11MAR2014
stampa

M5S: le proposte per un'agricoltura a 5 stelle - Conferenza stampa di Filippo Gallinella

CONFERENZA STAMPA | ROMA - 10:00. Durata: 18 min 58 sec

Player
Registrazione video della conferenza stampa dal titolo "M5S: le proposte per un'agricoltura a 5 stelle - Conferenza stampa di Filippo Gallinella" che si è tenuta a Roma martedì 11 marzo 2014 alle 10:00.

Con Filippo Gallinella (deputato, Movimento 5 Stelle (gruppo parlamentare)), Giuseppe L'Abbate (deputato, Movimento 5 Stelle (gruppo parlamentare)), Loredana Lupo (deputato, Movimento 5 Stelle (gruppo parlamentare)), Massimiliano Bernini (deputato, Movimento 5 Stelle (gruppo parlamentare)).

La conferenza stampa è stata organizzata da MoVimento 5 Stelle.

Sono stati trattati i seguenti
argomenti: Agricoltura, Alimenti, Finanziamenti, Investimenti, Italia, Ministeri, Movimento 5 Stelle, Ogm, Politica, Territorio, Ue.

Questa conferenza stampa ha una durata di 18 minuti.

La conferenza stampa è disponibile anche nel solo formato audio.

leggi tutto

riduci

10:00

Organizzatori

MoVimento 5 Stelle

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Voti
Sta per iniziare la conferenza stampa che presenterà le proposte duramente cinque stelle per la PAC per la politica agricola
Comune
Introduce
Il nostro deputato la Commissione Filippo gallinella
Grazie
Oggi siamo qui per parlare della politica agricola comune che quel meccanismo che eroga fondi all'agricoltura europea quindi anche italiana per il sostegno agli agricoltori ora è importante intervenire decidere in questa fase
Perché entro agosto l'Italia come Stato membro deve andare a decidere a chi dare i soldi e come tali
Questo è fondamentale e le scelte che facciamo adesso
Su
Diciamo daranno
Il percorso l'agricoltura per i prossimi sette anni quindi è importante fare un lavoro costruito ad hoc
Rispettando quelle che sono
Tutte le caratteristiche del nostro Stato ora ieri abbiamo visto molti di noi insomma leggendo le notizie di agenzia anno ha visto il il messaggio del Ministro
Che diceva che stanno ragionando su come distribuire questi fondi e entro giugno
Avrebbero
Chiuso il pacchetto che della PAC ora noi siamo già pronti in questa Conferenza anche un messaggio che rivolgiamo al ministro perché siamo disposti al dialogo e quindi a apportare le nostre idee la nostra soluzione perché siamo sempre positivi come Movimento cinque Stelle
Ne in discussione proprio in questo argomento perché solitamente c'è una tematica così tecnica che è la distribuzione dei fondi si parla di cinquanta miliardi di euro
Divisi tra pagamenti di diretti OCM e cofinanziamenti è PSR
è una cosa da Ministero invece noi come Gruppo abbiamo lavorato sono stati i mesi di lavoro perché abbiamo analizzato tutti i dati di AGEA della precedente programmazione
E quindi abbiamo anche un fatto un confronto con gli altri Paesi europei perché non abbiamo punto attenta risalto e sono Francia Cina molti di più l'Inghilterra anche più di noi però la Spagna è un semplice non meno
Quindi è anche un confronto a livello internazionale
Quindi questo lavoro ci ha permesso di definire alcune strategie
Per l'erogazione di questi fondi anche perché infine fino ad oggi non è stato mai possibili per varie combinazioni
E è la volta buona secondo noi perché possiamo finalmente dare quelle quello slancio alla all'agricoltura italiana che può essere sicuramente il primo volano per la ripresa economica di quei Paesi che oramai
è in crisi da molti da molti anni
E una volta rilanciata diciamo il settore primario che per noi un settore strategico si può benissimo legare al turismo alla alla cultura in modo tale da da rilanciare appunto alla il Paese
è importante farlo adesso poi per la scadenza che ci stiamo ci stiamo avvicinando pura appunto a questa scadenza e il nostro lavoro dopo un'analisi attenta di di di di numerosi dati
Ci ha portato a a definire e poi i miei colleghi lo vi spiegheranno i vari punti in maniera più articolata
Chi è l'agricoltore attivo ovvero chi sarà colui che destinare fondi perché nel passato sono stati pagati anche
Soldi a coloro che non erano agricoltori e che non faceva di colture questa cosa non va bene
E soprattutto oltre a difesa del dell'agricoltore attivo è importante andare a premiare quelle produzioni tramite un altro meccanismo presente sempre nel nei regolamenti che il contributo accoppiato ovvero paghiamo quelle produzioni rispetto altre
Che secondo noi su più meritevoli
Il nostro obiettivo è proprio quello di premiare la qualità delle produzioni italiane perché comunque sia l'Italia e l'Italia l'Italia sempre apprezzata nel mondo quindi tutelare
Soprattutto tutti quei produco le produzioni le capacità
Ovviamente l'agricoltore essendo anche il custode del territorio dobbiamo incentivarlo non abbandonare la propria vocazione quindi anche a premiare l'agricoltore che tutela il territorio il paesaggio
E soprattutto in un momento di crisi come questo
Sviluppare diciamo dei percorsi legati alla all'agricoltura alle produzioni agricole che aumentino l'occupazione
Quindi diciamo
In parole poveri del chiudere quel passo la parola diciamo la nostra linea guida
Per quanto riguarda la strategia politica agricola dei prossimi sette anni si basa su concetti di qualità territorio e occupazione ed essendo i colleghi amplieranno le varie definizioni grazie
Dopo l'introduzione ora
Gli altri componenti della Commissione esamineranno i vari aspetti cui ha accennato
Pocanzi Filippo gallinella e iniziamo con di sette Labate
Grazie buongiorno a tutti
Per poter ricevere il pagamento di base gli altri aiuti obbligatori e facoltativi bisogna essere agricoltore attivo quindi questa e la definizione su cui noi ci siamo concentrati
Siamo andati
A trovare quelli che sono i parametri appunto per poter dare questa questa definizione una novità di questa nuova PAC
E la blacklist
Ovvero o una lista di tutte quelle attività professionali che non possono ricevere i pagamenti come ad esempio le gli aeroporti o i servizi ferroviari e questo per evitare che come in passato
Persone che in realtà non svolgevano il ruolo di di ieri non facevano agricoltura percepiscono soldi dalla da parte della della PAC
Questa lista può essere ovviamente integrata da da ogni Stato membro
In merito strettamente la definizione agricoltore attivo nove abbiam preso come punto di riferimento
Quelle che sono le ore di lavoro stese in campo ecco questo proprio per creare quella discrezionalità e quindi per premiare chi realmente lavora la terra o ci siamo concentrati principalmente
Quindi come ore di lavoro minime stesi in campo quelle pari a novecento ore l'anno
Questo ci consente anche di non taglia fuori tutti quelle agricoltori che magari lavora in maniera part-time come esempi pensionati e quindi che la a da che svolga un ruolo fondamentale
Per della nostra agricoltura inoltre un altro parametro quello di evitare i pagamenti al di sotto della superficie Dieter Rino pare ad un ettaro
Bisogna intervenire con questa in questa nuova PAC in maniera molto razionale quindi questo è stato una un altro obiettivo che abbiamo perseguito perché
I fondi comunitari sono diminuiti rispetto alla parte precedente quindi indirizzarli verso chi fa realmente agricoltura è fondamentale una riflessione da fare il fatto che
Dati Agea
Fino al due mila tredici circa quattrocentonovantuno mila percettori di di aiuti da parte della PAC percepivano all'incirca a meno di cinquecento euro
Se calcoliamo che una pratica PAC al costo a livello europeo di quattrocento euro allora mettere la soglia ma minima a quattrocento euro farsi
Che diciamo sbloccare centotrenta milioni di euro e di trattarli versa a chi fa realmente agricoltura chi fa talmente produzioni che possono che servano alla al nostro territorio e alla nostra economia
Quindi
Il fine gli obiettivi che ci siamo posti per la definizione
Di agricoltore attivo è quello di
Puntare verso un'agricoltura che quindi produca cibo in
In maniera sostenibile che consenta anche all'agricoltore
Di di avere un reddito che oggi purtroppo anche a causa della crisi si trovano in forte difficoltà
Quindi che dovrebbe fare a nostro modo la politica
Dovrebbe essere questo quindi quello di dare questi fondi comunitari in maniera molto razionale
E di evitare come forse si è fatto in passato di utilizzare la PAC di fondi comunitari come una politica assistenziale
Quindi
Passo la parola aveva di altri colleghi che illustrano gli altri punti fondamentali di questa non stampa
Sì io ritorno di Loredana Lupo
Buongiorno a tutti
E allora come membro della Commissione agricoltura del Movimento cinque Stelle enti ho collaborato con i colleghi alla stesura di una risoluzione per quanto concerne i pagamenti accoppiati
Allora bisogna sapere che tramite l'articolo cinquantadue del Regolamento dell'Unione europea mille trecentosette del due mila tredici è possibile usufruire degli aiuti a gli atti nel caso in cui si vedano indirizzare ad un'agricoltura fondamentale per quanto riguarda che che abbia un aspetto che a volte all'ambiente alla società
E al lavoro stesso
Ora questi contributi diciamo rappresentano il quindici per cento del massimale nazionale
Si tratta all'incirca di cinquecentocinquanta milioni di euro
Ora la nostra intenzione ovviamente è stata quella di ad operare interamente questa cifra
Però l'obiettivo non è quello di distribuire questo pagamento accoppiato elargire sullo atti io ho già
Bensì di concentrarlo verso e indirizzarlo verso una produzione che sia di qualità
A sostegno dei territori
Cos'è che chiediamo nello specifico vivamente è principalmente Cina puntiamo al settore lattiero-caseario con una una produzione di natura
Qualitativa non più quantitativa
Anche perché tendiamo a tutelare quei territori che PRI motivi sia di natura sociale che di natura logistica vanno ha spopolato sì e quindi incentivare un tipo di agricoltura e più qualitativa permetterebbe di evitare l'abbandono di determinati territori
E che ovviamente rappresenta una punta importante PRI il territorio nazionale italiano
L'altro concetto fondamentale e quelle del settore anche Ovi caprino sempre per incentivare pastorizia zootecnica montana e evitando ulteriormente lo spopolamento ma un mondo fondamentale per noi rappresenta quello delle però ti a Ginosa e cioè delle colture proteiche e che oltre a garantire ovviamente una riduzione dei costi per la produzione del latte stesso nel momento in cui noi andiamo a incentivare l'industria mangimistica
Evitiamo l'introduzione di mangimi di natura OCM che già transitano sui nostri territori e ulteriori ente migliorano la struttura del suolo perché stiamo parlando di specie che sono migliorate rici per il suo lo stesso
Altro elemento a cui abbiamo ovviamente dato un occhio d'attenzione maggiore è quello che riguarda i settori degli oli di oliva
DOP e IGT IGP scusatemi per contribuire a sostenere più che altro quei volumi produttivi che hanno incentiva ATO il PIL nazionale perché stiamo parlando di produzioni d'eccellenza ovviamente tutto quello che noi abbiamo analizzato
E è perfettibile non è nulla di assoluto di definitivo perché ovviamente noi con questa iniziativa puntiamo a stimolare
Il dibattito politico e soprattutto ci auguriamo che questo si possa risolvere come tema nel più breve tempo possibile anche perché abbiamo dei limiti di natura temporale che l'Europa stessa CIDA eletta
E in più dobbiamo rispondere ai nostri agricoltori Dean grazie per la cortese attenzione
Passo la parola adesso a Massimiliano Bernini
Sì grazie buongiorno a tutti
Allora come hanno riportato in maniera esaustiva i miei colleghi la nuova PAC per il settembre uno due mila quattordici due mila venti è in dirittura di arrivo o meglio potremmo dire ai blocchi di partenza
E sempre come hanno riportato i miei colleghi il settori rimane l'agricoltura è un settore sicuramente strategico per tutta l'economia italiana
Perché caratterizzato da tipicità che troviamo soltanto in Italia e per il made in Italy che è in qualche modo invidiato imitato male direi in tutto il mondo tra l'altro il settore primario l'agricoltura
In questo momento di crisi è l'unico settore economico che fa segnare che segna anzi dei valori positivi per quanto riguarda il prodotto interno lordo per quanto riguarda l'occupazione
Quindi se vogliamo che l'agricoltura diventi il volano per una sicura ripresa economica
In tutta la nazione di tutta l'Italia è necessario che questa venga sostenuta ed incentivata in modo in modo adeguato
Per questo Movimento cinque Stelle da quando si è insediato approfondito la questione della PAC la questione dei pagamenti diretti dello sviluppo rurale
Quindi del primo del se
Do pilastro
Ora però su questi aiuti su questi incentivi in qualche modo pende una una spada di Damocle soprattutto per quanto riguarda il secondo pilastro
Per quanto riguarda appunto i PSR
Purtroppo alcune Regioni che non potranno sforare le Regioni che non potranno sforare il patto di stabilità non potranno erogare il cofinanziamento
Mi spiego meglio affinché
Si possano ricevere queste quote del secondo pilastro da parte del dell'Europa è necessario che le Regioni con finanzino
I piani di sviluppo rurale appunto quindi per non sforare il patto di stabilità c'è il rischio
Che queste quote di cofinanziamento non vengano erogate e di fatto
Si blocchi tutto il sistema quindi delle degli incentivi dei finanziamenti che arrivano dal secondo pilastro
Il Movimento cinque Stelle a lanciato l'allarme già diversi mesi fa
In sede di discussione di legge di stabilità abbiamo presentato un emendamento
All'articolo tredici che chiedeva appunto questo dislocare di scorporare il cofinanziamento
Dal dal patto di stabilità
L'emendamento purtroppo non è stato accolto invece è stato votato positivamente un ordine del giorno che impegna
Il Governo sulla stessa direzione
Però ecco il problema rimane non siamo i soli ad aver lanciato l'allarme altre altri esponenti
Parlo per esempio del Presidente della Conferenza permanente fra Stato e Regioni Province autonome di Trento e Bolzano ma anche molti Assessori regionali
Hanno lanciato questo allarme
L'unica cosa che noi possiamo dire che ci batteremo porteremo avanti un'iniziativa legislativa affinché si realizzi appunto questo scorporo
Questo sblocco delle quote da cofinanziare nei confronti di queste quote da cofinanziare dal patto di stabilità perché a nostro avviso
Bloccando il PSR si avrebbero delle gravi gravissime ripercussioni a livello di agricoltura regionale e quindi di riflesso di economia regionale e nazionale grazie
Adesso l'Unipol bacinella
Farà traccerà un breve bilancio conferenza che metterà il focus sulle prossime tappe
Grazie così magari poi se c'è qualche domanda siamo ben lieti di poter rispondere chiaramente
Ecco come è stato detto dai miei colleghi quello che decidiamo a breve nei prossimi mesi
Vincolerà determinate l'agricoltura per i prossimi sette anni quindi è importante fare bene questo lavoro lo siamo pronti al confronto sia con il ministro ma con tutte altre forze politiche come sempre noi abbiamo fatto
E quindi ecco ci auguriamo che a breve ci sia un confronto proprio con la il ministro al quale ha con lanciamo diciamo questo invito
E così
Cominciamo a discutere su atti già depositati come risoluzioni lo hanno fatto incominciare voltura modo tale che c'è un punto di partenza e poi ben vengano tutti tutti i miglioramenti questo è quello che ci auguriamo a Blair
Purtroppo poi torneremo a votare sulla legge elettorale quindi se ci sono domande
Facciamolo adesso
Se ci sono domande
Grazie dell'attenzione
Buon lavoro