16 MAR 2005

CSM - Plenum del 16 marzo 2005, seduta antimeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 3 ore 4 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Il CSM nelle agenzie di stampa CSM: COLOMBO E DAVIGO IN CASSAZIONE, DOMANI VOTO PLENUM ASSEMBLEA NOMINERA' 22 NUOVI CONSIGLIERI SUPREMA CORTE (ANSA) - ROMA, 15 MAR - Sono stati entrambi componenti di spicco del pool Mani Pulite; cinque anni fa le loro strade si sono divise, ma ora per Gherardo Colombo, sostituto procuratore a Milano e pm dei processi Sme e Imi-Sir/Lodo, e per Piercamillo Davigo, consigliere alla Corte d'appello della stessa citta', si prospetta un approdo comune alla Corte di Cassazione, e con le stesse funzioni di consigliere.

Domani sulla loro nomina, (di fatto una
''promozione''), proposta dalla Terza Commissione del Csm, si esprimera' il plenum di Palazzo dei Marescialli chiamato a coprire complessivamente 22 posti di consigliere in Cassazione.

Su Colombo, come pure su quasi tutti i magistrati proposti (tra gli altri c'e' Giuliano Turone, oggi procuratore aggiunto a Milano e in passato giudice istruttore milanese del crack Sindona e del delitto Ambrosoli) in Commissione si e' registrata l' unanimita' e dunque la strada e' praticamente in discesa.

Davigo ha, invece, ottenuto la maggioranza, ma anche per lui non dovrebbero essere sorprese domani.

In magistratura dal 1974, Colombo e' stato giudice a Milano e poi dal 1989 sostituto procuratore.

Ha fatto parte di sei Commissioni parlamentari, ministeriali e sotto egida Onu in materia di terrorismo, mafia e corruzione.

E sara' l'ultimo di quei componenti del pool Mani Pulite a lasciare la procura di Milano.

Davigo - che e' entrato nell'ordine giudiziario nel 1978- lo aveva fatto gia' cinque anni fa, quando venne nominato consigliere alla Corte d'appello di Milano.

CSM: NO A PROGETTO PRO-DONNE, ROGNONI VOTA CON MINORANZA MAGGIORANZA, RISCHIO INGORGO LAVORI; MD, PERSI FONDI UE (ANSA) - ROMA, 16 MAR - Il Csm ha gia' un carico eccessivo di lavoro.

Non e' possibile aggravarlo con nuove iniziative, anche tenuto conto del recentissimo richiamo del capo dello Stato a procedere piu' speditamente nelle nomine dei dirigenti degli uffici giudiziari.

Con questa motivazione il plenum di Palazzo dei marescialli ha bocciato un progetto per le pari opportunita' in magistratura messo a punto a maggioranza dalla Sesta Commissione e che sarebbe stato finanziato in larga parte con fondi comunitari.

L'iniziativa e' affondata per due voti di scarto: 11 i favorevoli, tra cui il vice presidente Virginio Rognoni, 13 i contrari.

A votare no sono stati compatti i laici della Cdl, i togati di Unicost e i consiglieri Francesco Lo Voi (Magistratura Indipendente) e Giuseppe Fici (Movimento per la Giustizia); favorevoli invece, oltre a Rognoni,il primo presidente Nicola Marvulli e il pg della Cassazione Francesco Favara, i laici del centro-sinistra e i togati di Magistratura democratica, i consiglieri Ernesto Aghina (Movimento per la Giustizia) e Giuseppe Mammone (Magistratura Indipendente).

Obiettivo del progetto era quello di individuare, attraverso una ricerca e piu' seminari, azioni positive per favorire l'uguaglianza tra uomo e donna.

E si prevedeva a questi scopi la costituzione di un gruppo di lavoro composto da magistrati ed esperti.

''L'iniziativa era importante - riconosce il laico dell'Udc Nino Marotta- ma in questo momento di ingorgo dei lavori del Consiglio ci sono priorita' diverse.

Il Csm e' in una situazione di sofferenza e noi non abbiamo fatto altro che adeguarci all'ultimo meditato intervento del capo dello Stato: dobbiamo lavorare privilegiando la nostra attivita' istituzionale''.

Opposta la valutazione della vicenda che fa il gruppo di Magistratura democratica: ''il CSM ha deciso che i problemi dell'uguaglianza tra donne e uomini in magistratura, della conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare, della ricerca di moduli lavorativi che consentano a uomini e donne di svolgere i compiti di cura senza perdere professionalit… e possibilit… di carriera, non sono importanti.

Abbiamo perso la possibilit… di un finanziamento di 210.000 euro e di studiare seriamente, con un respiro sovranazionale e con l'apporto di cultura e approcci diversificati, questioni cruciali per il futuro della magistratura.

E questo proprio in coincidenza con la ricorrenza dei 40 anni dell'accesso delle donne in magistratura''.

Le due esigenze che si sono scontrate in plenum erano ''compatibili'', secondo il laico dei Ds Luigi Berlinguer, convinto assertore della bonta' dell'iniziativa bocciata: ''era giusto che il progetto si facesse - dice- L'Italia ha un ruolo di punta in questo settore, a cui tanti Paesi, a cominciare da Francia, Spagna, Polonia e Turchia, guardano con interesse; e al di la' di quello che e' accaduto oggi ritengo che il problema della conciliazione per la donna magistrato tra gli impegni di lavoro e la vita familiare debba essere comunque affrontato dal Consiglio''.

(AGI) - Roma, 16 mar.

- Il CSM ha deciso che i problemi dell'uguaglianza tra donne e uomini in magistratura, della conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare, della ricerca di moduli lavorativi che consentano a uomini e donne di svolgere i compiti di cura senza perdere professionalita' e possibilita' di carriera, non sono importanti".

E' quanto sostengono in una nota i componenti di Magistratura democratica che siedono a Palazzo dei Marescialli, Giuliana Civinini, Luigi Marini, Giuseppe Salme', Giovanni Salvi e Francesco Menditto.

Aggiungono gli esponenti di MD: tutto questo "e' accaduto al Plenum di oggi dove, grazie al voto contrario di Buccico, De Nunzio, Di Federico, Fici, Lo Voi, Marotta, Meliado', Primicerio, Riello, Spangher, Stabile, Tenaglia e Ventura Sarno, e' stato bocciato il programma comunitario sull'uguaglianza in magistratura.

Abbiamo perso la possibilita' di un finanziamento di 210.000 euro e di studiare seriamente, con un respiro sovranazionale e con l'apporto di cultura e approcci diversificati, questioni cruciali per il futuro della magistratura.

E questo proprio in coincidenza con la ricorrenza dei 40 anni dell'accesso delle donne in magistratura".

leggi tutto

riduci

  • Presidente sui 45 presentati, poi Di Federico sull'A

    <em>Approvati</em> <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 9.57</strong><br>Presidenza del vicepresidente <strong>Virginio Rognoni</strong> <strong>Ordine del giorno Speciale, sezioni A e B</strong>
    0:00 Durata: 3 min 7 sec
  • Presidente e poi Stabile, relatore, quindi Lo Voi pone delle domande

    <em>Accantonata</em> Ordine del giorno ordinario Pratiche di Nona Commissione <strong>Incontro di studio: attuazione del mandato di arresto europeo</strong>
    0:03 Durata: 3 min 28 sec
  • Buccico, relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Corso di latino</strong>
    0:06 Durata: 29 sec
  • Civinini, Aghina, Meliadò, Buccico, Aghina, relatori

    <em>Approvate tutte</em> meno quella richiamata che <em>torna in Commissione</em> <strong>Altri incontri di studio</strong> <strong>Ricorsi</strong> <strong>Pratica rinviata poco prima</strong> <strong>Altri ricorsi</strong> <strong>Trasferimenti</strong>
    0:07 Durata: 4 min 47 sec
  • Presidente e poi Arbasino, relatore

    <br>Pratiche di Settima Commissione <strong>Parere del CSM sulla proposta di decreto del Ministro della Giustizia di parziale ripartizione dei posti in aumento in attuazione dell'art. 1 comma III della Legge 48/2001</strong> Relazione
    0:11 Durata: 13 min 50 sec
  • Tenaglia, secondo relatore

    0:25 Durata: 19 min 14 sec
  • Arbasino, relatore per l'ultima parte della pratica

    0:44 Durata: 4 min 34 sec
  • Buccico e Marini sull'ordine dei lavori, poi Arbasino, Spangher

    Si rinvia e si passa alla pratica urgente connessa di Sesta Commissione Discussione
    0:49 Durata: 3 min 16 sec
  • Mammone, relatore, poi Salvi, De Nunzio, Berlinguer, Civinini

    Relazione e discussione
    0:52 Durata: 48 min 7 sec
  • Presidente legge la lettera del Ministro per le pari opportunità

    1:40 Durata: 1 min 17 sec
  • Fici, Marini, Aghina, Buccico, Salvi, Menditto, Spangher, Di Federico e Ventura Sarno

    Seguito della discussione
    1:42 Durata: 53 min 1 sec
  • Civinini, De Nunzio, Marini, Berlinguer, Di Federico, Meliadò, Mammone

    Repliche
    2:35 Durata: 22 min 17 sec
  • Virginio Rognoni, vicepresidente CSM

    <em>Proposta respinta</em> Procedura di voto
    2:57 Durata: 6 min 23 sec
  • Presidente e poi Salvi

    La seduta termina <strong>alle 13.05</strong>
    3:03 Durata: 1 min 2 sec