03APR2014
rubriche

Overshoot - Il quinto rapporto sul clima del Comitato Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC)

RUBRICA | di Enrico Salvatori RADIO - 23:30. Durata: 31 min 19 sec

Player
A cura di Enrico Salvatori.

In collegamento telefonico il professor Riccardo Valentini e con Monica Frassoni.

Puntata di "Overshoot - Il quinto rapporto sul clima del Comitato Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC)" di giovedì 3 aprile 2014 , condotta da Enrico Salvatori che in questa puntata ha ospitato Riccardo Valentini (consigliere della Regione Lazio, Lista Per il Lazio), Monica Frassoni (copresidente dei Verdi al Parlamento europeo, Verdi - Alleanza Libera Europea).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Acqua, Africa, Agricoltura, Ambiente, Aria, Asia, Australia, Brasile,
Carbone, Cina, Clima, Commissione Ue, Demografia, Disastri, Ecologia, Economia, Effetto Serra, Energia, Europa, Europee 2014, Fonti Rinnovabili, Gas, Geologia, Germania, Globalizzazione, Groenlandia, Incendi, India, Industria, Informazione, Infrastrutture, Inquinamento, Investimenti, Lavoro, Mare, Mediterraneo, Nucleare, Parlamento Europeo, Pesca, Petrolio, Politica, Prezzi, Produzione, Salute, Sanita', Siccita', Stato, Sviluppo, Tecnologia, Territorio, Usa.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 31 minuti.

leggi tutto

riduci

23:30

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale Enrico Salvatore in studio per questo nuovo appuntamento conosciuto l'ambiente il territorio i limiti dello sviluppo lo scorso lunedì trentuno marzo l'IPCC e all'organizzazione che si occupa dello studio del cambiamento climatico per conto
Le Nazioni Unite ha pubblicato la seconda parte del suo rapporto sul clima nel quale si dice che probabilmente il riscaldamento globale avrà un impatto duro diffuso e irreversibile sul nostro pianeta riportando la citazione testuale questa seconda parte del rapporto dell'IPCC era molto attesa perché proprio da queste conclusioni deriveranno almeno si spera deriveranno le scelte politiche dei prossimi anni per contrastare
Il riscaldamento globale noi ringraziamo per averci raggiunto in in collegamento telefonico Riccardo Valentini ben trovato poi però
E il professore buona sera lei professor Riccardo Valentini che per la IPI sì sì appunto è stato il coordinatore del capitolo sull'Europa ovvero i rischi le vulnerabilità dell'Europa i cambiamenti climatici comunque già in corso professori intanto all'in Bello globale abbiamo praticamente ora delle evidenze scientifiche no che ci avvertono che il rapporto diciamo così tra una crescita del grafica incontrollata e una crescita economica basata sullo sfruttamento delle risorse non rinnovabili è in qualche modo giunta al capolinea o no
Un rapporto effettivamente
E ripeto appieno avviene dopo cinque anni del un dell'altro
Ha raccolto una notevole mole di informazioni di dati scientifici quindi abbiamo accresciuto anche la nostra certezza
E evitato il messaggio forse più significativo perché siamo già nell'era del clan accenti del Caravetta climatico non dimentichiamo che siamo già
A zero virgola sei gradi di riscaldamento globale rispetto alla realtà industriali quindi siamo già dentro
Questo riscaldamento climatico e alcuni difetti sono evidenti
Per esempio il rapporto citava alcuni esempi come la distruzione la barriera corallina che attribuibile oggi
In larga misura alle variazioni climatiche l'altra
Tra l'altro dato che emerge per esempio la spostamento di specie terrestri e marine
In seguito Kiki magici e che pure è un dato molto significativo che ha attribuito ma questo primo diciamo offerta riscaldamento
Perché lei incinta e chi è un po'come essere diciamo noi gli orsi polari questa volta
Siamo noi
Secolari
E che sono
Quindi come vedete è un dato che non è ammessa e si è un dato eloquente quindi
Questo il primo dato poi un il rapporto pone l'accento sui rischi futuri molti di questi rischi
Sono abbastanza preoccupanti chiaro tutto dipenderà da da il livello del riscaldamento diciamo che
Forte un dato
Molto significativo è che in un arco di riscaldamento tra uno e due gradi centigradi
Addizionale al presente è possibile per esempio lo scioglimento dei ghiacciai che la Groenlandia questo fenomeno sicuramente irreversibile
E catastrofico per il pianeta perché corrisponde poi un arretramento del livello dei mari dell'ordine di metri diciamo quindi
Tutte quelle popolazioni infrastrutture per esempio e le piccole isole insomma che vivono
A livello del mare verrebbero diciamo ritrattare notevolmente questo sogno chiamo quindi con un riscaldamento che anch'
Diciamo politica ma moderato dico circa due gradi centigradi futuro senza ma questo gravi conseguenze per gli ecosistemi in pratica
Che significa ci sesto capoverso ascoltato lei ha detto noi adesso siamo
Gli orsi polari dobbiamo immaginare una tempesta perfetta fatta di cibo Energia di acque a insufficiente
Noi tutta allora questi fenomeni avvengono diciamo in un arco di tempo fossero però sembra diciamo un tempo molto lungo ma in realtà
Se rispetto all'evoluzione diciamo della vita biologica del nostro pianeta un tempo brevissimo e stiamo parlando di scenari
Che arrivano fino a fine Nicolò e e alcuni di questi impatti arriveranno entro il due mila e trentadue mille quaranta quelli diciamo ancora nell'arco
Ipotetico reiterano sonorità diciamo che sono i tempi brevissimi cioè l'accelerazione quindi molto molto elevate dei cambiamenti
Il pianeta non ha mai vissuto in questa forma articolo tali cambiamenti anche
Anche
Molto molto serrato storie nel pianeta cioè l'osso veneta e pensiamo alle Perilli frazione pericoli glaciali
Anche un'estinzione di specie in parole avvenuti nell'arco
Di bisogni degli anni e non certamente io così
E che io do di tempo sì senza
Sì quindi la volevo dire anche rispondesse anche la sua domanda noi ci aspettiamo ci aspettiamo dei cambiamenti quindi
Da una parte nell'arco di questo atto temporale diciamo graduali che vogliamo ma nello stesso tempo anche dei fenomeni estremi in uno dei fatti elementi che che questo rapporto riprende
La diciamo l'aumento degli estremi quindi ondate di calore e ondate di precisazioni estreme come appunto
Rischio di creare dotazioni
Questi due fenomeni di intensificazione la variabilità climatica sono documentati e aumenteranno
Però appunto il loro frequenza e intensità nei prossimi decenni decenti ecco e poi a rischio estinzione o collasso comunque provocata da una delle specie umana animali diciamo prevalenti di
Di
C'è una sorta di di di di di suicidio di di questa
Di questa specie questo perché abbiamo no già sparato nel cielo una quantità enorme di carbonio quindi senza un robusto taglio delle emissioni di anidride carbonica tradurla proprio in termini politici pratici l'adattamento come riporta effettivamente come rapporto sarà impossibile non opera con i sistemi e il numero di affamati io leggo crescerà di almeno venticinque milioni in più di bambini sotto i cinque anni ma nutritivo così
Finché siluri effettivamente una cosa che dice il rapporto è che c'è un limite all'adattamento cioè un po'possiamo cercare di resistere dimettere
Diciamo anche in sicurezza le nostre infrastrutture diciamo i sistemi produttivi le tecnologie che ci possono anche aiutare a
Così a
Ad attutire diciamo il cambiamento climatico però c'è un limite che non possiamo quindi a riportarlo a zero quindi c'è un
Cave primario comunque irreversibile una parte di questo
E è l'unico modo per poter veramente diciamo ridurre il rischio di cambiamenti catastrofiche quello di ridurre l'emissione di cassare questo dice molto chiaramente ipso rapporto
Diciamo che esistono due
Coincidenza temporale cioè tra qui e il due mila e trenta
E gli scenari climatico molto simili scia quelli che ci portano
Cavaceppi seguiti con attenzioni che quelle Commissioni poderale veri in questo periodo è il tempo dell'adattamento possiamo solo adattarci a poter fare molto pari nello stesso tempo per evitare che al due mila e trenta
E lì si biforca non gli scenari aria apro proprio potremmo arrivare anche a superare i quattro degli scempi e tocchiamo oggi ridurre le emissioni
Perché da chi mi arriva un'inerzia si noi ci portiamo dietro io stetti diciamo di politica abbiamo o ATO
Tanti anni fa quindi dobbiamo oggi ridurre le emissioni perché nel due mila Trento nelle quaranta
Non stiamo sullo scenario altre chiedeva
Cioè se è chiarissimo purtroppo in Australia ho letto che la siccità prolungare sempre per rimanere diciamo con uno sguardo la situazione globale hanno messo fine difficoltà alcune specie animali proprie se non in Africa il crollo della pesca arriverà addirittura in alcune aree al ventuno per cento dinanzi alle città costiere saranno a rischio inondazione che la pressione dei deserti interni crescerà
Eppure
Sì professore c'è chi continua a sostenere che nella storia dell'umanità poi l'uomo sia in qualche modo riuscivo a trovare nuovi il modo
Nuove forme di adescamento ma non è così no guardi non può essere così perverso lo possiamo dire con certezza reti come ripeto le abbiamo avute
Dica di cambiamenti diciamo nella storia anche proprio del pianeta genere umano è da poco tempo diciamo che sono sulla terra
Ma non abbiamo mai avuto queste velocità presso il punto fondamentale cioè il cambiamento avviene a velocità che è molto superiore a quella
I sistemi e naturali e biologici complessi l'uomo per adattarsi e faccio un esempio uno dei punti critici eletti delle specie
Perché non riesco a spostarsi e cioè che è uno dei punti fondamentale per esempio che molte specie arboree sono quelle più l'ente a muoversi settori c'è mutamento climatico potrebbero quindi
Raggiunge un habitat favorevole in ordine a scuola Favretto mentre chi emette limitate
Nella velocità di spostamento perché gli animali alcune immagini forse dolcemente quindi si sposteranno
Da un habitat all'altro far cambiare del clima per esempio molte specie arboree non riusciranno a fare quella persona molto violente che lì c'è proprio un problema i tempi tempi troppo veloci perché tema naturale possa adattarsi
Setta prima dicevamo che lei appunto curato ricordavamo onda Carlyle Pisis il capitolo sull'Europa non rischi e vulnerabilità in Europa gli impatti sono diversi immagino a seconda delle zone vogliamo può parlare
E i quadri questo infatti è uno dei punti del del del nostro lavoro abbia paralizzato otto
Migliaia di sei mesi i lavori scientifici proprio consolidato quello che brutto era la conoscenza sui in Europa e quello che ne emerge da un quadro sprechi diversificato
Intanto abbiamo un'Europa del nord diciamo che potrà anche avere delle opportunità da scaletta attivati questo fatto nuovo che diciamo
Già potrà anche avere qualche opportunità per esempio per quanto riguarda alle produzioni agricole ci potrebbero essere aree nel nord Europa che potrebbero diventare favorevoli per la coltivazione
L'Europa del sud e invece soffrirà di i parchi più elevati
E soprattutto per quanto riguarda la crisi idrica
Ci sarà un'équipe ittico un po'di risorse idriche per la competizione tra
L'agricoltura che è ravvisabile più bisogno già qua e gli usi civili e dell'industria
Aumenteranno le ondate di calore della rete del PUT dipenderà
Dell'Europa quindi con rischi anche per la salute umana come tra i docenti questo
Spesso determina delle critiche stemmi che e così li abbiamo definiti che termiche perché sono
Critiche colpiscono compie prete molti settori le faccio un esempio
Vicenti gennaio era ondata di calore posso terminare
Inquinamento dell'aria particolato carrettieri colpisce la salute a quel punto c'è una pressione ortofoto gli ospedali che non riescono
A accogliere tutte le persone che quel Consiglio stavano
Condizionalità giorno quindi comunicazione se non provocare questo insuccesso Cerchiai tutte
Tali degli ultimi
Diciamo sei anni chiediamo sacrifici stelle questo Mediterraneo purtroppo allora sarebbe più questa caratteristica
E ed il tema quindi centrale che ci troveremo in Europa a due velocità e purtroppo purtroppo questo dobbiamo dire queste doppie velocità
Partono quelle che oggi anche il tono tema economico europeo che è un'Europa del nord
Che
è più o diciamola capace di squadra ceramica
Globale Europa del sud italiana
Portavoce
Poi i Paesi più poveri europee siete dunque il nostro apporto prevede effettivamente una diversificazione Delli Paoli eventi climatici
Tradisce all'Europa del Nord l'Europa del sud del Mediterraneo addirittura nella parte nord dell'Europa ci possono anche degli aspetti positivi o delle opportunità
Per esempio perché ama l'agricoltura insediamenti climatici alcune aree dell'Europa del nord e potrebbero essere favorevoli alle coltivazioni agricole
Quindi potrebbero trarne anche oggi c'è un beneficio
Poi in realtà ci sono altri problemi che riguardano soprattutto ritondazioni le piene rischio idrogeologico che invece anche riguarda impatta molto l'Europa del nord
Fra l'Europa del sud avrà invece programma esattamente opposto mancanza di risorse idriche un grosso impatto quindi sull'agricoltura la riduzione di produttività a oggi molto culture tra cui i cereali
E questo in qualche modo a un parallelo con la crescita economica che oggi stiamo vivendo in Europa con un'Europa del nord che
Abbastanza a
Condizioni favorevoli a tutti economico
Rilievo la Germania insomma che che resiste penale ed alla crisi economica globale e in Europa del sud che invece fa fatica
Italia Grecia
Pare Portogallo sono intenti insomma
Chiesto il problema economico dell'Europa in questo momento quindi cambiamento climatico può essere un fatto
Di agrario e di amplificazione ed è la diversità economica già l'esistente i immaginazione
E non logico diciamo l'habitat derivino
Parte del rischio idrogeologico perverso rapporto per la prima volta abbiamo proprio ove prezzi del rame la questione
Del devoluzione del del vino perché ci sono dei letteratura scientifica
Stiamo
Prato come
C'è un accorciamento dell'attuazione vegetativa per la produzione e questo Bassetti infatti sia sulla quantità e sulla qualità
Ma soprattutto può determinare uno spostamento di a reali delle attuali coltivazione delle cultivar che noi utilizziamo o che peraltro sono anche legate a delle denominazioni
E origine per crescita
E spostamenti quindi in in altre in altre aree geografiche questo
è un tema quindi passato sensibile
Riteniamo che
Si possano essere delle misure che adattamento cioè quindi è possibile
Intervenire per continuare a mantenere le nostre produzioni tipiche
Proprie grammo ripiegare anche dei pericoli rurali agricoli quindi Crema riproporre su questo non c'è dubbio l'ultima cosa la politica europea per la difesa degli ecosistemi in particolare
La Commissione europea ha sentito che secondo secondo Barroso e rinnovabili non sembrerebbero essere più la scelta strategica da incentivare e spingere cioè di fatto la Commissione rinuncio ruolo di guida no nella lotta ai cambiamenti climatici lasciando la politica energetica europea alla scelta poi insomma dei singoli Stati nazionali
Ma diciamo questo
Purtroppo
è un po'la missione mio per parte diciamo le considerazioni potrà anche ad una politica riguardano pure questa transizione tra
Una commissione che sarà rinnovata riusciamo a nuove elezioni politiche quindi e c'è un po'poco estrapoli demagogia nel difendere per esempio
Grossi cartelli industriali che vedono nella politica europea di riduzione delle emissioni comunque una un ostacolo allo sviluppo economico a un aumento delle tasse e cose di questo tipo di realtà
Perdere le elezioni europee parco no unica nota positiva il Parlamento europeo che invece sembra era tutt'altra impostazione rispetto alla Commissione interessa altre tasse aerei un poi che i soldi
Gli affrettino perché credo che sia molto chiaro tutti
E non europei ma anche al resto del mondo che lo sviluppo economico futuro passa attraverso la green economy cioè non dimentichiamo che oggi i Paesi come la Cina l'India avrà il file
Va ripetendo enormi quantità di capitale sulle energie rinnovabili
Sulla sostenibilità sul risparmio energetico e tecnologie guardano anche a noi
Ai nostri modelli erano sull'ecologia
Quindi
Insomma penso che saremo assestare qualche mese che chi dice di ticket poter ritornare diciamo
A a quella che invece l'unica via d'uscita io credo che la nostra economia che approvo questo del
Delle della green economy dello sviluppo sostenibile
Va bene noi la ringraziamo per questo prezioso contributo Valentini
Grazie a voi ancora superato grazie Ricardo Valentini che per le azioni unite è stato il coordinatore del capitolo rischi e vulnerabilità per l'Europa ai cambiamenti climatici in corso ed e continuiamo a parlare del scelte dell'unione europea in materia di energia e della lotta del contrasto ai cambiamenti climatici e lo facciamo seguendo come traccia un articolo di Monica Frassoni che abbiamo in collegamento telefonico ben trovata
Co-Presidente del Partito verde europeo già deputato al Parlamento europeo un articolo appunto firmato da Monica Frassoni che prende il nome di clima due mila trenta l'ultimo errore di una Commissione a fine corsa le ultime proposte prima del voto di maggior riguardano il modello energetico recita
Il sommario l'unico obiettivo vincolante il quaranta per cento di riduzione dicevo
Ma nulla sulle rinnovabili e sull'efficienza due di fatto
Abdica alla lotta
E i cambiamenti climatici affida le politiche agli scavi Monica Frassoni
Insomma ne vogliamo parlare magari proprio a partire dal pacchetto nodi proprio
La battaglia intorno alla natura del gettito dell'Unione Europea fede è un problema importante che è quello
Della Commissione europea che in Caner sempre giocato un ruolo di avanguardia proponendo facendo anche delle proposte scomode che poi vi sono dovute passare attraverso una
Sistema decisionale complicato
Ma che poi comunque sommano sempre rappresentato un passo avanti nella nella nel lavoro poi dell'Unione europea mercato invece del pacchetto energia noi siamo di fronte ad una situazione nella quale invece dire lanciare e di rafforzare una politica che sono seguite nel due mila otto due mila nove attraverso il famoso pacchetto venti venti venti
In realtà invece di prendere atto dei successi e degli insuccessi di questo pacchetto
Si è deciso semplicemente di applicare alla battaglia per una maggiore riduzione delle delle missioni e cito due sia anche nel senso che il quaranta per cento rappresenta unico targati vincolante che viene descritto Irene proposto la Commissione alla pesca
è in realtà un target che rappresenta come si dice in gergo significa chiusura cioè non è che cambi molto il fatto che c'è un target conosca il target è troppo basso è evidente che in il la capacità di tutto il sistema di udire riorientare i farà molto risorsa Hawks ed è ben chiaro che dal due mila venti faremo intorno a un target intorno al ventisette per cento senza fare assolutamente nulla
è evidente che questo era il quaranta e piuttosto limitato l'altra cosa che mi sembra particolarmente grave
è che il la fissazione di un target quindi un obiettivo vincolante e poi condivisa da tutti gli Stati membri delle fasi delle energie rinnovabili e il due mila otto due mila nove verrà lanciato un sistema
Economico veramente diverso nei quali nel quale si erano create presente in Italia due mila duecentoquaranta mila posti di lavoro in altri Paesi più o meno uguale in Germania si è avviata una vera rivoluzione industriale che ha accompagnato
Anche la la l'abbandono del nucleare e tutto questo è stato reso possibile dal fatto che Sirchia preposti del target vincolanti a piuttosto ambiziosi che erano quelli del due mila ideale del venti per cento
Nel momento in cui una europea dice che ci sarà verifica contabile del ventisette per cento
Non vincolante per gli Stati ma vincolante per l'Unione europea apre tutto non si capisce bene che cosa questo ISAF e poi siamo a un livello molto basso
Penso che sia già nel due mila venti Redentore Italia però sicuramente al di là dei suoi targhetta figuriamoci altre fatture prima di chiudere comunque non ha questo questo questa sensazione non ha nessun valore dirvi direzione o di riorientamento come avevano
Avuto Italtel precedenti quindi in qualche modo questa agenda
Tutti vale lo stesso successo allora uno si chiede ma perché questo succede e io credo che ci sia una risposta
Piuttosto semplice a questa domanda ed è che questo sistema energetico alternativo
Ha cominciato a diventare veramente competitivo rispetto agli altri anche in Italia non se ne parli molto ante cerchi di ridurre l'importanza del settore delle energie rinnovabili dell'efficienza energetica in realtà
Il fatto che ci sia una vera competizione è una vera rivoluzione tecnologica che ancora non è completa quindi ancora deve essere un po'accompagnata mettendo i conti da
Storia produttori di Garda che tutto e di carbone perché purtroppo nel nostro Paese ci sta pensando di fare più centrale per a carbone cosa che veramente incredibile
Rispetto appunto alle rinnovabili quindi evitare questi incentivi ci sono costati tantissimi soldi
Quindi a tornare indietro bisogna ridurli quindi per avere quella piccola località lei riporta infatti e contraddice un po'le tesi nodi Squinzi Zanonato secondo cui in Europa i prezzi sarebbero più alti per via degli incentivi alle rinnovabili nell'arco
Mozione del problema delle cose paradossali chi sopporta nessuna fedi e una serie
Di studi mercato che la Commissione ha presentato le sue proposte fuori ha fatto una predica studi che sono molto credibili e molto
Diciamo così
Imparziali nel quale si dice esattamente il contrario per esempio si dice
Che i prezzi dell'energia sono alti costi già in Europa sono dovuti
Alle tasse e hanno mento dei dei combustibili fossili quindi petrolio e gas sa e che tra l'altro
Il questi tempi rivela un vincitore Quarara poi incentivi quindi i sussidi
Che si dice essere appunto la causa dell'aumento dei prezzi e dell'energia il maggiore per l'energia in Europa
E non erano stati attribuiti in questo modo
Trenta miliardi di euro all'anno per il combustibile il nucleare utenti sei per i combustibili fossili e una ventina per le rinnovabili quindi
Perché praticati in un documento della colpa anche nonché preparati in un documento alla Commissione sono stati opportunamente ponti dal documento tecnico che poi è stato pubblicato
Però queste cose ci dimostrano che rendono verità scomode e l'altra cosa importantissima
Che la la visiera direttore generale terrificante quindi quella di
I Olli Rehn a applicato o se invece è stato applicato è che in realtà contrariamente a quello che ripeto interni non c'è un differenziale
Competitività due percorsi degli energia tra gli Stati Uniti e l'Europa tra semplice ragione che anche se è vero che il trenta per l'Energia e portarlo in America siccome loro le usano di più
Poi l'impatto sui costi piloni è minore ecco Hope
Valente dipende dai temi economici quindi anche quella è una bufala sostanzialmente tuttora che mi sembra importante sottolineare
Che quando si analizza all'impatto dei costi dell'energia
Sul costo della produzione della maggior parte erano parlando del novantotto per cento delle industrie europee noi diciamo no quasi mai ordinate tue tre quattro per cento e solamente per una limitatissima quantità
I in pregherei stiamo parlando di oltre il quindici per cento quindi come si evince e quindi non ripeto non le dico io che sono ambientalista ma le dicono i
Bene tipiche della Commissione City finalmente che non direi che particolarmente ambientalista
Nei irrigue della ritenerci sia anche quella di una direzione generale sicuramente non particolarmente prove in rete e purtroppo però e le conseguenze sulla proposta della Commissione di quel
I dati non sono sta sostanzialmente il prete perché le lobby e anche la pressione mediatica e politica che è stata esercitata rispetto a questo pacchetto fa invece continuamente ripetere le parti a verità che pure sono smentite dai fatti però nessuno ne parla evidente
Che perché infatti poi rimangono quelli che benché siano e infatti non sono Squinzi Zanonato vada in questo suo articolo riprende anche dichiarazione di Barroso secondo cui le rinnovabili non sembrerebbero essere no più la scelta strategica da incentivare e spingere però poi
Aggiungevano tra polemica cioè c'è una sottomissione effettiva della Commissione agli argomenti di camerone dei lobi energetica accuratamente fiele questo è un problema perché questo può neanche una una una
Babbo Natale molto apprezzamento come si fa
A fare arrivare da fare pensare
Delle argomentazioni che sono basate sui fatti e che peraltro sono arrivate alla Commissione tra l'altro
Avrebbe
Non avrebbe enti penso che ci sia proprio la necessità anche da parte dell'assetto di
Del della società civile ma gran soprattutto del
Né della della delle delle della sostenibilità tono dell'industria sostenibile lettere molto forte e di riuscire a sviluppare una
Argomentazione almeno altrettanto convincente quanto quella del dell'energivori però a luglio verrà nominato il nuovo Presidente la Commissione
E
Ecco io ora non sono esperto istituzioni europee le però prima ci ricordava comunque nel suo articolo del Parlamento europeo rispetto la Commissione ha assunto di fatto posizioni più che la giusta ma il Parlamento europeo può questa domanda che faccio però di fatto bloccare iniziative della Commissione o sbaglio accade
Comunque consenta lasciamo
Ponga
Ad una situazione nella quale
Il Parlamento europeo ha un potere richiama di codecisione nel senso che l'azione della conversione e accanto a una proposta di orientamento
Rettore l'ha definita da delle età un accordo tra i tanti capi di governo che però dovrà tornare al vaglio del Parlamento il Parlamento ha già detto che non è d'accordo con quello che
E la Commissione ha proposto peraltro il Consiglio che si è già riunito nel mese di marzo
E a appunto discusso di questi di questi temi a sostanzialmente detto che il testo della Commissione doveva essere viene minato ripreso ridiscusso e ad dato l'incarico al Consiglio di trovare una soluzione tardi nel Veneto sopra cioè in Presidenza italiana e quindi noi siamo di fronte
Ad una situazione nella quale c'è ancora molto che si può fare perequativo per il quale noi stiamo lavorando molto anche tutta la campagna
Per le leggerò bene perché le leggi peraltro che anche noi ma il dibattito pubblico che non c'era ma certamente a perdere se Toronto è una domanda ultimo spunto i radicali hanno annunciato che non presenteranno delle proprie liste perché non ci sono delle condizioni di democrazia in generale ma su a tutto in questo processo elettorale quindi la mancanza di democrazia ma
Soprattutto di spazi informazione a modalità di raccolta firme insomma lo Stato di diritto violato ancora di più nel periodo elettorale e preelettorale cosa ne pensa ma io
Ho
Penso che tutti questi incontri sono forzosamente validi noi abbiamo fatto una scelta diversa come è vero che oggi abbiamo annunciato ha la forza di una lista che si chiama Green Agritalia perdeva aperti
E che basandosi sul fatto che noi facciamo parte del quarto Gruppo
Europeo fra il partito dell'Europeo e
Abbiamo quindi un gruppo parlamentare noi abbiamo fatto l'interpretazione della legge elettorale italiana che parla della necessità per essere tentati tra raccolta delle firme della per senta gli eletti al Parlamento di riferimento che consideriamo che il Parlamento di riferimento è il Parlamento europeo e quindi abbiamo presentato carente dopo aver fatto un ricorso al TAR che è stato in parte positivo perché il TAR ha detto che l'interpretazione niente agli interni
Quando il quale
Lina interpretare dovevano
Essere considerati da leggere in Italia è un'interpretazione nulla conforme e queste terre per aiutarla quel Budget al TAR
Ha conferito all'Ufficio elettorale l'incarico di poi decidere se le liste siano da approvare oppure no
Se noi è una battaglia che abbiamo deciso di fare offre il nome della della necessità di assicurare la partecipazione più ampia possibile alle elezioni e e quindi Cam presentando riesce a fare se ai numeri non
Ai
Attutiscono peraltro
Noi abbiamo un rapporto naturalmente aperto con i radicali anche con altre associazioni eccetera per cui ci siamo
è necessario lavorare
Ed è un'altra Europa va bene ma intanto la ringraziamo grazie Monica Frassoni B bene o del sud finisce qui però ci diamo appuntamento
Naturalmente la settimana prossima alla stessa ora ma non prima di avervi rimandato l'appuntamento della domenica quello delle diciannove con la nostra
Rassegna dei media il commento degli ospiti che questa settimana vedrà intervenire Aldo Loris Rossi e Gianfranco Bologna adesso come di consueto la lettura con le prime pagine dei giornali un buon ascolto perché lo vorrà o una buona notte come sempre da Enrico Salvatore