23MAG2013
intervista

Marcia della comunità LGBT in Moldavia. Intervista a Paolo Tatti

INTERVISTA | di Ada Pagliarulo RADIO - 14:22. Durata: 8 min 59 sec

Player
Per la prima volta si è potuta svolgere a Chisinau la marcia dell'orgoglio omosessuale.

Un felice esito dovuto soprattutto alle pressioni della comunità internazionale e dell'Unione europea.

I diritti della comunità LGBT e la legge antidiscriminazioni sui luoghi di lavoro approvata nel gennaio del 2012.

Le contestazioni alla legge, varata malgrado le perplessità degli stessi partiti liberali e la strenua opposizione di Chiesa ortodossa moldava e Partito comunista.

"Marcia della comunità LGBT in Moldavia. Intervista a Paolo Tatti" realizzata da Ada Pagliarulo con Paolo Tatti (membro
dell'Associazione Radicale di Cagliari).

L'intervista è stata registrata giovedì 23 maggio 2013 alle 14:22.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Democrazia, Diritti Civili, Discriminazione, Esteri, Lgbt, Moldavia, Omosessualita', Ortodossi, Politica, Religione.

La registrazione audio ha una durata di 8 minuti.

leggi tutto

riduci

14:22

Scheda a cura di

Guido Mesiti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Siamo in collegamento con Paolo tattili militante radicale in collegamento da Chisinau la capitale della
Moldavia o Moldova che dir si voglia
Darà Chisinau arrivano buone notizie non sono lepri meno affetti per la comunità dei ma si è tenuto di recente proprio a chi si inaugura il dei Pride sentiamo allora
No lo Tatti indiretta da Chisinau come è andata com'è andata l'organizzazione di questo corteo se ci sono state pressioni per annullarlo che situazione c'è stata
Un saluto a tutti e venga occultano alla dodicesima edizione del Festival uno siamo Arcobaleno sul ministro unico un fiume della della Moldavia
Per elaborare occhietti provochi nella prima la marcia la marcia dell'orgoglio omosessuale che siccome
Ci tiene in tanti in parte capitale europea in tante città europee quest'anno Grazia diverse come dire
Anche all'intervento un po'dalla comunità internazionale di diversi diplomatici si è tenuta in un luogo pubblico che ha potuto sfilare in maniera pacifica senza come dire
Trenta interventi assenza comunque attacchi omofobico Mara capitato negli anni scorsi
La Repubblica Moldova nonostante sia il Paese viene considerato il Paese più democratico della comunità degli Stati indipendenti
In qualche modo unisce alcuni dei Paesi dell'ex Unione Sovietica continua ad avere diversi problemi indica discriminazione di nella libertà di espressione di delle minoranze sessuali questi soprattutto
A causa dei come dire del potere che aveva acquisito la Chiesa ortodossa
A seguito dell'indipendenza oltre vent'anni fa di questo Paese
Come dicevo in dodici anni di Festival organizzato da gender blocchiamo associazione sull'assegnazione degli della comunità LGBT in Moldova uno i cani non tira mai riusciti a fare autorizzare una un gay pride una marcia in un luogo pubblico
Ho comunque in un ambiente piazze principali del Paese
Un particolare insomma gli ultimi in Sindaco di Chişinău che
Detto per inciso
Amministrata realmente ma nel fatto di chi non puramente la città peggio amministrata la capitale in peggio amministrata d'Europa insomma nonostante il rischio anche un liberale faccia riferimento un po'anche alla la famiglia dei liberali europei a sempre cercato di porre il promettono che redazione de che Raitre
Anche questa nonostante la un'associazione LGBT abbia
Prenotato per tempo la piazza principale della città tutto il Comune di Chişinău avverrà
Ha fatto ricorso alla magistratura che poi per motivi di ordine pubblico ha deciso di
Autorizzare la a
La manifestazione solamente in un parco periferico della
Della capitale
Nonostante queste sono poi
Organizzazione il gender blocco codifichiamo all'organizzazione degli LGBT
Ha deciso di tenere comunque la manifestazione è chiamato a raccolta un po'tutte le persone
Che sono solidali con
Minoranze sessuali di fronte all'ambasciata americana che si trova non nella piazza principale come avrebbero voluto ma comunque nel Centro di Chişinău
Il nord la mafia americana domenica scorsa quindi diciannove
Diciannove maggio sono punto presentati alcuni
Vive
Rappresentanti delle minoranze sessuali oltre a un viverci e soprattutto maggioritari rappresentanti di ambasciate organizzazioni internazionali eccetera tra di essi è intervenuto anche l'ambasciatore americano l'ambasciatrice del denaro
Una nota molto importante anche l'ambasciatore italiano che insomma ci sono uniti a agli altri diplomatici e armi
Capite da organizzazioni internazionali che hanno
In qualche modo con la prova presenta permesso che si tenesse
Anche se è solamente per cinquecento metri la sfilata di della bandiera arcobaleno guidata da vivo
A chiudere unità LGBT insomma autentico che c'era anche il Commissario all'allargamento europeo
Esattamente al termine della marcia tenuto se Fanfulla e che ha e quindi fra l'allargamento attualmente indivisa Akishino proprio in quei giorni a salutato i manifestanti espresso il proprio supporto
E a in qualche modo portato le sue parole di tolleranza FIAT dal punto di vista personale che dal punto di vista dell'Unione europea che
Se da questo punto di vista svolto un ruolo molto importante anche nel negli anni scorsi lo sparuto lo scorso anno in occasione dell'approvazione della legge antidiscriminazione
Quindi impulso anche dell'Unione europea su questo in questa legge antidiscriminazione cosa dice deve che tipo di proscrizione offre diciamo anello alle
Fortunatamente la lega per far parlai per quelli che sono un po'di Standard Lupin accesso che offre un apparato una protezione
E in qualche modo nei luoghi di lavoro ma non nella sfera pubblica questo stato un po'il compromesso
C'è stato un po'fra i partiti politici in Parlamento quindi non è una legge che tout-court estenderla poi la
Alla protezione ma la discriminazione alle anche alle minoranze sessuale su tutte le sfere della vita pubblica ma solamente nei luoghi di lavoro
Nonostante questi insomma leghista compagnia Prada tantissime poteva
Degli e di preghiera potete soprattutto guidate darebbe religiosi ampi dibattiti insomma ancora ieri
Il leader comunista ed ex Presidente della Repubblica Voronin ha detto considera questa legge cioè quindi correttamente da un anno come un'offesa alla religione ma leader comunista con un po'una come dire
Compagno del dell'oppio dei popoli
Vi Emma alla memoria insieme in questi paesi abbastanza normale quindi c'è questa alleanza tra il Partito Comunista e la Chiesa ortodossa della
Varia
Chimici e poi fondamentalmente anche illiberale che Dini hanno hanno dichiarato di aver votato questa legge solamente per
Perché era una un'imposizione dell'Unione europea erogabile quindi possa all'Unione Europea per approvare il pacchetto di liberalizzazione dei visti i vecchi temi mondiali stato una delle tante leggi che l'Unione europea rischia certo la Moldova di approvare lo Statuto con l'ultima quindi
Ecco perché la più controversa
Comunque diciamo la novità c'è appunto il fatto che si sia potuta tenere questa manifestazione mentre nel due mila e cinque era stata vietata e ci fu un caso anche alla Corte europea dei diritti umani
Esattamente nel due mila e cinque fu vietata sempre dalla se non sbaglio l'attuale Sindaco di Chişinău
è infatti esattamente un anno fallace dunque una controparte dei diritti dell'uomo ha condannato la Moldavia pagare
Una sorta di risarcimento che qualche bacio undici mila euro a associazione di andrebbero che aveva appunto ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo contro
Contro questa imposizione e altre diciamo altri canali sono stati sollevati ogni anno da questa situazione quindi altre condanne dovrebbero o potrebbero arrivare insomma anche negli nei prossimi anni
Sempre l'associazione che ha che ha gestito che ha organizzato l'istanza
Di quest'anno ed attualmente esattamente diciamo che anche
Ma nel due mila otto un caso ancora più grave avvenne perché non non fu uno
Diciamolo l'abbiamo ovviamente autorizzata Lalla Marche in piazza e qui i manifestanti decidere o comunque di recarsi in piazza e furono per la protezione della polizia Ghedini Imifin Corfù
Come Pulcinella piatto e il principio
Eroso ma non è proprio dell'ordine qual era lo slogan di questa marcia
Diciamolo lo slogan che è stato di
Laddove questa macchina anche abbastanza quali conservatore quali mutua va a quanto detto da recentemente bravi Camera come diceva
I valori
Tradizionali sono valore anche valori rigidi tira un po'perplesso ma lo slogan dei
I manifestanti quest'anno negli anni scorsi invece di tutto incentrato insomma della richiesta l'approvazione della
Leggerò discriminazione che è passata poi per l'appunto una disavanzo valori tradizionali cioè era come dire essere Zeman siamo nella normalità ed è normale anche la perlomeno G Bitti
è il dato quali anche dire anche noi siamo un po'rivalutati fare quella famiglia eccetera eccetera insomma da un po'quella là
Diciamo la lo slogan di quest'anno
Bene allora grazie a Paolo tattili militante radicale con cui eravamo collegati da chi si NAU la capitale della Moldova grazie sembrarle voi Coppola