06APR2014
rubriche

Rassegna stampa vaticana

RUBRICA | di Giuseppe Di Leo RADIO - 07:00. Durata: 33 min 39 sec

Player
Puntata di "Rassegna stampa vaticana" di domenica 6 aprile 2014 condotta da Giuseppe Di Leo .

Tra gli argomenti discussi: Analfabetismo, Arabi, Assad, Benedetto Xvi, Berlusconi, Bibbia, Carcere, Cattolicesimo, Chiesa, Cittadinanza, Comunismo, Costituzione, Cristianesimo, Cultura, Dottrina Sociale Della Chiesa, Ebraismo, Ebrei, Economia, Ergastolo, Europa, Europee 2014, Filosofia, Francesco, Geopolitica, Giovanni Paolo Ii, Giustizia, Integralismo, Integrazione, Ior, Iran, Iraq, Islam, Israele, Italia, Kant, Laicita', Libano, Matrimonio, Medio Oriente, Minoranze, Minori, Monti, Nazionalismo,
Paolo Vi, Parlamento Europeo, Parolin, Pedofilia, Petrolio, Politica, Polonia, Poverta', Protestanti, Rassegna Stampa, Religione, Renzi, Ruini, Sacerdozio, Scalfari, Secolarizzazione, Siria, Stato, Ue, Unioni Di Fatto, Usa, Vaticano, Violenza.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 33 minuti.

leggi tutto

riduci

07:00

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Professor assai
La rassegna stampa vaticana
Di Giuseppe Di Leo
Diversamente
E
Buona Domenica cominciamo questa intanto appuntamento di rassegna stampa vaticana
Con un articolo di fiammante dire stante pubblicato l'altro giorno sul giornale Medioriente assediato dai fondamentalisti cristiani di Israele si arruolano contro la Jihad
Pensabile pensavano che l'Occidente sarebbe corso loro salvataggio
Poiché illusione caduta i cristiani come gli ebrei sono in Medioriente nemici da abbattere da eliminare
Ci perseguitano fino all'omicidio sistematico ci bruciano le chiese e monasteri denuncia lasciati a luglio cristianomaronita chi vive confini
Del Libano non è più il tempo del Panama Pan arabisti mole prediche dei Clerici indicano la strada della violenza adesso ogni giorno in Siria scrive
Giornalista mi del giornale in Iraq in Libano e più lontano nel mondo mussulmano i cristiani sono la vittima predestinata
E la prossima venuta del Papa in Medio Oriente vi spinge a parlare forte e chiaro almeno dove possono dove c'è libertà di farlo e cioè in Israele
Vogliamo che i giovani cristiani di questo Paese siano completamente integrati nella società
Dice a Nazareth severo autorevole nella sua veste
Dagli orli dorati e nell'auto cappello vero padre Gabriele Nada fu un prete leader greco ortodosso
Un bel viso molto corrucciato in giudice della Corte religioso giudice della Corte religiosa ex portavoce del patriarca Greco in Israele
E predette attivo a dai fa acque Nazareth vogliamo porre fine alla menzogna che ci definisce arabi non lo siamo siamo cristiani israeliani non arabi israeliani
Per sessantacinque anni ci hanno raccontato questa menzogna noi siamo di stirpe cristiana dopo Jebreal la più antica nell'aria sul giocati e spesso convertiti con la forza ci siamo adeguati alla richiesta di essere
Uno bis
Su cui dove un cavallo di Troia gli arabi
Persino i parlamentari eletti nei banchi della Knesset disprezzano la loro incredibile fortuna vogliono la guerra contro Israele mentre ricevono assicurazioni pensioni stipendi alti e soprattutto la libertà
Sanno che questa libertà
C'è solo qui mani minacciano Israele di morte dicono di difendere mussulmani cristiani ma contro occhi noi abbiamo bisogno di essere difesi da loro che ci aggrediscono e ci perseguitano
Cosa siamo noi siamo dei cristiani israeliani come cristiani italiani o i cristiani americani in qualsiasi altro Paese del mondo nove siamo puramente israeliani
Il nostro futuro intrecciato con il futuro di Israele immaginiamoci che i nemici di questo Paese avessero la meglio sarebbe la fine per tutti i cristiani dell'area
Una
Analitica Canalis si e a firma di Riccardo vorrei belli su Avvenire del tre aprile riguardo alla divisione
Dell'Islam politico soprattutto nella galassia sunnita in Occidente ahimè troppo spesso scrive Riccardo Redaelli
Si diffondono immagini distorte di un Islam ma monolitico percepito come una civiltà aggressiva
Che punta a dominare il nostro continente la realtà e band l'idea
Sebbene
La realtà è ben diversa sebbene non priva di aspetti preoccupanti oggi l'Islanda infatti profondamente frammentato al proprio interno
E le violenze compiute inviò al suo nome sono in gran parte il risultato dello scontro tra mondi divergenti di viverlo indichi interpretarlo
Quanto avviene in Siria e l'emblema di come un contrasto geopolitico possa rivestirsi dell'identità religiosa divenendo per questo ancora più violenta e brutale
Da anni l'Arabia Saudita cullare Abbate al radicalismo sunnita si scontra con la Repubblica islamica dell'Iran emblema della civiltà persiane crescita per il predominio geopolitico del Medioriente
Io Luck Libano Bajrami Golfo sono le tante
Scacchiere di questa rivalità irriducibile
Richard e le altre monarchie petrolifere prosegue l'analista di avvenire
Si sentono minacciate da quella che percepiscono comune ascissa degli Sciti una minoranza religiosa di circa il dieci per cento dei mussulmani
Ma molto più numerosa nel Golfo e nel levante la Siria è divenuta un campo di battaglia cruciale abbattere il regime di Assad significava togliere un perno strategico cruciali all'odiato Iran
Da qui il sostegno a cui movimenti sunniti estremamente radicali violenti del sarà finissimo
E del gigantismo che sia uno accorsi in questi anni da tutto il mondo arabo a combattere Jihad contro gli alla Witty ossia la piccola comunità dalle lontane origini uscite
Chi controlla la Siria la Siria e di cui assalto fa parte e che hanno spinto l'Iran nella milizia libanese è uscita di Hezbollah a compiere ogni sforzo per sostenere il regime di Damasco
Colorare Iddio religioso un conflitto giù politico è sempre pericoloso il risultato è stato infatti quello di una progressiva radicalizzazione delle parti in gioco
E le affermazioni di movimenti CAI distinzione di stipare articolarmente ostili agli Sciti oltre che alle altre minoranze fra cui cristiani siriani oggetto di crescenti violenze e minacce
Le difficoltà prosegue ancora Redaelli
Delle primavere arabe hanno tuttavia evidenziato aggravato un'altra spaccatura tutta interna all'attivismo islamico sunnita
Quello tra il cosiddetto Islam politico impersonato dal partito Islam mista di Erdogan in Turchia e dei fratelli mussulmani attivi in molti Paesi arabi finanziati generosamente dal Qatar
Da un lato i dai movimenti salafiti sostenuti dall'Arabia Saudita dall'altro per quanto originale dogmatico l'Islam politico espresso dei fratelli mussulmani appare molto più aperto e meno illiberale della galassia di movimenti salafiti
Il cui integralismo violente ceti Ostiglia tutto quanto non appare loro come veramente
Islam mi con nessun interesse nessuna apertura verso i non musulmani odio verso gli sciiti e mussulmani laici
Che non seguono la loro rigidissima interpretazione della Sharia un dogmatismo che si sposa bene con la rigidità dei sauditi
I quali hanno sempre visto con sospetto l'attivismo politico dei fratelli mussulmani
Per la costruzione di Repubblica
Islamiche
Gianni Ambrosio vicepresidente della Commissione monsignor Gianni Ambrosio vicepresidente della Commissione gli episcopato e comunità europea all'articolo pubblicato dall'Osservatore romano di giovedì
Sul tema dell'Europa intitolato stato confusionale l'Europa non è più in grado di comprendere ciò che avviene fuori dal suo contesto si intensifica il dibattito
Quindi politico sul tema dell'Europa interviene con o anche
Anche le gerarchie ecclesiastiche se e monsignor Ambrosio riafferma sarebbe bene anche in vista degli imminenti elezioni del Parlamento di Strasburgo che ci si impegnasse a far emergere ciò che impedisce di guardare oltre
Un impegno decisamente necessario per superare l'euroscetticismo che si è diffuso in molti Paesi per evitare soprattutto di sprofondare nella deriva populista
Portare indietro l'orologio della storia vorrebbe dire rinchiuderci nel piccolo mondo dei nazionalismi
Certo deve essere assolutamente colmato il distacco tra la cittadinanza da una parte le istituzioni comunitarie dall'altra
Senza dimenticare tuttavia che anche all'interno di ogni Paese è necessario superare quegli ha sfiduciato il solo politica su cui è facile far leva con proclami demagogici
Ricordando che la Costituzione europea è nata sulle rovine delle due guerre chiamati mondiali
Ma che in realtà sono state guerre fratricide all'interno dell'Europa
E l'obiettivo era quello di promuovere la pacificazione partendo innanzitutto dalla cooperazione economica
Oggi ci troviamo prosegue un signore Ambrosio di fronte una crisi che si che una riflessione più profonda e una discussione aperti tale non è possibile considerare il solo aspetto del funzionamento politico ed economico per questo Giovanni Paolo secondo
Nella sua esortazione apostolica e tre sia in Europa che a distanza di dieci anni dalla pubblicazione appare attualissima si esprimeva con parole appassionati agli occhi del Papa chiamato da un Paese lontano da quella Polonia che all'ora
Era al di là della cortina di ferro l'Europa appariva smarrita senza memoria senza fondamento
Molti europei si legge hanno l'impressione in questa esortazione apostolica Ecclesia in Europa molti europei danno l'impressione di vivere senza retroterra spirituale
E come degli eredi che hanno dilapidato il patrimonio loro consegnato dalla storia a causa del loro agnosticismo pratico indifferenti ISMU religioso a Papa Francesco
Chi viene dal nuovo mondo l'Europa sempre invece apparire vecchi affaticata quasi al tramonto forse questo il senso di una sorprendente domanda
Che Francesco ha rivolto ad alcuni vescovi che gli stavano illustrando i grandi valori della cultura europea
Il valore più grande non è la vita e voi europei amate la vita la domanda un po'provocatoria e seria e costituisce il Carso con l'Europa occorre infatti riconoscere
Che almeno in alcuni contesti europei iscrive monsignor Ambrosio geografici ma soprattutto intellettuali sarebbe stata decretata l'espulsione culturale della religione non solo dalla piazza pubblica ma anche dalla cultura diffusa
La situazione drammaticamente seria anche solo esaminando con attenzione le pur superficiali indagini demoscopica si ha l'impressione di una sorta di stato confusionale in cui versano ampi strati dell'opinione pubblica europea
Anche per il fatto che l'Europa sembra non essere più in grado di comprendere ciò che avviene fuori dal suo contesto un fatto singolare paradossale che riguarda una realtà culturale che fin dalle origini ha nominato organizzato il mondo gli spazi
Gli hub sta proprio a principiare
E diffusa la sensazione di non essere più capaci di andare al di là del nostro Pruzzo onde perché ci sentiamo ormai privi di una qualche mappa cognitiva di una stella polare che illumini orienti la navigazione in mare aperto questo significa
E siamo come rassegnati al gioco delle mozioni e succubi del potere decisivo della conoscenza
Tutti gli uomini della Chiesa di Francesco paura simili stessi ben fatta ben costruita dai
Vaticanista de il Corriere della Sera Gian Guido Vecchi su Corriere sera di lunedì scorso
La squadra di Papa Francesco le ultime tre nomine ai vertici della Curia romana sono altrettante conferme
Il cardinale Joao Braz De Amicis come prefetto della Congregazione dei religiosi cardinali diciamo vitto e Gianfranco Ravasi come i presidenti rispettivamente di pontifici consigli per il dialogo interreligioso e per la cultura
Con i rispettivi dice in un anno solo un camion un in un anno solo un cambio la guida delle nove concrete Congregazioni e nessuno tra i numeri uno dei dodici consigli pontifici
Eppure con il primo anno di pontificato scrivere chi Francesco sta cambiando tutto nel Governo centrale della Chiesa per avvicinarsi a qualcosa di simile bisogna risalire di quasi mezzo secolo alla regimi inietta lessi universo la riforma voluta da Paolo sesto nel mille novecentosessantasette
Poche nomine mirate quelle di Francesco almeno finora è una rivoluzione nella struttura di comando la scelta a fine agosto del nuovo Segretario di Stato
Parolini se accompagnata la conferma dei vertici che nella terza provincia si sono meritati la fiducia del nuovo Pontefice nel cioè il Sostituto monsignor Angelo back Sciuto
Il ministro degli esteri Monsignor Domenico Malberti le rispettivi dice ma la prima grande novità strutturale del pontificato il Consiglio degli otto cardinali
Coordinato al cardinale ma radiata chiaro mandato subito la direzione del cambiamento fino alla nascita il ventiquattro febbraio
Di un nuovo e decisivo dicastero la Segreteria dell'economia che il Papa affidato al cardinale Orsoni annunciò espelle di affiancato da un consiglio di otto ettari si astice sette i laici
Coordinato dal tedesco cardinale Reinhard Marx
Tutto ciò significa scrive ancora vecchi che il nuovo Segretario di Stato papale avrà sempre più un ruolo diplomatico internazionali si occuperà sempre meno del coordinamento interno
Sarà la Segreteria economica del vere autorità su tutte le attività relative
Se all'Autority finanziaria resta la funzione di controllo al gennaio il Papa accettatori dimissione del cardinale Attilio Nicora nominato il vescovo Giorgio Corbellini e la sa
Che definita banca centrali diventa pletorica la Prefettura degli affari economici e resta da definire invece la sorte dello IOR
Resta pure da definire il rapporto con il governatorato presieduto dal cardinale Giuseppe Berta illo ma un membro anche lui dell'Ottagono Vaticano
E poi nella rivoluzione di Papa Francesco oltre alle iniziative straordinarie come la nomina della Commissione antipedofilia
Ne fa parte anche una vittima ma ricordo in se ci sono le scelte mirati a cominciare dalla nomina del cardinale Beniamino Stella
Alla guida della Congregazione del clero finora l'unica sostituzione di un prefetto con relativo ridimensionamento del cardinale Mauro Piacenza un uomo potente nella Curia ratzingeriane addivenuto penitenziari maggiore
Significativo è visto il ruolo centrale nel Sinodo dei vescovi le nomine del cardinale Lorenzo Baldisseri ieri a segretario generale di monsignor Fabio fa bene avvince
Come la scelta Segretario di religiosi del francescano io se ero degli Oscar Balyo già generale dei frati minori
Del resto la riforma ridurrà la pletora di pontifici consigli
E questo spiega la stasi delle nomine quanto alle congregazioni ci sono segnali sotto traccia nel dicastero dei vescovi confermato a dicembre perfetto UE lei e promosso segretario il sonde Jesus Montanari
Papà Francesco ha cambiato più della metà dei membri
Lasciato fuori i nomi
Fuori i nomi come il cardinale ultraconservatore americano RAI non le ho buono e il Presidente della Conferenza episcopale italiana Bagnasco in compenso in Prato l'arcivescovo di Perugia Gualtiero Bassetti poi creato cardinale
Segno che gli equilibri e Conferenza episcopale stanno cambiando
Come mostra la nomina a Segretario Generale Di Nunzio Galan Tino vescovo di strada Cassano Jonio dove Francesco si recherà fra l'altro a Giulio
A proposito del burqa burqa il
Cardinale statunitense che aveva ordinato dei scopo
Il
Il
L'arcivescovo attuali di San Francisco Salvador saldature Cordì leone invita eccepisce di origine italiana ebbene anche un foglio riportando a France enti l'arcivescovo di
Di San Francisco non solo coloro che vivono in uno Stato che viola gli insegnamenti morali della Chiesa in modo serio
Ciò che noi chiamiamo peccato mortale non sono in grado di ricevere la santa comunione ma anche coloro che dissentono dall'insegnamento di vino della Chiesa e a dirlo è proprio l'arcivescovo di San Francisco Salvatore Cordì leone
Quel che bisogna chiarire ha detto ancora l'arcivescovo di
San Francisco perché li ho carestia non è semplicemente
Qui siamo nel dibattito reca Concistoro pre Concistoro sulla famiglia che segue anche alla relazione molto discussa e contestata comunque anche il cardinale Kasper qualche bisogna chiarire affermato l'arcivescovo di San Francisco
E che le Okan rischia non è semplicemente un modo per accogliere le persone per confermarle la salute o Carestia il modo per condividere il corpo il sangue di Cristo va bene la Misericordia dunque ma non si può mai spiegarla dalla giustizia
Come da tempo va sottolineando con forza il Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede il cardinale tedesco Müller opponendosi alla tesi di quanto invocano la misericordia divina come soluzione per la riduzione dei peccati
E sul tema del matrimonio papà facendo il completamento là che ti chiesi sui sacramenti a dedicato proprio lo spazio finale dulcis in fundo in cauda venenum a seconda dei fusti
Proprio il tema del matrimonio quindi l'intervento di mercoledì scorso riproposto in o in maniera integrale dall'Osservatore Romano i giovedì tre aprile si capisce come il Papa resti ancorato alla tradizione
Quindi del matrimonio fra uomo e donne non poteva essere diversamente ma anche Citti un documento la familiare scorso cd papà Giovanni Paolo secondo che invece qualche cardinale
A
Consigliera ormai obsoleto oggi concludiamo affermato Papa Francesco mercoledì in udienza in piazza San Pietro il ciclo di catechesi sui sacramenti parlando del matrimonio
All'inizio del libro della genesi il primo libro della Bibbia coronamento del racconto
Della creazione si dice di io credo con l'uomo a sua immagine a immagini di Dio l'occhio maschio e femmina li creò per questo l'uomo lascerà suo padre sua madre ICI mira a sua moglie e due saranno un'unica Carme
L'immagine di Dio e la coppia matrimoniale dell'uomo e la donna non soltanto l'uomo non soltanto la donna ma tutti e due queste l'immagine di Dio l'amore e l'alleanza di Dio con noi
è rappresentata in quell'alleanza fra uomo e una donna e questo è molto bello siamo creati per amare come riflesso di Dio del suo amore
E nell'unione coniugale l'uomo la donna realizzano questa vocazione nel segno della reciprocità e della comunione di vita piena e definitiva
Quando un uomo una donna celebrano il sacramento del matrimonio Dio per così dire si rispecchia messi imprime il loro i propri lineamenti il carattere indelebile il suo amore San Paolo ecco il richiamo l'altro
C'è un punto fermo del cristianesimo dottrina del documentando cromatica Händel
Del cristianesimo San Paolo nella lettera agli Ficini mette in risalto venisse sposi cristiani si riflette un mistero grande rapporto instaurato da Cristo con la Chiesa un rapporto nuziale la chiesa e la sposa di Cristo questo è il rapporto questo significa che il matrimonio risponde una vocazione specifica ed deve essere considerato come una consacrazione qui
Il richiamo alla caudine spesse poi alla familias Consorzio e una consacrazione l'uomo e la donna sono consacrati nel loro amore gli sposi infatti in forza del sacramento vengono investiti di una vera e propria missione
Perché possano rendere visibile a partire dalle cose semplici ordinari l'amore con cui Cristo ama la sua Chiesa
Poi ancora il Papa da fare ma è vero che nella vita matrimoniale ci sono tante difficoltà tante
Che il lavoro che i soldi non bastano che i bambini hanno problemi tante difficoltà e tante volte il marito e moglie diventano un po'nervosi litigano fra loro litigano il così
Sempre si litiga nel matrimonio alcune volte volano anche piatti ma non dobbiamo diventare tristi per questo la condizione umana e così è il segreto è che l'amore più forte del momento nel quale si litiga e per questo io consiglio gli sposi sempre
Non finire la giornata nella quale avete litigato senza fare la pace sempre e per fare la pace non è necessario chiamare le Nazioni Unite che vengono cassa fare la pace
Altre volte io ho detto in questa piazza una cosa che aiuta tanto la vita matrimoniale
Sono tre parole che si devono dire sempre tre parole che devono essere nella cassa
Permesso grazie e scusa
E poi l'Osservatore romano da notizia anche qui mettendolo rilievo dell'incontro il Papa Francesco avuto convegni undici giovani detenuti del carcere minorile di Eurolandia il beneventano
Che scrive l'Osservatore romano sempre di giovedì tre aprile hanno scelto per raccontare il loro incontro col Papa Francesco do un momento fortemente voluto desiderato atteso per trovare ancora più slancio nel percorso di conversione
E segna anche un pieno recupero sociale spiega il cappellano don liberato un maniglione il forte significato dell'incontro con il Papa viene rimarcato anche dal Sindaco di ero là
E dal direttore del carcere ed a tutti coloro magistrati insegnanti volontari che si occupano dell'educazione dei ragazzi che oggi hanno voluto accompagnarlo in questo grande avvenimento
Che per loro può costituire un punto di svolta al termine dell'udienza il Papa li ha salutati uno per uno manifestando grande partecipazione interesse per la loro situazione
Al Papa è stata anche che presentata una concreta iniziativa per i jeans reinserimento dei giovani detenuti del carcere minorile romano di Rebibbia
A promuoverla e l'Argentina Doris Mele Index quindi ogni ex che presto aprirà un laboratorio di Torre stazione di caffè per quattro detenuti e si occuperà poi della commercializzazione dei prodotti sul mercato
Italiano
La frase
Di Papa Francesco che l'amore per i poveri
L'intervista che ha concesso a dei ragazzi nelle Fiandre Vaticano i lavori per i poveri zone comunismo ma e il Vangelo è oggetto di analisti
Quindi un'analisi intanto di una vignetta da parte di del manifesto invece il Papa dice ore per i poveri
Nonne
Il legame diciamo tra il Vangelo il comunismo qui invece su sulla Repubblica cioè un'analisi un po'più meditata
Della vignetta di Adriano Sofri dissi Repubblica dice ieri sabato disinnescare la carica rivoluzionaria del Vangelo
E governare il compromesso col mondo senza arrendersi e il tutto al mondo è stata di impresa tentata dalla chiesa Cristiana e soprattutto cattolica
Ora il Papa pretende di provarci luglio a prendere sul serio il Vangelo benché lo faccia comunque l'affabilità domestici stima
Telefonando attorno e e prendente uscì il nome di Francesco quanto al pop verissimo che ha una ricca e preziosa storia del cristianesimo in quella postulato socialista per i quali Gesù e il primo socialista nel caso nostro si misurerà prima di tutto
Tom sulle unghie tagliati i finanzieri vaticani scacciare un po'di mercanti dal tempio non è ancora un prendere sul serio il Vangelo
Una premessa diciamo c'è un amore sviscerato proseguiamo soffrì per la ricchezza è un rancore irresistibile per i ricchi
Non è facile capire dove si collocherà Papa Francesco fra il grande inquisitore il prigioniero silenzioso dell'amico invidiosa leggenda di Dostoevskij
Se riuscirà a stare dalla parte del prigioniero sarà rivendicando con la libertà di ciascuno di indulgenza la Misericordia
Forse sono attraverso la Misericordia diventa possibile prendere sul serio il Vangelo
Mi si ricordi Urso si considerava il grande inquisitore ogni suo successore per la disposizione sacrificali apprende nessun studi se il peso insostenibile della libertà delle persone
E in cambio stanziarne la fame questo Papa propone un pannicello in cui Gesù e l'avvocato difensore
Scalfari l'aveva sollecitato fino all'abolizione del peccato dell'inferno
Se non l'inferno villa in terra Francesco l'abolito e cioè l'ergastolo quello che la laica Repubblica italiana si tiene caro in barba i principi della sua costituzione
Gli ortodossi conclude
Questo bel pezzo Adriano Sofri chiedono ma da che cosa si deve salvare l'uomo se si predica o si lascia intendere che l'inferno non esiste o se esiste è vuoto risposta dal proprio inferno
Non so quanto tempo adesso ancora a disposizione chiedo all'assistenza tecnica di Bush Aran di deve nel display ecco in questi ultimi cinque minuti
Né allora vediamo di farci entrare due pezzi finale il primo di Paolo Rodari l'altro giorno è stato ricevuto in udienza privata il Presidente del Consiglio Matteo Renzi è sulla Repubblica di ieri
Il vaticanista di Repubblica scrive una religiosità sentita ma vissuta strettamente nel privato quella di Renzi volutamente tenuta ai margini dalla vita pubblica quella dell'amministratore di città che quando decide
Di competere per la leadership del proprio partito di riferimento bassa la campagna elettorale in un solo sullo ius soli ma anche sui diritti civili e riconoscimento del coppie di fatto
Di fatto temi scomodi per legge perché crisi Asti che che non a caso quando sono interrogati su di lui dicono è sfuggente
Non sappiamo come prenderlo Matteo Renzi non ha in Vaticano le entrature che grazie a Gianni Letta e Federico Toniato avevano rispettivamente Silvio Berlusconi e Mario Monti eppure la sua vita religiosa autentica
Custodita nel silenzio di Pontassieve nella chiesa di San Giovanni Guadalberto quella dell'amico don Luciano Santini e anche in casa nei gesti intimi di tutti i giorni il segno della croce prima di mangiare di preghiere della sera
Che dice ho fatto bene che se la moglie messe una sera il due mila nove scendendo dal palco su cui aveva appena annunciato la sua candidatura a Sindaco di Firenze sì abbiamo pregato tanto rispose lei
Richiede sussurrate non solo fra le mura domestiche ma anche in Sardegna durante un ciclo di esercizi spirituali guidati dal gesuita padre un ricco Deidda
Papà Francesco ricevente o venerdì in udienza privata Renzi e la sua famiglia sembra abbia voluto assecondare questo tratto non politico del credere del premier
Che non a caso entrato in Vaticano da una porta laterale quello del perugino dove hanno accesso i fattorini di Santa Marta di domestici e cuochi eletto
Servizio
Il foglio molto opportunamente stanno riproponendo alcuni degli interventi più significativi di Papa Ratzinger perché in un certo senso dando le coordinate della visione culturale di
Questo
Papà
Grande coraggioso di cui io
Nel primo intervento il famoso e famigerato l'intervento di Ratisbona
Nel settembre del due mila sei ricordati ci furono polemiche addirittura il mondo arabo successive l'ira di Dio il caso di dire ma adesso si può veramente credo sia arrivato il momento di rifletterci su questo intervento anche misurarne il valore e perché no eventualmente che contestarmi
La portata il i parametri
Tipi della visioni ratzingeriane e il foglio con Matteo Mazzuca sia intervista innanzitutto il sul intervento Ratisbona il cardinale Camillo Ruini un discorso che definisce il cardinale Camillo Ruini e lo si legge sul Foglio di ieri molto coraggioso
Verso l'Islam il richiamo alla necessità dell'interpretazione e nei confronti delle culture occidentali che viene messa di fronte sui limiti ma sempre con un atteggiamento positivo che consenta di stare dentro la cultura contemporanea
Chiede Mattiuzzi passato alla storia per la frase sull'Islam il punto centrale del discorso di Ratisbona ruotava intorno all'interrogativo se agire contro la ragione sia in contraddizione con la natura di Dio
La risposta è cardinale la polemica di allora fortissima foci dentale rispetto al testo la sfida indicata dall'interrogativo agire contro la ragione
è in contraddizione con la natura di dico e certamente attuale se non altro per il fondamentalismo così ben presenti oggi
Ma costituisce hanno anche una questione di lungo periodo che nel corso dei secoli assunto varie forme l'intervento di Benedetto sedicesimo a Ratisbona ne fa una sorta di presentazione storica Ratzinger inizia con la posizione dell'Islam
Che per esaltare la trascendenza divina tende a slegare anche dalla Regione e la volontà di Dio
Ma poi far riferimento ideologico Siani del tardo Medioevo cominciando con sconto il procedimento con OCCAR me nominalismo parla quindi delle tre ondate della dea e l'iniziazione del cristianesimo
La prima è stata quella della riforma protestante che voleva di Berardi la fede dei condizionamenti della filosofia
Canta agito sulla base di questo programma è così operato una rivoluzione copernicana della filosofia moderna negando alla ragione teoretica l'accesso alla metà fissi
Faccio dalla realtà come tale
Ratzinger pertanto dice giustamente che questo problema a che fare con la storia universale e non è solo una questione di religione
Per lui dal punto di vista del cristianesimo è fondamentale il prologo di Giovanni in principio era il verbo il logos lì c'è già Impradice la risposta alla sfida attuale
Che non è solo quella del fondamentalismo ma in Occidente soprattutto quello della secolarizzazione
Tra fondamentalismo e secolarizzazione ed è certamente un contrasto radicale perché uno opta per la fede seppure concepita su un modo e l'altra per la ragione ma c'è anche un punto di convergenza profondo entrambi sostengono la rottura all'incompatibilità
Trasferite è ragione
Questa è nell'accezione della del concetto di secolarizzazione del cardinale Camillo Ruini
Mi permetto mestamente di avanzare l'ipotesi
Che
Forse forse è il caso
Sia arrivato il momento di concepire il concetto di secolarizzazione non come qualcosa che si distacca dalla religione
Quindi secolarizzazione
Vista come laicismo
Ma piuttosto secolarizzazione come visione plurale delle società ed i problemi della città la secolarizzazione cioè legata nella modernità non tanto alla separazione
E alla straniamento della religione dalla Società cominciare dalla politica
Quanto dal fatto della pluralismo delle opzioni su cui poi si gioca il ruolo che delle opzioni offerte dalla
Dottrina sociale della Chiesa cattolica ma approfondiremo questo tema tema importantissimo che rientra nella
Dimensione della cultura religiosa che in Italia
è molto scarsa come conferma una ricerca del Mulino un rapporto a cura di Alberto Melloni pubblicato dal Mulino che si intitola rapporto sull'analfabetismo religioso in Italia
Un
Libero un rapporto appena uscito di
Quasi cinquecento pagine per chi vuole a vere una visione
Una prima questione sulla cultura religiosa in Italia sotto vari
Profili è un suggerimento bibliografico che avanzo il si chiude così questa
Puntata odierna di rassegna stampa vaticana
Devo dire che da oggi la rassegna stampa vaticana oltre alla sua consueta programmazione alle ore sette di mattina va anche in replica per chi non riuscisse a liberarsi dalle braccia di Morfeo
Alle sette di mattina alle ore sedici di pomeriggio sempre di domenica così da non far torto a nessuno e con questa segnalazione di servizio
Ringrazio per l'ascolto e auguro buona domenica
Essa essa
Abbiamo trasmesso la rassegna stampa vaticana dj seppellire
Questa
E