22MAG2014
dibattiti

Le nuove professioni dell'era digitale

CONVEGNO | Roma - 14:39. Durata: 1 ora 31 min

Player
Promosso nell'ambito di Dig.Eat "Save the Data" VII Edizione della manifestazione annuale di ANORC (Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili della Conservazione Digitale dei Documenti) organizzata con il patrocinio di Stati Generali della Memoria Digitale, ANORC Professioni e AIFAG (Associazione Italiana Firma Elettronica Avanzata Biometrica e Grafometrica), ABIRT (Advisory Board Italiano dei Responsabili del Trattamento dei dati personali), Stati Generali della Memoria Digitale.

Convegno "Le nuove professioni dell'era digitale", registrato a Roma giovedì 22 maggio 2014 alle ore
14:39.

L'evento è stato organizzato da Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili della Conservazione Digitale dei Documenti.

Sono intervenuti: Marco Scialdone (avvocato), Robert Braga (membro della Commissione Informatica del Tribunale di Novara e dell'ODCEC di Novara), Angelo Deiana (presidente della CONFASSOCIAZIONI, dell'ANPIB e dell'ATEMA), Francesca Gallo (responsabile dell'Unita Operativa Indagini Scuola e Lavoro dell'ISTAT), Fabio Guasconi (membro del Direttivo di UNINFO), Paola Manoni (coordinatrice dei Servizi Informatici della Biblioteca Apostolica Vaticana), Claudio Rorato (ricercatore e senior advisor presso la School of Management del Politecnico di Milano), Roberto Scano (presidente dell'International Webmasters Association Italia), Daniele Tumietto (commercialista e revisore contabile), Andrea Lisi (presidente dell'ANORC).

Tra gli argomenti discussi: Digitale, Disoccupazione, Formazione, Informazione, Internet, Lavoro, Mercato, Occupazione, Sicurezza, Statistica, Tecnologia.

La registrazione audio di questo convegno ha una durata di 1 ora e 31 minuti.

leggi tutto

riduci

14:39

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Intanto grazie per non essere rientrati puntualità la pausa pranzo sempre
Un momento particolare e quindi proprio per evitare l'abbiocco che segue normalmente alla pausa pranzo
Proviamo a darci delle regole di ingaggio per questa tavola rotonda sulle nuove professioni dell'era digitale
Cerchiamo dove è possibile di avere un minimo di interazione per quanto la connessione è scarsa
Quindi vi inviterei in mentre i nostri relatori parlò se avete dei suggerimenti di qui citarli collages Stanga ufficiale della manifestazione che
Cancelletto digit due mila quattordici oppure mandarli a mea chiocciola Marco Scialdone sempre via Twitter
In modo che possiamo raccoglierli e leggerli senza filtri senza filtri è l'asta che ufficiali di Radio radicale che
Sta registrando questa tavola rotonda e quindi troverete anche
Sul sito di Radio Radicale già in serata richiede ringrazio questo vostro Francesco Barbaro che sta operando la registrazione per Radio Radicale chi vi parla
Conduce la domenica sera un piccolo spazio su Radio radicale che si chiama presi per il web che si occupa per l'appunto di
Diritti e libertà digitali e la e l'altra regola di ingaggio che ci diamo è che i nostri relatori avranno cinque minuti tassativi per esporre la propria tesi in un primo giro di conversazione
Poi vediamo a seconda anche dei suggerimenti che arriveranno da tutti voi che siete qui presenti o in generale dalle sollecitazioni che possano esserci di strutturare la seconda parte dobbiamo chiudere tassativamente per le sedici quindi inizierei subito con il primo
Dei nostri relatori che è
Però per Braga che è dottore commercialista revisore legale membro della Commissione informatica del tribunale violare dell'ode ch'
Di Novara ed è docente in materia di dematerializzazione con documentale conservazione
Sostitutiva
Brave io le vorrei chiedere innanzitutto siccome si parla in nuove professioni dell'area digitale
Quali sono le nuove opportunità professionali che si aprono grazie al digitale interni sia di nuove professionalità sia di
Immaginare
Una reingegnerizzazione come si usa dire in questi casi di detti e professionalità quindi quali sono gli scenari che si aprono
E a quel punto come fidelizzare la clientela dispetto non ricevibile scenari che il digitale mette a disposizione
Sì grazie sicuramente come come stavi accennando tu
C'è proprio un cambio epocale diciamo così se noi siamo abituati a
Avere sulla scrivania vedete quando avanti voi di fogli di carta dei documenti cartacei beh vi dico subito da qui a qualche anno questi fogli Canton ci saranno più
Perché oggi in San con la fatturazione toni che ha perso condensazione che totalmente digitale tale ai tale tale nasce tale muore non posso anche assolutamente pensare di stamparlo su carta
Se ci saranno permangono mano mano anche gli altri documenti quindi cosa facciamo andiamo avanti
Con gli occhi chiusi testa bassa a registrare dei nostri fogli di carta o pensiamo che in effetti come ci stiamo gestendo cercata andremo gestire appunto in formato digitale e come facciamo back sicuramente dobbiamo prepararci
Clan prepararci su questi eventi tua
Cercare di ma questo ne parlo punto intenso in né nel secondo intervento
Come fare ma come fare le soluzioni informatiche ci sono
Non è questo è il il il il motore del momento per raccontarci informaticamente cosa fare ci sono le regole tecniche sulla conservazione che sono fresche di un paio di mesi fa sull'entrata in vigore firmato il tre dicembre
Del due mila tredici cosa facciamo l'articolo sette già ci dice cosa possiamo fare
Bisogna fare i responsabili la conservazione qualcuno deve fare questa attività chi la fa beh oggi la stiamo facendo noi noi oggi siamo responsabili la conservazione dei documenti analogici della carta dei libri e registri contabili non scriventi perché un domani non possiamo ancora farlo noi
E dovrà per forza fare o non ce la carta sparisce il digitale chi lo conserva lo facciamo conservare oggetto terzo non lo so vere valutiamo e allora facciamo i responsabili una responsabilità ce la facciamo pagare
Non parliamo dei Piccolini fossero edifici ma comunque sui grandi è una responsabilità che escono i temi sotto delegato non vorrà accollarsi come c'è responsabilità della privacy c'è responsabile la sicurezza nei luoghi di lavoro ci sarà responsabile soppresse dei dati
Sì al sì e responsabilità conservazione di questi documenti
E non solo articolo dodici poi del sempre del regole tecniche e gli dice che testo testuali parole il responsabile della del conservazione
Affiancato dal responsabile della in continua coordinamento corresponsabile della della privacy e anche qui e allora può poniamoci anche come responsabili magari alla privacy
Visto che stiamo trattando i documenti questi dovessero vicinali conservati con tanto
Di criteri pende chiariti
Proprio a quest'ultime regole tecniche
Quindi
Non solo responsabile la conservazione addirittura come prevede l'articolo otto sempre queste regole tecniche
Vedi gravitazione redigere il manuale della conservazione
Come si fa
C'è scritto da noi non siamo abituati a studiare abbiamo tante se parla con professionisti tutti i giorni dobbiamo studiare è qualcos'altro che dobbiamo studiare non niente di impossibile affiancati a limite quando necessarie con un esperto informatico ma di fatto
Noi possiamo redige questo manuale della conservazione dove di fatto vengono
Carenza detengono spiega tutte da regole distrutte le modalità con cui mi attuo e mi accingo alla conservazione istruttiva detto io ovviamente posso delegare a terzi o sta terze
Il polacco lo stoccaggio definitivo finale del documento del dei dati qui non ne occupa il mio di fare investimenti da milioni di euro non est non ha senso mia mi appoggio comunque qualcun altro
Parliamo ho accennato prima discorso la fatturazione elettronica
O l'azienda sia dal suo Cannizzaro e li spedisce inno su Kenzo penso spedisce ma
Novanta per cento anch'io uno su professionale anch'io so come sono i problemi la la clientela
Ben venga quelli esistenti importanti ma novanta per cento ottanta per cento sono anche i piccoli piccolini idraulico che va di parlare il rubinetto della scuola pubblica quello da fare il sedici non la fattura Elettronica
E questo non è in grado di falda solo queste cose dobbiamo dargli una mano
Gliela possiamo ci fosse un po'proporre come Sussa di questo servizio gli facciamo la fattura i facciamo onore spedizione come intermediari non stimi che non siamo in Italia lo sappiamo cosa facciamo e perché no ci facciamo pagare per fare questo
Ecco io direi mi fermo mi fanno così vado a rispettare i tempi dopo dato un po'di imposte per per cui si ragiona questo eventualmente ci sono quesiti a disposizione grazie
Benissimo io intanto ringrazio facciamo un applauso
Lo ringrazio per questo primo intervento che in realtà mi consente naturalmente di scivolare verso l'intervento di di Angelo Deiana che Presidente di compasso stazioni ampi patema dentro uno dei maggiori esperti economia dalla conoscenza dei servizi professionali
In Italia ed è anche l'autore di questo volume che appena uscito voragine sbaglio Angelo che è la rivoluzione perfetta l'era dell'interdipendenza e della
Velocità
E
Nell'era della velocità
Come cambiano i sistemi professionali prima nella pausa pranzo con Andrea Lisi riflettiamo sul fatto che non c'è più nessuna professione che possa ritenersi esente dall'impatto con il digitale neppure quella dei tassisti
E tutta la polemica che c'è stata in questi giorni sull'applicazione hub perché metterebbe a rischio
La professione tassista per come la concepiamo ecco anche in quel caso l'evidenza come il digitale Intini in sede si inserisce in una professione tradizionale e la cambiamo la costringe a cambiare allora sistemi professionali come devono cambiare
Grazie al di là della pubblicità libro è in edicola si in edicola in libreria cinque giugno
Devo dire che
Tutta questa tutte questo problema della trasformazione problema molto complesso
Perché naturalmente rende merito di del fatto che nessuno di noi sia in termini di complessità ma anche soprattutto in termini di velocità
è in grado di capire qual è l'orizzonte prospettico se non in termini di Brozzi se non in termini approssimazione pensate a due fatti mille novecentottantadue copertina di Time personal computer
Personaggio dell'anno dentro c'era scritto un bellissimo articolo dovere mi ha detto che il futuro delle professioni sarebbe stato quello dei cosiddetti tecnici ardua
Pertini Cynar perché noi non abbiamo mai visto perché le schede madri
Non si mantengono si buttano
Perché il costo della digitalizzazione rende micro il tasso di sostituzione
Stessa cosa vi potrei dire di un film che è assolutamente geniale due mila uno di sarà lo spazio voi ricorderete
Al nove mila il motore di ricerca che parla che è un pezzo del nostro futuro ma dove le donne non esistevano perché le donne prima della rivoluzione femminista facevano tutte le assistenti le impiegate le centraliniste
Quindi vedete come fattori di contesto per le trasformazioni siano assolutamente complessi dovrà che allora dobbiamo andare a prendere alcuni punti di riferimento innanzitutto come dicevo prima nei trenta il trend era quello che ci diceva il nostro
Moderatore e cioè che tecnologia e digitalizzazione tagliano trasversalmente
Tutto il sistema
Cioè al di là delle professioni indotte autor generate che sono pure importantissime perché rispondono a nuove domande di mercato in realtà sono strumenti che tagliano trasversalmente è una competenza orizzontale
In termini detto in termini molto sintetici e quindi è fondamentale per tutti a prescindere dalle singole verticalizzazioni professionali
Vi dico due mondi uno largo citava sempre l'avvocato Scialdone voi pensare al fatto che non è che il tassista adesso ci al problema con Umberto tassista scompare fra un po'
Perché le macchine seguiranno da sole
E il servizio pubblico diventa un servizio guidato da un sistema di algoritmi informatici come già sta succedendo per esempio per i treni
Vedete che lì il tema non è tanto cercare di capire
Qual è la professione del futuro nel medio periodo ma tentare di capire quali sono
Le competenze che tagliano trasversalmente questo processo perché attraverso le competenze che tagliano trasversalmente io gestisco il cambiamento sparisce il tassista farà un'altra cosa perché occorre competenze trasversali
E le colonne sono assolutamente chiare mi rimane un minuto e mezzo pensate a quattro professioni cassiere
Agente di viaggio tassista lo dicevamo prima centralista tutte professioni con un tasso di sostituzione totale praticamente da qui al futuro con la tecnologia e pensare invece ad altre professioni che diventano straordinariamente importanti
Attraverso un il taglio tecnologico avvocato
Giornalista quindi gestore di contenuti adesso perdonate la la la la riflessione un po'troppo banale ma pensate anche bibliotecario perché il futuro di questo sistema sana e la manutenzione
C'è un il sistema volle leggevo l'altro giorno che io uno dei sistemi di lancio di uno dei missili balistici più importante del mondo ancorava floppy disk quelli larghi
E quindi la manutenzione degli standards è una cosa importantissima tanto quanto e questa è una delle battaglie di consociazione poi facciamo un ragionamento nella seconda parte tanto quanto il perplessa
Cioè un mondo senza carta un mondo dove il PEA perplesso non è soltanto
Tutto bello perché si aggiunge abbiamo senza carta ma è anche sostenibilità e anche di rilevano mi o addirittura come la chiamo io White economico cioè servizi alate per il benessere complessivo del sistema grazie
Grazie Angelo per il l'intervento e da questo punto a Francesca Gallo che
Rappresentante
Del dell'Istat lavora dal dal novantatré presso l'Istituto Nazionale di Statistica dove attualmente responsabile dell'Unità operativa che si occupa dell'indagine l'analisi statistica proprio sulla
Transizione scuola-lavoro e sulla classificazione delle professioni
Chiederei raccontarci quella che l'indagine che l'Istat ha fatto su i lavori e sull'influenza delle tecnologie informatiche rispetta i lavori e rispetto a quello a questo punto eventualmente anche all'occupabilità delle persone grazie alla tecnologia informatica
Buona sera un pomeriggio a tutti e ringrazio agli organizzatori per quest'invito della dell'Istat perché insomma in questo contesto forse può anche saltare un po'
Particolare però devo dire che mi sono trovata molto stimolata dal tema e che e molto diciamo interessata portarvi l'esperienza che ha fatto gli Stati in questi ultimi anni
L'Istat forse lo conoscerete perché conduce da
Molti anni l'indagine sulle forze lavoro e quindi ogni mese ci dà questi dati terribili sull'occupazione sulla disoccupazione così com'come su tutti gli altri decimo ad altre variabili che influenzano la la domanda di lavoro e
Rispetto al tema di questa tavola rotonda diciamo penso che il portato dell'Istat possa essere di una certa rilevanza perché perché quando parliamo di nuove professioni dell'era digitale si pone un problema di definire i confini chi sono queste nuove professioni o meglio chi possono essere ad che quei vecchi mestieri che hanno cambiato i loro contenuti e sono effettivamente da considerarsi delle professioni digitali
Ora e l'approccio che ha utilizzato negli ultimi anni distratta portando avanti un'importante indagine finanziata dal ministero della del lavoro e svolta congiuntamente con l'ISFOL l'Istituto per la formazione dei lavoratori
Ha permesso di andare proprio a studiare i contenuti del lavoro abbiamo svolto un'indagine prende
Do a riferimento tutte le professioni svolte nella nel mercato del lavoro utilizzando come griglia per raccogliere il fenomeno la classificazione delle professioni che ha un mostro sto raccordato diciamo a livello internazionale per osservare classificare il lavoro e riprendendo per ciascuna di queste unità professionali un campione di lavoratori siamo andati a
Quantificare le competenze le conoscenze necessarie per lo svolgimento dei diversi mestieri
Ora questa questa indagine che insomma è possibile consultare minimi risultati nel sito istituzionale dell'Istat permette proprio di
E quantificare
Le diverse competenze richieste per l'esercizio di tutti i lavori e non solo proprio di analizzare in termini comparativi
Professioni diverso in un momento in cui c'è un tasso di sostituibilità così così elevato per cui il tassista che oggi perde il lavoro
Deve mettersi sul mercato alla ricerca di un lavoro sul quale può avere una certa possibilità di essere diciamo competitivo ebbene un tipo di informazione di questa ora di questa natura è fondamentale per ora sia per il lavoratore ma anche per chi vuole andare a capire i nel concreto la la la natura dei lavori ora questa indagine ma magari
Nel secondo round non so quanto quanto ma anche
Quindi i risultati di questa di questa indagine ci possono aiutare per definire in modo meno soggettivo e soprattutto non statico
Il
I confini per quelle che possiamo individuare come pro flessioni dell'era digitale e quindi diciamo dei confini basati su evidenze empiriche che quantificano quindi le competenze necessarie per svolgerle per svolgere i lavori ora una volta in individua anche questi confini e siamo anche in grado attraverso l'indagine sulle forze lì di lavoro di andare a studiare chi sono queste persone che svolgono questo tipo di lavoro cori e magari nel secondo giro vi darò qualche agita anticipi azione su appunto le caratteristiche di questi lavoratori e informazioni importanti per
Orientare le politiche sul lavoro perché
Vedremo che ci sarà un importanti insomma risultati grazie
Grazie Francesca Gallo e una parte le osservazioni che ha svolto credo che in qualche modo si
Possano
Possano interagire con quello che ci va adesso Fabio quasi Conigliere laureato in informatica opera da oltre dieci anni nella consulenza sulla sicurezza delle informazioni presiede il Comitato italiano ISO IH esserci ventisette in Uninform né membro del direttivo così come per per Cruz SIT e
In qualche modo la la prima cosa e chiederei a Fabio è di dire quelle che sono le attività che un info sta portando avanti per quanto riguarda
La normazione delle professioni non regolamentate sembrerebbe in qualche modo un ossimoro vorremmo che in realtà non lo è
Buongiorno a tutti
Grazie Marco Ferran per l'introduzione per la domanda
Diciamo che faccio solo una brevissima premessa perché è un info come ente non è immediatamente noto a tutti quanti come magari per esempio l'Istat perché
Al suo risalto ed è anche noto alla al pubblico presso l'ottimo lavoro un in forte è un ente normazione che in seno UNI uni e l'Ente di normazione italiano
Uniforme integrato che si occupa di normare tutto quello che riguarda fondamentalmente la esiti
Quindi in questo contesto chiaramente rientra anche il discorso del se vogliamo delle professioni digitali o comunque legate più legata al mondo dell'informatica
Proprio per questo che adesso voi avrete sentito che io mi occupo più di sicurezza quindi sono Presidente di un comitato
Di gli uni in forte
A che vedere con le isole in settemila uno per chi di voi magari ha sentito parlare di Standard sicurezza che è un po'la l'equivalente della ISO nove mila uno per gestire la sicurezza informatica
In questo contesto ci siamo posti il problema sì
Noi oggi viviamo in un mercato in cui essendo che ci sono tutte queste professioni nuovi già in ambito informatico si fa fatica a identificare e a chiamare sempre con lo stesso nome
Una stessa figura che poi corrisponda anche a un insieme di competenze e conoscenze abilità
E quindi le stesse imprese
Fanno hanno una certa difficoltà anche solo a interagire col mondo dell'offerta del del mercato del lavoro per dire io voglio questa figura ho bisogno di questo tipo particolare di competenza per fare quello che voglio
Questo si vede soprattutto in bandi di gara piuttosto che anche soltanto nelle ricerche di mercato chi di voi naviga un posso Linke Dina ogni tanto oso mostrerò su altri
Diciamo su altri siti dove si possono vedere sia l'offerta sia la domanda sulla sui profili professionali
Avrà notato che già nel mondo informatico c'è una fantasia notevole né italianissimo fantasiosi
Quando possiamo dare sfogo alla nostra fantasia vengono fuori delle cose tipo Evangelista Händel delle architetture di sicurezza piuttosto che ci sono una quantità di nomi su cui di cui potete divertirvi avete la varietà
Ancora di più nella parte relativa alla sicurezza informatica che è quella di cui mi occupo in maniera più specifica
Dove essendo ancora se vogliamo più giovane dell'esiti perché prima una sola esiti poi qualcuno ha iniziato a porsi il problema è ma
E sicuro quello che stiamo utilizzando
Quindi quando ci fu uno dai primi warmup dei primi virus perché facevano del delle cose veramente poco sofisticate fino ad arrivare a diciamo
Eventi che sono al sotto lo gli occhi di tutti voi quando si parla di milioni di carte di credito rubate piuttosto che
Frangente che si diverte a dirottare il sistema tranviario in Polonia o a spegnere centrali elettriche o a fare mille altre cose simpatiche
Quindi nel nell'ambito delle professioni non regolamentate quindi se vogliamo quelle più giovani quelle che non hanno
Non sono storie che non sono state definite in maniera propria attraverso leggi attraverso la formazione di associazioni professionali di categoria che ne hanno enucleato nel passare del tempo tutte le componenti tutte le caratteristiche
Ne stiamo cercando di iniziare a fare un po'di luce a dare un po'di rinvii risalto a
Questo grosso mondo quindi all'interno di di un info c'è una un'anima che si sta dedicando alla parte di sicurezza
C'è un'altra anima di cui poi parlerà una mia collega che mi seguirà a breve e di cui non vi anticipo nulla
E ce ne saranno diverse altre perché nell'ambito dei siti comunque ci sono tanti sottosettori tanti sotto ambiti che hanno un peso una rilevanza e costituiscono tanta parte delle nuove professioni dell'era digitale al giorno d'oggi
Io magari mi fermo qui così lascio spazio dalla
Ballatore successivo comunque lo di anticipo grazie
Proprio per l'intervento
E la persone che che segue in realtà sembrerebbe fare un lavoro lontano in qualche modo dal mondo digitale perché se io parlo dei bibliotecari la così
Forse la persona non nel
Esperta nel settore Valmaggi magari dei libri polverosi e la scala uno va a prendersi porre
In realtà immagino e quella del bibliotecario sia una professione
Fortemente
Messa in discussione il rinnovata più che una nuova professione dire una professione rinnovata dal digitale e quindi questa è la domanda e diciamo che io mi permetto di fare a Paola Mannoni che bibliotecaria specialista di metà dati e lavora presso la Biblioteca apostolica vaticana
Proprio nel coordinamento dei servizi informatici del Presidente della Commissione unica documentazione e informazione
è responsabile della sottocommissione automazione e documentazione
Molte grazie di questa presentazione e grande grazie all'invito ricevuto ho accolto con grande piacere perché sono rare le occasioni in cui si può dimostrare come appunto mondo umanistico polveroso di grandi volumi papiri pergamene
Membranacea eccetera impatta con la tecnologia provocatoriamente però permettetemi di dire che
Mille novecentosessantanove Arpanet internet interne nato in ambiente militare i bibliotecari nel mille novecento
Stesso mille novecentosessantanove alle non andavano sulla luna ma ha dato in cura a Darwin in Ohio studiavano i primi collegamenti
Intervengo teca quindi prime reti di biblioteche nel campus universitario in data primo
Quindi questo per dire con una semplice battuta come il mondo tecnico veramente è dominante nelle professioni di conservazione di
Dati e di documenti ancor prima dell'evento del digitale e quindi anche per quanto concerne proprio
L'attività di descrizione catalogazione quindi uso di basi dati e di punto strumenti in Rete
Di questo vorrei però diciamo tornare sull'impatto che la lana diciamo
La professione di bibliotecario tanto quanto di documentarista archivista dice in qualche modo appunto
Studiata tutelata rep e oggi regolata anche grazie a delle normative a degli standards punto io ho il piacere di presiedere questa Commissione UNI
L'esistenza di uno e l'ha già appunto enunciata è stata già enunciata nel precedente intervento e questa Commissione vi dopo di documentazione e informazione fa un gran parte punto soprattutto un grande lavoro
Collegato anche all'Izzo ovvero alla Tecnital comizi dell'isola tecnica commenti fuori sex Information and doppiamente Jean
La missione sia nell'ambito viso sia nell'ambito unico quale
Quello appunto di studiare norme tecniche per l'identificazione la descrizione e la conservazione
E l'interoperabilità tecnica a livello ovviamente concettuale non certo informatico quindi modelli schemi di metà dati e quanto altro o identificatori
Persistenti di cui per esempio si parla tanto per quanto riguarda per esempio la tecnologia dei dati collegati dell'INPS dei tante riguardo semantico su cui per esempio bibliotecario la sicura delle carie fortemente implicata
Appunto studia questi ambiti e e
E lo fa proprio dal punto di vista
Più che altro non quindi della tecnologia quanto degli aspetti di identificazione conservazione descrizione etc
De delle collezioni che a cosa voglio arrivare voglio arrivare a questo che il punto di vista di queste professioni livelli digitale in
Nella fattispecie per rispondere alla domanda specifica
Non tanto come oggetto
A se stante emergente evidentemente ma quanto continuazione di quello che è il concetto della collezione e vengo subito
Ad un esempio se ancora qualche minuto qualche secondo un minuto meno spendo un super ente non può certo importantissimo che mi servirà poi per parlare delle professioni bibliotecario archivista delle norme
Ed è questo in questi ambiti archivi biblioteche centri di appunto documentazione noi conserviamo e digitalizzando
Oggetti anche analogici quindi noi abbiamo i problemi
Di conservazione descrizione eccetera sia degli oggetti digitali inattivi sia che degli oggetti digitali copia dell'analogico e ciò che ci interessa in questo caso è ovviamente affidare all'informatico gli aspetti di sicurezza tecnologica
E
Consentire di conservare descrivere
E rappresentare le fattispecie quindi anche con ciò che concerne le gli aspetti peculiari di quello che è un oggetto una risorsa elettronica che per esempio in tram nei nella collezione
Con le regole
Specifiche per quanto riguarda quell'oggetto che sarà diverso da un manoscritto medievale
E quindi vediamo che nella professione il digitale avrà quindi una decina non una
Una definizione specifica ma il concetto di documento
è volutamente lato ibrido proprio a garantire che sia il professionista bibliotecario archivista etc a gestire la collezione
Dalla Carta fino alle ultime memoria
Crea Paola Mannoni a questo punto a Claudio Rorato che
Ricercatore senior advisor presso la scuola management del Politecnico di Milano
Che i canali di un'altra professione anzi di altre professioni che si devono rinnovare che sono quelle giuridiche quelle diciamo in qualche modo a me più care
Non soltanto parliamo degli avvocati ma ovviamente anche di giuristi di impresa anche dei consulenti del lavoro e quant'altro fra tutte professioni sono profondamente impattate dalle tecnologie informatiche quella degli avvocati
Più di tutte per la scadenza che è stata più volte ricordata forse con terrore
Del trenta giugno prossimo venturo del processo civile telematico ma in generale sentisse una un insieme di tecnologie che tendono a ridisegnare complessivamente le professioni giuridiche quindi
Il la domanda che ho fatto prima affollavano gliela faccio adesso da Claudio Rato cioè queste nuove tecnologie informatiche come obbligano a rinnovare e a ripensare alle tecnologie aldilà scusate
Guardavo sani
Daniele del nessun problema con
Pomeriggio tutti
La domanda e ovviamente interessante parto proprio dalla qualificazione che veniva data obbligo
Purtroppo dobbiamo partire proprio da questo da questo aspetto l'innovazione digitale oggi nel mondo delle professioni ma io mi permetto di allargare anche in maniera molto più ampia
Al mondo dell'impresa per esempio nasce prevalentemente per obblighi l'Italia è un Paese che se non ci sono le leggi oggi culturalmente non è in grado di recepire l'innovazione l'ambito i processi di lavoro
Non fa ancora parte delle nostri cromosomi sono i dati che ce lo testimoniano
Tanto che nell'ambito dell'Osservatorio esiti professionisti che io di cui sono responsabile
Queste cose sono venute fuori in maniera molto molto chiara
Il ne abbiamo diviso l'innovazione tecnologica l'innovazione digitale l'utilizzo delle ICT nell'ambito dei processi di lavoro degli studi professionali
In due categorie quelle law driven una perché nascono da obblighi di legge quindi volente o nolente se o
Se voglio essere abilitato a entrare a fare determinati servizi pensiamo semplicemente quelli di
Accesso l'Agenzia delle Entrate devo utilizzare dei software
Se invece sposto il focus sulle altre tecnologie che non necessariamente sono legate a un obbligo di legge ma rappresentano più una ricerca di efficienza o di nuovi
Servizi che possono essere erogati ovviamente le percentuali di adozioni non solo diminuiscono crollano
E allora io pongo una domanda prima di tutto ma perché i professionisti in realtà dovrebbero innovare digitalmente i loro processi di lavoro ed essere molto più attenti
In realtà la risposta ci viene appunto dall'analisi dei comportamenti dall'analisi delle situazioni di analisi organizzative
Il
Dall'ultima rilevazione che abbiamo fatto il trentatré per cento dei professionisti e qui mi riferisco al nostro universo di riferimento che era
Costituito da commercialisti avvocati e consulenti del lavoro quindi stiamo parlando vuoto per pieno di circa quattrocentocinquanta mila professionisti
Il trentatré per cento di queste categorie nell'ultimo biennio registrato una diminuzione della redditività superiore al trenta al dieci per cento
Considerando il fatto che
Gli studi professionali sono mediamente di micro piccola dimensione esattamente come il nostro panorama medio aziendale
Ci capiamo bene che nel momento stesso in cui abbiamo un insoluto di due o tre clienti il la piccola struttura comincia andare in affanno finanziario che abbiamo qualche rappresentante di banche
Ci poco testimoniare questa cosa
Però questo allora che cosa significa che bisogna trovare una serie di
Espedienti gestionali per difendere fondamentalmente i margini perché oggi oggi il mercato non consente di dilatare a dismisura i propri cari
Noi abbiamo visto che solamente sempre dalla ricerca solo il dieci per cento degli studi ha avuto un incremento
Del del fatturato nell'ultimo biennio ma quel trentatré per cento ci deve fare riflettere
Ci deve far riflettere perché se poi andiamo ad analizzare il modello organizzativo prevalente quindi medio di queste categorie professionali ci accorgiamo che sono ancora attività prevalentemente
Lei pure intensivo cioè utilizzano ancora molto il lavoro manuale
L'output finale prevalentemente ancora costituito da documenti cartacei gli archivi nel sessanta e rotti per cento dei casi viene considerati gli archivi sono considerati essendo prevalentemente cartacei
Sonoro o saturi o
Prossimi alla saturazione ma questo non basta per poter dire digitalizza diamo utilizziamo le tecnologie informatiche prendiamo altri indicatori
Abbiamo chiesto di classificare il tempo lavorativo dello studio in tre macro categorie processi di business cioè quelli che generano ricavi processi di supporto attività di formazione e gestione del patrimonio esiti interno allo studio
E attività amministrative attività amministrative che sono quelle
Che riguardano la gestione degli adempimenti civilistico fiscali dello studio non dei clienti ma dello studio le attività di gestione amministrativa del personale interno la gestione degli acquisti ordinaria gestione degli archivi
Il tempo mediamente completo e complessivo quindi che viene assorbito dalle attività amministrative del quaranta per cento
Le la gestione del business cupa solo il quarantaquattro per cento rispetto a questo quaranta per cento quindi che cosa vuol dire che
Se provocatoriamente io dovessi fare una domanda direi al titolare dello Studio ma il tuo business quale
Fare commercialista l'avvocato il consulente del lavoro o gestire gli adempimenti amministrativi del tuo studio
è ovvio è ovvio che questa è una domanda provocatoria ma ci porta sulla strada della comprensione del perché sia necessario e indispensabile digitalizzare
E utilizzare le tecnologie informatiche nei processi andiamo ancora avanti solo il venti per cento dei professionisti oggi è in grado
Di monitorare il tempo assorbito da clienti e da singole attività sul loro conto economico
Questo cosa significa che la navigazione una navigazione a vista il controllo è ancora molto sensoriale perché è perché i professionisti prevalentemente prevalentemente non sto dicendo tutti ma prevalentemente
Sono ancora stanziali all'interno dello studio quindi questo che cosa significa che la presenza fisica
Fa pensare al singolo professionista di poter
Effettuare un controllo sensore gli altri senso Riale vedo otto consento e questo mi dà l'idea una percezione di aver sotto controllo le mie attività
E i tempi come vengono assorbiti e dove vanno a finire in i costi in realtà non è così
Perché coloro che ne abbiamo monitorato che trascorrono maggior parte del loro tempo al di fuori dello studio sono quelli più attrezzati abbiamo dimostrato che in realtà da i dati sono quelli che hanno le redditività maggiori
Proseguiamo su questa attività di analisi e
Possiamo dire però dobbiamo proseguire al secondo giro benissimo siamo fuori l'okay regionale
Tempi parlo una parola a Roberto sì facciamo a ciò
Anche soprattutto per il mio errore identificazione lavo scambiato con altre relatori invece Roberto Scano lo conosco diciamo personalmente per cui
è lì in fondo al tavolo a destra non sbaglio questa volta
Però Conte vorrei fare una piccola polemica nel senso che qualche giorno fa sulla Corriere delle comunicazioni scrive un articolo in cui dice di professione web totalmente ignorate
Agenda digitale l'allarme dell'associazione che presidia UE ai guai Eataly perché dice sostanzialmente nella votazione della norma UNI
Sul professionista web una parte delle associazioni che si era battuta per questa norma alla fine si è sfilata
E ha votato contro se ho capito bene o nel proprio non è proprio così e allora chiedo a te visibili e chiarire come è andata e perché queste professioni guardo sono totalmente ignorate come dice il titolo della titolo allora okay facciamo un passo indietro ma innanzitutto nel discorso delle professioni web è un qualcosa che si parla da anni ce le professioni web esistono oramai da circa vent'anni
Alcune sono chiaramente più recenti ma le prime prosegua tornate circa vent'anni fa
Quello che una volta si chiamava il cosiddetto quel Master quello che facevo un po'tutto
Quello che ancora oggi spesso in molte aziende amministrazioni e quello che fa tutto cioè non è cambiato nulla
Quello che sta cercando di fare noi è un lavoro che abbiamo avviato nella due
La
Oppure nove
I rappresentanti di aziende associazioni e via dicendo per
Definire una serie di profili di competenza per specifici ruoli perché né questa parlando che di professioni ma spesso il discorso è che bisogna ma parli in ruoli esistenti all'interno di aziende soprattutto anche delle pubbliche amministrazioni
Pensiamo in ambito Pubblica amministrazione come web è entrato in modo forte dal dall'entrata in vigore del Cardin poi diciamo essenzialmente
Sono nati i nuovi ruoli pensiamo responsabile accessibilità responsabile procedimento ripubblicazione che solitamente vengono estratti a sorte tipo la pesca della
Della Sagra quindi viene preso la la persona x che è un po'di competenza e gli viene dato incarico di fare qualcosa
Perché se ha cercato di fare noi a livello anche internazionale è proprio di definire una serie di competenze di base
A livelli tra sadico perché a livello cenno a ci hanno riconosciuto effettivamente come il primo caso a livello europeo di profilazione
I profili di competenza secondo uno schema definito dalla dal Censis chiama inchieste che anche una norma
Nazionale non si sente anglofono va
Si sente
Okay
Due profili di riferimento che poi noi abbiamo portato all'interno di UNI un info
Io sono il collega Di Fabio che coordina quell'altro gruppo di lavoro quello proprio del professionisti web
Cos'è successo di fatto abbiamo fatto la la richiesta di avere una norma di settore generale per il professionista web norma che in prima istanza al momento è stata bocciata perché
L'idea diciamo di una parte Diderot maggioranza del gruppo di lavoro essenzialmente di non fare norme per settori specifici delle professionalità Marin fare eventualmente delle norme quadro per definire tutta una serie di competenze
Cosa che a mio avviso e anche di altre praticamente andrebbe anche contro la legge quattro del due mila tredici per Rete quattro consenta la soluzione professionali come la nostra di poter richiedere norme tecniche specifiche
Comunque a parte questo questo piccolo problema che io spero si risolverà nella le prossime i prossimi mesi
Diciamo c'è un'idea generale di iniziare a comunque
Di continuare a fare profilazione di competenze particolari
A avrebbe il trenta giugno ad esempio come lingua e lasceremo la seconda pressione dei nostri skill
Che da ventuno qualificazione diventeranno ventiquattro
Tra l'altro c'è anche una un'attività dell'esperto di dati con cui stiamo collaborando con alcune persone che o Provenzano di Stato quindi stiamo lavorando effettivamente conto diverse realtà che sono interessate ad avere
Profilazioni particolari perché il concetto di base
Non vogliamo parlare peritato di profili professionali però parlare di profili di competenza professionale perché bisogna inserire dentro delle aziende soprattutto da me stessa Repubblica tutta la serie di competenze che mancano proprio per evitare quello che sta avvenendo adesso sempre anche i pubblica amministrazione soprattutto in pubblica amministrazione per cui si sta hanno lottizzato digitale cioè si sta portando l'organizzazione una logica nel digitale perché mancano le competenze digitali per farle cose fatte come si vede
Poi ritorneremo ovviamente su questa polemica perché di permettere anche di coinvolgere Andrea Lisi
L'avere qualcosa da dire su questo dibattito completiamo questo primo giro con Daniele turni e tutto un netto che è commercialista e revisore contabile a Milano città del Tribunale di Milano componente della Commissione informato il Consiglio nazionale dei dottori
Commercialisti né e
Anche a lui chiederei il panorama delle professioni tradizionali e poi l'avvento di nuove tecnologie
Come ha cambiato la professione del commercialista
E soprattutto se commercialisti come mia sensazione insieme notai siano state forse le professioni che per primi a hanno recepito la portata innovativa
La trasformazione del digitale e l'hanno cavalcata prima di altri io penso a tutte alle alle norme ad esempio sul trasferimento delle quote di S.r.l. con
Firma digitale in qualche modo hanno sono riusciti a sottrarre una parte l'attività e notai con grande
Diciamo proteste da parte del mondo notarile però è una direzioni come può si può utilizzare la tecnologia digitale per creare nuovi ambiti lavorativi
Va bene allora niente io parlo appunto di quella che la mia professione mai più in generale
Professioni cosiddette e quindi quelle che sostanzialmente cosa fanno creando una filiera al servizio dell'impresa e quindi parliamo del notai fin dalla Costituzione dei commercialisti che iniziano ad avviarla dei consulenti del lavoro
E degli avvocati tutte queste
Professioni oggi hanno un punto di riferimento comune
Che è diventato sempre più stringente una maggiore efficienza per stare sul mercato
Le aziende hanno bisogno di risparmiare hanno bisogno di aver risposte immediate di avere professioni che sono separate arriva ed organico di mistico ma che però collaborano e dialogano in modo molto stretto
Noi siamo come diceva Claudio Rorato una categoria lo driven perché noi ci siamo evoluti e solo perché nel novantotto se ricordo bene nata l'obbligo di inviare i bilanci in camera di commercio in modo telematico
Quindi è sempre stati dai computer possa al mondo Windows perché cioè non poneva una norma se la oggi continuare usare programmi dosso per la contabilità poi c'è stata l'avvento del
E li abbiamo tra l'altro iniziato con a conoscere una cosa nuova che nessuno neanche mai sentito fino a quella data che era la firma digitale
Una cosa che pochi anca Pito cos'era se non dopo quattro cinque anni che finalmente a furia di usarla sono riuscita ad arrivare a comprendere decreto esattamente che cosa fosse
Oggi analogamente a quanto capitato allora abbiamo degli obblighi normativi che ci impongono di lavorare
Su determinate materia attraverso l'utilizzo del digitale penso eri commercialisti che fanno i curatori quindi l'introduzione della pecca obbligatorio nelle procedure concorsuali
Molti non sanno come gestire le pecca non sanno che le Pecs cadono e quindi queste son problemi seri che diventeranno rilevanti tra qualche anno
Oggi dobbiamo come quel categorie iniziare a dialogare a dialogare in modo telematico perché le competenze se stanno sovrapponendo in parte
E quindi è necessario che la base dei dati che noi trattiamo venga gestita nel medesimo modo quindi dobbiamo creare dei meccanismi di comunicazione
Di interoperabilità dei dati strutturati anche perché l'evoluzione che c'è alle porte si chiama i procura mense che Hamas
Specie finanziaria per cui se oggi non iniziamo a gestire concretamente modo sinergico
Tutti i dati che compra che riguardano la
La vita dell'azienda e quindi creare una filiera professionale a servizio dell'azienda che agisca operi in modo efficace ed efficiente
Difficilmente credo riusciremo a stare sul mercato
Citava Claudio prima anche l'aspetto dell'efficienza all'interno degli studi
Pochi anca Pito che la digitalizzazione del contabilità un vantaggio importantissima perché inserire la contabilità a mano
Con la contabile che prende la fattura inserisce parla mettendo archivi eccetera rispetto a scannerizzava ed era il programma che qua c'è arrecata trasferisce
Sulla schermate prima nota vuol dire risparmiare circa il sessanta per cento del tempo lavorativo quindi vuol dire introdurre un una metodologia di lavoro grazie all'informatica molto più efficace ed efficiente
In questo contesto quindi chiudo ricordando l'accettazione che ha fatto prima Marco della cessione delle quote
Per S.r.l. che può esser fatta dai commercialisti come categoria ritengono occasione persa la fanno in pochissimi
Quindi è la dimostrazione che se non c'è una crescita culturale intesa come evoluzione mentale della professione
Un'apertura normativa importante e rilevante non viene percepita non viene realizzata è utilizzata dalla categoria
E quindi dovremo cercare di concentrarci veramente sull'evoluzione mentale
E sull'approccio in termini di servizio che facciamo alle aziende che facciamo quindi è sostanzialmente alla collettività e dobbiamo quindi secondo me è cercare dei modelli di sviluppo del Paese della sistema economico italiano differenti
Cercando di rompere gli schemi col passato e trovando quelli delle sponde per poterli sviluppare che sono oggi gli interlocutori i nostri le aziende in prima battuta ma di se vado a dire avete faccio risparmiare dei soldi
Facilmente trovo un interlocutore che mi ascolta e mi segue e il mondo della Pubblica amministrazione più in generale che l'altro stakeholder di riferimento nostro al cui dobbiamo render conto del lavoro che facciamo
Per conto nostro o per
Conto dei clienti e che oggi visto come un
Né da parte la mia categoria come
Un vessa attore perché continua a uscire un norma dietro l'altro ogni giorno ad arrivare in ritardo e quindi vediamo solo in affanno per rincorrere le scadenze mi fermo che sono andato oltre grazie
Ora nel venticinque minuti che restano facciamo un secondo giro di conversazione con domande botta e risposta io sempre ripartiremo Daniele per una mia curiosità personale quello che tu hai parlato un'occasione persa
Ritorno occasione persa al trasferimento delle quote e anti firma digitale
Da parte dei commercialisti
Secondo te è un'occasione persa perché l'utenza non è disponibile rispetto a questa nuova modalità ad esempio perché diceva avrebbe preferisco il contratto firmato bollato davanti al notaio perché fra cinque dieci anni
Quanto meno in un cassetto polveroso lo ritrovo
Nel caso del contratto firmato digitalmente ma non lo so che fine fa sarà valido non sarà valido fra dieci anni cioè
Ne anche il fatto che il legislatore sia come dicevi tu schizofrenico e ogni due anni intervenga dettando nuove norme
Può aver ingenerato insicurezza rispetto al digitale rispetto invece alla tradizione cartacea è sempre lì ferma immobile della sicurezza
Ma secondo me no nel senso che comunque la normativa è chiara si tratta solo di seguirle applicarla una normativa nuova
Generalmente
Se resa obbligatoria viene studiata se non è resa obbligatoria il ragionamento che tutti i miei colleghi anzi sempre fatto quasi tutti è stata quella di dire va bene o non ha obbligo continua farla il notaio così non ha un pensiero in più
Quindi è sostanzialmente questo è l'aspetto rilevante
Se posso andare avanti o massima ecco
Volevo ricollegarmi andati ma anche agli aspetti dell'interazione Dom delle professioni recentemente uscito interna regola tecnica nuova che ha reso obbligatorio
Il redazione del manuale della conservazione sostitutiva ad esempio responsabile dalla conservazione e l'esempio tipico di un di una persona che nella sua testa deve avere tante anime
Perché deve essere o con esperto di informatica giuridica di informatica di diritto o
Perché deve conoscere bene le norme come responsabile della conservazione deve essere un ottimo conoscitore del come responsabile del del trattamento dei dati di tutta la parte
Della gestione del dato e dell'aspetto della sicurezza dei questi dati e quindi della soluzione informatica e anche deve essere un persona esperta di contenuti di archivistica quindi deve capire
Perché era normato richiede di garantire la rigidità nel corso del tempo accessibilità e via discorrendo
Secondo me comunque oggi prima un far lancio una provocazione perché proprio per
Discorso di pensare dia ragionare in modo differente secondo me si potrebbe anche iniziare
A cercare di butto un sasso hanno già parlato come Andrea Lisi che d'accordo quindi come annurca svilupperemo poi un tema in tal senso
Quello di provare a pensare a sfruttare la tecnologia che oggi è disponibile per fare un la realizzazione di ad esempio delle SMA belli vie societario
Di capitali che siano digitali nel senso che se partano gestiscano la loro vita completamente in digitale
Quindici creativo ciclo passivo contabilità eccetera tutti questi dati siano periodicamente in base alla scadenza fiscale trasmessi all'Agenzia delle entrate che procede a elaborare tutte le comunicazioni quindi a non farla
Dichiarazione per compilata che oggi va di moda ma che faccia delle liquidazioni alle comunicazioni Intrastat eccetera
In questo modo cosa succede due aspetti rilevanti il primo come professionisti ci troviamo a finalmente
Un po'sgravati da quelle che sono gli adempimenti periodici che continuiamo a rincorrere
Quindi liquidazioni dichiarazione e quant'altro e si faccia solo una funzione di mero controllo dei dati che vengono trasmesse dall'Agenzia delle entrate e dall'altra abbiamo un po'di tempo a disposizione per fare quello che è il valore
Il lavoro più alto valore aggiunto quindi assistere l'imprenditore ad esempio
Con analisi del controllo di gestione di budgeting e quindi ricordando circa l'ottantasette per cento circa delle aziende italiane sono sotto i cinque dieci dipendenti
Andare nelle aziende dove non c'è cultura non ce la struttura non c'è risorse finanziarie per attuare controllo di gestione e questo potrebbe essere un dato interessante altro dato interessante
Che bisognerebbe andare ad individuare degli incentivi incentivi che potrebbero essere
Come un minor una periodo di accertabilità da parte dell'Agenzia delle entrate
L'eliminazione di alcuni adempimenti come può esserlo speso home o altro per esempio o addirittura arrivare anche con delle agevolazioni di tipo fiscale magari delle aliquote ridotte
Proprio perché ottenuto ridotte in termini di imposte da pagare perché è perché questo favorirebbe il sistema Paese nella completo nel complesso
Perché farebbe emergere e se ci sono delle situazioni patologiche di difficoltà che delle aziende che mediamente si scoprono due anni dopo quando per due anni non saper sapeva non se son versati i contributi
Non si son pagati i dipendenti in tempi molto più rapidi
Der d'altro canto dall'altra parte ci dovrebbe essere come contrattare un rapporto nuovo con il fisco
Dove c'è un dialogo costruttivo e non invasivo
Per cui se ci fosse la necessità di del cioè se non si rispetta andata scadenze pagamento non succede nulla se non una comunicazione con cui il fisco ti dice guarda che non è pagato te lo ricordo che dovevi farlo che succede
Si motiva e finisce lì se dopo tre mesi quattro mesi questa situazione
Permane vuol dire che inizia a diventare patologica e a questo punto bisogna intervenire ma nell'interesse della collettività e quindi chiedere all'azienda come amministrazione finanziaria che cosa quello di
Rappresentare il problema quindi deve
Farsi aiutare da un professionista per presentare il problema e a terra e la sposi di assoluzione
Normalmente io dal due mila e cinque mi oppongo abbastanza fra continuo di Crazy d'impresa non meramente questo vuol dire
Accorciare
Di grande parte il tempo in cui l'imprenditore prende coscienza e agisce della sua carriera contro la sua crisi e quindi esse pone nell'ottica di fare una qualche attività che permetta di salvare il salvabile
Quando lo fa purtroppo nel novantanove per cento nel novantacinque per cento e case troppo tardi quindi ci si può salvare forse con un concordato mancare stragiudiziale più facilmente si arriva al fallimento
Grazie certezze per i chiarimenti e
Chiarelli contemporaneamente Roberto Scano e Paola Mannoni perché è una delle cose che mi aveva colpito preparando questa tavola rotonda era questa polemica che c'era stata tra a nord che hanno professioni da una parte e
Diciamo la la posizione relativa a questa norma tecnica uni sulla professione di attivista che era in consultazione pubblica fino al
Diciassette marzo
Se ho ben inteso il tema centrale del dibattito e anche alla contrapposizione e che la norma UNI teneva dentro alla professori archivista anche quelli che erano i ruoli del responsabile la conservazione e in parte responsabili del trattamento dati personali mentre a nord che hanno professioni
Nel frattempo si è materializzato con come evidentemente percependo che si sta parlando di questa Andrea Lisi
Ritengono invece questo non debba essere cioè la la figura dell'archivista complessivamente non debba ricomprendere anche queste che sono
Delle vere nuove professioni del dell'era digitale alla intanto vorrei il vostro punto di vista rispettivo chi vuole iniziare dei due
Testo per cavalleria ovviamente immaginare altro per dare
A tutti il contesto che mi sembra importante allora
Molto brevemente dicevo che i lavori della Commissione che segue tutto ciò che concerne identificazione descrizione conservazione di questi ambienti con la legge quattro dove due mila tredici attivato un gruppo
Di lavoro sulla appunto profilo professionale di bibliotecario che archivista d'intesa con quanto è disposto a livello di unire Commissione sempre la tecnica eccetera c'è stato anzi demandato questo incarico
L'approccio sia per la norma diversi
Che sono due norme distinte ancora una cosa importante da dire per dare un contesto ipotecario e archivista per entrambi i casi
L'approccio è stato effettivamente e anche in modo rigoroso di tipo olistico ovvero
Si è guardato alla professione dell'uno e dell'altro
Senza entrare ad esempio nelle fattispecie delle tipologie specialistiche
Per i precari potrebbe essere fare un esempio bibliotecario musicale o bibliotecario digitale per esempio perché anche qui si potrebbe fare una contestazione perché di per sé
Come accennavo prima che era una riflessione che mi tra che stava sul secondo punto che ringrazio per questo così ne parliamo e discutiamo
Il concetto sia di professione che di documento quindi ciò che
Di cui si occupa la materia prima no
Il concetto quindi di descrivere gestire un documento sono volutamente volutamente fin dall'ossario
Non schiacciati su una tipologia documentaria
Cioè a dire si vede la professione come dicevo dal punto di vista della gestione della collezione trattamento dei dati personali credo che ci sia un disegno amento di informazioni
La norma specificamente non se ne occupa ciò che
Se vogliamo dirlo in negativo
Perché come tutte le cose su un aspetto negativo l'aspetto positivo a mio avviso
Ciò che se vogliamo dirla in negativo devo dire entrando enorme disattendono sono ad esempio le mansioni per esempio un'altra una forte critica che io
A dispetto magari di altri comprendo bene una una forte critica arrivata danno anche cioè a dire che si è disatteso anche il disposto di legge sull'amministrazione di sull'amministrazione digitale B
La norma che è una norma volontaria e tecnica in questo perché non è andata a identificare aspetti
Peculiare di quello che sono competenze soprattutto perché la norma segue tutto un profilo normato da UNI su competenze conoscenze abilità per un semplice fatto che
La norma non certifica perché questa non è la missione di queste norme
Ma semplicemente è un un disposto che serve all'ente che certifica per una conformità delle grandi linee
A di
La norma deve intendere il
I il professionista anche se non è attivo
Quindi non può occuparsi della mansione stretta dell'ufficio o per esempio di un archivio pubblico oppure privato con le differenze che possono esserci in quanto ad amministrazione di dati
è e in questo è completamente avulsa per farla beve la norma deve poter deve poter descrivere anche
Un archivista in pensione un archivista disoccupato un archivista che non è attivo un archivista che ha preso soldi
Tanto il titolo che ha soltanto titoli scientifici
Che è soltanto ricercatore
E questo in qualche misura abbiamo come Commissione lo dico tagliato fuori ciò che invece di primaria importanza qui senza volere in ciò
Nemmeno pretendere che l'ha laddove la norma in bocca la la conservazione pervenire al punto più cogente
Bene Cuesta non è mai vista dal punto di vista ad esempio
Della pretesa della conservazione
Digitale informatica come appunto specializzazione anzi abbiamo aggiunto di
D'intesa in questo con uniti fuoco di cui siamo anche partner perché Uninform e nella nostra Commissione noi siamo in Uninform
Abbiamo proprio espressamente fatto riferimento alla norma undici mila cinquecentosei in materia di professioni informatiche proprio per distinguere il ruolo che l'archivista per esempio
Faccio un esempio di concepire imita dati concettuale ad esempio come si descrive una fattispecie documentaria
Concetto di eh di ente produttore conservatore o quant'altro da quello che invece è il lavoro
Dal nostro per me dal punto di vista mio personale anche della Commissione prettamente informatico
Prova ne è che
Dopo questa forte polemica ve lo dico forte che ci ha colpito anche e tre e che io non
Non penso che verrà disattesa minimamente propone che
Intesa anche con altri colleghi Andrea cacciare l'ingegner caccia che
Anima anche di appunto hanno orca si è pensato di costruire un altro strumento di normazione che il tecnica reports che è uno strumento anche ISO il rapporto tecnico per fare cosa
Per
Esemplificare e dare autonomia esemplificare ciò che proviene dal disposto della norma sul profilo dell'archivista per quanto concerne ad esempio le professioni sul digitale
Così come e in questo abbiamo già chiesto la collaborazione tra queste restano non so se c'è qualcuno qui in sala deve appunto amministrazione
Digitale ma abbiamo chiesto proprio qui che sono partner loro sono soci uniche nella nostra Commissione di essere presenti e di collaborare in questo e anche questo uno strumento perché certifica inoltre
Ci piacerebbe anche poter e questo è tutto
Per il futuro e guardo dall'altra parte del tavolo guardoni info potervi vedere proprio e di studiare assieme nell'ambito di quello che è il lavoro di cui io sono anche parte del gruppo
Di lavoro sul
Sulla sicurezza perché si occuperà probabilmente
Se possiamo dirlo proprio della conto della di quello che la figura del conservatore
Appunto digitale perché è presente anche la mia Commissione
Attraverso una rappresentanza test per il semplice fatto che sono due diciamo aspetti che devono rimanere autonomi
Perché nessuno archivista vorrà mai diventare informatico mai mi creda sguardo l'avvocatura divisi
Ma devono comunicare devono interagire anche perché
Ce lo dice proprio alla norma tecnica sull'amministrazione digitale stesso e concludo se ancora trenta secondi con un punto faccio due piccoli esempi
Governativi perché il concetto di appunto archivio io lo vedo come archivio gentilizie archivio medievale magari ma l'archivio e pervasivo come concetto stava in uno studio legale o in una pubblica amministrazione
Washington non vengo dalle riunito si parlava con gli accordi una irresponsabili dei nasce una carenza
Della conservazione dei due milioni di e-mail prodotte darla può dall'appunto attualmente da quello che è l'Amministrazione Obama se ne occupano gli archivisti
Perché devono preoccuparsi dai Bill of rights fino ai l'ultimo dei dati dei lidi questi due bidoni di mail ciò nonostante hanno problemi di conservazione per cui è l'archivista di informatico il curatore
Che vede gli aspetti tecnici
Ciampi La Neve una collezione Ciampi è l'archivista quando abbiamo anche diciamolo in amicizia anche abbastanza mitigato su queste cose
De che vanno dette B
Fondamentalmente perché sono due professioni due diciamo due armati di una stessa medaglia che si guardano Ciampi a una a una punto documentazione che tanto cartacea quanto Elettronica ma con ciò non è che possiamo
Far sì che l'archivista non descriva il comparto digitale né possiamo specializzare in una norma
Due trattamenti documentari saranno le tecniche che danno la descrizione specifica ma a livello di normato come profilo generale ciò non poteva entrare
Grazie e a questo punto chiederei a Roberto Scarpa o di
Fare una replica
Purtroppo contenendo le in tre minuti se possibile perché
Il tempo è tiranno e altrimenti togliamo lo spazio all'asilo
Oggi dove gli altri relatori fra l'altro ha già detto tutto quindi cioè c'è poco da aggiungere
C'è un problema che comunque è già uscito anche per altri casi ad esempio nella nell'ambito anche delle professioni web c'è una parte di norma che va tra virgolette palesemente in contrasto con quella del comunicatore se non hanno dei comunicatore che trae le sue declinazioni prevede il comunicatore digitale
Dove all'interno del blocca blogger che per definizione una persona che lavora nel web presi possono essere casi in cui nascono dei conflitti parziali o comunque della sovrapposizione di ruoli e competenze
Vi sarà proprio lavoro come come si diceva Prando che con caccia con Fabio con gli altri colleghi effettivamente da valutare se poi ci sono anche casi particolari in cui se esiste una norma specifica che definisce un ruolo particolare anche in amministrazione pubblica e via dicendo
Di creare eventualmente la specifica tecnica dedicata
Quindi eventualmente non solo per casi specifici sviluppare quel così specifico
E cercare ove possibile applicare la norma generale delegando poi le entità di certificazione definire schemi particolari Peroni particolari
Benissimo anche meno di tre minuti richiesti non so se il minuto in più se vuole prendere Andrea Lisi
Benissimo allora
Riguarda
Questione grazie innanzitutto dire
Il professor Pizzetti prima volevo ce lo dirà dopo che cosa fare che cosa penserà perché guardate mi è piaciuta molto l'impostazione la chiacchierata che io non voglio entrare sulla polemica tra nord che unirà leggere eterna e sono d'accordo con questo l'approccio l'approccio multidisciplinare quindi poi invece la la cosa su cui riflettere vorrei spingere i giuristi di amici giuriste rifletta se c'è qualcuno che lo pochi emesse ma continuando utilizzare la parola a norma per qualcosa che norma non è
E vorrei che su questo dovremmo riflettere molto soprattutto nei giuristi perché alle l'università nessuno ci ha mai insegnato né i giuristi e Marco anche a te lo dico e sono già menzionata riflettere su questa su questi Standard che vengono sviluppati
In seno a questi organismi di standardizzazione tra cui uno uniche poi
Parlano a livello internazionale europeo
E dove la infine norme perché faccio un caso specifico dove norme come lusinghe o per esempio che prevede di Standard sulla sull'impronta degli archivi poi vengono inseriti normative vere e proprie quelle che riconosciamo magari tecniche quindi PCM
Problema grosso che però poi quando questi DPCM richiamano queste norme
E le vogliono tradurre in qualche modo sono danni
E perché le traducono li traducono perché queste norme sono non a pagamento un giurista la British
A sentire una norma a pagamento e poi continua a pagarla assetata no a considerarla norma quando norma non è
Dall'altra parte effetti e che ci sono addirittura diritti d'autore delle licenze per poterlo utilizzare quindi la stessa agibile dolente in quel dovuto utilizzare o richiamare lo Standard uni sincrona dovuto tradurre cambiando i termini
Allora o i giuristi si svegliano su questa materia e incominciano a riflettere che c'è tutto un mondo quello non conoscono quello degli informatici coloro che si occupano di standardizzazione questi organismi UNI che regolamentano con regole diverse rispetto a quelli a quindi siamo abituati
E quindi riflettiamo in maniera forte diamo anche una strada bene le norme UNI se vogliamo inserire le norme un giurista dovrebbe dire bene che siano almeno gratuite
Cioè se invece sono a pagamento
Allora che norme sono perché continuate a mare le norme sono degli standards sviluppati in organismi importanti per carità autorevoli che però non possono essere almeno per quello che che tutto il bagaglio culturale che lo cartacei informatico che sia
E guardate in cui quei pochi giuristi che ci sono incominciamo a svegliare l'università oggi ci doveva essere purtroppo il professor Alpa non c'è non c'è tema Cebah io speravo che ci fosse per incominciare riflettano i giuristi su qualcosa che invece è delicatissimo
Ne stiamo parlando di norme che regolamentano le professioni norme che regolamentano cose cose strani se è quella che infine norme non sono per noi per me Marco quanto meno giovani
Cioè PG biga lusso non c'è magari qualche giurista c'è riflettiamo su queste cose perché se no stiamo costiamo completamente buttandola Auger stiamo valutando un asfalto una strada asfaltata che però non è asfaltata su quelle che sono
Noi i nostri diritti fondamentali o i diritti della delle cariche in qualche modo abbiamo studiato quell'ordinamento giuridico quindi siamo abituati ecco su questo riflettiamo secondo me perché se no il giurista che servono se non parliamo di bibliotecari archivisti parlo anche di giuristi che devono svegliarsi prego
Posso
Per
Redatte sviluppato un dibattito
Preso vita propria prego
Se
Sì grazie grazie Andrea visite che fa prendere vita propria un dibattito
No volevo sottolineare solo un aspetto ed è veramente sottolineare una contraddizione che è già venuto fuori ma la la già in qualche modo sottolineata
Noi stiamo ragionando in termini di innovazione ed è già venuto fuori il tema che noi innoviamo solamente perché ci sono norme ecco vorrei sottolineare che subito l'Innovation by loro è una cazzata
Cioè vorrei che non ci fossero che non ci fossero dubbi nocche correre dietro alle norme che innovano è un modo per dover continuare a correre per sempre
Quindi bisogna fare in modo smettere di fare DD consigliere norme quelle che non solo e stabilire un confine che permetta di dire che dove si parla di Nova se si parla di innovazione quando l'innovazione si è consolidata si può parlare di norme no
E comunque sia
Le varie categorie professionali professionisti decide devono cominciare a ragionare in termini autonomi rispetto alle norme cercando di anticipare il loro futuro
L'orizzonte temporale dei prossimi dieci anni non è degli scorsi dieci anni e chiudo quindi Innovation valido male non ebbe
Grazie se posso permettermi
Di di chiosare da giurista io concordo sulla
Su sul fatto che non esce un bello sia male
Ma è male e per come sono scritte le leggi adesso cioè la norma ha perso la sul suo connotato di essere generale ed astratta
è sempre più norma particolare che va a disciplinare il caso specifico e quando questo lo fai sull'innovazione sei superato il giorno dopo che il Parlamento ha approvato in via definitiva quella norma il problema è come si scrivono le leggi
E forse lì il problema non è tanto il fatto che la legislazione vada a regolamentare l'innovazione perché questo in qualche modo garantisce

C'è una replica su questo prego no solo cinque secondi per osservare come il legislatore comunitario secondo me ha preso coscienza di questo ha iniziato a normare la regolamentazione attraverso lo strumento del Regolamento unico che diventa immediatamente applicabile in tutte e due Stati membri nel momento in cui viene pubblicato
Dove negli nelle norme nella norma del Regolamento unico a iniziata inserire dei deve definizione Casson dei paletti ampi
Per lasciare spazzate cosa all'evoluzione tecnologica
E all'evoluzione magari anche normativa di norme collegate alla regolamentazione del regolamento unico
In modo tale che diventi immediatamente applicabile e utilizzato perché l'aspetto importante poiché far norme che vengono utilizzate sono torniamo al discorso della cessione delle quote S.r.l. per noi commercialisti
Che poteva benissimo non esserci perché non è cambiato praticamente nulla
E quindi proprio per questo legislatore va incontro a una regolamentazione lasciando uno spazio ampi o quindi e questo favorisce che cosa devoluzione tecnologica e quindi di immediata applicazione della norma stessa
Benissimo c'è anche Angelo Deiana e voleva aggiungere qualcosa su questo
Diciamolo per un'esperienza ventennale su questo tema visto che sono quello che è scritto quasi tutti i disegni di legge di riforma delle professioni intellettuali dal mille novecentonovantasette in poi compresa la legge quattro
Proviamo a riflettere sul fatto ve lo dico brutalmente ve lo dico con una struttura evidentemente l'assertività forte che mi fa letta concretamente e pragmaticamente le professioni non esistono più
Esistono attività professionali che si evolvono come ricordava Bellini alla luce di processi che spesso noi nemmeno controlliamo
Qualsiasi sistema di standardizzazione perché è utile sia quello normativo giuridico che quello normativo
Diciamo così tecnico
Per consentire
Agente
Che che non ha gli strumenti cognitivi vero per comprendere di effettuare una valutazione consapevole se no non ci sarebbe nessuna necessità di normare in niente
Ci sarebbe il mercato della domanda e dell'offerta io vado comprova comando comprato un polo barattoli pomodori pelati
Difficilmente vi fate tutte queste
Riflessioni su che cosa è invece è altrettanto compresso dentro tant'è che adesso ci sono i guai con
Con il quale si legge dentro dove sono prodotti che che materiali c'erano eccetera eccetera
E allora se mi permettete questa riflessione
Anche sulle norme tecniche Unione riflessione sicuramente importante in termini di chiarificazione dei processi nei confronti del
Peccato le norme tecniche un essendo norme internazionali consentono a professioni che hanno questo bisogno
Di internazionalizzarsi in termini di leggi leggibilità dei processi
Ma non facciamoci né un totem considerate che la legge quattro in realtà prevede un altro meccanismo
Se vi dovessi dire molto più concreto e pragmatico che è l'attestazione di qualificazione laddove
è il soggetto
Che sa fare quella professione che attesta le competenze capacità abilità di un altro soggetto che fa la stessa professione
Quindi da questo punto di vista non ne facciamo non facciamo della norma tecnica UNI
Una baluardo sul quale avventarsi e combattere a spada tratta anche perché come vi dicevo all'inizio le pressioni non esistono più
Pensate al fatto che noi prima avevamo alcune grandi professioni
Gli avvocati i manager vi dico emerge perché sono grandi professione come gli atti ma pensate agli stessi informatici lo ricordava scali
Ma
La pressione e l'informatico
è un magro aggregato che dentro a di tutto a dal comunicatore alla politologo ha una serie di cose che è difficilissimo andare a definire in termini classificatorio
Qual è la way out per uscire da questo vicolo che in realtà un vicolo cieco molto italiano e
Perché all'estero questo non succede
Proviamo a spostare in avanti e la la soglia come dice Bellini previa pensare un'ulteriore innovazione la realtà non ci dovremmo preoccupare della legge quattro ma ci dovremmo preoccupare di un'altra normativa d'uscita che è passato sotto silenzio che al decreto legislativo tredici due mila tredici
Che si intitola sistema nazionale di certificazione delle competenze e che se mi dai trenta secondi è fatto in questo modo con una piramide
Pensato capirà mezza un impatto grafico da una parte ci sono i percorsi cosiddetti formativi formali scuola università specializzazioni lì è facile perché tutto pre accreditato i soggetti sono pre-accreditati dal MIUR ed il titolo ha valore legale
Dall'altra parte ci sono tutti i percorsi di certificazione di parte terza considerate che
Tre anni fa in ogni non esisteva una Commissione che applicava le diciassette zero ventiquattro quindi non è una cosa che sapete viene da lontano
Quella parte lì la certificazione di parte terza persone processi prodotti e quello che
In mezzo c'è il vero business di tutti noi
Che sono le così i cosiddetti percorsi non formali e informali non formali sono quelli
Fatti da soggetti non accreditati MIUR quindi tutto il resto io ho fatto un master Colombia che riversi Columbia grazie non è che gli Agnol quella un percorso non formale
L'altri gli altri percorsi formali sono quello presi on the job dove comparata parla in pubblico fatto un corso IPAB XP in percorso non formale no
Ho appreso nel gioco non formali lì sono quattro livelli ho finito
Apprendistato tirocinio esperienza professionalizzante esperienza professionale
Quello è un il vero Uri Zonta e di tutti quanti ordini associazioni
Operai
Perché
In base al tredici due mila tredici tutte queste cose andranno a finire
La punta della piramide ve la sto semplificando in un po'più complessa ma non ho tempo in una cosa e si chiama libretto formativo del cittadino dove c'era scritto che Angelo Deiana è laureato in giurisprudenza
Ha fatto il master dove l'ha fatto affatto tutta questa esperienza professionale a questa queste certificazioni è scritto a questo albo
Lo sapete perché è importante un libretto formativo del cittadino perché tutte le certificazioni che vi sono contenute quindi tutti i singoli frammenti hanno valori di atto pubblico
E quindi sono opponibile a terzi e nei confronti delle delle del tribunali e soprattutto circolano in Europa per cui quando devo andare a Parigi sono attestato e certificato
Intesa nell'esatta era come se come se lavorasse a Roma quindi significa soprattutto in Italia ma in tutto io in tutto il sistema comunitario e questo spazzerà via tutte le le certificazioni sottostanti questo è l'unica strada
Che va perseguita dove tutti i singoli pezzi vanno sicuramente tratta dell'Italia di come si deve
Ma in realtà con l'obiettivo d'orizzonte che è quello di arrivare lì e di chiedersi che cosa dobbiamo fare per arrivare lì senza cercare di di fare guerre di confine
Che
Mi permetterà il collega del dei commercialisti in questo momento per fortuna lasciamo agli ordini professionali grazie
Grazie e Angelo cioè
Lì a dire che a abbiamo al massimo altri sei minuti sforando e recuperando e siamo il nostro essere partiti un po'in ritardo sul discorso che non esiste nonché le professioni a questo punto vorrei avere una brevissima opinione nel giro di uno due minuti massimo e Francesca Gallo cioè se l'Istat in effetti si dice queste professioni
Non esistono più quaranta ancora ci sono
In realtà penso che il discorso della diventata Deiana fosse che non esistano le professioni in quanto
Nomi forse normati
Mai visto né come invece infatti Germania intervento i prima era il campo da osservazione dovrebbe essere spostato verso le competenze verso le conoscenze verso le attività lavorative concretamente svolte
Allora lasciatemi dire visto che o due minuti di aveva lasciati in sostanza esso se i risultati è vista dell'Istat insomma questo dovrebbe dare
Insomma le occasioni questa tavola rotonda è stata per me e importante per provare a mettere insieme i risultati di queste due indagini che ha citato
Quella che ci permette appunto di andare a quantificare le competenze dei lavori e quella invece che ci consente di
Quantificare poi ci sono gli occupati in Italia allora utilizzando i dati dell'indagine delle professioni ho provato proprio a classificare i mestieri
In base alle competenze informatiche richieste quindi diciamo che in quattro blocchi quelle che sono le professioni che potremmo dire
Ad elevato contenuto informatico perché hanno una frequenza ad uso e un livello di competenza molto elevata
E invece gli altri tre blocchi che hanno diciamo combinazioni inferiori allora giusto per darvi alcune informazioni così molto spot
Questo gruppo selezionato di professioni altamente che richiedono appunto dei dei requisiti informatici molto elevati
Sono della molto ridotti in Italia in termini di occupazione ammontano a due virgola sei per cento della dell'occupazione totale quindi un dato abbastanza
Misero se vogliamo individuare in questo in questa informazione una proxy del portato in termini di innovazione al sistema Almec Cato del lavoro un altro diciamo dato non poco proprio incoraggiante che queste professioni sono tipicamente maschili l'ottantasei per cento
Siamo svolto da da uomini il dato invece incoraggiante che più del sessanta per cento è nella fascia di età giovane quindi insomma professioni che preludono autunnale diciamo un approccio dinamico al alla lavoro
Altro dato importante con questo chiudo che in un periodo di crisi in cui l'occupazione andata assottigliano lo si quindi dal ma ad esempio due mila dodici al due mila tredici l'occupazione si è ridotta del due virgola uno per cento
Le professioni invece ad elevato contenuto tecnologico sono aumentate del quattro per cento quindi questo un debole segnale positivo con cui volevo chiudere grazie program
Negli ultimi quattro minuti che ci rimangono quattro minuti lì nei due minuti e creare un minuto a testa a Robert Braga e a Claudio Rorato per affrontare un tema e apriamo sfiorato cioè quello della formazione
Professionale del modo in cui la formazione può servire professionisti non soltanto per approcciare digitale ma per essere poi loro stessi veicolo innovazione presso i propri clienti i fornitori quindi un minuto a testa per la vostra opinione su questo tema cioè
Quanto è importante la formazione professionale nei confronti del singolo professionista non soltanto per arricchire il suo bagaglio di conoscenze ma anche per essere assolta veicolo di innovazione
Questa volta cercherò di essere telegrafico la la la la formazione indispensabile indispensabile perché tramite la formazione si coprono quei gap conoscitivi che consentono di valutare
La capacità delle tecnologie a generare valore se io non sono in grado di riconoscere questa cosa ovviamente non riesco restituire
Alla tecnologia il valore che questa genera sicuramente è una una situazione sistemica che deve essere messa in campo gli ordini
E Camere di commercio il mondo associativo il vendor che non dobbiamo dimenticare una delle cause che i professionisti lamentavano relativamente al loro ritardo nell'utilizzo delle tecnologie
Era legato proprio anche all'incapacità
Di capire quanto sia l'impatto di una tecnologia in termini benefici sui processi lavorativi quindi il sistema tutti quanti probabilmente debbono dare un pezzettino per poter consentire una o un'alfabetizzazione digitale o in generale
Di carattere informatico ai siti di per quanto riguarda le professioni non dimentichiamo che il nostro sistema Paese aderito ovviamente ad Agenda digitale europea ed è uno dei pilastri dei Pillar fondamentali per quanto riguarda Agenda digitale grazie
Grazie a te
Quindi e quindi serviva
Se la formazione indispensabile ma cercare di fare in modo che
Vada impattare in maniera molto lieve diventano degli studi è vero che la fretta lascerà conservato attuazione toni che quindi a giorni ma di fatto io cerca di convincere
La cosiddetta sciura Maria che di fatto siccome ISPA vice pubblicata dalla dalla
Dalla scrivania in qualche maniera devo cercare diventare replica l'esperienza più analogica in un mondo digitale allora ben venga la tecnologia che ci aiuta con questi scarni anche piatti anziché uno schermo solo due velivoli tutto diottrie chiuso le sessioni
Metto un comunica computer un un figlio di fianco che entro visualizzare la solita fatture sul documento che vado visualizzare il PD è quello che diceva il sito sul computer di fianco sul video di fianco in modo che d'altra parte non ho questo fastidio questo disturbo
Alla alla al innovazione continuo lavora come prima non tocco più la carta ma è comunque vero anche se non la toccò questo polo culturale nostro di passaggio
Non certo dei nostri figli di quanto sarà non avranno questo problema un problema nostro
Di oggi concludo solo con una con battuta finale abbiamo assistito oggi in tutta in tutti questi eventi di un cambiamento epocale che inarrestabile stanno e decidere se subirlo di essere protagoniste del cambiamento grazie
Una battuta finale
Con Fabio guascone i sicuramente lo scandalo più grande degli ultimi due-tre anni e anni è stato quello della
Dell'N sei e del fatto che abbiamo scoperto anche se molti lo sospettavano che la maggior parte delle nostre conversazioni
Sia telematiche che non sono oggetto di attenzione da parte del Governo americano quindi il tema della sicurezza delle informazioni oggi sicuramente uno dei temi centrali anche le professioni
E quindi
Mi chiedevo quali erano i profili in corso di definizione per quanto riguarda proprio la sicurezza e le informazioni cosa ci aspetta nell'immediato futuro
Tutto questo ovviamente in un minuto e mezzo e so che sei bravissime riuscire a farlo
Esatto le messe a migliori archivisti questa realtà
Ma grazie alla domanda intanto il bon Edwards moderna è un esempio di un profilo professionale molto interessante che l'amministratore di sistema
Che non so quanto sia regolamentato negli Stati Uniti d'America ma sicuramente in termini pratici e non interno intanto normativi adesso verrà sta venendo molto più Scurti è entrato una in particolare non ci occupiamo di quel tipo di a di profilo professionale perché non è relativo alla sicurezza Mario articola esiti
Naturalmente dovrebbe avere anche tutta una parte di di sicurezza mai quello a cui puntano sono indizi crediti meno allora nelle loro varie declinazioni piuttosto che gli specialisti gli auditor tutta una serie di professioni non regolamentate che
Nel piccolo mondo di nicchia della Security
Diciamo fondamentale e necessario anche per evitare che succedano queste cosa e che molto spesso nell'ambito nelle aziende italiane
Rappresentano quando ci sono l'uno per cento lordo o una frazione dell'uno per cento della popolazione
O ancora peggio dello staff IT
Quindi anche il definire dei profili professionali anche dare una una stessa interpretazione di quali queste figure devono essere e di perché devono esserci con determinate competenze
Diventa molto importante e come norma tecnica che è diverso da una norma di legge
Poi molto bene quando le norme di legge appunto vanno anche a indicare ed riescono a intersecarsi positivamente con le norme tecniche e questo è quello che ci auspichiamo sempre proprio lavorando sull'istanza
Benissimo di ringraziamento per essere stato particolarmente conciso noi abbiamo concluso questa tavola rotonda io ringrazio
Tutti i relatori che sono intervenuti ringrazio e faccio il mio personale applauso a voi dati preziosi ascoltatori della nostra conversazione all'invito a rimanere seduti perché a brevissimo c'è una meravigliosa tavola rotonda condotta dalla mia amica
Federica meta periferie delle comunicazioni grazie
Erano
Siamo stati lasciati
Intanto grazie per non essere rientrata
Disposizioni
Sì grazie
Sicuramente
Il successivo punto all'ordine di cinque grazie
Intervento
E la
A Paola Mannoni
La parola a Roberto
Il venticinque minuti
Brevemente Roberto ska
Tempo è tiranno e altrimenti
Grazie ma riguardano
Sì che che fa prendere vita propria un dettaglio sì grazie grazie realista
Su sul fatto che nove c'è un bello si apre da giurista io concordo sulla
Qualcosa dunque
In ritardo
Nei due minuti e dare un mutante
Con i nostri figli di quanto sarà non avranno questo problema sui pass più locale la al
In modo ripidi eh Ilio di FIAT
Perciò ha conservato i per quanto riguarda le professioni non dimentichiamo che il nostro sistema ora il SIT azione di probabilmente debole
Sistemica e per poter con modo che
E quindi e qui