30MAG2013
rubriche

Passaggio a Sud Est - La realtà politica dell'Europa sud orientale dai Balcani alla Turchia

RUBRICA | di Roberto Spagnoli RADIO - 06:20. Durata: 54 min 59 sec

Player
A cura di Roberto Spagnoli con la collaborazione di Marina Sikora e Artur Nura.

Sommario della puntata.

Albania: continua senza particolari asprezze la campagna elettorale mentre i sondaggi segnalano il poco interesse dei cittadini per le elezioni del 23 giugno; il parlamento di Tirana discute le tre leggi di riforma richieste dall'Ue.

Kosovo: Belgrado e Pristina approvano il piano per l'applicazione dell'accordo del 19 aprile, la Serbia spera nell'apertura dei negoziati di adesione all'Ue ma i serbi del Kosovo rifiutano ogni intesa; i kosovari albanesi protestano contro Eulex e i processi a ex
comandanti dell'Uck; confronto televisivo tra economisti serbi e albanesi sul rilancio del controverso complesso minerario di Trepca.

Turchia: la crisi siriana, la situazione politica interna, il processo di pace don il Pkk, le relazioni con l'Ue e il negoziato di adesione; intervista a Marta Ottaviani, corrispondente di TMNews.

Macedonia: la questione dei richiedenti asilo e le preoccupazioni dell'Ue e di diversi governi europei.

L'apertura della trasamissione è dedicata al ventennale dell'istituzione del Tribunale internazionale per l'ex Jugoslavia.

leggi tutto

riduci

06:20

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno da Radio Radicale buongiorno da Roberto Spagnoli bentrovati l'appuntamento con passaggio a sud-est puntata del trenta maggio due mila e tredici il Kosovo e la Turchia sono gli argomenti principali di questa puntata dedicheremo un'ampia parte della nostra trasmissione odierna a questi due Paesi
Per il Kosovo prosegue lo sforzo di normalizzazione delle relazioni tra Belgrado e Pristina la scorsa settimana è stato raggiunto un'intesa per applicare praticamente lo storico accordo raggiunto ad aprile
E tutto questo naturalmente solleva problemi sia in Serbia che in Kosovo soprattutto tra i serbi del Kosovo tre sardi del nord del Kosovo che non intendono accettare in nessun modo l'autorità di Pristina e dunque qualsiasi forma di possibile riconoscimento del dell'indipendenza e però intanto serve albanesi cercano anche di mettersi d'accordo per Pinna rilanciare anche l'attività attività produttiva del del Kosovo come nel caso della miniera di
Tre sì parleremo poi naturalmente di Turchia come abbiamo detto la della Turchia di fronte al conflitto siriano ma anche della situazione politica interna del processo di pace con i curdi del PKK del negoziato di adesione all'Unione europea e poi naturalmente
Una uno spazio dedicato all'Albania continuiamo a seguire la situazione politica interna verso le elezioni le importanti elezioni parlamentari del ventitré giugno me tre la campagna elettorale cominciata per ora senza troppe asprezze con i sondaggi però che indicano una disilluso stanziale disinteresse da parte dei cittadini
Questi dunque gli argomenti principali di questa puntata che come sempre realizziamo con la collaborazione dei nostri corrispondenti Marina si corra e Arthur Nuraghe potrete poi ritrovare riascoltare anche scaricare in poca strada su Radio radicale punto Ittihad andando nella Sezione delle rubrica
Cominciamo dalla prima di tutto parlando di giustizia internazionale e del tribunale internazionale per l'ex Jugoslavia perché sabato scorso saputo venticinque maggio cadeva il ventesimo anniversario della Costituzione di questo organo di giustizia internazionale
Che ha giudicati crimini commessi durante le guerre jugoslave degli anni Novanta un anniversario che indubbiamente ha suscitato molte valutazioni molte valutazioni diverse anche contrastanti per quanto riguarda il ruolo la missione compiuta o meno
Di questo organo di giustizia internazionale i a cui sono stati affidati i processi
Dei responsabili dei più atroci crimini commessi nell'ex Jugoslavia e anche il contributo meno che il tribunale ha dato alla riconciliazione nella regione
E allora consolidamento della giustizia internazionale delle ventennale dell'istituzione del Tribunale internazionale per l'ex Jugoslavia ci parla Marina sicura
Come lo ricorda l'agenzia di stampa croata china in occasione di questo ventesimo anniversario del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite il venticinque maggio
Nelle novecentonovantatré con la sua risoluzione ottocento ventisette
Aveva deciso all'istituzione del Tribunale penale internazionale che giudica i crimini commessi
Elettivo nell'aria pie fermare colpi la guerra unire i responsabili di gravi violazioni del diritto in valutario e critica creare i presupposti piedi la riconciliazione nella regione
Per il lavoro del Tribunale da allora fino ad oggi la comunità internazionale ha speso
Circa due miliardi di dollari
Dall'alto a istituzione il Tribunale dell'Aja sollevato atti di accusa contro cento pertanto un'imperfezione per gravi deviazioni di Diritto umanitario con mettete ai miei novecentonovantuno nel due mila uno
Sono stati conclusi progetti contro entro trentasei imputati
Mentre mettono ancora in corso quelli contro venticinque persone
Dagli imputati davanti ai giudici punti unici delle Tribunale dell'ex Jugoslavia si sono trovati alcuni
Dei più importanti i responsabili di guerra in un kibbutz l'aria quali l'ex Presidente della sfera del corpo da Milosevic morto in carcere durante il Progetto
Che lo accusava di crimini commessi in Bosnia Erzegovina Croazia Kosovo
Poi dietro oggetto all'ex Presidente della Repubblica perché era la domanda carenti
Contro l'ex comandante dell'esercito dei termini Boniek Chirac formali ci il Tribunale dell'Aja ha stabilito la responsabilità per i crimini commessi nell'ambito di impresa criminale congiunta
Della leadership della Serbia e della Repubblica perché
Valutazioni contrastanti sottolinearla
Lastrina croata
Non sono soltanto quelle nella Regione bensì anche quelle per quanto riguarda
La comunità internazionale ogni anno alle riunioni del Consiglio di sicurezza dell'ONU dedicate al appunto al lavoro
Del Tribunale dell'Aja intellettivo nell'aria ci sono opinioni definite degli Stati europei e degli Stati Uniti da una parte che
Tradizionalmente appoggiarmi difendono il lavoro del Tribunale e della Russia dall'altra parte chi critica apertamente il tribunale
Mentre con una posizione diciamo così di mezzo via la Cina la quale ritiene che il Tribunale dell'Aja deve rispettare il principio di perché imparzialità e indipendenza e stato di diritto
Per quanto riguarda la Regione lavoro del Tribunale viene maggiormente critiche Antoni negato inc Serbia
Nei POR per la miglior dimostrazione l'intervento del Presidente serbo Tomislav Nikolic alla scorsa riunione dell'Assemblea generale dell'ONU
In questa occasione Niccoli c'era paragonato i traccette Allai accoglienza
L'Inquisizione accusando il tribunale di essere del tutto
Ingiusto nei confronti Dei del popolo serbo della Serbia e degli imputati serbi secondo ricco e civile un'atmosfera di linciaggio verso tutto quello che serbo
E questa Corte afferma il Capo dello Stato serbo con una
Giustizia
Per le viva nonna contribuito
Verso un modo aiutato la riconciliazione merita regioni
Il vice Presidente del Governo serva infondate utili da parte sua accusato il Tribunale dell'Aja per l'ex Jugoslavia di non aver punito a nessuno per i crimini Cometti contro i serbi in Croazia
E qui davanti a questo Tribunale
Non si è trovata a rifondere nessuna alto funzionario della Croazia o della Bosnia Erzegovina anche se come afferma Bucci
Ci sono tanti crimini da tutte le parti
Spetta opinione condivide anche il rappresentante serbo della Presidente ripartite per l'amor pettegola vent'anni a Brescia radunano mi secondo il quale il Tribunale dell'Aja tratta ingiustamente le vittime serbe pulisce soltanto i portatori
Tre bis
Va detto Chiellini lavoro
Del tribunale per l'ex Jugoslavia evitato piani criticato anche in Croazia le va ricordato che i problemi relativi alla collaborazione della Croazia con questa corte internazionale sono stati uno degli ostacoli principali
Sul cammino di questo Paese verso l'adesione all'Unione europea le sentenze di liberazione dell'anno scorso e generali cromatico trovi né in marcatura
Secondo i sondaggi hanno cambiato intento positivo sull'opinione pubblica curata nei confronti del Tribunale dell'Aja
In questo penultimo anno del suo lavoro del Tribunale per l'ex Jugoslavia
Aldo al Tribunale delle per l'ex Jugoslavia sono ancora in corso alcuni processi di primo grado
Contro care a dieci Mladic
AGCI ieri sono state pronunciate le sentenze di primo grado upper richieda altrimenti ancora inattesa quelle altare ECC esci ultimata vicino anche
Il caso cherchez basso sottolineato che
Appunto il record in assoluto in quanto lunghette di protette quello contro il leader belliche ultranazionalisti radicali tardivo riconoscesse chi si trova sotto perché sorda ormai dieci anni
I progetti contro ma avvicinare indice non saranno terminati entro il trentuno dicembre due mila quattordici quando appunto secondo la decisione il Consiglio di sicurezza dell'ONU
Si dovrà concludere il lavoro del tribunale dell'ex Jugoslavia mancheranno anche i progetti di appello in altri soprannominati cavi e questi progetti saranno consegnati al cosiddetto
Meccanismo reddituale dei tribunali Cocchi concluderà il lavoro non terminato e inizierà adoperare il primo luglio due mila tredici
Procuratore generale che il Tribunale dell'Aja per Ibra Merck ritiene che
Questo tribunale è riuscito apportare tutti gli imputati davanti alla giustizia
Che non ha soltanto assicurato la responsabilità individuale per gli imputati di crimini
Gli impianti i dati relativi alle vicende chieste conto veramente potrebbero mettere un attacco l'eventuale revisione della storia
Siamo riusciti a far vivere gli obiettivi della risoluzione ATO centoventisette del Consiglio di sicurezza dell'ONU siamo riusciti nonostante tutto a portare davanti alla giustizia tutti quelli che il Tribunale dell'Aja ha accusato
E tra le varie fortemente i principi della giustizia internazionale che non saranno spettanti facilmente ha detto veramente
Nel suo intervento in occasione dell'anniversario del tribunale
Ha aggiunto inoltre che sono stati detonò vivibili annunci di revisione nelle dichiarazioni pubbliche di alcuni politici nei Paesi dell'ex Jugoslavia i costi quale ancora perfino oggi
Glorificare no
Oppure nega non crimini di guerra alcuni vanno così lontano
Da negare il genocidio afferenza
A ha sottolineato Bram questi commenti destano preoccupazione e al tempo stesso rilevano il ruolo fondamentale della giustizia internazionale
Ah otterrà Avato il Procuratore generale dell'ANIA aggiungendo che
La politica di
Con di condizionamento degli Stati membri dell'Unione europea condite rinvenuto alla piena collaborazione con il Tribunale dell'Aja dimostra che la
Giustizia internazionale a maggiori possibilità di
Prevalere quando le liste un appoggio politico forte
E sollecitazioni positive per la collaborazione brame ha rilevato che succede soltanto che sono stati efficacemente trasferiti in molti progetti di crimini di guerra
Alle procure nazionalismi Paesi dell'ex Jugoslavia
Vi ricordiamo che al tema della riconciliazione nell'ex Jugoslavia e al ruolo svolto in questo senso positivo o negativo a seconda dei punti di vista svolto dal Tribunale internazionale avevamo dedicato la quarta puntata della degli speciali di passaggio sud-est Racco un tale Europa l'Europa il ciclo di trasmissioni che abbiamo realizzato nei mesi scorsi in collaborazione con osservatorio Balcani e Caucaso la ritrovate naturalmente insieme a tutte le altre puntate del ciclo su Radio Radicale punto it ti sul sito www punto balcanica a questo punto org invece
Di segnaliamo il interessantissimo molto utile dibattito Hall anche si è sviluppato proprio su questo tema se il Tribunale internazionale a favorito o meno una riconciliazione nell'ex Jugoslavia e poniamo dunque ad Aix so di Albania continuiamo a seguire la situazione politica interna in vista delle importanti elezioni parlamentari delle ventitré giugno la campagna elettorale ormai è partita una campagna elettorale che nelle sue prime mosse sembra
Svolgersi senza troppe asprezze anzi la maggior parte dei partiti politici dei candidati sembra non volersi confrontare reali ente sui sulle diverse proposte sui loro programmi elettorali in tutto questo però si segnalano lo segnalano alcuni sondaggi
è un una sostanziale disinteresse da parte dei cittadini albanesi ce ne è parlato un'ora
Sì un nuovo sondaggio pubblicato da TV ora e condotto dalla società italiana ai più a marketing
Ha mostrato che la maggior parte degli albanesi hanno poco interesse per la campagna elettorale intimidazioni di ventitré giugno
Secondo il sondaggio il quarantanove virgola cinque per cento degli intervistati
Hanno seguito la campagna elettorale con poco interesse mentre il diciassette virgola nove per cento non sono interessati affatto nei messaggi provenienti dai partiti politici durante la campagna elettorale
Anche se la campagna iniziato ufficialmente il ventiquattro maggio
Sia l'opposizione a guida socialista di dirama che la maggioranza di Governo del Primo Ministro Sali Berisha hanno ottenuto comizi incontri molto prima dell'inizio di questo mese
Diversi opinionisti hanno detto che è scritto sui giornali che l'interesse scarso della nella campagna
Elettorale differente il senso di avviene azione nei confronti che la classe politica del Paese in generale e che questa campagna in questa prima fase
Non è almeno ancora caricato con dei attacchi personali come è stato in passato e per la prima volta
Sono in discussione i programmi politici comunque
Ma oltre a questo il pubblico come abbiamo detto risulta essere stanco della presenza schiacciante sui loro schermi televisivi dei politici dall'alba al tramonto ciò
Il sondaggio di ai piedi Howard che è stato condotto per telefono sia basato su un campione nazionale di mille elettori registrati
L'elezione parlamentare del ventitré giugno si troveranno ad affrontare due grandi coalizione
Una capeggiata dal Partito democratico di centro destra del Primo Ministro Berisha e l'altro verso tali siti l'ex Sindaco di Tirano Elvira
Berisha la ricerca di un terzo mandato al potere
In precedenza è stato presidente dell'Albania nel periodo mille novecentonovantadue mille novecentonovantasette e dal novantuno era stato il leader incontrastato del Partito Democratico
E dirama invece asservito come sindaco di Tirana del due mila due mila undici ed è stato eletto il Presidente del Partito Socialista nel due mila cinque
Comunque bisogna dire ripetere ancora che l'Albania ha una lunga storia di elezioni che non soddisfano norme internazionali e le finali loro finiscono sempre indiscrete politico
Il voto di ventitré giugno è visto come un banco di prova per la spiegazione del Paese già martoriato per l'adesione altri non europea
Intanto bisogna informare che il Primo Ministro Sali Berisha ha richiamato il Parlamento di votare su tre leggi voluta da Bruxelles come convenzione al Paese proprio nello Statuto il candidato
I parlamentari attuali albanesi sono chiamati
Di per questi tre leggi e chiedono ICI quali chiedono la maggioranza o qualitativa del Parlamento
Nessuno posti come una condizione Sindaco ultimo autunno da parte la Commissione ha avuto
Europea per ottenere lo status
Di candidato all'Unione
Questi tre mesi e sono rimasti ostaggio risalente dalle elezioni locali del Milan due mila undici di una disputa politica tra l'opposizione socialista guidata dai grama
Della coalizione di centrodestra oppure maggioranza attuale governativa
La settimana scorsa il movimento socialista per integrazione attualmente all'opposizione
Appellato ossia il Governo che l'opposizione di votare in una seduta straordinaria parlamentare queste tre leggi a condizione di mettere loro in forza
Con la funzione del nuovo Parlamento dopo ventitré giugno
Primo Ministro Sali Berisha accettato il compromesso il Parlamento lo Stato
Richiamato ditte esterne ad un atto proprio oggi giovedì Aldo Amoretti certi nove della mattina alle ore dieci e scusate mentre la mattina anche se l'istituzione parlamentare sono già
Formalmente finite la compagna elettorale per il prossimo per le prossime elezioni è già iniziata
Secondo diversi opinionisti oramai a causa di questa scena politica locale distruttiva
Verbania assoluto simpatizzanti a Bruxelles ma non desse sostenitore del processo di integrazione europea per la fiducia dell'Unione europea potrebbe risalire soltanto sì Ima di dialogo costruttivo
Diventasse essenziali per questa fase del processo di integrazione europea e durante la campagna elettorale e il processo
Di delle alcune il processo della votazione per il ventitré giugno
E abbiamo adesso l'ampia pagina dedicata al Kosovo la scorsa settimana acqua abbiamo registrato la in puntata di passaggio Sudest quando ancora non si era chiuso link tra il premier serbo Ivica da ATC e quello kosovaro Hashim Thaci che erano stati chiamati a Bruxelles dall'Alto rappresentante per la politica estera europea catene stona per chiudere per trovare un accordo sulla l'implementazione dell'intesa raggiunta lo scorso aprile l'accordo poi c'è stato i due Governi hanno fatto un ulteriore passo avanti perché sia Belgrado che Pristina
Hanno adottato una road map per l'attuazione del dell'accordo sulla normalizzazione delle loro relazioni
Il piano prevede una tabella di marcia per la soluzione di una serie di problemi molto delicati come per esempio l'organizzazione delle elezioni locali per la minoranza a serba in Kosovo che non riconosce che si oppone alla normalizzazione dei rapporti con Pristina e non vuole assolutamente riconoscere l'indipendenza del Kosovo
Ma la situazione sembra comunque evolvere in maniera positiva come dicevamo entrambi i Governi hanno approvato l'intesa raggiunta Bessel
Sentiamo come la situazione a Belgrado da Marina si corra
Domenica cose
Tale il governo della terribile approvato ad una riunione straordinaria del rapporto per l'elaborazione delle chiaro ed implementazione dell'accordo che Belgrado e Pristina nelle due tutto a Bruxelles non c'è il piano di implementazione del primo accordo sugli principi che regolano la normalizzazione delle relazioni tra le due parti
Il Governo serbo rileva però qui si tratta di un documento che non pregiudica allo status del Kosovo di quei dal premier serbo i ritardati ci ha informato subito
L'Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell'Unione europea che tiene Rampini nella sua lettera il premier della Serbia sottolinea che il Governo dell'arteria ritiene che l'approvazione in delle
Cogliete al piano di implementazione e come anche le necessarie modifiche della legge che sono indispensabili per l'attuazione del primo accordo
Apriranno le porte affinché il contenuto politico degli sforzi durante i divertimenti possa dare risultati che corrispondano agli interessi e alle aspettative dei cittadini di tutte le parti incluse nel processo
Il Governo della Serbia ritiene che la nomina delle comandante regionale della Polizia al nord del Kosovo darà un contributo vivibile alla fiducia e di stabilizzazione degli circostanze politiche e al rafforzamento della sicurezza in tutto il territorio del costo
Il Governo per voi indica che il piano di implementazione del primo accordo non che il raggiungimento di tutti gli accordi
Precedenti e futuri e la loro attuazione attuazione non
Io l'anno
Confermato principio degli anni neutralità di status in tutte
Le padri dell'attuazione i fili legge nella
Lettera serba inviata che innesto anzi il premier serbo
I dati
Ha tenuto quindi importante confermare che i colloqui bis dell'etica del DEA dei Pristina sono dal punto di vista dello status del Kosovo neutrali
Vale a dire che non pregiudicano il futuro status del Kosovo e che i colloqui con i rappresentanti
Della comunità internazionale proseguiranno
Alla riunione del Governo serbo non sono state accettate le dimissioni del direttore dell'ufficio spero per il costo standard uno in poi che all'accordo come si constata
Non è riuscito a soddisfare le richieste e le
Aspettative dei terre di in Kosovo
Ricordiamo quindi i rappresentanti della Serbia e del costo lo scorso diciannove aprile hanno affidiate l'accordo sulla normalizzazione delle relazioni
E il Parlamento della Serbia con una maggioranza di voti è approvato questo accordo una settimana dopo
Il Pindi Belgrado e Pristina Titano poi riuniti diverse volte pie accordare il piano di attuazione in rappresenta
La condizioni per il conseguimento
De Progetto di euro intermediazioni per la Serbia si tratta di ottenere la data dell'inizio dei negoziati di adesione all'Unione europea
Per il Kosovo invece dell'accordo di stabilizzazioni associazioni
E questo è il nodo della questione l'adozione della road map come ci ha detto Marina si corra dovrebbe ora mettere in condizione il Kosovo di conquistare l'accordo di associazione e stabilizzazione con l'Unione europea che il primo passo nella processo di adesione per la Serbia da questo dovrebbe significare invece l'avvio formale dei negoziati di adesione e di questo si dice sicuro il Ministro degli esteri serbo Ivan Archetti sentiamo ancora Marina sicura
Più che Prodi fatto il Ministro degli esteri serbo Ivan tornare tutti dopo la cena SPE
Rivolta lunedì sera spetta la direzione europea per gli affari esteri a Bruxelles oltre ai ministri degli esteri dei ventisette Stati membri
Vi hanno partecipato anche i campi di diplomazia della Croazia Turchia Macedonia Montenegro egli landa
Commenta e citato dal Ministro degli esteri serbo la Serbia non te il dialogo tra Belgrado e Pristina sono stati i temi dominanti nel corso di questa serata
E secondo le tue parole tutti quelli che sono intervenuti completa che trimestrale hanno parlato in superlativo della politica eccetera serba
Nel codice ha sottolineato che le mosse della Serbia secondo l'opinione in generale
Sono più volte nell'interesse dei termini kosovari e del futuro serbo limite degli esteri terremoti e detto personalmente convinto che la Serbia
A giugno avrà una data per l'inizio dei negoziati di adesione all'Unione europea
Per quanto riguarda
La Maffei camminare nell'intera regione ha precisato Merkel
Vi è comune una comune opinione che file creata un'atmosfera chi non c'era lineari
Fatto
I serbi del nord del Kosovo però non ci stanno e hanno deciso di creare un'assemblea provinciale in accordo con la Costituzione serva per impedire la loro integrazione nel Kosovo interi il dipendente
L'obiettivo di difenderci dall'accordo di Bruxelles che è incostituzionale che prevede di uniformare la comunità serba la Costituzione e alle leggi del Kosovo
Ha detto il presidente delle municipalità serbe del Kosovo Marco Iazzi dice la riunione costitutiva di questa Assemblea dovrebbe tenersi la prossima settimana
I cosa che non ci sono tensioni solamente tra i serbi che non accettano la normalizzazione delle relazioni tra Belgrado e Pristina e che sono risolutamente contrari a qualunque forma di più o meno palese riconoscimento dell'indipendenza del Kosovo tensioni ci sono anche tra gli albanesi questo caso però le tensioni sono verso
Le istituzioni internazionali presenti in Kosovo in particolare un lei verso la missione civile europea è un ex e riguardano anche processi contro ex comandanti dell'UCK l'esercito di liberazione del Kosovo ce ne è parlato un'ora
Sì si sono state a migliaia di cittadini albanesi del Kosovo che sono unite in una protesta di massa a Pristina sollecitando così il rilascio dei
L'ex comandante delle forze di sicurezza del Kosovo e di altri sei ex colleghi ieri che sono trattenuti con l'accusa di crimini di guerra
Sventolando bandiere del corso usando degli slogan a sostegno dell'esercito di liberazione del corso di UCK diverse migliaia di manifestanti hanno marciato attraverso una città fino al Palazzo del Governo a perché della libertà di azione
Dell'ex
Di penetrazione dell'ex comandante delle forze di sicurezza sulle masse vini e altri se ex combattenti accusati di crimini di guerra contro i civili prigionieri
Infatti i manifestanti aveva indossato British d'arte con descrizione scritto FIFA l'UCK
E cantando slogan come libertà periti per attori
è tutto il Kosovo e UCK loro hanno chiesto che il Governo chieda di dare una fine del mandato che la missione dell'Unione europea per il diritto in Kosovo Eurex che è competente per individuare
Eventualmente proseguire i sospettati
La protesta è arrivata dopo che se l'insieme con il Sindaco di spendere al summit lo stacco
E cinque altri comporta ex combattenti e dell'UCK noto come il gruppo di tecnici a questo sono stati messi agli arresti domiciliari per trenta giorni dopo una udienza nel Tribunale il sabato scorso
Agenti di EULEX
E la polizia hanno arrestato cinque degli indagati il giovedì scorso
Le cinque persone non sono impiegati per crimini di guerra contro la popolazione
Civile in forma di violazione della integrità fisica e la salute dei civili detenuti un centro di detenzione dell'UCK situato al dico farci ex ante
Ha detto tramite un comunicato stampa rilasciato da parte dei
EULEX secondo l'accusa i detenuti civile sono stati vittime di abuso nel carcere dell'UCK nel giugno mille novecentonovantotto
Sono venuto qui per protestare contro l'ingiustizia che sta accadendo ha detto un manifestante ho visto in diversi schermi della tv in corso qualche riferendosi al ponte al confine con la parte
Del nord del Kosovo ha aggiunto
Che i veri criminali vanno ricercata aldilà di Mitrovica del ponte di Mitrovica
Alcuni legislatore del Partito Democratico del colosso ex politici cantanti ben noti hanno partecipato alla manifestazione che è stata organizzata dai veterani di guerra del Kosovo
Il sette imputate sono accusati di specifiche dice cucinati nelle cucine di Belgrado ha detto per i media
Is my inglese vice capo di questa associazione
Tuttavia
Le udienze ha detto che con più grandi di investigare il gruppo dei tre inizia questo caso sarà il terzo caso di altro profilo lanciato da parte di europea sin dall'inizio che dà la sua missione in Kosovo
Nel mille nel due mila otto
Tra ex comandante dell'uscita palliativi grafica Gasci fruste Mostafa Nasif me mente il cosiddetto gruppo guardi sono attualmente sotto processo con l'accusa di aver abusato civili nel carcere dirla pasticcia
Ex comandante dell'UCK ex ministro dei trasporti Fatmir di me altri nove nove imputate sono sotto processo per l'accusa di aver abusato serbi e albanesi civili e prigionieri di guerra
Nel centro di detenzione di cresca nonostante le difficoltà i problemi che sono tanti anche complesse
Sì serbi e albanesi in qualche modo comunque si parlano in Kosovo magari non tanto a livello popolare ma a livello politico e anche a livello di di esperti quanto meno lo hanno fatto gli economisti che si sono confrontati sul tema del futuro del complesso minerario di tre c'è anche di questo ci fa la struttura
Gli economisti del Kosovo e della Serbia hanno discusso di recente il futuro del contestato complesso minerario di trecce
Che secondo le stime potrebbe essere sfruttato con buon profitto per i prossimi decenni
In un dibattito tv prodotto tappa credibili nei termini usi due economisti del Kosovo e della Serbia hanno discusso il potenziale economico del contestato complesso minerario di tre sa
I relatori hanno convenuto che solo il dialogo può risolvere le differenze tra Serbia e Kosovo sulla miniera mezzo defunta possiamo dire ripristinare l'attribuzione
Radon mancherebbe nove dice il direttore dell'Istituto di geologia della Serbia ha detto che le riserve delle risorse di mettano in corso meritano particolare attenzione
Tuttavia secondo ora prenome dice molto molte questioni politiche attualmente impediscono da arrivi reiterazione di tre cioè che condivide oggi la stessa sorte della vicina cita divisa di Mitrovica
Nel sud di imprese di proprietà sociale gestita dalle autorità del corso nel nord e gestita da un'Amministrazione installata dal Governo della Serbia
L'ex direttore di tre c'è Nazmi lui composti odierne albanese a vero che ci sarebbe voluto a meno di duecento milioni di euro di finché rivitalizzare la società di tre circa
Per produrre ma tale a trecce ha bisogno di
Centosessantotto settantaquattro milioni di euro secondo uno studio che abbiamo condotto nel due mila cinque ma il problema
Non è con i soldi ma piuttosto alla divisione amministrativa
Tra insulti e il no ha precisato APQ Colozzi
Il compreso il complesso di trecce comprendo un terreno di ottanta chilometri di lunghezza tre al trenta chilometri a livello di rete di decine di miniere attive inattive che si stimano a contenere almeno cinquanta milioni di tonnellate di minerale sfruttabile
Entrambi da parte concordano sul fatto che la rinascita di questo colosso industriale sarebbe vantaggioso per entrambe le economie a prescindere da come i problemi politici e amministrativi attuali sono dissolti
Il vice Presidente della Camera di commercio della Serbia mi fa il loro verso vice
Ha detto che lo sfruttamento delle risorse dovrebbe unire gli interessi della Serbia e del costo secondo due i livelli di produzione bassi della società accusato più problemi per l'Assemblea che per il costo
Siccome l'industria serba ha fatto affidamento su me tali prodotti
In questa miniera di tre c'è adesso vi ci ha detto che la domanda di piombo e zinco due minerali principale di tracce era molto maggiore in Serbia che è in corso
Invece il Presidente della Camera di Commercio del Kosovo
Sa fare grezza unico ha detto che l'impatto della verifica di rivitalizzazione sarebbe sentita più in Kosovo che la Serbia come sarebbe creare almeno dieci mila nuovi posti di lavoro ed esportazione potranno arrivare ad un valore di circa per cento milioni dieci euro all'anno
Oltre a dieci milioni dieci mille posti di lavoro con un effetto diretto non ci sarebbe l'occupazione indiretta e generando
Così circa altri venti mila posti di lavoro ciò avremo un effetto molto positivo per il prossimo dieci venti anni in Kosovo ha aggiunto
Questo programma tv ha anche discusso l'interdipendenza economica tra il corso dell'assemblea dove le due Camere di commercio si sono sfidati sugli ostacoli che affrontando gli uomini d'affari nei due Paesi
Chiudiamo per il momento il capitolo del Kosovo e prima di proseguire con la Turchia apriamo però una pagina dedicata alla Macedonia un altro Paese il cui processo di adesione all'Unione europea
Piuttosto tortuosa complicato e sostanzialmente fermo
Non solo per l'annosa questione del non ufficiale della Repubblica ex jugoslava ma anche per questioni di visti e di richieste di asilo
Su cui ci sono molte preoccupazioni a Berlino in altre capitali europee ce ne è parlato un'ora sì che il Ministero degli esteri della Macedonia dice che il numero di richiedenti d'asilo all'Unione averlo politico all'Unione europea
Sono incauto nella regione
Il ministero ha reagito a seguito di segnalazione di un
Nuovo iniziativa per rivalutare il regime senza visti da parte della Germania Austria Olanda e Gran Bretagna
Siamo in contatto permanente con i Paesi colpiti da questo problema ma gli sforzi comuni per ridurre il numero di richiedenti d'asilo politico hanno iniziato a dare i suoi frutti
Dice il Ministero degli affari esteri della Macedonia tramite un comunicato stampa
In una lettera congiunta del venticinque aprile scorso per la Presidenza irlandese ed Unione europea i quattro prese di Unione europea hanno chiesto all'Irlanda permettere la questione sul tavolo di una prossima riunione
Della Unione europea per la giustizia e di affari interni ambientali giugno
L'Unione europea avevo catturi l'obbligo del visto per serie per la Serbia Macedonia il Montenegro nel dicembre
Due mila nove
Che consente così ai propri cittadini e di viaggiare liberamente nella zona Schengen nell'Unione europea
Ma da allora la Serbia la Macedonia hanno ricevuto denunce di arrivi in massa dei richiedenti asilo principalmente i cittadini albanesi e critici albanesi e io no
L'Unione europea ha messo in guardia i Paesi dei Balcani che se non fanno ridurre il numero di richiedenti d'asilo innesti possono essere reintrodotti
Di conseguenza la Macedonia e la Serbia l'anno scorso hanno introdotto controlli più severi alle frontiere
Hanno potenziato ed istruzione tra maggior parte dei gruppi interessati invitandoli hanno aumentare all'Unione Europea per visitare e chiedere l'asilo
I dati dello scorso anno da parte del Ministero degli esteri tedesco durante il picco di afflusso dimostrano che otto mila quattrocentosessanta
Da sette
Delle persone de delle sessantaquattro mila cinquecentotrentanove persona organo chiesto l'asilo in Germania nel due mila tutto dici
E venduto dalla Serbia classificandola il Paese prima il primo nella lista dei richiedenti d'asilo
Il dato due mila dodici ha rappresentato un aumento di quasi il cinquanta per cento rispetto al due mila undici quando i cittadini serbi secondo i dati ufficiali di quattro mila cinquecentosettantanove
Cercare asilo in Germania
Ma c'è la Macedonia è diventato il quinto nella classifica contro quattro mila cinquecento quarantasei
Richieste di asilo Carra presentato un aumento di più di tre mila persone rispetto
Al due mila undici oltre l'ottanta per cento delle persone che hanno presentato domanda che entrambi i Paesi elencati
Di loro partenza etica come Roma
Tuttavia gli ultimi dati i tedeschi mostrano un calo significativo nelle applicazione di entrambi i Paesi a partire dalla fine dello scorso anno
Questa volta ugualmente collocata al quinto posto la Serbia la Macedonia al decimo posto la Macedonia nella lista dei richiedenti Casillo in Germania
E come vi avevamo preannunciato nel sommario l'altro capitolo principale di questa puntata di passaggio su destra dedicato alla Turchia
Parliamo di Turchia ma lo facciamo a partire dalla crisi dal conflitto siriano e partiamo per la precisione da a Bruxelles
L'Unione europea cioè i ventisette ministri degli esteri dell'Unione europea hanno raggiunto l'altro ieri un accordo di compromesso che prevede la revoca dell'embargo sulle armi per agli insorti siriani
Senza però che vi sia un'effettiva consegna per i prossimi due mesi ai gruppi che combattono il regime di Bashar al-Assad
Tutto questo in attesa degli sviluppi legati allo sforzo diplomatico in corso abbiamo parlato di un accordo di compromesso
Un compromesso è però che scontenta un po'tutti troppo poco troppo tardi è stato il commento del Consiglio nazionale siriano
La Russia da parte sua ha stimato che questa decisione potrebbe avere conseguenze negative dirette sulla Conferenza internazionale di pace d'altra parte alcuni Paesi occidentali hanno apertamente criticato la consegna
Da parte di Mosca di missili al regime di Damasco
Critica e delusa delle decisioni prese a Bruxelles anche il Ministro degli esteri italiano Emma Bonino che ha definito non gloriosa dal punto di vista istituzionale europeo
L'incapacità dimostrata dal Consiglio affari esteri dei ventisette di trovare una posizione comune sulla Siria anche se secondo Napoli ne è stato limitato il danno sul mancato accordo che non avrà conseguenze immediate sul terreno
Secondo Emma Bonino con meno rigidità sarebbe stato possibile un esito positivo del negoziato fra i ventisette
Ma sentiamo direttamente Emma Bonino le sue dichiarazioni rilasciate al termine del Consiglio dei ministri degli esteri dell'Unione europea
Quello che so è che dobbiamo evitare che posizioni così divergenti da essere inconciliabili abbiano come risultato la caduta totale dell'intera struttura dell'embargo io credo che
è in gioco non tanto come dire agende nazionale quando è un dato di responsabilità complessiva il punto reale a mio avviso non è tanto
Largo si embargo no quanto Ginevra si Ginevra no
Questo è il credo quello che dovremmo discutere invece di
Focalizzarci su un punto che pure importante non è affatto l'unico in particolare alla luce di notizie non buonissime che arrivano dagli scavi vuole non buonissime che arrivano dal sul terreno quindi dirò che secondo me la cosa e di evitare che se ne cade a pezzi dell'ente per veti incrociati l'intera struttura del dell'embargo e
Lavorando velocemente sull'ipotesi tre che voi conoscete ma soprattutto per affrontare gli altri temi quale formata Ginevra cosa vogliamo Ginevra cosa siamo in grado di
Fare perché Ginevra sia un successo
Il punto dunque la tenuta della seconda Conferenza internazionale di Ginevra sulla Siria la prima aveva riunito il responsabile della diplomazia dei cinque Paesi membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite
Vale a dire Stati Uniti Cina Russia Francia Regno Unito alcuni Paesi in rappresentanza della lega araba insieme ministri degli esteri della Turchia e dell'Unione europea però che ad essa essendo sia i dati dell'extra Time ma
Riescano
Riescono a trovare una soluzione certamente non è molto promettente
Vederli insomma combattersi tra di loro in modo quasi altrettanto entusiasta
Rispetto a quello che combattono sul terreno e certamente
Non è un dato
Come dire che faccia molta fiducia mi auguro che
Passato questa o in questo extra tale ma che si sono dati arrivino in c'è ad una posizione di una leadership riconosciuta di maggiore inclusione francamente e anche di maggiore responsabilità
Parliamo di Turchia della crisi siriana vista dalla Turchia Paese direttamente pesantemente coinvolto nella situazione sia per il suo ruolo internazionale che per la sua collocazione geografica ma anche ovviamente per la sua collocazione diciamo così politica per le alleanze che ha la Turchia pensiamo prima di tutto alla al fatto che a un Paese e che Paese importante nella NATO
E ne parliamo con Marta Ottaviani corrispondente dalla Turchia dell'Agenzia ti amiamo osa collaboratrice della stampa e dell'avvenire Marta allora intanto PAN partiamo dalla dal Consiglio dei ministri degli esteri europei che si è concluso praticamente poche ore fa con questa con questo accordo di compromesso
Sulla revoca dell'embargo sulle armi ai gli insorti siriani con però diciamo così una sospensione di di due mesi nelle eventuali
Forniture perché c'è di mezzo anche la possibilità che si convochi questa Ginevra due questa seconda Conferenza
Di pace sulla Siria nella quale la Turchia a ha un ruolo importante allora intanto le reazioni in Somalia dopo dopo le decisioni di di Bruce nella
Ma comunque diciamo che le reazioni sono veramente di scarsa soddisfazione al sia a livello governativo sia per quanto riguarda l'opposizione siriana che ricordiamolo proprio in Turchia trova uno dei suoi quartier generali più importanti
Il Governo bianca preme da tempo perché ci sia una ti meditazione insomma una passione
La rapida incisiva risolutiva nei confronti del Governo della dittatura di Bashar al-Assad il problema è che infila in questo momento da parte europea sia soprattutto da parte statunitense
Gli animi sono diciamo hanno una disposizione direi cambi nettamente opposta e giustamente chiaramente fino che dice no Washington non possiamo sicuramente sperare che qualcosa succeda anche a livello anche solo a livello NATO
Ecco per vedere di Washington c'è stata la recente visita di ardo Anna UA Citton l'incontro con con Obama lì che giudizio è stato dato di di di questo di più in piccolo insomma di questa visita
Ma direi chiaramente papà un parziale fallimento perché al di là delle diciamo belle parole di Fitto
E delle pacche sulle spalle però ecco la situazione di Washington sulla questione si rimane inalterata
C'è poi un particolare molto interessante che non è stato secondo me ha fatto notare a sufficienza
è che mentre Obama come dire ribadiva l'importanza dell'alleato turca e tutto quanto nella casa Camera riguardano dizione da camera di rappresentanti la Turchia è stata severamente criticata per la questione dell'importazione di o delle esportazioni scusate Dio all'Iran
Insomma a
Care immane sicuramente un Paese molto importante e arcaiche americana non si parla di Napoli fino a quale punto si affidabile le conseguenze del del del grave attentato di
Io reale al di là del del numero spaventoso di morti che c'è stato una cinquantina di morti però ha ha lasciato delle conseguenze pesantissime no
Ma ad un po'quell'Occhetto certa Ryanair
Semplicemente la come dire mettere nero su bianco una situazione che era noto da mesi
Il confine tra la filiera Turchia diventato un confine esplosivo non solo appunto per quanto riguarda soprattutto la parte finale del controllo del territorio perché è uno dei posti più instabili del Paese
Ma anche e soprattutto per quanto riguarda la situazione della sicurezza interna turca in questo momento la Turchia sta ospitando circa quattrocento mila rifugiati ormai da mesi il problema è che le condizioni di vita disperate
Ignara buddismo di fondo crea non pochi problemi di convivenza con le popolazioni locali a questo va aggiunto anche il fatto che in questi quattro dunque come in questi oltre
Quindici canti credo siano circa diciassette in questo momento non ti fatte siano poche tutti rifugiati molti potrebbero essere infiltrati del regime che hanno tutto l'interesse a destabilizzare la situazione interna
Nel sud-est Turco lasci per mafia quanto riguarda la sicurezza intendo dire
E dall'altra parte e poi ci rimane sempre l'incognita sulla possibile presenza di combattenti jihadisti all'interno dei cantieri della quale anca insomma
Se dovesse essere confermato una cosa del genere dovrebbe anche prendersi una responsabilità piuttosto seria assiste quale sud-est turco significa
Ma zona curda e quindi tutto la Milella Gancia l'intreccio con c'è con la questione curda e con il processo di pace avviato con il PKK se non sbaglio
Assolutamente sì devo dire anche per il momento quello sembra tenere anche perché è il PKK che ricordiamolo governa fare praticamente indisturbato
I traffici di droga e di armi che partono proprio dall'ovvia che ed alla Siria a tutto l'interesse perché ne sono tre comunque rimangano sicura e quindi in questo momento probabilmente almeno la parte turca del PKK
è più interessata a continuare questo cammino di dialogo no corregge attagli perdo avrei mantenere il suddetto i Paesi in sicurezza considerato anche il suo controllo del territorio
Rimane però l'incognita del braccio siriano del PKK e approva ancora di più di quelle Agnano che come noto è contrario alla trattativa con il della dell'organizzazione che è partita con il Governo turco s'ma
Ci
Sono diciamo così nel ci possono essere queste queste divisioni cioè ci sono delle visioni PKK e a lungo andare potrebbero portare una a una una spaccatura nel nel nell'organizzazione
Tutto è possibile diciamo che per il momento lo ritiro dei guerrieri del PKK dal territorio turco sta avvenendo con grandissima casomai senza nessun tipo di intoppo
L'altro sono alcuni dirigenti del PKK addirittura detto che potrebbe essere ultimato entro la fine di giugno
Rimangono però lei possibili schegge impazzite che potrebbero anche poter decidere di coalizzarsi mi riferisco a quelli esempio dell'attentato a Parigi lo scorso febbraio che punto una volta ultimata il direttivo del PKK
Potrebbero decidere di tornare a reagire ad agire in maniera più coordinata e con carenza diciamo regolare
Rimane poi da sottolineare il fatto che insomma stanno ancora aspettando anche le mostro il Governo turco rosse
Come si crede il premierato hanno Chirac in braccio la nuova Costituzione i lavori subiranno un'autorità dove allora al PKK come ha fatto ritirare i guerriglieri potrebbe anche decidere di rimandarli sul sono turco
Certo sette a proposito di Erdogan l'impressione correggimi se sbaglio è che nel nella vicenda tutta la vicenda dalla crisi siriana che certo non non non è non è facile
Abbia commesso parecchi errori no erba la il premio a tutta la città di Parma commesso numero Pieroni il primo è stato quello di pensare di poter influire in maniera incisiva su Bashar al-Assad
Quando era chiaro fin dal primo momento che a parte la grandissima amicizia tra i due uomini politici che Air One vantava anche con Gheddafi ACI ha capito subito che
Pertanto non era in alcun modo disposto a farsi manipolare o quanto meno anche sono apparsi consigliare la Turchia
Il secondo errore madornale direi veramente è stato quello di non ascoltare i suggerimenti che gli arrivavano da parte americana ma soprattutto da parte russa iraniana
Pino o con immischiarsi top
Nelle vicende siriane la Turchia dobbiamo condividere con la firma confine riguardi qua novecento chilometri quindi anche una questione di sicurezza nazionale
Il problema è che sembrerebbe insomma proprio
Le acque greche coperta razionale visti i risultati si apra gestita veramente nel modo più deleterio possibile e in tutto questo l'opposizione che che fa in particolare il il G.E. penso nel Partito repubblicano del del popolo
Beh è l'opposizione fa utilizzando ovviamente la tredici Reiana come un'arma politica anche perché i conti i consensi del premier in questo momento
Sono in calo è una parte sicuramente per la trattativa di alcuni curdi che non viene percepito in maniera positiva da una parte del Paese
L'altra è certamente a causa della crisi siriana ricordiamo che comunque il sud del Paese di violare il vivere in una condizione di
Prego saldi pressione costante ormai a due anni ed è tutta una parte produttiva del Paese che ha registrato anche dei danni economici proprio da questa situazione non indifferente portata
Rimane poi l'accusa di fondo infamante per il premier Erdogan
Che gli attuali sa tutta una questione
Più che politica umanitaria ideologica sono in molti nel Paese d'aver accusato Air domanda di esserci scagliato contro il regime di bassa bassa Bashar al-Assad
Perché alauita quando invece appunto Hera Donè un campione di Islam sunnita quindi insomma sono tutte cose
Sono tutti aspetti tutti tutti aspetti che alla fine sommata non mettendo il premier in una situazione di non poca difficoltà lì appunto per uscire dalla difficoltà poi potrebbe
Aver deciso anche di utilizzare questa legge che limita fortemente il il consumo di di alcolici trovato in un Paese in cui il consumo di alcolici è molto basso veramente mi riguarda una una piccola minoranza della della popolazione
Ma diciamo che di questa legge e ricordiamo approvata giovedì notte dal Parlamento turco e per la quale di fondo non sarà più possibile vendere alcolici nei chioschi dalle dieci creare pari al mattino
Tali che hanno un'ondata di polemica molto forte nel Paese perché sta facendo passare in qualche modo in secondo piano tutti i traumi ecco e tutte le OP sia riguardanti la tredici ariana diciamo che il premier basta giocando la sua battaglia come sempre succede su più fronti proprio oggi c'è stata l'inaugurazione
De L'Aquila onore a pieno ed è la prima pietra per il ponte per suo conto sul Bosforo
è un premier sempre più attivo sorge il dubbio che questo suo iter attivismo che serva non solo per consolidare il suo consenso in vista di una sua
Possibile elezione a presidente la Repubblica ma anche fare poi a qualche magagna che negli ultimi due anni che recitano incassa fatta del sarebbe un un'operazione transita insomma che fanno i politici al Governo insomma quando devono un po'un
Uscire dall'angolo sentiti per chiudere visto che abbiamo siamo partiti dall'Europa chiudiamo con l'Europa perché sempre dal Consiglio le gli esteri dell'Unione europea sono ve ne è venuta una forte critica al all'atteggiamento della Turchia e dunque il processo di di di adesione resta sostanzialmente fermo anche se
Viene qualche apertura somma la possibilità che possa essere aperto nuovo capitolo negoziale che insomma nel prossime settimane i prossimi mesi il processo possa rimettersi in moto lì che si dice
Ma devo dire che l'Europa in questo momento mi pare veramente è uno degli ultimi postilla graduale nella graduatoria di importanza
Si parla d'Europa si è parlato di questa possibile apertura di un capitolo negoziale si parla però soprattutto l'articolo del Regolamento sui rischi sulla liberalizzazione dei visti che la tutti attende da tempo
E su questo i nuovi sono molto bassi cioè la Turchia crede che anche questa volta
Ok non compirà questo passo che invece anche l'ARPA aspettando diciamo con molta abilità grazie a Marta Ottaviani corrispondente dalla Turchia per l'Agenzia attivamente osa collaboratrice della stampa e di Avvenire vedremo nella prossima nelle prossime si
Rimane chi avrà ragione dopo tre anni di stop o qualcosa potrebbe muoversi a giugno potrebbe riprendere appunto il negoziato della processo di adesione con l'apertura del capitolo sulle politiche regionali potrebbe essere accelera fatta anzi iniziata la road map per la liberalizzazione dei visti sono due processi paralleli ha detto il ministro degli esteri turco ormai da Cutolo parole di incoraggiamento attività sono venute dal commissaria europea largamente Stefan file che si è detto da Cordon sul fatto che è arrivato il momento di lanciare il dialogo sui visti che la Commissione europea impegnata farlo insomma vedremo molto presto chi avrà ragione se e gli ottimisti e pessimisti per questa settimana ci dobbiamo fermare qui termina
Qui questa puntata di passaggio a sud-est che abbiamo realizzato come sempre con la collaborazione dei nostri corrispondenti Marina sicura e Arthur nuora e che potrete ritrovare riascoltare tra poco con su Radio radicale punto it in nella sezione delle rubriche inonda invece ci sentiamo fra sette giorni grazie per l'ascolto un saluto da Roberto Spagnoli è una buona giornata in compagnia di Radio Radicale