19APR2014
intervista

Intervista ad Igor Boni sulla sua candidatura nelle liste del Pd alle prossime elezioni regionali in Piemonte

INTERVISTA | di Cristiana Pugliese RADIO - 16:02. Durata: 18 min 21 sec

Player
"Intervista ad Igor Boni sulla sua candidatura nelle liste del Pd alle prossime elezioni regionali in Piemonte" realizzata da Cristiana Pugliese con Igor Boni (presidente dell'Associazione Radicale "Adelaide Aglietta" di Torino, Radicali Italiani).

L'intervista è stata registrata sabato 19 aprile 2014 alle ore 16:02.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Ambiente, Berardi, Centro, Chiamparino, Cota, Destra, Diritti Civili, Diritto, Economia, Elezioni, Garante Detenuti, Giovine, Giustizia, Lazio, Mellano, Partiti, Partito Democratico, Piemonte, Politica, Radicali
Italiani, Regionali 2014, Regioni, Rossodivita, Scandali, Territorio.

La registrazione audio ha una durata di 18 minuti.

leggi tutto

riduci

16:02

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Ci occupiamo delle prossime elezioni regionali in piemontese nei parliamo con un Ca'vi dato con un candidato molto particolare perché è un candidato che viene dalla mondo radicale che si presenta con il Partito Democratico
La Igor barboni che i nostri ascoltatori Bennet conoscono Presidente dell'Associazione radicale Adelaide Aglietta che è candidato alle
Regionali lo ricordo ancora nella lista del partito democratico di Torino e Provincia Igor benvenuto su Radio Radicale
Eccoci qua ottenuto tutte allora prima di e ricordare i nostri ascoltatori perché parliamo di elezioni regionali perché sono lezioni anticipate mi sembra d'aver letto addirittura che la prima volta in Piemonte che ci sono le elezioni anticipate regionali
Coprire così e e però otto ben sai come sanno i nostri ascoltatori che i rapporti tra la rabbia ritorna Gian Tina e il Partito Democratico non sono diciamo così buoni sono rapporti molto difficili come nasce la tua candidatura
I rapporti sono molto difficili perché il Partito Democratico non ha compreso dall'inizio qual è il fattore della storia radicale qual è il valore dell'iniziativa e della capacità dei radicali ricordo sempre
Segretario Bersani che quando rifiutò di candidare radicale i radicali nelle scorse elezioni politiche diceva che avrebbe voluto a Verona legislatura tranquilla ed è per questo che non li candidava
Il risultato non mi sembra affatto così tranquillo è già ma al di là Parodi ivi facili battute eccetera ricordiamo anche elementi che il PPI scontro molto importanti con Rosi Bindi con tanti altri esponenti del Partito Democratico Salinella gli straordinari
Esattamente ce lo ricordiamo nel come vogliamo disse galleggiano anche trentaquattro
Grazie
Aggiungere il feto che e poi ricordiamo che il problema è che il rifiuto la Rosa nel pugno
Costringendoci ad un accordo presentando candidati radicale nelle liste del PD parlo della scorsa legislatura e dando a Di Pietro una visibilità proposi Tata che coi ha pagato lui
E l'intero Paese lungo tempo i radicali si dovevano sciogliere
Esattamente ma e
Ci sono o alcunché alcune eccezioni e il Piemonte credo sia corretto non tanto perché il Partito Democratico e diverto qui rispetto al resto d'Italia
Ma semplicemente perché qui c'è un pezzo di Partito Democratico quello che fa riferimento all'area liberale parlo di Libertà eguale parlo di Magda Negri parlo di Luigi proposta di massimo negativi
Col quale da dieci anni noi stiamo lavorando a fianco a fianco ovviamente con relative differente enti non con accordo totale su tutti i temi
Ma su tutti i temi laici liberali l'abbiamo fatto iniziative producendo risultati anche in attentati
Ed esce da qui la proposta del PD di una candidatura radicale non una candidatura del PD ma la candidatura di un radicale del PD di quanto è stato ufficializzato
E e reso pubblico dagli stessi dirigenti del partito democratico opportunità che abbiamo deciso
Di accettare proprio per sfruttare questi trenta quaranta giorni di campagna elettorale per tenere alte le bandiere della laicità del liberalismo della legalità
Che peraltro il PD non tiene alta in quanto partito visto votare questo programma sperando di avere l'opportunità
Di entrare in Consiglio regionale perché
Credo che un radicale cambi le cose lo abbiamo dimostrato con Marco Cappato a Milano o Riccardo maggio a Roma Consiglio viale a Torino e con i parlamentari nazionale nella scorsa legislatura peraltro se pensiamo al Parlamento europeo
è un voto le norme oggi in parlamento europeo proprio in virtù dell'attenta dei radicali
Quell'età ma con determinazione io credo che
Consiglio regionale potrei cambiare le cose e fare
Di più di quello che ci hanno leciti appare da fuori
Curricolari all'inizio
Torno al voto dopo quattro anni con le lettere che ci fate perché porta dato mandato a casa by radicali e da Mercedes Bresso
Bene non ci fossimo state con le nostre azioni giudiziarie con le nostre azioni nonviolente
Con tutto il patrimonio di lotte radicali sulla legalità non saremmo riusciti a mandare a casa quota che ha violato la legge elettorale da della lista Di Michele Giovine per ha raccolto le firme parte dei candidati
Lo ripeto perché sembra incredibile alcuni dei candidati della lista Di Michele Giovine che ha
Condizionato la vittoria di Coppa non sapeva l'obiettore candidati in quella vita per darvi l'idea del livello della pacificazione
L'abbiamo denunciato abbiamo tenuto giustizia
E oggi si trova al voto grazie anche a quell'azione io dico che
Ottimo nel palato che fossimo stati nel palato non ne avremo è stato quattro anni per ottenere
Iscritta per ottenere il rispetto della legalità senti facciamo veramente un flash c'è un parallelo qui nella
Sì io perché tu hai ricordato altri membri radicali che sono una Marco Cappato nel Comune di Milano
E via dicendo io voglio ricordare anche la vicenda di Rocco Berardo ebreo Giuseppe Rossodivita che fecero uno accadere poiché
Il consiglio regionale nell'
Grazie e che purtroppo però non furono ricandidati dalla Partito Democratico
Epatico la pura vergogna perché Riccardi Fiorito lo spazio i casi
Io vi dico che Lombardi orribili Lombardia
Il caldo cotta in Piemonte
Sono casi che sono venuti all'onore delle cronache
E della magistratura grazie I radicali e quindi è stata una vergogna che Rocco Berardo e Rossodivita o no prenotati ricandidata dei candidati
Da Zingaretti il Lazio qui in Piemonte per fortuna c'è una dirigenza che ha forte un minimo di lungimirante in più
Magari anche di opportunismo perché ritiene che potrà essere utile arguta preparare aveva un radicale
Ma d'altra parte crediamo che sia opportuno sfruttare questa occasione e non rinunciarvi facci sentire però
Di riuscire a Parma in questo inizio di campagna elettorale
Città ma anche riuscendo per cui gli organi di stampa sia con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione assenti a
Al tuo programma diciamo tu sei candidato a Torino e Provincia quali sono le problematiche e quali sono qual è il tuo programma quali sono i punti forti del tuo programma
Allora partiamo dalla questione trasparenza e legalità noi abbiamo fatto tanto da fuori ricordo nel due mila dodici è stata approvata la legge regionale sull'anagrafe degli eletti denominati
E proprio ieri l'altro è stata approvata l'anagrafe dei vitalizi cioè tutti i vitalizi dei consiglieri regionali sono mezzi on line
Grazie alla Pinetina ma ne vogliamo andare avanti
Quattro poco innanzitutto parla proprio flash la prima intanto il patto elettorale ci piacerebbe avere l'anagrafe dei candidati cioè non solo papere degli eletti ma tappe era nel momento delle elezioni
Chi si candida a ricoprire il ruolo di consigliere regionale quali che curricula e competenze a
Che carica ricoperto quanto guadagna qual è il patrimonio e via dicendo
Un modo più sarebbe utile per ricostruire quel cordone ombelicale tra eletti ed elettori e che è stato deciso ormai da tempo
E potrebbe essere fatto nostro sito istituzionale ovviamente del Consiglio regionale ma sui fitti dei singoli partiti l'abbiamo proposta Chiamparino abbiamo proposto a Davide Galileo che segretario del PD regionale
Ottenendo risposte non negative ma noi né vogliamo che venga fatto non semplicemente che ci dia ascolto
E poi dopo passando al Consiglio regionale parliamo delle nomine
Le nomine sono lato oscuro della politica oggi Cure la conta la cattedra urla contro gli eletti spesso non si rende conto che il marcio il male della politica sta proprio nelle nomine nella sottopotere nelle partecipate
Ed è per questo che noi vorremmo da una parte TERNA rizzare le nomine dei direttori sanitari togliendoli dalle mani dei capi fattori ed è partito dei partiti
E Badia Società per tutte per valutare competente capacità e abbiamo un progetto di legge già pronto che presenteremo presenterei immediatamente i costi del regionale
E poi la pubblicazione on line dei curriculum chi aspira ad esso ha nominato oggi spesso ti viene nominato non ha le caratteristiche minime di competente di esperienza richieste dal ruolo che va a ricoprire
Mettiamo l'animo prima della nomina di curriculum di tutto in modo che i cittadini riescano a vedere poi la qualità della nomina che viene proposta successivamente
Proposte concrete come questa sulla trasparenza e poi rispetto invece alle politiche credo che finalmente dopo tante parole stia da iniziale a lavorare seriamente sulla questione della green economy
Dello sviluppo del territorio salvaguardando le risorse naturali e a Torino non abbiamo la grande occasione di Expo due mila e quindici e ci parta di fianco a casa con miliardi di euro
Milioni di visitatori decine centinaia di migliaia di imprenditori un'occasione che il Piemonte non dovrebbe perdere ma che per ora ha perso tutto questo è il tema è alla valorizzazione del
Delle energie rinnovabili delle filiere energetiche IP energetiche debito un punto un ragionare di investimenti rispetto alla ricerca
Che il Piemonte in questi quattro anni ha un po'dimenticato ovviamente sto parlando a Brescia e non poco parlare di tutto però venite a trovarmi martedì da un appuntamento colgo l'occasione martedì
Ventidue alle diciotto e trenta invia Matteo pescatore fette
Lasceremo Picciau mentre la campagna elettorale insieme ad alcuni esponenti anche conosciuti della Città di Torino parlo di Valentino Castellani Indaco di Torino
Dell'avvocato Elena Negri eletta senatrice Magda Negri ovviamente di tanti radicali e di altri che vorranno raggiungerci aiutarci in questa avventura che sembra impossibile perché lottiamo contro signore delle fra carente
Che hanno clientele famiglie clan mentre noi abbiamo semplicemente tante idee
Però credo che se riusciamo ad unire le porte il tentativo non è impossibile comunque ci voglio provare
Seriamente fino in fondo
Sentito articolerò domandare due cose intanto proprio visto che quello che dicevi adesso se ci fai un breve quadro dei tuoi competitori insomma mai e poi i la vicenda di se vogliamo ricordare anche la vicenda invece di Bruno Mellano

Da prefetti competitori
La lista del partito democratico è una lista criticabile dal mio punto di vista perché conferma molto di quello che c'era mentre invece
Sarebbe necessario a mio modesto parere cambiare Berto davvero perché il rischio che a Porto di cambiare verso si torna deserto iniziale
Però comunque a Bari ad ogni modo abbiamo la capolista ora con quattro consiglieri regionali uscenti guidata da Davide Galileo che il Segretario regionale
Al quale riconosco
L'attenzione che ha avuto nei confronti miei personale nei confronti del movimento radicale tutto soprattutto sulla lotta all'anagrafe degli eletti che
Al quale ha contribuito a concretamente
E poi abbiamo
Gianna Pentenero che è stata candidata perdente nelle primarie alla segreteria
Che alla pirateria che rappresenta dove in capitolare a cui parlavo poi l'output alto consigliera regionale uscente Nino poeti
Questi sono quelli che probabilmente avranno più prettamente guardando almeno lo storico poi ci sono amministratori locali sindaci presidenti di circoscrizione tutte persone che hanno una rete di prettamente articolata molto più radicale
Però tenderei a non guardare gli avversari anche quelli interni ed andare avanti sa che non c'è dubbio che la lotta due piani da una parte sostenere Chiamparino per riuscire avere una vittoria netta e mettere in cantina i quattro anni di da proprio di Roberto Cota
Con un Governo di centrosinistra
Dall'altra la lotta interna perché se
Non avremo una qualità sufficiente all'interno degli eletti e il rischio che creiamo nell'elettorato tante illusioni
Per potere percorrere errori che lo stesso centrosinistra fatto nel passato venendo invece proprio nell'anno e fatta una sul successo veramente insperato anch'essi voluto con tutte le porte per tanti anni
Ne abbiamo conquistato la legge
Che istituiva garante delle carcere nel due mila nove fatta una legge scritta da Palma e nell'anno poi ripresa dal PD e presentata è fatta votare alla fine della legislatura guidata da Mercedes Bresso
E poi in questi quattro anni abbiamo fatto di tutto per tentare di arrivare alla nomina abbiamo fatto scioperi della fame molto lunghi almeno per le mie capacità
Abbiamo fatto Pittini prego nidi conferenze stampa fino ad arrivare addirittura ad una diffida nei confronti della consigliera regionale firmata da detenuti del carcere di atti
Che in quanto iscritti alla meta hanno diffidato il Consiglio regionale
Spingendo a nominare il garante siamo riusciti a portare la nomina più volte all'interno dell'Aula del Consiglio senta per ottenere a maggioranza necessarie per procedere concretamente all'attivazione del garante nell'ultimo Consiglio regionale
Un accordo finita la destra prevedeva
La nomina sia del garante delle carceri e il nome più consigliera
Decido di convergere a quello di Milano e poi quella del nuovo Difensore civico il nome era quella dell'avvocato
Michele Giovine di cui parlavo prima
La realtà dei fatti è quella che me l'hanno per pochi voti è stato nominato mentre l'avvocato Michele Giovine per pochi voti non è stato nominato
Mi rallegro moltissimo delle dell'elezione della nomina di Bruno perché non c'è dubbio che in questo caso ed è l'eccezione che conferma la regola e la persona giusta nel posto giusto
Sentiti volevo chiedere una cosa irto prima parlavi dei titoli competitori all'interno del parti
Cito il centrodestra mi sembra un po'in confusione in Piemonte
Ci sono gli eroi learning
Addirittura detto abbiamo nuovo centrodestra che dovrebbe presentare un candidato Presidente in autonomia CEE Gilberto Pichetto
Che spinto da Berlusconi dovrebbe essere il presidente
Che che compete per Forza Italia e poi c'è chi Corvetto per Fratelli d'Italia che dovrebbe scendere in campo troppo tendono a Cesarini
E su questo non so poi con le firme come faranno vedremo
Riuscivano a trovare la quadra mettersi assieme non c'è dubbio che
Questi quattro anni ricotta insieme alla questione della magistratura che ha mandato a casa grazie a noi anche
La icona qualcosa che tutte le indagini che hanno riguardato i gruppi consiliari consiglieri e soprattutto del centrodestra hanno spaccato completamente la qualità di centrodestra che oggi trova frammentata
E non c'è dubbio che
Invece la coalizione da qualcuno la condizione della il movimento di Beppe Grillo potrebbe da questo trarne un vantaggio elettorale
In ogni caso
Anche qui invito che faccio a Chiamparino e di costruire qualcosa di diverso innovativo
Di non partitocratico perché il rischio che vedo è che il centrosinistra immagini di aver già vinto
E per questo non cambi com'è assolutamente necessario
E su questo la battuta
Di questo argomento lo utilizzeremo in tutta la campagna elettorale in tutti gli incontri lo stiamo dicendo il timore che quel cambiamento che Chiamparino potrebbe rappresentare quella continuità con una gestione che Luigi
Ha mantenuto come sindaco di Torino e poi recentemente anche come
Dentro la Fondazione Tampa OLO
Quel cambiamento
Probabilmente non sarà sufficiente ce la metteremo tutta per dare un contributo in quel penso
E allora i colori in chiusura ricordiamo l'appuntamento di martedì martedì ventidue hai detto alle diciotto e trenta in via Matteo pescatore giusto
Sì violate peccatore Peppe proprio dietro piazza Vittorio Veneto
Ma preteso diciotto e trenta lancio della campagna elettorale abbiamo materiale dalle tribù io le manette qui già pronti spero che saremo in tanti perché lo dico tempra e lo ripeto anche ha detto e per qualche motivo ce la facesse adesso da letto
Non sarebbe vigore buoni semplicemente consigliera regionale ma sarebbe la possibilità per tanti che con noi hanno lavorato ovviamente in primis ovviamente per i radicali
Di avere una rappresentanza e di avere una porta per arrivare a conquistare patti in avanti di democrazia di legalità di trasparenza
Il Piemonte lo merita soprattutto dopo questi quattro anni di di palude nel quale siamo stati
Ivo ricorra meno rimane che ringraziarti naturalmente ti auguro buon lavoro ringraziamo Igor Boni che ricordiamo è Presidente dell'Associazione radicale Adelaide Aglietta e che è candidato alle prossime
Elezioni regionali in Piemonte nella lista del partito democratico per Torino e Provincia grazie
Grazie a voi credete