02MAG2014
intervista

Intervista ad Antonio Stango sulla crisi in Ucraina

INTERVISTA | di Lanfranco Palazzolo RADIO - 14:10. Durata: 7 min 9 sec

Player
"Intervista ad Antonio Stango sulla crisi in Ucraina" realizzata da Lanfranco Palazzolo con Antonio Stango (membro del Consiglio Generale del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito, Radicali Italiani).

L'intervista è stata registrata venerdì 2 maggio 2014 alle ore 14:10.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Crimea, Esteri, Guerra, Nato, Osce, Putin, Russia, Ucraina, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 7 minuti.
14:10

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Siamo anche qui in studio con Antonio stanco del Consiglio generale del Partito Radicale transnazionale io visto che qui hai l'accordo di di Ginevra che è stato firmato dalla dalla Russia dall'Ucraina degli a degli altri
Degli altri Paesi interessati a questo accordo tra cui l'Unione
Europea come possiamo interpretare il comportamento di Putin e che oggi si è appellato all'OSCE per fermare il raid militari
Adesso proprio mentre i filobus si tengono sotto ostaggio dei funzionari dell'OSCE e continuano le accuse
E russe nei confronti delle di di quelli che hanno attaccato quel con diciamo
Il Lactalis il filo russi dicendo che si sentiva parlare in lingua inglese che cosa sta succedendo è che i rischi corriamo
Intanto l'accordo di Ginevra in realtà è che è fatto di pochi articoli
Prevede che siano Presidente messi sullo stesso piano teoricamente coloro che hanno occupato militarmente quindi gruppi militarmente organizzati armati con armi da guerra
Perfettamente addestrati a sull'abbiano schede Aldo niente a Lugano Sky
Sullo stesso piano di manifestanti pacifici che ha decine di migliaia per quattro mesi hanno tenuto mai dando ovvero la piazza
Centrale di chi ha già
Non si possono mettere sullo stesso piano queste due cose è chiaro che mentre una manifestazione pacifica di piazza con decine di migliaia di persone non violente
Su cui hanno sparato poi a fine febbraio lì agenti del ex presidente ucraino hanno tutto il diritto di continuare a manifestare pacificamente
Non mi sembra che a livello di diritto internazionale o di diritto interno debba essere consentito che gruppi militari armati occupino
I palazzi dell'Amministrazione regionali dei Comuni e proclami o della Repubblica perché perché queste persone
Intanto si comportano come terroristi hanno sequestrato ostaggi anche
E internazionali della stessa omesse CE in secondo luogo non sono rappresentativi della popolazione di quelle città
Quindi quando si dice negli accordi di Ginevra tutte le parti in causa devono evitare ogni violenza
In pratica questa formula
Sembra giustificare le reazioni di Putin o del Ministro degli esteri russo la Croff che dicono come l'esercito ucraino
Fa atti di violenza contro i cosiddetti filorusse delle Province orientale dell'Ucraina e non è così si tratta di azioni
Di polizia che a mio parere sono necessarie ma tardive e la polizia non riesce a compiere le perché non è organizzata e allo sbando non ha un controllo una catena di comando efficace in quelle regioni si è giunti alla decisione di fare intervenire le Forze armate fra l'altro non solo nell'esercito ma anche la Guardia nazionale costituita da poche settimane
Che ha meno mezzi ma pare che sia più decisa cercare di ricostituire un ordine costituzionale anche in quelle province dell'Ucraina
Per per quanto per quanto riguarda quello che che sta succedendo volevo sapere come come valuti il comportamento della
Del del del del della NATO e soprattutto a cosa servono questi movimenti sul sul sul Mar Baltico il comunque una scena lontana molto dal
Diciamo da quello che che che sta sta sta accadendo quando sappiamo che la
La stessa nato potrebbe agire benissimo nel nord della del del dell'esordio
Cioè nel delle coste annoto della della Turchia dove ci sono personaggi delle basi
Come voi assieme la NATO cerca di fare sentire che c'è soprattutto ai propri membri del Europa orientale nelle coste del Baltico sono quelle di Estonia Lettonia Lituania e Polonia
Essenzialmente che riguardano la NATO perché sono tutti stati membri della NATO quindi una vicinanza così come
Annotato David Carretta
Ecco questo significa che ecco in base anche le dichiarazioni che aveva già citato qualche giorno fa Turci nove dice
Putin o vuole ricostituire l'Unione Sovietica site si teme che possa succedere quello che è successo nel mille novecentotrentanove con i Paesi del Baltico quando
Stalin invase tutti quei Paesi si temono scenario del genere ma questo credo che non non sia uno scenario realistico per per diversi motivi intanto questi Stati
Sono membri della NATO e non c'è una controparte come allora fu la Germania nazista con il patto Molotov e Ribbentrop che decide se insieme allora Stalin la spartizione
Di parte dell'Europa orientale discendere il resto le inquietanti anche se non in queste proporzioni il tentativo a mio avviso di Putin e quello di rendere
Non valide le elezioni presidenziali in Ucraina che sono fissate per il venticinque maggio la stessa data
Di quelle europee nelle regioni orientale poter sostenere quindi dopo si avete fatto delle zone residenziali ma non sono davvero valida perché in tre regioni
Non è di parte il controllo l'altro aspetto che penso sia ancora più importante riguarda la propria popolazione Putin ormai da anni gioca a mostrarsi come
Non dico il colui che ricostituisce l'Unione Sovietica che è impossibile ma colui che dà della Russia un'immagine di forza di grandezza ci sono state celebrazioni assolutamente sproporzionate pensata le dimensioni della Russia e a quelle della Crimea
Con il cosiddetto ritorno della Crimea alla Russia come se si trattasse
Della vittoria in una guerra mondiale e fra pochi giorni fa una settimana il nove maggio è la data della cosiddetta vittoria della grande guerra patriottica ovvero come in Unione Sovietica si chiamata
Nella Seconda guerra mondiale per questa data sono previste
Le consuete manifestazioni
Scontro riformisti che Pantagruele che enormi sulla Piazza Rossa è un po'tutte i capoluoghi di regione della Russia e Putin vuole mostrarsi ancora una volta come colui che ha vinto qualcosa
Ecco io credo che questa settimana sarà molto negativamente influenzata da questa volontà di Putin e dimostrarsi
Più Forte più incidente sulla realtà dell'Ucraina di quanto abbia fatto finora
Bene purtroppo non abbiamo altro tempo per approfondire questi questi argomenti e la delicata situazione in Ucraina