02 DIC 2001

Medio oriente: Radicali, Soluzione è Israele nell'UE

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 0 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione audio di "Medio oriente: Radicali, Soluzione è Israele nell'UE", registrato domenica 2 dicembre 2001 alle 00:00.
  • <strong>Dall'archivio multimediale</strong> 11.01.2001: Pannella a RR: "Israele nell'UE" 02.08.2001 - Manifestazione dei Rdaicali in occasione della visita di Arafat a Roma 31.1.2001 - Pannella all'Europarlamento: "Israele nell'UE" 12.06.01: Peres, Si ad Israele nell'Ue Contro il terrore che si abbatte sull'avamposto della democrazia occidentale in Medio Oriente: i radicali manifestano davanti alla sinagoga di Roma e ribadiscono la proposta: immediato ingresso di Israele nell'Unione Europea<p>2 dicembre 2001<p>"Temo che di questo passo lo Stato d’Israele finirà con l’essere travolto, i suoi fondamenti democratici minati e distrutti. In una parola, temo e vedo per Israele lo stesso processo degenerativo e la stessa violenta barbarie che anni fa travolse la Jugoslavia, un processo e un’involuzione che allora soli, inascoltati, denunciammo, come ora, soli e per ora inascoltati, denunciamo quella che minaccia Israele”.<br>Queste le parole pronunciate da Marco Pannella lo scorso 14 aprile, qualche settimana dopo un importante intervento all'Europarlamento nel quale aveva sollecitato le istituzioni comunitarie ad affrontare la questione medio-orientale, attraverso l'avvio della procedura di adesione di Israele all'Unione Europea.<p>La proposta in Europarlamento ha ottenuto consensi anche significativi, così come alcune - seppur timide - manifestazioni di consenso da parte Israeliana.<p>Purtroppo, l'Unione Europea non ha compiuto passi in tale direzione e le parole di Pannella sembrano trovare una drammatica conferma nelle ultime 24 ore. <p>L'escalation terroristica che ha provocato almeno oltre trenta morti e più di duecento feriti in Israele ha indotto le diplomazie di tutto il mondo a esprimere scontate dichiarazioni di condanna nei confronti degli attentati.<p>Intanto Hamas promette terrore per i prossimi venti anni, fino a quando non cesserà quella che gli estremisti ritengono l'occupazione della propria guerra.<p><p>Si succedono dichiarazioni di partecipazione al dolore e si chiede il rilancio del processo di pace.<br>Al di là delle dichiarazioni, però, l'avamposto della democrazia nella regione medio-orientale rischia di essere sempre più abbandonato a se stesso e non trova nell'occidente delle democrazie reali alcun supporto per sollevarsi da una spirale di violenza e negoziati infruttosi che rischia di far sprofondare nel caos l'intera regione.<p>La democrazia reale israeliana, come detto l'unica dell'intera regione, rischia di crollare sotto i colpi convergenti del terrorismo arabo e dell'inerzia occidentale.<p>E' in questo scenario che domattina i radicali, da Marco Pannella ad Emma Bonino, saranno presenti davanti alla Sinagoga di Roma per rilanciare nuovamente una inziativa politica: l'ingresso di Israele nell'Unione Europea.<p>