09AGO2014
intervista

Intervista a Filomena Gallo sulla legge sulla Fecondazione Assistita di tipo eterologo

INTERVISTA | di Michele Lembo RADIO - 12:45. Durata: 3 min 53 sec

Player
Il Consiglio dei Ministri ha chiesto al Parlamento di varare una legge per regolamentare la Fecondazione Assistita di tipo eterologo, dopo la sentenza della Corte Costituzionale che ha reso lecita la pratica.

"Intervista a Filomena Gallo sulla legge sulla Fecondazione Assistita di tipo eterologo" realizzata da Michele Lembo con Filomena Gallo (segretario dell'Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, Radicali Italiani).

L'intervista è stata registrata sabato 9 agosto 2014 alle 12:45.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Associazioni, Corte
Costituzionale, Coscioni, Donazione, Donna, Embrione, Fecondazione Assistita, Francia, Governo, Gran Bretagna, Informazione, Italia, Legge, Lorenzin, Medicina, Ministeri, Parlamento, Regioni, Renzi, Ricerca, Salute, Sterilita', Toscana.

La registrazione audio ha una durata di 3 minuti.

leggi tutto

riduci

12:45

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio radicale e parliamo di fecondazione eterologa e lo facciamo con Filomena Gallo Segretario Associazione Luca Coscioni buongiorno Filomena
Poi
Allora il Consiglio dei ministri di ieri all'unanimità ha chiesto al Parlamento di varare una legge per regolamentare questa materia e questo avviene
Dopo la sentenza della Corte Costituzionale che ha cancellato il divieto della fecondazione eterologa previsto dalla legge quaranta si attendeva un decreto che era stato a che annunciata dal ministro Lorenzina ma questo decreto punto non c'è stato il Consiglio dei Ministri si è così pronuncia adesso qual è la situazione qual è la tua opinione su questa situazione Filomena
Ma sicuramente che grazie alla Corte Costituzionale grazie alle nostre battaglie oggi l'estero locale e applicabile in Italia non è è vietata i centri di fecondazione assistita possono già applicare la tecnica
I giudici della Corte costituzionale hanno ribadito in ogni passaggio delle motivazioni della sentenza che non c'è un vuoto normativo l'unico invito che è stato fatto il Ministro della salute
E di tener conto nell'aggiornamento delle linee guida di quelle che sono le indicazioni
Per la donazione dei gameti il numero di donazioni di gameti di tener conto delle indicazioni previste dalle normative francesi ed inglesi quindi stabilire un numero massimo di donazione di gameti per ogni donatore
Per il resto all'amministratore fino ai chiediamo che inversa
Di inviare lettere di invito dopo quello che è accaduto ieri al Governo a tutti i capigruppo
Siti in cui
Chiede di emanate una nuova legge sull'eterologa
Invece di fare questo lavoro le chiediamo di lavorare invece con i pazienti
Affinché vengano fatte campagne di informazione corretta sulla donazione
Di lavorare insieme al Governo al Parlamento per rimuovere per rimuovere gli ultimi divieti della legge quaranta e consentire a tutte le coppie
Che hanno bisogno della fecondazione assistita di poter accedere a queste tecniche di consentire ai laboratori di ricerca italiani riutilizzare quegli embrioni che non sono idonee per una gravidanza
Il fare tutto ciò prima che intervenga nuovamente la Corte costituzionale in questo modo farebbe un grande dono agli italiani
Ma farebbe anche qualcosa di
Più attinente al al suo mandato in cava mandato che a questo Parlamento rispettare i diritti dei cittadini italiani
Quello che è avvenuto ieri esso ha tanto di un tentativo di voler reintrodurre vecchi divieti però è bene ricordare che le decisioni della Corte costituzionale i
Sono delle missioni supreme hanno dichiarato incostituzionale una parte della legge non possiamo
Non può il Parlamento introdurre nuovi divieti e gli italiani non possono
Rendere i tempi di un Parlamento nel legiferare su qualcosa che non è richiesto dalla Corte costituzionale quindi per il momento abbiamo portato a casa delle vittorie
I centri italiani devono solo per ripartire
Purtroppo ci sarà un ulteriore discrimine dovuto alla mancanza dei fondi pubblico che però dovrà applicare detta Rollo che in Regione Toscana me maratona ottima desidera
Forse sarebbe il momento che anche le altre Regioni seguissero l'esempio della Toscana per editare disuguaglianze e di accesso alle cure
D'accordo allora ringraziamo molto finora e Magalotti che tale associazione Coscioni seguiremo anche insieme a lei lo sviluppo di questa vicenda grazie grazie grazie
Grazie