24APR2014
intervista

Decreto Lavoro e "Jobs Act". Intervista al Presidente della Commissione Lavoro del Senato Maurizio Sacconi (Ncd)

INTERVISTA | di Federico Punzi RADIO - 15:42. Durata: 9 min 43 sec

Player
"Decreto Lavoro e "Jobs Act". Intervista al Presidente della Commissione Lavoro del Senato Maurizio Sacconi (Ncd)" realizzata da Federico Punzi con Maurizio Sacconi (senatore, Nuovo Centrodestra).

L'intervista è stata registrata giovedì 24 aprile 2014 alle 15:42.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Amministrazione, Apprendistato, Crisi, Decreti, Destra, Economia, Europa, Flessibilita', Formazione, Giovani, Governo, Imprenditori, Impresa, Italia, Lavoro, Licenziamento, Mercato, Nuovo Centrodestra, Partito Democratico, Precari, Regioni, Renzi, Sanzioni, Sinistra,
Tasse.

La registrazione audio ha una durata di 9 minuti.

leggi tutto

riduci

15:42

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Siamo con il senatore Maurizio Sacconi che Presidente della Commissione lavoro del Senato Presidente Sacconi questo pomeriggio è passato alla Camera il decreto lavoro del ministro Poletti c'è ora punto dovrà passare all'esame del Senato e
All'esame naturalmente la vostra Commissione della Commissione lavoro quali sono le modifiche a vostro avviso introdotte dalla Camera hanno danneggiato l'impianto originario
Tutte quelle che si sono allontanate da quel testo originario che ne hanno ridotto
La spinta propulsiva nel mercato del lavoro Cicolella incoraggiamento ad assumere
In una stagione di aspettative in certe per le imprese
Mi riferisco in modo particolare alle sanzioni relativamente ai contratti a termine eccedenti il venti per cento degli occupati
Che dovrebbero essere
Convertite dal contratto a tempo indeterminato a una sanzione monetaria
Allora
Così come nell'occasione sarebbe bene anche per quanto riguarda i contratti di apprendistato quando non venissero ritenuti
Coerenti con il piano formativo che la sanzione non fu forse il non sia il la trasformazione nel contratto a tempo indeterminato ma sia meramente monetaria
Poi c'è tutto il tema del contratto di apprendistato che così
Importante e così poco utilizzato e in teoria è conveniente per l'impresa e perché la contribuzione sul lavoro è ridotta è così come niente per i giovani perché integra apprendimento teorico ed esperienza pratica ma è così poco utilizzato per la complessità della gestione di questo rapporto di lavoro
C'è il timore di conseguente contenzioso soprattutto con la pubblica amministrazione
è necessario in particolare ritornare alla libera scelta da parte dell'imprenditore della offerta formativa cioè scegliere se fare direttamente
Nell'impresa anche l'attività formativa ribalte o se invece
Rimetterla alla Regione
O
Per altro verso ancora superare quel
Quel vincolo che è stato reintrodotto per il quale
Non posso fare nuovi apprendisti se
Nell'arco dei tre anni precedenti non ne ho stabilizzato il venti per cento di quelli già
Utilità che
Sono comunque tutti i vincoli che muovono da una sorta di pregiudizio nei confronti dell'impresa dell'imprenditore
Che
Determinano poi quella inibizione ad assumere
Che invece dobbiamo rimuovere se vogliamo fare crescita come occupazione cioè per cercare di forzare l'impresa a rendere un contratto a tempo indeterminato si rischia di non avere nemmeno la possibilità di
Un'assunzione o a tempo determinato o come apprendistato insomma questo ma rimane sullo sfondo il tema del contratto a tempo indeterminato perché in Italia ha una regolazione
Come non si ritrova negli altri Paesi europei
L'idea cioè per cui un rapporto di lavoro e per sempre
Induce a molti datori di lavoro soprattutto in una stagione destinata peraltro a durare di aspettative incerte
Induce molti
Imprenditori in questo contesto a non voler fare quel contratto
E
Il che contrasta con una naturale propensione dell'imprenditore a fidelizzare una persona quando viene apprezzata
Io penso che sarebbe
Molto utile inattesa della legge delega e del testo unico che da quella si dovrebbe produrre riflettere
Sul complesso della regolazione del lavoro nei tre anni di fronte a noi in tre anni che potrebbero davvero cambiare verso Alitalia se usare un'espressione di Renzi
Nel senso che sono i tre anni che comprendono nel loro ambito anche l'esposizione universale che
Se non ci posso dovremmo inventarla perché può rappresentare per questa nazione depressa
Una
Una una scadenza entro la quale mobilitare diffusamente le sue energie un appuntamento
Rispetto al quale ciascuno può chiedersi cosa può dare arteria al bene comune in termini di iniziativa
Nuova di allargamento della
Sua attività tradizionale insomma un tempo nel quale
Liberare quanto più le energie vitali della nazione anziché continuare
A inibire dove aratro Appia dove
Con
Con vincoli e tasse
Noi peraltro siamo in questa coalizione proprio con questo compito
Liberare quanto più tutta ritardi dai vincoli dalle tasse la la la la voglia di fare che nonostante tutto per fortuna nella nostra società è ancora presente quindi appunto il contratto a tempo indeterminato
è troppo rigido e quindi implica imprese fanno ricorso molto spesso ai contratti
Hutter Mineo all'apprendistato ma la
Come ha appena accennato la Commissione lavoro si dovrà occupare anche di una legge delega che punto in cui dovrebbe esserci anche la riforma del contratto a tempo indeterminato come valuta quali sono le sue prime valutazioni del testo dire legge-delega quello depositato
Innanzitutto non dimentichiamo che si ricorra i contratti a termine anche per esigenze effettivamente temporanee non soltanto per
Evitare il contratto a tempo indeterminato Tidei che prevalentemente vi si ricorre proprio perché vi è incertezza del futuro e quindi
Si sostituisce magari una persona in quel momento impossibilitata ad essere attiva positivo corrisponde a esigenze temporanee perché si sta assaggiando
Il terreno per un nuovo prodotto
Certa certo no a quest'ora ci sono attorno per non parlare del delle attività di carattere stagionale o delle accise si sicuramente ci sono Cervia cioè
Tempo moderno sono molte le ragioni che possono indurre a scegliere quel contratto come per altro verso il contratto di apprendistato e un contratto a tempo indeterminato a tutela progressiva nel senso che la prima
Tutela nella prima fase e l'apprendimento teorico insieme a quello pratico
Allora
Ma il tema del contratto a tempo indeterminato in Italia
Rimane io mi auguro che
Il Governo
Che vede insieme forze politiche di tradizioni ben diverse anche potremmo dire distanti tradizionalmente confliggenti
Trovi un comun denominatore soprattutto devo curarmi che la sinistra italiana è colpa nella direzione indicata da venti
Ma e che quindi
Consideri non più tabù intoccabili temi come quelli
Del regolazione della tutela
Della tutela del lavoratore dal licenziamento c'è il dibattito appunto sulla l'introduzione di un contratto unico o no questo guardi questo è contro tonico è letteralmente tecnicamente una sciocchezza nonché partito rimangono gratuite rimangono comunque ad esigenze Carla minimamente
Rimangono comunque le esigenze a cui accennavo prima dubbia rimangono tante altre tipologie angoli voucher per le lavori occasionali
Rimane la somministrazione di lavoro rimane quello che c'è in tutti gli altri Paesi che c'è nella regolazione comunitaria
Non questa del contratto unico è una sciocchezza giacobina litigati costringere a realtà dentro un unico schema
Ma che non non esiste nemmeno nella delega del Governo non ce n'è traccia ipotizza piuttosto nella lega al Governo una sorta di contratto di apprendistato per adulti
Perché ripeto la formula a tutele progressive e quella dell'apprendistato
Ma
In generale rimane il tema
Chi come un rapporto di lavoro si si si forma ma anche di come si scioglie
Certo
E secondo le leggi delega il testo del genere quindi una buona base di partenza bisogna vedere perché
Il problema è
Sempre quello della maggioranza cioè se nella maggioranza si formano una comune volontà a questo proposito
E quindi il tema aperto essi nella nella sinistra del Partito Democratico
Si si apre una disponibilità ad affrontare quel tema perfetto ringraziamo il presidente Sacconi li avrà un buon lavoro grazie grazie a voi