12 MAR 2002

TPI: Gli orrori delle fosse comuni (+ video)

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 3 ore 35 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "TPI: Gli orrori delle fosse comuni (+ video)", registrato martedì 12 marzo 2002 alle 00:00.

La registrazione video ha una durata di 3 ore e 35 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Questioni procedurali e ordine dei testimoni (video in inglese)*

    <strong>Nuova testimonianza sulle atrocità delle milizie serbe in Kosovo. Milosevic scarica sull'Uck. Si parla di nuovo di apartheid e forze paramilitari</strong><p><em>Ultimo aggiornamento: 12 marzo 2002 h21.50</em><p> Nella diciannovesima udienza del processo a carico di Slobodan Milosevic Hizbi Loku ha fornito una testimonianza oculare del massacro degli abitanti del suo villaggio da parte delle milizie serbe. Il secondo testimone della giornata ha invece confermato la situazione di apartheid nei confronti dei kosovari di etnia albanese e la presenza di forze paramilitari, la cui esistenza è stata in più occasioni negata da Slobodan Milosevic.<p><strong>La testimonianza di Hizbi Loku</strong><p>Si è conclusa oggi la testimonianza di Hizbi Loku, il testimone dell'accusa che ieri ha dovuto interrompere il suo racconto mentre ricordava l'uccisione del fratello. <p><p>Loku ha mostrato alcune foto di fosse comuni scattate dall'OSCE e ha spiegato che i corpi appartenevano a persone del suo villaggio che sono stati fatti esplodere all'interno della fossa dalle milizie serbe. <p>Le fosse, erano state "scavate dai contadini" del suo villaggio tempo addietro "per cercare l'acqua, che non è stata trovata, poi - ha specificato - sono rimaste aperte". <br>Le milizie serbe - ha raccontato il teste dell'accusa - hanno gettato le persone nelle fosse". Si trattava di "civili" del suo villaggio. Durante il massacro, Loku ed un piccolo gruppo di persone erano riusciti a mettersi in salvo su una collina poco distante. Da lì hanno osservato la scena, "abbiamo sentito - ha ricordato - una grande esplosione", poi "siamo scappati verso la Macedonia. <p>Dopo la guerra Loku è tornato in Kosovo e, con i delegati dell'OSCE ha scoperto la fossa in cui erano stati fatti esplodere gli abitanti del suo villaggio. <p>La difesa ha di nuovo posto la questione della presenza di esponenti dell'Esercito di Liberazione del Kosovo nella zona. "Le fosse - ha chiarito il teste rispondendo alla difesa - non erano usate come deposito di armi". Inoltre, ha osservato il teste, " L'Uck non ha mai operato nel nostro villaggio, in quanto le milizie dell'Uck erano nelle montagne" e non nei centri abitati. L'<em>amicus curiae</em> ha chiesto come era possibile che il testimone avesse visto le milizie serbe gettare le persone nelle fosse fatte dai contadini per l'acqua se c'erano alberi tutto intorno. "Gli alberi erano delle querce e non sono così vicine come sembrerebbe dalla foto, inoltre a marzo non hanno le foglie", ha spiegato il teste dell'accusa<p><p><strong>La testimonianza di Bajram Bucaliu </strong><p>Il secondo teste della giornata ha invece descritto la situazione di apartheid nei confronti dei kosovari di etnia albanese nei posti di lavoro e nella vita civile, chiarendo che "i rapporti tra gli albanesi e i serbi erano cordiali". Bucaliu ha inoltre testimoniato dell'esistenza di milizie paramilitari, affiancate all'esercito regolare e alla polizia serba. <p>Il teste ha raccontato che dopo il 25 marzo 1999, il giorno successivo all'inizio dei bombardamenti Nato, "agli albanesi è stato impedito di recarsi al lavoro". <p>Bacaliu ha ricordato che l'esercito regolare "ha occupato il villaggio", in cui viveva, nel Sud del Kosovo, "tra il 3 e il 5 aprile". Lew milizie serbe hanno occupato alcune case. "L'esercito regolare ha bruciato alcune abitazioni. Eravamo molto sorpresi - ha affermato - perché stavano bruciando le case in cui avevano stazionato. Ripeto che nel mio villaggio non c'erano elementi dell'Uck. Quando le case hanno iniziato a bruciare i carri armati hanno attraversato il villaggio".<p>Dopo l'esercito nel villaggio sono giunte "le forze paramilitari, quando sono arrivati - ha raccontato il teste dell'accusa - hanno occupato il villaggio e hanno imposto il coprifuoco. Era possibile uscire di casa dalle 7 di mattina alle 7 di sera, chiunque avesse voluto lasciare il villaggio avrebbe dovuto chiedere il permesso" alle milizie serbe. <p>"Alcuni abitanti giovani intorno ai 25 anni sono stati costretti a lavorare dai paramilitari per vari giorni per creare difese per l'attacco Nato". <br>Il teste ha poi raccontato l'odissea dei profughi verso la Macedonia. "Il 14 aprile siamo stati costretti a lasciare il villaggio". <br>"Ci hanno preso i soldi e i veicoli, ma abbiamo sempre protestato, quando [<em>le milizie serbe</em>] hanno iniziato ad uccidere, siamo andati via per salvare le nostre vite"<p><p><strong>*Nota</strong>: Per motivi tecnici alcuni minuti del video risultano danneggiati. <br><strong>**</strong>Problemi audiovideo<br>
    0:00 Durata: 6 min 37 sec
  • Hizbi Loku, interrogatorio dell'accusa

    0:06 Durata: 24 min 55 sec
  • Hizbi Loku, interrogatorio della difesa (video in inglese)**

    0:31 Durata: 1 ora 31 min
  • Bajram Bucaliu, interrogatorio dell'accusa (video in inglese)**

    2:02 Durata: 1 ora 17 min
  • Bajram Bucaliu, interrogatorio della difesa (video in inglese)*

    <p><p><strong>Servizi correlati</strong><p> <strong>11.03.2002</strong> - Milosevic contesta la Corte sui testimoni <strong>08.03.2002</strong> - Kadriu mette alle strette Milosevic <strong>07.03.2002</strong> - Prosegue la testimonianza di Shabit Kadriu <strong>06.03.2002</strong> - Respinta la richiesta di libertà provvisoria <strong>04.03.2002</strong> - Truthi: "Le bombe Nato non hanno colpito case" <strong>28.02.2002</strong> - Barani mette in difficoltà Milosevic <strong>27.02.2002</strong> - Milosevic, "Liberatemi" <strong>26.02.2002</strong> - La Corte richiama all'ordine 'Slobo' <strong>25.02.2002</strong> - Milosevic, i testimoni sono falsi <strong>21.02.2002</strong> - Colpo di scena all'Aja <strong>20.02.2002</strong> - Deportazioni in Kosovo, primi testimoni <strong>19.02.2002</strong> - Milosevic controinterroga Bakalli <strong>18.02.2002</strong> - Milosevic conclude, parla Mr X <strong>15.02.2002</strong> - Milosevic annuncia testimoni eccellenti <strong>14.02.2002</strong> - Al via la 'contro-requisitoria' di Milosevic <strong>13.02.2002</strong> - Seconda udienza <strong>12.02.2002 </strong> - Iniziato il processo a Milosevic<br> <strong>9.01.2002</strong> - Ultima udienza preliminare <strong>11.12.2001</strong> - Milosevic, in Bosnia ho portato la pace <strong>23.11.2001</strong> - Milosevic incriminato per genocidio per la Bosnia <strong>30.10.2001</strong> - Milosevic: "Il processo è una farsa" <strong>30.08.2001</strong> - Seconda udienza preliminare: Milosevic rifiuta la difesa, "l'Onu viola i diritti umani" <strong>03.07.2001</strong> - Nella prima udienza Milosevic dichiara che il tribunale dell'Aja è illegale <strong>29.06.2001</strong> - Radio B92 annuncia l'arresto di Milosevic <strong>27.05.1999</strong> - Conferenza stampa in cui è stata annunciata l'incriminazione di Milosevic<p><p><strong>Link:</strong><p> Le trascrizioni delle udienze<p> Kosovo: Il rapporto con le prove di NPWJ <p> 24 maggio 1999 - Formalizzati i capi d'accusa nei confronti di Milosevic<p> Tribunale Penale per la ex Yugoslavia <p> La battaglia radicale per l'istituzione del Tribunale ad hoc per i crimini nella ex-Yugoslavia (1993) <p> La campagna del Prt per l'incriminazione di Milosevic<p> Dossier Milosevic<p> Balcani: una cronologia<p><strong>Dall'archivio multimediale</strong><p> <strong>Capodanno 1992</strong> - Pannella in trincea ad Osijek con le "brigate della nonviolenza" <p> <strong>Antonio Russo</strong> - Le corrispondenze dal Kosovo
    3:20 Durata: 15 min 18 sec