02APR2014
intervista

Secessionisti veneti: intervista ad Andrea Martella sull'arresto dell'ex deputato della Lega, Franco Rocchetta

INTERVISTA | di Giovanna Reanda Roma - 00:00. Durata: 6 min 34 sec

Player
"Secessionisti veneti: intervista ad Andrea Martella sull'arresto dell'ex deputato della Lega, Franco Rocchetta" realizzata da Giovanna Reanda con Andrea Martella (deputato, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata mercoledì 2 aprile 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Arresto, Carabinieri, Crisi, Economia, Lega Nord, Liga Veneta, Partiti, Politica, Regioni, Rocchetta, Ros, Secessione, Veneto.

La registrazione audio ha una durata di 6 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Delfina Steri Iva Radicev
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Andrea Martella ma il Veneto
Cosa che
Attraversando prima un referendum di cui poi si può parlare perché le cifre che sono state date probabilmente sono tutte da verificare
Poiché oggi la notizia di questo arresto del fondatore della Liga Veneta Rocchetta addirittura con capi di imputazione molto grati
Da parte dei rossi perché insomma sono
Forze armate speciali e quindi se si sono mosse evidentemente avevano avevano loro buoni motivi in un'azione in un'indagine che prevede e ha previsto anche azioni e mi sento in Sardegna
Innanzitutto
Va detta una cosa dobbiamo respingere qualsiasi violenza qualsiasi istigazione alla violenza qualsiasi forma di terrorismo di azioni paramilitari come quelle che sono venute
Alla luce con questa inchiesta di Rosca portato all'arresto di
Tutte queste persone in
In Veneto
Si tratta di un fatto gravissimo
Che non vada sottaciuto che non può essere giustificato
E
Che per quanto mi riguarda dovrà essere perseguito in tutte
Le forme più opportune
In Veneto
Si sta vivendo una fase
Che ha a che fare con una dura crisi economica con la necessità di dare delle risposte
Prigionieri aspettative degli indennizzi che i cittadini veneti delle famiglie delle imprese
E con la necessità di garantire maggiore forme di autonomia di autogoverno
Nel rispetto di una Regione particolarmente importante per l'economia del nostro Paese ma direi anche che non c'è nessuna
Istanza reale che possa portare alla successione all'indipendenza alla divisione del Veneto e guai anzi a pensare di legare proclami secessionisti con una volontà popolare
Il referendum di cui si è parlato fin troppo nei giorni scorsi in realtà ha riguardato una minoranza assoluta diventi con qualche anche meccanismo
Diciamo del tutto e misti ficcante della realtà e che non ha riguardato sicuramente
Il Veneto come Regione risposte che ci sono
Che sono da dare al Veneto sono di altra natura
In questo senso credo bisognerà lavorate per
Lavorarci perché non credo vada nascosto malessere o un disagio ma guai a chi specula su questo disagio separate caso
Mi corregga se sbaglio oggi
Intendeva dire che c'è la possibilità come dire non sorta di Regioni a Statuto speciale per quanto riguarda il Veneto perché glielo chiedo perché con la riforma del Titolo quinto
Forse sarà proprio nella direzione contraria o almeno forse si potrebbe
Non c'è dubbio io penso che non ci sia questa aspettativa nemmeno questa necessità anzi revisione del Titolo quinto del Costituzione apportare eliminare anche
Una parte
Dell'attuale articolo centosedici che prevede la possibilità di autonomia differenziata che era già possibile ci fosse che nessuna
Regione si è realizzata nonostante la guida di lista nel corso di questi anni
Quindi penso che l'iniziativa del Governo di andare verso
Una forma di revisione di quella parte la Costituzione sia giusta
E che in un momento in cui si pensa di eliminare le Regioni a Statuto speciale è del tutto inutile
Ritenere che sia possibile che il Veneto lo diventi
Eliminiamo le Province rivediamo i poteri delle Regioni non credo proprio si possa perseguire una linea di questo genere che porti il Veneto ad avere
Regime di regione a statuto speciale così come ed il tutto anticostituzionale inutile il referendum
Che lo stesso Consiglio regionale su istanza della lega pensa di portare avanti referendum che è stato già considerato non costituzionale che non porterebbe ad alcun risultato
E che adesso viene cavalcato come arma all'interno dello stesso schieramento di centrodestra della lega per rispondere a queste istanze che
Qualche gruppo di qualche soggetto pericoloso sta portando avanti in questo periodo
Alle risposta alle Benito al disagio che c'è la trasformazione dell'economia si risponde con le riforme
Le riforme hanno a che fare con i problemi reali delle persone con la necessità di garantire maggiore sicurezza con la madre due necessità di avere delle infrastrutture più efficienti e moderne a una politica a favore delle imprese di riduzione delle tasse
Con
Anche forme di maggiore
Autonomia e federalismo in questo senso lavoreremo come maggioranza e come Governo
Perché siccome vada in questa direzione e credo che questa sarà la risposta più giusta che risponderà a qualsiasi forma spontanea organizzata per pericolosa
Di varia natura che si potesse creare attorno ad un'idea di secessione ma secondo me sono pericolose
Perché insomma fanno quelli che fecero la famosa azione molti anni fa del Campania
Azzerata adesso non sappiamo esattamente che siano
Risolveremo di Rocchetta Zambello chiarirsi Mandurino conosciamo veniamo agli altri ed è su chi sono come si svolgerà questa inchiesta voteremo un giudizio abbiamo preso
Dato anche un'interrogazione parlamentare Governo questa mattina
Speriamo che prossimi giorni mi sto del dell'interno possa far maggiormente chiarezza
E faremo una valutazione più puntuale ma quello che in questo momento mi interessa ribadire che la violenza e deve essere condannata che non c'è nessuno che può come sta facendo la lega in queste ore pensare di giustificare
Atti di questo genere in nome di un malessere non esiste le istituzioni dicono chiaramente che la violenza qualsiasi forma di aggregazione paramilitare
Va respinta
E
In maniera netta
Assolutamente
Forte da parte dell'istruzione e aziende ce n'è una lamentela del Partito Democratico