28 MAR 2014
intervista

Grande raccordo criminale. Intervista a Floriana Bulfon

INTERVISTA | di Lanfranco Palazzolo - RADIO - 10:53 Durata: 26 min 13 sec
A cura di Fabio Arena
Player
"Grande Raccordo Criminale.

Cosa nostra, ‘ndrangheta, camorra, banda della Magliana, Casamonica, organizzazioni straniere.

Roma, la Capitale del sistema di potere della Mafie s.p.a.", di Floriana Bulfon e Pietro Orsatti (Imprimatur editore).

"Grande raccordo criminale. Intervista a Floriana Bulfon" realizzata da Lanfranco Palazzolo con Floriana Bulfon (giornalista e scrittrice).

L'intervista è stata registrata venerdì 28 marzo 2014 alle ore 10:53.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Aeroporti, Amministrazione, Appalti, Banda Della Magliana, Beni Immobili, Camorra,
Cocaina, Corruzione, Cosa Nostra, Criminalita', Droga, Economia, Estorsioni, Impresa, Investimenti, Libro, Mafia, Narcotraffico, Ndrangheta, Nomadi, Politica, Porti, Prostituzione, Riciclaggio, Roma, Sequestro, Sicurezza, Stranieri, Terrorismo, Tossicodipendenti, Turismo, Usura.

La registrazione audio ha una durata di 26 minuti.

leggi tutto

riduci

  • Floriana Bulfon

    giornalista e scrittrice

    Autrice del libro A Roma è guerra di mafia. Tra violenza, connivenze, intrecci di potere scorrono fiumi di droga e di sangue. La Capitale da decenni è l’obiettivo della criminalità organizzata, e simbolo di un Paese immobile per scelta. Negli ultimi tempi sono saltati equilibri consolidati: nuovi soggetti si sono seduti al banchetto degli appalti e degli affari, altri ne sono stati esclusi, altri ancora sono stati costretti a scendere a patti. E le mafie non sono rimaste a guardare. Saccheggiano Roma riciclando soldi per fare soldi, favorite dalla crisi finanziaria. Hanno a disposizione i colossali proventi della droga – da Roma passa un quinto di tutta quella “trafficata” in Europa – del racket delle estorsioni, degli appalti sporchi e dell’usura. Appetiti formidabili al servizio di nuovi e vecchi poteri. Le trame inedite fra Cosa nostra, ’ndrangheta, camorra napoletana, Casalesi, Casamonica, banda della Magliana e organizzazioni criminali straniere non possono più fare pensare a fenomeni di infiltrazione isolati, ma a una rete strutturata di sodalizi mafiosi, che opera in modo inedito. Gli autori indagano e portano alla luce i legami sconosciuti e sommersi fra delinquenza, potere e interessi della Mafie s.p.a., tracciando la nuova geografia della criminalità organizzata che fa di Roma la caput mafiae del Paese. Floriana Bulfon nasce a San Daniele del Friuli nel 1978. Giornalista, è laureata in filosofia e in scienze giuridiche e ha conseguito un MBA con una borsa di studio al merito. Ha collaborato con «l’Espresso», «Panorama», «Linkiesta» e in tv occupandosi di inchieste su criminalità, racket, armamenti, traffico di migranti e sanità. Pietro Orsatti nasce a Ferrara cinquant’anni fa, scrittore, regista, giornalista. Ha pubblicato, fra gli altri, per «Diario», «il Manifesto», «l’Unità», «Micromega», «Courrier international», «PeaceReporter», «Nuova Ecologia», «Antimafia2000», «Liberazione», «Left/Avvenimenti». Ha collaborato con Rai, Telesur, RedeBras e RadioPop. Ha pubblicato i volumi A schiena dritta (2009), L’Italia cantata dal basso (2011) e Segreto di Stato (2012).
    10:53 Durata: 26 min 13 sec