti però sapendo di avere quell'obiettivo
Eh beh l'immigrazione da qui al due mila cinquanta sono previsti la necessità almeno di cinquanta milioni di immigrati quindi è tema che
Importante per noi italiani ma assolutamente anche in chiave europea
E il terzo il terzo terreno su cui credo la nostra azione possa trovare terreno fertile debba e debba quindi vedere il nostro impegno beh è quello del tentativo di ricongiungere in qualche modo le esigenze sociali e le istituzioni
E su questo l'unica strada che oggi in questo contesto
Italiano è possibile eh possibile con tante difficoltà è l'iniziativa popolare e cioè appunto i referendum
E sono contento quindi che siamo riusciti con
Con Riccardo gli amici socialisti già trovare insieme la culla di ieri la possibilità di un lavoro comune intorno ad un pacchetto di referendum che prevede appunto due quesiti sull'immigrazione
E uno sul divorzio breve
Intorno ai quali stiamo allargando e facendo crescere anche il fronto di il fronte di dito e non solo di personalità ma di vere e proprie realtà sociali che stanno dando risposte sorprendenti
Anche di quelle realtà sociali magari che fanno riferimento ad altri soggetti politici e che invece adesso incominciano ad incalzare leader di giovani
Radicali e socialisti stanno giocando giustamente d'attacco ad esempio su un tema come quello dell'immigrazione che altrimenti verrebbe lasciato esclusivamente alla propaganda elettorale dei Maroni che alla fine però dettano l'agenda
In televisione vedete quello che sta accadendo
Quando appunto noi abbiamo la possibilità
Da Sinistra liberale di riuscire
A far comprendere e di aggregare anche appunto quegli elettorati non nostri magari dal PDL a cinque stelle come se ci può essere che se ci sarà ripresa economica in Italia non ci potrà essere senza in qualche modo regolamentare
E e dare diritti riconosce i diritti a chi viene poi a lavorare cioè il lavoratore migrante
Ed è facile io credo se conquistai se potessimo conquistare un po'di di di comunicazione poteste gare convincere tanti italiani oggi ammaliati magari dalla
Dalla deriva securitaria vedi di lì che ci sono tre miliardi di Euro di ragione
Per dare l'ok magari a referendum sul lavoro che che con cui stiamo lavorando insieme
E sono i tre miliardi di euro di contributi che cinquecento mila lavoratori migranti in nero non possono versare allo Stato perché ci sono le norme del decreto Maroni delle del pacchetto sicurezza Maroni che li spingono o nella criminalità
O nel lavorare in nero o peggio ancora ad accettare condizioni economiche di lavoro così infine da far gridare italiana la concorrenza sleale allora su questo non a caso ci siamo convocati
Il prossimo sabato il primo giugno qua la sala Capranichetta insieme
Ai Partito Socialista radicali italiani e gli altri temi che stanno piano piano arrivando su questi fronti perché sappiamo che c'è una possibilità quando il Parlamento è paralizzato almeno su questioni sociali che hanno necessità
Di
Avere uno sbocco l'altra il divorzio breve può sembrare qualcosa di piccolo ma il divorzio bene stiamo parlando di un qualcosa che significa milioni di famiglie coinvolte e che è assolutamente irragionevole in Parlamento lo scorso l'Egitto no non sono usciti neanche a ridurre di un anno i i tre anni l'obbligo di tre anni di separazione oggi per un divorzio ancora ci vogliono quattro
Quattro anni per un divorzio consensuale oltre dieci anni per uno giudiziale spendendo avvocati spendendo lo Stato ingolfati tribunali
Allora io ho fatto ho provato a dare ammettere questa
Che per me è anche un un tentativo di sintetizzare quelli che saranno il fronte di lavoro come radicali ma so anche che ovviamente oggi
Comitato presieduto da Marco Pannella a depositava altri referendum sulla giustizia cercheremo di poi di comprendere qual è il percorso che prenderanno ma intanto abbiamo questo abbiamo un percorso avviato e credo che ha la capacità che avremo ciascuno
Di lavorare intorno a questo
Potrà permettere di arrivare poi a quelli che sono stati tentativi riformatori che sempre hanno caratterizzato i nostri mondi
Dal tentativo stesso della Rosa nel Pugno nel due mila sei che questo voleva andar voleva vedere come obiettivo quello cioè di arrivare alla una forza di governo che fosse davvero aperta alla società
O come anche nel nostro piccolo avverrà in qualche modo accettato
Il veto del Partito Democratico del due mila otto nella speranza di poter in seminari qualcosa devo dire che sì all'inizio non c'è non ci siamo riusciti ma forse il mutamento
E il mutamento
Del della Sea del contesto generare anche il nuovo lavoro comune che stiamo facendo io credo possa possa portare possa essere fondo di risultati ma anche di appunto obiettivi di riforma individuati e poi conquistati
Grazie a tutti e buon lavoro
Grazie demaniali
Finita intervenire l'onorevole Giacomo abbastanza dopo io e il senatore Carlo Vizzini mi chiedeva di mantenere i tempi per permettere a tutti di intervenire grazie
Ma guarda io sarò guardi sarò brevissimo intanto
Volevo ringraziare Riccardo che mi avrà sempre come ospite perché l'unico che si ricorda di invitarci un movimento piccolo come il nostro che sono i moderati anche se in Piemonte siamo diventati la seconda forza politica della Regione Piemonte e tra l'altro abbiamo fatto un esperimento quest'anno
Nei Comuni più importanti saluto anche il noto piemontese un esperimento con voi come riformisti socialisti dove per quanto ci riguarda chiaramente al sette per cento è una buona percentuale
Io davvero vi saluto e ti ringrazio vado via lasciando di tre messaggi se poi
Sempre far capire ai nostri amici del Partito Democratico che chi fa ricchezza in Italia non può essere o di altro
Ricordare che gli imprenditori non possono far sciopero chiudono
E che è una coalizione in quanto tale anche se in questo caso mi permetto prima e siamo ancora più piccoli dei socialisti quando si prendono degli accordi che si firma un
Un documento Italia bene comune
Questi accordi nelle scelte espressamente impopolari o comunque importanti che sono fatte in questa legislatura di un Governo con diciamo lo storico avversario Berlusconi per un chiamare
Ma lo chiamava in altra maniera almeno divenire consultati quei piccoli partiti che hanno messo la faccia insieme a loro e hanno combattuto insieme a loro e che veramente hanno poca
Siamo poche colte nella disfatta di questa non vittoria del Partito Stiglic del centro sinistra di Bersani
Il vero di saluto e mi dispiace devo andar via perché sa che stiamo votando
Andiamo avanti su questa strada questo messaggio solo tu puoi di farglielo capire ai nostri amici del
Del Partito Democratico sono abituato a dire quello che penso che avendo adesso un segretario che ricordo un mondo come la mondo di un sindacato che la CGIL
Dice carica pere che la società e oltre
E forse siamo andati ancora oltre purtroppo anche diciamo la parola oltre vuol dire che sono stati veramente sfortunati in questi anni in questi mesi
Dove in Italia chi continua a dire che abbiamo alla
Costituzione più bella del mondo forse le costituzioni non servono a mettere
Ah inquadrarle metterle in salotto devono essere funzionali questa Costituzione non funzioni l'aver un saluto mi dispiace ma devo andare a votare e ti ringrazio sempre di essere stato evitato grazie
Grazie all'onorevole Calatafimi per intervenire il senatore Carlo Vizzini dopo di lui Paolo Patanè
Ringrazio innanzitutto
Riccardo per aver assunto questa iniziativa
E debbo dire che
Carne al fuoco
Se ne messa molto ne stiamo mettendo molto
E
Forse sarebbe bene
Partire da
Che cosa vuol dire essere riformisti
Perché non è problema di pensarla allargando alla piccola e è questione di dire le cose che si debbono non si debbano fare
Per me significa innanzitutto non aspettare che la Società cambi per poi inseguirla faticosamente con leggi che si adattino al cambiamento della società
Ma avere la capacità di legiferare prima per determinare i cambiamenti dalla società nella direzione voluta da chi vuole governare un Paese rimuovendo
Le diversità
E le divisioni
Riformismo non è certamente
L'idea che in materia di diritti civili si possa fare come in Italia una legislazione che tutta piena di divieti di tutto quello che non si può e non si deve fare e non invece una legislazione che regolamenti
Che lasci liberi tutti i cittadini di voler fare o non esercitare
Un determinato diritto civile
Macché loro regolamenti per fare per uscire dall'ignominia che in questo paese c'è stata per tanti anni
E che dire che dicendo che l'aborto era vietato ma lasciando che le Mammana lo facessero
Dicendo che sul fine vita non si pozzi doveva legiferare in modo rigido sul testamento biologico lasciando che oggi in tema dei diritti civili
Veniamo
Udite udite richiamati da Sandro Bondi dall'ex Presidente della Regione Veneto Galan
Sulla necessità di fare una legislazione per gli omosessuali per combattere l'omofobia per combattere il femminicidio
Per combattere il Vega il de dei negazionismo della Shoah
E così vita credo che i riformisti i laici
Hanno il diritto dovere di costruire uno Stato equidistante da tutti i cittadini questa è la laicità dello Stato di qualunque etnia di qualunque cultura di qualunque religione
Penso con un brivido all'articolo otto della Colombia la costituzione in un Paese in cui si parla solo dell'articolo sette
Che è quello che dovrebbe garantire a tutte le altre religioni un rapporto con lo Stato basato anche su aiuti che lo Stato deve dare non certo quelli che dalla Chiesa cattolica ma aiuti che faccia
Degli altri di coloro che professano un'altra religione
Non
Dei figli di un dio minore
Ci sta davvero tutta questa frase nel nostro Paese e personalmente so cosa abbiamo faticato per cercare di
Portare alla ratifica del Parlamento alcune intese con le religiosi con le Regioni Pino
Non è il riformismo quello che i cattolici democratici quando hanno governato con il Partito Comunista nella Prima Repubblica
Hanno fatto diventare legge dello Stato alla fine degli anni Settanta socialdemocratici o socialisti fummo battuti in Parlamento da una legge
Nella quale chiedevamo una sola cosa
Per una grande legge sulla ristrutturazione industriale del Paese noi chiedevamo che la riconversione delle industrie fosse consentita solo se c'è lo spostamento al Mezzogiorno mentre la ristrutturazione andasse favorita nei territori dove c'erano
Le industrie da ristrutturare non dove non c'era il non passaggio di questo con un accordo allora di c.p.c.
Apportata un sud che si è sviluppato scegliendo un'altra via
Che è stata quella di creare occupazione senza sviluppo e cioè di creare degli stipendifici pubblici gli accompagnamenti degli invalidi e tutta una serie di legislazioni che hanno
Bilanciato sin quando non si è scassata la cassa
La vita di questo Paese questo non è riformismo
Faccio l'ultimo esempio rifacendomi a un concetto ben espresso già da Claudio Martelli un mio amico che certamente non è riformista
Mi disse un giorno Carlo la nascita è un caso ma è un gran caso ecco io vorrei vivere in un Paese in cui sarà raggi la nascita è un caso caso uguale per tutti nel senso che dopo la nascita
Ognuno ha diritto a potere concorrere indipendentemente da chi è figlio o da chi sono i suoi parenti insieme a tutti gli altri per fare la propria battaglia di crescita in una società democratica nel riformista
Bene
Detto questo
Formica un attimo nel concreto di quello che è avvenuto negli ultimi vent'anni nel mille novecentonovantadue
L'onorevole Craxi ed il sottoscritto accompagnammo Achille Occhetto prima a Berlino
Dove lo facemmo entrare come invitato al Congresso dell'Internazionale socialista e dopo che le avevamo fatto lettere di presentazione da Roma uscimmo assieme a lui come
Con il pc e con il PDS
Componente membro Paese man prestito membro dell'Internazionale Socialista nell'autunno di quell'anno
All'Aja se la memoria non m'inganna fonda Moffo voi tre italiani killer Occhetto Bettino Craxi e Carlo Vizzini a firmare la nascita del partito del socialismo europea
Era la fine del novantadue
Ah nel novantaquattro ci furono lezioni invece di un grande partito
Riformista ci siamo trovati di fronte alla gioiosa macchina da guerra
Nella quale
C'era di tutto e di più e si candidava non la pensione le persone più in pensate
Nei posti più impensati
Nella nei posti più clientelari della città di Palermo dove notoriamente ancora oggi si truccano sino anche le primarie del Partito Democratico parlo dello Zen di Palermo il candidato dei progressisti della gioiosa macchina da guerra Gianni Minà
Messo lì apposta per perdere fare vincere gli altri questa è la
Storia e vera
Nel mille novecentonovantatré dimettendo Miranda Segretario politico del partito socialdemocratico
Lo feci per una ragione politica non perché non avesse il sentore di quello che mi sarebbe
Ero rimasto l'unico segretario del pentapartito ancora senza avviso di garanzia e sapevo che questa cosa non poteva durare allora lo volli fare prima che avvenisse per avere almeno la dignità di dire l'ho fatta l'ho fatto con una lettera in cui dicevo non dobbiamo ha bandito a a me non dobbiamo
Ha mai in aree le nostre bandiere ma dobbiamo costruirne una diversa insieme socialisti socialdemocratici pare partito PDS e i radicali
Ovviamente le mie dimissioni passarono il mio messaggio questo il contenuto di una
Lettera
Bene
In questi giorni
è stato fatto
Un Presidente del Consiglio
Che uno che viene da una tradizione importante dei cattolici democratici
E oserei dire dei popolari
è stato eletto un Segretario politico del Partito Democratico così come nel Partito Democratico iscritto al partito del Presidente del Consiglio di cui si scrive di formazione socialista
Il più grande
Alleato di governo è un grande imprenditore
Forse se in Italia i Popolari facesse ripopolare i socialisti riformisti facessero i socialisti riformisti gli imprenditori si occupassero di impresa e i professori di università si dedicassero un po'più seriamente all'università
Quel soprattutto quelli per mettendoci si neanche tre Melloni da tre Melloni a Tremonti
Probabilmente saremmo già molto molto più europea
E allora
Se così
Stanno le cose io credo che dobbiamo
Lavorare per andare in questa
Direzione
Che è quella di un
Di una grande alleanza dei riformisti dei laici
Di una grande chiarimento che purtroppo
Deve passa
Per un altro problema e concludo con l'ultimo problema che si chiama Silvio Berlusconi il problema non è applicare nel due mila tredici una legge del cinquantasette ma riformarla se la si vuole riformare il problema vero è
Fare una legge seria sul conflitto di interessi che non può essere il Randello che la sinistra usa quando
Berlusconi sta all'opposizione
E poi non cambia qual mentre sta al Governo questo è il PUT anzi al contrario che la sinistra usa quando Berlusconi governa e che non cambia quando Berlusconi all'opposizione questa è la storia di questi vent'anni
Il giorno in cui
Si potrà realizzare
Il fine del bloccaggio di quella che viene chiamata Seconda Repubblica come bloccata
Era la prima che l'uscita di scena
Del Presidente Berlusconi io credo che in Italia impopolari andranno quei popolari
Il riformisti socialisti andranno quei riformisti e coi socialisti
E probabilmente saremo in grado di costruire un sistema politico di tipo europeo è ovviamente non affronta i problemi ti proprio perché quelli che abbiamo all'interno sono così gravi e così pregiudiziali che senza risolvere quelli difficilmente
Partecipaste CIPE Remo alla crescita dell'Europa grazie
Grazie
Filippini per intervenire Paolo Patanè Presidente dell'ANCI che lei dopo di lui Nicola Caniglia
Ma in realtà io sono Presidente emerito di Arcigay visto che di questi tempi da di modo essere meriti però
Proprio in quanto Presidente emerito dirci che non possono raccogliere la sollecitazione del
Del senatore Vizzini
Perché effettivamente paradossale che da Bondi e da Galan a ci arrivi non
Una come dire uno spunto di questo tipo ma non è un caso
Tanto meno un gran caso tanto per Ra continuare a citare il senatore Vizzini sei accade una cosa di questo genere e perché evidentemente la sinistra in Italia a perso di vista due cose fondamentali
Ha perso innanzitutto di vista e l'idea di affrontare la questione dei diritti nel nostro Paese e attraverso una progettualità vera attraverso un po'oggetto
E tornerò brevemente su questo punto
Ha perso di vista e mi fa molto piacere che il titolo di questo incontro sia oltre
Una cosa fondamentale
Che la Società del nostro Paese in realtà
Quando Claudio Martelli prima si interrogava sul senso di questo oltre oltre rispetto a cosa forse varrebbe la pena dire che oltre e il
Piano a cui riporta
è la politica oggi reali inviandola alla società perché la politica dalla società si è distanziata in una maniera incredibile
Vorrei fare un ragionamento generale anche a costo di farlo apparire astratte e alcune precisazioni puntuali
Conosciamo tutti la considerazione di Voltaire sui viaggi viaggi di scoperta non consistono in cercare nuove terre ma nell'avere nuovi occhi
E in realtà però noi qui abbiamo bisogno sia di avere nuovi occhi che di cercare nuove terre
E lo dico perché evidentemente lo slancio per recuperare una chiave di lettura della società del nostro Paese
Deve partire da due ammissioni la prima e rispetto al tempo che abbiamo dedicato ad una fase politica durata vent'anni
Io vengo dalla mondo dell'associazionismo posso permettermi di essere tranchant vent'anni assolutamente buttati
Non sono certo che la Prima Repubblica sia finita sono sicuro che la Seconda Repubblica non sia mai nata
E questa è una cosa che probabilmente dobbiamo dirci con molta chiarezza
Altro punto evidentemente e quello
Rispetto alla visione della società Italia in questi vent'anni si è frantumata e diventata un'aggregazione di mondi che si sconoscono che non si parlano
E lo Stato e ancor prima una forza politica come doveva e poteva essere la sinistra al nostro Paese soprattutto la sinistra riformista ha rinunciato a priori a realizzare una vera e propria operazione di triangolazione
Tra mondi che non si conoscono e che non si parlano occorre che sugli uni e sugli altri triangoli una forza che sia conoscibile e riconoscibile e che quindi sia chiara nella sua identità
E questo è un altro punto fondante per costruire latente che ridia slancio alla lettura della società l'identità di un movimento che si proponga di essere triangolazione tra questi mondi che si sconoscono
Queste identità non si realizza per comparazione
Non puoi dire lui e quello
E io sono differente sono questo devi chiederti cosa sei che un'operazione anche intellettuale oltre che politica completamente diversa
E la questione del Progetto ne deriva immediatamente
Fateci caso come nel nostro Paese qualunque tema che è stato frazionato isolato da questa dispersione
Determinata sì da vent'anni di malgoverno qualunque tema oggi viene affrontato singolarmente
Come se fosse estrapolato dalla società che dovrebbe esprimerlo in modo positivo in modo negativo e come se non facesse parte invece di una progetto politico preciso
Non esiste modo migliore e quindi peggiore di trasformare un tema anche senz'serale che si economico che sia sociale che sia civile in un terreno di battaglia
Una forza riformista deve lavorare ha una visione della società deve lavorare a un progetto di paese se ci crede se lo vuole comporre e da quel progetto di paese derivano i diritti
Senza tentare un'operazione inversa
Che rischia di essere un inganno un inganno soprattutto per la cosiddetta società civile
E vengo a un punto ulteriore rispetto a questo ragionamento
Coinvolgere la società civile non può essere proporre delle candidature in Parlamento
Significa lavorare appunto su un progetto di società
Questo lo dico perché uno dei mali del nostro Paese uno dei mali della cosiddetta seconda Repubblica e la definizione di un segmento pericoloso
Definire la politica o meglio vivere la politica come potere
E usare le politiche per costruire ulteriore potere
Sappiamo benissimo il mondo anglosassone in questo è molto chiaro la differenza che intercorre tra politiques policy sono due cose completamente diverse
Questo segmento e vizioso perché non produce contenuti e non restituisce orizzonte la società
Pensate invece come nel mondo anglosassone la costruzione e la elaborazione della politica come politiche
Servirà anche alla conquista del potere quindi ad una prassi di di tipo diverso ma per una produzione ulteriore di politiche ecco
Riportare il nostro Paese ad una prassi politica costruita su politiche potere politiche significa coinvolgere in un progetto la società civile
Non in una ricerca di voti che un'operazione diversa
Significa soprattutto restituire centralità alle politiche nella nostra elaborazione
Non meramente alla fase elettorale in cui si sommano dei voti in cui è arrivato un certo punto accade quello che ricordava prima Angeletti cioè si creano delle aggregazioni finalizzate solo a garantire delle somme
E che ha risultato ottenuto si sfaldano perché i contenuti non ci sono
Questo è un argomento assolutamente
Decisivo che mi porta raccogliendo lo stimolo che veniva dal professor Giarda Soni che uno stimolo di cultura politica ad auspicare che questo non sia un percorso che si faccia in prossimità
Di future elezioni che possano essere fra otto mesi dieci mesi o un anno due anni mezza legislatura o quant'altro sia un percorso che si faccia subito
Perché soltanto questo garantisce dell'identità progettuale del percorso stesso sì
Perché no
è interessante la sollecitazione di un'attenzione
Come dire temi sociali
E un'attenzione agli individui la politica non si occupa di individui se ne occupa molto spesso l'estetica paradossalmente che dagli individui va ad una visione più generale la politica delle visioni generali ha difficoltà
A ritornare alla dimensione degli individui questo però delle conseguenze molto precise
Alla conseguenza di frantumare la proposta politica e vi dico perché lo penso e chiudo
Per una ragione
Perché ci porta per esempio a parlare di fattori economici nell'emergenza è impossibile non farlo dimenticandoci però che la crisi economica e anche una crisi di percezioni
E anche una crisi di stati d'animo e si combatte anche restituendo
Un orizzonte alle persone che la crisi la soffrono e questa comprensione richiede una sensibilità politica che è sugli individui ecco perché trovo che questo sia un argomento molto interessante
Chiudo spostandomi dalla Piano generale a due punti in particolare che mi stanno a cuore il primo
L'Europa
Lo sappiamo e lo sentiamo che il tema dell'Europa diventerà un terreno di battaglia
Io credo che una forza riformista sposa assolutamente
La affermazione che è stata fatta da chi mi ha preceduto la forza riformista debba
Seriamente occuparsi d'Europa e nel momento in cui si faranno il referendum contro le euro debba ricordare che il vero problema
Non è l'euro ma che il Trattato di Maastricht non è stato integralmente applicato il problema e nonna che ci sia troppa Europa il problema è che ce ne
Troppo poca
E che quell'Europa non è come dire diventato un ragionamento coraggiose ambizioso non solo sulla politica finanziaria ma anche su quella estera della sicurezza e quant'altro e quant'altro via dicendo
Il secondo punto
Chiudo veramente
E e quello di
Avere una sinistra riformista coraggiosa
Il coraggio secondo me
Significa restituire ad una forza politica la capacità
Di parlare alla gente di guardare in faccia la società
Perché lo dico prendiamo ad esempio la vicenda di Taranto
Il referendum ma che ha costretto alla popolazione a Taranto a confrontarsi tra lo sceglie per il diritto al lavoro nello scegliere per il diritto alla salute capiamo benissimo che se non c'è progresso
Non si può avere il coraggio di fare delle scelte così drammatiche quando la gente si trova di fronte a situazioni di disperazione non può scegliere
è un mondo si blocca ecco mi piacerebbe che una sinistra riformista avesse la capacità di recuperare questo concetto che è quello del progresso più dello sviluppo
Lo sviluppo comporta una visione della crescita che solo quantificabile il compito impresso comprende lo sviluppo ma è qualcosa di più
Questo significato Orlando al discorso di Angeletti avere il coraggio di dire sì che una certa sinistra nel nostro Paese ha permesso la mobilità sociale ha permesso di crescere
Dopodiché
Ottenuto una crescita ottenuto uno spostamento nella società si è non si è accorta che molti di quei mondi
Rimanevano deboli e avevano bisogno di essere accompagnati una crescita penso i piccoli imprenditori penso io vengo dalla Sicilia a quel mondo fatto di braccianti agricoli che sono diventati i coltivatori diretti e quindi sono diventati piccoli imprenditori
E che oggi vivono una crisi spaventosa questo è assolutamente un tema della sinistra un linguaggio un contenuto che lo ignori semplicemente fuori dalla storia grazie
Grazie a chiama intervenire mi darà Carrieri esperita liberò e dopo di lui serve a trovare Grillo abbiamo in mente repubblicani
Il il treno che mi aspetta sarà vostro e il mio amico e due annotazioni soltanto
Nel presupposto perché credo sia corretto che noi siamo qui
Per cercare di dare vita allo strumento per andare colti la prima considerazione che vorrei fare di merito la seconda di metodo
Di merito
Credo che
La situazione nella quale ci troviamo sia tale
Che la proposta che dovrà caratterizzare questo nuovo strumento
E deve essere una proposta forte fortissima
Io sono rimasto colpito
In questi giorni da due piccolissimi episodi che che che mi danno l'idea della situazione
Veramente bassa in cui è ridotto il nostro Paese e più di tanti altri fatti che sono quelli che poi la cronaca tutti i giorni ci ha dato ci dai ci darà
Durante le elezioni romane le polemiche che hanno accompagnato la candidatura del figlio di Mentana e della compagnia di Franceschini come si
Come esse
Concorrere edotte nere le elezioni ad un incarico pubblico per di più cercando voti sia la vittoria della Lotteria di Capodanno e non un servizio da rendere al Paese
La seconda cosa che mi ha colpito sempre in questi giorni nella sentenza veramente abnorme per la
Pesantezza nei confronti
Dei due giornalisti di Panorama fra i quali il direttore
Che avevano fatto un'inchiesta sulla Procura di Palermo come se
Come se
I processi non fossero lo strumento per amministrare la giustizia ma lo strumento per la regolamentazione dei conti
Io credo che noi dovremo caratterizzarci per la proposta dell'Assemblea costituente della stessa proposta
Di una nuova Costituzione cioè
Per consentire al nostro Paese un nuovo inizio perché ho la sensazione che gli italiani siano sordi
A qualsiasi altra proposta che sia correttiva
Di tutto ciò che già esiste
Seconda annotazione concludo di metodo
C'è una diffidenza
Ancora maggiore probabilmente nel mondo a cui noi ci rivolgiamo
Cioè
Nel mondo che deriva dalle tredici a cui tutti noi apparteniamo laiche liberali e socialiste c'è una
Come dire diffidenza fortissima nei confronti di tutto ciò che può apparire è calato dall'alto io credo che
Dovremo
Dopo aver concluso caro Riccardo caro Segretario questa meritoria riunione cercare di dare vita ad una serie di incontri
A livello regionale come minimo
Per
Che è l'unico modo per vedere se
Per vedere fin da subito se abbiamo la forza per dare le gambe e poi a questa proposta
E soprattutto è l'unico modo per vedere
Di cominciare un processo di rinnovamento
O di reclutamento anche
Di energie uomini donne giovani nuovo figlio ecco Hinna e questo modo io credo
Non solo potremo verificare subito la fattibilità del progetto
Ma potremmo soprattutto dare l'opportunità a chi lo richiede a chi lo reclama a viva voce
Di presentare e di permettere di emergere ha dei limiti delle persone nuove delle quali francamente noi abbiamo bisogno perché nelle riunioni che facciamo
Dal da tanto
L'impatto e sta parte non vorrei che continuassimo a dire ma guarda in questa sala io li conosco tutti
Facciamo che nella prossima riunione si possa dire il cinquanta per cento delle persone che sono qui dentro non le conosciamo e non si conoscono grazie
Graziani farà capire l'attività di intervenire l'onorevole brillava Salvatore e dopo di lui il senatore Compagna
Cari amici io poche parole per dire
Che
Questo incontro importante è stato importante penso possa essere l'inizio di un percorso il percorso
A mio avviso deve essere legato
Alle iniziative e qui qualcosa abbiamo ha preso va detto Staderini ma l'aveva detto anche Nencini all'inizio ce lo siamo detti anche in questi giorni
Andare apportare
In giro per l'Italia una proposta concreta di riforma della società
Attraverso
I referendum è un sistema
Per
Enrico involgere attorno a fatti positivi a proposte
è un sistema attraverso il quale possiamo primo abilitare e unificare dei mondi che si sono divisi tragicamente in questi ultimi vent'anni e si sono divisi proprio perché è inutile che ce lo nascondiamo
Molti dei temi portate avanti agitati da questa sinistra sono dei temi contro cui molti di noi avremmo voluto lottare
E tutto questo ha portato
A una divisione profonda
Tra
Forse che avrebbero potuto avere obiettivi comuni
La difesa di valori di democrazia di libertà
E
Soprattutto
L'ampliamento della sfera
Delle libertà civili all'interno però di una società che conquistava anche il diritto
Al al sorriso il diritto alla alla certezza del lavoro alla certezza della libertà di potere produrre e di potere crescere
Questo Stato che doveva essere sempre più un elemento di regolazione è diventato un elemento di compressione
Della Società italiana
E la cosiddetta seconda Repubblica ampliato i termini di distanza tra il cittadino e lo Stato
Lo ampliato allontanando il cittadino dai partiti allontanando i partiti dalla politica
E creando questo corto circuito attraverso il quale i cittadini si sono ritrovati più a dire dei no che dei sì
Più a votare contro che a votare a favore non riconoscendo più un percorso
Di condivisione e quindi non ritrovando sì all'interno dei temi di battaglie abbiamo perso tempo abbiamo perso delle occasioni
Può essere questo un
Un un percorso secondo me è l'unico percorso che può farci ritrovare insieme
Accanto hai problemi insieme accanto alla voglia di modificare la società la voglia che mi ha portato a me a dodici o tredici a quattordici anni a fare politica era la voglia di cambiare
Questa voglia pare che invece adesso avviene a quaranta cinquant'anni perché qualcuno
Si viene regalato alla politica o si presta la politica la politica noi vogliamo che torni a essere passione passione che
Deve spingere
Ognuno di noi a battersi per ciò che a cui si crede e questa lotta
Deve essere sempre guidata da un obiettivo cambiare in meglio almeno dal nostro punto di vista la società misurarci sui problemi su questo obiettivo che è un obiettivo di ripresa
Della democrazia e della politica su questo obiettivo io penso che non potranno asse essere assenti
Sia gli amici che si sono organizzati in vario modo dei Democratici autonomistica Unità Repubblicana quanti ancora
Sono all'interno di un dibattito più o meno ristretto in questo Paese
Ma soprattutto non saranno estranei moltissimi amici che sono rimasti silenziosi ormai da tempo e che aspetto nel momento per tornare
Ad nel palcoscenico della politica quando finalmente vedranno
Che c'è la possibilità di battersi per contenuti cioè la possibilità di battersi su una linea e nessuna prospettiva
Alla quale forse da troppi anni abbiamo rinunciato a dedicarci con questo augurio io penso che si sono pure d'accordo con Galileo e con gli altri
Alla fine di questo convegno quando lo si vuole né possiamo benissimo tentare di tracciare
Quello che può essere un programma ma attorno io ritengo non dando a sigle o all'altro possiamo fare comitati e tutto il resto ma andiamoci a riorganizzare a attorno hai problemi attorno ai quesiti attorno alle battaglie anche referendarie per tornare ad essere protagonisti in una protagonisti di messaggi politici all'interno dalla società italiana
Ringrazio l'onorevole Grillo invito ad intervenire il senatore Compagna Luigi dopo di noi Bobo Craxi
Grazie accolgo il testimone della staffetta
Da un amico di sempre Turi Grillo che mi ha fatto piacere di vedere
Non accolgono lui perché ero fra quelli che stamattina
Erano in Cassazione
A
Schierarsi
A favore del pacchetto referendario sulla giustizia
E poiché oggi
Andato via poco fa
Ho ritrovato
Un amico
Socialista
Che
Sulla ricerca di un socialismo dei meriti e dei bisogni a un certo punto
Eravamo
Negli anni ottanta Claudio Martelli
Mi si ebbe
Pannella un rompiscatole inziative ricala referendaria non è proprio quella nostra dalla legge via però
Ci fu un pacchetto nel quale
Se
Bobo se lo ricorda anche lui fummo chiamati a votare come cittadini italiani Bobolea copre un bambino in cui c'erano
Dei quesiti
Sulla giustizia giusta dicevo allora Pannella e Martelli
Poi c'era il nucleare su cui io vecchio amico di Felice Ippolito non la pensavo come quelli del quesito ma comunque
Ecco
In questi anni
Oltre
Non è riuscito ad andare
Nessuno
Ne quelli
Che si sono
Collocati in cerca di riformismo in cerca di aggregazioni riformatrici
Sia quelli
Io per esempio per fare il conservatore liberale Cobi sogno di una ci fonda in cui ci sia il riformismo socialista
è sempre stata così la storia
D'Italia quando socialisti e liberali non si sono capiti
E quando i cattolici si sono compiaciuti
Dice pacare
I sorrisi fra Giolitti e Turati chi vinse
Fu Mussolini
Secco oggi
Ci sono
Tantissime macerie
Dei nostri ultimi trent'anni proprio ricordando un amico che mi fa piacere aver visto in gran forma Claudio Martelli Claudio Martelli nel novantadue
Sofri
Non tanto per aver lasciato il Ministero della giustizia mi raccontò qualche anno dopo che lui fece un viaggio voleva andare oltre eccetera passarono mesi si trovò in India
E si trovò con lei e italiano
Adesso vedrà una ballerina italiana la ballerina nel senso di danza classica e nulla di
Berlusconi hanno dice chiede
No no è una storia tragica
La figlia di Severino Citaristi
E allora Claudio preso da
Meno Cosimina conto pesata specie di
Campo allo stomaco desiderio di al casello seria se ne andò dal locale senatore dice questo maledetto oltre
Non si trova geograficamente
Non lo abbiamo neanche trovato credo storicamente perché domani
Domani
La Camera il Senato
Ringrazio gli amici Mancini e Di Lello per avermi invitato qui
Inizieremo il percorso
Delle riforme costituzionali il merito del merito Cost e quanta malinconia
Evocando il viaggio in India di Claudio Martelli anche nel novantadue lo iniziamo così
è fuori
La Commissione
De Mita
Poi diventò Iotti cosa e via dicendo
Domani
Di Lello alla Camera Vincini ed io eccetera cercheremo di affrontarlo
Senza scetticismo col massimo di realismo di idealismo senza illusioni
Però è diventato tutto drammaticamente difficile
Rispetto a quanto
Il socialismo liberale
Di Craxi e di tanti di voi
Mise sulla scena del dibattito politico italiano non uno slogan
Ma un obiettivo
Bisogna riformare il meccanismo istituzionale
Altrimenti
Sono soltanto macerie
Rispetto ad allora le macerie si sono accentuate
Ce le buttiamo in faccia e addosso in modo scomposto
A me nei giorni scorsi per aver presentato un disegno di legge che altro non era che un testo di Giuliano Pisapia sulla tipizzazione del concorso esterno
Vi risparmio quello che mi è capitato di sentirmi dire
Noi viviamo in un Paese nel quale
Domani si parlerà della forma di Stato della forma di governo del rapporto con le regioni
Come se il problema delle garanzie della libertà
Fosse una questione separata e non è così non può
Essere
Così
Mi auguro che questa sia
Una nuova stagione di soggetti politici di altro
Però mi sembra maledettamente difficile
Nel centrodestra
Siamo riusciti a creare
Un soggetto politico che per lo meno
Nazionale rispetto
All'Europa
Il PPE
E meno laico di quel che piacerebbe ammette
E più di testa e meno di cento euro di quel che piacerebbe a me
C'ha una dimensione
Tecnocratica
Nel senso più volgare e non nel vero senso perché nella storia d'Italia voi socialisti lo sapete
Siamo stati dal punto di vista riformatore
Un grande Paese con una grande tradizione di tecnici aperti alla politica
Penso a Nitti penso a Beneduce
Penso a Menichella
Penso all'ultimo amico che se n'è andato silenziosamente qualche settimana fa Antonio Maccanico
E il tentativo politico
Di metterci alle spalle vent'anni di miserabile berlusconismo e consentitemelo di altrettanto miserabile antiberlusconismo
Non è la novità di una generazione dell'intesa fra letta e Alfano della vecchia Federazione giovanile socialista si sarà anche questo
Ma è quello
Che non riuscì di fare
Ad Antonio Maccanico nel mille novecentonovantasei allora oltre mi piace ma nuovo e vecchio son parole che oramai
Anche perché ho sessantacinque anni
Non mi incantano più
E a sinistra avete visto la contraddizione
Si è sempre detto che questo Partito Democratico
Fosse estraneo alla tradizione italiana che non vuol
SS
Socialista democratico perché doveva insieme mantenere un pezzo di associazione nazionale magistrati un pezzetto di sinistra massimalista e poi che cosa succede
A dare il saluto
Al socialismo tedesco con grande disinvoltura
è un premier
Come
Presidente letta che semmai
Riguarderebbe più il passaggio di Alfano
Allora da questo punto di vista io non so
Quali soggetti politici potranno scaturire
Gli amici che vedo qui sono amici che sono stati tutti generosamente
Disinteressati al proprio destino personale e hanno cercato l'oltre
Bobo di tutti qualche volta di qua qualche volta di la qualche volta in tutte e due
Ma voi meno giovani
Dobbiamo cercare di non appesantire con le nostre storie personali
Quel
Che potrà accadere
Però l'ultima considerazione la voglio fare
Noi vogliamo cinque
Il dirigismo non è nato con Grillo tre anni fa
C'è stata un'atmosfera di Gavilli Gismondi allungo sedimentata e allungo preparata
Quei giornali contro di noi
Tra il novantadue
E oltre
Quel Paolo vitalismo per il quale
Compagnie un mafioso
Un mascalzone 'ndrangheta
E ci può anche stare
Che è buona e lì veniva definito un giudice
Da tutti
I telegiornali di quegli anni
Da tutti
Gli editoriali
Di Paolo Mieli non è una scelta etto di forma quello ho visto un amico che noi che a mente in quegli anni
Stava al Consiglio Superiore della Magistratura
Altro che accompagna il Senato bene o male preceduto da un gentiluomo come Spadolini e protetti votare contro l'autorizzazione devo dire per tutti
Io un'autorizzazione a procedere un po'di un collega non lo voterò mai
Per il rispetto che debbo all'idea di Parlamento nobile non o meno come una cosa da ridere ora a
Ma
Jack lo Squartatore
Ritiro una battuta più elegante spetta al
Sia un liberale può contribuire ad hoc la buonanima di mio padre credo d'accordissimo con il papà di Bobo diceva
Detti nella mia vita
Mai una palla Nereo circolo mai un'autorizzazione a procedere in parola tecnico i due mi ricordo sia baciavano nei drammatici giorni del voto su questi
Ed ANAS ma lasciamo
Lasciamo stare questa cosa quando io sento parlare
La società civile alla società civile basta basta non se ne può più
E voi socialisti lo sapete meglio di me
Gramsci Gramsci
Non privo
Di aperture liberali perché diceva bisogna costruire l'egemonia della società civile non prendere il potere nello Stato dei quaderni dal carcere a un certo punto si domanda dice già
Ma l'egemonia della società civile che consente
La conquista del senso comune perché consensi domanda Gramsci
La conquista del senso comune
Ed è raggelante bilanci con la sua intelligenza lo capisce
Messi è come
Il conformista il farmacista di Verdun bovari
Più la polizia
Metteteci l'esercizio dell'azione penale
Invece della polizia
Sono cose delle quali
Farò di tutto
Per non parlare più quel che arriva da farmi male il collega Presidente del Senato lo ha già fatto
Un segno di disponibilità a quest'occasione Maccanico ne ebbe molti di meno soprattutto da destra
E che
Il centrodestra
Ha rinunciato a vedere nel suo programma anche di politica costituzionale
Le idee di Alfano dei Ministro della giustizia del due mila dieci abbastanza analoghe a quelle che scaturirebbero dal pacchetto referendario chiamiamolo radicata
Socialista
Però non si può pretendere che un ordine un sì
A se stesso
E allora se la forma di Stato la forma di governo finissero nel macchie tease MO della modellistica
Questo è ingiusto e ingeneroso un'ultima battuta
Bettino Craxi viene rubricato
Come un gollista
No
Il centrismo lo disse con molta onestà il Presidente Cossiga del messaggio
Era aperto all'elezione diretta del Capo dello Stato ma era molto più rispettoso vi qualche sarebbe stato il percorso parlamentare
Con questo stato d'animo spero che Nencini ridimensionato Di Lello alla Camera non ne saremmo indegni
Da qui a domanda diciamo
Grazie affiancare
Ritenga nenia nuovo Craxi
Dopo di lui l'onorevole dilagante alle complessivamente
Sarò breve
Sono voluto intervenire non solo sollecitato dai ricordi
Dalle citazioni indirette di
Di compagnie di altri ma
Anche per offrire un mio punto di vista
Non so se ci si è Radio Radicale perché verba volant scripta manent almeno
In questa riflessione collettiva volevo dire la mia senza tenerne la
In testa sapendo appunto che
A prescindere dal dall'obiettivo che essa si pone
E comunque considero sia stato un pomeriggio di
Di quelli buoni di classici i pomeriggi di di riflessione socialista no che sono
Come spesso accade cercate da vent'anni ormai
Di girare attorno ha un'opinione
Condivise giusta e sapendo che
Paradossalmente la opinione collettiva
Quindi un insieme di personalità di intellettuali di politici
Spesso si avvicina
Voglio quasi dire alla Giunta alla giusta opinione
Alla Pignone migliore ecco
Non era un bambino nell'ottantasette quando ci fu un referendum sul nucleare scusate la parentesi personale
E ti dirò anche come andò
Perché Martelli ritorno dal Congresso delle spese questi congressi da spendere sono sempre forieri di di novità o di tragedia secondo dei punti di vista
Torno e fece un'intervista all'Espresso l'intervista che la fece Gad Lerner intesi come i compiti socialdemocratici tedeschi all'epoca e stiamo parlando di un posto Chernobyl quindi verso settembre da ottantacinque
L'ottantasei
I socialdemocratici tedeschi assunse una posizione molto netta molto radicale contro il nucleare
Germania un po'notoriamente un Paese
Produttore ancora oggi di energia nucleare
E quindi Martelli
Landi con un pensiero l'ipotesi
Di poter uscire dal nucleare
In forme dubitative ma certamente in forma politiche molto netta
Allora mi pare democrazie proletarie verdi stavano dando vita a un referendum e chiesero noi giovani socialisti
Di aderire
Naturalmente io
Che avevo letto bene sta in anch'io
Presupposti del socialismo no infine tutti in movimento e tutto il fine nulla
Allora che insieme ad altri compagni guidava amori cioè una federazione giovanile ricreata decidemmo di aderire al referendum
Non ricordo come se fosse oggi perché tra Claudio che pure ha fatto quell'intervista di telefono subito dicendo ma che cosa cassa avete fatto
Nel senso che era chiaro che il referendum sul nucleare non ancora si era
Non non è ancora preso
Non si è ancora incardinato di il il referendum sulla giustizia precedette referendum sulla giustizia almeno nel deposito delle firme la Cassazione
In realtà poi strada facendo noi aderimmo come Federazione giovanile socialista
Partito non aderì però sostanzialmente poi salvo poi convergere in una fase in cui quel referendum il pacchetto giustizia enucleare era utile sul piano politico innanzitutto per spaccare
Con la democrazia cristiana e soprattutto anche per dividere cullare comunista sia sulla giustizia che sul nucleare perché dentro il Partito Comunista c'è sempre stato una fortissima filone
A favore del nucleare chiusa la parentesi storica
Andiamo oltre diciamo così ma non nell'oltretomba le cose stessa entro
Perché in Italia a mio dal mio punto di vista è avvenuto con
Con l'ingiustificato ritardo
E si arriva con ingiustificato ritardo e con un provincialismo nel dibattito politico ideologico
Che si sarebbe dovuto avviare subito dopo la caduta del muro di Berlino
E qui tutto è avvenuto in ritardo cioè dibattito sull'Europa il dibattito su un bipolarismo venne ordinato quello che
Auspicava e vaticinare la giustamente Carlo Vizzini popolari e socialisti
Questo non è avvenuto
E quindi anche il dibattito che che oggi stiamo facendo rischia di essere un dibattito non solo italiano ma anche
Il dibattito europeo
Il ritardo anche rispetto alle accelerazioni che sono avvenute nel sistema mondo
Durante la globalizzazione mi spiego meglio è chiaro che fino all'ottantanove bipolarismo era un bipolarismo di sistema da una parte c'era l'Occidente
Il mercato la libertà la democrazia
E dall'altra parte un sistema quello diciamo sovietico che comunque aveva un suo equilibrio politico economico è finito questo il bipolarismo
Nell'ottantanove è chiaro che oggi noi ci troviamo di fronte hanno non un bipolarismo di sistema
Ed è evidente che di fronte allo scontro fra
Continenti diversi non sistemi diversi
Continenti che si scontrano dentro lo stesso sistema la globalizzazione il libero mercato l'interdipendenza economica
Fa sì che non esistano delle vere e proprie contrapposizioni di carattere politico ideologico
Diceva bene l'altro giorno ho letto un il fondo del Nouvel Observateur perché
Diceva inutile spiegarsi dice molti critici si lamentava del fatto che François Hollande non abbia
Nessuna ricetta per uscire dalla crisi diceva non è soltanto François Hollande che non ce la
Che idee nuove nel mondo non ce ne sono
Non ce ne sono non è che c'è qualche non c'è un pensatore un uomo politico ucciso onde leader
I leader che esprimono con la loro forza e con la loro carattere con la loro diciamo così con l'atto lo testardaggine
Cercherò di piegare verso verso la parte avversa all'altra le proprie convinzioni e provvede il proprio Paese ma non esistono delle vere e proprie
Orientamenti di carattere politico ideologico che dividono il mondo
O che separano conservatori e progressisti è vero in parte tutti quanti si acconcia hanno all'idea che ci sia un mercato che possa essere
Tosato come avrebbero detto i socialdemocratici o in qualche modo
Verso il quale ci si può porre accompagnando delle politiche che ne riducano lo spirito animale come diceva l'amico dalla Confcommercio o che ne riducono le potenzialità di iniquità sostanzialmente non c'è
Come non può esistere e non esisterà io penso ormai un mondo che insegue delle ideologia e quindi sono blocchi di forze che si contrappongono o l'Europa in condizioni di capire
Che dentro lo spirito comunitario ci sta anche
L'interesse del comune destino dei cittadini dell'Europa o diversamente si finge era
Esiste un'Europa che conservatrice una progressista quando è realtà
Nella sostanza il destino comune del diciamo delle nostre nazioni del nostro continente e quindi delle generazioni future nel futuro avvenire dei lavoratori solo comunque a fine
Accomunate dalla necessità di avere una guida
Unica unitaria ecco perché io non ho
Al di là dei soggetti e degli individui delle individualità io non ho particolare diciamo ribrezzo nei confronti delle larghe intese
O del del del cosiddetto come si chiama il Governo di compromesso come diavolo viene chiamato al di là della formula
Siamo arrivati a un punto limite per cui o c'è
Nel patto fra Sindacato e Confindustria nel patto fra operatori della giustizia avvocati giudici nel patto fra professori insegnanti o esiste un comune destino
Un comune senso di marcia che non significa
Per comune non intendo o il pensiero unico il Comune
Diciamo Sviluppo della possibilità di due di dare alla società coerentemente a questo punto
Una direzione di marcia sia in difesa sia
Un'apertura verso una prospettiva diversa migliore
Un una capacità di dare un uno slancio una forza comune una sintesi
E nel pensiero che nell'azione e che nella logica delle cose mi porta a dire che la politica o ritrova questo senso
Di destino comune delle
Della collettività o è destinata come in realtà sotto i nostri occhi destinata ad un lento e progressivo
Affievolimento e deperimento delle sue ragioni diceva prima mi pare che il loro no c'era la politica la passione ragioni per cui ci si batte io vedo una grande fiction parliamoci chiaro io
Non perché sono diventato grandicello non perché è successo quello che è successo certo questo contribuisce però io vedo tanta fiction
In questi uomini politici diciamo del della nuova era della Seconda Repubblica hanno non non ho nulla naturalmente
Non ho nulla non solo al
Conti
Siamo abbastanza diciamo avvertita vaccinati dal capire quando dentro una forza politica c'è una una reale forza che sprigiona che sprigiona dalle idee dall'identità
E mi pare insomma che questa di
Deficit di identità nelle forze politiche traspare anche dalle singole leadership che vedo avanzare non potendo declinarsi o autodefinirsi
Che non significa
Su questo io non non la penso come Claudio cioè l'auto definirsi
Esprimo un'identità
Non necessariamente di identità come coerenza io mi sento socialista non perché pedissequamente o
Sposato una dottrina infallibile
Proprio perché il movimento il tutto e il fine nulla io penso che il nostro batta mento
Nell'andare oltre significa esattamente questo non venne far venir meno le proprie radici che tra l'altro a dirla tutta sono radici
Che hanno
Irrorato
Destra e sinistra del da democrazia italiana quindi sono radici talmente antiche e profonde
Dal dall'identificarsi quasi col pensiero politico democratico del nostro Paese ma al di là di queste sono quindi per andare
Certamente oltre ma non definire e non definirmi come altro finché oltre ci arrivo se è alto non ci arrivo più
Perché altro significa rifiutare la sfida che la sfida più grande che non è quella di mettersi dimettere al confronto la nostra coerenza con la Fallaci a o il fallimento altrui
Significa riconoscere che nel socialismo democratico e anche nelle sui limiti delle sue possibilità oggi
Si riconosce una parte di questo continente oggi dentro le risposte che a fatica la socialdemocrazia nei diversi campi diversi terreni non li so citare tutti
Non è questa la sede diciamo per per aprire l'agenda e per snocciolare i temi suggestivi che tuttavia meglio e sempre la socialdemocrazia
Europea
E mondiale ha saputo anticipare
E ha saputo in qualche modo tentare
Di diciamo di attraverso il quale ha saputo cercato di dare un Governo
Delle cose della società complessa quale noi
Viviamo il quale noi ci troviamo in una quali noi siamo immersi e purtuttavia queste immersione nella società nuova non ci fa venire meno
L'idea di valori antichi principi antichi
Sensibilità e coerenza antiche Ricci in qualche modo
Ci possono continuare ad accompagnare
Quei il cielo della teoria quello che io ho cercato di di illuminare la terra dei fatti come diceva il buon vecchio Carlo Marx la la riservo in un altro momento non è questa la sede volevo intervenire nel dibattito perché
Ho sentito tante cose che mi hanno in qualche modo spinto a non
Antonietta non tenere la bocca chiusa soprattutto
Evitare di spegnere il cervello già ci hanno pensato c'erano pensate questi venti anni di spegnere ce lo devo dire che i socialisti nonostante tutto
Questo spezzatino di spegnimento non è riuscito finché nostro cervello continua a funzionare io penso che sia necessario
Continuare
A farlo funzionare in una direzione che noi ripetiamo reputiamo
La migliore la più compatibile con la politica di oggi che non è lo ripeto
Definirsi altro che certamente la ricerca della contaminazione dell'Alleanza della solidarietà
Della tendenza a non rimane chiusi in una
Versione Taverna colare del nostro socialismo ma neanche quella di auto flagellato assi in nome di un presupposto nuovo che nuovo tale non è
Grazie a mandare alla Panama magari
Patinata della segreteria nazionale
Smaltita e alle Confterziario
Mi scuserete se sono stato assente per gran parte della seminari con i miei colleghi deputati oggi sono aggiornato davvero infelice
Sotto questo punto di vista spero presto riusciamo a creare una nuova occasione perché
Particolarmente ambizioso era resta l'obiettivo di questo
Seminario ridisegnare il perimetro del nostro campo
Dopo vent'anni di bipolarismo che spesso abbiamo definito bastardo perché ha unito i dissimili Conidi simili
Probabilmente come diceva compagna prima cementati semplicemente dall'essere anti oggi probabilmente c'è invece una nuova opportunità
E noi che pure c'è un piccolo partito non abbiamo mai perso l'ambizione di pensare in grande dunque è giusto che ci poniamo l'obiettivo di influire accelerare processi
Che credo possano essere oggi maturi
E oltre significa questo
Ma oltre verso dove
La nostra stella polare non può che essere IPS questo ce lo siamo detti in ogni occasione sono
O
è giusto dunque sottolineare anche qui però io sono assolutamente convinto che la contaminazione debba andare oltre anche oltre
I confini tradizionali della socialdemocrazia io credo che sia venuto il momento in cui in Italia si uniscano diritti civili e diritti sociali che è quello che proveremo a fare tra l'altro anche nelle prossime settimane
Con le campagne attraverso proposte di legge da un lato ci occupiamo dice di estendere le garanzie ai precari dare incentivi l'occupazione di giovani e donne e dall'altro la rosa dei diritti sovraffollamento carcerario lo ius soli
Il testamento biologico che riporteremo insieme al divorzio breve ripresenteremo la prossima settimana insomma insieme i diritti civili e diritti sociali perché questa è un'anomalia tutta quanta italiane che oggi possiamo
Credo metterci alle spalle
Dopodiché può piacere o no ma io credo che anche il voto dei dei di delle scorse ore confermi ammesso che ce ne fosse bisogno una una semplificazione del quadro politico per scelta degli italiani la mission per regole o leggi
D'altra parte sono stati sono
Insieme già da sei anni ex democristiani ed ex comunisti non capisco
Perché noi noi socialisti non possiamo pensare di stare insieme con Bonino Staderini o Cassano Carignano lo stesso compaia
Certo stare insieme per farti
Nell'Hapoel parti come nella espediente di cui si ha
Abbiamo appena celebrato i centocinquant'anni convivono da un secolo e mezzo tante sensibilità progressisti
C'è Edwige questa contaminazione in alcune realtà socialiste lì dove c'è un grande partito dove c'è una vocazione maggioritaria e già in essere
Perché non si può fare non possiamo portarlo anche qui in Italia perché non possono stare insieme e da da Nichi Vendola alletta passando per Franceschini sapendo che ci sono grandi differenze ma
Se l'obiettivo è un grande partito che non può che essere ancorato al socialismo europeo
E e normale che ci sono anche delle diversità poiché
D'altra parte in questa direzione mi pare che la stragrande maggioranza dei nostri interlocutori dentro e fuori il PD mi pare favorevole a un approdo del genere
Poi dentro il grande partito c'è un asse che guida il partito è l'asse non può che essere riformista ma io non mi spavento anzi io auspico che ci possa essere
Un partito in cui Santucci c'è Vendola che fa come dire la sinistra massimalista ma all'interno di un grande partito socialista e c'è poi invece un'aria
Più ampia che io definisco riformiste che si pone l'obiettivo di governare il Paese prima ancora che il partito quello sarebbe il luogo in cui simili farebbero finalmente tornare assai Miccolis
E allora e concludo perché sarebbe quanto mai il generoso tediare allungare ulteriormente questo seminario dopo quattro ore di discussione ma insomma programmi obiettivi sono quanto mai ambiziosi e io credo che oggi
Contravvenendo alla greche dice di guardare si appresta a fare domanda al PSI con il PD che volente o nolente in corso di ristrutturazione
Colonna una ritrovata attività parlamentare dei socialisti una nuova stagione dei rapporti con i radicali e i laici
Beh insomma io credo che oggi ci sono davvero condizioni che non c'erano state in passato e dunque vale la pena provarci fino in fondo perché possiamo pensare ecco di su questa base
Non solo su su o i contenuti oltre che sui contenitori disegnare la del servo Briano e domani voteremo delle delle mozioni vediamo in queste ore se si riuscirà arrivare a una sintesi all'interno della maggioranza ed abbiamo proposto convintamente
Una Assemblea costituente proporzionale ma poi io credo diciamo che che che bisogna accettare la sfida di far nascere anche in Italia un grande partito del socialismo lo porrei in questo non dobbiamo avere paura
Di di lasciare l'ancoraggio perché la meta è la metà nostra e dunque finché si si continueremo a stare in casa nostra forse anche più grande credo che nessuno possa venne paura e in ogni caso credo che ne valga la pena grazie può lavora tutto
Il disastro
Antiche
Non sono d'accordo
Diciamo
Anch'
Ruggiero
No grazie
Procuratore
Enzo Bianco completare
I giornali