06MAR2014
rubriche

Overshoot - La prospettiva euromediterranea

RUBRICA | di Enrico Salvatori RADIO - 23:30. Durata: 29 min 19 sec

Player
A cura di Enrico Salvatori con il prof.

Aldo Loris Rossi in collegamento per il filodiretto con gli ascoltatori.

Puntata di "Overshoot - La prospettiva euromediterranea" di giovedì 6 marzo 2014 , condotta da Enrico Salvatori che in questa puntata ha ospitato Aldo Loris Rossi (ordinario di Progettazione Architettonica ed ambientale della Università di Napoli Federico II).

Tra gli argomenti discussi: Ambiente, Asia, Cina, Cittadinanza, Cultura, Europa, Gioia Tauro, Globalizzazione, Governo, Islam, Italia, Mediterraneo, Navi, Politica, Porti, Renzi, Taranto, Territorio, Trasporti, Turchia, Ue.

La
registrazione audio di questa puntata ha una durata di 29 minuti.

leggi tutto

riduci

23:30

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Ventitré trentuno minuti questa Radio Radicale torniamo indiretta Enrico Salvatori studio dolori sull'uso in collegamento telefonico salutiamo buona sera professore voi però ricordiamo docente di progettazione architettonica l'Università di Napoli a Federico secondo come sempre
Ci troviamo oggi giovedì per il console puntamento conosciuto l'approfondimento di questa emittente dedicato all'ambiente al territorio
E allo sviluppo oggi non abbiamo altri ospiti negli studi non è in collegamento telefonico per confrontare come vi sono invece facciamo l'attualità politica con l'attualità ecologista radicale ma vorremmo che fosse voi ascoltatori nostri ospitano proprio
Con voi diciamoci vorremmo confrontare una prima di dati il numero di telefono per intervenire indiretta
Senza filtri come da tradizione di Radio Radicale interrompo nel vivo degli argomenti che vorremmo trattare perché ancora una volta il Presidente del Consiglio incaricato che ci offre lo spunto
Matteo Renzi che appunto almeno qualche spunto ce lo offre visto che nulla proprio
Niente sta facendo per il prossimo ventotto maggio il giorno in cui sapete è stato fissato il termine ultimo ma dalla Corte europea dei diritti dell'uomo lo Stato italiano per porre fine all'illegalità nel nostro sistema giudiziario comunque
In molti sarete venuti a conoscenza della notizia di proprio Renzi lo scorso quattro marzo recandosi a Tunisi abbia dichiarato proprio nel Paese che ha dato il via alla primavera araba
Che le discussioni in Europa finora sono state solo sui parametri economici e che la prima sfida dell'Unione Europea e avere una visione ideale non solo economici ecco questo sicuramente i radicali lo sanno visto che stanno conducendo una battaglia non violenta per dare forza all'Europa dei diritti no comunque andiamo avanti Renzi continua
Immagino l'Europa che verrà come al centro non più la Germania dell'austerity ma il Mediterraneo
Tra virgolettato Casa delle speranze e qui il discorso comincia a farsi interessante no sentire come continua meglio tornare a parlare della scienza la Lizza del Midi terraneo che
Sarà un punto fondamentale della politica non direi neanche estera ma territoriale del nostro Paese il Mediterraneo non come confine
Ma come centro
Ecco queste sono delle suggestioni familiari no almeno per noi ascoltatori di Radio Radicale
Questa trasmissione per esempio comincio proprio per discutere di questi temi
E certo soprattutto più nella prospettiva
Territoriale che politica che erano tutti raccolti in un progetto che Aldo Loris Rossi con il Partito Radicale
Porto all'ONU nel due mila dodici aborti Urban forme l'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di futuro urbano un progetto politico con un'idea di base fondamento mentre qui ad integrare la megalopoli quindi la civiltà europea e la megalopoli mediterranea quindi la civiltà mediterranea in un'unica prospettiva quella
Dell'euro mediterranee di questo vogliamo parlare oggi qui a Radio radicale dell'euromediterraneo dell'incontro
Tra le due civiltà possibile impossibile intanto a partire dalla prospettiva almeno per quanto mi riguarda mi compete personalmente megalopoli tale quindi chiamate lo zero sei quattro otto otto zero cinque quattro uno per i per venire linee sono aperte ci Alessandro Teodoro in regia che vi passerà direttamente automaticamente indiretta senza filtri come sempre quaranta secondi di tempo a vostra disposizione Aldo ti lascio la parola per introdurre magari intanto l'argomento agli ascoltatori altro risorse
Vi volevo ricordare che noi valutiamo grande interesse questa apertura del Presidente Renzi anche perché appunto il tema che il lunedì affronta al cui si avvicina io direi
è un tema che rinnovi sistematicamente partiamo da un quarto di secolo
Infatti la cosa più importante da capire
E questa è che la rivoluzione e trasportistica legata alla globalizzazione ha creato un tanto straordinariamente importante nel Mediterraneo
Un partito che non siete credibili di gratuità circa cinquecento anni cioè che cosa è successo che la globalizzazione
Ha ha ridato fiato al trasporto mercantile in una maniera eccezionale oggi il trasporto mondiale e per l'ottanta per cento
Dedicato c'è utili fra la il trasporto navale allora si è creato questo problema che il sistema dei trasporti e loro asiatico
Avviene che potenziati in maniera straordinaria
A
Seguendo la linea a Taranto Loiero inviano quindi è una linea transiti indiana
Allora
Il trasporto ora segue questa ha realizzato
Una cosa poter eccezionale attraversa il Mediterraneo magari per andare anche
Transatto Lamberto
Nel
O c'è una volta Atlantico per dividerci negli Stati Uniti allora lettori insomma dei terreni i tre Oceani
Sono diventati legati in un unico grande disegno per cui le merci hanno Virga rivitalizzato
I traffici nello stesso Mezzogiorno
Cioè il Mezzogiorno poiché
Periferia dell'Europa ma oggi è diventato baricentro del Mediterraneo loro professore prendiamo una telefonata
Da Piacenza zero sei quattro otto otto zero cinque quattro uno per intervenire indiretta
Senza filtri e senza mediazione lo spunto che vorremmo offrire ve lo ricordiamo per discutere intervenire con noi e che cosa pensa della prospettiva radicali euromediterraneo vero dell'incontro tra i due civiltà quella europea e quella mi verrà né procedono a Piacenza
Piacenza buona sera
La scienza e linea
Piacenza
Piacenza non c'è caduto
E allora a Sartori professore scrive sul Corriere il quattro marzo scorso che all'integrazione con la sponda sud del made
Verranno sarà difficile perché per i musulmani tutto deciso dal volere di alla dal volere di Dio il potere discende soltanto
Dall'alto ecco per le nostre democrazie invece il potere deriva dalla volontà popolare quindi nasce dal basso deve essere legittimato dal Demos chissà che cosa pensano i nostri ascoltatori di quello che dice
Sartori no ovvero impossibile integrarsi con i musulmani perché per loro tutto viene dal potere di Dio zero sei quattro otto otto zero cinque quattro uno per intervenire indirette senza filtri autori su Rossi
Sì io volevo ricordare che questi fenomeni sono fenomeni storici
E in quanto tali nascono e si trasformano e muoiono anche oggi il problema che da riconoscere e nei suoi termini appunto cronologici
Avevamo diciamo che il VII secolo dopo Cristo si è innalzata una barriera che ha diritto del Mediterraneo in due parti
Dovute raramente alla
Alla esplosione della civiltà Irlanda mica
Questa barriera e durata anche troppo noi riteniamo che oggi siano maturi i tempi per realizzare un dialogo tra le due sponde del Mediterraneo
Altrimenti non si va da nessuna parte anche perché
La riva sud dell'Europa
è cresciuta come identità abitativa notevolmente però la vita nord dell'Africa
Ha avuto una velocità di incremento demografico doppia di quella della riva
Sud dell'Europa
Allora il problema è che
Bisogna coordinare questi grandi movimenti demografici c'è una sfida democratiche demografiche ed economiche l'accettare quindi inviato e che il meritare unico era il mare interno dei greci
Allora
Ci sono tre continenti che si affacciano sul Mediterraneo all'Africa
Lauria e l'Europa allora diventa fondamentale il dialogo
Io non ti dialogo ordine non si va da nessuna parte i romani includevano permette il lusso di dire il Mediterraneo era il mare nostrum oggi nessuno già questo potere nessuno ci aiuta prospettiva all'unica
E quella del dialogo Talarico risponde
Dei tra il continente africano Adriatico ed europeo allora ci saranno grandi movimenti in questo senso ma questo è in preda alla fine degli anni ottanta
Si sono realizzate forme di collaborazione ed integrazione che aspettano di essere rilanciata
Ma questa cosa che è impossibile integrarsi musulmani perché per loro tutto viene al polo di Dio Sartori dal professore l'aveva detto anche andò in una dei nostri prima trasmissioni non so se ti ricordi dicendoci anche non trovarsi d'accordo con lo ius soli perché l'ho io so mi veniva adottato storicamente dei Paesi sotto popolari noi lui sosteneva che l'Europa non fosse sottopongo la dama sopra popolare in questa intervista che negli faceva l'insieme ma invece oggi sappiamo perché l'Europa si trova già in una fase
Di inerzia negativa che la sua popolazione autoctona
Potrebbe dimezzarsi dei dati che ci danno i demografi entro la metà
Del secolo e quindi l'Europa come l'Estremo Oriente hanno già sicuramente subito bisogno di mani straniere no per mantenere in funzione la loro società e la loro economia non è così alto parente allora diventa
Parlamentare
Il confronto tra le religioni tale ideologiche tra le culture i radicali qualche anno fa avevano in programma di realizzare
Un un una circumnavigazione del Mediterraneo permute per stabilire un dialogo su questi problemi appunto della della integrazione ed il confronto tra le culture diverse e allora ecco attraverso un'analisi girava tutto il Mediterraneo e ci si fermava nei nelle singole grandi città era una specie di convegno congresso galleggiante per dialogare con gli intellettuali politici del posto in modo da tentare di
Scrivere poi una carta del dialogo euro-mediterraneo e quindi diciamo che noi siamo fermamente convinti che
Anche la cultura islamica progressivamente
Si apriva e già lo sta facendo in maniera
Diciamo anche sofferta e ci sono appunto la primavera araba estrarre un segnale eccezionale che si è diffuso rapidamente in tutti i Paesi arabi
L'ho la latente e Turchia e diciamo è attraversata da fare fermenti innovativi quindi
Diciamo noi abbiamo il dovere d'obbligo ristabilire questo dialogo lanciare appunto anche una collaborazione come dire economico territoriale
Cioè una proposta del mille novecentonovantacinque portata avanti dalla conferenza di Barcellona sulla prospettiva euro meriti
A minacce considerare il MEF e il medievale come zona di libero scambio allorché acquista questo punto sarebbe di un importante enorme
Purtroppo diciamo questo questa idea lanciata appunto nel novantacinque e doveva essere allora ed approfondita e discussa è stata poi come dire boicottata abbandonata però
Altri interventi importanti sono stati appunto il convegno di Malta nel novantasette Palermo nell'abside novecentonovantotto Stoccarda eccetera
Insomma è un problema complessa perché sul Mediterraneo si affacciano venticinque nazioni diverte
Appartenente attori grandi civiltà appunto la civiltà islamica quella quella cristiano ortodossa e quella
Quindi ce li stiano cattolica
I problemi non mancheranno ma noi non possiamo che appunto scegliere la strada del dialogo e quello della integrazione se vogliamo anche controllare il fenomeno orrendo
Dei barconi con i migranti noi non possiamo che appunto integrare nel nostro di civiltà e le nostre culture queste inevitabile volevo però segnalare che
All'accenno del presidente aventi che noi renda apprezziamo e i che valutiamo la giusta misura bisogna ricordare che
La classe politica pressoché ignorato questo fenomeno il Presidente allora segreta Adriano Giannola nella relazione introduttiva
Che a Prato ha redatto a in merito al volume Dordain giusta centocinquanta anni dall'unità
L'Italia ha detto una cosa
Precise un'accusa precisa il ritorno del Mediterraneo come protagonista della scena mondiale
è un aspetto di cruciale importanza
Che ha trovato a dir poco una chicca intima e dico nelle linee di politica nazionale
Insomma i politici non hanno capito una cosa importante che questa rivoluzione trasportistiche può cambiare il destino
Anche l'Italia perché limitare diventerà sempre più una cerniera tra la megalopoli europea la regalò polizia mediterranea c'è limitare insomma è un grande modulo a Carra gigantesca che l'Europa lancia nel Mediterraneo
E quindi praticamente si tratta di utilizzare queste potenzialità
Ordinari tutto il sistema portuale del Mezzogiorno e dell'Italia
Può avere un impulso straordinario rispetto a questo dialogo è questo problema di scambiare emerso
Sì culture religioni e intelligente diverso zero sei quattro otto otto zero cinque quattro uno per intervenire indiretta e senza filtri manda c'è da dire una cosa Kenneth
In quei mercati nonostante la posizione agiografica molto favorevole del mediterraneo continuano
A scegliere i porti del nord capriccio rispetto a quelli diciamo così mediterranei insomma da questi dati che che che io leggo che prendo anche dalla rivista Limes si evince che il Nortel ranger come dicevo appunto
Non ho nonostante sia molto svantaggiato un punto vista geografico rispetto al Mediterraneo i porti per esempio di delle apre di Amburgo continua ad essere scelti dalle compagnie di trasporto perché offrono questi porti rispetto a noi che cosa dei collegamenti diretti I grandi Merk a dire che cosa c'è lo dico brutalmente se uno scende da un container ad Amburgo trova un tesoro mentre si scende a Gioia Tauro trova il deserto e così professore
è il dramma è che l'Italia non avendo la consapevolezza di questa richiesta rivoluzionari che sta attraversando il bacino del Mediterraneo
Camini fa morire Gioia Tauro e cioè ad avere un fenomeno eccezionale
Cioè praticamente è l'unico porto delle coste italiane con un pescaggio tale
Da parte come dire ricevere
Le più grandi rapidità reciprocamente del del del mondo è quindi una vena voluta un'insperata però Gioia Tauro cioè sono state soffocata in un territorio in un deserto e l'accessibilità
Dai Corridoni transeuropee io da o quelli ferroviari via via è penosa
Allora un'attenta e Costa e ci vorrebbe dire fare Taranto che potenzialmente un'auto infiniti che può giocare un ruolo importantissimo in questa rivoluzione dei trasporti
Allora c'è bisogno di una grande politica di sviluppo del settore portuale
è ogni ogni intervento nel settore portuale significa ricchezza non solo per le merci da
Trasportare ma anche per le aree metropolitane che ci sono in prossimità di questi posti abbiamo due telefonate Limena Padova
Sì grazie buona sera a Padova nella telefonata dovrebbe avere nel discorso del professore abbiano chiarito fare altre volte sì Visconti sempre quale sarebbe la via di comunicazione valuteranno indiano e i
RAI pratiche
Grazie a lei è molto semplice e le
Le le merci dalla Cina oggi
Sono trasportate attraverso itinerari che durano trentotto quaranta giorni
Attraverso questa questa questa lotta tra antociani Croce dalla Cina le merci vanno verso l'India
Quando il pericolo dell'India poi entrano nella
Nella area islamica attraverso ostruito
Di di Soweto entrano nel Mediterraneo e praticamente
Riccometro e ci hanno come i porti di riferimento i porti gli arabi e Gioia Tauro ritratti tra l'altro Bordano le merci le quali vengono o caricate sulle linee ferroviarie e portati in Europa al Curia altri invece menti Taranto ceramiche tardo sei anni che cioè di trasporto merci riapra vertono LGBT terre addirittura vanno a tre do atto l'antico negli Stati Uniti quinto comma la la via Trump indiana è diventata la spina dorsale del traffico mercantile Euro adriatica
E dirò di più c'è una cosa che l'abbiamo segnalata altre volte bisogna essere molto vivi delitti equipe per capire questa questa rivoluzione ora perché c'è un'altra possibilità il traffico euro asiatico un corridoio di nuovo un corridoio ferroviario che i colleghi era
Pechino a Parigi
Che Edison sedici mila chilometri che praticamente rimetteranno i tempi di trasporto delle merci
Insomma vanno in vigore queste è questo che viene e viene attivato questo corridoio ferroviario diventa importante la la il corridoio tra l'altro avevo uno cioè Bertolino Roma-Napoli
Palermo perché collegherà naturalmente
Il più questi duetti queste due grandi linee di trasporto la Taranto ci Annika indiana il corridoio ferroviario Pechino paga Parigi allora diventa una spirale oltre
Effettivamente che che quella che distribuita il il le merci che in tutta Europa abbiamo altro ascolto le ville professor zero sei
Quattro otto otto zero cinque quattro uno per intervenire in diretta senza filtri Alessandro Troccoli dalla regia vi passerà automaticamente in linea
Viterbo una sera abbattere aerei il come si chiama il Forum austriaco eccetera colorata
Accorpati dopo autobus che andavano
Come ma anche la Turchia non entra nel cuore della Unione Europea ottenne più bella del mondo
Terzo ed era chiaro che un Governo civile ovvero ad avere la tornata l'ho vissuto per anni
Tutti parlano tre quattro e dunque tutti tutto che annovera legittimamente non capisco come mai a coltura che rappresenta in fondo una crescita del calcolo l'Europa non entra poco
Quanto può dare una risposta che vuole gravoso
Professore reggono e volte era al la domanda interessante sottende una conoscenza storica perché
L'ascoltatore Capra che
Che Costantinopoli che era situata almeno sul passaggio tra l'Europa e l'Asia
Come scelta appunto età Costantino occorre nuova capitale dopo Roma
Perché perché era più baricentrica rispetto al d'imperio formatosi della tappe più brillante
Tarda allora Costantinopoli è uno dei dei dei centri del mondo antico insieme a Roma allora
è chiaro ha ragione l'ascoltatore il la Turchia dovrebbe essere appunto e che dovrebbe entrare nella la nell'Europa perché era feconda capitare il logo Roma
La terza capitale più antiche ad Alessandria che insomma
La cosa importante da capire che la civiltà del mondo
è nata proprio nella confluenza tra i tre e i tre che continenti cioè tra l'Africa
Il vicino Oriente e l'Europa con la Grecia come fulcro allora quest'angolo è il crogiuolo della civiltà mondiale
E quindi praticamente la Turchia certamente sì che guarda al di là delle divisioni
Attuali
Culturali e religiosi è parte importante della civiltà mondiale
E e direi che la civiltà occidentale degli Attene Costantinopoli e Alessandria d'Egitto sono scappati terreni per i capisaldi della cultura antica e possono a riempiere anche per i capi
Cambierà la cultura del futuro cioè contemporanee nel futuro zero sei quattro otto otto zero cinque quattro uno per intervenire indire
Ta senza filtri senza mediazioni così come da tradizione di Radio Radicale c'è da dire però che anche
Recentemente l'Europa aveva proposto ed sistematicamente fallito due grandi iniziative perché le aree uno spazio diciamo così congiunto no tra la sponda nord della sponda sud del Mediterraneo la prima fu la dichiarazione di Barcellona se non sbaglio RAS veneta di iniziativa francese con Spagna e Italia nel ruolo di comprimarie no era cosiddetta Unione mediterranea insomma insomma gli italiani forse dovrebbero capire adesso che gli interessi di un Paese sono innanzitutto
Legati alla propria posizione geografica prendiamo una telefonata da Udine Udine buona sera ciò le sarò
Io volevo fare due domande professore allora uno per la linea ferroviaria la futura Pechino Rigel riguardante l'Italia
Fuori dalla città di Ferrara e secondo se l'Italia
Dei riporti che sono capace di ospitare queste nuove enormi navi da cargo pescano enormemente e che quindi non posso Mark Webber tutto
Ringrazio per conto proprio grazie buona domanda interessante perché
L'Italia e come dire
Legata a questi corridoi
Attraverso appunto il collegamento verticale e la bretella diciamo
Berlino Verona Roma-Napoli Palermo che il collega questo corridoio di cui parlavamo prima c'è il corridoio ferroviario Parigi Pechino e naturalmente le linee
La linea alteranti indiana che attraversa il Mediterraneo noi abbiamo la fortuna e David l'unico l'unico portò
Che contende l'attracco delle
Grandi rapidità Masci prudente che Gioia Tauro
Quindi noi dovremmo preoccuparci
Deliberare depotenziare Gioia Tauro e naturalmente di far crescere intorno a questo e non il referto come attualmente c'è
Anche con la Bar paura della 'ndrangheta ho chiesto io ma bisogna poi capire
Che che distonia realizzare lo sviluppo sicurezza spina dorsale
Che si vive a metà l'Europa ed è praticamente l'asse portante del dialogo euro mediterraneo quindi praticamente il corridoio uno ripeto Berlino Verona Roma Napoli Palermo diciamo
Lodo l'elemento fondamentale e che raccorda tutto il sistema intermodale dei trasporti
Ferro gomma acqua aria allora bisogna avere una visione territoriale di grande respiro
Capace di diciamo di di di
I suggerire
La ristrutturazione e il potenziamento di tutti i porti
Italiani e principalmente quello del quello del Mediterraneo si parla sempre di di di di metteranno in maniera come dire di il Mezzogiorno in maniera non glielo annoiata nordica indaga vide che oggi il il Mezzogiorno può avere un ruolo
Rivoluzionario nella nella prospettiva dello sviluppo dell'intero Paese levi lo sviluppo del Mezzogiorno è una questione nazionale
Brevemente ventitré e cinquantasette minuti radio radicale filo diretto con Aldo lo riscossi prendiamo le ultime due telefonate Milano
Buona sera a Milano
Perché era ciò che è fondamentale innanzitutto a tener conto come si chiama nell'il suo nome purtroppo non siamo a Milano adesso verso Oricchio allo Stato democratico
Sono tali e non solo coloro che agiscono direttamente in tal senso ma anche tutti quanti conniventi che sapendo tacciono far finta di niente consentono che Igor Sartori per ordine portatori consentono loro rispettare utili a questo termale della conclusione repubblicana perciò anche Matteo Renzi Emanuele Fiano e compagni
Portassero a termine loro corpo premeditato sarà molto difficile
Grazie così modo prendiamo l'ultima telefonata Avellino e poi rispondiamo tutte e due Avellino
E Bonaccini del sonno Raffaele sono Raffaele io penso che la Turchia nuovamente rilievo perché l'ISEE scomparisse la maggioranza musulmana laddove noi sappiamo che in Europa scelte l'efficientissimo
Controversie
Aldo non abbiamo
Due minuti per rispondere
Ci avviamo verso la conclusione odori sul versante della osservazione però
Anche il Papa Bergoglio Francesco a rilanciato l'idea di un dialogo interreligioso noi abbiamo necessariamente
Da affrontare questo dialogo e aprirci alla comprensione degli altri
Un irrigidimento nelle tautologia e ideologiche non fa altro che peggiorare la situazione quindi scende
C'è in questo dialogo interreligioso noi abbiamo il dovere di portare avanti un dialogo interculturale in modo da realizzare questo dialogo l'integrazione dello scambio direi culture
Arte e merci da mondi diversi ma abbiamo il dovere dei tarda incontrare i tre i continenti la sia
Il la l'Africa ed Europa mezzanotte
Due secondi Radio Radicale concludiamo conosciuta finisce qui possiamo intanto magari consigliere Matteo Renzi ora che sembra essere nostro ATO suggestionato
Dall'idea di un Mediterraneo centrale magari dare un'occhiata al manifesto del Partito Radicale porto le Nazioni Unite curato da Aldo Loris Rossi basterebbe fare copia e incolla e il programma di governo è fatto grazie professore grazie
Poi ha dato loro estrosi o verso finisce qui torniamo a sentirci giovedì prossimo la solita ora alle ventitré e trenta adesso le prime pagine dei giornali curati da Enrico Rossi una buona notte o un buon ascolto come sempre ben riposato socio