16MAG2013
intervista

Intervista a Ermete Realacci sulla vicenda dell'ILVA di Taranto

INTERVISTA | di Alessio Falconio ROMA - 00:00. Durata: 6 min 24 sec

Player
"Intervista a Ermete Realacci sulla vicenda dell'ILVA di Taranto" realizzata da Alessio Falconio con Ermete Realacci (presidente commissione ambiente della Camera dei Deputati, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata giovedì 16 maggio 2013 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Ambiente, Il Foglio, Ilva, Industria, Inquinamento, Malattia, Partito Democratico, Puglia, Referendum, Regioni, Salute, Siderurgia, Taranto, Territorio, Vendola.

La registrazione audio ha una durata di 6 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Ermete Realacci presidente della Commissione ambiente dipendenti settorio arresti a Taranto il PD
Che prende ordini da libera così
La raccolta del fatto quotidiano accuse descritti
Sull'Islam non la pensa il fiume
Come coloro che si sono resi protagonisti politicamente parlando
In un atteggiamento diverso dal tuo da quello dei radicali
Quindi
Sulla vicenda impazzito però un pezzo del PdCI ha quella posizione sul tetto eletto Presidente
Basso dell'azienda
Non è un caso che
Saltato come è stato trattato per quello che ha detto
Tutta
E adesso si parte oggi da questa all'arresto del Presidente della Provincia l'arresto di armi ai soli insomma incline attestante e PR un
Operazioni insieme ambiente svenduto in sostanza si offre
Una
Ricerca dispacci limitazione eccessiva nella gestione
Nel rispetto delle norme ambientali
Nella fattispecie la discarica che lasci che succede
Cosa è successo effettivamente ovviamente non lo so soprattutto non lo so dal punto di vista dell'arte del del del giudizio penale per cui se il giudizio politico ciò sul successo
è successo che per troppi anni
La Rete diciamo di opacità e di connivenze che ha circondato l'attività dell'Ilva ancora
Fattosi dieci sia stato sicuramente una attenzione alla salute e all'ambiente molto superiore a quello che era tollerante questo a mio avviso
Anche alla fine prodotto dei danni all'Ilva stesse perché poi
Questi impianti comici che non sono altre zone d'Europa sono competitivi e hanno una vita lunga quando innovano quando il verso quando riducono l'impatto ambientale
Si è detto spesso che questo tipo di impianti
Allora sono penalizzati in Italia da un alto così per l'Energia l'imputato paga l'energia meno delle acciaierie tedesca
Quindi se c'è un problema di competitività è legata
Ora chiaro posso dare un giudizio non conosco le carte non sugli aspetti ripeto penali della vicenda relativa
Quello che è certo che ci sono responsabilità anche da parte del Partito Democratico responsabilità da come tutte le forze politiche quindi anche il PD
Forse del Governo
Negli anni passati hanno trattato questa vicenda aggiungo che oggi
Veramente a maggior ragione bisogna voltare pagina
è stata approvata
Un'AIA in materia autorizzazione integrata ambientale che prevede una serie di misure anche serie
Per ridurre fortemente l'impatto ambientale dello stabilimento
Non ci dimentichiamo peraltro che
I referendum consultivo propone sto per chiudere lo stabilimento a Taranto è stato un fallimento quindi chiaro che i cittadini di Taranto vogliono
Vogliono una una una politica che sia in grado al tempo stesso di salvaguardare l'ambiente la salute lavoreranno cioè la politica deve pur io tutto fare per le permettersi di dieci persone alla salute
Esattamente infatti mi ha colpito che
Inventato molto basso di partecipazione a quel referendum
Un avvenimento notissimo ovviamente in tutti dare le discipline cioè a Taranto
Il dato più basso uno dei più bassi è stato proprio
Al quartiere più vicino all'acciaieria dovevo dare solo il dieci per cento dei cittadini quindi è chiaro che
La politica deve dare una risposta quella città cui cittadini quei lavoratori
Ora
Lalla quello che bisogna assicurare assolutamente e che quelle prescrizioni anche se
Per esempio penso anche al parco minerario
Come va trattato siano effettivamente Messina non sono certo che questo
Stia accadendo in questo senso presenterò un'interrogazione al ministro dell'ambiente all'inizio della prossima settimana ricordo anche che il Ministero dell'ambiente deve
Portare in Parlamento entro un mese
Il termine esatto della verità militare il cinque sei luglio una relazione semestrale in cui per appunto si aggiorna rispetto all'umiliazione dell'Ilva sta intraprendendo PRT ridurre l'impatto ambientale ridurre l'impatto sanitario risolve le tante questioni avverto bisogna voltare pagina
Nella ricostruzione giornalistica si fa anche riferimento ad una ho telefonato a far Vendola e
Il capo dei lobbisti della
Della
Dell'Ilva chiaramente ebbe Vendola non è assolutamente indagato
E fasce anche da chiedersi come
Fondamentalmente se
Aspettando il proprio ruolo si può comunque entrare nell'ottica di interessate la procedura oppure no oppure no perché
Uno migliorando alcuna legge può succedere questo può e i limiti
Silvio
Lo ripeto non voglio entrare nel no è anzi anche questo diciamo a garanzia della sanzione però devono inserire sul se io fossi Presidente della Regione Puglia no
A fronte di un impianto e a molte criticità ma che rappresenta una parte importante dell'economia pugliese una parte importantissima degli occupati pulire essi
Straordinariamente importante in particolar modo nella provincia di Taranto ma anche
Il suo peso in Regione non è marginale non potrà non occuparci
No
Che si occupa significa anche parlare e discutere mediare mediare comunque un con l'azienda questo fa parte diciamo del com'quindi
Onestamente non non non non ritengo
Un fatto
Solito che che che vengono abbia avuto anche contatti con la droga e con chi doveva parlare al Presidente della Regione no
Per quanto ne so io Vendola cercato diciamo
Penso valga battaglia che c'è stata per ridurre
L'inizio umili dell'Ilva di ridurre l'impatto di quell'impianto mali antichi che sono figli della disattenzione della politica pugliese hanno reso la situazione più difficile
Grazie del mese dell'assistenza della Commissione Ambiente della Camera deputato del PD