22MAR2014
dibattiti

Roma chiama Europa - Convegno organizzato da Radicali Roma

CONVEGNO | Roma - 09:57. Durata: 4 ore 12 min

Player
Convegno "Roma chiama Europa - Convegno organizzato da Radicali Roma", registrato a Roma sabato 22 marzo 2014 alle ore 09:57.

L'evento è stato organizzato da Radicali Roma.

Sono intervenuti: Genea Canelles (tesoriere di Radicali Roma, Radicali Italiani), Carlo Stasolla (presidente dell'Associazione 21 Luglio), Riccardo Magi (consigliere del Comune di Roma, Radicali Italiani), Rita Bernardini (segretario, Radicali Italiani), Maria Laura Turco (membro di Radicali Roma, Radicali Italiani), Giuliano Fonderico (avvocato), Massimiliano Iervolino (membro della Direzione, Radicali Italiani), Niccolò
Rinaldi (parlamentare europeo, Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa), Davide Ambrosini (membro di Radicali Roma, Radicali Italiani), Amedeo Barletta (professore), Gionny D'Anna (membro di Radicali Roma, Radicali Italiani), Chiara Bortoluzzi, Giuseppe Mazziotti (avvocato), Paolo Izzo (segretario di Radicali Roma, Radicali Italiani), Mina Welby (copresidente dell'Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, Radicali Italiani), Giovanni Lombardi.

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Alemanno, Ama, Ambiente, Amministrazione, Amnistia, Aria, Arpa, Associazioni, Atac, Auditel, Auto, Bonino, Burocrazia, Carcere, Casa, Centro D'ascolto, Clima, Commissione Ue, Comuni, Consiglio Europeo, Cultura, Destra, Diritti Civili, Diritti Umani, Diritto, Discariche, Discriminazione, Emergenza, Enti Locali, Esteri, Europa, Finanziamenti, Giustizia, Indulto, Informazione, Inquinamento, Integrazione, Internet, Istituzioni, Istruzione, Italia, Lazio, Legge, Lobby, Marino, Ministeri, Minoranze, Napolitano, Nomadi, Onu, Parlamento Europeo, Politica, Prezzi, Qualita' Della Vita, Raccolta Differenziata, Radicali Italiani, Referendum, Regioni, Renzi, Rifiuti, Riforme, Roma, Salute, Scuola, Servizi Pubblici, Sindaci, Sinistra, Societa', Stato, Storia, Trasporti, Ue.

La registrazione video di questo convegno ha una durata di 4 ore e 12 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

09:57

Organizzatori

Radicali Roma

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Quando volete si può iniziare
Forse qualcuno ancora fuori
Verifichiamo
C'è ancora qualcuno fuori quelle diventano iniziando dalle
Fuori che voglia dire iniziano
Non mi ha messo lo spazio non fa nient'altro il prefetto
Va bene iniziano a questo punto anche se con il quarto d'ora accademico di ritardo
E buongiorno a tutti grazie veramente a tutti quanti di essere qui per noi è importante dato l'iniziativa che stiamo portando avanti
Io mi presento sono Zancanella essa non stante non ci sia lo spazio e sanare serena dell'associazione radicali Roma anche l'associazione quest'oggi sta organizzando il convegno dal titolo Roma chiamerò OPA
Quindi ringrazio la partecipazione tutti gli iscritti anche tutti i nostri ospiti che ci hanno sostenuto e stanno partecipando per questa manifestazione
Allora come
Emerge un pochino dal titolo e come cercheremo poi di Farra
Insomma durante gli interventi e i nostri ospiti e i vengano affidati sì tanti
Roman siamo troppa indica già di per sé il fatto che Roma abbia bisogno di un aiuto un aiuto che attualmente abbiamo riscontrato non può avvenire alle istituzioni locali né dalle istituzioni nazionali
E quindi i cittadini romani Roma hanno bisogno quindi di rivolgersi all'altro interlocutore che non è quello locale o nazionale ma che oltre i confini che potrebbe essere interlocutore europeo
A riguardo parlano molto chiaro anche alcune site nel senza attualmente ci saranno circa centodiciannove procedure di infrazione aperti diventerà comunque la Commissione europea
Di cui come diceva anche ieri l'onorevole Gozi che serve dovrà essere con noi ma insomma purtroppo per impegni istituzionali non potrà esserci risana circa altre venti in arrivo
Di cui molte di queste riguarderanno mancati pagamenti dei debiti delle pubbliche amministrazioni rifiuti calarsi quindi tutte tematiche assolutamente vicine alla città di Roma
Inoltre da quando è stata istituita poi la Corte Rovelli ti dell'uomo e la convenzione a sua volta diritti dell'uomo ci sono state circa sedi sinistre mille seicentottantasette violazioni di fronte a questa Corte
E diciamo altrettanto altri sono i valori riguardo i giudizi nella Corte di giustizia europea per cui si aggirano intorno ai quattordici mila quattrocento
Tali per cui siamo al secondo posto soltanto dopo la Russia quindi queste cifre già ci spiegano come sia
Un interlocutore necessario quello delle istituzioni europee per una città come Roma e per un Paese come l'Italia
Per cui una sentenza di sarà far capire anche attraverso l'aiuto dei nostri occhi nostri interlocutori come un cittadino che non vede rispondersi e non vede quindi fare non vede un interlocutore a livello nazionale a livello locale
Nelle istituzioni come può quindi
Trovare altri strumenti per riuscire a farsi ascoltare e questi strumenti possono venire come diciamo dall'Europa e sono di diverso tipo una di queste è la cosiddetta procedura di infrazione
Il qui organo competente la Commissione qualunque cittadino o dello qualunque Stato membro dell'Unione europea
Può quindi rivolgersi alla Commissione perché questa intervenga e quindi sanzioni uno Stato membro che stia in violazione di una qualunque norma di diritto europeo
Questa procedura di infrazione quindi può essere aperta molto semplicemente attraverso l'invio di una mela oggi una lettera da parte del cittadino in cui segnala questa violazione sarà poi la Commissione aprire due fasi una frase una fase diciamo
In cui inviterà il Paese a porre fine alla sanzione e con un parere motivato una messa in mora e successivamente rivolgendosi alla Corte europea di giustizia europea
E un altro strumento è quello della petizione in cui invece di interlocutore il Parlamento europeo anche qui il qualunque tipo di cittadino di persona residente all'interno dell'Unione poi rivolgersi al Parlamento
Perché questo se lei è una questione di violazione del diritto dell'Unione
Per cui può andare dalla libertà di circolazione delle persone a libertà di circolazione delle merci sia unito saldi preoccupazione
E questo siamo qua richiamare il Parlamento sia a sollevare la questione sia discuterla con quelle che sono anche gli interlocutori europei
Un'altra modalità invece quella che riguarda la Corte europea dei diritti dell'uomo
In cui anche qui un singolo cittadino vi può adire ma soltanto dopo essere arrivato all'ultimo giudizio delle
Delle Corti nazionali e purché la questione che poi porterà davanti alla Corte
C'è stata già sollevare all'interno del giudizio nazionale
E questo deve essere quindi violazioni da parte di almeno uno degli Stati membri a una vera autorità pubblica di questi Stati membri per cui entro sei mesi dall'ultimo giudizio nazionali un cittadino può adire alla Corte dei diritti dell'uomo
Cosa diversa la Corte di giustizia europea
Poi per concludere siamo cioè un di più si potrebbero chiedere anche se fossero le stesse istituzioni europee hanno rispondere in quel caso se lo strumento del cosiddetto mediatore europeo
Anche qui sono gli stessi cittadini a poter sollevare la questione o il mediatore di sua iniziativa quella riscontrasse quindi una la mancanza da parte dell'istituzione dell'Amministrazione europee nel rispondere nel tutelare i diritti dei cittadini stessi
Quindi dopo aver fatto questa breve panoramica su quelli inerenti
Mi chiamo gli spunti improduttivi adesso cercheremo con dei temi che abbiamo selezionato e di cui ci occupiamo anche come associazione di portarle avanti attraverso gli interventi degli interlocutori che si sono resi disponibili qui oggi
Per cui
Dopo il momento la parola a Carlo sta Sollai che il presidente dell'associazione ventuno luglio e che ringrazio per essere qui con noi oggi
Buongiorno grazie per l'accoglienza l'Associazione entro luglio la più grande organizzazioni dalle che si occupa dei diritti delle comunità rom e sinte lo fa con un approccio legato ai diritti umani
E soprattutto in maniera indipendente visto che per statuto non può accedere a finanziamenti pubblici quindi stare vicino anche adesso che era
Importanti
Ma era una battuta
Ringrazio anche per il fatto che sull'argomento Roma sia il primo presentato questo perché
Da sempre la questione rom rappresenta un po'la cartina di tornasole su quello che è in grado di civiltà di di un Paese questo questo popolo che definito la minoranza più grande in Europa e anche la più discriminata
Nella città di Roma sicuramente c'è un'emergenza civile sociale democratica su questo
Recentissima il caso non so chi l'ha seguito del cartello di alcuni giorni fa su una panetteria romana in cui era scritto vietato l'ingresso di zingari
Sicuramente giustamente se al posto del nome Zingari ci fosse stato il nome ebrei
Ci sarebbero state anche scuse ufficiali risposte in Parlamento una grande sollevazione di popolo
Di intellettuali di amministratori locali nazionali questo non è avvenuto per i cosiddetti zingari anzi c'è stata diciamo un'ondata
è un veleno che è passato sui mass media in appoggio all'esercente che aveva messo questo cartello quindi la cosa importante non è stato tanto il cartello ma è stato ciò che ha generato quel cartello
Come se sui rom e sui sinti si può fare qualsiasi cosa non esistono diritti
Perché si è arrivati a questo si è arrivati a questo secondo noi per per delle responsabilità istituzionali molto molto chiare e definite
I rom i Sinti sono questo popolo particolare in una non ha una terra non ha un rappresentante in una
Un qualcosa da rivendicare giunto in Italia in quattro ondate differenti la prima del mille quattrocento la seconda inizi del Novecento la terza negli anni Novanta e l'ultima è quella recente dei rumeni
Come numeri in Italia siamo su numeri assolutamente ridicoli soprattutto nella città di Roma se pensiamo che ottocentomila Rom in Spagna
In due milioni Romania in Italia siamo numeri veramente molto bassi circa centosettanta centottanta mila
Ma realtà di questi quattro quinti vivono in civili abitazioni svolgono una normale attività e quindi nessuno li conosce nessuno quelli che si conoscono quelle di cui si parla
Sono i trentacinque mila quaranta mila Rom che vivono nei cosiddetti campi nomadi
Ecco qui le i termini sono importanti non è solamente una questione semantica lessicale
Il nome normativo non in termini totalmente improprio sia perché è un iter omonimo sia perché è un aggettivo con cui si qualificò un popolo come un possibile ci chiamassero magari mafiosi o mangiatori di maccheroni o altro
è un termine improprio ma fondamentale per giustificare determinate politiche cioè a partire dagli anni Ottanta gli amministratori
Hanno deciso che era una sono nomadi
Anche se secondo i dati del Ministero del lavoro sul tre per cento dei rom conduce una vita nomade e probabilmente
Uno di noi in Queens salasso fa più chilometri tutti norme messi insieme nella città di Roma
Quindi me realtà dire chiamare i rom nomadi ha significato nella Regione Lazio a partire dall'ottantacinque
Dire se sono normati sono incapaci inadatti culturalmente a vivere nelle case bisogna costruire dei campi per loro
Nella Regione Lazio a parte l'ottantacinque parliamo di Regione Lazio ma in realtà parliamo par della città di Roma si decide che per tutelare
Una presunta cultura nomade occorre creare spazi
Di segregazione e dischi discriminazione dove collocare su base etnica delle persone nascono i campi nomadi
I campi nomadi perché poi sono iniziati con Lera Lera Rutelli nel novantaquattro sono continuati con la Ravel troni hanno avuto diciamo una una una deriva securitaria con Alemanno continuano con questa Amministrazione
è un'aberrazione totalmente romana e italiana altrove non esistono campi in luoghi istituzionali malgrado i numeri siano molto più alti se pensiamo alla Spagna
Relazione culturalmente più vicine a noi dove i rom ma non sono centottanta mila ma sono ottocento mila
Non esistono campi nomadi istituzionali con me siedono in in Parlamento insegnano nelle università sono medici sono dottori si riuniscono in associazioni
In Italia questo nella città di Roma questo non è avvenuto e quindi il Roma ha scommesso sul fatto che i Rom sono nomadi e quindi sul fatto che bisogna costruire
E gestire i cosiddetti campi nomadi quindi i campi nomadi e che i cosiddetti campi nomadi
Sono quindi
Dei luoghi in cui il diritto all'alloggio quindi primariamente primariamente violato
Da parte delle istituzioni a Roma ci sono
Otto cosiddetti villaggi attrezzati anzi mi correggo con la Giunta di sinistra vengono chiamati villaggi della solidarietà alla destra richiama i villaggi attrezzati
Sono otto luoghi spazi recintati sparsi con le videocamere spazi dove per entrare occorre lasciare un documento
Enclave lì dove i diritti sono sono violati dove i diritti sono sospesi dove non esistono diritti dove non esiste una Costituzione dove esiste tutta quanta una
Una legge parallela una legge dello Stato parallela
Ecco quindi qui si riscontrano diciamo le principali violazione in relazione alla al diritto all'alloggio
Un diritto all'alloggio che appunto è stato riconosciuto inizialmente con la Dichiarazione universale dei riti mai del quarantotto dove in capo a ogni persona viene individuato il diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio della sua famiglia
Con particolare riguardo all'alimentazione al vestiario e all'alimentazione all'abitazione
L'alcuni anni fa nel due mila e nove
C'è stata un'evoluzione dei campi nomadi romani nei cosiddetti centri di raccolta Rom cioè per dare più dignità a alle popolazioni nomadi si è pensato di
Rimettere a posto o meglio risistemare dei capannoni industriali svolti dove non è consentita per la vita umana perché punto costruiti per in quanto magazzini o capannoni industriali dove collocare le comunità rom a concentrare le comunità rom anche qui su base etnica sono quindi nati nella città di Roma i cosiddetti centri di raccolta Roma ce ne sono tre a Roma
Sono dei campi in muratura praticamente dei luoghi dove esistono le dinamiche dei campi sono i medesimi
Dove non esiste alcun
Alcuna legislazione che critiche cioè dove non c'è alcun riscontro con la legislazione su come dovrebbero essere costruiti
I centri di accoglienza
Dove e quindi non esistono nessun requisito per il cosiddetto vi alloggio adeguato
Il Comitato delle Nazioni unite sui diritti economici e sociali stabilisce poi che sono gli sette criteri che determinano e l'alloggio adeguato che sono sicurezza legale del possesso di
Punibilità di servizi materiali strutture e infrastrutture e quindi vuol dire accesso all'acqua potabile al riscaldamento all'illuminazione allo smaltimento di rifiuti al servizio di emergenza
L'accessibilità economica l'abitabilità
L'accessibilità all'ubicazione e l'adeguatezza culturale
Ecco nessuno di questi requisiti a presenti quindi nei cosiddetti campi nomadi o nei centri di raccolta rom istituzionali
Ne abbiamo avuto vari richiami da parte dell'Europa in questo vari raccomandazioni sono state fatte
Nel
Duemila il Comitato per l'eliminazione delle discriminazioni razziali delle Nazioni Unite ha raccomandato all'Italia di astenersi dal confinare i Rom in campi fuori dalle aree residenziali isolati e senza accesso all'assistenza sanitaria ed altri servizi bassi
Nel due mila cinque il Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa
Con raccomandazione numero quattro in riferimento alle comunità Rom ha invitato in Italia a prevenire l'esclusione il creazione di ghetti per combattere la creazione di ghetti sostegni Comitato Amistadi dovrebbero impedire iniziative locali volti ad assicurare che gli insediamenti dei rom
Avvengano in sedi inappropriati e in aree pericolose
Ho volte R. legarli intagliare a causa delle loro etnia
Nel due mila dieci il Comitato europea dei diritti sociali ha condannato le politiche teniamo in quanto basate sui campi rom che si ritiene non carenti escono le condizioni minime essenziali per una vita dignitosa nel febbraio due mila e dodici Lecri
Ha raccomandato all'Autorità degnamente i combattere con fermezza la segregazione cui sono esposti norme nel settore dell'alloggio
In particolare garantendo che le soluzioni abitative loro proposte non siano destinate separati dal resto della società
Ma al contrario servono a promuovere la loro integrazione quegli strumenti giuridici ci sono per dire che l'Italia
E la città di Roma
Stia violando quella che la normativa internazionale ma anche nazionale
Nel due mila e dodici dell'Italia è stata obbligata come ogni altro Stato a scrivere una strategia per l'inclusione dei rom dei Rom e Sinti dei camminamenti e in questa strategia
è stato sottolineato la necessità di superamento dei campi per combattere l'isolamento e favorire percorsi di interrelazione sociale
La politica dei campi nomadi si legge quindi nella strategia scritta dal Governo italiano
Alimentato negli anni il disagio abitativo fino a diventare da conseguenza essa stessa presupposto di marginalità spaziale dell'esclusione sociale per coloro che subivano subiscono una simile modalità abitativa
Oltre a questo poi il riferimento esplicito ai campi romani cessati sono state diverse visite fatte nei vari commissari europee per i diritti umani del Consiglio d'Europa l'ultima è stata fatta due anni fa
Nel quale il
Commissario europeo il quale però ha scritto recentemente anche alla Giunta Mensi Marino riferimento allo sgombero di via Salviati
è stata espressa profonda preoccupazione per questa quindi politica Di Campli Zazie o né da parte dell'autorità romana
Una politica sicuramente dispendioso sappiamo quanto discriminare costa molto più da includere così come prevenire costa molto meno che che punire
Se pensiamo che una famiglia Roma di cinque persone che vive dal due mila e cinque per esempio prendendo un anno di riferimento al due mila e tredici in un cane pochi in campo significa vivere in un in una struttura abitativa non adeguata con uno spazio mentre di due virgola cinque tre metri quadrati a persona
Talvolta privo di alcuni servizi in una condizione di mancanza totale di privacy ecco dal due mila cinque al due mila tredici quella famiglia senza ricevere neanche un centesimo quella famiglia
Per quella famiglia lo Stato ha pagato il Comune di Roma ha pagato duecentoquarantacinque mila euro
Quindi probabilmente con quei soldi con molto meno di questo al disabile un po'di fare percorsi di inclusione
Però diciamo a un
Un ritorno sicuramente politico decreto ed elettorale molto alto quindi potremmo dire questo al divengono spesi per per il consenso elettorale
Ma
Pagandolo poi sulla pelle delle persone e sulle generazioni che vivono in questo in questo stato questi sono costi diretti poi ci sono costi indiretti cioè
Mettere per degli anni dei decenni fa nascere degli generazioni di Roma imposti così marginali significa chiaramente
A vedere poi tutti i danni prodotti dall'oggi marginali escludenti quindi non perché i rom e vivono nei campi né Campice delinquenza mi Campice delinquenza criminalità
C'è prostituzione perché chiunque vive anche uno Harding lei essendo assenze va a vivere in un campo dopo qualche anno
Avrà le cosiddette patologie da ghetto che sono tipiche di chi vive in quella situazione quindi pensiamo ai costi indiretti
Costo indicati per esempio determinati dal fatto che nei campi un bambino a cinquantasette volte possibilità in più di essere adottato da un bambino che non vive nei campi
L'adozione significa un percorso lo dico a mia molto cinica molto anche costoso perché significa porre bambino in casa famiglia per per un periodo di tempo i cui costi sono altissimi
Significa procurare dei danni oltre al bambino alla comunità stessa che si vede privata quindi di di giovani
Costi indiretti che vengono anche per esempio dalla carcerazione costi indiretti che vengono dalla cura del dall'uscita dall'ossido dipendenza
Ecco quindi diciamo che gli strumenti giuridici per dire che l'Italia sta violando gravemente il diritto all'alloggio riferimento alle comunità promo oltre che sta pagando un prezzo altissimo il Comune di Roma per mantenere questo ci sono si tratta di fare costantemente pressione nei confronti dell'Autorità
Per per dire questo
In riferimento poi alle cosiddette
Centri di raccolta rom queste strutture aberranti dove in in magazzini o in capannoni industriali vengono concentrate le comunità rom e sinte da parte delle istituzioni con costi altissimi
C'è una grandissima violazione del minata dalla mancanza di spazio
L'ultima struttura in cui il Comune di Roma sta investendo l'attuale Amministrazione sta investendo soldi
Per esempio la struttura dove vivono trecentoventi persone dove non ci sono finestre cioè le persone vivono in delle Camere con un uno spazio medio di due virgola cinque metri quadrati prive di finestre
Su questo è il Comune su ogni famiglia paga circa due mila cinquecento euro al mese quindi costi sono alti
Ma la cosa grave oltre al fatto che non ci siano finestre oltre al fatto che c'è una concentrazione umana molto forte la mancanza di spazio
Il due virgola cinque metri quadrati pro-capite dei quali vivono oggi
Circa ottocento rom in nei centri di raccolta rom romani risultano inferiori anche quattro metri quadrati ritenuti auspicabili dal Comitato europeo per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani deve o degradanti
Sul tema la recente sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo Torregiani altro contro Italia sul sovraffollamento delle strutture carcerarie stabilito che non è accettabile uno spazio destinato alla persona inferiore ai quattro metri quadrati
Nel caso specifico erano tre metri quadrati
Riconoscendo di conseguenza la violazione dell'articolo tre della Convenzione europea dei diritti dell'uomo da parte del dello Stato italiano quindi l'Italia ha avuto una condanna da parte
Da parte delle del Comitato in relazione alla carta alla situazione carceraria inferiore ai ai quattro metri quadrati previsto nei centri di raccolta rom persone bambini
Quindi non hanno commesso alcuna colpa né bambini né i genitori devono in spazi senza luce naturale senza rene plurale di due virgola cinque metri quadrati
C'è poi il tema
Relativo alla discriminazione cioè non dimentichiamo che oltre a tutti questi le azioni legata al diritto all'alloggio cioè il problema legato alla discriminazione cioè alla collocazione su base etnica delle persone in questi posti cioè in questi posti si accede
In quanto rom non in quanto persone che hanno indeterminato passaporto o vivono determinate problematiche sociali nel senso che
Se una persona oggi a Roma vive l'emergenza abitativa
Se Roma segue un percorso che il percorso dei campioni uscenti raccontarono se non erro a me ne segue altri più o meno i doni va bene quindi ecco c'è un aspetto molto importante
Relativo la discriminazione non possiamo dimenticare che l'Italia è vincolata la direttiva dell'Unione europea due mila del quarantatré che applica il principio di parità di trattamento tra le persone propendo qualsiasi discriminazione diretta o indiretta basata sulla razza l'origine etnica
Né in questo proposta abbiamo avviato già ormai da un anno un'azione legale contro il Comune di Roma in riferimento all'ultimo campo costruito dall'Amministrazione Alemanno c'è il campo della Barbuta se riusciamo a vincere questa azione legale per la prima volta in Italia e quindi in Europa perché altro non esistano campi e quindi nel mondo viene riconosciuto il carattere discriminatorio di un campo
Ultimo aspetto riguarda gli sgomberi forzati
Che ormai è una pratica che diciamo avvio in maniera sistematica nel due mila la Giunta Rutelli con l'allora delegato ai cosiddetti nomadi che era Luigi Lusi
Infatti se lo ricorda Luigi Lusi il quale disse la frase famosa a siamo intervenuti con mille uomini nei campi nel due mila
Di notte alle due e mezza di notte perché altrimenti
I criminali scappavano ha fatto in tempo a scampare comunque
Ecco Luigi non si fu il primo avviare l'azione degli sgomberi forzati in una città di Roma un'azione che per continuate in maniera molto molto feroce con l'esercito durante la Giunta Veltroni nel due mila sette
è stata poi ripresa in maniera sistematica da da dalla Giunta Alemanno che appunto attuato cinquecentotrentasei sgomberi forzati
Con un costo di circa sette milioni di euro la Giunta Marino non si sta smentendo siamo a diciannove sgombero di una media di due al mese
Si tratta di sgomberi illegali
Anche da questo punto di vista
Ci sono dei criteri che vanno se cioè lo sgombero in sé non è un'azione illegale se vengono date delle garanzie procedurali cioè
Il comitato che internazionali sui diritti economici sociali e culturali nel commento generale numero sette spiega come devono essere compiuti gli sgomberi se gli sgomberi sono compiuti in questa con questa modalità allo sgombero legale quindi può essere fatto
E tra questi per esempio ci deve essere la genuina consultazione
Ci deve essere una notifica scritta consegnata alle persone le quali quindi possono fare ricorso all'azione di sgombero non può essere fatta in condizioni metereologiche avversi e quindi anche di notte
Deve essere dato un tempo congruo alle persone per potersi trasferire e poi la cosa importante che deve essere garantita un'alternativa alloggiativa adeguata
Nessuno degli sgomberi condotti
Nella città di Roma per quanto ci riguarda e per l'osservazione che abbiamo effettuato dal due mila ad oggi e quindi parliamo di cinque di quattro amministrazioni differenti gli anche di diverso colore ha rispettato queste garanzie procedurali e quindi anche da questo punto di vista
C'è una relazione sistematica da parte del Comune di Roma
Perché quindi anche dallo Stato italiano
Sulle modalità con cui vengono condotti di sgombero anche da questo punto di vista ne abbiamo un'azione legale contro il Comune di Roma
Che riguarda una bambina Roma che a caso dello sgombero del Casilino novecento ha visto interrotto il suo percorso scolastico perché poi il Comune ritenendo i campi nomadi cosiddetti campi nomadi luoghi i doni
E quando va bene offre come alternativa adeguata alloggiativa alle persone sgomberate l'entrata nei campi chiaramente il campo non è un non risponde a requisiti previsti dalle normative internazionali sull'alloggio adeguato
E quindi ecco ci sono dei danni poi subito le persone che ci vivono i bambini molti bambini che vivono i villaggi attrezzati per esempio ben vedono violato il loro diritto all'istruzione
I bambini
Che da villaggi attrezzati in molti campi penso che stavi più grandi casse romane salone i due fanno due mila cinquecento anno due mila cinquanta persone all'l'interno e di bambini che vivono all'interno di questi campi per esempio vedono perso in maniera sistematica malgrado di altissimi costi che il Comune
Il Roma sostiene per le cooperative che gestiscono scolarizzazione
Vede lo persi in maniera sistematica ogni anno un mese di scuola perché loro puntualmente arrivano un'ora di ritardo puntualmente escono un'ora più tardi da scuola questo qua se si somma diventa diventa
Un mese di ritardo un anno che potere quindi vedersi compromessa
Loro diritto allo studio il il diritto di poter sognare un giorno di essere avvocati di essere medici
O di potesse accedere un corso di laurea oggi
Abbiamo un diciannove per cento di bambini romeni campi che arriva la terza media è un quattro per cento che si scrivevano scuola superiore che pone al pascolo superiore significa istituto in corso professionale triennale
Quindi ecco si tratta di di una fascia di popolazione a cui viene negato ogni diritto anzitutto il diritto per i bambini assegnare un futuro diverso a costruirsi un futuro
Oltre che pagare a tutti a tutti i diritti diritto alla salute che poi discendono da questi diritti
In questo veramente Roma chiama l'Europa Roma è totalmente inadempiente in queste sorda a questo
Come associazione abbiamo contatti diretti l'abbiamo incontrato anche stima scorso con il Commissario per dei diritti umani
Anche se talvolta se non in sede diciamo di tribunale poi diventa vincolante quello che dice l'Europa per cui
Faccio un esempio nell'ultima lettera anche le modalità non è l'ultima lettera scritta
A ottobre dal Commissario europeo in inglese al Sindaco Marino
Ha risposto in italiano l'assessore alle politiche sociali cioè anche qui in una forma
C'è poca considerazione a a quanto viene detto viene detto dall'Europa
Vi ringrazio penso di essere stato nei tempi perfetto grazie
Ringrazio il Presidente Carlo farfalla per il suo intervento e per soprattutto aver sollevato delle questioni
Insomma è una premessa abbiamo cercato già di di far riconoscere che cercheremo anche di approfondire con i prossimi interventi soprattutto riguardo ai costi dell'amministrazione rispetto poi al servizio che l'Amministrazione rende
Quindi che siano cittadini diritti italiana o straniera o che siano minoranze discriminate
C'è sempre questo contra
Sta rispetto a quanto effettivamente l'Amministrazione si mette in gioco quanto sia effettivamente in grado di dare quanto poiché effettivamente il cittadino riceva oppure venga discriminato da per i suoi diritti
E cosa riguarda quindi fosse amministrazione e all'efficienza della gestione amministrativa di istituzioni romane chiama quindi a intervenire consiglieri comunali Riccardo magiche insomma cioè da spiegare anche all'interno delle istituzioni
Intanto io cercherei di riprendere un po'e di arricchire il filo del
Del discorso introduttivo di genera
In questo senso anche il primo intervento abbiamo fatto un po'una una posticipazione dell'intervento però è andata benissimo così perché l'intervento di
Di Carlo Staso alla devo dire che già ci conferma come
L'urgenza che abbiamo sentito di convocare un incontro come questo
è è non solo è molto fondata ma a nostro avviso diventa indispensabile per
Provare a immaginare
Iniziativa politica radicale
A livello
Locali così come a livello nazionale a livello sovranazionale perché Roma chiama Europa
Perché come militanti radicali come militanti
In un'associazione territoriale radicale abbiamo constatato negli ultimi anni
Che
In una serie di ambiti fondamentali per garantire i diritti
Dei cittadini per garantire quindi
La qualità della vita dei cittadini
Non solo c'è uno stallo delle istituzioni nel dare risposte di governo
E quindi molto in molti casi risposte di riforma
Che sono attese
Da tutti
Invece c'è proprio un aumento degli ambiti in cui
Le istituzioni stesse si collocano fuori dalla dalla legalità
Abbiamo Rita Bernardini adesso proprio riuscirà in questo momento che credo sia oggi al
Ventiquattresimo giorno di sciopero della fame perché esattamente per questo motivo
Esattamente per continuare a dare corpo alla battaglia centrale
Di questi anni la battaglia radicale centrale che ha visto proprio in sede sovranazionale con
Ce ne parlerà sicuramente lei con le pronunce del
Del comitato dei ministri del Consiglio d'Europa con le condanne in sede di Corte europea dei diritti dell'uomo su cosa sul tema della giustizia e delle carceri
Un tema che lei ci aiuterà a in
Ahimè quadrare
Anche credo con un approfondimento sulla realtà romana quindi sulla realtà delle degli istituti penitenziari romani e forse anche delle procure della Procura di Roma
Però noi abbiamo notato che
Sono moltissimi
Gli ambiti
In cui questa cosa si ripete abbiamo pensato alla formula di presentare da parte nostra da parte
Di alcuni militanti dell'associazione dei
Brevi dossier su varie questioni che vanno dalle
Dalle questioni ambientali quindi chiaramente
La gestione del della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti ma anche
La questione della
Dell'inquinamento dell'aria dei continui sforamenti dell'inquinamento dell'aria la questione
Delle politiche rivolte alla comunità rom politiche
Di che dovrebbero essere che a volte portano il titolo di inclusione di inclusive che in realtà sono sistemi di sistematica discriminazione
Ma anche l'ambito di gestione e di affidamento dei servizi pubblici locali su cui c'è chiaramente una cornice europea ma poi tutto una stratificazione normativa nazionale recente su cui chiediamo anche qui ai nostri interlocutori
Una mano per per orientarci
Quindi su alcuni di questi temi
Ci sono già state dei deferimenti a livello
Europeo ci sono già state ci sono già delle procedure aperte
Su altri già ora di quelli di cui parleremo già ora si possono immaginare delle iniziative in quella sede in termini di segnalazione
Alla Commissione europea o addirittura in termini di
Di violazioni di diritti fondamentali e quindi di ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo
Da questo punto di vista il dato di contesto è chiaro cioè comunque
L'Italia da Stato fondatore comunque a
Un un primato
Gravissimo drammatico è il Paese oggettivamente più inadempiente
Sia in termini diciamo di di violazione del diritto europeo sia in termini di mancato recepimento delle
Delle direttive
E quindi anche il Paese che ha dovuto sopportare di più il peso delle sanzioni
Finanziari sanzioni economiche che seguono appunto alle procedure di infrazione
E
Però a nostro avviso il punto centrale è quello che
Quando ad esempio a livello locale
Io faccio notare all'interno dell'Amministrazione comunale che si sta in una determinata scelta perpetrando una ennesima oppure si sta arrestando immobili di fronte a una violazione
Del diritto europeo
Devo dire che il riflesso immediato è un riflesso di tipo
Un po'sicuramente antieuropeista un po'diciamolo micro nazionalista Luca localista cioè
Di insofferenza rispetto a una
A un controllo a una imposizione che poi conoscete bene perché è anche diventato in qualche modo un riflesso di senso comune molto legato a come vengono visti è legge ad esempio
I vincoli i vincoli di bilancio i vincoli
I vincoli nella nella gestione finanziaria nel bilancio dello Stato
A nostro avviso questo riflesso va combattuto
Perché eh il riflesso
Diciamo una una parola forte ma non nel modo in cui viene usata di sollievo riflesso di una casta
Che però è una casta non nel senso del titolo del famoso libro di una casta che si muove e vuole continuare a muoversi fuori dal
Dal diritto
Noi come militanti radicali e quindi militanti de dei diritti dei diritto
Crediamo invece che si possa che si debba ripartire proprio dal
Dal ricorso e dà l'occasione che il diritto europeo da
Alle nostre istituzioni sia nazionali sia locali per un rientro per un rientro nella legalità quello che ci aspettiamo
Da questo incontro di oggi è quello di averi appunto delle confirmed ai nostri interlocutori degli strumenti in più
Per poi far partire
Una serie di iniziative che sono iniziative politiche iniziative
Anche legali
A seconda dei casi
Proprio in questa direzione
L'esperienza degli ultimi anni ci dice ad esempio che è tutta la questione dei dei rifiuti e
Cioè
Massimiliano Iervolino se lo ricorda sempre
A livello
Di emergenza rifiuti
Si è sbloccata proprio perché seppure con i ritmi con chiaramente la lunghezza in termini di tempi che richiedono le procedure di infrazione
C'è stato un intervento diretto della Commissione
Se la discarica più grossa d'Europa la discarica di Malagrotta è stata chiusa è stato
Ora diciamo se ne prendono il merito in molti
Ma è stato un effetto diretto dell'intervento europeo
Quindi
La messa in mora dell'Italia la procedura di infrazione la condanna
E quindi poi si è arrivati necessariamente le istituzioni hanno
Dovuto arrivare a questo a questo esito
Ci sono degli aspetti questo faceva riferimento
Genera quando ha mi ha introdotto
Su cui invece ancora dobbiamo approfondire la questione se c'è o non c'è e se si può utilizzare
Un
Un ricorso al diritto europeo per affrontare delle situazioni che sono in una condizione di di stallo totale
L'accennavo prima col professor fonde rigo alla questione della del dissesto diciamo finanziario dell'ente
Roma Capitale
è in realtà siamo di fronte a due enti perché non c'è più Roma capitale c'è ormai un vecchio comune di Roma che è una nuova Roma Capitale
Nel due mila otto è stata operata per superare una situazione mascherare una situazione di dissesto finanziario una scissione
è stato detto che in qualche modo moriva il Comune di Roma erri nasceva una Roma capitale con dei debiti azzerati
A mio avviso però su questo ancora ci si ci stiamo lavorando abbiamo chiesto
Dei pareri e dei dobbiamo approfondire la questione B questa
E rappresenta un unicum giuridico a livello mondiale
Cioè di un ente di un'amministrazione che conserva due bilanci parallelamente
E contraddice
Insomma a nostro avviso i principi fondamentali di gestione finanziarie delle amministrazioni pubbliche
Però nessuno mai lo affronta da questo punto di vista cioè nessuno mai lo affronta da un punto di vista di
Legalità per quanto legalità finanziaria un punto di vista di legalità
E quindi stiamo lavorando per portare anche questo aspetto qui anche questa questione qui su
Sul piano del del ricorso al diritto europeo
Io direi per adesso di
Di continuare ad andare avanti con con
Con mia i nostri ospiti e di vedere se funziona questa interlocuzione cioè diciamo la formula che abbiamo scelto di della presentazione di un
Di un dossier da parte di militanti dell'associazione e di una
Interlocuzione di una risposta da parte dei rappresentanti istituzionali
O accademici grazie
Siamo del proprio sulla ossia del discorso di Riccardo
Inviterei
Rita Bernardini segretaria dei Radicali Italiani
Perché la lotta della legalità e per l'affermazione del diritto come richiamava Riccardo e sarà centrale da sempre nella Agli radicali in primis l'Italia è sempre fatta portavoce a maggior ragione adesso come rappresentante del segretario i capitali italiani con ringrazio e lascio la parola
Grazie veramente quel che trovo positivo di questo convegno
è che
Non è
Il solito convegno dove si fanno molte chiacchiere ma a me sembra
Che sia un punto di partenza importante questo lo dico anche in base alle prime due relazioni che ci sono state per
Di intervenire concretamente
Piccolo appunto mi dispiace che non sia stato invitato Marco Pannella perché
Perché credo che sia stato da questo punto di vista uno dei maggiori attivo attori delle giurisdizioni non solo italiano ma soprattutto europea
Se c'è stata una sentenza Torregiani
Beh una parte del merito sicuramente quella dei radicali di Giuseppe Rossodivita delle centinaia e centinaia di ricorsi
Che abbiamo presentato per i trattamenti inumani e degradanti nelle nostre carceri
Voglio solo voglio
Segnalare un pericolo
Perché la situazione di sfascio
Della democrazia in Italia
Sicuramente ha avuto ripercussioni in Europa
Il ripercussioni credo pesantissime
Insomma se vogliamo tornare alla vecchio libero che ormai del datato del due mila undici la peste italiana possiamo ben dire oggi
Che la peste italiana
Ha preso la strada anche dell'Europa
Vi faccio un semplice esempio
Per quel che riguarda la Corte europea dei diritti dell'uomo Nouiri abbiamo in passato letteralmente ma non è responsabilità di chi ha fatto i ricorsi
è responsabilità dello Stato italiano che non è intervenuto sulle carceri per rimuovere le cause strutturali che generano trattamenti inumani e degradanti
Ma sulla giustizia in generale nulla è stato fatto e le cose peggioreranno
Per l'altra o l'altro fattore che ha sicuramente intasato l'Europa che è l'irragionevole durata dei processi e il processo ingiusto
Questo anche su questo abbiamo e i rimedi che sono stati brevi sti i rimedi anche interni
Generano altri ricorsi
Perché non sono adeguati a quello
Che la Convenzione europea dei diritti dell'uomo prevede
Quindi
Io dico che dobbiamo proseguire su questa strada
Però
Credo che dobbiamo porci il problema serio
Di che cos'è oggi a che cosa è ridotta la democrazia in Italia
Se noi guardiamo i numeri potremmo dire spettacolari
Dell'attuale Presidente del Consiglio Renzi numeri non numeri i numeri che fa in Europa back
Prende il settore della giustizia l'altro giorno l'ha nominato ma è
Totalmente trascurato
Quasi che
Renzi abbia alla convinzione che sia possibile fare riforme strutturali in Italia nel campo economico nel campo dell'ambiente eccetera su una infrastruttura
Devastata come quella della giustizia
E disegni di segnale ENI ha dati tanti
Perché
Ha preteso per esempio
Che Emma Bonino Nour ricoprisse l'incarico di ministro degli esteri ma proprio preteso
Perché il Presidente della Repubblica assolutamente però penso
A riconfermare questa personalità
Che è in grado di parlare con le diplomazie di mezzo mondo che
Insomma Emma Bonino una chiusura devo raccontare io però lui lo ha preteso
Ha nominato un responsabile giustizia
Che le prime cose che ha detto sono niente a ministeri enti indulto Gava delle nel
Decidere di non sottoscrivere i referendum radicali quella del della scorsa e state che riguardavano diritti umani che riguardavano quelli di cambiamo noi che riguardavano la giustizia
Ha detto no no no no quali referenti di referendum non vanno bene queste riforme le faremo noi il Parma
E quindi e credo che questo non sia un caso però per descrivervi come
La peste italiana ha costretto le istituzioni europee a
A cercare in qualche modo di far fronte alla realtà
E
Sono per esempio sono usciti i nuovi formulari
Dal trentuno dicembre non si possono più usare i vecchi e più semplici formulari ma per fare ricorso alla Corte europea bisogna necessariamente altrimenti il ricorso non viene nemmeno esaminato
Usare i nuovi formulari vi dico che sono molto più complicati
Dei precedenti soprattutto se pensiamo che in nella fase in cui si fa ricorso alla Corte europea non serve non è necessario l'housing io e il supporto di un avvocato questi possono
Adire direttamente all'apporto europee
Cioè di più
L'Italia dopo la sentenza pilota
Torregiani
Ha previsto i cosiddetti rimedi interni
è per cui perché i rimedi interni giurisdizionali per cui eh obbligatorio per chi è in questo momento detenuto in carcere
Prima fare il reclamo giurisdizionale al magistrato di sorveglianza
Se il quale può accogliere il reclamo
Dare disposizioni all'amministrazione penitenziaria che obbliga nel caso in cui l'amministrazione penitenziaria non intervenga è possibile fare
Il la richiesta di ottemperanza
Poi ci sono i gradi successivi fino alla Cassazione quindi
Una
Un procedimento che può avere una durata
Infinita fatti quello che stiamo
Suggerendo a chi è detenuto attualmente in carcere è quello di ASP se vicino alla scarcerazione di aspettare la scarcerazione
Perché non è obbligatorio presentare ricorso mentre sia detenuti e poi fare ricorso direttamente alla Corte europea però per dirvi
E è stato modificato il decreto carceri perché prevedeva
Un direttamente un risarcimento di cento euro al giorno ecco quella parte è stata cancellata quindi bisognerà avviare un'altra procedura per
Avere ristoro di che cosa della violazione dell'articolo tre della convenzione sotto che va sotto il titolo di tortura e cioè trattamenti inumani e degradanti
Voglio non vi ho parlato delle carceri di Roma
Forse lì andrebbe fatto qualcosa per sapere
Quanti soldi sono stati buttati al vento sul carcere di rigira Scelli cito quello in particolare
Perché di lavori
Di ristrutturazioni di sezioni camere opera la camera operatoria mai utilizzata già di soldi ne sono stati buttati tantissimi ed è sempre una struttura
è inumana profondamente inumana
E degradanti
Quindi una io lo feci con una interrogazione alla quale e di risposta fino a quel momento perché poi bisogna vedere che cosa è successo dopo perché sono queste delle
E adesso abbiamo il Ministro della Giustizia che lunedì prossimo si presenterà in Europa e racconterà
Quanto affatto
E dice vi dimostreremo che abbiamo fatto tantissimo ora quindi metto in guardia sul un fattore
Se andate sul sito
Del Ministero della giustizia trovate che effettivamente i detenuti sono diminuiti un po'siamo a sessanta anni
Ma la i posti regolamentari sono quarantotto mila
Ecco io sono convinta di una cosa approfondirò questi dati
Perché la ministra della giustizia la precedente la Cancellieri aveva già detto che rispetto ai quarantacinque mila bisognava toglierne sette mila perché erano sezioni inagibili
O per mancanza di personale o perché i ristrutturazione o perché totalmente fatiscente
Sono sicura che il loro hanno fatto la divisione di questi posti che chiamano regolamentari
Con la formula dei tre metri quadrati
Dice allora diamo a tutti e tre metri quadrati così siamo posti
E questa naturalmente è una cosa che approfondirò anche con l'ausilio mi auguro di tutti coloro
Che in carcere ci stanno
Ma non solo perché detenuti ma anche perché lavora a partire dagli agenti di Polizia penitenziaria un'ultima cosa
Voglio dire
Io credo che questi strumenti che genera devo dire con una relazione efficacissima illustrato all'inizio
Io credo che dobbiamo
è indispensabile utilizzarli anche per altri settori di violazione
Proprio dello stato di diritto e della democrazia pensiamo per esempio al sistema dell'informazione
Noi abbiamo gli strumenti che ci sono stati
Adesso non so quanto sopravviverà ancora ma insomma dal Centro d'ascolto dei programmi radiotelevisivi
Che per la prima volta analizza non semplicemente la tempistica che viene data agli esponenti politici alle forze politiche ma analizza il tempo collegandolo agli ascolti perché insomma conta intervenire alle tre del mattino
è un punto e intervenire al telegiornale di massimo ascolto insomma
E liquidati che noi abbiamo sono veramente impressionanti perché riguardano anche noi direttamente come leader politici Emma Bonino è stata trattata in un modo
Cioè stava all'ottantasette esiguo posto non adesso ma quando era Ministro degli esteri
Quindi diciamo con una visibilità che avrebbe dovuto
Essere maggiore ma qui non è una questione io ritengo dei radicali
Io ritengo che una questione
Del diritto dei cittadini ad essere informati a conoscere per deliberare
Quindi non si stanno violando solamente stiamo parlando solamente dei diritti
Alla conoscenza di quello che fa il movimento radicale no stiamo parlando del diritto
E lo si può spiegare in mille altri modi perché una rilevazione che fa il Centro d'ascolto e anche quella sui temi che vengono trattati
E prima
Il rappresentante dell'associazione trentuno luglio con il quale
Non so se direttamente con lui ma abbiamo collaborato per una interrogazione credo molto importante rispetto a quello che faceva
La questura di Roma e e il rispetto a quella balla che è stata imposta dell'emergenza a Roma
Che ha determinato delle vere e proprie schedature di massa persino dei bambini
C'è una cosa vergognosa non c'era alcuna emergenza rom in quel momento eppure è stato fatto un intervento
Così Bergoglio insomma quindi
Questo od ho citato quello dell'informazione ma c'è
Per esempio i diritti elettorali
Pochi giorni fa adesso è in fase di conclusione la modifica della legge elettorale europea ebbene
Cioè cambiano le regole del gioco quando la legge elettorale dice che è possibile raccogliere le firme
Fino a centottanta giorni prima del deposito delle liste
Allora
Siamo ben oltre i centottanta giorni e chi
Sembra che si la lista SITRA sabbia già iniziato la raccolta e ributtare a mare
Tutte le firme raccolte perché dovrà rifare le liste
Le firme vanno raccolte sulle liste dovrà rifarle perché le modalità con la questione delle quote di genere o quote rosa
Sono cambiate le regole cambieranno le regole quindi loro devono ricominciare
Veramente sono violazioni e così patenti oltre al fatto che non si possono cambiare secondo la raccomandazione di Venezia le leggi elettorali entro un anno
E dalle elezioni
Quindi noi ci troviamo in questa situazione io credo che sia una situazione drammatica e se non viene affrontata dal Governo e Parlamento guardate la legge elettorale che stanno facciamo bene
A mio avviso peggio della porcata
Di Calderoli io dico che se non
Si interviene su questo io credo
Veramente che questo Paese non possa avere speranze e gli esempi
Che faceva il rappresentante del dell'associazione trentuno luglio a mio avviso sono terrificanti
In termini di discriminazioni per basse etnica
Ha detto giustamente se ci fosse stato scritto ebrei
Vietato l'ingresso agli ebrei sarebbe successa alla fine del mondo c'è scritto vietato l'ingresso agli zingari quindi la cosa opposta ma ci ricorda credo
Tempi passati rispetto ai quali non possiamo rimanere indifferenti grazie
Allora ringrazio
Rita Bernardini il suo intervento perché
Finita sia significativo anche
Vedere come tematiche nazionali pari trovino farò
Un fulcro maggiore sfogo all'interno qual è il contesto Romano settimane li abbiamo richiamati che riguarda l'Italia intera ma in realtà a Roma trovano il loro atti sulla loro massime espressioni versione negativo ovviamente
E ringrazio anche Rita perché comunque ricordato che in questo nostro convegni e realtà siamo diciamo in un punto di inizio della nostra iniziativa per cui cerchiamo un confronto iniziale per poi poterci muovere con degli strumenti concreti quindi non soltanto far sì che le parole che vengano dette qui oggi rimanere in questa sede
Ma che con alcuni strumenti che abbia visto all'inizio e che vedeva grazie all'aiuto degli altri interlocutori poi
Cercheremo di portare avanti delle azioni concrete per cui noi militanti se vogliamo eradicare il nostro
Piccola ma il nostro grande la passione ci siamo studiati ritenni ci appassionano a questi temi poi anche attraverso l'aiuto di esperti esterni cerchiamo un confronto europeo per poi portare avanti delle azioni che sarà anche successive a questo convegno
E proprio a questo riguardo introducono Maria Laura turco che appunto la nostra
Iscritta ai militanti oltre a essere un avvocato
Che avrebbe acuto diciamo l'interlocutore non professioni Fiandre renda che purtroppo per l'impegno a Bruxelles insomma
Non potrà in questa sede proprio risponderei dal versante europeo e rispetta le tematiche si illustrava Maria Laura ma che comunque insomma ci aiuterà anche in futuro operazioni più concrete
In realtà noi l'abbiamo rivolto a tutte le nel senso invito informa è stato più per cercare di
Portare qui persone e che anche dopo il via questo convegno ci aiutassero a scrivere una procedura di infrazione a scrivere una petizione per cui
Tradotte personalmente
Diciamo sì tecnici nel settore professori Diritto dell'Unione Europea docenti di diritto costituzionale
Insomma si danno anche un po'di mio impegnati ad aiutarci come diceva appunto al di là del convegno in senso proprio a coi nella parte che tecniche praticato entrante azione post convegno
Marco Oriente esternazione senza solo di radicali della Marco
E qui la ritardata anche vita come paga presentante radica italiani quindi Pagnani invita viaggiato a tutti i membri di tutte le associazioni radicali e non solo quindi strettamente
Grazie
Allora interrogo Maria Laura turco
Allora vado anch'io comincio dall'inizio e quindi cominciata dai padri fondatori del federalismo europeo quindi inizio con una
Riflessione di Ernesto Rossi in capitalismo inquinato
Scrive Ernesto Rossi il libero mercato non è uno stato di natura la libera concorrenza e la libertà di accesso al mercato
Sono situazioni perennemente a rischio che devono essere create e mantenute da apposite regole il cui rispetto deve essere garantito da organi pubblici dotati di poteri penetranti di vigilanza sanzione
Allora la mia relazione sarà per l'appunto sulla libera concorrenza in particolare sulla direttiva Bolkestein che poi illustreremo
Allora nei Trattati di Roma del mille novecentocinquantasette all'articolo quarantatré del Trattato della Comunità europea che ora trattato nell'articolo quarantanove del prezzo del Trattato sul funzionamento delle Comunità europea
Sancito il principio della libertà di stabilimento dei cittadini c'è la libertà di stabilirsi in ogni in ciascun paese dell'Unione
Da questo deriva la libertà anche di svolgere il lavoro salari AATO autonomo poco in forma societaria in qualsiasi Paese del dell'Unione
L'articolo cinquanta del trattato sul funzionamento della Comunità europea indica
Che per realizzare la libertà di stabilimento in una determinata attività il Parlamento europeo al Consiglio deliberano mediante direttive proprio in applicazione di questo principio abbiamo alla direttiva del commissario europeo Bolkestein
Creda se la direttiva numero due mila sei centoventitré Comunità europea approvata all'unanimità dalla Commissione europea
E nel
Il
Nel due mila sei e quando all'epoca era presieduta da Romano Prodi e al termine di attuazione di questa direttiva della Bolkestein è stato fissato al ventotto dicembre due mila nove
Allora la direttiva all'articolo dodici che è quello che stiamo esaminando prevede qualora il numero delle autorizzazioni disponibili per un'attività sia limitato per via della scarsità delle risorse naturali
Gli Stati membri applicano una procedura di selezione che presenti garanzie di imparzialità e trasparenza e preveda pubblicità della procedura in tali casi l'autorizzazione rilasciata per una durata limitata adeguata
E non poco prevedere procedure di rinnovo automatico né accordare vantaggi al prestatore uscente o a persone che abbiano con lui particolari legami
Tale normativa abbia fonte primaria del diritto italiano può riguardare quindi situazione di varia natura quindi non so ad esempio le concessioni di attività di book shop o di ristorazione all'interno dei musei
Oppure soccorre Edouard dare
O di parchi
Oppure attività ricreative relative attività sportive possiamo pensare barconi ancorati sul lungotevere e cioè tutte quelle attività di impresa che vengono svolte in una
Lodi diciamo così strategici magari
Dal punto di vista naturale non so per esempio anche la gestione dei parcheggi o
Non lo so la gestione perché oggi ad esempio nel porto turistico di Ostia possiamo
Noi comunque in particolare ci siamo occupati prima di tutto delle concessioni balneari in particolare quindi quelle del del litorale romano quelle di Ostia
Diciamo questo settore Ciani interessato più degli altri e proprio perché in questi luoghi è risultata particolarmente pressante l'infiltrazione dei poteri criminali finanche mafiosi e camorristici
E come varie inchieste hanno dimostrato e stanno dimostrando stanno facendo venire alla luce
Allora diciamo che è noto che Vito Triassi anche a un appartenente alla cosca agrigentina Caruana anzitutto un treno era di Siculiana Vito Triassi
Questa questa cosa questa famiglia diciamo è particolarmente attiva nel traffico della droga con il Venezuela nell'asse malati a Roma
Ed è legata all'attardare apporti anche di parentela perché Lele figlia di Vito Triassi hanno sposato minimi Caldarella tra famiglia insomma del
Sempre dell'agrigentino
E e quindi questo Vito Triassi diciamo che è un po'il luogotenente a Ostia di questa famiglia mafiosa rappresentante di Cosa Nostra Ostia e e Luigi è giunto diciamo a patti con
La famiglia di Carmine Fasciani che fosse ricordate Amato esponente della Banda della Magliana
E si sono prima fatti la guerra lì sul suo Ostia quasi come attiravano forse troppo l'attenzione delle forze di polizia dei media sono giunte ogni a dei patti di non belligeranza
E quindi diciamo questo è tutto così so che è risultato dall'operazione nuova alba avviata diciamo perché avviata che ha dato luogo a
Cinquantuno arresti all'alba del ventisette luglio del due mila tredici e la
L'operazione è stata svolta in una in contemporanea dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria quindi dal Pubblico Ministero dottor Pignatone e dalla Procura la Procura della Repubblica di Roma nella persona della dottoressa Ilaria Fano
E appunto si è giunti all'arresto di queste cinquantuno persone e al sequestro e di di varie attività per centinaia di milioni attività soprattutto coi chioschi che troviamo a Ostia con e le concessioni degli stabilimenti balneari
è di questi giorni perché è uscito su i quotidiani il cinque marzo
E che mentre la squadra mobile della capitale nel luglio del due mila tredici sequestrava alcuni vale stabilimenti balneari di Ostia che erano ritenuti diciamo che era di diretta gestione di di Carmine Fasciani
Il clan andava in gestione rami di azienda a delle Società destinatari del proprio alcuni rami d'azienda delle sue perché sono varie le le società che aveva messo in piedi azzurra e a no attraversa non ricordo i nomi
E che faceva dava in una gestione rami di azienda di queste sue società a imprese per di teste di legno che facevano diciamo riferimento Sempre a clan Fasciani
E questo qui è avvalendosi della normativa del della legge Monti
Che consente di aprire delle
Società Informatica S.r.l. anche con un solo euro per sono società giovanile insomma composte da
Da ragazzi
Allora diciamo che in questo territorio che quindi spesso ha fatto da scenario guerre di malavita ne abbiamo concentrato il nostro principale intervento
E nella lotta impari con le istituzioni che sono spesse stesso vincolate dalla burocrazia ma soprattutto dalla partitocrazia abbiamo deciso di ricorrere all'Europa per reclamare la legalità
Allora in applicazione della normativa europea in particolare della direttiva Bolkestein le concessioni demaniali delle spiagge italiane per gli stabilimenti balneari dovrebbero essere di durata limitata
Oggetto di un bando con procedure ad evidenza pubblica europea alla scadenza temporale di ogni concessione e dunque è fatto divieto di rinnovo automatico e non possono essere accordati vantaggi
Ai concessionari uscenti e prestatori uscenti
E quindi questo qui gli affetti di questa direttiva Bolkestein di queste previsioni ripercuotono sul pubblico solo sui cittadini perché la procedura di liberalizzazione produrrà senz'altro un contenimento dei prezzi
E soprattutto un adeguamento agli standard europea i più evoluti
Dei servizi insomma le sorti dei servizi che vengono offerti al
Dallo stabilimento al pubblico
E nel febbraio del due mila nove la Commissione europea
A ha avviato una procedura di infrazione la numero due mila otto del quattro e numero quattro mila novecentootto
In relazione all'incolpato l'incompatibilità del sistema di attribuzione delle concessioni demaniali marittime con il cosiddetto diritto di stabilimento di cui all'articolo quarantatré che vi dicevo prima
Quindi non e in base alla direttiva Bolkestein perché all'epoca non era ancora
è diventata di attuazione perché l'attuazione abbiamo detto che era a dicembre del
Due mila otto del due mila nove ma inizialmente la procedura di infrazione è stata avviata perché la
La legge statale contro che in particolare il Codice della navigazione contravveniva no alla normativa europea l'articolo quarantatré del Trattato della Comunità europea
E venivano contestati in particolare appunto questo articolo trentasette che riconosce delle Codice della navigazione che riconosceva il diritto di insistenza cioè vale a dire la
La preferenza che viene accordata al concessionario uscente
E l'articolo dieci di una legge del due mila uno la numero ottantotto che aveva previsto rinnovo automatico al concessionario precedente di sei anni in sei anni quindi
Non si faceva nessuna gara e ma semplicemente di aveva già in concessione
Se non c'erano motivi di dire cadenza di sei anni in sei anni vedeva rinnovata automaticamente la sua concessione anche agli stessi prezzi
Che pensano qualcuna vedremo sono delle tariffe assolutamente fuori mercato e si parla di una euro al metro quadrato insomma
Qualcosa di ossa
Lo Stato italiano diciamo che attentato di adeguarsi alla normativa comunitaria e col decreto milleproroghe è stato convertito in legge nella legge numero venticinque del due mila dieci
A abrogato l'articolo trentasette del Codice della navigazione quella sul diritto di Anzio di insistenza ma ha fatto salva
La norma sulla sul rinnovo automatico
E quindi diciamo la Commissione europea non appena gli è stato notificato il provvedimento ha inviato un'ulteriore nota
Quindi con un ulteriore messa in mora questo qui è avvenuto il non cinque ma cinque maggio due mila dieci per cui l'Italia è stata costretta a intervenire nuovamente approvando la legge duecentodiciassette del due mila undici
Che ha finalmente abrogato le norme sul rinnovo automatico
Con la stessa legge ha disposto però la dà la la proroga delle concessioni in scadenza quindi quelle attualmente scadenza al trentuno dodici due mila quindici
E ha delegato il Governo affinché entro quindici mesi con un decreto legislativo
Rio provvedesse al riordino della legislazione relativa alle concessioni demaniali marittime secondo i criteri dei delle norme comunitarie secondo i principi comunitari
E quindi per questo motivo la procedura di infrazione è stata chiusa lì il ventisette febbraio del due mila dodici
E diciamo che a seguito in seguito alla legge quella che dicevo prima duecentodiciassette del due mila undici è intervenuta questa altra legge di conversione del decreto sviluppo e alla legge numero duecentoventuno del due mila dodici
Che è stata emanata appunto durante il Governo Monti che ha introdotto la proroga delle concessioni demaniali marittime
Che prima con la legge precedente erano state prorogate quindi ai concessionari attuale al trentuno dodici due mila quindici questo decreto sviluppo e quindi la legge di conversione al trentuno dodici due mila venti
E diciamo che quindi la legislazione statale e non fa altro che aggirare violato ultima violare il principio della libera concorrenza che è tutelata dalla normativa comunitaria so ripeto insomma in danno dei cittadini e degli utenti
Possiamo dire che le spiagge di Ostia da oltre trent'anni sono gestite dagli stessi concessionari io avevo scattato una foto però dimenticato stamattina riportarla di fronte al ristorante dello stabilimento e il mensa
C'è scritto un altro nome donare non so che cosa e poi una scritta gigantesca che dice siamo sempre noi da oltre trent'anni quindi un'autoaccusa
Mi spiace che non lo ha portato
Tante pressante di questi giorni la notizia che il dieci marzo il gruppo del PD alza in
Do ha incontrato operatorie tecnici del settore sul tema le concessioni demaniali marittime ritti mette la legislazione italiana e legislazione europea
Il dodici marzo i maggiori sindacati di categoria che sarebbero la Sitcom marcio lasciami a balneari FIBA Confesercenti oasi Confartigianato e la sua balneare di Confindustria
Sono stati ricevuti da una delegazione del PD e successivamente da una delegazione del né tutelando nuovo centrodestra
I rappresentanti dei balneari hanno concordemente sostenuto la necessità di una riforma organica del comparto che assicuri continuità certezza delle attività balneari oggi operanti
Riconoscimento del valore commerciale dell'impresa l'equilibrio dei criteri per il calcolo dei canoni demaniali
Il PD
In risposta nel comunicato che a seguito di un contratto precisato che i punti centrali del percorso normativo che il partito intende sostenere sono dare certezze normative alle imprese balneari affinché le stesse possano fari Investimenti creando nuovi posti di lavoro
Pieno riconoscimento normativo al valore commerciale dell'intesa riordino dei canoni demaniali delle concessioni balneari
Rame riteniamo che l'argomento della creazione dei posti di lavoro sia demagogico perché anche se vengono rispettate le norme comunitarie ci fosse un avvicendamento di altri gestori
No non mi sembra che si possano perdere posti di lavoro ci ha
Stabilimento sta lì non è che deve essere lo stesso concessionario e quindi diciamo che ne dovremmo non dovremmo essere attratti solo questi parametri finanziari ma dovrebbero dovremmo essere attratti e parametri dei diritti insomma
Sappiamo che delle posizioni del nuovo centrodestra sono state pure favorevoli alle richieste delle imprese del bar mediante l'imprenditoria balneare per cui siccome le maggiori confederazioni balneari hanno espresso soddisfazione dall'incontro avuto
Se loro esprimono soddisfazione forse ne dobbiamo con cominciare a preoccuparci e stare allerta diciamo che quindi ancora una volta la partitocrazia si mostra unità nella spartizione della cosa pubblica nel favorire la categoria dei balneari raggio danneggiando
La la libera concorrenza soprattutto
In aperto disprezzo dei principi comunitari
Ok
Allora gli agganciandosi alla discorso che ha introdotto adesso Maria Laura io chiamerei il professor von le ricordo Nissan noi
Da parecchi giorni
Daniela
Di quale professore di di diritte relazione del dei servizi pubblici verso all'Università LUISS di Romano anche autore del libro o il Comune regolatore
E l'abbiamo invitato qui oggi perché appunto la riteniamo una voce tra le più esperte riguardanti i servizi pubblici è un tema per me molto caro
Prodotto perché con l'associazione radicali Roma abbiamo accertato ma che ci stiamo avvicinando a questo tema e cerchiamo di approfondirlo sempre di più
Io farei soltanto una brevissima introduzione alla professor famelico per coi lasciargli spazio visto alle sue competenze
Perché appunto diceva un tema che
Né in quanto associazione radicali Roma organizza da trattare da diverso tempo ma in maniera più approfondita
Recentemente dopo tutto durante l'ultima Assemblea
In cui ci siamo presentando una serie di diciamo di dossier appuntate e riguardo quelle che sarà quella che è la situazione delle società municipalizzate di Roma
E mi riaggancio discorsi Maria Laura proprio perché lei diceva riguardo agli stabilimenti di Ostia che dopo vent'anni ne fanno un vanto il fatto di essere sempre gli stessi come un fattore di qualità
Ora questo riguarda un po'anche le società municipalizzate di Roma nel senso che sano al anche da più di vent'anni sempre le stesse il che nel senso a prescindere da un giudizio potrebbe in giudizio poi di dissetarsi essere per la privatizzazione o per mantenere mano pubblica questi tipi di servizi c'è comunque una legislazione dietro che in realtà
Dovrebbe prevedere l'obbligo di gare di evidenza pubblica per quanto riguarda l'assegnazione di questi i servizi
Ricordiamo che poi ci sono diverse tipologie di servizi pubblici quelli considerati essenziali che era alta ricoprono solo il trenta per cento di quelli attualmente in uso e quelli non essenziali che invece sono il sessanta per cento
E oltre il sessanta per cento del debito allora nel caso ad esempio il Comune di Roma viene proprio da questa società municipalizzate che non svolgono servizi l'ansia di essenziali universali
E nonostante questo quindi non si rispetta la legislazione nazionale di settore che invece prevederebbe l'obbligo di gara o quanto meno di analisi da chiama l'analisi di mercato in cui appunto
Ci dovrebbe essere una sorta di indagine all'intera mercato per far sì
Che si che si possa capire chi è il migliore esercenti determinato servizio
Attualmente diciamo il dato più eclatante è quello qualche riscontro il cittadino spesso nei confronti di questi servizi il quale si vede perennemente insoddisfatto e e soprattutto
Già si vede ulteriormente indirettamente insoddisfatto perché è sempre lui a doverne pagare di tasca propria le conseguenze di questa maratona sessione
Perché appunto ricordiamo che il debito che accumulano queste società municipalizzate va poi automaticamente ricadere sul cittadino attraverso le tasse che ci veniva stesso paga
Ora
Il ponte
è fondamentale secondo me ha sta anche nella gestione di queste società nel senso che il Comune oltre esserne per almeno trenta società
Il proprietario per il cento per cento per oltre poi quasi cinquanta società ha comunque forme di partecipazioni minore il Comune ne non soltanto il proprietario manchi il regolatore e controllore
Quindi automaticamente capite che una gestione del genere risulta difficilmente efficiente nel nostro caso evidentemente inefficiente
E per cui diciamo anche il nostro scopo sarà di tirar fuori un aspetto di questo tema che poi possa essere portata all'attenzione europea per poter cercare di toglierci da questa situazione di stallo che va avanti data
Da decenni no hai in quanto associazione abbiamo sollevato casi un pochino più eclatanti come quello di far ma calcolato in cui una società che gestisse delle farmacie comunali
E nel settore del privato le farmacie è uno dei pochi settori che si è sempre dimostrato in positivo comandamento nel caso di farmacie comunali questa Società investi risulta essere indebito
E per di più con a una nuova strategia di ricapitalizzazione di circa quindici milioni di Euro ripeto tanto e poi aspetti gli stessi cittadini
Quindi capire con settore che è il privato in questo caso specifico ovviamente non in generale per tutti i tipi di servizi però
Essendo questa una delle società di partecipazione pubblica
Si è dimostrata ancora una volta più inefficiente rispetto al settore privato paesano più eclatanti casi come attacca o Amato è stata inviata identica ammontano a oltre ottocento milioni di euro verbali
Pure di più attualmente
E con una qualità del servizio ovviamente nettamente inferiore alla pure dei delle spese che vengono affrontate con poi situazioni paradossali come quella che si sta verificando e recentemente in cui addirittura non ci sono i soldi per pagare gli stessi autisti
Tutto ciò al netto di
Circa cinquantotto mila dipendenti comunali di cui oltre dodici mila sono di Arpac quasi dieci mila sono di Hamas
Tutto questo è solo per dirvi che diciamo quello che vogliamo fare emergere la gestione di servizi pubblici e che ci possano essere sicuramente forme alternative o forme di gestione più efficiente rispetto a quelli che si sono riscontrati fino adesso
E per far questo insomma chiediamo anche l'aiuto e l'intervento della professor fa le dico che mia mozione
Grazie grazie a voi per l'invito
Sì cercherò semplicemente di condividere con voi qualche conoscenza di questa materia che ovviamente non vuol dire
Saper cosa fare non perché c'è questa distinzione
Tra se volete della appunto la semplice conoscenze può invece quella saggezza che dovrebbe guidare la politica Bernardo Dal che la mia personale diffidenza dei tecnici e politici politica che penso sia condivisa in questo in questo contesto
Io vorrei evitando pensano di di adottare un così un paio troppo tecnico
Vorrei per prendere spunto dalla vicenda così ultima molto vicina nomino delle condizioni dei conti del Comune di Roma
E dalla frase che aveva pronunciato il Sindaco e tempo rimbalzata su tutti i giornali
Vale a dire che avrebbe
Bloccato mi sembrano bloccato la fitta se non fossero arrivati dei nuovi fondi per reati garantire la gestione corrente
E al di là dell'intenzione del Sindaco che non sono qui a discutere però qua mi aveva colpito guardando al cittadino cioè pensare che
Il Sindaco che effettivamente li parlava un po'in un doppio ruolo cioè come amministratore
Che presiede la
L'organo che regola la convivenza no nella città e probabilmente anche come
Nel vertice di un anno apparato imprenditoriale
Che comprende decine di migliaia di diritti pendenti e attività produttive di beni e servizi quindi evidentemente aveva questo doppio ruolo
Poteva prospettare cittadini che ove questa pratica editoriale si fosse fermato la vita della città si sarebbe bloccata
Quindi
Come se appunto non ci posso alternative
E allora
Forse la domanda vale la pena facciano perché se
L'attack si dovesse bloccare perché ha dei problemi aziendali
Perché l'Ama no se si dovesse bloccare riforme aziendali quel tipo di attività non sarebbe più svolto da nessuno
I cittadini resterebbero con la immondizia per le strade e non non avrebbero alternative altri mezzi pubblici per potersi recare al lavoro questo è un punto che diamo per scontato siamo abituati dare per scontato ma che forse
Scontato non è
Probabilmente
Nessuno di noi ha tenuto che esse Alitalia
A suo tempo avesse improvvisamente cessato noi Rigoni perché privo ormai della liquidità necessaria per far viaggiare ieri nell'arco di
Due o tre giorni forse tutte le linee non sarebbero state rimpiazzate da altri imprenditori
In effetti
Esistono delle ragioni giuridiche che appunto non un credo sia il caso di approfondire per comunque per le quali
Ignari massima questi servizi pubblici locali
Sono consentiti nell'esercizio solamente a ad un soggetto che poi coincide con l'impresa che viene selezionata dal Comune potrebbe essere anche un'impresa privata non non cambia molto dal modo all'impresa che selezionato dal Comune
Queste ragioni sono alle volte scritte nelle norme per esempio mi rifiuti ancora oggi nella raccolta di rifiuti urbani ancora oggi
Esiste una
Normali serva di attività per il Comune presso i concessionari si può discutere se sia ancora efficace ma comunque esiste
In altri casi invece non sono scritti neppure norme norme di legge per esempio nel caso delle il servizio trasporto pubblico locale non c'è scritto da nessuna parte che non ci possono essere altri
Altri soggetti che svolgono l'attività e in effetti se ci pensate qualche cosa
Sì Foscolo Gemelli in concreto no perché pensa dei servizi diciamo più turistici tra l'altro ve ne siete occupati anche molto efficace fin qui a Roma
Come si chiamano le carte dei servizi di tran tran tran mosso open e
E concorrenti era Roma che essi hanno anche un concorrente un po'particolare perché in
Diciamo operava in avvalimento diciamo così con con il Comune e e comunque a Bari e altre società che essa che forniscono
Che forniscono questo servizio credo stimolata proprio dal vostro dal vostro
Non ci si potrebbe chiede ma così come
Esistono le palline con le fermate per questi servizi turistici a questo punto vedono una pluralità di soggetti che che forniscono il servizio cosa impedisce
Che ci sia uno stessa una stessa alternativa anche per il trasporto invece non turistico ma che comunque pur sempre un trasporto collettivo nell'ambito della della città
Allora
Terrei per ora fermo questo interrogativo e passerei al secondo al secondo aspetto che è sempre legato alla vicenda del Comune alle difficoltà finanziarie in cui si trova
Voi facevate l'esempio delle farmacie comunale che effettivamente vistoso no dice ma insomma da che mondo è mondo
Una titolo per l'esercizio una farmacia vale da solo
Semplicemente perché fornisce una rendita sicura e quindi viene commerciato a prescindere poi dal valore del del della struttura aziendale in quanto parte no quindi è possibile che si riesca a perdere persino su questa attività
Ma io dico che quando i Comuni iniziarono a appunto municipalizzate questa del termine che fu utilizzato
Attività come i trasporti pubblici locali o o anche la raccolta rifiuti B erano convinti tra le altre cose guadagnarci
Perché era un'attività
Private
Che venivano erogate con l'idea di fare profitti
E comune tra i vari motivi che in genere avanzava per decidere un match validazione vi era anche quello di poterci guadagnare
Guadagnare qualche cosa
Allora
Se queste attività come abbiamo detto future fruiscono anche di un di un monopolio perché
Per il per le farmacie comunali non fruiscono importi non sono in linea di massima sono in concorrenza con altre farmacie
L'attacco non ha concorrenti
Lama non ha concorrenti gli unici concorrenti sono quelli che vanno un po'frugare nelle nell'immondizia no per Roma fare la differenziata in modo artigianale
E
Come è possibile che permettano no su un'attività che muove ogni giorno centinaia di migliaia di cittadini
Che prendono i mezzi
La risposta potrebbe essere banale potrebbe beh insomma perché il prezzo del servizio è stato fissato
A condizioni non non di mercato il biglietto non dovrebbe costare un euro e mezzo
Però
Già qui c'è un po'un possibile
Indico perché va beh
Non dovrebbero saper ma insomma quanto dovrebbe costare
Qual è il costo del servizio che non è incorporato nel prezzo che comunque non pagato nel pagato con la fiscalità generale
E allora non sarebbe giusto
Sapere anche questo non quale sia la componente di prezzo non pagata perché se il cittadino
Sapesse che il suo viaggio al mattino non possono realmente sommaria taluno sta pagando non citato quattro quattro euro quattro e mezzo forse sì comincerebbe a domandare si l'autobus non abbiano taxi un'alternativa non perché tutto sommato
Potrebbe anche farsi questo dubbio lo stesso per il mercato invece dei
Dei rifiuti della raccolta dei rifiuti
Non li assistiamo
Al di là di qualunque considerazione su ciò che è emerso
Ovviamente dovranno essere o per fatti
Tutti gli accertamenti sulla
La gestione Lazio del
Nel settore dei rifiuti
Però assistiamo a un fenomeno soprattutto alcune Regioni assolutamente singolare c'è uno squilibrio
Stabile
Nel tempo sembra senza rimedio tra domande offerta di certi servizi
Non si comprende come sia possibile che
Per decenni ci sia uno squilibrio stabile di
Non so domanda di servizi di trattamento gestione stoccaggio dei rifiuti e dall'altra parte l'offerta e servizi al punto che rischiamo sempre di cadere in emergenze
Non diverse da quelle che hanno affrontato altre Regioni non sappiamo bene che il Lazio non è molto distante da parlando con la situazione
Allora
Questo per dire che
Rispetto a servizi pur gestiti il monopolio
E che quindi dovrebbero idealmente produrre profitti o quantomeno essere in equilibrio
Assistiamo invece a una situazione in cui la gestione pesantemente deficitaria nasconde tutta una serie di costi
Allora alla conoscenza dei ricordi coloro che ne fruiscono e che comunque li sopporta in un modo o nell'altro se non direttamente con l'acquisto poi con la fiscalità
E che fino ad oggi questo questo fenomeno è stato per lo più
Affrontato
Con una domanda di fondo in sé semplice ma insomma alla fine è meglio una gestione pubblica di queste attività come per lo più adesso o dobbiamo rivolgerci a privati assumendo che i privati siano siano più efficienti
C'è stato anche un referendum su questo punto e ha dato un responso che giusto o sbagliato che fosse stato abbastanza netto sembrerebbe che il
Come ha già una grande maggioranza degli elettori non abbiano fiducia particolare nelle capacità di efficienza del privato probabilmente ha ragione perché si immaginava un privato che non faceva il privato con le sue risorse ma semplicemente un privato che sarebbe andato a gestire
Un'antica pubblicano quindi si sa bene che in queste circostanze
Il privato è molto attento al proprio ritorno ma non necessariamente no al al bene dell'azienda pubblica che va gestito
In effetti se ci si vuole solo domanda se sia meglio una gestione pubblica o privata si deve riconoscere che probabilmente
Rispetto a queste situazioni che stiamo affrontando non cambierebbe molto
Passare dal pubblico al privato
Queste entità aziendali che gestiscono servizi servizi locali sono per una serie di ragioni giuridico ormai delle dei complessi stabili
Di beni e personale che non cambieranno alcun modo secondo che la gestione sia pubblica e privata
Se anche si decidesse domani di affidare la gestione dei rifiuti a un'ora soggetto privato no comunicare ha scelto con gara
In realtà questo affidamento riguarderebbe solo la testa
Perché tutto il corpo delle infrastrutture veemenza
Dei saperi del personale del contratto collettivo applicato e tutto quello che si porta con sé passerebbe tale qua
Con tutti i vincoli che derivano da
Anche norme lavoristiche che si attende e lo stesso succederebbe per
Il trasporto pubblico locale o per qualunque altro servizio potremmo anche immaginare ogni struttura possa essere un po'più attento alla
Diciamo limare
Scavare dove può in tutti questi spazi manco ad ogni modo si troverebbe una situazione che
Per la quasi totalità se intangibile
Laddove la normativa degli ultimi anni ha provato a intervenire su questo settore anche con tanti altri strumenti pubblico privato che sia
Se voi prendete leggi che si chiamasse finanziarie o di stabilità
Decreti vari
Correttivi trovate ormai è un quantità di
Di norme che riguardano le società a capitale pubblico no
In particolare quelle gestite dagli enti locali perché assumendosi che siamo per lo più gestite male che producano
Sprechi di risorse ci si è posto il problema di contenere questi sprechi e di vincolare il più possibile a comportarsi come se fossero dell'amministrazione pubblica perché poi questa è stata la scelta di fondo
La strada che si è intrapresa da ultima negli ultimi anni anche quella di assimilare il più possibile la gestione dei conti di questa società quella degli enti ai quali esse fanno riferimento no con il consolidamento
Dei conti le amministrazioni dovrebbero tener conto del personale di queste società anche come se fosse loro personale ai fini dei vincoli del patto di stabilità lo stesso per i debiti
Si è arrivati da ultimo di passo in passo alla pronuncia della Corte di Cassazione
Poche sempre pochi mesi fa Tessari ha da dire ma insomma alla fine queste società è come se fossero
Un pezzo dell'Amministrazione non non c'è più quasi neanche la separazione giuridica tant'è vero che si sta ridiscutendo persino di tornare al vecchio modello
L'azienda speciale
Giustamente se il modello societario ormai piegato in tutto e per tutto ha ragione alloggi pubblicistica meglio torna azienda speciale un ente pubblico economico
Che di suo si porta appresso un bagaglio di regole pubblicisti naturalmente pubblicisti
E arrivo così a al punto
Se non valga la pena a questo punto
Provare un'altra strada
Quantomeno tentare sperimentarla non è detto che si razzola vincente ma
Potrebbe essere utile sperimentarla mi chiedo dobbiamo sempre ragionare sull'unicità del gestore al quale voi affidare il servizio dovrà scegliere combinare senza gara a pubblico privato che sia
O forse occorre fare un passo più coraggiose
Rimettere ai singoli cittadini la scelta del loro fornitore del servizio
Aprendo quindi l'accesso al mercato a tutti coloro che ritengono di poter accedere a condizioni vantaggiose concorrenziali
In certi settori non ci sarebbero problemi particolari affannano mentre il settore infrastrutturale non so per fare una metropolitana difficile immaginare di creare più reti metropolitane Roma riesce a malapena diciamo a farne una quindi probabilmente
Più di una sarebbe difficile ma
Per esempio nella raccolta dei rifiuti non ci sono impedimenti economici no a che
Ciascun cittadino
Magari paghi una parte dei servizi cosiddetti indivisibili perno spazzamento delle strade per
Raccolta dei rifiuti nei cestini ma poi per i propri rifiuti
Si munisca di un contratto con l'impresa autorizzata rilevata raccoglie nelle forme che questa impresa inventerà
Premesso che porta a porta potrebbero essere delle campane particolari per le strade insomma questo poi sarebbe un compito dell'imprenditore un servizio un compito di un Consiglio comunale
è da pensare che imprenditori di questo tipo sarebbero estremamente attente anche dall'alto così per così dire a valle dei loro rapporti c'è una volta raccolti rifiuti che cosa ci fa
Qual è il modo migliore per gestirlo
E allora per gestire meglio come li devo raccogliere che tipo di comportamenti virtuosi devo incentivare dal lato di che nelle conferisce
E lo stesso si potrebbe immaginare in alcune città di altri Paesi già si sta sperimentando da qualche tempo e l'esito non è così negativo per i trasporti pubblici locali
C'è sicuramente un problema di concessione in uso delle strade non si può immaginare che non
Magari un numero illimitato di licenze per svolge l'attività di trasporto pubblico su gomma ma questo non impedisce che ci possono essere un buon numero di d'impresa
Ne impedirebbe al Comune di preoccuparsi di garantire quello che il cosiddetto servizio universale notte ci sono delle zone dove
La concorrenza del mercato non riescono a garantire un servizio minimo adeguato l'esigenza collettiva i Comuni in quel caso può intervenire attribuendo degli
Forme di contratti di servizio in cui diceva lì vorrei che comunque in collegamento arrivi anche se non
Se non remunerativo perché proporlo sopporterà quella collettività con con le risorse pubbliche però questo consentirebbe di distinguere
Quello che il costo di un servizio effettivamente pubblico è quello il costo dell'inefficienza che probabilmente
è molto più elevata mondi in quanto riusciamo già percepito
Ora
E concludo
Il diritto europeo dice aiuta e tutto questo è un possibile una possibile leva per per sperimentare questo genere di soluzioni
Sì non lo è in termini strettamente vincolanti perché i servizi locali con poche eccezioni sono stati
Sino ad oggi dei
Diciamo non oggetto di normativa derivata europea
C'è qualcosa sul trasporto pubblico locale ma diciamo per lo più non incide sulla libertà di scelta da parte delle singole amministrazioni su come organizzare il servizio però il diritto europeo
Ci impone tutta una serie di obblighi di
Di di trasparenza non è di di di analiticità nelle decisioni
Che effettivamente potrebbero portare a ripensare la scelta di fondo che finora è stata fatta
E anche potrebbero indurre una maggiore consapevolezza su quelli che sono i costi di queste scelte
Per esempio distinguendo quello che per l'appunto il costo del servizio pubblico in quanto tale cioè di quel servizio che non sarebbe svolto se non ci fosse l'Amministrazione a pagarlo
Da invece quei costi ulteriori che abbiamo visto per lo più di pendono dalle inefficienze dei gestori dal fatto che
E il comune non riesce a svolgere bene questo doppio ruolo di
Regolatore di proprietario dell'impresa che dovrebbe
Regolare io ringrazio in questo
Ringrazio il professor quando dico
Sanare anni di
Mica interamente
Su il tema della trasparenza che richiamava adesso il professor fabbrico faremo un intervento dopo la pausa adesso interverranno
La figlia noi Jervolino e l'onorevole deputato europeo Nicola Rinaldin
Dopo il loro intervento vi ricordo che faremo una breve pausa
Condono riprenderci un attimino e per poi proseguire qua degli interventi nella seconda parte
Adesso lascerò la parola alla signora Jervolino che appunto
Sipario militante radicale
Ormai esperto fu nell'ambito dei rifiuti grazie
Grazie
Anch'io prima di intervenire
Sulla questione specifica del quella
Inerente al ciclo dei rifiuti a Roma ma anche nel Lazio voglio fare due piccole premesse anche rispetto
Quello che è l'importanza di questo di questo convegno come viene
Fuori l'idea di organizzare questo convegno e quindi di attivare
Queste procedure che ora tenteremo nei prossimi giorni di mettere nero su bianco innanzitutto ha detto che noi abbiamo
Ideato noi soggezione di Galileo ma abbiamo ideato questa iniziativa perché
Abbiamo un bagaglio culturale molto importante rispetto a queste problematiche rispetto a questi strumenti un bagaglio culturale che ci viene da Marco Pannella tema Bonino De Rita Bernardini
E da altri leader nazionali più comunque prima di nuovi si guardi le questioni
Tra cui quelle della giustizia quelle delle carceri hanno già
Hanno già posto dei problemi nazionali al di fuori dei confini e questo non è un qualcosa di
Che va sottolineato perché questo una battaglia radicale che va avanti da tantissimi anni
Altra questione che ci ha portato ad organizzare
Questo convegno al perché c'è stato a Roma proprio un caso pilota che andrebbe studiato e che andrebbe più volte sottolineato
Il caso pilota è quello proprio della discarica di Malagrotta
La discarica di Malagrotta vecchi no-global sapesse una invaso che insiste nella Valle Galeria di più di duecento ettari
Che ha avuto una vita di oltre trent'anni
E che i vari sindaci di Roma i vari presidenti della Regione Lazio che si sono succeduti hanno più volte
Dichiarato di voler chiudere però intanto cosiddetto tavole di Roma cresceva sempre di più in altezza
Perché è un caso pilota perché negli anni
Come ho detto prima appalti le dichiarazioni la vita del mille invaso di mali o Cerroni andava avanti fin quando
Né i cittadini del luogo della zona hanno capito hanno avuto la bravura di capire che l'unica strada per intervenire su quel disastro ambientale in corso era la Commissione europea
Che cosa hanno fatto hanno iniziato avere una corrispondenza con il commissario europeo dove ogni giorno
Praticamente testimoniavano che cosa accadeva in quella discarica
Ma perché questo è importante al di fuori anche del
Della questione rifiuti stessi
Perché noi viviamo in una situazione politica e qui parlo
Del locale
Dove i problemi continuano ad essere sempre gli stessi
A prescindere da chi governa la Regione e a prescindere da chi governa il Comune di Roma
Quindi proprio partendo dal caso pilota di Malagrotta si è capito si può capire si può intervenire
Proprio
Avendo una corrispondenza con quello che la Commissione europea poi infine del mio intervento parlo anche di quello che può essere l'intervento e la denuncia alla CEDU su questi su questi argomenti
Per fare uscire
Un problema fuori a livello nazionale e per cercare di risolverlo dopo anni di chiacchiere
Guardate con la questione Malagrotta è saltato un patto non scritto tra l'imprenditore che era che oggi sta agli arresti domiciliari domiciliari Manlio Cerroni è una classe politica
In terra sia di centrodestra che di centrosinistra patto non scritto che prevedeva lo smaltimento all'interno della discarica di Malagrotta perché smaltire all'interno discarica di Malagrotta rispetto
Alle altre discariche italiane rispetto al l'avvio di un ciclo virtuoso dei rifiuti costava molto meno
Questo non interessava
Interessava sia alla proprietario della discarica che guadagnava milioni e milioni di euro ogni anno ossia la classe politica che risparmiava
Su questo ma perché quella pratica che è andata avanti da circa trent'anni era una pratica illegale
Era una pratiche legale perché la direttiva del mille novecentonovantanove sulle discariche ha sempre detto attenzione i rifiuti in discarica si possono brutta buttare solo previo trattamento
Invece nella discarica di Malagrotta per decenni se sono scaricati i cosiddetti rifiuti tal quali
I rifiuti che producono percolato rifiuti che producono odori nauseabondi e rifiuti che producono quindi inquinamento e qui tornerò su questa questione
La Commissione europea dopo aver avuto questa corrispondenza con i cittadini della Valle Galeria e dopo aver avuto
La devo parere era avviato una fase di indagine nel giugno del due mila undici apre la procedura riapre la procedura di infrazione allora a quel punto il Governo italiano quindi da
Questione locale
Si passa questione nazionale si trova costretta a dover intervenire
C'è un altro passaggio molto importante è che i giornali hanno fatto finta parecchi giornali hanno fatto finta di non vedere il passaggio importante quello del maggio due mila dodici quando la Commissione europea in via
All'Italia un parere motivato proprio sulla procedura di infrazione su Malagrotta
Parere motivato che praticamente dice attenzione
Non è solo la discarica di Malagrotta che riceve di rifiuti non trattati quindi in violazione della direttiva mille novecentonovantanove dalla Commissione europea ma sono anche tutte le altre discariche della provincia di Roma e dalla Provincia di Latina
In questo
è molto importante sottolineare un altro passaggio che vede anche l'onorevole Rinaldi coinvolto
Perché quando si riapre la procedura di infrazione nel giugno del due mila undici allora inizia il cosiddetto Toto discariche
Anche lì i cittadini hanno la capacità
E la voglia di attivare un altro strumento che l'Europa
Ci consente di attivare che quello della Commissione petizione del Parlamento europeo
La Commissione petizioni riceve
Delle edizioni da vari territori di Roma e provincia quindi interviene con delle audizioni mente rinviene finanche con una visita
Una visita a Malagrotta una visita in quei siti che dovrebbero sostituire Malagrotta che poi
Visita continua anche
Nella provincia di Napoli e nella provincia di Caserta per vedere il disastro che è stato fatto negli ultimi dieci anni ma questo
è un altro discorso
Ad ottobre del due mila tredici l'Italia sulla questione Malagrotta ma non solo come ho detto sulla questione delle discariche della provincia di Roma della Provincia di Latina viene deferita alla Corte di giustizia europea
Finalmente il primo ottobre del due mila tredici la discarica di Malagrotta dopo una vita
Di oltre trent'anni chiude
Chiude proprio per l'intervento della Commissione europea però i problemi
Che ci portiamo dietro disperso tutto a questa scellerata
Esistenza ci sono tutti ancora lì
Perché Malagrotta è stata la scusa per una
Non avviare un ciclo virtuoso dei rifiuti
Infatti oggi se voi notate non ci sono rifiuti Xstrata solo perché
Oggi rifiuti di Roma capitale vengono portati fuori regione
Hanno portati in Toscana vengono portati in Lombardia vengono portate in altre regioni con un aggravio di costi enorme l'altro giorno è stato proprio
Firmato il contratto tra lama e i vincitori dell'appalto con un costo annuo di circa venticinque punto cinque milioni di euro all'anno
E qui c'è da parte radicale o abbiamo detto dal primo minuto anche quando eravamo presenti
In Consiglio regionale con Rocco Berardo con Giuseppe Recchi Rossodivita una critica che noi abbiamo sempre fatto apparecchi comitati che dicevano per avviare per chiudere Malagrotta bisogno portare
I rifiuti fuori la Regione noi dicevamo sì una cosa del genere si può fare a parte che si attende
A parte che ci siano a patto che ci siano cui le risorse economiche
Per uscire da questa cosiddetta emergenza nel giro di uno due anni invece oggi
Ci troviamo in una situazione tale che rischiamo come
Napoli di portare i rifiuti fuori regione per i prossimi cinque anni dieci anni quindici anni fin quando la politica non si deciderà di intervenire perché come ho detto prima
Mentre la discarica di Malagrotta smaltiva rifiuti rifiuti rifiuti chi doveva decidere sia sulla programmazione impiantistica bensì a ma anche sulla raccolta differenziata
Ha fatto finta di nulla dato sempre in deroga alle leggi che invece
Volevano una raccolta differenziata il sessantacinque per cento degli impianti di compostaggio e tant'altro e ha fatto finta e ha fatto di finta di
Di tutto
Ora però tornando anche all'attivazione degli strumenti è importante
Chiarire bene dove
Ecco che cosa insiste sulla Valle Galeria nella Valle Galeria
Non c'è solo la discarica più grande d'Europa ma ci sono anche due impianti di trattamento meccanico biologico c'è un gassificatore che per oggi ad oggi è fermo c'è una raffineria
C'è inceneritori di rifiuti ospedalieri
è ci sono tante altre attività che impattano sulla zona
Ora
Ci sono stati degli studi rispetto all'inquinamento rispetto alle morti sospette su cui oggi indaga la Magistratura studi dell'Ispra che hanno certificato ormai due anni fa che quella una zona altamente inquinata
E c'è stato uno studio di un anno e mezzo fa dell'ASL romani che ha certificato che in quella zona di Roma
Si muore con una frequenza con una percentuale maggiore rispetto alle altre e altre zone di Roma
Ecco su questo
Partendo proprio da un'esperienza
Che l'esperienza di un'altra sentenza pilota che quella disarmo ed altri
Proprio per quanto riguarda la CEDU disarmo ed altri sono quelli la quei cittadini che hanno vissuto sulla propria pelle
L'emergenza rifiuti a Napoli
E quindi avete tutto avete deciso sapete tutti di cosa parlo sentenza che apportato
A un risarcimento di quei cittadini proprio per l'inquinamento
Appoggiandosi proprio denuncia che è stata appoggi che si è poggiata proprio sull'articolo due
E l'articolo otto che parlano di diritto alla vita e di diritto al rispetto della vita privata e familiare
Ecco un'iniziativa che stiamo mettendo in campo con a l'avvocato Filomena Gallo che anche il segretario dell'associazione Coscioni è proprio quello di portare
Questa documentazione che parte
Dai documenti dell'Ispra che parte
Dei documenti dell'ASL Roma E e quindi dalle dall'analisi epidemiologica di quella zona di portarla all'attenzione della Corte
Proprio per far uscire anche in questo caso
Al di fuori del confine deve gran raccordo anulare delle questioni che sono molto importanti
Io chiudo ritornando alla questione politica
Il rifiuti a Roma sono stati diciamo la discarica di Malagrotta è stato è stata chiusa grazie quest'intervento noi attraverso questo
Convegno cerchiamo di capire se l'ENPAS politica
Chi ha governato
Roma negli ultimi vent'anni possa essere superata attraverso l'attivazione di questi strumenti strumenti importanti che possono
Vi dico superare
A gestione politica della città
Anche sotto gli occhi di tutti come detto all'apertura e qui chiudo i problemi ci sono i Sindaci cambiano però non vengono mai risolte quelle che sono le
Questioni da ogni giorno toccano tutti i cittadini romani grazie
Piazze Massimiliano che con tutti gli studi che ha fatto trovate anche i suoi libri all'ingresso ormai diventato pubblici laddove ma
E l'intervento inesperta nel settore per cui a voi se assolutamente autorevole e altrettanto Terrevoli quindi darò la parola all'onorevole deputato Nicola Rinaldin grazie
Dunque cari amici grazie innanzitutto all'Associazione radicali a Roma per Roma per per aver organizzato questo
Questo appuntamento per piacere essere tra compagni radicali
Massimiliano
Un esperto e sì possiamo fare ancora pubblicità perché conosco bene questo questo libro credo avuto il piacere di recensire
E che spiega nei dettagli tutto quello che è accaduto
In apparenza
Ciò che il più esposto e ciò che forse
Un po'meno chiaro che bisognava andare a ricostruire e dietro dietro certe certe pareti chiuse
Io invece non sono un esperto di rifiuti io sono stato eletto per la prima volta il Parlamento europeo in una qualsiasi Assemblea elettiva nel due mila nove sono membro della Commissione del commercio internazionale della Commissione cooperazione sviluppo della Commissione diritti dell'uomo
Lavoro su molte questioni da scritto da tantissimi anni al partito radicale con da Luca Coscioni occulti alcune questioni di politica estera perché vi dico questo perché di rifiuti non mi ero mai occupa
E non ho nemmeno un'appartenenza come dire istituzionale in una delle Commissioni parlamentari
Che dedicata
Alla al tema però come sono stato eletto
Nel giro di poche settimane il tema principale che è arrivata dal Collegio
E in particolar modo dal Lazio era naturalmente la questione verifica
Sulle quali sul quale le sollecitazioni dei cittadini
Ancora prima che arrivassero le petizioni perché poi siamo stati anche noi che abbiamo in alcuni casi consigliato la procedura della petizione che
E è una piccolina procedura devo dire semplice anche abbastanza efficace perché poi deve portare ha una a una ha una sua soluzione se viene accolta e se poi viene in strada nata dalla stessa dalla stessa Commissione petizioni del Parlamento
Ma ancora prima delle petizioni devo dire che i documenti le istanze i racconti quanti
Quanto più surreali anche che potevano pervenirci ecco ci sommerge erano era il tema forse principale
Nell'autunno del due mila nove appena appena eletto
Detto questo Parlamento europeo anche un luogo di di scambio di incontro costante tra evidentemente letti di vari Paesi consistentemente ci confrontiamo
Su temi che sono
Di comune interesse dove ciascuno le proprie criticità del del territorio quanti incontri abbiamo fatto con i colleghi britannici tedesca sui disabili è un tema che segue
Quanti ne abbiamo fatti sulla questione del centro storico le città d'arte e la valorizzazione e città d'arte ognuno alle sue ambizioni ognuno fa i suoi problemi e via dicendo
I rifiuti è invece un tema in Europa
Trattato a Bruxelles tutto italiano
Vale a dire una di quelle questioni su cui il resto d'Europa forse adesso sono un po'sommario
Vado per sommi capi esagero però e quasi così
Il resto d'Europa lo ha già risolto non è una questione pacco voi italiani state parlando di che cosa della gestione del trattamento dei rifiuti il loro smaltimento la loro raccolta
C'è una direttiva
Per una volta una direttiva anche chiara
Una direttiva che non è mai stata impugnata perché molte direttive poi hanno
Dei processi di di di di di di di criticità da parte
Replicare una stessa norma
L'insieme del territorio per nome non è mai semplice e i Paesi europei di fatto si sono
Adeguati hanno seguito quelle che sono delle norme in questo caso sicuramente delle norme di diritto di progresso da parte e delle istituzioni europee
Quindi un dibattito che è stato molto presente Massimiliano
Come dicevi
Quanto all'Europa intervenuta ma attenzione tutto italiano una peculiarità italiana
Per gli altri Paesi questo ripeto non è
Una una questione
Questo mi fa pensare anche ha un costo aggiuntivo per noi abbiamo vale a dire il costo di dedicare tante energie tanto tempo tempo politico tempo di militanza di cittadini tempo Dini iniziative mediatiche o quant'altro
Per qualche cosa che in realtà altrove nel resto del consesso europeo appunto
Non è
Critico
E allora forse questo tempo l'avremmo potuto utilizzare meglio per affrontare altre sfide che sono stile come dire più appropriate per il ventunesimo il ventunesimo secolo ancora siamo con queste questo
Ora
Sei sette cose
La prima
Uno degli elementi più complesse
E devo dire leggendo il libro ma insomma anche senza leggere il libro
è la Babele decisionale italiana sulle questioni dei rifiuti
Chi è responsabile chi decide ho detto dal mio punto di vista chi è l'interlocutore italiano con cui mi devo confrontare chiede
Il ministro Clini all'epoca
Il presidente della Regione il Preside con la Presidente della Regione il Presidente della Provincia
Oppure il Sindaco il Sindaco di quale città tenendo conto che abbiamo più comuni pensate Ariano che sono poi coinvolti oppure a un certo punto il jolly il prefetto
Devo dire che questo è una una difficoltà che abbiamo avuto costantemente come Commissione petizione come parlamentari europei come commissario perché il commissario può toccare
Aveva delle assicurazioni mi sembrava che da quello che mi diceva
Era riuscito anche instaurare un buon un buon dialogo sulla questione delle soluzioni Malagrotta e del ciclo dei rifiuti a Roma con una con il ministro Chiti per poi scoprire che il ministro veniva disatteso dal dal prefetto
E oppure parlava con me perché il
L'interlocuzione classica insomma con le Regioni da parte delle istituzioni europee per poi capire che in realtà le regioni forse in questo caso si potevano fare ma fino a un certo punto chi è il responsabile di questo
Questa matassa il cui bando le così difficile da trovare questa se è una difficoltà per il commissario europeo per il parlamentare europeo o per una Commissione del Parlamento figuriamoci per i cittadini
E questo intreccio di competenze
Devo dire che probabilmente quanto più ci allontana dalla trasparenza e quanto più riesce a coprire quel secondo tema che poi subito emerso in Europa come anomalia tutta italiana e in particolar modo anomalia
Romana vale a dire questo sospetto che c'è sempre con il malaffare che pronto dietro dietro l'angolo anche la questione di derivi dicevo e devo dire che è stata molto singolare perché andarlo a spiegare
Ai parlamentari tedeschi come parlamentari freccette questo terreno è di proprietà di un tale soggetto si deve fare una discarica da tutt'altra parte ma guarda caso il terreno è di proprietà dello stesso soggetto si va in una terza località ma guarda caso si ritrova sempre lo stesso personaggio
Allora che tipo di credibilità riusciamo ad aderire e quando poi giungono sul tavolo di Bruxelles e le relazioni sull'ecomafia come quella di Legambiente ho l'impressione che siano lette con maggiore attenzione a Bruxelles magari che non
Qui in Italia al di là di una nostra ristretta
Di una nostra ristretta
Cerchia
Terza questione
Colpisce trattando questo tema in Europa l'assenza
Di canali di comunicazione strutturati tra cittadini e istituzione
è paradossale che i cittadini per avere una risposta debbano arrivare al Parlamento europeo
E così perché quando
Interloquiscono con i livelli locali connazionali o con lo stesso commissario alla fine le risposte non ci sono
Abbiamo avuto una un episodio piccolo di nessuna di nessuna importanza però voglio dire simbolicamente anche commissario intervenendo in commissione petizione
Rispondendo a una mia critica perché gli hanno detto guardi io ho scritto una relazione fatto una una serie di domande cui lei non mi ha mai risposto lui davanti a tutti i colleghi va detta ma guardi che lentamente onorevole lei non sa usare la posta elettronica perché
Questa e la mia posta elettronica sereni scrivesse io sicuramente le risponderei come rispondo a tutti i cittadini
Beh insomma ovviamente caduto mi stesso nella trappola che si era tesa perché io avevo il documento con la sua posta elettronica
Che ho distribuito che era già distribuito tra l'altro non lo sapeva tutti i colleghi come una data di tre mesi prima dimostrando che realtà lui non aver risposto nemmeno al parlamentare europeo figuriamoci poi
Al singolo al singolo cittadino
Come ricordandosi Miliano c'è ci sono anche proprio disposizioni europee su quello che deve essere un accompagnamento di dialogo
Tra comunità territorio da una parte e processo
E processo decisionale che nel nostro caso è stato costantemente
Disatteso e a cui
E la misura del possibile il Parlamento Costituzione europea hanno cercato di ovviare
Altro aspetto
Cinque anni di di di mandato uno si porta via naturalmente tante immagini tanti episodio tanti aneddoti che possono essere più o meno significativi certamente
Alcuni incontri
E alcune visite sul terreno
Al di là di quella che abbiamo fatto con la Commissione petizioni dove qualche abbiamo organizzate altre come non non istituzionali ma sempre con con parlamentari europee
Avuti qua in Italia e a Roma sul tema dei rifiuti sono stati PROPER mescolati tra di episodi tra tra i tre più come dire eclatanti quelle che poi rimangono insomma nella nel nel vissuto di un di una di un parlamentare
Il tipo di linguaggio che veniva usato dai nostri interlocutori europei da una parte e dal Prefetto Sottile dall'altro era una scena
Poteva essere in un film in una commedia all'italiana che aveva veramente ma veramente non esagero dei tratti di grottesco
La visita che abbiamo fatto a Malagrotta con questo percorso quasi da da museo del del degli anni
Con poi questo curioso personaggio che naturalmente era il il proprietario di tutto come il suo cappellino di debiti tela che diceva col suo accento col suo modo di fare ma è utile anche molto molto cortese molto cordiale ma
Con un ammiccamento costante che era fuori fuori tono guardate nome a questo impostazione in cui si può vedere dietro lo schermo questo è il il e l'indifferenziato queste invece tutta la parte che noi trattiamo due o tre materassi
Sulla destra accanto a una a una una un ever ispettivi indifferenziato e
La prosopopea con cui tutto questo è rappresentato e devo dire il senso di vergogna che uno può
Quando
Queste visite le fa accompagnato
Da qualche cittadino e accompagnato dai colleghi di altri gli altri Paesi
La visita che abbiamo fatto all'AMA in via di salari via via Salaria la massa l'aria che un impianto dentro la città accanto agli studi di Sky
E anche qua tutto venduto come non c'è alcuna regola che non sia violata tutto è stato fatto come si vede abbiamo le migliori capacità di infiltrazione
E dall'altra parte le proteste dei dei dei cittadini che ci aspettavano fuori ecco devo dire l'imbarazzo che si prova perché il commento più evidente
Da parte dei non italiani era ma insomma una cosa del genere
Ne
Importo Gallob non per non parlare dell'Olanda non non non non si può nemmeno non lo si può nemmeno pensare come è possibile che si sia arrivati a questo punto come è stato possibile che si sia tollerato da parte di tutti a Capra però non soltanto di chi è stato il responsabile ma chi doveva tutelare
La salute dei cittadini tiglio veniva
Intervenire per per per tempo
Poi altre due cose
Tipiche del nostro Paese
Uno
Io ho lavorato sul problema dei rifiuti su su essenzialmente su Roma sul Lazio ma poi sono dedicato anche alle altre Regioni del dell'Italia centrale del collega
L'Umbria le Marche e la Toscana e questo
è un Paese molto curioso
Perché abbiamo criticità e poi eccellenze
A macchia di leopardo
Abbiamo una situazione come questa romana che non è una situazione strutturale del nostro Paese a livello nazionale
Perché poi ci sono gestioni ottimali
Molto diverse ma senza bisogno di andare oltre il Brennero basta semplicemente spostarsi di qualche vicino di qualche centinaio di chilometri all'interno del nostro stesso territorio nazionale
Non è che le criticità ci sono soltanto a Roma ho seguito l'esempio è uscita in Toscana che non sono da poco o anche vicino Orvieto ma insomma qui
E la storia comunque e diversa ma se vedo il tipo di gestione eccellente come quello di Capannori che comunque la città che arriva quasi sessanta mila abitanti
In Provincia di Lucca Capannori dove hanno oltre il novanta per cento novanta per cento e loro hanno vinto tra due volte il premio europeo
E mi hanno fatto una questione di orgoglio riescono anche ad avere degli introiti su questa loro questo trattando investito parecchio ma alla fine è una una politica che che rende vedo Capannori vedo Firenze
Dove invece la raccolta differenziata e poca cosa ci si chiede ma come è possibile che ci siano due realtà
Così contraddittorie una molto positiva per fortuna e l'altra così negativa accanto all'altro tutto sommato in contesti che appartengono allo stesso tessuto questo sussulto sociale alle stesse famiglie politiche ricoverano questo territorio
Come è possibile questo naturalmente ci dice due cose che
Non dobbiamo accettare nessun fatalismo
Che si può fare è che si può migliorare che ci sono soluzioni che hanno un nome e cognome che le direttive europee si possono rispettare e che quindi c'è un futuro possibile senza pensare voglio dire che dobbiamo andare
Altrove e dall'altro canto ci rendiamo conto che però manca il sistema Paese anche proprio la diffusione di le buone pratiche delle sul sul sito soluzioni di successo che tra Napoli e Salerno
Portano a realtà così così così così diverse
L'altra lezione in questi anni sui rifiuti devo dire molto bene la e la
Organizzazione dei cittadini
Tre comitati cittadini
Comunque
Capaci di fare la loro comunicazione se nessuno mi fa la comunicazione ci penso io mi stampa il ciclostile vado a casa per casa denuncia i fatti le loro perizie controperizie mettendosi
Anche a raccogliere dei soldi per poter pagare un laboratorio che potesse tirar fuori qualche dato con con un po'di
Credibilità scientifica il informarsi su come possono essere
Le varie procedure appunto europee
Il il mettersi insieme e creare quella che è una una una una una ribellione organizzata rispetto a ripeto quanto e c'è di più peggiore nell'oppressione di un cittadino che non è semplicemente un potere
Dispotico è un potere poco trasparente quella babele quella cacofonia di poteri per cui non sei nemmeno chi ti sta opprimendo chi è
Quale ente quale istituzione quale personaggio e devo dire che l'esperienza dei cittadini ha colpito molto anche i nostri interlocutori europei a cominciare dallo stesso commissario che ha visto come comunque c'è
Un tessuto sociale una una forza
Culturale di di di cittadinanza che sicuramente ci fa ci fa onore anche se spesso troppo localizzate
Per cui chi si occupa di Malagrotta fa la battaglia su Malagrotta finita la battaglia di Malagrotta non è che si occupa della Valle del Sacco di Borgo Montello no ecco ognuno
Un po'
Costretto forse a occuparsi soprattutto del proprio del proprio orto non so se è stato il primo incontro ma forse è stato il primo incontro
Ma a Bruxelles riorganizzato proprio una una un
Una seminario con la partecipazione
Di nove comitati cittadini provenienti dalla dal Lazio che credo non si erano mai conosciuti personalmente direttamente tra di loro scambiando anche quelle che sono con una volta
Le migliori tattiche le migliori pratiche le proprie informazioni anche per incoraggiare si a vicenda quindi c'è sicuramente una bellissima testimonianza di lavoro politico fatto dalla base
I cittadini che assumono con senso di responsabilità insomma il loro destino in mano se gli eletti non non riescono a farlo o i magistrati ma al tempo stesso questo forse dovrebbe essere poi anche sostenuto perché
Si strutturi meglio in una in una rete che sia più più ampia alla fine
Pessima pubblicità per il nostro Paese pessima pubblicità soprattutto per la nostra capitale
Chiaro che non è il miglior biglietto da visita il problema dei rifiuti per la promozione di Roma in in Europa
D'altro canto forse In questo
Io invece una buona pubblicità
Per l'Europa nei confronti dei cittadini perché insomma abbiamo sempre tante difficoltà a vendere le virtù delle istituzioni europee in questo caso qualche buona soluzione siamo riusciti a a darla
C'è stato sicuramente l'aiuto del commissario Chiampo Tocci mica un commissario che appartiene alla nostra famiglia politico un commissario
Dell'alleanza
Dei liberaldemocratici per
Per d'Europa secondo me un commissario anche molto voglio dire molto uomo con la preparazione scientifica solida ma anche molto
Molto politico e non c'è dubbio che ci sono altre scadenze con la pittura dopo la chiusura di Malagrotta che sono
Sono soltanto degli atti io penso che
Sulla questione dell'AMA in via Salaria ci sarà una procedura di infrazione
A meno che non la procedura non sia non sia scongiurata da insomma data da qualche cosa di più che è semplicemente un annuncio dello spostamento di questo impianto di di trattamento
Ovviamente l'Europa e capace di ripristinare alcuni paletti di legalità
Poi tutto il lavoro perché non si buttino via quei soldi con la soluzione facile semplicemente di trasportare i rifiuti altrove spetta evidentemente agli interlocutori locali
I problemi ci sono restano
Massimiliano diceva i sindaci poi cambiano cambiano anche i Ministri dell'ambiente cambiano i Governi
è vero che in questi anni qualcuno dei nostri protagonisti si è ritrovato si trova adesso in una situazione molto diversa rispetto a quella in cui era
Due o tre o quattro anni fa
Io mi auguro che comunque otto CIMIC sia confermato e che comunque una
Un'azione di legalità della Commissione europea e del Parlamento
Rimanga una costante a disposizione di tutti
Ringrazio ancora una volta Nicola Rinaldi per essere intervenuto vi ricordo che adesso facciamo una breve pausa e vi chiederei di tornare in
Insomma qui dentro entro mezzogiorno e mezzo per poi riprendere con gli interventi di Davide Ambrosini a Milano Barletta Gianni Dan mancherà Bortoluzzi Giuseppe Mazziotti le conclusioni di Paolo Rizzo grazie
Valeria intanto allora inizierei dando la parola due militanti della nostra associazione che sono stati molto bravi e
Sono studiati
Tanti dati hanno fatto un grandissimo studio per quello che riguarda la situazione delle polveri sottili a cui accennava Riccardo nel suo intervento cara queste assente non trascurabile a maggior ragione all'intera città come quella di Roma
E che è una uno degli argomenti che abbiamo capito si potrà poi portare di fronte alla Commissione quindi attraverso un'apertura di una procedura di infrazione
E chi in primis insomma per il momento siamo stati tra i primi a analizzare così nello specifico e speriamo che quindi poi dopo questo convegno ha di avere possibilità di portare avanti una strategia europea su questo tema
Per cui ringrazio Davide Ambrosini Nicoletta CartaSì e andrà Capuano
A grazie ne abbiamo preso in esame la situazione della qualità dell'aria nel Comune di Roma
Allora i tenenti normativi sono alla direttiva europea cinquantadue mila e otto che prende in esame la qualità e l'ambiente ed è l'aria pulita in Europa e il decreto legge tredici agosto del due mila dieci chiede cinquantacinque che
Poi idriche dove decreto attuativo della normativa europea
Le fonti alle quali abbiamo dalle quali abbiamo preso i dati e quindi remore lavorato i dati sono i bollettini settimanali dell'Arpac di tutto il due mila tredici e del due mila quattordici fino a
Febbraio
Nella seconda slide si possono vedere a i livelli che appone la diretti europea come limiti i valori limite di inquinamento presenti
Avuto per gente inquinanti che possono essere anni ha preso in esame più che altro legno due che il biossido di azoto e i vari ossidi di azoto il benzene
E clienti particolari che sono il PM dieci e il PM due virgola cinque
E il DM due mila cinque più che altro viene a elemento che viene considerato giusto di recente di recente con introduzione le normative europee a cena lavorativa due mila otto e cinquanta il due mila otto prende in esame
Particolarmente il particolato a Parma l'appunto
Puntuale particolato e specie il particolato duello a cinque che prima non veniva considerato al due virgola cinque millesimi di millimetro voglio domande
Ed era indirizzare dei bollettini
Si evince che non tutte le centraline esami erano tutti i fattori inquinanti perché vi è con diciamo l'introduzione della normativa europea
Dire ma non soltanto un esame quali quantitativo de gli agenti inquinanti ma anche qualitativo in base alle zone ovvero a vi sono diversi tipi di centraline si chiama zonizzazione
E assicurativo centralino avendo viene rilevato un dato piuttosto che tutti gli altri dati
Tutti i dati vengono presi su base oraria quindi vedremo dei bollettini con media settimanale di rilevazioni oraria mentre
Il a PM dieci e il piano due mila cinque metri su base giornaliera
In alla fine la tabella o meglio i dati ARPA porto no il superamento dei valori da inizio dell'anno qui dal primo dicembre il prima relazione di violazione dell'anno in crescendo fino all'ultimo questo importante perché è una un elemento che potrebbe essere utilizzato per
A
Come infrazione delle normativa europea è il fatto del numero di superamenti divenire l'inquinamento privare i diversi fattori inquinanti
Come dicevo prima vi sono ove diversi tipi stazione da quel ritratti o con il fondo traffico ubicata proprio lungo le vie di scorrimento del traffico e quindi rileva solo alcuni fatti su alcuni diciamo elementi inquinamento
Mentre le stazioni di fondo
Sono prestazioni che sono soggette a una
Contro dell'aria più variegato perché non sono propriamente a sulla strada diciamo e poi varie secondo che siano urbane sicuro suburbane
Questo per esempio è uno schema nella quale si vedono le varie stazioni di Roma centraline dell'Arpa di rilevazione e dove vi è il più vi sono il gli elementi che vengono considerate in queste stazioni
Nella successiva si vede una settimana tipo ovvero
I dati rilevati
Dei carichi valida per bollettini chiaramente l'esame presentavano questa struttura quindi
I vari a le varie stazioni la prima colonna
Poi
I vari elementi inquinanti presa in esame e dove veniva valutare rivelato oppure no
Nelle ultime due si vede no gli scostamenti cioè gli scostamenti da inizio anno del valore limite considerato dalla direttiva europea
Qua partiamo ora con i grafici vada fatto abbiamo agli elaborati i dati ovvero le abbiamo riordinati a in ordine di settimana ovvero nella nelle scisse ci stupiamo il valore
Dell'inquinante Petrelli ordinate né ordinate si fa si parte dalla prima settimana di rilevazione del due mila tredici fino all'ultima considerata che per noi e la
L'ultima del febbraio in e quattordici
Si può notare una cosa che balzata agli occhi almeno da questo nostro esame emendamento stagionale si potrebbe dire pay vari inquinanti
Questo è il benzene però che nell'ultimo nel picco che sopra tra il cinque che livello minimo che sia nel dicembre scorso
Prendo un attimo scusate lì quello potrebbe essere un elemento di superando appunto di critico nel quale colpire da con una
Perché il fatto che il dato che è superiore superiore al limite dettato dall'Europa
Comunque anche nelle successive slide si vede come l'andamento anche per esempio del biossido di azoto emendamento stagionale che si spicca proprio questo andamento
Dalla valori alti subito a gennaio che poi
Vengono culturalmente sì in altre ulteriormente nei mesi invernali
Questo sia poi anela traslare desiderati superamenti ovvero
A
I le numero di volte time superato i valori limite
Di conseguenza si vede che già a gennaio c'è una un picco diciamo un ho subito una innalzamento una presenza di questi signori superamenti
E poi per tutto l'anno c'è un livellamento non c'è nessun non cambia fino poi arrivare ai mesi invernali
Così anche date
Anche per gli ossidi di azoto ti proprio a ricompare questo elemento di che ha caratterizzato un po'tutti i fattori inquinanti
E su quali iscrizione dei livelli quelli lasciamo però per chi vuole leggerle
Il così anche una un valore ultimamente molto considerato come detto prima dalla normativa europea e il PM dieci c'è il particolato delle particelle che sono un decimo di millimetro diecimila esimi millimetri millimetro
E anche qui
Si vede questo andamento quello che vogliamo
E per poi non parlare della del l'altro grafico dei superamenti che qui si vede proprio come nella fase a di finale dell'anno viene innalzamento chiaramente l'ultima parte è sono i primi mesi del due mila quattordici
Quindi anche qui si presenta innalzamento già prima parte con
Ma
Dei valori a gennaio due mila tredici
All'inizio degli Aster incrocio gli assi che si presenta degli scostamenti ma poi per tutto l'anno fino a febbraio è un andamento costante fino I mesi di dicembre o comunque alla fine dell'anno
Questo per dire appunto che
A
Però è stata il fondamento per
Quanto riguarda anche il PM due mila cinque che soltanto un
Un elemento introdotto diciamo dalla delle ultime normative europea
Quindi
Prendendo in esame questi andamenti i livelli degli
Diciamo la presenza i vari lavori per il valori nel corso dell'anno
E poi incrociandoli con i dati le giornate delle targhe alterne
Emerge come
Non vi sia dall'altro non vi sia uno studio da parte dell'ARPA su la correlazione tra targhe alterne di riduzione in quella settimana DEI valori inquinamento ma anche a
Donato punto non c'è questo studio che non sono meno presentate nemmeno le giornate di targhe alterne remoto può fare noi una ricetta giornalistica per incrociare questi dati
E si evince infatti che
Non non vi è un abbassamento dei valori grazie al fatto che in quella settimana ci siano due o tre giorni targhe alterne
Chiaramente un elemento preponderante lei che si evince anche dall'esame i bollettini ma anche dalla
A dalla letteratura sul tema
è che molte dato anche dal fattore climatico potrà atmosferico pile climatico nel senso che altri sia vento oppure che ci sia una certa perturbazione piuttosto che non ci sia determina la concentrazione in quella area urbana dell'inquinamento e quindi quello chiaramente una un altro fattore
Incide però dall'altro punto di vista dobbiamo portare a eliminare le cause non tanto il fatto che ci sperare che piova o meno come
A volte poi si sente anche dire non si parli targhe alterne perché nel frattempo cambiato il clima
Quindi
Difatti l'altro giorno di conseguenza quelle
Quella palliativo che poi crea spesso più danni più problematica cioè Leanza che sollievo della al problema del del problema è diciamo un po'opaco come restitutio come
è secco
E nell'aria nel dai bollettini ARPA ma anche dava gli articoli sul tema si evince che il problema principale e il traffico però dall'esame che lei ha fatto novità i grafici che avete avuto anche modo di visionare
Si vede come sicuramente c'è un dato un fondamentale dato dalla dei picchi nei mesi invernali sì appunto dall'inizio delle tredici gennaio ma anche la fine dell'anno
Questa sicuramente comportano dovuto al fatto che anche riscaldamento domestico è una componente rilevante della
Nel determinare l'inquinamento e l'innalzamento dei livelli ripaga vari elementi inquinanti della città
Quindi appunto che questa correlazione stagionale
Che
Le considerazione che l'ha fatto noi su questo questa rilevazione dei dati
Che sui dati rapportati dell'ARPA sono di due fattori diciamo di due ambiti dal primo di tutto prima di tutto una situazione una elemento
Per portare avanti questa iniziativa a livello europeo è il fatto che
Per curate per alcuni fattori
In cui l'anti
Mi sono dei palesi superamenti per esempio sia il benzene anche se negli ultimi anni è diminuito molto per il Cametti può di carburanti comunque è in quest'anno l'anno scorso è stato superato il livello massimo di cinque
E particolarmente importante sia per il discorso qualitativo presentatore la direttiva europea ma a oggettivamente perché il valore vedesi presentata
Superiore limiti a di legge è il PM dieci PM dieci che supera livello cinquanta fino a punte di settanta settantadue in molte occasioni e appunto queste anche dato dal fatto che
Nel corso dell'anno si potrebbero avere un massimo di trentacinque superamenti invece nella città di Roma si anzi ne hanno una quarantina
Altro aspetto importante il fatto della trasparenza ovvero
Questi dati si si possono si può attingere a questi dati
Cercando ora ma tant'è che sul sito dell'ARPA ma abbiamo non solo di di primissima a fruibilità
E oltre a questo non vi è almeno non abbiamo trovato una e lavorazione
Che possa poi a permettere di leggere questi dati
Però sprecata una un'ipotesi una proposta di ri lavorazioni questi dati ma che ha visto anche altre Regioni altre ARPA
Che a anche in un'ottica più lungo termine come esaminando gli ultimi cinque dieci anni danno una un prospetto dell'andamento
Del fattori inquinanti del tipo di inquinamento e anche se vi è un miglioramento o meno degli scostamenti rispetto a normative europee a questo invece non abbiamo riscontrato nell'ARPA Lazio
Ultima a slide è ultima diciamo considerazione questo lavoro diciamo sono le nostre nipote da non esperti del settore
Però dall'esame che abbiamo fatto le nostre proposte sul tema quindi
Da un lato chiaramente a sono non non riteniamo utili e
Ma soltanto estrema ratio elementi cioè
Sport interventi spot alle targhe alterne perché creano più disagio anche la colazione
E un danno anche diciamo un a un ma ecco creano malcontento
Come è che ci sia questa diciamo a
Scelta tra l'aria pulita e invece una certa leader tale proprio utilità e prima mezzo così invece secondo noi dovrebbe esserci da un lato un piano di rinnovo si delle macchine che gli automezzi con un po'in parte avvenuti del Comune
Un rilancio del trasporto pubblico ma sia come qualità del servizio
Che prima si parlava anche di costi
Però non è tanto il costo che porta poi al costo-opportunità nella scelta del mezzo privato rispetto al mezzo pubblico né proprio secondo me la qualità del servizio
Chiaramente se uno sceglie drizzare la macchina non è perché è più economico rispetto Al Fatah il biglietto dell'autobus chiaramente non lo è
Ma per una comunità è un servizio che reputa di bassa qualità quindi dovrebbe esserci sia un discorso di reale miglioramento del servizio ma anche una
Una incentivare ha un po'alla
Un sensibilizzare a la cittadinanza sul fatto che utilizzare i mezzi pubblici o comunque con comportamenti diciamo corretti portano poi a dei risultati nel lungo termine di benessere anche dell'aria
Questo anche collegato al fatto che come
Evidenziato dall'andamento dei grafici a fatti demos
Ti precedentemente sicuramente indispensabile anche un piano di nuovamente o delle degli impianti di riscaldamento domestico perché chiaramente al di là del ambiente io le circostanze meteorologiche
L'andamento che porta a mesi invernali con picchi di inquinanti inquinamento è dovuto al fatto anch'determinante della riscaldamento domestico voglio fare una politica Scuderi sul Comune di incentivi data morde ma ammodernamenti degli impianti
Di riscaldamento ma non solo questo ma anche una
A a cui si diceva prima
Una cercando di sensibilizzare sul tema
Quante volte dai ministeri aride scadere di conti condominiali centralizzati
Vi è un uso eccessivo di riscaldamento non in linea con le C Sita del momento del temperature di quella giornata ma anche non in linea
A le reali
Necessità della del cittadino quindi cercare anche di fare una politica di intimidazione sul tema per
Responsabilizzarsi in prima persona sia sul riscaldamento che sulle auto verrà
Avere degli effetti migliori sulla qualità dell'aria
Grazie professor rottamazione edilizia un'altra batterie anche l'abbigliamento le performances diciamo sanitaria degli immobili sull'utilizzo di riscaldamento e comunque dell'utilizzo del gas
Abbattere l'inquinamento
Grazie
La ringrazio navigando destini
Mi farete Angela verrà fatto questo studio i documenti e analisi versione riportata anche in maniera semplificata quando i grafici perché sicuramente non signor molto prezioso che potrà essere utilizzato anche a qualunque cittadino inabile varia
E con queste introduco quindi un intervento di anemia Barletta docente di diritto costituzionale presso l'Università Parthenope di Napoli
Il quale si parlerà partecipazione dei cittadini in materia di politiche ambientali e quindi anche un po'alla convenzione di en passant grazie
Anzitutto grazie arati verrà radicali Roma per questo invito che mi molto gradito anche perché poi mi sento un po'a casa tra di voi tra sono in questa questa lotta quotidiana per il diritto perché più che parlare di conquista della legalità in senso astratto o forse anche un po'dialogico
Credo che quello che tutti quanti ma cerchiamo di fare da Rita Bernardini a Marco Pannella voi e quotidianamente lottare per la conquista dei diritti e quindi l'affermazione del diritto
è un po'questo scemo credo che debba unirci nel diciamo
Anche nelle proposte di vivere posso dirne che poi tenteremo di fare per contribuire a questa lotta per il diritto e per i diritti e del resto i radicali storicamente in questo Paese o saliti principali attiva attori del diritto e dei diritti costituzionali
Basti pensare alla a referendum che è stato attivato proprio grazie alle battaglie di Marco Pannella e dei Radicali Italiani
Oppure ai diritti all'obiezione di coscienza ma per l'Inter ma la lista potrebbe essere lunghissima quindi
è una specificità plus di questa tradizione la tradizione politica radicale utilizzare gli strumenti giuridici per l'affermazione dei diritti degli individui dei cittadini e quindi per l'affermazione lo stato di diritto
Ecco quindi che su questo quindi che mi sento anche chiamato a fornire a fornire un contributo pensando a quale poteva essere il contributo sono da fornire a questa discussione e quindi anche alla alla battaglia politica di radicali Roma quindi per migliorati
Migliorare il clima diciamo legalitario della città e quindi rispetto delle regole dei diritti di chi vive in questa città di chi passato comunque
I suoi cittadini
Ho certo o ipotizzato che probabilmente poteva essere utile diciamo affrontare il tema connesso alle implementazioni da cosiddetta Convenzione di Onlus spese Acciari diamoli Adriano perché
è il l'intervento che mi ha preceduto conferma in pieno quella che è stata un po'l'intuizione di audit di Bisceglie questo argomento produciamo trattarlo insieme a voi
Io ho guardato anche delle slide ma persistere per sintesi tra del mio intervento ma il diciamo che ma le lascio a voi se potesse se qualcuno può essere interessato ad approfondire l'argomento
Quell'intervento che che mi ha preceduto se dimostra chiaramente come l'accesso alle informazioni l'elaborazione da parte dei cittadini di informazione materia ambientale migliora la qualità delle policy ambientale
La parte la il controllo dei cittadini sulle politiche ambientali delle istituzioni locali e dunque il conto è il
La gestione dell'ambiente in generale perché se diciamo
Due due
Abbi Jodie conoscenze specifiche in materia diciamo di Scienze Ambientali oppure di atti inquinamento atmosferico facendo lavoro meramente militante del avete prodotto un documento così interessante come quello del certe proposto
Questo significa che la disseminazione delle informazioni la loro utilizzazione a parte i cittadini
è uno strumento fondamentale di affermazione del diritto
Ed è questo un poco quello che ha cercato di fare il diritto roba in quest'ultimo in cammino specifico la convenzione di Onlus del minimo cento novantotto
Che cos'è questa va beh orsono cittadina nella Nord la Danimarca in cui cogliamo nel mille novecentonovantotto si riunisce una Commissione delle Nazioni Unite che si occupa di sviluppo economico in Europa
Che cosa che cosa solo a quale tema affronta
A questa questa convenzione che questa
Ampiamente recepita al diritto europeo e poiché siamo essere implementata anche di un diritto interno a seri interventi normativi che si sono succeduti fino al due mila sei che comunque sono ancora in parte in corso di adozione da parte dello delle Tisato l'italiano
La convenzione di orso riguarda appunto l'accesso all'informazione ambientale
La partecipazione dei cittadini alle scelte politiche in materia ambientale a scelte pubbliche in materia ambientale e l'accesso alla giustizia in materia ambientale quindi siamo proprio nel cuore
Di quello che e gli diciamo l'attività che anche voi come associazione siamo i fondi vi proponete di fare
Si tratta di infrastrutturali dotare i cittadini di un asse di poteri di diritti
Diciamo dato affermare nei confronti delle istituzioni pubbliche delle istituzioni locali per poter partecipare alla politica alla politica locale quella prima locali nazionale può dipendere a livello di degli interventi che sulla politica si propone si propone di fare
La Convenzione di Orus e tendenzialmente strutturata su questi tre pilastri che vi dicevo quindi accesso alle informazioni partecipazioni cittadina le scelte pubbliche e accesso alla giustizia
è stata che conosciamo no tutti i Paesi che quasi tutti i Paesi europei forse anche al di là dell'euro per la verità questa convenzione la stessa Unione europea aderito alla Convenzione di Onlus e la implementata con una serie di direttive
Dal due mila tre la quattro del due mila tre e la trentacinque del due mila e tre soprattutto per quel minimo cercherò siamo di delineare un po'più nello specifico per farvi capire quali diritti
Questa di questa convenzione e la normativa europea e nazionale attribuisce ai cittadini
E quindi come Parma utilizzo anche rispetto le istituzioni locali perché poi questo scrive il fine la convenzione dotare il singolo cittadino le organizzazioni le associazioni Citterio DD
Diritti e
Esercitabili ed esigibili a cui spetta l'accesso all'informazione alla partecipazione alle scelte pubbliche che tra l'altro poi l'eventuale violazione di questi diritti conferiti alla normativa europea potrebbe determinare anche delle responsabilità fino anche financo di carattere penale
In capo agli amministratori agli enti alle amministrazioni che dovessero frapporsi ed ostacolare dunque l'esercizio dei diritti di partecipazione cittadina
Lo dicevo la la europea Dori chef del informalmente nel due mila cinque alla convenzione di oro scuola deciso e due mila cinquecentosettanta
E qual è il motivo motivazione la linea europea si rende conto anche della difficile implementazione a livello nazionale diritti compete la convenzione
Quindi Richie decide di rafforzare questi diritti confliggano strumento diritto internazionale mediante l'adozione di strumenti normativi tu europeo diritto comunitario che qua probabilmente sapete tutti quanti hanno maggiore efficacia in diritto interno
Perché mentre
Il il diritto conferito al diritto nazionale non è immediatamente diciamo
Invocabile dinanzi alla giurisdizione interna
I diritti derivanti al diritto di europea soprattutto dalle direttive Liniero appena sono siamo
E esigibili dinanzi a al di là alla dall'autorità giudiziaria nazionale
E questo che accompagna e questo poi l'elemento il disse il segreto della diciamo del diritto europeo e della sua presumo
Ed è la sua capacità di essere di essere efficacia molto di più di quanto non sia generalmente efficace il diritto internazionale il quale tendenzialmente rimane molto spesso inattuato negli ordinamenti interni
Mentre il diritto di Tropea correndo di quella che si dice si chiama efficacia diretta tendenzialmente de di quel dei diritti che conferisce può essere invocato da tutti i cittadini
Ha davanti al giudice nazionale ovvero se una direttiva delle europea conferisce a dei cittadini dei diritti lo Stato nazionale non recepisce e non riconosce quei diritti conferiti al diritto europeo cittadini i cittadini italiani potranno esigere Aldo da dal giudice nazionale riconoscimento di quei diritti
Non solo laddove il lo Stato nazionale dovesse invece continuare a violare i diritti riconosciuti al detto dai cittadini si apre tutto lo scenario della cosiddetta giurisprudenza Franco perciò la responsabilità extra contrattuale lo Stato italiano
Per violazione del diritto europeo che poi
Un po'quello che abbiamo fatto perché non so tutti lo sono somme sono a conoscenza
Qualche anno fa con Marco Cappato sfruttando proprio questa possibilità
Facemmo aprire la Commissione europea la procedura di infrazione contro l'Italia
Peraltro la norma sulla rete né sulla responsabilità civile dei magistrati perché c'è un problema di applicazione del diritto interno di quello
Della responsabilità civile per dello Stato per il patto di otto unità amministrativa o giudiziaria ha determinato il dibattuto interessa un po'distorto e comunque ha rimesso sul tavolo del dibattito politico cosa che è importante perché la magistratura abbia completamente scusa al dibattito politico
Il tema della responsabilità civile magistrati
Che pure un tema carico alla storia politica radicale che ha introdotto nel dibattito politico in a giurisdizioni questo testo
Scusate la digressione torniamo alla parte sui diritti ambientali
Che cosa quali sono gli obiettivi di questa convenzione diurno Santa dunque assicurare l'accesso del pubblico le informazioni sull'ambiente detenute dall'autorità pubblica quello che diceva il
L'amico prima anzi
L'ARPA detiene questa informazione non sempre però le rende disponibili o non sole forse le rende anche disponibili spendibili ma difficilmente fruibili dei cittadini
La convenzione di Onlus obbliga gli Stati il dire che il diritto come tra di loro si in primis il diritto comunitario poi
Obbliga gli Stati le amministrazioni statali nazionali o locali ad allora concederà cittadine informazioni Matera ambientale ma non solo l'acconto del ma renderle fruibili
A fornirle con stupri in modo chiaro
è facilmente gestibile che significa tipicamente non ti posso fornire dei dati brutti però siamo semmai su un foglio htm Matteo fornirete metropoli Excel molto quei dati li può elaborare
Quindi metto compararli gestirli utilizzarli per possiamo far derivare da quei dati anche delle delle scelte di carattere politico delle belle delle scelte di campagna politica sul rispetto a giugno determinati obiettivi
Il secondo Bettini la convinzione e favorire la partecipazione dei cittadini all'attività decisionale aventi effetti sull'ambiente
Che significa significa
E in parte lo salita non l'ha recepita questa cosa ma non completamente che tutte le scelte che incidono fondo laptop in maniera sostanziale sull'ambiente
Sulle politiche del territorio devono essere adottate in maniera partecipativa
Per esempio se si decide di localizzare una discarica in un certo sito verrà fatto una conferenza di servizi di servizi
A quella conferente perciò per banalizzare il diritto interno ha in quella conferenza di servizi dovranno partecipare anche i rappresentanti dei cittadini delle associazioni
Sempre anche radicali Roma potrebbe debba partecipare a quella Conferenza di servizi e decide la localizzazione l'apertura di una discarica sul territorio sono della Regione la Regione Lazio
E questo è un altro obbligo che si è imposto dalla convenzione dal diritto comunitario poi recepito in diritto interno il testo di rammentare centocinquantadue mila e sei che si Twitter le le procedure VIA e VAS di cui probabilmente avete sentito parlare tempo quindi che impongono
Un metodo partecipativo che le scelte di carattere ambientato lidi politica ambientale
Il terzo obiettivo della convenzione low cost
E quello di estendere e facilitare le condizioni per l'accesso alla giustizia in materia ambientale che significa significa e tutte le scelte in materia ambientali devono essere immediatamente ricorribile cittadini dall'organizzazioni rappresentative di interessi i cittadini
Senza i limiti e i fitti che tradizionalmente si frapponevano all'intervento giudiziario di cittadine dell'associazione
Tradizionalmente in diritto amministrativo Sillaro tempo
Siamo approvare l'interesse legittimo intervenire oppure un'ora la violazione di un diritto e così via
Grazie alla convenzione di Onlus il diritto è il più ampio possibile ciascun cittadino sulla base di interpretazione del diritto interno alla luce dei principi stabile la convenzione di orso dalle norme applicative diritto comunitario che poi anche se materie giustiziato ancora poco chiare però
C'è già giurisprudenza acque internazionali debba il detto intendeva intercalo Gramegna più estesa possibile concerne a ciascun cittadino il diritto di ricorre davanti al giudice per contestare una scelta di ma di politica ambientale
Senza dubbio necessario dimostrazione con le associazioni rappresentative senza necessarie dimostrazione dell'interesse a ricorre interesse specifico a ricorrere
Tenga più nello specifico quali sono questi otto quando fanno qualcosa di suo figlio qua
Quando quali sono questi diritti ed obblighi convenzionali più nello specifico quindi bello ve lo leggo ma verso il più preciso possibile adottare le misure legislative regolamentari ed altri misura necessaria l'implementazione diritti di cui dicevo
Permettere funzionari e l'utilità pubblica di fornire assistenza orientamento cittadini agevolando l'accesso alle informazioni la partecipazione ai processi decisionali e l'accesso alla giustizia in poche parole quando
Si rivolge all'Arta al per esempio per avere delle informazioni l'attacco parta all'obbligo giuridico di fornire le informazioni che mi chiedi
Non può mettere quelle informazioni
Semmai si dovesse succedono monco Sergio Dressi riscontrarlo esteri scontare un atteggiamento omissivo fatto una richiesta scritta l'eventuale rifiuto di conti di rilascia l'informazione potrebbe determinare anche
Siamo il venisse di un reato quindi una responsabilità penale dell'amministrazione pubblica potrebbe incorrere nel reato di omissione d'atti d'ufficio perché l'obbligo di fornire informazioni in materia mentale un obbligo previsto per legge
Dalle dal decreto legislativo centonovantacinque zero del due mila cinque per l'Itala Matteo come
Ormai coattiva della convenzione di Onlus del diritto comunitario
Poi l'amministrazione pubblica non oltre l'obbligo di promuovere l'educazione ecologica del cittadino mentre loro consapevolezze problemi ambientali
Che significa che le amministrazioni hanno un dovere di disseminazione delle informazioni ambientali l'informazione ambientale dovrà essere resa disponibile cittadina anche in mare
Anche senza la richiesta da parte dei cittadini ed è quello che volete riscontrato attraverso diffuso vegliardi alcuni di una parte le informazioni in possesso l'Amministrazione Matera mentale vari siti degli spero che l'ARPA o degli affari generali in giro per l'Italia
Che forniscono cittadino una serie di informazioni in materia ambientale
Poi bisogna riconoscere sostenga associazioni gruppi l'organizzazione aventi come obiettivo la protezione e l'ambiente ce li stabilisce uno statuto giuridico per le associazioni ambientaliste
La situazione di conosciute come diciamo Po atti atte finalizzato tra i vari interessi ambientali le quali avrei potranno di diritti di partecipazione particolari e di diritti di accesso alla giustizia particolare
In particolare per la convenzione prevede diritti ed obblighi precisi in materia di accesso all'informazione questo poi lo vediamo ancora
Non ho più nello specifico quali possono essere per esempio le ipotesi di rifiuto di fornire un'informazione da parte dell'ARPA lo locale in quali casi può solo solo in tre casi specificamente individuate alla commento della normativa applicativa se l'autorità pubblica non è in possesso dell'informazione richiesta
Ve lo dimostro dovette per iscritto eventualmente come te non pazzo se voi al prezzo arterie dovreste Oreste riscontra ecco informazioni era nella disponibilità dell'amministrazione pubblica
Se la richiesta è manifestamente abusivo formato in modo troppo generico è chiaro che non posso andare all'ARPA che mi dia tutte le informazioni mentali che ci sono sulla sulla gestione dell'ambiente regione Lazio la domanda deve essere specificata individualizzata come si dice
Oppure se la richiesta concede documenti in corso di elaborazione e questo in modo che il motivo di rifiuto più ampio perché il seggio analisi contrastata ancora elaborati non sono state ancora rese disponibili caro di quel caso
L'Amministrazione può facciamo evitare di dico di conferiti nel dire
Di fornire queste informazioni dicevo queste queste cose sono state introdotte a livello europeo con la direttiva due mila tre però quattro CE la Comunità europea
E mi avvio verso la conclusione così esprimo togliervi troppo tempo il secondo pilastro della convenzione dicevo
E quello relativo alla
Partecipazione dei cittadini che in Italia vi attraverso le procedure VIA inviasse confermatemi del dibattito a un passo a parlare del ci sono domande specifiche
Che possono essere poste rispetto attività concrete non sul fatto che appunto è distante
C'è un militante e il terzo pilastro è quello relativo all'accesso della alla giustizia a cui un accesso i tribunali per contestare le scelte in materia di politica ambientale operate dall'Amministrazione
Che cosa si intende però per informazione relativa alle politiche ambientali e la stessa per evitare abusi da parte dell'autorità nazionali e la stessa convenzione che mi fornisce una definizione
Si intende vediamo che c'è anche abbastanza ampia si intende per informazioni relative all'ambiente qualsiasi informazione disponibile in forma scritta visiva sonora o contenuta nelle basi di dati in merito allo stato delle acque dell'aria del suolo della fauna della flora
Del territorio e degli spazi naturali
Nonché alle attività un misure che incidono o possono incidere negativamente su gli stessi
Nonché ad attività o misure destinate a tutelarli ricompresi misure amministrative programmi di gestione dell'ambiente
Dunque vedete che la normativa l'opera conferisce effettivamente una serie di diritti abbastanza c'è un preciso sia abbastanza ampi che vanno tra utilizzati dei cittadini ed ha fatto conoscere anche
Siamo la questa possibilità perché molto spesso per esempio non c'è consapevolezza almeno dalle parti da parte del
Associazioni che tutelano interesse mentale della possibile di interagire con il pubblico sulle scelte di politica ambientale
Presento in Italia ancora poco so ancora ancora poca la partecipata anche perché poche la sensibilità della nostra politica la partecipazione dei cittadini alle scelte ambientali c'era al processo di scelta
Esso perdoni solo che è successo il mal di Suso oppure altrove in Italia a Taranto
Quinta immensamente sono sia ancora poca sensibili sigilli rispetto di questi diritti perché poi è chiaro ecco
Sotto l'insegna la politica i diritti fosse Stracca brevissima fece cd cittadino i singoli rispetto dei diritti delle garanzie che sono previsti chiariti questi diritti rimangono sulla carta e rimangono rimangono lettera morta
Tra ci sarebbero anche altre cose da dire ma non voglio abusare della vostra disponibilità poiché me ne possiamo parlare anche diciamo sulla su casi specifici chiudo semplicemente con
Un appunto siamo una un'ultima un'ultima annotazione
La partecipazione cittadine fondamentale per la crescita di una di una democrazia ed è chiaro quindi
Che a volte bisogna anche rischiare di essere rompiscatole o fastidiosi dico scusi entità fatica democrazia perché senza ecco servita a fine luglio ma so che cosa il palinsesto pratica
Perché però
L'esercizio dei diritti è una pratica costante che va matura costante nel tempo perché conosciamo i diritti come libertà qua non sono esercitati quotidianamente continuamente costantemente
Sì diciamo
Regrediscono vi si tengono non effettivi e non efficaci quindi e abolire associazioni cittadini ai gruppi organizzati che partecipano alla vita politica democratica che spetta che spettano queste attività
Ai tecnici del diritto dei privati e di di di aiutarvi a trovare gli strumenti necessari e individuare quei che sono i percorsi istituzionali più utili e più confacenti pertanto chiama signora Jervolino
Parlava della possibilità di ricorso alla Corte locale diritti dell'uomo in materia ambientale parlava del di un caso campano che ho seguito anche ampio seguito anche da vicino
Quello relativo agli abitati abitante comuni presso gli anni che hanno citata diciamo hanno invocato la parlate responsabile alla Repubblica terapeutica c'è l'articolo due la convenzione o parte sui diritti dell'uomo e del cittadino
O per quanto riguarda la gestione dei rifiuti e dei rifiuti in Campania queste attività che all'inizio potevano sembrare velleitarie siamo destinati a poco hanno comunque contribuito a smuovere a smuovere la situazione
Io stesso sono stato patrocinatore di cui alcuni comitati locali che hanno già seguito la vicenda delle discariche nella provincia di Caserta cura di Santa Maria la Fossa sub vicino a quel gioiello architettonico vera capitello abbiamo tutto il diciamo la la vicinanza anche la Commissione lo diceva prima mi Corinaldi il commissario per l'ambiente il quale ha disposto delle visite sono insieme alla a tutto lo staff della Commissione oppure c'è stata anche mi sia parte le Commissioni del Parlamento europeo
Queste cose che possono sembrare piccoli contributi in fondo al nord aiutato a risolvere la vicenda fare in modo che una vicenda che potete andare l'agenda politica
Menis locale di cui sopra una vicenda politica europea perché poi queste
Perché si tratta di applicazione del diritto europeo del diritto città europee a dire disse anche la vicenda di carattere giuridico perché importante e il diritto a questo serve a
A gara a garantire i nostri diritti a fare in modo che anche davanti al potere
E i cittadini possano pretendere l'effettiva rispetto di quei diritti e posso pretendere che anche il potere debba sottomettersi alla legge cosa che poi l'Iran non sempre succede perché abbiamo un potere pubblico straripante che molto spesso prescinde diritti di cittadini
A logiche di autoconservazione e diciamo audio autoreferenzialità che non sono quelle siamo credo tutti dobbiamo auspicare
Ringrazio veramente molto il professor Barletta soprattutto perché
Insomma ci ha dato anche una chiave di lettura per un'iniziativa poi da parte degli stessi cittadini per partitiche
Tematiche che sembrano apparentemente difficile lontani da affrontare in quanto il singolo cittadino invece possano essere poi distinti di quanto non sia spetti
Perché il tema dei diritti poi se uno lo trascura è più facile continuare a trascurare o piuttosto che riprenderlo in mano non sa se Paesi presso il Barletta ci vuole lasciare i suoi appunti
Quindi possiamo
Si potrebbe pensare di fare anche un piccolo manuali visto che lui è stato molto schematico e molto preciso
E su questo tema fare appunto diciamo manuale qualitativo da divulgare attraverso più fonti possibili in modo che tutti i cittadini sappiano quante semplice far valere i suoi diritti se soltanto provenissero
Ora io inviterei visto che è stato richiamato ancora una volta il tema della trasparenza a parlare Gianni dannati è appunto l'altro iscritta la situazione
Radicali Roma
E indicare anche a sedersi qui se vuole a chiara Bortoluzzi che se è unita hanno io oggi che la ringrazio anche la signora
Danni
In
No
L'Italia fratelli allora
Grazie

Pazienza
Tant'è vero
Annuale ma
Sì buongiorno a tutti
Io ho fatto un piccolo report sul sito del Comune di Roma insieme Alessandro De Pascalis che mi ha dato una grande mano perché nella
Nel nel controllare il sito del Comune di Roma
Circa la l'ottemperanza alla alla nuova legge sulla sulla trasparenza che entrata in vigore nell'aprile del due mila tredici e che innova profondamente
La trasparenza e il
No
La trasparenza e de delle pubbliche amministrazioni diciamo che la legge molto precisa che anche molto
Innovativa perché standardizzati
Il
I siti istituzionali tutte le amministrazioni pubbliche
Che siano comune che sia un un ospedale università devono tutti quanti a vere un uno schema che è sotto la voce amministrazione trasparente
Che uniforme che dovrebbe essere uniforme e che quindi è un allegato la legge che ogni cittadino se lo può scaricare sono tre pagine e può molto facile dovrebbe può fare molto facilmente fruire riuscire a farlo il sito
Il Comune di Roma
In questi giorni ultimamente sta aggiornando il sito sta mettendo a basti numero
Considerevole di di dati tant'è che mi ha un po'falcidiato l'intervento perché
In numerosi settori sia sì sì sono hanno inserito hanno inserito diversi dati non sempre in modo
Il modo con non sempre modo completo
Il grosso problema è che è fatto
Cioè non rispetta lo schema della del di questo allegato alla legge per cui è molto difficile trovare alcuni dati tant'è che ad esempio sulle municipalizzate
Mi sembrava effettivamente assurdo che non non non ci fossero i dati sulle municipalizzate però poi alla fine sono uscita trovarlo ma non se non soltanto vada pochi giorni sono riformati a quello che prescrive la legge
Nel fare di questo questo e fare nel fare le fa ridere questo breve report
Offese l'esempio due città che invece sono
All'avanguardia e rispettano ovviamente la legge ma vanno oltre perché credo che comunque
Sia FIAT cioè sia giusto e raffrontarsi non soltanto a quello che dice la legge ma anche a esperienze di
Di avanguardia perché per il problema
Della trasparenza che quando c'è purtroppo in Italia viene vista ancora come
Una un accesso burocratico amministrativo però non è che la la pubblica amministrazione deve concepire vorrei favori o diciamo digitale ma dovrebbe garantire assistenza perché propri organi politici per poter
Conoscere meglio i dati e quindi la realtà e poi anche ovviamente i cittadini
Un un approccio un approccio scientifico sui dati
Che sono il cardine si attendeva da parte dei cittadini per poter deliberare valutare le scelte sia anche per esempio per le imprese che possono determinare i loro diversi settori di di business ma soprattutto anche politici
Che si basano su su dati concreti
Come abbiamo sentito prima sul primo relatore sull'emergenza rom quanto i dati sconvolgono completamente la realtà che i media ci parlano ditemelo divulgano sull'emergenza rom oppure anche su sulla giustizia purtroppo la l'approccio che
Scientifico ma non è che ci vuole
Grossissimi competenze spesso basta semplicemente approfondire magari anche soltanto sul sito dell'Istat che la fonte principale in Italia
Di dati per capire che in realtà il problema
Non è spesso il per il la
L'alla non conoscenza dei dati capovolge trasforma completamente la la realtà stessa allora
Allora
Dunque intanto il primo problema gravissimo vulnus è legato proprio al personale nel senso che come sappiamo
Dopo le polemiche legate al saldo aroma ti senti dopo le polemiche legata al salvarono ecco lamentarci sulla sua quasi amministrazione trasparente e qui tutti i Comuni e tutte le amministrazioni pubbliche sotto la pace amministrazione trasparente devono
Dare tutte queste voci
In cui
Uno dove trovare i i dati dati indubbiamente informazioni dati e documenti
Atti non è soltanto una questione numerica ma sono anche la trasparenza su sugli atti ecco dicevo la
La tra questo e il personale Roma Capitale
Non non da un conto della fa un una buona a analisi su sul personale in dotazione
Però non ci dice il costo annuale le spese annuali allora
Comunque
Allora
No ecco qui c'è un primo report
Che
Ci dice
Quanti dirigenti amministrativi tutti questi dirigenti mi sono trecentoquarantuno dirigente a Roma
E
E questa con la frazione organica un po'più nello specifico
Nei vari settori leviamolo famiglie non sono diciamo sono posti dipartimenti poi spesso si sovrappongono però
E qui abbiamo tutti
Qui abbiamo il report sul personale ci dice precisamente quanti sono
La
Le false esso medio la bensì l'esame del sesto la la formazione ecco qui presente
Qui per esempio è interessante vedere come
Dal due mila due del decreto c'è stato il picco di assunzione di di personale e ventisette mila trecento poi piano piano sono scese
Fino a ventiquattro mila per poi risalire per un paio d'anni per poi arrivare nel
Nel dura nel due mila dodici a ventiquattro mila
Ecco esso quindi alla il decremento e poi vi trovate ecco mi stupisce abbastanza dirigenze stare tecnologici e informatici siamo soltanto tre
E mentre invece di centri amministrativi siano ottantasei quando in realtà si punterebbe a uniformare per il perito il per gli altri funzionari la pubblica amministrazione uniformare la competenza amministrative la competenza
Informatica perché spesso si stile a blackout fra
Chi ha una grossa competenza informatica ma non riesce a quale tradurlo in
In
Infine nera in diritto N in legge o comunque in in atti di amministrativi e chi invece ha una competenza amministrativa ma non conosce le tecniche gli strumenti per
Tradurlo in
In uno strumento fruibile digitale
E quindi qui la diciamo la c'è Ciampino fatti di censimento piuttosto buono però appunto manca la
Qui sono dirigenti con i vari curriculum manca la la spesa generale non si sa quanto spende il Comune di Roma per i dipendenti mentre invece standards se andiamo sul Comune sul sito del Comune di Firenze
La prima cosa che si vede sempre amministrazione trasparente come vedete
Cioè
Uniforme dappertutto
Ho personalmente
Eccolo qua
Ecco no
Subito una in PDF semplicissimo
Dove ci dice
Si spendono centosettantotto milioni di Euro navata questa imposizione IRAP
E e quindi si ha subito l'idea senza ha bisogno di andare a fare
Somme o molto più tutto molto più condensato mentre invece comune di Roma tende a essere molto frastagliato è molto difficile
Difficile fruizione spesso ci sono differenze fra un dipartimento e l'altro dibattimento da un dato l'altro non lo dà
E quindi sia un po'di difficoltà nella nella
Nella fruizione del sito
Ora non vi non vi chiederei troppo sull'andare a controllare a scandagliare voce per voce però qui importante ecco metto metto i tassi d'assenza non sono molto sono otto uno anno per anno performances di presenza abbastanza
A abbastanza buone e però manca la voce belle dei premi al personale dirigenti e sappiamo la propria amministrazione c'è questo sono questa Commissione contratti collettivi e contrattazione integrativa spesso nei contratti integrativi
A diventare privato però nel pubblico si tende a soprattutto nel pubblico si tende a dare premi molto generosi interesse è la semplice presenza per la la facilità di usare il computer è come se il Comune di Roma nullo non non ce lo rende disponibile
Parole
Io andai vedere le
I bandi sovvenzioni con contributi e sussidi questa è stata la prima voce che già il Governo Monti nel due mila dodici voleva ha imposto per legge di inserire poi è stato ripreso appunto
Era operano una un attiverà un un articolo della legge di una Veneto Sviluppo costato ripresa dalla legge
Che quindi diciamo cioè ci deve essere un un censimento un albo di tutti i fruitori di sovvenzioni contributi sopra i mille euro di qualunque amministrazione pubblica quinta atto manca non non si può recare su quella in cui i precedenti contributi
Dell'affitto
E soprattutto
Il Comune di Roma mette questi filtri che da un lato facilitano se fossero fatti vari faciliterebbe ero la ricerca
Però appunto non sono fatti molto bene quindi uno perde tempo a ovviamente Codice fatevela non si può sapere quindi però magari la moglie all'individuazione non ma non va inserita perché se le anzi inserisce si si si perde completamente nella ricerca quindi
Conviene andare lentamente a cercare l'anno cercare la il Dipartimento e vedere
No allora
Per esempio avevo visto Kuhkan
Politiche sociali due mila tre io penso sempre una nel due mila tredici o il due mila dodici perché data la legge fa la chiama dal due mila undici però
Dai margini di
Così di controllo o meno stringente e cosa c'è qui
Finalmente si apre
Perché non siamo pronti
Ecco non saprei proprio perfetto vediamo dove la dote e
Oppongono
Esatto vediamo due mila dodici tanto no era per far vedere che spesso
Ci sono tu quel cioè un cittadino può vedere quanto quanto stanzia e il Dipartimento delle politiche sociali
Però
Va bene faccia da un'altra cosa allora però ecco non si non si non solo non si è offerta dell'estremo dell'atto quindi ho anche se certo non si apre un succede in questo caso quindi non si riesce a capire i ha conferito la somma cioè ma non sa bene perché cosa e chiaramente
è abbastanza inutile a quel punto mette pubblicare la spesa
Va bene se andiamo indietro ne avete un'altra
Pagina
Informo
Allora il bilancio
Ecco il Bilancio eh
è un file pdf come uno si aspetta però
La cui fruibilità abbastanza sono
Diverse centinaia di pagine bisogna avere un po'di competenza ragionieristiche la legge prevede che sia
Tutto sintetizzato in scala dei grafici che
Di facile fruizione anche a chi non è dotato di competenze di revisione di bilancio
E questo queste scade grafica e non ci sono sono invece andiamo che cioè ovviamente il bilancio ci fidiamo di quello che c'è qui c'è anche una un unico pdf
Sia il
Questa io pensavo di trovare la scannerizzazione questo però è una non fa il PDF caricato si attuale qualcosa ancora di scannerizzazione messaci ancora
Esatto non si può fare la ricerca dentro diciamo che c'è un quadro molto generale molto generale
Questo
Va bene
Previa scalino coinvolgerlo
Va beh comunque non mira il
Dico un'apertura di citarlo
Ok qui comunque siamo sempre nella nell'ambito comunque di di un così di un
Di un PDF molto ovviamente chiuso
E non non non ciclisti non qualcosa ce l'hai non troppo fruibile se invece si va sul sito del Comune di Firenze sì come differenze fa due cose allora
Una che diciamo extra legem che
Che ok va be'sempre solido pdf B non me lo faccia dire come quello di Roma perché comunque però fa anche questo qui che adotta un software perché fa open poi su questo chiaramente non è prescritto dalle già un in più che fa il Comune di Firenze
Adotta un software che ha
Ciò ha creato la Fondazione open Police sin qui molto schematicamente anche in modo abbastanza intuitivo si possono vedere
I flussi e gli stanziamenti per le entrate
Si può andare a vedere anche qui ci sono piccolo grafico sull'autonomia impositiva
Di tendenza radiale dalla
Le entrate
La variazione del tariffe insomma cioè piccolo report chiaramente perché non ha alcun valore bilancio ragionieristico ma semplicemente per farsi un'idea
Ecco vogliono che entrare nel nel dettaglio dei vari flussi quindi
è abbastanza semplice e e a un Oppus in grado di dettaglio più che
Per vari anni quindi veniamo fino a dove arriva ecco che ho detto al due mila tre
Comunque la cosa più e piante volete le uscite la cosa più interessante è questa che qui ci si può scaricare un fa il sipario piace scalinata stamattina in cui
Un facesse V quindi assolutamente open data perché appunto è file di testo che non è proprio di qui non è per fare come di Firenze e che se uno lo ripulisce un attimo quando le sporte in Excel
A nel dettaglio tutte le entrate le uscite i servizi addizionali IRPEF tutte nel medio e nel nel dettaglio la
La il Bilancio sono diverse voci
Quindi se uno si perde un po'di tempo può veramente andare a vedere come sì fosse espresso tutte le spese come il Comune di Firenze
Spende spende i suoi soldi
Se andiamo a vedere la pagina sovvenzioni economiche
Bene infatti essi sono
Già questo
Mentre nel pubblico
Va bene
Da questo punto uno diciamo e lo stesso si può fare per quella quel file quel Pd attorno visto prima che non si apriva su Roma sulle stese sopra i mille euro
Quindi si può facilmente rintracciare
Ogni spesa sopra sopra sopra Milano ormai l'alta anche Roma tutti i Comuni ormai tracciano dagli zero in più cioè dallo dallo Zaire che qualcun atto a costo zero comunque viene
Viene tracciato ogni mille euro è una così per un margine ha dato il Governo ma poi realtà
Ci sono anche somme molto inferiori sia a Roma in altre città
La cosa importante che fa a Firenze che fa proprio portale open data
Addirittura c'è la possibilità di interagire quei cittadini che chiedono
C'è la possibilità tramite Twitter addirittura di vedere un data sette e la nella dell'Amministrazione sprona e garantisce fra il cittadino a
A chiedere nuovi dati a dare nuovi dati e
E che e quindi diciamo chiamo in causa i cittadini in questa partecipazione attiva assoluto sulla sulla trasparenza
Interessante anche
Sono le opere pubbliche
Che nella legge è molto innovativa perché per esempio la legge dice che ci deve essere come il programma triennale dei lavori pubblici ma
Ci deve essere anche
Il parere negativo degli esperti interpellati sull'opera ex ante ex post
Questo ovviamente non non non viene evidenziato nella nel nel sito del Comune di Roma però il piano
Il monitoraggio cioè si può vedere allora vediamo sui vari cantieri
Che comunque già un passo avanti
Dio non è questo
Erano trovo ve lo
Ma
Qui c'è il piano dei lavori dove ce la rendicontazione sempre il file pdf quindi non fruibile
Non finire
No volevo far vedere va bene lasciamo sono in realtà appunto molto lungo perché ci sta lo ritiro ma sono fatti di cose da dire e la legge Global propongono dell'ultima l'ultima
Primo
Cosa sul Comune di Udine che è molto interessante che adotta un altro pro nato sotto il sempre di Opel Polis
Si chiama
Bene anziché cioè non soltanto dai dati ma lente assoluta fa un'anagrafe pubblica degli eletti interattiva e costantemente aggiornata
Su su sui sulla l'attività della della Giunta delle consigli e delle e delle amministrazioni quindi è fatta di operativo per il Parlamento attivano molto simile anche o col Campidoglio però soltanto su Riccardo
Qui invece si ha
Quindi
E qui invece abbiamo tutte le
Rita della Giunta dei consiglieri si può vedere ad esempio consigliere a caso
In ordine queste udinesi
Quindi abbiamo tutta la sua attività
Come a Bosaso quando lo scrutinio non era segreto infestata prova come non al suo atto la sua emendamento sull'ordine del giorno
E qui si sta parlando di di un'esperienza e comunque non è prevista dalla legge sono cosa in più che l'Amministrazione fa perché evidentemente lo ritiene ritiene utile è importante quello di cui si occupa ciò di cui si occupa la consigliera
Il Consiglio in generale con tutti i tassi di assenza Ivo addirittura cioè i voti di di che differiscono dai voti della maggioranza o della del gruppo di cui fa parte degli atti le Commissioni
Tutte le varie Commissioni non ci sono i cui fa parte
E quindi siamo in una un controllo da casa diciamo del del proprio letto e si riesce a interagire medio poi con con
Con con e con il politico eletto
Ora il il su sul Comune di Roma è veramente c'è da dire molto altro un vorremmo babbi perché magari non è molto
Rientra un po'noiosa esposizione però comunque ecco diciamo che generalmente
Diversi dati diversi documenti vengono spetta al Comune di Roma grossi vulnus sono in generale lui il il siete molto frastagliate molto complesso da
Da da controllare
E e soprattutto non è che da si danno le informazioni punto la la la cosa fondamentale per rendere più possibile fruibili e
E soprattutto in modo uniforme molto spesso
In alcuni casi ci sono proprio difformità denti del
Della
Della notizia del dato per cui cerco di un non c'è il curriculum non si può accedere che lo apre male non trovare è in generale non è molto diciamo razionalizzato il sito del Comune
E adesso sarebbe interessante vedere anche quello del
Però
Sul palco del Consiglio regionale perché chiaramente anche le Regioni sono chiamate a
Ad avere dei vestiti molto aggiornati
E l'unico difetto gli unici due grossi difetti a questa legge centotrentatré del del due mila tre sono fondamentalmente non è non si può definire un Cupido Monti information ecco perché ti dice soltanto le materie in cui si può fare in chiusura trasparenza
In cui non c'è più bisogno del diritto
De del dell'istanza di là dell'istanza d'accesso
E soprattutto e soltanto per non tutte le amministrazioni non per un Ministero per la Presidenza del Consiglio dei Ministri o per la Corte costituzionale ma soltanto per per gli enti locali
Quindi
Diciamo che è a metà e rientra comunque in un'ottica amministrativista mediterranea chiamiamola dove autorizzativo cioè
Il spogliati dice tutto libero tranne questo questo e quest'altro che invece si dice
Questo questo e quest'altro sono accessibili devono essere accessibili ai
Islamizzazione all'obbligo di farlo però
Molte altre materie non lo sono e invece
Secondo di PRIT diritto anglosassone o comunque altre esperienze di trasparenza Bernasconi anni Sessanta hanno un altro approccio però questo è un problema di cultura giuridica non tanto di
Di riforme politico
Vivi
Cioè legislative grazie
Ringrazio tanto traccerà lezioni di inglese del sito l'uomo
E funzioni però
La ringrazio Gianni cioè dimostrato come alcuni servizi vari sembra
è certo la tesi vari bandi
Concerti
Per capire anche quando parlavamo di procedure di evidenza pubblica quindi partecipare Bunny se volessero fare società straniere
Comunque ringrazio Giani adesso sono fedele a presentarci un fronte più europeo SI chiara Bortoluzzi che acquistava lavorata anche presso la Commissione ne assistente di Alberto Alemanno che questo professore di
Dite dell'Unione europea verso l'università di studi commerciali di periti
E la quale appunto ci presenterà una prospettiva
Ovvero il tema della trasparenza grazie
Ma allora
Buongiorno innanzitutto grazie a a Giuseppe che mi ha coinvolta in questo in questo convegno dell'ultimo dell'ultimo minuto
Promesse ma i redattori che parlano per ultimi spesso hanno questo compito di fare un po'un riassunto è compito che anche fra dunque un onere diciamo
Ho sentito parlare molto da diverse persone che mi hanno preceduto degli strumenti che Unione Unione europea ha messo ha messo in pratica affinché i diritti dei tutti i cittadini vengano vengano rispettati prima ancora per rispetto perché si
Diciamo vengano fatte presente certe situazioni a al alle istituzioni competenti
Ecco quindi in questo senso mi è piaciuto molto quell'onere
Ha detto il professor Barletta che iniziamo i tecnici del diritto devono fornire gli strumenti ai cittadini perché
S'i cittadini sappiano e quindi abbiano un un potere di agire
Per la per la difesa insomma dei dei loro diritti quindi in questo senso
Io vi presenterò in un primo tempo una sorta di cassetta degli attrezzi di quella che delle possibilità appunto del del del cittadino europeo che tutti voi siete tra poco sarete chiamati a esprimere il vostro voto alle elezioni europee
E puoi per andare proprio su cose concrete per far vedere una delle iniziative che ne abbiamo
Abbiamo ideato per darmi diciamo a tutti a tutti voi
Potere diciamo a o di dimostrerò un un corso on line SMA rifarò vedevamo
Una parte che appunto è finalizzato a far conoscere a tutti di a tutte le persone
Quali sono le che cosa da un lato Unione europea affatto e e cosa può fare cosa voi potete fare come voi potete parlare al all'Unione europea
Quindi iniziamo sarò bere su alcune
Su alcuni degli strumenti perché chi mi ha preceduto ha già parlato di consultazioni ha già parlato di petizioni accennerò brevemente mi soffermerò solamente su quelle che non sono state
Diciamo sviluppate ovviamente l'obiettivo è
Di annoiarvi meno possibile soprattutto perché l'ora Herman tarda ai dunque
Quali sono quali sono questi attrezzi che voi avete nella vostra cassetta che potete utilizzare allora innanzitutto
Una cosa che io ritengo molto importante perché ne ho visto
L'impatto quando si stratta di scrivere una direttiva qui si tratta di scrivere un Regolamento sono le consultazioni pubbliche
Prima che la Commissione europea proponga un'iniziativa legislativa al Parlamento né al Consiglio
Le consultazioni pubbliche sono un piede era a a tutti voi che cosa ne pensate di un dato argomento
Quindi ad esempio porto l'esempio di un ma di vita di vita reale
Quando si è trattato di fare la revisione sulla direttiva prodotti del tabacco
Prima del
Prima del di di iniziare a Stevenson amica stico nel foglio bianco attenzionare che cosa scrivere si è chiesto a tutti i cittadini che hanno diversi mesi per rispondere
Se lo vogliono a a una serie di di domande cioè dire la loro sto per cosa su cosa si pensa che siano le cose importanti per fare una legislazione che insomma non sia
Diciamo lontana da quelle che sono le esigenze in questo caso le risposte sono state ottantacinque mila quindi
Tema ovviamente tutta una serie di attori molto vari ovviamente dalla dalle Società direttamente interessate al-Din agli affetti a organizzazioni non governative quindi tutto diciamo una serie di
Distanze molto variegate
Quindi queste sono le le le consultazioni pubbliche sul sistema di petizione al Parlamento
Ne abbiamo ne è stato discusso anche prima
E appunto alla Commissione petizioni è particolarmente insomma attiva in questo senso e si fa carico di quello che lede viene viene ANEI presentato
Infine
C'è ma cosa che può mai essere molto interessante è che limitativa cittadina europea
Cioè
Che cos'è dire alle alle istituzioni europee
Dire un milione di cittadini dicono alle istituzioni europee
Che vogliono una legislazione su cito l'ultima l'ultima iniziative europea che ha avuto più di un milione seicento
Firme diritto all'acqua
Credo che sia una cosa che
Insomma parla alle vostre insomma coscienza per così dire
Appunto l'integrazione legislativo europeo in cosa consiste un milione di cittadini di sette Stati membri
Questo ovviamente teso a garantire un carattere d'interesse transnazionale di questa iniziativa raccolgono delle firme e presente anno
Quando sono state raggiunto questo questo questo numero di firme fa chiamata invitare al Parlamento europeo
Sono a presentare al Parlamento europeo che cosa loro vogliono pare quindi ad esempio nel caso del diritto all'acqua il comitato che a
Creato questa queste iniziative è andata a spiegare che cosa appunto che cosa volevano e parlamento agli ascoltate la Commissione si fa carico poiché di questa di questa
Di questo desiderio insomma ecco
Quindi questo diciamo un po'
Il la cassetta degli attrezzi cito per ultime una cosa che è già stata accennata brevemente per diverse persone prima di me
Cioè se io mi rendo conto che
Il mio stato membro l'Italia in questo caso o un altro Stato membro a violato uno dei diritti che del
Che mi sono conferiti dal Trattato cosa faccio io posso scrivere alla Commissione l'indirizzo commissaria europea
Di centoquarantanove Bruxelles Belgio se vuole prendere prendere nota questa lindi visto che voi a cui voi dovete scrivere se volete scrivere apposta se no via via e-mail sul sito della Commissione europea su Google credo sia il primo risultato
E
Questo ve lo dico perché l'ho visto quindi non sono bellissimo della storia una grande parte del lavoro delle persone che la che che lavorano e
Risponderà quello che
Lei persone chiedono c'è proprio un obbligo di di reazione io ho letto tante
In italiano ovviamente perché i cittadini possono scrive nella loro lingua madre quindi
Ho letto tante richieste in italiano di persone e chiedevano le cose più disparate sulla normativa di cui di cui non eravamo incaricati quindi non perché
Si è scelta questa cosa piuttosto che operata c'è un un obbligo di giustificare quello che uno fa
Quindi ma rapidamente passerei a che cosa quali sono diciamo le istanze che si fanno carico di quello che cittadini cosa e poi vi mostro la cosa di cui di cui parlavo prima quindi questo strumento per
Far sapere alle persone quali sono i diritti che possono poi chiedere di essere tutelati attraverso questi strumenti con appena che appena finito di dire
Due sostanzialmente sono le lento gli organi diciamo che
Per me sono particolarmente
Importanti da da ricordare cioè da un lato il
Il Comitato economico e sociale che una grande cassa di risonanza delle esigenze
Civili civiche della società civile in generale e il cui parere è vincolante prima
Cioè deve essere il nel senso che veste richiesto prima di qualsiasi iniziativa del
Dell'Unione europea
E non che questa è una cosa che credo che sia molto interessante perché spesso si si capisce diciamo l'efficacia di
Dei sistemi quando le cose vanno male non quando le cose vanno bene la figura del mediatore europeo
Che se ne parlava non se ne parla tantissimo così nel dibattito
Pubblico però è un una figura molto importante perché funziona da è e spesso contrariamente a quello che uno può pensare anche
Come dire preso delle posizioni
Contro l'Amministrazione europea di cui pure mediatore ovviamente una parte insomma
Quindi se
Se si crede che
In un procedimento legislativo oppure scusate il ritardo
Non pure semplicemente nel mio avere a che fare con un con una con I Sezione ARPA o con l'istituzione nazionale credo che
Ci sta qualcosa che non è andato bene perché non
Nono ha potuto avere a che
Documento io non ho potuto fare delle cose che invece mi sono consentito di fare io posso rivolgermi al mediatore europeo di Melania lingua madre quindi posso scrivere posso scrive in italiano dicendo
Descrivendo la situazione dicendo questo no questo ma ne è andato bene che cosa che cosa si può fare c'è un obbligo di farsi carico di questa
Di questa cosa quindi non viene persa nel
Come dire nel in un in una casella Mele paga
Me ma appunto c'è un un un obbligo di farsi carico di quello che uno che uno dice
Tutto
L'ultima cosa che vi dico prima di passare a cose più diciamo movimentate un Regolamento che non non ho sentito particolarmente citare prima o meglio lo sempre citare nelle sue
Applicazioni nazionali cioè l'accesso ai documenti
Il regolamento e perché è importante perché è proprio un accesso i documenti che mi permette poi
Di
Vedere che cosa cioè sulla base di cosa le decisioni sono state prese per esempio e
Diciamo fare sentire la mia voce di conseguenza l'accesso ai documenti al regolamento dieci quarantanove del due mila e uno
Che
Prevede anzi che chiunque voglia avere alcun senso a i documenti che sono stati per esempio dalla Commissione che sono stati redatti
Prima di cioè nel corso di una di un ampio ci dura l'iniziativa legislativa io opposta vera sesso io faccio una domanda
Il Regolamento e molto chiare abbastanza abbastanza breve anche vi invito vi invito a leggerlo c'è scritto che cosa come io posso fare molto facilmente mandando una mini Lonato o per posta normale
Chiedendo che cosa io voglio
Le i casi di eccezione sono gli stessi che ha descritto prima professor Barletta in cui ad esempio se la procedura in Corso ovviamente non non è possibile dare tutti i documenti perché si vuole sono proteggere le il la completa
Somale arrivare a un buon a buon esito della della procedura pignoramenti sono i dati diciamo sensibili che fino a che processo legislativo non si è concluso ovviamente non
Diciamo non non possono essere divulgati
Ora tutto questo parte da un presupposto fondamentale cioè sapere
Quali sono i diritti che l'Unione europea mi dava l'ho detto molto spesso mentre mentre parlavo detti diritti Unione Europea e trattati insomma tutte cose che anche delle persone vedo molto convenire che seguono che seguono il dibattito che appunto tra poco si va si apprestano a votare
Sono concetti un po'Valia volte cioè le persone non hanno bene spesso non fanno bene che cosa succede e succederà io
Vorrei fare una prova per scrivere quand'è quante persone sanno che cosa vuol dire essere la presidenza di turno del del Consiglio
Tanta ante persone con cui parlo più persone di bravissimi molto trasversali non non sa non hanno venite a chiare
Quindi prima di la fase
Logicamente precedente al
Cercare di far valere i miei diritti conoscere da un lato quali sono e dall'altro che cosa è stato fatto
Già ma per garantire questi questi questi miei diritti
In questo senso proprio per per dare un questo potere a questo cioè questo verde inglese molto bello in power quindi cioè proprio
Il sì dare fare a rendere le persone capaci di ma attraverso un processo attivo non diciamo passivo abbiamo creato un
In corso on line gratuito sei ore quindi è una cosa che può entrare nelle agende un po'insomma di chiunque su questa piattaforma
Che il mio valido
Consistente all'estero
La fama distraendo ma dunque il
La piattaforma insistito prima vi descrivo brevemente questa sito che si chiama in inglese con i sottotitoli in francese si se volete a questo e la d'Europa
Ecco lobbying for the public interest proprio questo molto cioè fare in obiter mi interessa è per l'interesse pubblico che credo sia una cosa molto importante perché ci sono degli strumenti con cui l'Europa vuole ascoltare diciamo
Le cose che i cittadini hanno hanno da dire
Ha chiesto
Allora dunque
E ovviamente la e somma poi tutti ho visto tante persone la maggior parte direi compresa con un sano con smartphone in mano con stima queste nuove diciamo perché la legge che
Aiutano molto la democrazia partecipativa quindi quote le iniziative all'interno di questo diciamo
Accordo sono diverso in età adulta con lei peraltro dunque empowerment esperimento e di che e l'ultimo solo la descrizione del del sito quindi sono solo tre
Dicevo prima del corso quindi ricorso rientra sotto educare nel senso di far conoscere
E chiederei quindi di passare all'altro all'altro sito eque Istat
In questo sito ecco è gratuito
Ma che siano sollevate obiezioni questa senza
In questa situazione il il corsa che si chiama scrivete Andes understanding Europe ed è il
Franco ripreso il fatto
E vi lascerei s'è divisa in sei lezioni
Anni ha delle elezioni risponde alle classiche domande giornalistica
Quindi diciamo chi cosa come
Perché
E e le ultime due lezioni sono dedicate proprio a che cosa l'Europa finora fatto per voi cosa voi potete fare nel senso cosa potete richiedere
Vi lascerei con questa con un pezzo del video di di introduzione giusto sì ma per fare vedere un poco un po'di movimento
Pertanto
Sì sì sì ve lo faccio vedere poi faccio un breve assunta diciamo giusto per la stima per per invogliare vi è una pura strategia di
P.O. Matera capisaldi qua FIPE dato no no no no no non è questo
è in atto questo qua
Ugual comprando esteri gli ora quale prossimo presentare deposti sveglio la piena esperienza Fly dopo
Ma è lievitato è tale ma non la protesta dateci siete quale Wally debiti scorso wahabismo alquanto trova o media fermo capisco adesso dite dai piloti adesso coppe quasi tutto il resto
è uguale fra sicuro Pienza hutu che adegui portando Stockhausen Pippo o poi si pone in buona dei campi di lobbying de iure pieni Phil Frost formoso aiu le piene SIS
Io
No io lette canti uguale così buoni Paese idee stessi quale vuole Luiss-Guido promette CIR e li mai laica gli ora i soldi
Per fare in bocca Adlai supporto io debbo avviso episodico adesso quegli obblighi porcata
Alle trattato troppi pochi soldi che l'UPI ha speso troppo speciosi ora ha svolto il mentale e fisica nel bar desume dei stari dello fagiolo decidete quello che fa fare Empire box
Che ne emerge in Ifi insistere o due o Disetti resi in One cancelletti vasta delle brutture intuiti e il canto i seguenti ove del Central
Io qua ho visto qualche università se avvisato viola a uno che utilizza il web vendono sopravanza est-ovest un liti in accolti vendeva stili baluardo sincope warm Berengo sterile
Io reperite queste ASI in fuga volai si avveri tangible web in cui il Simmini ed campo utopistico Indeco io forme in risalto
Gli otto dette Isla oppressivo noi presente Asa no perché mi
A quanto scritto lettori snobbato degli orafi meglio Botin sai e non fare i conti Edison ha previsto un misunderstanding Abba occupò Europe voi visto da
Dessì intensa mensa mista opporci all'ISFOL meni Pippo udon guaste potente ciò ove European la pazzeschi misunderstanding sentivo di Sgarbi a ognuno Works entravo people Nova balle dessimo qui da tre Stefano in quasi
Why the European Union politichese con il cancro
Colgo is the European U.I.L. pure atteso nemmeno i loro piena tragici no quattro dei Uccheddu quegli utilizzabili policy se l'impatto una on line ricorre su quelli e ne a o dei loro piani di Hogwarts
Dei gruppi e mezzo fa molti degli hutu foglio e ruoti Yukio indù poi ora
Adesso noto desumo quindi nottolino Silvio santo eretico noleggio Baiocchi quindi posso proba il San patti con l'esperienza va a ogni ora qua
Di cui lei abbia progenitrici UE Bassey
O meglio del M.O.F. Elephant ove si esegue Biscazzi violazioni di sicurezza
Siamo mai fisico Firenze nobili e poco al Pisa You urbi presente iniziamo del clinico qua Faggetti albanese nel mio cuore e machete impiego Pier Paolo
Quindi a Spezia poco quelle degli usurai con lei degli USA via deve un social media AUSL o peggio di quei colleghi
Plastic di Prodi per il fantomatico
Fino a dieci anni regola queste interdirlo statement che stare insieme è secco essenza quindi anzitutto Bertrand estende master e contento percorsi
E disfare scolastica teste questi exploit ai gli orari
Ma i terreni Ukwuoma più l'Appia gli unionisti audita troppo perché io sto guai malevole spogliarla implicare suoi gli oli eventuali Jones o meglio la pienezza esiste e ruoli stesso Coco di una piena pazzo
Altrimenti
Rapidamente perché preminenti
Dunque in due parole si parta da un da una constatazione cioè che
Noi insomma le persone sicuramente del della mia generazione
Non si rendano pienamente conto di quante cose non sarei non non non si potrebbero fare insomma senta senza che ci sia si sia stato un intervento dell'Unione europea
Che insomma non è solamente vincoli di bilancio quindi
Beh queste anche perché è un fatto
Si accompagna a un paradosso cioè che le persone
La maggior parte non sanno cioè non non
Sono molto lontane da quello che succede a Bruxelles e che è un po'un posto
Ci sono delle persone estranee che dicono si dice
Insomma cose lontane dalla realtà proprio per smontare questo per scardinare questa
Questa idea
Questo questo questo corso quindi appunto fornire che che vuole fare quello che ho detto proprio all'inizio ed è questa
Di questo mio intervento a quella fascia la parola a Giuseppe
Far appunto da dare gli strumenti perché le persone che sappiano che cosa possano fare che è proprio primissimo punto da da ad affrontare grazie
Ma allora ringrazio chiara soprattutto per disponibile alla Smit richiamerei Giuseppe Mazziotti un altro punto militante associazione
Radicali Roma Antonione per il cartellino per indire delle radio
Si tratterà il tema della cultura soprattutto relazioni quindi meno alle riforme a livello europeo
Nessuna
Ringrazio tutti i partecipanti sia tra i relatori sia tram
Ai componenti del pubblico
A questo evento che
A Roma i crismi dell'eccezionalità nel senso che
Da come si è percepito anche dalle relazioni delle vittime preceduto è una città che versa in condizioni abbastanza drammatiche
Anche per la sua il suo isolamento politico culturale regolatorio dal resto d'Europa commenta detto anche il
L'onorevole Rinaldi è una città che anche in Italia
E tali peggiori quanto performances quanto adesione accetti Standard anche di risposta delle Amministrazioni quindi
Mi auguro che quello di oggi sia semplicemente comunque punto d'inizio e chi tra voi non è non conosce attivamente associazioni radicali Roma è letteralmente sta diventando un laboratorio
Laboratorio di legalità
Io sapevo di avere a disposizione un tempo molto limitato perché era la fine della scaletta mi sono occupato ho deciso di occuparmi volutamente di un tema leggero
Rispetto a tutto quello che avete sentito perché parlo di cultura e parlo vi dirò in cinque minuti spero massimo dieci minuti
Quali sono le opportunità che offre l'Europa dal punto di vista culturale giustamente qualcuno ma detto portatore si imprese Pier Gaetano ma ci sono ricorsi da fare in rima in materia culturale
In realtà è una di queste tre in cui e più l'aspetto costruttivo e propositivo che l'aspetto di lamentela raccontare però anche nel approfittare dei fondi comunitari dei fondi europei
Ci sono delle prospettive di censura di lamentela
In di ad di civismo che vanno attivate per far sì che questi soldi in questi fondi poi finiscono le persone veramente ma dei meritevoli
Quindi c'è una prospettiva anche radicale nella cultura
Nella cultura
Sì quello sente una una cosa mi premeva dire visto che siamo prima fase anche più informale perché
Vi è stata la prima parte siamo ma anche più tra noi tra virgolette due cose da chiarire anche perché molti di voi non hanno
Basi diritto europeo
La Commissione non approva le direttive
La Commissione propone le direttive
Cioè l'iniziativa di legislativa a livello europeo spetta alla Commissione così dicono i trattati poi le direttive le adottano
Parlamento ecco inizialmente che adottavano tanto il Consiglio europeo cioè i governi poiché a un certo punto sono insomma di ricavi trattati e il Parlamento con una procedura di codecisione
Insieme al Consiglio approva le proposte della Commissione la Commissione una volta che fa la proposta si spoglia di qualsiasi potere formale
Lancia la palla e poi la palla se la giocano Consiglio Parlamento quindi mi raccomando per
Mi rendo conto che non se ne giuristi però anche per capire bene quello che accade
La Commissione non approva nulla
La Commissione lancia la palla come il biliardino poi da come la l'ANCI ma è più probabile tutta cioè bollano
Però state attenti perché poiché quando noi ci rivolgiamo alla Commissione la Commissione i un organo poliedrico bifronte nel senso che da una parte l'equivalente del Governo
Di uno Stato anche se poi noi non lo è però è fondamentalmente policy maker cioè quello che fa le politiche
No poiché lancia egli è il l'espressione del del democratiche dei cittadini europei le valutano no
Dall'altra parte
Il ruolo della Commissione a cui ci siamo rivolti oggi idealmente con il con il convegno un ruolo di a guardiano del diritto comunitario c'è una volta che il diritto comunitario europeo viene approvato la Commissione la Commissione spetta al cosiddetto Enforcement cioè l'applicazione del per questa ragione da con me che la missione
Apre procedure di infrazioni a questi dialoghi Contini con il Parlamento ai dialoghi Contini con gli Stati membri sente i Governi sulle sulle concessioni balneari la Commissione il cuore
Pulsante dell'applicazione del diritto comma europeo approvato da parlamento e Consiglio sulla questione cultura per le diciamo nonna
Creare confusione
Non ci sono riforme in ambito culturale il
Le le politiche culturali e l'Europa avevano fino a pochi anni fa poco a che fare una cosa che dovete tenere bene in mente visto che in quest'ottica di laboratorio che stiamo costruendo
L'Europa può legiferare soltanto in quelle materie che sono di sua competenza
Non so se è chiaro questo
Ciò non è che l'Europa si sveglia in giorni dice adesso mi va di fare sta cosa per ogni cosa se voi andate a leggere noiosissimi parte introduttiva e delle direttive noiosissimi
Dovete
La la Commissione quando parte ma come uno corridore che deve partire bene la prima cosa che deve fare quando deve giustificare la procreazione in un certo ambito e dire qual è la base giuridica
Nel Trattato ci sono alcune basi alcuni articoli che de definiscono gli ambiti di competenza dell'Unione europea
E definiscono quelle politiche che sono o di competenza esclusiva europea o di competenza ripartita tra Europa
E Stati nazionali
La cultura da questo punto di vista non rientra tra queste competenza c'è soltanto un articolo del trattato fondamentale
Che dice ai legislatori Consiglio Parlamento e alla Commissione come proponente
La legislazione che gli aspetti culturali devono essere tenuti in considerazione in quale che sia ma l'intervento normativo che si fa in in in Europa ora
Il mio intervento molto brevemente non è su
Qualcosa DD non è su un aspetto normativo dell'Unione e su un aspetto di tipo amministrativo che la Commissione di cui la Commissione si è fatta carico
Considerando che
Le politiche culturali cioè il sovvenzionamento dei programmi televisivi del cinema dei festival dei
Delle traduzioni di libri della dell'organizzazione e lo spettacolo dal vivo eccetera a livello nazionale
Poteva vista la sua diversità che grande disparità tra un Paese all'altro
Questo è tanto più vero
Quanto più grandi sono i tagli
Se voi andate a vedere adesso quali sono a le le pile proporzioni in questo momento chi cerca fondi per fare impresa per fare innovazione per fare ricerca
Andate a fare un giro nelle università ormai gli stati tenuti gli Stati del sud Europa sono sull'orlo del fallimento non danno più niente
Danno poco
Quindi se molto sviluppato il ricorso all'Europa come una fonte di finanziamento non più concorrenti in alcuni casi quasi esclusiva perché gli Stati non hanno più fondi
In ambito culturale il progetto che si chiama Europa creativa o secondo la dicitura inglese creativi Europe
è un Fondo speciale creato dalla Commissione
Destinato funzionale tra il due mila quattordici cioè da gennaio da pochi mesi mesi orsono fino al due mila venti per allora finanziare dei progetti
In ambito culturale audiovisivo da una parte quindi cinema televisione produzioni indipendenti
Da un lato dall'altro cultura quindi soprattutto Festival organizzazione di spettacoli dal vivo
Internazionalizzazione della delle belle arti per formative musei eccetera sono tutti gli ambiti in cui permettetemi di dire Roma eccelle
Per il disastro che rappresento
E
Pure se potendo essere la capitale quello europeo e la cultura non non in senso europeo perché le capitali europee della cultura come forse avrete sentito dire nel corso degli anni sono dei programmi di finanziamento dell'Europa
Della Commissione in particolare che individua delle città che anno per anno finanzia con diversi decine di di milioni di euro per rappresentare in qualche modo il
Il cuore delle attività culturali europee in un dato anno questo fa parte del programma Europa creativa adesso per esempio nel due mila quindici la capitale della cultura sarà Monza in Belgio vicino a Bruxelles
E per esempio per il due mila diciannove c'è una Nardo grossa con quaranta città italiane va recita la coltre quale prioritari quali Perugia la legge che stanno contendendo questo titolo perché utili non è tanto un titolo quando dei fondi speciali
Ora
Da qui al due mila venti ci sarà un miliardo e mezzo di euro gestito direttamente dalla direzione cultura educazione della Commissione appena che gestirà in autonomia questi soldi
Che non hanno nulla a che vedere con i fondi messi a i fondi strutturali i cosiddetti fondi di coesione territoriale in ambito culturale e di educazione messi a disposizione dalle regioni dagli Stati ma
Più concretamente alla Regione dalle Regioni per il finanziamento di queste attività quindi c'è una sorta di finanziamento concorrente tra Europa
E Stati anche se qualche volta i soldi fondamentalmente vengono dalla stessa cassa che sono i fondi strutturali però la Commissione rendendosi conto della drammaticità
Della della situazione del finanziamento pubblico della cultura
E del fatto che spesso a livello nazionale i fondi non sono attribuiti secondo criteri di trasparenza
Ha creato questo canale speciale che fino a pochi anni fa non esisteva perché la l'Unione europea e prima la Comunità europea non aveva competenze Matera culturale
Qui non ci sono riforme ciclo delle azioni Capo di Governo stanziamenti veri e propri ora per darvi un'idea di
Un po'Brasile fatto un'idea di diversità tra il canale europeo e il canale Italia italiano barra italiota
Nonché Europa sia ma anche che sia sto parla di isola
Nel senso che non è che in Europa tutti lavorano a morire rispondono subito però ti rispondono c'è un controllo ci sono principi che hanno rispettati c'è una risposta di restare a parte l'amministratore che non vuol dire l'amministrazione dei nostri sogni
Però certo ci sono dei parametri a cui non si sfugge anche perché
Gli utenti della burocrazia europea sono spesso utenti che vengono dal dai Paesi da paesi in cui la burocrazia la loro biografia ben superiori per qualità a quell'europea quindi se risponde a un tedesco ampi l'ambiente andamenti a un inglese in un certo modo
Non te la cavi
E la cassetta degli attrezzi quelli la usano
Ma la usano sul serio
La usano poco perché di solito sono meno scontenti di noi si vergogna non meno di noi ciò non meno problemi di corruzione di no
Però li usano e soprattutto il servizio mediamente alto
Io ieri facendo una piccola ricerca sui interiormente ero rimasto ed e dal diciotto marzo quindi da tre giorni che in vigore una nuova legge per la cultura lo spettacolo dal vivo per il Lazio ora poi ci sono persone di radicali Roma che stanno della Regione Lazio tipicamente più di me
è un è una cosa che è una sorta di legislazione quadro che dovrebbe razionalizzare gli interventi la Regione Lazio in ambito culturale
Interventi di cui secondo me c'è molto bisogno perché io prima di Natale Bindi e rimasi particolarmente impressionato in negativo mi mi resi conto di due bandi che vengono vennero pubblica della Regione Lazio una per il sostegno all'audiovisivo al cinema di fatto
La produzione cinematografica nel Lazio
E l'attività culturali tipo festival musicali ma non solo anche letteraria eccetera questi erano bandi pubblicati
E determinati dalla Giunta con la delibera Consiglio con la delibera il dieci dicembre ma pubblicati soltanto il diciassette dicembre con scadenza il trentuno dicembre
Ora voi capite no voi capite siccome si tratta di uno stanziamento di tanta voglia lo stanziamento di quindici milioni di euro non quindicimila euro non quindici euro
E si trattava sfondo di un exploit della l'amministrativo mi sa di centrosinistra regionale che tante speranze aveva destato aveva non ancora poi disposto alle attese
Io me mi resi conto attraverso la Repubblica vi invito ad un occhio ballo puro con l'avvocato in questo settore anche mi occupo di politico culturale di finanziamento al al musica al cinema mera passato proprio non non l'avevo visto anche ho trovato un comunicato del CONI della sezione della CGIL e quindi da una anche sindacato vi vicino politicamente all'Amministrazione regionale
Che recita questo a fare una sintesi
Apprendiamo la CGIL apprendiamo dalle pagine della cronaca di Roma del quotidiano la Repubblica di oggi ventisette dicembre due mila tredici della pubblicazione del bando da parte della Regione Lazio per la concessione di aiuti alla produzione di film e opera oltre televisive
Il bando prevede lo stanziamento di quindici a milioni di euro sull'esercizio due mila quattordici
CGIL c'è una nota stonata però che pesa sulle attese intorno al bando la scadenza è fissata al trentuno dicembre
Cioè scusatemi e qui c'è il maggiore sindacato italiano con la sua Sezione che opera che opera in ambito di produzione culturale che si meraviglia
Delle due settimane di di di apertura di un bando sotto Natale
Per l'elargizione di quindici milioni di euro allora voi vi rendete conto che questo esempio mi auguro
Poi
Tra parentesi
Dopo la variazione della CGIL il bando è stato più prorogato di cinque settimane
Se l'avessi avessimo protestato noi probabilmente saremmo finiti a livello europeo fare qualche qualche
Esposto ma non
Il bando col cavolo credo scusate l'espressione quel cavolo che lo
Lordo rimandavano ad ogni modo questo vi dà un'idea del perché il ricorso ai fondi europei
Non tanto per le gli operatori pubblici quanto per gli operatori privati
Organizzatori agenti di spettacolo associazioni no profit che abita in ambito teatrale museale
Cinematografico audiovisivo piccole televisioni indipendenti piccoli produttori
Perché il il e il canale europea sia così importante perché ti risponde perché risponde a dei criteri parametri assolutamente oggettivo perché ti dà la possibilità di pianificare nel corso degli anni
Quindi
Il il livello nazionale un livello emergenziale poco trasparenti in via di razionalizzazione e ci auguriamo che questa legge del i tre giorni fa
Possa evitare incidenti come quello che ho menzionato
E al tempo stesso c'è un miliardo e mezzo diviso in tanti programmi di cui operatori anche pubblici ma soprattutto privati soprattutto start-up soprattutto singole associazioni di
Di artisti di
Di cui si potrebbe beneficio con
Le garanzie di cui chiara che ha parlato grazie
Beverello carenze segretario dell'associazione tale avverrà la chiusura e lasciare
Altissimi indipendente mandarci sana
Non
E allora ci è rimasto giusto il tempo per alcuni ringraziamenti
Perché la giornata è stato molto fruttuosa
E di altissimo livello come tutti voi avete potuto notare
Questo è anche un orgoglio per l'associazione di cui sono Segretario
Veramente i primi ringraziamenti andrebbero a una lista
Che potremmo vedere nell'ombra di quella quasi speculare a quella che avete visto degli interventi dei relatori anche molto importanti per tutti i compagni che hanno lavorato a questo Progetto a questo convegno lo hanno fatto con un entusiasmo
Veramente che non si trova in altri movimenti politici lo possiamo dire
Premette questo il primo grazie è che il vero grazie sincero grazie a tutti coloro che non elenco nemmeno perché dimenticando mere qualcuno
Farei peggio e non meglio però loro sanno e tanti veramente hanno lavorato nell'ombra in maniera efficace
Arrivando a una sintesi finale che veramente ha stupito tutti noi stessi che ci stavamo lavorando cioè anche la creazione degli abstract che troverete Li Calzi riconsideri prendere cioè c'è un lavoro
Veramente che arrivata sintesi così in maniera del tutto naturale molto bello voglio anche dire voglio dire un grazie a Matteo Renzi che è andato il Presidente del Consiglio è andato a Bruxelles per parlare del nostro convegno
E infatti Barroso gli ha detto stata corto perché ci stanno le procedure di infrazione e che noi riteniamo sott'occhio speriamo che il nostro lavoro
Per quanto oggi dispiace rilevare differentemente da come capita molto spesso alla nostra associazione che c'erano pochi giornalisti is immancabili Radio Radicale audio-video grandiosi
Spinelli Barrili l'edilizia rosse i blog che ci ha già annunciato il convegni e quindi anche a loro grazie per essere qui è un peccato per gli altri sono persi
Un convegno molto interessante
Abbiamo detto appunto
Quindi questi due giorni c'era questa questione l'Europa c'era la questione dell'Italia che andava all'Europa e l'Europa che risponde attento
Perché sei sotto scacco
Ovviamente sono piani diversi ovviamente il convegno nostro si muove in una realtà locale che però comunque rappresentativa molto rappresentativa di quella nazionale e poi da Fini Europa speriamo che Mazziotti sì Mazziotti giustamente dice sono proposte speriamo che invece
E il nostro lavoro fra le faccia diventare in qualche modo effettive come ci auguriamo anche perché appunto
Le questioni sollevate ne ha parlato Jervolino per quanto riguarda Malagrotta ma potremmo fare i sì tanti casi esempi di persone coppie che a grazie all'Associazione Luca Coscioni sono rivolte
A all'Europa la Corte europea dei diritti dell'uomo e hanno avuto giustizia hanno smantellato fisicamente una legge abominevole iniqua come quella quaranta fino ad arrivare alla questione carceri come giustamente ha sottolineato Rita
In questo cercherò di essere breve ma insomma sulla questione delle carceri se
Stiamo sotto allo schiaffo la spada di Damocle di una sentenza della Corte Europea diritti dell'uomo che la sentenza Torregiani lo dobbiamo comunque il lavoro di
Poche persone cittadini singoli individui esseri umani
Che si rivolgono a mamma Europa
Che forse l'ultimo strumento super partes a cui possiamo rivolgerci visto che il nostro strumento super partes che dovrebbe essere presente a Repubblica viene completamente ignorato quando dice qualcosa alle Camere
La prima che ha detto era sulle carceri con un messaggio vero e proprio l'ultima che ha detto l'eutanasia Gasparella liquidato con l'evidente preoccupano non la faremo mai
Cioè voglio dire non abbiamo altri super partes forse l'Europa continua a essere
Una cosa importante che rileva quanto questo convegno sia effettivamente sì è un punto d'arrivo del lavoro dell'associazione radicali Roma perché da mesi che noi lavoriamo su queste cose e da anni che combattiamo su queste cose ma anche un punto di partenza perché ci faremo da radicali
Io prima quando sentivo Amedeo Barletta non so se perché lui ha citato si era vitali sia la convenzione di Orus
Ma sembrava che quando parlava della convenzione Lorusso stesse parlando in qualche modo dei radicali
Perché i radicali mettono a disposizione
Il loro strumento
Di battaglia la loro competenza specifica giuridica politica e in qualche modo trovano lo strumento affinché poi se ne doti il cittadino l'associazione il Comitato
E se ne faccia tesoro spesso i radicali viene dimenticato anche per essere stato il motore di questo movimento tantissime cose che vedete
Arrivare al finanziamento pubblico ai partiti con movimento di Grillo non sembra una cosa mai sentita invece chi l'aveva iniziata è sempre stato i radicali vincendo anche un referendum
Che è stato disatteso poi diventato rimborso elettorale adesso non verrà disattesa la battaglia la vittoria dei Grillini nel momento in cui così poi troveranno un'altra forma per
Mi avvio alle conclusioni no ma avete sentito la Camusso ieri da intervenuta da Ercolano
Si è svegliato e ha detto ACI bisogno di illegalità e trasparenza per la questione dei rifiuti a caspita finalmente siamo arrivati anche a questo
Basti pensare che grazie Ricardo margine al lavoro di Massimiliano Iervolino al lavoro del della nostra associazione anche
Quella che era magari solo prima Malagrotta diventato un'inchiesta ancora più approfondita i reportage ed Emanuele Luca con Andrea Turi che hanno fatto sulle altre varie discariche lo dimostrano fino al punto di arrivo che anche esso punto di partenza di una gara pubblica dei rifiuti
Che Maggi come prima cosa non contento che dopo dieci giorni di sciopero della fame
Si era pure discussa nell'Aula consiliare Campidoglio è approvata all'unanimità la sua proposta di anagrafe pubblica detto subito noi l'ulteriore passo sarà che tutte le città
Italiane si dotino di un'anagrafe pubblica dei rifiuti dobbiamo farlo sapere alla Camusso in questo senso perché
C'è già una richiesta di questo tipo però già si sta dimenticando
E dopo passerà come l'anagrafe Camusso dei rifiuti probabilmente
Quindi ecco solo per dire questo
Se troviamo gli strumenti in Europa
E li troviamo a favore dei cittadini che poi potranno utilizzare a loro volta e questo servirà a noi non per candidarci alle elezioni europee perché non siamo nemmeno candidati né per vincere qualche lezione imminente ma soltanto perché
E la nostra condotta ed è la storia del nostro movimento in cui Pannella
è rappresentato in ogni pillola anche dei nostri interventi
E quindi a volte a è quasi superfluo che ci sia lui nel senso che invitato sì ma ascoltare quello che diciamo noi come qualcosa di assolutamente radicale
L'ultimo ringraziamento a tutti voi che avete riempito questa bellissima Domus talenti che altrettanto ringrazio profondamente perché ci ha messo a disposizione questo luogo praticamente gratis
E spero che appunto essendo soltanto un punto di partenza che ci incontreremo molto presto per nuove iniziative opporsi sostenere quelle che stanno già avviandosi in questi minuti grazie
Un ultimo grazie lo dobbiamo fare un altro nome Stefano Vitelli che allestito un catering dalla Madonna
Ciò a tutti
Martedì tutti i martedì alle otto e mezza al partito radicale alla sei del Partito Radicale ci sono
Il un attimo solo ci sono le riunioni dei radicali Roma quindi siete tutti invitati coloro che non siano mai venuti
Minori dire qualcosa
Convegno
Ma
Volevo chiedere una piccola cosa ringraziare anche Stefano Vitelli solo proprio grazie credo che sia poco diamogli almeno qualche spicciolo lasciati proteso al tavolo quando è uscita è grazie
Un ultimo saluto scusate sono Giovanni Lombardi che partecipò a questo convegno che non per caso e dei talenti venditore che tanti talenti da spendere facendo un po'di simbolici mi stupì
La cultura era l'ultimo
Quattro che dovevamo affrontabile mi sembra che può essere affrontato
Nel doppio aspetto della sua realtà che deve convincere i più giovani e quindi diventa un discorso di presente e futuro attraverso quello che ognuno di noi può fare
Io metto a disposizione questa cultura anti atomica che ormai sui giornali viene
Detta però non è ancora possibile realizzare avviene attraverso questo incontro
Che il ventidue marzo si può proprio realizzare una partenza in cui ognuno di noi può ridare
Se semplicemente
Una situazione di tutti i cittadini insieme sanno che i loro diritti primari sono quelli alla vita quelli di cui si discute in ogni singola
Questi diritti sono stati talmente compressi che tutti quanti qui insieme in questa pentola in cui sono stati compressi hanno fatto saltare la pentola allora stanno tutti qui a dire ne vogliano i diritti primari di nuovo
Gli affermati in che modo in questo lavoro specifico che ognuno di noi può fare
E questo fare acquista poi la bellezza del piacere di incontrarsi una polizza che vive quindi i rifiuti sono quell'argomento centrale
Che è stato rifiutato
E che noi dobbiamo di nuovo capire in che modo può essere svolto per una nuova dignità dei cittadini che in una polizia nuova possono di nuovo trovare meno inquinamenti e tutto quello che sembra astratto invece un programma reale
Ecologia uguale economia cioè l'individuo realizza in se stessa la capacità di capire come la grandezza dell'universo in fondo siamo noi che dobbiamo guardarci e non buttare per strada tutte le cose
Grazie arrivederci
è stato aperto un blog
Filosofia del futuro e vediamo che cosa accadrà questo non lo dire a un giornalista qui presente