14MAR2014
dibattiti

Responsabilmente...Europei!

CONVEGNO | Rivisondoli - 11:38. Durata: 6 ore 2 min

Player
Nell'ambito di Scuola di formazione politica in Studi Europei - Winter School 2014 (14-15 Marzo).

Convegno "Responsabilmente...Europei!", registrato a Rivisondoli venerdì 14 marzo 2014 alle ore 11:38.

L'evento è stato organizzato da Fondazione Magna Carta e Nuovo Centrodestra.

Sono intervenuti: Federica Chiavaroli (senatrice, coordinatrice regionale Abruzzo, Nuovo Centrodestra), Erminia Mazzoni (membro del Gruppo PPE al Parlamento europeo, Partito Popolare Europeo), Margherita Movarelli (portavoce e responsabile del Centro studi Fondazione Magna Carta), Laura Bianconi (senatrice, portavoce
nazionale, Nuovo Centrodestra), Maurizio Sacconi (presidente Commissione Lavoro del Senato, Nuovo Centrodestra), Giuliano Cazzola (economista, giuslavorista, Nuovo Centrodestra), Laura Bianconi (senatrice, Nuovo Centrodestra), Maurizio Sacconi (presidente della Commissione Lavoro del Senato, Nuovo Centrodestra), Andrea Giuricin (Adjunct Professor of Public Finance presso Università Milano Bicocca), Antonio Leone (deputato, Nuovo Centrodestra), Salvatore Rebecchini (componente Comitato Scientifico Magna Carta), Serena Sileoni (vicedirettore Generale Istituto Bruno Leoni), Gaetano Quagliariello (senatore, coordinatore nazionale, Nuovo Centrodestra), Luigi Vicinanza (direttore editoriale Giornali Locali FINEGIL, Gruppo Espresso), Eugenia Roccella (vicepresidente Commissione Affari Sociali, Camera Deputati, Nuovo Centrodestra), Roberto Ciampaglia (sindaco di Rivisondoli), Angelino Alfano (ministro dell'Interno, Nuovo Centrodestra).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Berlusconi, Debito Pubblico, Diritti Civili, Economia, Elezioni, Europee 2014, Famiglia, Finanza Pubblica, Formazione, Forza Italia, Giovani, Impresa, Lavoro, Matrimonio, Nuovo Centrodestra, Occupazione, Omosessualita', Parlamento Europeo, Partiti, Pensioni, Politica, Popolo Della Liberta', Ppe, Previdenza, Riforme, Salute, Sanita', Sinistra, Spesa Pubblica, Welfare.

La registrazione audio di questo convegno ha una durata di 6 ore e 14 minuti.

leggi tutto

riduci

11:38

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Mi piace
E nell'altra relazione
Mi sentite
Bene buongiorno a tutti i ragazzi
Scusate ICI
Per il ritardo ma abbiamo voluto dare la possibilità a tutti
Più o meno di arrivare
Qualcuno arriva anche da molto lontano
E quindi ha fatto una levataccia stamattina e per questo
Vi ringraziamo
Siamo qui oggi
A presentare di la nostra Winters culla che quest'anno è il mix di due nostre
Tradizionali scuole di formazione la Winters culla che abbiamo sempre fatto in Abruzzo e la Springs culla che si è sempre fatta in Campania
Quest'anno vedete che il periodo è a cavallo tra Winter respinga abbiamo deciso di farle una sola perché
Come sapete si approssima la scadenza elettorale e quindi non avevamo la possibilità di organizzare due scuole quindi ne abbiamo fatta una più importante come vedete
L'onorevole Erminia Mazzoni che la promotrice asse a in rappresentanza del PPE assieme alla Fondazione Magna Carta
E al nuovo centrodestra
Di questa scuola di formazione e quest'anno non ha badato a spese perché una struttura così bella
Così importante così lussuosa noi non l'abbiamo mai avuta per
Le nostre scuole lo dico anche con un po'di orgoglio
Diciamo territoriale perché vedere che c'è qualcuno che investe nella nostra Regione che crede
Che si possa attrarre turismo sicura con strutture così importanti e quindi ci crede
A me fa molto piacere e quindi sono anche contenta in Coop con
Questa manifestazione di venire qui a fare tutto sommato l'inaugurazione di questa struttura la quale auguro Celli il proprietario auguro le migliori fortune non so
L'ho per lui ma per questo splendido territorio che ci ospita io non so se voi lo conoscete questo è il bacino sciistico più importante del centro-sud
Di invito a farvi un giro nel questa sera domani pomeriggio e domenica se rimanete perché
I paesini limitrofi sono bellissimi alle piste da sci sono alla allo stesso livello di quelle delle Dolomiti
Scusate ma io ci tengo a dirlo non siete siete di tutte le Regioni perché qui ci sono ragazzi
Il poi vi darò la parola di presenterete magari per gruppi ci sono dei ragazzi di tutta la circoscrizione Sud
Perché l'onorevole Erminia Mazzoni oggi apre la propria con la quinta ciascuno la propria campagna elettorale per le elezioni europee e il nostro candidato di punta e quindi
E quindi
Sono ci sono i ragazzi di tutta la circoscrizione Sud noi avevamo pensato di invitare i ragazzi di tutti Italia
Ci siamo dovuti e abbiamo messo a disposizione cento posti per questa scuola abbiamo raccolto alla fine
Trecentottanta domande da tutti Italia con uno sforzo sempre dell'onorevole Mazzoni siamo arrivate arrivati ad
Ospitarle
Cento dodici perché stretti stretti abbiamo cercato di farci stare tutti delle Camere lo stanno che stanno stemma ragazzi
Abbiamo cercato di accontentare tutti soprattutto quelli dicevo della circoscrizione sud
Ora chiaramente dell'Europa della dei nostri temi di come vogliamo essere responsabilmente europei vede parlerà Erminia
Chi meglio di lei che ha già vissuto cinque anni come è nostra
Importante
Rappresentante a Bruxelles al Presidente della Commissione petizioni quindi lei di racconterà quello che c'è scritto nel libretto che ho già visto il successi del PPE del due mila nove due mila quattordici
Le priorità per il due mila quattordici due mila diciannove io invece
Volevo raccontarvi
Qualcosa del nuovo centrodestra perché qui
La scuola è stata organizzata promossa dal PPE e dall'onorevole Erminia Mazzoni ma
In collaborazione col nuovo centrodestra io sono senatrice del nuovo centrodestra e sono coordinatrice del nuovo regionale del nuovo centrodestra in Abruzzo
E ci tengo a raccontare a voi giovani come è nata questa nostra esperienza perché
Poi voi possiate raccontarlo ad altri perché purtroppo noi viviamo ancora una fase difficile nella quale strumentalmente ancora qualcuno sui giornali soprattutto su alcuni giornali di partito ci
Attacca per quello che abbiamo fatto io vi racconto la mia di esperienza personale io sono arrivata in Senato nel due mila tredici in maniera piuttosto inaspettata agli Amici abruzzesi lo sanno
Il Popolo della Libertà qui in Abruzzo al Senato era dato assolutamente sconfitto
Era dato assolutamente sconfitto e i sondaggi
Prevedevano che avremmo eletto un senatore al massimo due i primi due della lista erano Quagliariello e Pelino il terzo della lista era il mitico Antonio Razzi
E dopo il mitico Antonio Razzi nessuno si era voluto candidare
Siccome io sono ancora giovane e quindi di quelle che e segue anche diciamo le disposizioni per non dire gli ordini e in maniera diligente
Anche se anch'io avevo tentato di dire ma dopo Razzi
Qui sono candidata questo famoso quarto posto
è è accaduto quello che nessuno si aspettava e cioè che grazie sicuramente a Silvio Berlusconi ma io dico anche grazie allo straordinario lavoro che abbiamo fatto
Nella regione Abruzzo io ero consigliere regionale con Gianni Chiodi con il Presidente Chiodi al quale io vi chiedo almeno agli abruzzesi di fare un applauso perché Gianni Chiodi non merita
E poi glielo racconterò che gli alunni della quinta Sculli gli hanno fatto un bell'applauso Gianni Chiodi non merita quello che i giornali dicono di lui perché Gianni Chiodi a
Amministrato molto bene questa Regione
La la davvero trasformata e quindi grazie a Silvio Berlusconi e al grande lavoro che abbiamo fatto in Regione con Gianni Chiodi noi al Senato abbiamo vinto
E io sono arrivata in Senato
Io vi dico che è appena arrivata in Senato
La prima cosa che ho fatto la sanno tutti perché è finita su tutti i giornali ho cercato Silvio Berlusconi di sono saltata addosso e mi sono fatta la foto con lui perché per me era il come immagino per tanti
Era un mito Silvio Berlusconi io non l'avevo mai incontrato non mi sembrava vero
Poi è accaduto
Perché Silvio Bresso viziati problemi per Silvio Berlusconi prima lui fece quella grande atto di responsabilità ad aprile facendo nascere il Governo letta
Era l'unica cosa che potevamo fare per il Paese fare un Governo di larghe intese non potevamo certamente andare di nuovo a votare
E quindi lui fece quella scelta saggia favorendo anzi promuovendo la nascita del Governo letta
Questa scelta non fu affatto gradita ad una parte del partito quella più estrema quella più aggressiva
Quella fatta dei Santanchè e dai Bondi dai Verdini etc
Il quali con aumentarle delle difficoltà personali di Berlusconi culminate all'inizio di agosto non so se vi ricordate con la condanna definitiva in Cassazione
Hanno fatto perdere al Presidente Berlusconi a mio avviso tutta la lucidità e tutta la serenità di giudizio
Per cui io con i miei occhi ho assistito a un'escalation terribile
Silvio Berlusconi in persona il venticinque settembre ci ha chiesto di dimetterci da parlamentari dimettersi da parlamentare un atto grave c'è un atto eversivo
Non solo ce lo ha chiesto il giorno dopo ci ha fatto firmare le dimissioni non le abbiamo firmato tre
Il ventisei settembre il ventotto settembre ha deciso comunicandolo con una telefonata da Alfano che era il vice premier che il Governo letta terminava la sua esperienza
E che quindi noi toglievamo la fiducia
E in una riunione il trenta settembre ci ha comunicato questa cosa e quando Fabrizio Cicchitto alzato la mano per dire scusate scusi presidente voglio intervenire Berlusconi gli ha detto abbiamo deciso che alla riunione non parla nessuno se mi vuoi parlare andiamo a cena insieme
Di fronte a questo mi so se vi ricordate proprio a questa escalation anche violenta di aggressiva
Noi non ce la siamo sentita di andare dietro a quello che era secondo noi fra quelli che erano fatti gran Vic e contro il nostro Paese e quindi il due ottobre abbiamo deciso di votare la fiducia al Governo letta poi Berlusconi ci seguire
E poi quando Berlusconi decise di accelerare
La chiusura del Popolo della Libertà che il partito del quale per esempio io sono nata io ho iniziato la mia attività politica né con Forza Italia né con me con altri ho iniziato con il Popolo della Libertà nel due mila nove
Quando Berlusconi ha deciso all'improvviso di accelerare la chiusura del partito noi abbiamo chiesto di conoscere le regole della nuova Forza Italia perché volevamo capire com'era organizzata
E vi ricordate ci doveva essere il Congresso l'otto dicembre il congresso a un certo punto è stato clamorosamente anticipato anche qui senza comunicarla dal fanno al sedici novembre
E quando noi abbiamo chiesto più volte spiegazioni garanzie
Sulla funzionamento democratico del partito ad un certo punto il quindici novembre non avendo queste garanzie
E non condividendo la linea politica non condividendo quella deriva noi abbiamo deciso che la nostra strada era un'altra
Quindi noi abbiamo deciso chiuso il Popolo della Libertà perché il sedici novembre il Popolo della Libertà
Avrebbe chiuso di non aderire a Forza Italia e di fondare un movimento nuovo che il nuovo centrodestra
Il nuovo centrodestra quindi
Oggi è quattordici marzo
Esisteva appena quattro mesi perché è nato il quindici novembre con un'Assemblea
Che facemmo al Teatro Santa Chiara a Roma della quale io me lo ricordo benissimo il travaglio di Angelino Alfano quando salì sul palco
E
Impiego un minuto prima di dire la frase ho deciso di non aderire a Forza Italia perché era veramente un gesto
Difficile da fare però noi ritenevamo e riteniamo ancora ad oggi oggi di essere nel giusto quello che poi è accaduto
Ci ha confermato che Berlusconi facendo capriole salti mortali come Luigi di cui lui è davvero un campione lo supera soltanto Renzi
è poi tornato sulla stessa nostra linea perché prima aveva deciso di far cadere il Governo poi ha deciso che era il caso invece di fare un accordo currency perché le riforme erano importanti noi invece abbiamo sempre ritenuto che quel Governo dovesse essere in piedi per fare le riforme istituzionali e le riforme economiche delle quali questo Paese
A assoluto assoluto bisogno
Quindi noi crediamo che questa sia la strada giusta e stiamo costruendo adesso con tanto impegno con tanta fatica perché non crediate che sia facile
Noi non abbiamo i giornali che a Berlusconi non abbiamo le televisioni che a Berlusconi e soprattutto non abbiamo i soldi che a Berlusconi
Però abbiamo tanta buona volontà abbiamo tante idee le persone con le quali io condivido l'esperienza del nuovo centrodestra sono le migliori persone
Che c'erano dentro Forza Italia io vi racconto un aneddoto che racconta sempre Quagliariello dice non so se vi ricordate io non giocava a calcio quand'ero bambina Roberto
E
Lui dice lui dice sempre vi ricordate quando giocavate a calcio vi facevano sì si ritirava sorte per scegliere le squadre allora scegli uno tu e poi uno io poi io do to e poi do io Quagliariello dice io mi sarei scelto esattamente questi compagni di viaggio lui quando lei l'Abruzzo dice persino la chiamarono gli avrei scelto
E quindi ed è proprio così io ritengo che i gli amici perché questa è una compagnia umana prima di tutto
Con i quali stiamo facendo questa esperienza siano le migliori espressioni che ci sono nel
Panorama politico del centrodestra
Noi abbiamo deciso quindi adesso di partire con la strutturazione vera del partito i nostri a stadio perché questo è un partito giovane quindi parla il linguaggio dei giovani sono insieme
Perché noi la nostra forza è insieme la forza è il gruppo
L'altro nostro a stadio dei giovani è o siamo noi fa abbiamo fatto una manifestazione a Pesaro bellissima dei giovani del nuovo centrodestra
E l'ultimo importantissimo è
Senza la base non c'è l'altezza per dire che questo è un partito meritocratico che vuole radicarsi nel territorio e nel quale c'è spazio per tutti quelli che vogliono fare per tutti quelli che si vogliono impegnare
Per tutti quelli che hanno una profonda passione politica come credo tutti i giovani che hanno deciso di passare un fine settimana
A fare una scuola su un'Europa a studiare sull'Europa io immagino che se non si è mossi da un profondo da una profonda passione da un profondo Potì voi reale non si sacrifica un fine settimana di sole stando qui in una struttura bellissima ma comunque stando qui a studiare a prepararsi
Ad impegnarsi e con questa
Con questa iniziativa come con tante altre che abbiamo fatto e che faremo noi vogliamo anche mettere al centro
Anche
La competenza la preparazione perché noi vogliamo riprendere quello che era un percorso
Noi ecco un'altra cosa volevo dire
Noi siamo un partito diverso dagli altri politico il che percorso vogliamo riprendere
Noi non siamo il partito che Roth Panama non siamo il partito che contesta siamo il partito che vuole costruire per cui noi prendiamo tutto quello che è c'è di buono anche le persone con i capelli bianchi e con tanta esperienza e cui ne sentirete alcuni che hanno davvero tanto da insegnarci
Perché
A differenza di Renzi che fa del giovanilismo la sua il suo letto motivo noi non crediamo che bisogna per forza essere giovani per essere bravi c'abbiamo tante persone di esperienza che hanno tanto da insegnarci e noi vogliamo rimettere questo elemento al centro con le scuole di formazione che nei vecchi partiti dei partiti tradizionali erano importantissime
E noi su questo vogliamo puntare moltissimo perché noi vogliamo che i nostri giovani siano appassionati siamo entusiasti ma siano anche preparati e competenti quando poi iniziano il loro percorso all'interno delle istituzioni a partire dal Consiglio comunale il Consiglio regionale
Assalire in tutti gli enti dei quali poi si può portare il proprio contributo quindi noi
Abbiamo deciso di puntare su iniziative come queste e
Io ringrazio ancora e le lascio la parola l'onorevole Erminia Mazzoni che di questa iniziativa è anima ispiratrice e sponsor
Mi unisco al vostro applauso con un grazie a Federica che
Risolve già un primo problema di impatto e di ricostruzione del Real della relazione tra giovani e politica
Perché smonta l'immagine del politico che parla una lingua strana involuto
Poco diretto distante
Ci ha fatti mettere in questa posizione io non so sono da venti minuti è qui che cerco una posizione non preferisco stare dietro il tavolo ma forse se avessimo avuto una uno spazio un po'più agevole mi sarei sentita mi sarei sentita più ammirato poi lei chiaramente ha il vantaggio dei venti centimetri in più e quindi visto
Il nostro uno dei nostri a stadio se non c'è la base non c'è l'altezza lei dice o comunque l'altezza ce l'ho a prescindere dalla base quindi
è già parte con questo vantaggio però io devo dire sono convinta che questo sia il metodo questa sia la forma l'immagine da trasferire perché nonostante abbia più capelli bianchi di lei e meno male che ci conservate hanno dei capelli bianchi
Però credo che sia
Molto importante rianimare la partecipazione giovanile ed è per questo che negli anni io ho dedicato
Molte delle mie energie a costruire un rapporto di di di maggiore condivisione con i giovani non ho mai voluto che le mie scuole di formazione fossero delle scuole di partito o tanto è vero che nella generalità dei casi io ho aperto al confronto
E ho invitato Giovanni senza la necessità dia vere una tessera o di documentare un'appartenenza e li ho messi di fronte
A accademici e politici rappresentanti istituzionali di tutto Larco costituzionale politico
Parlamentare perché ho sempre pensato che
Quella che riesce a far andare oltre è la convinzione matura consapevole non la convinzione indotta
Quindi è chiaro che da queste scuole di formazione che organizzato negli anni ho sempre sperato poi
Di poter attrarre consenso verso le mie idee le mie convinzioni ma nonno fatto un dramma quando dalle mie scuole sono usciti i giovani che mi hanno detto bellissima esperienza ma noi riteniamo che la ricetta politica migliore sia un'altra sono stata anzi più contenta
Sotto un certo profilo di vedere questo grado di maturità e soprattutto di constatare che ero riuscito a trasmettere la dimensione di una politica che si confronta anche con l'altro che dialoga
E che ha come obiettivo strategico non tanto la somma dei numeri ma la costruzione di un qualcosa qualitativamente alto
Quindi oggi mi ritrovo a fare questa campo e sta organizzazione di
Di di scuola di formazione alla vigilia di una campagna elettorale
Anche in questo avete visto ci siamo scambiati un un sorriso mentre Federica annunciava il mio prossimo impegno elettorale
Perché anche su questo io forse avrei fatto più
Meno meno propaganda ecco avevo detto facciamo facciamo questa scuola di formazione un po'prima evito di fare la scuola di formazione durante la campagna elettorale
Perché non sia solo una raccolta di voto ma sia anche in questo caso pur nell'approssimarsi
Della formazione di squadre perché la campagna elettorale e inevitabilmente
La discesa in campo di squadre che si contrappongono
Evitiamo di essere proprio così
Orientati a una campagna elettorale di parte ma abbiamo tolto questa parte dal programma perché Federica aperto la scuola di formazione decente la scuola di formazione che si apre
Sulla campagna elettorale del mille Manzoni quindi è inutile che adesso faccio
Dell'ipocrisia perché se è questo il motivo raccontiamo anche questo motivo io spero però che anzi non spero aggiungo con convinzione
Che se è vero che stiamo facendo questo momento stiamo vivendo questo momento
Di di comunità perché si avvicina una campagna elettorale è altrettanto vero che questa campagna elettorale non è quella di Erminia Mazzoni ma è quella
Di un partito
Quindi anche la campagna elettorale di Federica degli altri amministratori che sono presenti
E sicuramente anche la campagna elettorale
Della del nostro Abruzzo del Mezzogiorno dell'Italia perché in questa campagna elettorale si determina qualcosa di
Di più
Della semplice riconferma di Erminia Mazzoni a al Parlamento europeo credo che ci sia qualcosa di più io perlomeno ne sono convinta
E ne sono convinta
Al punto che mi permetto una un'autocritica perché facendo parte di questo contesto essendo un politico tra i tanti nel momento in cui dico qualcosa sui politici
Sono legittimata perché si si tratta di una
Nobile autocritica
E allora io dico noi avviciniamo questo appuntamento elettorale
Con un'attenzione che è viziata normalmente sulla campagna elettorale per le europee per il rinnovo del Parlamento europeo non c'è grande attenzione perché è qualcosa che ancora viene vissuta con
Poca passione poco sentimento non ci interessa direttamente di conseguenza
Diamo un voto ancor più distratto rispetto a quello che normalmente elargiamo sacrificando e sprecando un nostro diritto fondamentale
Quest'anno c'è un'attenzione invece sull'appuntamento del venticinque maggio ma lo definisco viziato perché
è l'attenzione data dagli anti europeisti da quelli che fanno della della dimensione europea un uso strumentale a fini elettorali quindi ancor peggio
Di quello che è accaduto fino ad oggi ci ritroviamo
Chi annuncia come i Grillini che occuperà il Parlamento europeo e finalmente dal Parlamento europeo farà uscire l'Italia dall'Unione europea dall'Euro e da non so quali altri contesti abbiamo anche il partito di Forza Italia che
Fa in una dimensione chiaramente più edulcorata fa dell'antieuropeismo una delle sue battaglie
Senza l'Euro sicuramente avremo una moneta molto più
Più di peso senza
Lì ricette dell'Unione europea potremo finalmente crescere rilanciare l'occupazione l'economia
Senza i castighi della Merkel noi potremo conquistare tutti i mercati del mondo perché riusciremo a scavalcare
E i confini che ci separano da da dagli Stati Uniti dalla Cina dal Giappone solo perché non avremo più Angela
La mitica Angela a crearci delle costruzioni e così ad andare avanti non cito tutti gli antieuropeisti
Io mi permetto solo di
Di dire perché è la mia convinzione che tra l'altro piccola parentesi coltivo non da oggi e non dal due mila nove da quando sono entrata al Parlamento europeo ma da molto prima
Perché io ho studiato
Il diritto delle comunità europee perché antinomia epoca erano ancora era ancora Comunità economica europea
Sono specializzata in diritto della comunità economica europea poi divenuta Unione quindi è già qualche decennio fa io guardavo all'orizzonte europeo da studentessa e ritenevo che quello fosse
Il l'obiettivo verso il quale tendere che quella era la dimensione verso la quale saremmo andati e da avvocato cioè mi immaginavo avvocato europeista all'epoca
Tra l'altro un ricordo della della mia giovinezza all'epoca il primo avvocato al quale mi presentai dopo la laurea la specializzazione a dire io vorrei fare pratica terra
Fare la praticare il diritto alle Comunità europee mi disse lui internazionalista ma di che stai parlando non esiste
E io rimasi con un po'delusa perché avevo costruito otto queste infatti iniziali a fare pratica di diritto internazionale per poi ri convertirmi
Quindi al ritorno a quello che dicevo sono sempre stata convinte lo di mia sarà la mia il mio curriculum professionale della
Utilità e della inevitabilità di questa costruzione europea
Quindi non condivido tra il ragionamento dentro o fuori l'Europa
Non solo per un dato geografico chiaramente ci stiamo dentro l'Europa ma anche per un dato politico sociale ma non è che possiamo determinare se l'Europa sia o meno l'Europa eh
A prescindere il dato è come vogliamo coltivare il rapporto all'interno del contesto europeo se siamo all'altezza di coltivare un apporto utile all'interno del contesto europeo
Un Paese da solo non può certo sopravvivere non è con la comunità
Europea del carbone e dell'acciaio e poi con tutte le successive evoluzioni che si è costruita l'idea della sovranazionale perché ogni Stato vive in una dimensione sovranazionale vive vicino agli altri Stati e con questi deve avvenire necessariamente un contatto deve per forza regolare i propri rapporti
Con norme e discipline di diritto internazionale perfetto
Saranno quelle le norme che regoleranno i nostri rapporti con la Germania con la Francia con la Spagna quindi andremo avanti con convenzioni bilaterali o multilaterali ci inventeremo qualcosa di diverso
Ma è chiaro che non possiamo pensare di uscire dalla Europa
Per poi andare a passeggio da soli per il mondo schivando i nostri confinanti i Paesi che sono vicini a noi quindi per forza dobbiamo regolare il rapporto allora il tema è
Unione europea qualcosa di diverso ma qualcosa ce la dobbiamo inventare
Io ritengo che la ricetta dell'Unione europea sia una ricetta buona
Visto che i progressi del nostro sistema sociale ci hanno portato
A vivere in una in un contesto che è globalizzato quindi oggi noi non viviamo più così lontani nella nella logica commerciale del made
Atto
Della competitività con così lontani
Da New York o da Washington o da altri Paesi altre città non siamo vicini e siamo concorrenti quindi in questa logica noi dobbiamo necessariamente cercare di capire come diventare
Dei competitors adeguati alle sfide gli altri sono uniti la Cina è un piccolissimo paese con delle piccolissime prospettive economiche e lo stiamo verificando
Il Giappone altrettanto gli Stati Uniti altrettanto ma dove vogliamo andare noi con l'Italia da sola senza un ordine è una regola allora
Poche considerazioni buttate in maniera un po'disordinata per dirvi che ragionamento non può partire da sì o no quale Europa
Questo è l'unico l'unica domanda che ci dobbiamo porre allora quale Europa e cui parte la mia autocritica
Lo determina la politica
Perché è la politica che decide il suo rapporto con le istituzioni europee e all'interno delle istituzioni europee la politica è il Governo i legislatori nazionali legislatori regionali
La politica è fatta da da persone uomini e donne
Che esprimono
Non ho capito un suggerimento
A saluto il Senatore Cazzola che non lo vedo però mi fido di Federica chiamerò lì buongiorno ben arrivato
è
Quindi sono i politici a determinare la cifra della Unione europea
Da soprattutto in questi ultimi anni vivendo l'esperienza a Bruxelles
O sentito quotidianamente ho dovuto ascoltarla anche ripetuta più volte nella stessa giornata la litania della
Però l'Europa ha deciso
L'Europa ha detto l'Europa ci ha punito ci impone una regola
Consentitemi se qualcuno volesse fare un minimo sforzo solo di andarsi a vedere come si formano le decisioni di questa Europa
Si renderebbe conto che il periodo grammaticalmente non è corretto
Non è corretto non solo politicamente ma programmatica non è l'Europa non esiste l'Europa che decide come soggetto con un ha un pensiero e una capacità decisionale non esiste esiste l'Unione europea
Che dall'espressione stessa vi dice che è insieme di soggetti quindi ci stanno dentro degli Stati che hanno firmato
Una decisione ha delle regole e queste regole stabiliscono sulla base di criteri democratici di ma di maggioranza
Diverse come si formano le decisioni quindi si dovrebbe dire in Europa abbiamo deciso ma non siamo stati in grado di far valere la nostra posizione e allora qui cambiano le cose
Allora io dico quale Europa atto diamo capire qual è l'Europa che vogliamo perché indubbiamente questa per come Carlo come si sta muovendo non funziona bene va migliorata
Ma bimbo dobbiamo anche cercare di capire
Come negoziare con gli altri l'idea che ci saremmo formati di questa Unione europea
Quindi abbiamo due passaggi fondamentali che riguardano nuovi italiani la nostra rappresentanza abbiamo un'idea di Europa mi sembra di no
E quindi facciamoci prima un'idea di Unione europea dopodiché andiamo lì con in questo caso personalità
Che siano credibili
A raccontare il nostro punto di vista a negoziarlo perché questa è Lalla la forza delle relazioni degli altri il negoziato per arrivare a far valere il proprio punto di vista convincendo gli altri e in modo che
L'Unione europea possa cambiare
Perché noi abbiamo l'atteggiamento del
Diciamo del pietismo oggi leggevo una nota una dichiarazione di Prodi non sono mai andato a piangere a Bruxelles non sono
Visto che così plastico sempre Prodi ride piange felice ove triste non si capisce quindi
Dubito che abbia cacciato una lacrima su questo io non non avevo mai messo una firma sicuramente non sarà andato lì accolla lacrima
Ma che si è andato lì a dire cortesemente
Cd togliete questo onere perché non siamo in grado di assolvere I nostri impegni questo è certo lo stiamo facendo danni
In questo periodo di crisi non stiamo facendo ancora di più in maniera vergognosa tra l'altro trasferendo ai cittadini qualcosa che non funziona e quei l'altra considerazione per me rilevante l'Europa ci punisce
L'Europa a una politica dell'austerità
All'Europa non vuole farci crescere perché è di retta
Da un soggetto a una guida quasi monocratica non è vero che è un'unione di Stati ma c'è un soggetto che decide per gli altri la Germania e di nuovo Angela Merkel queste più o meno quello che si è diffuso in questi anni
Primo punto
E per ribadire un concetto e credo che i tedeschi abbiano lo stesso interesse che abbiamo noi se giocano meglio la partita è come quando stai sul campo prendi la palla va in porta
Cioè l'obiettivo di di quelli che stanno in campo e lo stesso se tu hai una maggiore capacità
Che ti deriva da anni nei quali questa capacità l'hai messa in campo quindi è chiaro che io non visto
Non voglio dire l'assurdo che oggi avremmo potuto risolvere il problema della primazia della Germania rispetto agli altri Paesi perché partiamo da un arretrato di parecchi decenni
Ma intesa eccoli e cioè che noi abbiamo fatto parecchi errori e oggi ci dobbiamo confrontare se abbiamo voglia veramente
Di operare la svolta
Quella buona come dice Renzi e
Allora
La il la Germania ha fatto quello che avremmo dovuto fare noi la Germania ha imposto le sue regole a partire da da
Decenni fa con Maastricht ha imposto la sua regola sulla determinazione di questo tre per cento penso che qualcuno di voi
Non so se troppo filosofico ma insomma abbia avuto la curiosità di capire ma perché il tre per cento
Io devo dire che ho cercato di spiegarmelo in vario modo ma in realtà non c'è una spiegazione
Cioè il tre per cento fu una cifra individuata il rapporto fra deficit e PIL non era una cifra individuata sulla base della
Non
Dell'analisi della media ponderata di crescita economica dei Paesi allora aderenti all'Unione europea
A quella che poi diventò dopo mastri cito l'Unione europea ma stabilendo come punto di riferimento i dati economici di una economia
è chiaro che se io parto dall'attuale condizione economica e la mia è già di partenza arretrata rispetto alla tua io sarò sempre in affanno
E ti seguirò sempre con una certa difficoltà quindi abbiamo sbagliato allora abbiamo sbagliato prima ma questo però non contraddice Lia sogno dei padri fondatori
Perché il sogno dei padri fondatori dell'Unione europea racchiude quella necessità di avere relazioni con gli altri Paesi
E tra l'altro non è il sogno inteso nella maniera nostra contemporanea
Il tutto e subito ego riferito perché i nostri sogni oggi su questi voglio quella macchina adesso senza non ho le possibilità ma l'alloggio
E non ha un progetto perché certo subiamo una macchina di un certo tipo non posso avere un Progetto
Di lungo respiro questo il nostro sogno il sogno dei padri fondatori è un'altra storia uno perché del son diversi profili di quelli che sognavano due perché dietro l'espressione il termine sogno si reca
Sì nasconde e non troppo all'occhio intelligente il termine reale che è quella di visione
La visione
Di quello che avrebbe dovuto essere per loro l'area della quale si occupavano e quindi visione come premessa all'inizio di una impresa
Io ripresa che non si realizza domani mattina un'impresa si realizza in un tempo lungo richiede sacrifici impegni idee chiare competenza
Questa è l'Unione europea io continua a fare politica da vent'anni e ogni volta dico se sto ancora dentro questo meccanismo e perché
Credo ancora quando smetterò di credere e spero che non accada troppo presto quando smetterò di credere mi fermerò
Questo per giustificare prima ancora di dirlo il mio di di dice proclamare lo il mio ottimismo
Perché io comunque sono ottimista rispetto alla nostra capacità di cambiare il contesto di cambiare le regole di recuperare un ruolo di protagonisti attraverso dei meccanismi che non sono
Facili ma che si possono mettere in campo quando smetterò di avere questo ottimismo
Allora a quel punto smetterò di fare politica perché non avrà più senso impegnarsi per qualcosa in cui non si crede assolutamente e oggi e io per esempio vi dico che
Non vi affido alle e piccole brochure che pure abbiamo distribuito sono comunque un materiale interessante perché
è chiaro che quelle brochure sono dei
Degli slogan che non contengono molto e sulle quali si potrebbe discutere lungamente quando
Il Partito Popolare Europeo dice in questi cinque anni di abbiamo fatto superare il problema della sicurezza
Con la riforma del Frontex è una sciocchezza stiamo ancora in corso d'opera vi abbiamo fatto superare il problema della
Lo spazio per le piccole e medie imprese lo spazio per la crescita dei con le medie imprese
Abbiamo gettato le basi perché le piccole e medie imprese possano riacquistare quel ruolo fondante che hanno nell'economia non solo italiana ma europea perché ne rappresentano circa il novanta per cento
Abbiamo dato possibilità di occupazione ai giovani cioè abbiamo messo in campo degli strumenti abbiamo detto agli Stati membri fate qualcosa riforma dei nostri sistemi
Son tutte cose sulle quali si dovrebbe discutere e quindi
Non a quelle
Come messaggio finale ma sole come spunto di riflessione vi affido ma a i docenti i politici gli ospiti che ci saranno in questa intensissima due giorni
Che sono stati selezionati
Cazzola adesso vi dirà qualche cattiveria dice che ho fatto un concorso per la selezione però sono stati selezionati tra i migliori
Della classe dirigente che noi
Abbiamo per potervi dare le risposte per poter stimolare un dibattito diverso su questioni ma
Tali e per poter binario un contributo ad essere cittadini europei in maniera più consapevole sicuramente a partire dal voto del
Venticinque maggio ma anche oltre perché quello che a me interessa quando mi rivolgo in particolare ai giovani e l'oltre e quello che sarete in grado di costruire poi dopo quindi spero che questi due giorni siano di fatica infinita per voi
Nel senso che mi auguro che nonostante il sole e il contesto non
Non avete intenzione di sottrarmi a questa macchina da guerra che abbiamo messo in campo che hanno messo in campo
Fantastica mente le che lo staff di di Magna Carta
La Latella la severità che a Paroli e gli altri che hanno contribuito e che bruciate domani sera stanchi
Ma come conclusioni una dei primi temi di cui mi ricordo mi ricordo ero piccolina sarò stata in quanto in quinta elementare stanca ma felice di aver concluso la mia opera ricordo questa conclusione che
Mi portò a rimprovero della mia mamma che mi diceva che senso ha che conclusionali su un tema che ha tutta un'altra mi piaceva questa cosa stanca ma felice
E io concluse questa cosa vorrei che voi domani sera concordiate stanchi ma felici di aver aggiunto qualcosa alla vostro pensiero buon lavoro
Ora ragazzi
Prima di entrare nel vivo della scuola io vorrei che qualcuno di voi abbia spero ci sia qualcuno di voi che si voglia presentare voglia dirci cosa si aspetta dalla scuola la perché poi anch'io caro autorevole Mazzoni o da dirti cosa mi aspetto dalla scuola perché anch'io poi mi siederò diligentemente lì ad ascoltare e quindi anch'io mi aspetto qualcosa
Però vorrei sentire qualcuno di voi
Per capire cosa vi aspettate cosa vi ha spinto a venire quali sono le vostre ragioni motivazioni
Cioè io
Io ho il coraggio di parlare semplicemente perché questa per me non è la prima esperienza che faccio con Magna Charta quindi mi sento un po'figlia diciamo di di questa fondazione perché veramente ringrazio i ragazzi perché sono quelli che diciamo ci tengono sempre in contatto
Le motivazioni sono
Io sono di Battipaglia provincia di Salerno che tra parentesi sta vivendo un momento drammatico dal punto di vista politico perché il mio Comune si sta sciogliendo per infiltrazioni mafiose
Quindi
I Comuni perché purtroppo per un giovane vedere purtroppo gli effetti di una cattiva politica non no non è facile infatti ringrazio l'onorevole perché ha saputo quando parlava di ottimismo
Io credo che i giovani abbiano bisogno di essere sostenuti perché non è facile nell'affacciarsi diciamo al mondo di oggi trovare aborti gli stimoli perché i giovani oggi sono davvero persone preparate
Però che non hanno una guida molto spesso vengono lasciati a loro stessi e quindi
Secondo me compito di chi è più di di chi è qualche anno più avanti dare segnare una strada perché altrimenti senza una strada senza un metodo di lavoro non si fa cioè le energie sono sono
Diciamo non confluite bene quindi vanno disperse in effetti questi tagli della scuola di formazione per ma anche per le la passata esperienza
Mi aiuta mi ha aiutato a vivere un impegno nella mia città a confrontarmi con veramente poi con una classe di giovani devo dire selezionati ottimamente perché non ti ragazzi preparati
E quindi nell'avere lo stimolo di costi in un futuro perché l'oltre veramente è qualcosa che riguardano i però senza il passato e senza il presente l'oltre non può esistere grazie
Io non ho
Ho ringraziato Magna Carta non a caso perché il programma poi
Lo hanno immaginato completamente loro oltre a gratificare umidi una dell'uso diciamo di uno
A di una specie di leitmotiv che accade caratterizzato tutte le mie scuole di formazione per il resto mi hanno tenuta fuori si chiama responsabilmente europei perché le mie scuole di formazione sono state
Con dei titoli un po'strani investi mente risorgimentale cioè abbiamo sempre immaginato qualcosa che centrasse l'attenzione
Sulla mente perché
Vorrei vorrei sempre che si ricordasse che quelli ai quali ci rivolgiamo anche in una campagna elettorale che poi noi valutiamo in termini di percentuale di numero di di consenso sono delle persone con delle menti
Sulle quali noi dobbiamo lavorare non per imprimere un marchio ma per
Consentirgli di aprirsi e di sviluppare tutto il loro potenziale quei al di là di responsabilmente europei
Io non c'ho messo niente e forse me l'hanno fatta pagare mettendomi in una tavola rotonda di nuovo insieme alla mitica che a parole
A parlare di un tema che mi traumatizzata il futuro dell'Europa è nelle mani dei moderati quindi domani noi dovremmo parlare di questo futuro dell'Europa nelle mani dei moderati
Allora io speravo di poter avere qualche input nato in un qualche intervento vostro
Per darmi una traccia perché
Sì avvertirò vota e ci sono anche altre persone lo Stato quindi
All'aperto stato misura tutti si compie proprio sono accorse Sacchi votivi domani un piccolo paese nel provini alla Provincia presenti in provincia di Chieti
Obiettivi e presupposti dello sombrero della ampia Sommer Della Winter va beh io vengo anche da quell'altra esperienza qui ho un bagaglio quindi dietro di
Forte in credo fondamentalmente quando si vuole Fondazione Magna Carta
Si possono fare tante cose importanti
O due punti carte mi prospettiva reale positivo di questo evento il primo perché
Quando c'è scritto lo porremo scultrice entro un evento vuol dire che è un momento di formazione e di crescita e oggi la crescita alla base di qualsiasi tipo di processo specialmente ora che si possa fare più croce
I tempi sono sempre più stretti sempre più veloce la crescita e il bisogno di essere informati
Quindi il primo presupposto e ci siamo secondo presupposto sono i rapporti interpersonali in queste occasioni modi sono centocinquanta ragazzi perché bene o male siamo tutti quanti quei toni e ce lo possibile riconosciuta solo nuova
è sempre un momento di ritrovo è un momento di crescita reale
Quindi i presupposti per questo evento penso che siano il più più rosa dei possibili e sicuramente andranno veramente alla grande poi possa veramente fantastico possiamo in Abruzzo e svolgerò molto pene sicuro questa
Al vero
No buongiorno a tutti gli mi presento sono pali Sabella vengo da un paese in provincia di di Roma a Velletri
E ho deciso di partecipare perché nazisti va be'sono un giovane avvocato
Comunque l'onorevole è un avvocato anche lei quindi
Anch'io all'università fino ad un applauso al nostro coordinatore nazionale
è arrivato
Già insomma vedi il Comune di Velletri è stato una ma ha fatto le elezioni a maggio e linee mi sono candidata come i consiglieri comunali e devo dire che era niente prima esperienza
Ed è stato un successe oggettivi chiediamo anche a questa parità bella da dove esce
Quindi ho avuto modo insomma di confrontarmi con le persone ancora oggi
Ha insomma quando cammino che è stata diversa e mi riconosco mi fermano mi parlano
E diciamo che Valenti candidato Sindaco non ha non ha vinto quindi conseguentemente neanch'io faccio parte del Consiglio comunale
E però è la mia partecipazione a a g deriva dal fatto che comunque vorrei dare nel mio piccolo un contributo insomma l'onorevole Mazzoni che
E forse l'unica a a deve ad aver organizzato una squali il genere
Perché diciamo ci sono altri onorevoli che si candideranno
Agli prassi miliziani europea però nonna non vedo manifestazioni convegni insomma chi agli quali un Giovanni
Possa partecipare e quindi la ringrazio veramente sicuramente oggi sarà per me come per tutti voi
Un momento di formazioni vera e un confronto diretto perché noi labile magari la richiamo in televisione chissà c'è una cosa bella poi terrà conoscere di persona i nostri rappresentanti quindi grazie in Libia
Grazie
Non solo per collegarmi a quello che ha detto
Approfitto dei di questa sua riflessione è un'occasione per potersi confrontare allora io capisco questo momento iniziale di timidezza ma approfittatene
Nel senso che adesso non non vi stimoliamo la chiamarono che io però ci sono tutti i politici che si alterneranno dopo i professori
Fermatevi chiedete se ritenete che siano diciamo una cosa alla quale non siete convinti abbiate il coraggio di dirlo magari dite una sciocchezza non lo so o magari dite una cosa
Più intelligente di quella che sta dicendo il professore o il politico di turno
è un momento di confronto deve essere soprattutto non di ascolto e basta perché se no facciamo un comizio un convegno e risolviamo tutto in un tempo più rapido tutto
Questo investimento sarebbe perché voi facciate lavorare anche la la vostra mente in un rapporto un po'più diretto con questi signori che si siedono dietro al tavolo
Il senatore Sacconi una senatrice Bianconi
Benvenuti
Arrivano quelli che potrete torturare insomma
I ragazzi approfitto dell'intervento
Tuo come ti chiami dissi Monchieri però
Perché una delle idee che vi volevamo lanciare come diciamo esito di questa scuola è quella
Della creazione di una Community
Dei ragazzi della Winter sul
E chiaro che io tecnicamente non non sono neanche in grado di dirvi come si può mettere super no sono sicura che voi avrete avete tutti gli strumenti perché questo possa accadere io penso che entrare in contatto e poi tenersi in contatto sia una cosa importante quindi di invito a pensarlo e a cominciare a realizzarlo tra di voi
Ora
C'è qualche d'un altro che o che bello sai bene
Sono Federica De Roberto della vista di Firenze io mi soffermerei più di tanto sul titolo responsabilmente a rotelle perché un anno molto difficile peritale abbiamo la presidenza al Parlamento di conseguenza questo primo apprendere secondo me come essere credibile a livello internazionale
E soprattutto quale difforme possono essere necessario Berno unione politica oltre che economica oltre che monetaria
Di conseguenza come acquistare veramente soprattutto di tale in questo periodo difficile
Non amente è una posizioni siamo di cultura si sommi siamo comunque uno dei sei padri fondatori di conseguenza dovremmo cercare di mantenere rispetto all'opposizione e soprattutto di farci rispettare dagli altri
Perché trovino vorrebbero almeno altri trecento credo che
Ma io credo che è poi un pochino
Ora di ritardo rispetto certo allora Quagliariello che si è nascosto interviene dopo iniz
Siamo con la tavola rotonda che
Siccome tutti gli illustri relatori sono presenti della prima tavola rotonda

Quale
Quando al mondo del lavoro dice contenuti
Allora io invito la senatrice Laura Bianconi alla quale
Facciamo una fortissima fra
Vice capogruppo dei senatori del nuovo centrodestra nonché mia compagna di banco al Senato
L'onorevole professor Giuliano Cazzola
E
Il mio fantastico capogruppo al Senato il senatore Maurizio Sacconi
E la moderatrice
Margherita Montanelli
Ciao ben arrivata
C'è tutto
Proposta
Stiamo
Questa
Siamo indisciplinati
Così siamo creditori sono tutti pubblici
Questo questo dibattito
Allora innanzitutto ragazzi buongiorno citeremo insomma ringraziarvi per la vostra presenza so che sarà già stato fatto a nome della Fondazione Magna Carta mi fa molto piacere
Vedervi qui così numerosi oggi e mi fa molto piacere moderare un tavolo su un tema così strategico
Prioritario oggi
Anzi due cani perché in realtà abbiamo scelto di collegare la questione lavoro alla questione del welfare
E pensando diciamo alle innumerevoli piste di collegamento tra questi due temi così prioritari e strategici verrà la nostra agenda politica
La prima cosa che effettivamente mi è venuta in mente è che entrambi i temi sia il lavoro sia il welfare chiamano in causa una questione altrettanto importante che è quella della sostenibilità economica
Economica e sociale che cosa significa sia influenza per dal punto di vista di risorse sempre più scarse che lo Stato a disposizione e quindi di un numero minore di fondi che si possono mettere a distanza disposizione dell'assistenza
E della previdenza sia
Il lavoro chiaramente per tutta la condizione di difficoltà che ci troviamo ad affrontare ormai da anni chiamano in causa la questione
Della sostenibilità e io dalla questione della sostenibilità economica vorrei partire per rivolgere la prima domanda che farei
Alla senatrice Bianconi così cominciamo diciamo al femminile e che riguarda proprio la sostenibilità economica delle delle prospettive dei percorsi che questo nuovo Governo sta portando avanti
Il lavoro l'abbiamo visto una delle delle priorità e dei temi che sono sul tavolo il welfare in realtà se ne parla meno però io insomma mi auguro che la prospettiva sia quella di conciliare i due temi
All'indomani di una conferenza stampa importantissima voto sono state presentate delle misure e dove si pone anche al Presidente del Consiglio il problema della sostenibilità economica che da più parti
Gli è stato evidenziato perché tutte le belle misure che sono state
Presentate hanno grave grande interrogativo dal punto di vista della sostenibilità e delle risorse dove si trovano
Ecco quali sono quindi le prospettive politiche e quali su quale strada si sta dirigendo per cercare di dare un impulso al lavoro e di farlo anche conciliando lo con il welfare e con la previdenza
Evidenzia i cittadini
Allora buongiorno grazie di questo invito grazie Federica di questa opportunità salve a tutti
Io di fronte a due giganti del del pensiero liberale sul lavoro quale Cazzola e e Sacconi sinceramente non mi avventuro
Su questo territorio che lascio totalmente a loro per competenza e per capacità
Diana di analisi anche per per il futuro però la domanda
Anche perché io mi occupo più in maniera più specifica di sanità
E credo che il comparto sanità abbia un grande peso su quello che il Guelfa re il prossimo welfare però io comincerei con questo io credo che noi
Usciti da questa crisi
Non saremo veramente più quelli di prima
E in modo particolare sulla questione del welfare perché la cosa che io spero ardentemente che dopo questa crisi cambi è il concetto
Culturale e e quindi le eliminazioni ideologica di quello che noi abbiamo sempre concepito il è un Welfare State è italiano
C'è una
Sorta di peso ideologico che ha sempre guidato purtroppo in modo particolare le linee di sinistra
I lavori di sinistra e cioè il concepire che
Il pubblico era
Aveva gli aspetti di moralità e il privato aveva invece tutti gli aspetti e tutte le deviazioni e dell'immoralità
E quindi in questa contrapposizione tra pubblico e privato il pubblico sempre buono efficiente efficace e intelligente capace di leggere i bisogni delle persone eccetera mentre invece il privato sempre
Proiettato alle benessere di pochi sempre
E molto selettivo sempre molto elettivo eccetera
E si è maturata una dicotomia che nella nostra società pesa moltissimo quindi io spero veramente che usciti da questa crisi noi questo tabù lo eliminiamo
E lo dobbiamo anche eliminare non soltanto per una questione di giustizia
Perché pubblico è il servizio reso indipendentemente da chi lo loro lo rende
Ed è ovvio che poi
Deve essere valutato sulla efficacia sull'efficienza sul contenimento dei costi sulla capacità di essere sempre più vicino a quello che è il reale bisogno
Ma lo dovremmo anche fare e perché altrimenti e saremo costretti a incamminarci sempre di più su quei tagli lineari per la cosiddetta sostenibilità del sistema
Io
Dò alcuni flash e poi immagino che le domande si potranno anche
Ripetere quindi potrò fare anche degli altri esempi
Se noi ci incamminiamo sui tagli lineari siamo costretti a
Rampa Arre le cime degli alberi senza entrare nello specifico
Di quello che è una spesa di quello che può essere un servizio reso le persone
Se noi invece riusciamo a mettere ingressi Energia quelle che sono le risposte delle persone
Degli enti di di secondo di terzo livello
Quelli che solo più capaci e per una situazione data di dare una risposta probabilmente noi avremo certamente una inversione culturale ma anche di risposta propositiva ai bisogni delle persone
E lo faccio come esempio
Ripercorra anche l'esperienza che ho che ho sempre fatto come consigliera comunale rispetto ad esempio agli asili nido o agli asili comunali
Dove un bambino dentro una stesa di un asilo comunale costa normalmente dalle tre alle quattro alle cinque volte di più
Di quello che a parità di servizio e di qualità un bambino dentro una struttura
E di tipo privato privato sociale privato no profit eccetera insomma
Questa ricchezza della società in questa situazione di crisi secondo me va assolutamente potenziata va assolutamente
Valorizzata perché ne abbiamo anche un ritorno oggettivamente economico
Per ora questo tabù se lo abbiamo ancora
E il nelle nostre nelle nostre concezioni diciamo anche delle cosiddette leggi ma sempre di più se riusciamo a diventare più aperti più capaci di leggere quello che ci può provenire dalla società civile noi e sono certa ne avremo
Una allargamento dei servizi ma ne avremo soprattutto una sostenibilità economica e termino facendo un altro esempio e in campo sanitario
E quindi molto più
Come dire di impatto oggettivo su quella che è la spesa e quindi la sostenibilità voi sapete che il servizio sanitario nazionale oggi
Vanta un fondo di cento nove miliardi se pensate che il bilancio dello Stato è pari a ottocento miliardi la sanità
Copre e terrena risorse per circa un ottavo
Se poi pensate che ha i bilanci regionali la Spesal sanitaria pesa sulle
Sul bilancio delle regioni per il settanta settantacinque per cento
Vuol dire che
Per tutto il resto dalla cultura all'impresa alla famiglia e quant'altro noi abbiamo a disposizione soltanto un venticinque per cento
Cioè cosa voglio dire che il corpaccione del servizio sanitario nazionale pesa e pesa molto sulla sostenibilità ma pesa anche molto sui nostri
E bilanci bene
Noi stiamo andando incontro grazie anche a ricerche scientifiche alla ricerca medica eccetera a una invecchiamento prolungato
Ma insieme all'invecchiamento prolungato abbiamo anche una compresenza sempre maggiore di comicità diversificate
Se noi pensiamo come i nostri amici di Sinistra ci vogliono far pensare che la risposta è
Più case di riposo
Più case della salute cioè tutte est queste sovrastrutture e noi siamo incamminati a a con flotte a una
Situazione di
Ho
Di non risposta del bisogno oppure
A mandare in tilt e tutti i nostri bilanci
Ci sono risposte tecnologiche che possono essere gestite in casa e possono essere gestite attraverso l'aiuto
Di associazioni che territorialmente riportando approvarne la propria casa nel porre nella propria nelle proprio quartiere la questione sanitaria dei cronici
Con una spesa indubbiamente assolutamente sostenibile
Ecco allora capite che
Se noi continueremo ad andare verso una statalizzazione delle
Dei RdB sogni e quindi a una standardizzazione dei bisogni e a una
Statalizzazione delle risposte noi andremo a sbattere
Se noi apriremo invece a tutto quello che si muove intelligentemente sul territorio
Con tutto quello che di nuovo abbiamo a disposizione noi potremmo dare risposte migliori con una sostenibilità oggettiva
Potremmo fare esempi a a dismisura su questo ma è proprio l'approccio completamente diverso allora se noi lo faremo per una questione finalmente intelligente culturale
Lo dovremmo fare per una questione economica però a questo punto sinceramente a me poco interessa la cosa importante e poter veramente rompere questo tetto di cristallo che per questi cinquant'anni ci hanno veramente molto presto
Grazie Presidente Bianco a niente ritorniamo appunto sulla questione economica della sostenibilità e a questo punto non posso non chiedere al presidente Sacconi
è dal punto di vista diciamo politico abbiamo visto sono giornate importanti sul de lavora si è parlato molto si è parlato
Di misure all'interno del gioco setta su su cui molti diciamo nutrono tanta fiducia si è parlato diciamo della riduzione dell'IRPEF dell'IRAP sia messa molta carne al fuoco
Io vorrei che a aiutasse noi in particolare i ragazzi
A capire di più che cosa effettivamente sta succedendo e soprattutto quanto di quello che si ha detto è effettivamente possibile in così poco tempo
Sì mi consente innanzitutto di dello di diventare due considerazioni sulla sostenibilità per il nostro modello sociale perché quello della sostenibilità ovviamente
Un un aspetto fondamentale per la stessa coesione della nostra società per la
Nostra dimensione comunitaria noi ci riconosciamo con conviviamo col richiamo in una nazione nella misura in cui
Alcuni
Diritti fondamentali sono garantiti e sono organizzati in termini quanto più appunto sostenibili con adeguati elementi di responsabilità delle persone e dei
Delle singole persone delle famiglie delle comunità
Credo che siano tre gli elementi che influenzano la sostenibilità
L'antropologia cioè la
La visione che abbiamo dell'uomo
Sono costretto a mettervi questo primo punto perché fino a ieri potevo ritenerlo scontato questo aspetto oggi scontato non è
Il secondo aspetto è la demografia
Il terzo aspetto è l'attività quanto cioè la nostra sia una società attiva
Il mondo l'antropologia è evidente che quando vi Mifed riferisco ad essa mi riferisco al dibattito che è stato introdotto nelle società occidentali
In particolare nelle società opulente di tradizionale opulenza oggi
Impegnate invece in una difficile transizione
In queste società è intervenuto a quello che io chiamerei una perdita di senso anzi
Qualcuno più autor molto più autorevolmente di me ha parlato di perdita di senso mi riferisco a quel grande filosofo che è Benedetto serie che EPA perché Papa Ratzinger
Ma politicamente
Credo ci abbia indicato una chiave la fondamentale chiave di lettura della crisi della grande crisi che vivono le società occidentali
Espressione di questa perdita di senso se volete anche il dibattito antropologico
Il dibattito sul genere
In questi giorni ho fatto un Twitter anzi ben più con il quale ho concluso una riunione di maggioranza dicendo su una sola cosa siamo certamente d'accordo ed sono molto lieto
A proposito del dibattito di genere che qui tutti riconosciamo il maschio e la femmina
Non è così normalmente perché si alzano continuamente parlamentari ieri si è alzato uno criticando proprio quel Twitter e dicendo che io
Strumentalizzarlo a proposito del voto di genere d'acquisto scusate l'occasione della discussione era quella sul voto di sulla preferenza di genere
Al ribadendo ed invece questo parlamentare la sua visione come si dice leggibili dite
Noi potremmo ironizzare quanto vogliamo su ciò perché credo che questo sia un ambiente
Di sani conservatori dei principi depositati dalla tradizione ma purtroppo non ci possiamo permettere l'ironia perché si è aperto un dibattito che ha
In molti Paesi determinato decisioni
Che mettono in discussione il modello antropologico ma con esso il modello sociale
L'esempio più banale che vi posso fare
Sono le spese per il coniuge noi spendiamo oltre trenta miliardi di euro all'anno per il coniuge sono trentasette miliardi solo per i superstiti prevalentemente il coniuge
Da attraverso la pensione di reversibilità
Sono circa altrettanti per detrazioni e assegni che sono rivolti al coniuge
Immaginate se la platea dei beneficiari già anche in Italia e già generosamente trattata per quanto riguarda la pensione di reversibilità si ampliasse oltre
Il matrimonio di cui alla Carta costituzionale
Quindi l'antropologia la visione dell'uomo influisce sulla sostenibilità
Il secondo aspetto è ovviamente la demografia il rapporto la
Che
Si connette con quello con il terzo aspetto quello dell'attività
La la demografia e la gelata democratica espressione anche questa della perdita di senso
A avrà tra Pito le nostre società e determinando sempre di più combinata anche con un'altra pigmento dal punto di vista della attività delle persone
Una uno squilibrio fra coloro che
Sostengono e coloro
E sono sostenuti tra
Nella nella
In quella solidarietà intergenerazionale che è stata la ragione di equilibrio dei sistemi previdenziali
Evidentemente se si riducono gli attivi essi crescono i passivi
A partire dal sistema previdenziale ma non solo con riferimento adesso
Le cose possono le il il sistema è destinato ad implodere e già le criticità che è il avvertiamo nel sistema per come tradizionalmente è stato organizzato ci inducono a porvi mano
Sommariamente l'ITEA ricordo i criteri del Libro bianco del Governo Berlusconi io ero Ministro del lavoro e delle politiche sociali e producono mossi
Questo libro bianco sul modello sociale questo Libro bianco prevedeva quattro criteri
Quello della delle dell'autosufficienza della persona l'empowerment della persona
Quindi affinché il modello non sia solo risarcitorio ma innanzitutto previsionale quello dell'appropriatezza della risposta ai bisogni della persona
Quello della sussidiarietà per cui non siano solo le funzioni pubbliche a erogare questa risposta
E quello del cofinanziamento affinché questo modello sia quanto più assicurativo su base obbligatoria in parte su base volontaria in parte e
Invece
Affidato alla fiscalità generale quindi al bilancio dello Stato solo per la parte residua
Mi fermo sulla certamente per la sostenibilità è una parola sull'attualità
Ieri è successo via Pilato successo oggettivamente qualcosa di importante
L'altra sera
Quando un giornalista del Sole ventiquattro Ore mi intervistava e io esprimevo giudizi positivi alla fine conoscendo la mia storia mi ha chiesto ma lei ha rivisto in Renzi qualcuno
Voleva dire se avevo rivisto Craxi conoscendo la mia storia io gli ho detto non esageriamo
Cioè io penso che tuttavia qualcosa sia successo che cioè
Per alcuni aspetti della grande manovra ipotizzata
Un Presidente del Consiglio di sinistra eloquenti sinistra per altri aspetti lo si legge come nella manovra stessa ma per alcuni aspetti
A affatto ciocche Craxi in qualche misura più autorevolmente più con più fatica e le fatiche la storia ce le racconta fece con riferimento alla scala mobile
Con minore fatica e con pesi e contrappesi molto più
Molto più accortamente al decisi
Le decisioni che sono state assunte in materia di lavoro sono sono discontinue rispetto ai tabù ideologici della sinistra italiana
La Ramallah vera
Come avete capito il come si chiama il contratto unico è stato mandato a cambiare nel giro di poche ore Joanne giustamente giustamente
Perché vedete il le il Novecento ideologico ci ha ha depositato non soltanto l'Italia dell'est
Quell'Italia che era dentro di noi non segnata da un confine fisico ma da un confine ideologico e che ha così tanto condizionato materie come quelle di cui stiamo discutendo perché
La ragion stesse ad essere il comunismo è ovvio che si esprimeva mondo in questi ambiti
Ma poi ha espresso anche il Novecento ideologi concerto giacobinismo costruttivista
Spero di essere inteso cosa il costruttivismo la pretesa dei decisori di plasmare a loro modo la società e di comprimere alla società entro degli schemi ideali
La ministro forme era non era una comunista ma era ormai giacobina
Vizio che a Torino cioè gioverebbe oltretutto cioè si forma delle classi dirigenti e una giacobina che pensava di costruire la realtà dentro la sua
Dentro il suo schema
Lo ha fatto con la riforma del lavoro determinando un disastro che nessuna riforma comunista Beppe così tanto prodotto cioè il giacobino è stato perfino peggiore
Della il giacobino liberale e liberista che potremmo chiamarlo è stato perfino peggiore dei comunisti negli esiti e la sua stessa riforma delle pensioni ci è costata in un anno e mezzo
L'impegno di o di dodici miliardi vero Giuliano per i cosiddetti è sondaggi
Ci siamo impegnati ci siamo impegnati ci siamo impegnati per gli anni prossimi per circa dodici miliardi già c'è costato non avere tenuto conto del fattore umano
Perché i giacobini come i comunisti non tengono conto dell'uomo novecento ormai solo il comunismo e anche altra roba ripeto
Ieri sono state prese e parso tornare il buonsenso
Le decisioni prese in materia di apprendistato di contratto a termine due contratti di ingresso di ingresso e non solo di ingresso su un'eco nel caso del contratto a termine così emblematici così importanti amanti emblematici
A in termini di drastica semplificazione introducendo l'antropologia positiva
Laddove aveva sempre dominato l'antropologia negativa io non mi fido dell'impresa l'imprenditore il datore di lavoro è tendenzialmente uno che dalla mattina alla sera si incendia a come fattore lavoratore
L'antropologia e per la prima volta è stato assunto un criterio per la prima volta in del corso di questi ultimi anni siamo tornati alla legge Biagi che era invece fondata un socialista cattolico come Marco aveva un approccio da antropologia positiva
Cioè io mi fido
Contro certi limiti con certe regole e con certe sanzioni io mi fido
Non vuol votare una esasperata diffidenza
Comincia un percorso un segno di discontinuità è stato prodotto lo abbiamo lavorato ovviamente per quella discontinuità non è gratuita
Ho detto che ci sono pesi e contrappesi che ci sono bilanciamenti forse il
La la la la riduzione della pressione fiscale non l'avremmo fatta esattamente in quei termini
Però in quei termini per una serie di ragioni va bene anche i nostri convincimenti sull'economia perché dovrebbe tradursi in consumi
Io avrei preferito si fosse tradotta anche in incrementi di produttività e quindi che la detassazione si fosse rivolta a quella parte del salario che è legata all'incremento di produttività in modo che usciamo dalla trappola italiana
Che sta per cui è stato il Paese più unioni Zagato dell'Occidente industrializzato cioè più sindacalizzata o
Ma il Paese nel quale ci sono stati i più bassi salari rispetto i competitori la più bassa produttività la più bravi la
E quindi il più alto costo del lavoro per unità di prodotto
E e c'è stata la più
Cronicamente la più bassa occupazione sempre anche negli anni di grande tumultuoso sviluppo economico la più bassa occupazione tasso di occupazione non di disoccupazione di occupazione
Che è quello che è l'indicatore vero sull'attività della società e sulla vitalità del mercato del lavoro
è abbia
è cominciato un percorso in questo equilibrio precario tra diversi che caratterizza il Governo deve Agenzia
Siamo lieti di avere convinto un Presidente del Consiglio
E un ministro di formazione di sinistra a fare questa svolta noi confidiamo che questa svolta possa essere nel segno della vita attiva
Di quello che
Era il cuore della del Libro Bianco sul futuro del modello sociale
La vita attiva
Perché è questa la vita buona la vita buona è fatta di affetti di lavoro di riposo ma il lavoro è una componente fondamentale quando c'è esclusione dal mercato del lavoro vengono venga viene meno anche il resto grazie
Quindi sostanzialmente mi sembra di capire che si può riassumere che il percorso avviato diciamo preveda innanzitutto non più un un contratto unico ma di flessibilizzare maggiormente le tipologie contrattuali
Di prevedere meno meno tasse per i lavoratori e viceversa meno tasse per chi produce che sono un po'le due facce dell'IRPEF e dell'IRAP
Io però vorrei chiedere al professor Cazzola dal punto di vista del welfare e della sostenibilità del nostro welfare visto che ancora
Non è un tema affrontato
Diciamo con la stessa completezza e con lo stesso approfondimento delle tematiche del lavoro
Secondo lei qual è la riforma diciamo che in via prioritaria servirebbe al nostro sistema per essere più sostenibile
E per agganciarsi anche alla questione lavoro sul perché abbiamo capito questo modo questi ogni strettamente interconnesse
Che si auto stimolano diciamo avvicenda quindi quale riforma serve anche in collegamento invece provvedimenti e alla
Strada intrapresa sulla sul mondo del lavoro
Per io innanzitutto ringrazio per per l'invito
E ringrazio anche per queste domande perché mi
Mi danno modo di di fare anche delle proposte della proposta a cui ha lavorato
Non solo dalla passata legislatura come
Parlamentare ma anche come
Come studioso come studioso di materia di lavoro e di di materie di welfare
Però inizialmente vorrei dire qualcosa anch'io sul sul la prima parte del scorso cioè sull'intervento che ha fatto il senatore Sacconi
Con una battuta se volete cominciamo con con una battuta io mi sono sposato dopo
Una una lunga vita insieme l'otto dicembre
Dell'anno scorso e nella nella partecipazione dimostra che ho mandato
Quelli che ci conoscevano agli amici sono sapevano di questa lunga comunanza di vita insieme alla la mia compagna qui equamente abbiamo delle storie
Matrimoniali precedenti superate
è quindi un percorso anche abbastanza complicata travagliato
Ho scritto che non solo volavamo volevamo coronare una lunga vita comune passare gli ultimi anni della vita insieme ma soprattutto vogliamo avere il privilegio di poter usare ancora le parole marito e moglie
Prima che l'uso di queste parole diventasse una un indizio per il reato di omofobia
Per
L'ho io credo che
Corriamo questo rischio somma nella Mignani a città Bologna ma ho visto anche a Milano
Sì abolito dirittura la possono stavano sulla politica della certificazione per rinvii per avere le prestazioni sociali sia Polito direttore il nome di padre madre no
Nel senso che nomi primi nomi feci una volta si imparavano da bambini
E vengono aboliti perché anche questi e possono rappresentare una discriminazione una digressione dal punto di vista appunto dei nuovi diritti e a cui in qualche modo
Giustamente forse dovremmo anche aprirci
Poi io ho sostenuto quando
Si è
Come carsica avente diciamo è uscito
Di nuovo neanche nella nel del programma di governo la questione o i civili io diciamo da studioso di problemi previdenziali sostengo che e meglio il matrimonio gay
Da un punto di vista delle cose che diceva
Che diceva Sacconi dal punto di vista dei dei dei delle del delle ricadute sul welfare e sul sulla
E sulla P sulle pensioni sulla reversibilità e meglio il matrimonio gay che non le unioni civili
Perché si insieme chi esce colleghiamo unioni civili con
Reversibilità noi avremo
Avremo una una situazione che assolutamente incontrollabile
Molto meglio molto meglio da un punto di vista finanziario giorno siamo per la perdere le questioni etiche e dunque ognuno ci fa riflettere molto meglio introdurre il matrimonio di Zapatero
Che comunque è pur sempre venerdì se volutamente quando Sacconi non sette no no ma io lo dico paradossalmente lo dico con lo dico in termini preparato strali perché la cosa più devastante dal punto di vista diciamo dei costi di quest'operazione sarebbe quello di corredare la reversibilità con gli omicidi
Perché a questo punto noi dovremmo
Parte fatto unioni civili nessuno
Ciò unioni civili a questo punto quando ci fu un progetto di legge della Vindice unioni civili addirittura era una cosa che poteva e si è la vecchia sia con la nipote no cioè si apre una una cosa che non ha nessun controllo
Almeno al matrimonio gay c'è un c'è un uno vada al prete Ovada al va dall'ufficiale di stato civile e
Anti da questo punto c'è un ha un rapporto che un rapporto definito ma chiusa questa parentesi
Io sono d'accordo anche con le considerazioni che faceva
Sacconi sulle sui provvedimenti che il Governo ha preso in materia di lavoro
Io ho un'antipatia assoluta nei confronti di questo premio di questo Presidente del Consiglio
Nel senso che non lo posso offrire credo che sia un ragazzotto arrogante presuntuoso però da persona onesta intellettualmente onesto devo riconoscerlo che i provvedimenti del decreto
Sulla questione della delega
Ci può essere precipuo parlare a lungo poi insomma
La delle che pur se in quella legge delega
Io nella mia esperienza ho visto ho visto fare cinque leggii delle
In cinque legislature diverse susseguite quindi sul della legge-delega se ne parlerà
Ci sono aspetti sicuramente convincenti altri meno convincenti però le due misure che sono contenute nel decreto sono sicuramente misure
Misure positive
Perché
Diciamo intervengono intervengono su un rapporto di lavoro che è il rapporto a termine
In modo non solo da va
Ficcare completamente questi esercizi intellettuali stico del contratto unico tutti o la differenziata perché se c'è un contratto a termine liberalizzato entro trentasei mesi nessuno si mette a fare il contratto che vuole Pietro Ichino o Tito Boeri
Anche se nei primi tre anni non si applica l'articolo diciotto
Ma secondo me il il conto il questa
Estensione del contratto a termine lo dimostra anche il monitoraggio fatto dal Ministero del lavoro sull'applicazione alla legge Fornero che molto interessante da leggere
Lo trovate sul sito del Ministero del lavoro è molto interessante leggere perché e un monitoraggio voluto da fondamenti introdotto nella legge al ministro Formica euro che testimonia il fallimento di quella legge
Testimonia
Il diciamo le gli effetti negativi che quella legge ha avuto nel senso che l'unica cosa che si sono fatti in Italia sono stati contratti a termine
Perché il contratto a termine con la liberalizzazione fino a dodici mesi a colori garantiva di più addirittura il contratto a termine andato ha finito per andare sulla testa non solo del contratto a tempo indeterminato anche degli altri rapporti flessibili
Ha finito per
Per soppiantare il ruolo che avevano le collaborazione al ruolo che aveva anche
Il lavo il lavoro il lavoro a chiamata
E e quindi ampliare ampliare questa forma che e comunque una forma garantita perché è una forma a cui si approvi normali contratti di lavoro e secondo me è una scelta è una scelta giusta è una scelta importante
E e quindi come pure le misure che sono
State introdotte per decreto nella nelle per l'apprendista
E quindi fatta questa diciamo dichiarazione di voto
Io entro invece nelle proposte
Sistema pensionistico
Il sistema pensionistico in Italia ed è stato pensato
A partire dalla riforma di novecentosessantanove
Ovviamente per cioè ovviamente nove per un un soggetto che il lavoratore dipendente a tempo indeterminato
Che e diciamo a una stabilità di impiego
Indi ho occupato per per per lunghi periodi peraltro noi abbiamo avuto questo questa questa cosa nefasta delle pensioni di anzianità che hanno sfasciato il sistema
E che
Giustamente secondo me questo io lo difendo sono state corrette sono stato assolto nel superata riforma forme ero
Che nottate propensa ad per Cipputi
Perché entrava nel mercato del lavoro a quindici anni e intorno e cinquanta cinquantadue superiore era in condizione di uscire
Non abbiamo avuto milioni italiani che sono andati in pensione fra i cinquanta e sessanta primo dalla riforma forme ero noi abbiamo avuto un'età media del del pensionamento inferiori sessanta
Quindi io credo che che
E se andiamo a vedere il peso che il sistema pensionistico avuto sul debito pubblico troveremo l'effetto nefasto del pensionamento di anzianità
Ma ciò detto
La riforma del due mila e cinque non ha cambiato soggetto di riferimento
Ha introdotto un sistema contributivo però il soggetto di riferimento è sempre lo stesso
La cosa che ha fatto il quella riforma e altre leggi che erano intervenute nel frattempo è stato porre trasformare tutti in città
Nel senso che il modello pensionistico pensato per Cipputi è stato esteso a tutti
è stato esteso indagati mutatis mutandis diciamo anche ai ai parasubordinati o I dirigenti o i liberi professionisti o addirittura i lavoratori autonomi
Con alcune correzioni però il modello è sempre quello persino la previdenza privata
Che ha come fonti di finanziamento principale e che funziona laddove esiste questa fonte di inserire creazione dove ci pare che il trattamento di fine rapporto
è chiaro che guarda a a un ha un particolare tipo di lavoratore che il lavoratore diciamo subordinato
Bene io credo che noi dobbiamo pensare un sistema che cambia soggetto di riferimento
E che tiene insieme i provvedimenti a sostegno dell'occupazione giovanile
Con l'idea di un altro sistema pensionistico e premi domando perché
Per fare occupazione giovanile bisogna metterci degli incentivi
Tutti i Governi più o meno anche il Governo l'ultimo è stato il Governo letta incentivo l'assunzione di giovani
Io nella passata legislatura presentato un disegno di legge
Peraltro insieme anche Tiziano Treu che loro del PD Lutero senatori eurodeputato
Dove sostanzialmente si pensava a un sistema per i giovani per i giovani cioè per i nuovi assunti i nuovi occupati
Per quei
Trecento quattrocento mila persone in condizioni normali mezzo milione di persone diciamo in condizioni migliori da un punto di vista economico quando aveva presentato non ci aspettavamo segnali di crisi io
Abbiamo presentato la all'inizio dell'odierna del Buddha il due mila e nove lo insomma per quelli per cui da trecento cinquecento mila persone che entrano nel mercato del lavoro ogni anno
Quindi una misura che non che checché che guarda ai nuovi occupati
Una misura che prevedeva prevedeva innanzitutto un'aliquota contributiva uguale per tutti
Per tutte le tipologie di lavoro quindi lavoro autonomo lavoro parasubordinato lavoro dipendente intorno al ventiquattro venticinque per cento quindi sostanzialmente che riduceva il costo del del lavoro per i giovani nuovi occupati di almeno nove punti
Perché oggi il lavoratore dipendente a un'aliquota del trentatré per cento oppure
E
Introduceva però per questi
Per questi gioca queste persone che entra nel mercato del lavoro una previsione di base
Nel senso che quando fra qualche decennio queste persone sarebbero andati in pensione avrebbero avuto una previsione di parte a carico del fisco
Con il suo modo ragguagliata l'importo l'assegno sociale più
La loro pensione contributiva obbligatoria
Con un'aliquota però più bassa un'aliquota più bassa che avrebbe incentivato la loro assunzione
Che avrebbe anche reso indifferente il la tipologia di lavoro rispetto appunto al costo previdenziale e che sostanzialmente avrebbe coperto
No avrebbe coperto avrebbe coperto un una una
Da urlo una platea di lavoratori chiede che non ha una storia che non ha una storia lavorativa come quella dei loro padri loro non
Ecco io credo che questa sia un'ipotesi su cui lavorare ovviamente un'ipotesi che ha dei costi
Perché
Costi che sono appetiti che sono diciamo ridotti per il fatto che riguarda solo i nuovi occupati
Ha dei costi perché voi sapete il sistema pensionistico a ripartizione quindi ovviamente se si abbassa l'aliquota
Per quattrocento mila lavoratori all'anno e il finanziamento a alla lassista precisi convincente diminuisce
Però se questa cosa aumenta l'occupazione se una proposta di questo genere possibile fosse stata in grado
Dovettero l'occupazione noi saremmo stati siamo stati in condizione
In condizione sostanzialmente di compensare l'abbattimento dell'aliquota
Ecco io credo che
Si debba
Secondo me cominciare anche a
A fare l'operazione di Simeto cinquant'anni fa in buona sostanza cinquant'anni fa si guardò buttato al soggetto che era emergente sul mercato del lavoro
E si fece una PCC si istituì una pensione che in buona sostanza
Era legata al reddito dell'ultimo periodo di vita
In questo modo si copriva coloro che avevano avuto molto volta diciamo molti buchi o che avevano visto prima dalla guerra abbatteremo il loro
Bagaglio contributivo a loro volta contributiva per cui l'inflazione
Che si era sviluppata non nel dell'immediato dopoguerra
Per coloro che venivano dal Sud o che venivano dall'agricoltura
E chi erano approdati all'industria
Che però non avevano storie contributive legando loro pensione all'ultimo periodo di lavoro
Che poi quello che ha distrutto un sistema pensionistico in buona sostanza però gli ha assicurato una pensione però si è fatto un'operazione che guardava dei soggetti sociali io credo che sia da fare la stessa cosa oggi guardando a un soggetto sociale diverso
E con quel meccanismo cui facevo cenno arriva un momento a parlare di sanità
No
Per la sanità noi spendiamo lo diceva la senatrice noi spendiamo un centodieci miliardi l'anno
Lo al ministro Lorenzina difeso ha difeso finanziamento ma insomma tenete conto che le cose che diceva senatrice anche sulla non autosufficienza
Non solo non autosufficienza siamo scoperti anche se come italiani ci siamo inventati uscito un pezzo di welfare
Perché sono le badanti in qualche modo sono state sono sono stato una risposta avevano autosufficienze alle carenze delle politiche pubbliche sono sufficienza tenete conto che l'unità delle mosse trecento Butcher cento mila badanti
E la cosa divertente
E che
Monitorando la legge Fornero viene fuori che gli unici contratti a tempo indeterminato più tre per cento
Sono stati quelli delle badanti delle badanti e delle colf cioè gli italiani assumono a tempo indeterminato soltanto ad altre cose
Poi mette perché non c'è l'articolo diciotto badante però l'unico settore dove laddove il lavoro a tempo indeterminato dopo la legge pone Roma entro il tre per cento e questo
De molto significativo secondo me
Ecco quindi noi ci siamo inventati sostanzialmente una risposta all'italiana
Che che tutto sommato è una risposta che tiene perché diciamo noi il la cosa continua andare a continua andare avanti no
Ecco io credo però che noi dobbiamo
Fare quella che io chiamo
Appellandomi al diritto romano un'azione finium regundorum
Nella sanità fra quello che deve fare il pubblico e quello che può fare il privato
Noi in Italia spendiamo la cifra che abbiamo detto che credo sia ormai intorno al sette sette più del sette per cento del PIL
Quindi con tutto rispetto
Di di libri del fondo sanitario nazionale di spesa pubblica
Che poi il centonove miliardi sono quelli che sono stanziati
Non sono quelli che sono spesi
Specie quelli che sono svegli sono molto di più di quelli che sono stanziate
Ecco poi spendiamo un altro due due e mezzo per cento di spesa privata
Spesa privati in larghissima misura o of pocket sex
Cioè che gli italiani pagano di tasca propria
Perché
Non abbiamo fondi sanitari integrativi
Nella sanità e questo secondo me è una cosa certo non è solo per fare ma
L'ultima che ci ha provato è stata la Bindi del mille novecentonovantanove mentre nella della previdenza diamo dei fondi pensione nella sanità una riforma dei fondi sanitari non l'abbiamo
Esistono fondi sanitari però insomma non non abbiamo fatto con l'operazione di sinergie tra pubbliche privato che della previdenza abbiamo cercato di fare
E quindi anche cioè sostanzialmente le famiglie nel del Sulcis in questo campo sono sole
E e la gran parte di questi trenta quaranta mila Micu trenta quaranta miliardi e si spendono all'anno che le famiglie spendono privatamente
Sono rivolte ad acquistare si fissi che il pubblico eroga
E
A parte le cure odontoiatriche e non vi sono fuori dal sistema pubblico che sono comunque una cosa importante mi pare di ricordare i cinque miliardi di euro il resto è
E impiegato per acquistare servizi che il sistema sanitaria da erogare secondo me se noi fossimo in grado di fare un'operazione in cui
Ovviamente non per tutti non per tutte le prestazioni
Ma
Superassero questo universalismo ideologico
Inesistente poi pratiche inesistente no
E vedessimo quello che può fare il pubblico
Perché lo può fare perché lo deve fare
E quello che invece
A chi può ovviamente viene affidato al privato
Ovviamente però non solo le polizze sanitarie anche
Diciamo ai fondi pensione sanitari come come e diciamo come un popolo occupa operazione promozionale io credo che lo risparmieremmo
Io credo che noi ci saremo in grado di disporre ai credo che questa sia la strada da intraprendere
E finisco quadrasse
Presidente bianconera e forze
Calzamaglia nel suo intervento iniziale era parto anche tra pubblico e privato qual è cercare a questa proposta che ci ha presentato al professa Cazzola
Intanto se se mi permette Giuliano io immagino che
Lui abbia voluto fare una provocazione dicendo che sicuramente più delle unioni civili meglio il matrimonio tra gay per la sostenibilità del nostro
Diciamo sistema pensionistico perché entrambe le cose io le rigetto io probabilmente sono ancora più talebana di di Sacconi a questo punto di vista qui
Perché quello significherebbe in entrambi i casi scardinare quella che è la nostra Costituzione per cui
Quello che è comunque la coesione sociale quello che è la nostra tradizione quindi
Neanche per una questione economica mi avventure RAI personalmente
Quindi è infatti l'ho presa come una provocazione e
Ritengo che
Certamente sarebbe meno costoso l'aspetto di un matrimonio detti a regolamentare
Rispetto alle convivenze così allargate ma
Non mi avventuro Rain queste provocazioni perché appunto ripeto insomma
Rischiamo di fare un danno non sulle nostre finanze ma sulla nostra storia anche e futura mentre invece sono assolutamente
Molto interessata al ragionamento che faceva Giuliano sulla questione sanitaria
Dunque intanto noi abbiamo una situazione capestro che spero che in questa legislatura noi riusciremo in qualche misura a modificare e cioè nelle due mila e uno con nella modifica del Titolo quinto della Costituzione noi abbiamo dato in mano totalmente alle Regioni l'aspetto sanitario
Con questa sorta di materie concorrenti tra Stato e regioni la sanità è diventata competenza regionale allo Stato a spetta
Praticamente soltanto la divisione del fondo sanitario nazionale e capite bene che
In questa maniera noi abbiamo accentuato maggiormente quello che era cominciava a diventare una deriva e che oggi è una realtà che è quella dei ventuno sistemi sanitari regionali
Sono ventuno sistemi sanitari regionali con regole diverse con offerte diverse con anche i bilanci di volersi tant'è che ad oggi a circa
Dodici anni da quella modifica noi abbiamo la metà delle regioni italiani in piano di rientro e cioè
Hanno sfondato totalmente quelle che erano i parametri che a livello nazionale si potevano dare per
Il sostentamento del servizio sanitario regionale
Questo cosa comporta che ha ragione
Giuliano quando dice sono centonove miliardi di Fondo sanitario nazionale a questi i cittadini corrispondono
Molti miliardi per poter ottenere
Risposte sanitarie che il pubblico non riesce più a fare
Perché voi dovete sapere che in alcune regioni in piano di rientro quando è
Luglio
Certi ospedali non riescono più a te erogare o a programmare interventi chirurgici perché i finanziamenti non ci sono più
E quindi questo ovviamente crea una disparità di tipo regionale ma una disparità anche di
Equità tra cittadini
Dal nord assoluto
Allora Giuliano cosa dice se noi vogliamo
Stare al passo anche con tutto quello che la ricerca scientifica le innovazioni tecnologiche la risposta in nuovi bisogni sempre più articolati e sempre più personalizzati
Con questa situazione monolitica non riusciamo a sostenerla per cui
Ci dica il pubblico che cosa vuole fare il resto cielo gestiamo con quello che la società civile riesce a dare come risposta attraverso che cosa a dei fondi assicurativi
A una situazione per cui io posso contrattare attraverso questa mia assicurazione le prestazioni diciamo così che il servizio pubblico non riesce più a darmi
Allora se concettualmente qual è stato è certamente una delle ipotesi sulle quali
Ci si può incamminare
Noi abbiamo però già oggi la esperienza come ad esempio quella americana di che cosa significa
Il sistema assicurativo e come le assicurazioni
Che fanno solo del profitto possono inglobare le nostre risorse e quindi
Non rendere più fruibile anche in maniera e qualche servizio dato
Perché vedete noi abbiamo un servizio sanitario nazionale che per quanto possa sembrare ed essere anche in alcune situazioni inefficiente
è certamente una di quelle grandi conquiste che noi abbiamo avuto tra l'altro il nostro se Servizio sanitario nazionale è
Uno dei migliori servizi sanitari al mondo
E se quindi lo paragoniamo
Ad altre esperienze pensare che la nostra situazione tra le migliori significa che veramente altrove cioè molto ma molto ma molto di peggio se non altro per rete di protezione
Allora quale può essere la quadra tra
Una situazione
Così bloccata come questa che rischia appunto di comunque non darti totalmente i i servizi di cui hai bisogno e l'altra vicenda che in alcune nazioni e invece è vigente quindi una totale apertura quella che è l'assicurazione
Allora certamente eh
Come primo esercizio fondamentale è quello di guardarsi in casa propria
Noi abbiamo
Nella passata legislatura ha fatto un lavoro
Molto preciso e molto puntuale su quelle che sono i costi standards
Quindi la prima è il primo esercizio da da compiere eh vedere lo Stato
Della sanità come riesce al proprio interno non in maniera di taglio lineare
Ma in una situazione di tagli selettivi di sprechi selettivi andare ad eliminare tutto quello che uno spread
Oggettivo che drena risorse importanti invece da mettere in campo per tutto quello che è un servizio alla persona
E guardate che su questa cosa qui che è un'operazione veramente di equità ma è un'operazione di tipo culturale c'è moltissimo da fare io
Porto sempre ad esempio il fatto che a Bari
E nel Policlinico
E si è presa una PET-TAC tacche hanno leggi ciò
Per la bellezza di quattro milioni e due
Di noleggio all'anno quando una PET-TAC nuova costa due milioni e otto massimo tre milioni di euro questa è una situazione che
è è la punta di un iceberg ma che vi dice quanto lavoro si può fare nel drenare e lì l'eliminazione proprio delle sacche di spreco inutile
Dopodiché una volta che noi avremo
Con il Titolo quinto modificato io personalmente mi batterò moltissimo ma credo che
Tutto il partito si batterà su questo per una
Un non riportarle ad un centralismo
Ma ad una situazione di controllo oggettivo in capo allo Stato perché non è possibile
Che noi abbiamo situazioni di disparità tra Regione e Regione non è possibile che noi abbiamo cure
Possibile in alcune regioni e in altre Regioni perché non sono state messe nel prontuario queste non sia possibile perché altrimenti voi dobbiamo far migrare i pazienti di Regioni Regione alla ricerca della cura di cui necessita
Allora una volta che noi avremo le idee si ridefinito quelle che sono le competenze dello Stato insieme alle regioni
No no contro le Regioni e le Regioni contro lo Stato ma insieme alle Regioni allora potremo cominciare a dettagliare quali servizi si può
E devono rimanere in capo allo Stato e quali di questi servizi noi possiamo demandare in una forma sembra controllata
Sia di qualità sia di verifica e sia anche di presso a quello che
L'esternalizzazione a quella che è
Una una situazione di prestatore diverso da quello statale
E di conseguenza a questo noi potremo aprirci ad una sorta di
Compenetrazione di
Da parte del cittadino di corresponsabilità al servizio sanitario che non sia camuffato in iniquo come adesso
Perché oggi noi paghiamo il Servizio sanitario nazionale con le nostre tasse
Perché noi il Servizio sanitario nazionale lo paghiamo con i ticket perché lo è il servizio sanitario nazionale lo paghiamo sul privato privato quando il pubblico non riesce a darci una risposta in nei tempi veloci ecco allora
è solo
Però dentro a questo tipo di percorso e senza fughe in avanti di un percorso di un altro che noi forse riusciremo a mantenere da una parte quello che è la validità e la
La peculiarità del servizio sanitario nazionale che non dimentica nessuno e che non lascia per strada nessuno
Ma che dall'altra parte dia una risposta sempre più articolata personalizzata dentro un contesto di comunque
Sostenibilità del nostro sistema
Erano anche con le domande vorrei sapere innanzitutto se ci sono domande da parte dei ragazzi ecco vorrei dare la priorità queste prego
Franco
Alessandro Grevi
Comunque
Domanda di oggi era a quale welfare nel mondo del lavoro io sinceramente per la mia generazione ha una visione Cuba
Perché
Noi noi giovani ci aspettavano futuro molto difficile
Il l'attuale un welfare per noi sarà un sogno nonno credo che difficilmente sarà possibile riconfermare di determinati standard di qualità determinate
Servizio offerti pensiamo ad esempio alle aerei ai tagli lineari che ci sono stati col Governo Monti pur non approvando e la riforma del della pensione
Sono Hong una risposta quasi necessaria alla mala la cattiva politica che c'è stata
Negli anni del boom economico pensiamo a fine anni Settanta con le baby pensioni che sono state elargite anche per comprare voti in un periodo in cui il Paese cresceva al sette all'otto per cento oggi invece litighiamo se lo zero punto tre euro e zero punto sei
Quindi alcune osservazioni che avevo si parlava prima della sostenibilità nel modo di vedere non è insostenibile arriveremo a privatizzare gran parte del sistema sanitario
Anche se
Come le diceva e l'errore che commette la sinistra quello di dire che bisogna
Ma state Lizzadro al tempo stesso non dobbiamo privatizzare completamente perché è un dobbiamo dimenticare l'articolo ventinove della Costituzione la salute è un diritto
Voglio porre la domanda per quanto concerne la situazione dello di conti dei costi Standard perché là c'è file che una sacca di sangue o una siringa possa costare pochi euro
Noi dell'Italia non riguardano questi costi
No
Contestando sono delle grandi voci che riguardano tre aspetti della sempre
Le tre grandi dimensioni della sanità la prevenzione
I servizi territoriali e l'ospedalizzazione
Per questo sono molto importanti
Perché evidenziano subito la efficienza una inefficienza di un'azienda integrata territoriale massacri bassamente rivederlo detto si stanno arrivando adesso non ho alla centralizzazione degli astronauti prezzi di riferimento
Quelli sono prezzi di riferimento che è giusto di quel giusto tener conto per molto importante guardare i costi standard
Perché ti fanno vedere perché la mia quella più efficiente l'Italia perché qui invece
Ci sono alcuni problemi ma soprattutto ci sono nel Lazio ci sono nella
Ci sono altrove qui sono stati violati volto e perché anzi tema sanitarie italiane la Spezia
Come diceva come si parlava prima circa il nove per cento riferite dati del due mila e undici e i media con i Paesi OCSE
L'unica cosa il problema è che
Abbiamo delle grandi inefficienza
Abbiamo delle Regioni che il
Delle delle altre due in cui sono altri altamente efficiente progetto concreto quello prima si compresa quella privata se pensiamo che per la Germania e l'undici per cento e la questione che noi spendiamo ma spendiamo tanto spendiamo male
E volevo proposito la gelata demografica
Volevo fare
Assente la gelata demografica però il problema che non ci sono politiche in favore dei giovani a procreare
O avere dei figli e ora è uno e un è una spesa un grave problema
Approvo ce lo lo scontro in tre intergenerazionale delle possibile che alcuni nostri genitori abbiano avranno determinante sistemi pensionistici e noi alle sicuramente arriveremo ad avere una pensione sociale che non potrà essere accettabile
A chi vuole rivolgere in particolare ai quali sono queste riflessioni e l'altra domanda
Ma sarò io ne sono ancora le perché comunque quale welfare però voglio dire quale mercato del lavoro perché il lavoro le portano anche le aziende e se in Italia non c'è un contesto che possa permettere alle aziende straniere avvenire
De poco senso parlare di welfare quando non c'è il lavoro
Ora visto che è lanciato tanti spunti interessanti io dare la parola Maurizio Sacconi così ti può rispondere a trecentosessanta gradi sulle varie cose che ha richiamato
Voti faccio tutto faccio due considerazioni l'una quella
Fondamentale sulla demografia non c'è dubbio che noi dobbiamo invertire
Questo declino demografico per la vera scelta strategica che dobbiamo compiere in però di questo per questa scelta non sottovalutiamo la componente politico culturale
Ho detto politico-culturale non soltanto culturale in senso in senso lato nel senso che ritengo che
Una società
Demograficamente più vitale
Debba essere prodotta anche da maggioranze politiche di governo che siano in
Orientate alla ad un favore nei confronti della vita
Che prima soprattutto facciano comprendere quanto la procreazione sia il fondamentale compimento disse
E non un desiderio che può maturare
Iniettando matura dopodiché mi in età avanzata dopo avere soddisfatto molti altri desideri
Non
Questo significa che anche nei luoghi di lavoro è importante avere un atteggiamento ciò rivolto e sapere che se una persona una donna o uomo
Vivono la fase della maternità o della paternità questo non li allontana dalle dalle competenze ma anzi compiendo si quelle persone saranno più produttive
Saranno più matura e più produttive più competenti alla fine
Significa che in molte politiche pubbliche dobbiamo avere ovviamente un favore nei confronti
Della e in molte politiche anche private
Dicevo la dimensione di impresa in favore della procreazione perché
La procreazione non è legata al benessere e con il benessere che è crollata
Le spese vissuto ci dice questo
Che anche l'immigrato e più
Atti e più orientato procreare prima di arrivare nel nostro Paese poiché era nel nostro Paese crollava la procreazione e con il benessere che spesso si è perduto quel senso delle cose
Famiglie povere mia non erano in dodici mia mamma erano in sette e con il benessere che è venuta meno questa
Ma con questa consapevolezza
E noi dobbiamo per questo la
L'impegno che viene chiesto nel momento in cui ritenete di dedicarmi alla vita pubblica
E anche quello di risvegliare principi che sono del nostro vissuto dalla nostra tradizione per i quali io non mi appello alla fede
Ma che ci può essere o non essere ma la tradizione il terreno nel quale possiamo ritrovarci tutti credenti e non credenti nel riconoscere elementi che sono della persona connaturati a ciò che siamo
Tra i quali è questa dato questa vocazione a riprodursi
Che è stata atrofizzata proprio da un malinteso da un malinteso per essere
Allora c'è un profilo che bene non è solo un problema di assegni familiari
Di quoziente familiare nelle
Politiche ed nelle politiche di prelievo fiscale sul web sul reddito dei componenti la famiglia non è solo è anche certo aiuta fa vivere meglio
Ma nella Morello francese per me non è un modello perché per esempio ha sostenuto molto la natalità al di fuori dal matrimonio c'è una grandissima incidenza di figli fuori dal matrimonio e io non credo che sia
Che sia una buona prospettiva per quella società alla educazione dei figli al di fuori di una al di fuori dal matrimonio
Accerto alcune alcune politiche rivolte alla natalità specificamente hanno funzionato io non mi sto sottraendo alla necessità
Di sostenere anche da un punto di vista
Dei trasferimenti dal bilancio dello Stato diretti o indiretti che siano che siano anche con spesa fiscale cioè
Riduzione di prelievo fiscale in queste ore noi nel Governo stiamo sostenendo che le detrazioni devono tener conto della composizione del nucleo familiare
Quindi io non sto sottraendomi a questo aspetto ma non lo voglio considerare il primo perché è stato l'alibi in base al quale
Volte famiglie hanno smesso di procreare salvo poi in età adulta
Ma maturare lungo come desiderio e questo desiderio vogliono soddisfarlo con tecnologie
Io non con tecnologie molto discutibili eticamente molto discutibili che possono determinare dei figli che hanno
Tre padri
Che hanno due madri
E che possono determinare un odioso commercio dell'umano eccetera eccetera eccetera e quei profili etici che stanno esplodendo purtroppo e che ci e che esaltano la perdita di senso anziché assorbirle ricondurci
A quella dimensione umana
Che sola fa lo sviluppo
Nella quale solo a si produce lo sviluppo
Nel dire queste cose
Non ho difficoltà
Denunciarmi come persona tutt'altro che bigotta di formazione laica
Ma perché sto parlando dell'umano sto parlando di quel
Di ciò da cui bisogna partire di ciò che dobbiamo mettere al centro di ogni politica
La persona
La persona per come la intendiamo nel nostro nella nostra esperienza nel nostro vissuto non con un'entità isolata ma naturalmente portata proiettarsi su gli altri
Sull'altro anche con una proiezione naturale sull'oltre ma di qui qui non parliamo ma certamente sull'altro
Il primo altro è
Colui con cui costruisce una famiglia e poi la procreazione ma anche le comunità eccetera eccetera ma è la persona al centro delle cose se ricorsi copriamo
è stato questo umanesimo ne parliamo stasera parleremo di quel libro e imprenditore tutto dedicato al neo umanesimo all'umanesimo politico alla riscoperta dell'umanesimo
Dopo le
Dopo il pensiero politico uscenti i pensieri politici di carattere scientifico quasi tecnocratico diremmo oggi del Novecento sia di destra che di sinistra
Per ritornare all'uomo al centro
Faccio un salto sulla sulla sanità
Quindi in nome dell'esperienza che ho fatto anche come Ministro della salute e in nome dell'esperienza di cittadino di Conegliano Veneto
Perché a Conegliano Veneto negli ultimi dieci anni
La mia ASL avuto avanzi di gestione fra dieci e venti milioni di euro
Sono marziani stanno tutti bene
Abbiamo devo una demografia un invecchiamento inferiore a quello di alla del del Lazio no assolutamente
Ma perché noi abbiamo un solo ospedale e sembra che in quell'ospedale che ha tre plessi mai gestito come un ospedale non ci trovate un cronico non ce l'ho trovate
E quando invece cronico viene sbattuto in discorsi avviene trattato peggio e costa dieci volte di più che se il Trattato amorevolmente a domicilio della famiglia o si è trattato comunque appropriatamente in una residenza per anziani
Costa da un VII a un decimo in questo secondo caso questo spiega perché l'ASL o di Conegliano a quel bilancio
Questa è il novantacinque per cento della spiegazione
Poi certo Emilio comprare la siringa lo stesso prezzo compra la salvezza agosto soprattutto quello che volete ma questa è la spiegazione è fondamentale questi sono i costi Standa
Io ho concorso a quella scelta dei costi Standard in quel periodo troppo muovendo da quel vissuto
E quindi la buona azienda sanitaria integrata e quella che ha
Un equilibrio un determini quel determinato equilibrio da specializzazione che va
A colloqui condotta ATA appropriatezza
Prevenzione perché dicevamo il modello sociale deve essere prevenzione Ale perché vogliamo
L'empowerment dicono inglesi dalla persone l'autosufficienza alla persona quanto più lungo l'anno di vita agendo in ciascuna fase di vita in modo che non si produca il danno in quella successiva
Questa è la filosofia del Libro bianco
E dall'altra parte i servizi territoriali quei servizi appropriati come la dispensa per anziani
Come
Milioni l'attività di prevenzione o come
Ciascuno come le attività di
Di di di D'Ippolito l'H ventiquattro della della mente il della
Medicina di famiglia
O come il servizio centodiciotto
Ed è questo che noi siamo questo non è più ovvia e pratica venire per vedere
E per credere basta visitare cioè dentro di noi abbiamo delle esperienze che sono efficientissimi
Ma l'ospedale Polo della portare casa è un pericolo pubblico quando è sotto determinati Standard quando
Quando si pensa ad andare a a procreare senza rianimazione o in un luogo che fanno pochi parti
è per i con l'osso quando ti portano nell'ospedale più vicino è anche problema acuto e gli ospedali sono patti pre problemi acuti è pericoloso
Ci resta in quell'ospedale
Quindi qualunque attenzione che ci sono la vostra generazione non è condannata a una stagione necessariamente siete
Avete vissuto tutta reggere io non sono favorevole alle logiche del conflitto intergenerazionale
Le ho viste cominciare queste logiche sono cominciate nel sessantotto
Prima la categoria giovani non esisteva prima del sessantotto la categoria giovani non c'era
Beh emunta il mio maestro politico mentre era in atto il sessantotto
Mi disse una cosa che mi è rimasta qua per la vita
Stai attento che quello che è quello quella quelle luci
Che emergono con questi movimenti e sessantottini non sono il segno dell'alba di un'era nuova ma sono gli ultimi fuori
Ma solo il tramonto di un mondo vecchio che muore
La storia credo abbia dimostrato che fu così
Che il sessantotto fu il tramonto del mondo vecchio dell'illusione per esempio tutto impostazione sessantotto Arda si fonda su un'idea dello sviluppo acquisito garantito scontato per cui il problema è quello di distribuire
è solo di distribuire
E i bastardi anni Settanta maledetti per quello che ci hanno depositato
Sono gli anni in cui proprio perdiamo il senso delle cose lì che nasce tutto il disastro questi informali disastro
Vi hanno detto mi sono fatto mandare dei conti prima
Pensate scusate se salto va in questo parco
Vi è stato beatificato il povero onorevole Andreatta
Il popolo però avvertono le persone che era ritenuto un rigorista
è uno di quelli che più ha concorso al debito pubblico del mille novecentottantuno pensò che si dovesse separare il dibattute solo dalla Banca d'Italia tra l'ottantuno ottantaquattro il collocamento del debito pubblico saldi di quattro punti di PIL
La spesa pubblica dove è saltata quattro punti di PIL
Perché con una finanza sotto controllo non era il momento giusto perché il pensiero scientifico si applicasse dimenticando l'umano quattro punti di PIL in quattro anni
Ci ha fatto
Vi ha determinato una palla che ha fatto diventare valanga il debito pubblico
Voglio dire anche con questo esempio che
Sono stati commessi certamente degli orrori ma non da una generazione che è scappata con la cassa che a affatto libagioni infinite c'era una generazione che veniva dalla miseria c'era una generazione che veniva dalla guerra
C'era una generazione che aveva patito che aveva anche voglia di godere e perché no
Perché no ma ogni generazione nel suo seno a
A ben vedere i momenti migliori momenti peggio uniti e voi non partite con l'idea che avrete ha soltanto la negatività intanto perché fino ad oggi tendenzialmente non avete vissuto
La dei che attività che ha vissuto che ha vissuto al generazione precedente alla mia enti parte qualche volta può avere vissuto anche la mia molto più
Che la vostra
E non non ampia e non è cadente nella trappola del conflitto intergenerazionale che viene detto proprio dai sostenitori del pensiero scientifico
Da quelli che non guardano mai la dimensione umana delle cose che non vengono dentro la pende alla la dimensione umana delle cose accingete bimbo o il costo del responsabile inventa costruirvi un futuro che certo sarà fatto di
Riorganizzazione di molti aspetti che sono stati lasciati degenerare il servizio sanitario vi ho spiegato che però ha risorse
A risorse date c'è un'azienda sanitaria che ottenuti utile quei risultati razionalizzando affrontando l'impopolarità come diamo approntato di chiudere qualche ospedale che era necessario chiudere per fare più sanità migliore sanità nord minori servizi
Non per dare di meno per dare di più
è possibile la vostra intelligenza la vostra sensibilità la vostra il vostro orientamento alla alla alla persona come fondamento di ogni scelta come misura di ogni azione umana a partire da quella pubblica
Vi consentirà di riscattare la il degrado delle nostre società quali dagli anni Settanta si è prodotto
Queste la mio il mio appello che vi rivolgo cioè non cadete nelle trappole delle letture del conflitto generazionale del dei soldi che mancano della
Bisogna fare sviluppo per fare sviluppo io vi dico la verità io ho sempre pensato che la prima politica pubblica nei confronti dei giovani per il lavoro sia andate a lavorare
Migliori mi dispiace sarà provocatoria si ripara incazzare ma io ho sempre pensato che la prima politica pubblica sia andate a lavorare
è andato a lavorare vuol dire vuol dire cosa vuol dire qualunque lavoro qualunque lavoro perché il mio primo lavoro non mi divertiva per niente era il residuo di un mio divertiva
Ma non mi divertiva per niente ma gli sono così affezionato perché mi ha consentito di coltivare il sogno che avevo di diventare deputato a ventotto anni con le preferenze come erano allora in un sistema maledettamente competitivo
E lo devo tutto a quel primo lavoro che mi pesava non mi piaceva ma perché era
Era lo strumento per la mia libertà e del
Mia possibilità di coltivare il mio sogno
Io chiederei
Ma anche diciamo l'intervento conclusivo ARPA magari possiamo raccogliere le domande che avete le facciamo avere in qualche modo i relatori
No io oggi ho deciso di essere paradossale euro però coi miei paradossi
Credo di dare materia alle considerazioni che faceva Sacconi poco fa
Nel mio ultimo libro titolato giovani al lavoro racconto la storia di una coppia americani che ho conosciuto
Che perché si è voluto evitare di fronte a casa mia
E loro venivano da luglio è ridicolo americani non venivano dallo IOR e hanno deciso di venire a stare a Bologna perché secondo loro allo IOR non si può allevare una famiglia perché è una città troppo pericolosa
E non so come hanno scelto di venire abitare a Bologna di fronte a casa mia
Bene luglio avevo una
Ancora perché ciò c'è ancora non a una anche se ha cambiato casa
A una quarantina d'anni
Sua moglie ne ha aveva trentadue
Tenete conto che in Italia il primo degli mediamente la donna partorisce il primo figlio a trentun anni
Questa donna trentadue anni aveva tre figli
Grosso modo diciamo da dall'età scolare dalla dalla prima elementare a
A un bambino
E lo insegnava inglese in Corea del Sud
Poi tutto sommato credo che va trovato modo di studiare inglese anche anche a Bologna perché lo show lo avevano questo vantaggio della
Della lingua del mondo che indubbiamente è un vantaggio
Bene loro in un nel nell'anno che sono che hanno guidato di fronte a casa mia hanno SCO dell'ATO una Walter bambina
Allora io adesso voglio portarlo lo voglio portarlo come esempio non mi rendo conto che un po'il però ecco io mi sono interrogato e ho raccontato loro storia in questo libro perché indubbiamente questi sono portatori
E di una visione del mondo di una visione della vita pure detto un pochino irresponsabile però somma tirano avanti Soro e vivi campano campano con questi quattro figli
E
C'è ci sono anche degli aspetti di carattere culturale ci sono gli aspetti anche di carattere educativo che stanno alla base che stanno alla base poi anche
Di di certe nostre difficoltà
E secondo me Sacconi è un passionale no però quando dice queste cose non a tutti i torti
Io ho scritto un libro non è questo che ho faccio citazione che eri titolato e figli miei precari immaginari
Dopo cercato in qualche modo anche questo è un titolo provocatoriamente ma perché non è che voglio posso negare CIR precariato però cercato di sfatare un pochino questa questo clima di rassegnazione questa
Questa questo piangersi addosso che hanno i giovani
Ha ragione anche qui Sacconi no noi abbiamo avuto in buona sostanza una generazione
Che la generazione diciamo precedente la mia Lucio nato il quarantuno quindi ho vissuto il dopoguerra
Ho vissuto anche uno dei dei momenti difficili poi ho conosciuto anch'io il salto del bene civico tratterò c'è una generazione dei vostri padri
Mentre voi siete tutti i giovani tutti credo al di sotto dei trent'anni un tono i trent'anni la generazione dei vostri padri che in sostanza e quella che ha avuto la fortuna in buona sostanza dia approfittare di una stagione
Di una stagione molto fortunata
E io credo anche
Mi scuso con Sacconi e dire che
Un pochino scappati con la cassa lo sono
Però se noi guardiamo guardiamo al all'evolversi delle generazioni guardiamo guardiamo I e i vantaggi che voi avete rispetto a quello che posso avere avuto io
Mettendo a confronto magari i vantaggi che voi avete con i piccoli svantaggi rendete conto gradevoli scusate generazioni prima dalla vostra
E fortemente anche prima della mio che volo sostanza hanno visto un mondo molto peggiore di quello che volete voi
Mio padre per esempio fece due guerre civili poco di farsi due guerre
Quanto alla alla alla alla generazione alla mia generazione una generazione precedente la mia è toccata e toccata lo abbiamo mandato ventisei milioni di italiani in giro per il mondo
Nel primo secolo di della dell'Unità d'Italia
Quindi se oggi abbiamo anche un pochino di disoccupazione intellettuale che gira per l'Europa buona sostanza io non credo dobbiamo piangerci addosso
Credo quindi che diciamo le tirate che ci fa che ci fa Sacconi le tirate che ci fa secoli anche con questa
Forza ittica credo che ci facciano bene a tutti grazie
è attinente come vedete dal programma adesso se la pausa pranzo acqua è alle quindi si si riprende con i corsi
Se le assegniamo Quaini vediamo di farvene avere perché purtroppo siamo dobbiamo chiudere
Una domanda perno organizzativa
Se l'assegniamo
è una sana domanda rapida a facciamola insomma non è che sono i cinque minuti
Buongiorno mi chiamo analista Angeloni pur condividendo alcune e le affermazioni che sono state fatte qui vorrei dissentire da da altre
Vorrei non generalizzare rispetto al fatto che i giovani non lavorano personalmente ho trentuno anni
Che non vogliono andare a lavorare giusto
Ho trentuno anni
Sono laureata una buoni voti ho iniziato a lavorare da non appena un po'da qualche mese dalla laurea lavoro per unire l'Ente nazionale di
Ente Nazionale e di economia agraria l'INEA
Chi è un ente vigilanza del Ministero dell'agricoltura il quale non paga stipendi e io adesso vorrei chiederle come è possibile per una ragazza di trentuno anni potersi costruire una famiglia perché la volontà penso
è quella di tutti al giorno d'oggi
Senza un lavoro o perlomeno zero più precisamente senza uno stipendio perché lavoro ce loro o il lavoro di contratto o un contratto di collaborazione coordinata e continuativa che mi è stata rinnovata chimico
Che ha rinnovato per quattro anni ogni anno sono costretta ad abitare a Roma e condividere una casa quante le persone consigli sconosciuti
Non ho la possibilità di andare a vivere da sola pur volendo lei si sente di darmi qualche Consiglio in merito per migliorare la mia situazione che evidentemente non dipende da me ed evidentemente
Amici sita di un supporto familiare a trentun anni
Sì io sono
Pronto ragionarne anche se noi non possiamo ovviamente
Generalizzare
Nessuna considerazione e quindi il caso specifico andrebbe ben considerato le dico però una cosa
La sua prospettiva lavorativa deve proprio svolgersi in un ente pubblico
Lei pensa che l'ente pubblico ragionevolmente bene molti enti pubblici
Svolgo un'attività di ricerca
Le attività di ricerca possono essere alimentate da dipendenti a tempo indeterminato no perché oggi io ho una ricerca domani ma potrei non averla
Posso avere una base di dipendenti a tempo indeterminato che organizzano
L'accesso a queste ricerche e
Costituiscono il framework io la
Il quadro entro il quale poi le singole ricerche si svolgono ma io devo poter operare anche con contratti a termine legati a un progetto di ricerca
Non lo so se il suo sia un contratto collegato un'attività di ricerca ma questa è la condizione di molti enti pubblici
Io non credo che si debba rimanere aggrappati all'idea che quel rapporto di lavoro si trasformi in un rapporto stabile
Perché questa è tendenzialmente io ripeto
Non conosco la sua situazione ma mi consenta di dire per molti che sono precariamente
Occupati da funzioni pubbliche da enti pubblici di vario genere che sperano disperatamente che quel rapporto si consolidi e rimangono in una condizione
Di precarietà nonostante magari con una coda dell'occhio potrebbero vedere un'opportunità
Nel settore privato
Con caratteristiche diciamo
In partenza almeno
Incerto e di quelle ma siccome tutta una politica pubblica è stata di successive stabilizzazioni le faccio un esempio pratico in questi giorni stiamo discutendo
Se reintrodurre l'obbligo per i pochi quelli che beneficiano di un sussidio di svolge un lavoro socialmente utile
Io ho detto al ministro Poletti la nei giorni scorsi ma che concordava abbastanza gomme
Converrà con me
Non può essere
Per le pubbliche amministrazioni perché tutti coloro
Si chiamavano LSU lavoratori socialmente utili tutti coloro che si chiamano in parte ancora tutti coloro che hanno contattato
Anche per un giorno un'amministrazione pubblica sono entrati nell'ordine di idee accompagnati in ciò dalla cattiva politica e dal pessimo sindacato
All'idea di poter stabilizzare quel rapporto e sono stati aggrappati di rapporto precario in precario un precario un precario un precario dicendo sa tengo duro prima voi ma arriva la stabilizzazione
Io penso che questo si questo Governo debba dare se vuole essere discontinuo un segnale forte e chiaro
No non è possibile certe esiste anche una cattiva magistratura che spesso stabilizza questi contratti anche se
La ragione della continuità dei contratti era spesso legata ad attività di ricerca a progetti di ricerca
Che non possono per definizione
Chiedere
Il lavoratore a tempo indeterminato perché esaurita la ricerca insisto bocche paghiamo
Allora
Attenzione la dei percorsi lavorativi quando io dico dove dovete cercare di perché in un tempo di crisi terribile non mi sfugge che viviamo un tempo di crisi terribile
Ma dico che è molto importante a bere assumere su di sé una forte responsabilità
Non avere l'atteggiamento c'è una bella battuta di Alberto Sordi in un film del dopoguerra ha proposto delle considerazioni che faceva prima
Giuliano
A me ma rovinata la guerra lui piangeva su di sé vicenda man mano rinato a guerra era vero che in parte la guerra aveva procurato la guerra aveva come tante persone
Ma se l'atteggiamento fosse stato quello che veniva ironicamente considerato nel film
Siccome a me m'ha rovinato la guerra io non non c'è niente da par suo futuro sono fregato a me ma nominata guerra suffragato mi dovete pensare voi a me perché io da me non ci riesco mamma rovinata la guerra
Se è questo l'atteggiamento non è venite fuori
Non ne venite fuori
Per cui occupa per cui bisogna
Davvero responsabilmente affrontare questo tempo sapendo che però può essere il tempo della rigenerazione della ripartenza
Poi mi dice in questo momento Ozzero entrate in casa posso capire se ci sono sacra entrati in questo momento in casa che sia difficile sviluppare un figlio perché non fa
E lì si tratta di andare a vedere perché non paga perché probabilmente
Ecco questo lo volevo dire ma io avevo pensato perché mi ricordo che lì c'è una pletora di enti di cui si sta discutendo la soppressione questo dato
Difese
Perché c'è stato il blocco delle assunzioni nelle pubbliche amministrazioni combinato con la leggerezza di questi enti che hanno invece ha girato il blocco con il collaborazioni a progetto
A Pusiano del nove ricerca anche nelle pubbliche amministrazioni
Perché evoca un contratto che il più generoso nelle pubbliche amministrazioni
Anche tra parentesi per cui allora abusiamo anche del termine ricerca sia chiaro
Che ci metta anche questo nella cattiva delle cattive gestioni
Paranormali
Fuori fuori con l'ordinamento interno
Che tra le misure
Sì l'attenzione attenzione non confondete l'articolo diciotto comma reintegrazione nel posto di lavoro con la perdita del lavoro per ragioni economiche che lei ha avuto perché evidentemente hanno ridotto personale quell'azienda
E quindi l'ultima è quella che esce l'ultima è quella che esce
Il
Da proposto di co.co.co.
Se fosse davvero è uguale a un lavoratore subordinato l'ispettore del lavoro dovrebbe sanzionare una situazione di questo tipo perché non è un vero co.co.co. però questo è un altro discorso
La manovra che abbiamo fatto ieri ieri l'altro prevede una legge delega nella quale anche i co.co.co. verranno calcolati con certe modalità nell'assicurazione l'assicurazione obbligatoria che dà luogo all'indennità di disoccupazione che oggi si chiama Asquini
Quindi
Il sito era unificato abbini ascriviamo Speer nuovi col sistema di una nuova spinta
In un unico sistema di un'unica indennità di disoccupazione calcolando anche le collaborazioni a progetto
Bella ai fini
Della
Prestazione assicurativa
Quindi questo troverebbe una risposta però se si tratta di un lavoro uguale a quello a tempo quello di tipo subordinato
Dovrebbe essere sanzionato obiettiva altri
Io comunque direi di andare a pranzo perché abbiamo delle esigenze organizzative tanto il senatore Sacconi rimane con noi nostri ospiti rimangono quello e quindi abbiamo modo di proseguire il discorso grazie
Un lungo break riprendiamo
Cambiamo un pochino il programma il
Nostro coordinatore
Nazionale
Il senatore Gaetano Quagliariello al quale
Vi prego di fare un grande applauso
Avverte avrebbe dovuto intervenire questa mattina in apertura è stato travolto dai giornalisti eccetera quindi ecco ora è arrivato per cui vi lascio annuite e poi dopo il suo intervento avremo la presentazione del libro i moderati scritto dal senatore Quagliariello dall'onorevole Roccella e dal senatore Sacconi
Quindi vi lascio a Luigi e intanto vado a recuperare tutti quelli che stamattina erano numerosi cui e che adesso evidentemente sono in queste meravigliose camere di questo splendido albergo e l'ultima volta che scegliamo un posto così bello perché i ragazzi stanno evidentemente altrove e non
A scuola quindi
Se se non vi comportate bene poi noi di conseguenza dobbiamo modificare le nostre scelte vi lascio
Al senatore Quagliariello
Allora grazie il mio è un saluto
In realtà
Quando
Federica organizza qualcosa uno che ha travolto dalla chiama Rolli non d'altro
Volevo dirvi
Qualcosa
Che riguarda il vostro
Impegno in politica quello che noi stiamo cercando di fare e costruire un nuovo centro destra io insisto e sottolineo tre volte la parola nuovo
Ovviamente il nuovo non si costruisce con la bacchetta magica non si costruisce
Andando una volta in televisione
Comunicando un messaggio stravolgente ma si costruisce soprattutto
Se la cosa vuole essere seria dando radici profonde ad un progetto ora
Qual è
Secondo noi
Il nodo di essere nuovi nella politica italiana e soprattutto nel centro destra italiana ex innanzitutto a vere
Un orizzonte di riferimento la politica
Cambia con il cambiare
Del tempo e anche con il progredire della tecnologia prima la politica si faceva
Dei piccoli ambienti nel diciannovesimo secolo
Voi non avete un'idea quanto per esempio la politica è stata influenzata dalla invenzione della macchina a vapore
Perché prima al leader che si muovevano al di fuori del loro territorio non erano nemmeno concepibile
Poi invece
Si inventò questa cosa e quando si inventò l'amplificazione nacquero pure i comizi che prima non si faceva
E poi successivamente
La radio fu uno strumento di massificazione incredibile della politica
Potete immaginare cosa accadde al tempo della televisione e ora più recentemente quando sono state inventati i cosiddetti social network
Quindi
La politica molto a che fare con la tecnologia con la innovazione del linguaggio con tante cose
Però c'è qualcosa che non è mai cambiato sono i fondamentali della politica quelli se vi andate a leggere una pagina di Aristotele oggi valevano allora che valgono ancora oggi quindi
Un nuovo centrodestra innanzitutto
Un schieramento che ha
Chiaro
Quali sono
Qual è il suo orizzonte e che si muove di conseguenza
E e da questo riesce ad avere
Sia la forza
Di
Tener conto della tradizione sia la forza di innovare
Questo vale anche per
La classe politica di un partito
Noi dobbiamo
Essere in grado di funzionare ve lo dico in maniera chiara questo il mio obiettivo in un modo diverso da come funziona una casa discografica
Il centrodestra il vecchio centrodestra quello che abbiamo abbandonato più che un partito politico era una casa discografica
Si lanciavano non dei dirigenti politici ma dei personaggi
Si inventavano lì si mandava in televisione quindi la cosa importante è che avessero una buona presenza a volte non bastava nemmeno la buona presenza perché questo doveva rendere anche davanti alle telecamere
Poi
Dopo che esattamente come i cantanti no si consumavano un poco perché avevano fatto un un giro lì si metteva da parte
Salvo se
Si comportavano bene no davano fastidio non attorno non non creavano problemi dopo qualche anno fargli fare
Un altro giro esattamente come appunto le case discografiche tirano fuori un vecchio cantante per riproporlo dopo qualche anno bene non è questo la nostra
Il nostro modello noi dobbiamo essere in grado di fare qualcosa di diverso di molto diverso preso questa responsabilità di coordinare il partito per creare
Qualcosa di nuovo è qualcosa di nuovo è qualcosa che
Riesce ad essere molto più simile ad una squadra e all'interno di una squadra innanzitutto c'è un senso di comunità
C'è un senso di solidarietà vera che anche a che fare con l'amicizia
Non questo non basta perché in politica a volte l'amicizia non basta ma è una cosa importante perché ci si aiuta e magari
Se uno ha una debolezza all'altro non la sfrutta
Per
Danneggiare
Il suo compagno di partito ma invece individua in quella debolezza uno spazio di supplenza che può esercitare
E poi all'interno di una squadra sufficienti intrecciano esperienze
E
Percorsi biografici che hanno ancora qualcosa da dire perché sono motivati dall'entusiasmo con le opportunità e bisogna saper dare a chi invece
Arriva in politica senza esperienza ma con tanto entusiasmo perché appunto la politica la vuole rinnovate ecco questo è il modello di partito che vorrei
Un modello di partito dove ci sia tanto spazio per i giovani ma dove non si rottama i nessuno
Dove ci si possa discutere si possa criticare e dove ci si possa
Fa
Essere maggioranza e minoranza senza per questo sia una tragedia
Non so se Irminio Mazzoni c'è ma forse no c'è capitato insieme a qualche giorno fa di essere a Dublino al congresso del Partito Popolare europeo
è
Alla fine di quel congresso che è stato un congresso dove si è votato dove si sono alzate le mani anche per votare gli emendamenti quindi è stata anche un'esperienza inedita
Per noi italiani fatto per dovere di seguire l'emendamento perché si votava insomma è una cosa che almeno nella mia esperienza politica era un po'di anni che non accadeva
Alla fine
Si sono presentati
Per
Essere i cattivi del Partito Popolare Europeo
Due
Candidati uno si chiamava Juncker si chiama Iunca nell'altro si chiama Barnier
Si sono confrontati dal palco con i loro discorsi e
Alla fine
I delegati hanno votato
è finito che uno io concreta ha detto l'altro affatto una bellissima figura
Sono stati insieme
Sul palco alla fine e hanno reso più forte quel partito in quel momento mi è venuta una grande nostalgia perché ho pensato non ho fatto non ho potuto fare a meno di pensare ma se questa lezione
La desse imparata per tempo il PdL l'avesse imparata il centrodestra italiano se anche nel centrodestra ci si fosse comportati in questo modo
Ma quanti disastri avremmo evitato e forse ora non avremmo fatto passare Renzi per un fenomeno avremmo avuto anche noi qualcosa da contrappone
Qualcosa di forte da contrapporre
Bene
Io vorrei che questo
Sia
Il nuovo centrodestra questo sia il tipo di partito da
Far crescere e da sviluppare e a questo proposito voglio dirvi anche un'altra cosa
Perché
Anche di questi dobbiamo parlare dobbiamo parlare un po'di politica io vedo che oggi la situazione politica e molto magmatica è molto difficile da capire
E però non ci dobbiamo stare dentro ci dobbiamo stare dentro con intelligenza esattamente come stiamo facendo con questo Governo ci dobbiamo star dentro con intelligenza e corresponsabilità
Pensateci
Dopo
Le ultime elezioni
Che sono andate così perché non si sono volute fare le riforme nella scorsa legislatura
E dopo che
Il Partito Democratico per sessanta giorni ha cercato inutilmente di inseguire i Grillini
E dopo che
Non
Emendato un
Partito non è nato una candidatura alla Presidenza della Repubblica sicché
Siamo stati costretti a chiedere
A al Presidente Napolitano l'uomo di ottantasei anni che aveva finito il suo mandato e il suo servizio nelle istituzioni e l'aveva anche finito bene di rimanere
Come Presidente per cercare di salvare la Repubblica dopo tutto questo si è formato quel Governo di larghe intese che noi avevamo chiesto no
Era stata una richiesta innanzitutto del centrodestra
O larghe intese per fare le riforme oppure lezione
Bene
La situazione allora era abbastanza chiara perché che cosa accade
C'erano due schieramenti
Incalzati da una forza antisistema i cosiddetti Grillini che prendevano coscienza del fatto che il sistema era in pericolo e che questa crisi economica mordeva
Più
Del di una di una guerra mondiale novecentesca ormai durava un tempo più lungo di una guerra mondiale novecentesca ebbene allora questi due schieramenti hanno detto
Ci mettiamo insieme le parti centrali i più moderati
Del centrosinistra e del centrodestra si mettono insieme fanno un Governo di emergenza fanno le riforme necessarie a salvare il Paese e poi ci si divide nel due mila quindici ci si divide e si va a votare
E per questo da una parte
Letta dall'altra al farlo ognuno corda alcuni compagni di strada però abbastanza diciamo tra virgolette
Moderati quindi il centro del centrosinistra il centro del centrodestra si son messi insieme hanno fatto quel Governo
Poi è accaduto che
C'è stata una
Condannati Berlusconi c'è stata la scissione del centrodestra c'è stato Renzi è cambiato tutto lo scenario
Oggi lo scenario più complicato perché noi abbiamo un Presidente del Consiglio che in qualche modo
è stato sdoganato anche nel mondo moderato e quindi somma spazia
Su tutto lo scenario vada a sinistra a destra
Poi abbiamo
Una destra che si è divisa
Tra una vecchia destra e un nuovo centro destra che è rimasto al Governo
E abbiamo
A sinistra una nebulosa che ancora non si è ben definita perché noi non sappiamo ancora che cosa accadrà
Della diffidenza interno al Pd se rimarrà all'interno del PD o se ne uscirà e non sappiamo ancora che cosa
Faranno i cosiddetti Grillini dissidenti quelli che sono stati cacciati e che hanno fatto un gruppo
Diventeranno un'alternativa di sinistra al nuovo centrodestra diventeranno un'altra cosa quindi il quadro e molto più matematico
All'interno di questo quadro cosa dobbiamo fare noi
Io credo che innanzitutto ci dobbiamo ricordare i motivi per cui siamo al Governo e vi devo dire la verità ce li siamo ricordati benissimo in questa occasione
In questi ultimi provvedimenti
Il piano casa
Con alcune novità come la cedolare secca è stata
Fatto dal ministro Lupi
Gran parte delle misure sul lavoro sono all'interno di un disegno di legge presentato dal Presidente Sacconi
E queste due parti sono le uniche due che diventeranno effettive tra qualche giorno perché passano attraverso un decreto legge come sapete i decreti legge solo immediatamente atti
Poi
Sulle tasse più in generale beh per la prima volta il sindacato e vedremo fino a quando ha dovuto accettare
Che
Non le tasse e non
Che non ci fosse più spesa pubblica per
Fare alcuni interventi quello sull'IRPEF e quello e quello invece a favore delle aziende sull'IRAP che abbiamo fortemente chiedo scusa e abbiamo fortemente chiesto perché quella tassa iniqua sapete
Nel sessantotto si diceva che il salario doveva era stata essere una variabile indipendente dell'IRAP è
Nient'altro che un adattamento di quella filosofia cioè letta la tassazione come variabile indipendente
Dal reddito di un'impresa o l'impresa guadagno l'impresa perde cioè c'è una fortissima connotazione anticapitalista all'interno di quella tassa bene
Per la prima volta il sindacato accettato che tutto ciò avvenisse attraverso taglio delle spese piuttosto che aumento della spesa pubblica quindi dal punto di vista delle cose da fare noi
Abbiamo fatto il meglio che si potesse c'è un problema dobbiamo essere in grado di comunicarlo e questo
è un compito che spetta a noi ma spetta anche a voi cioè dobbiamo essere fortemente dei megafoni di questa azione perché
Se no rischiamo noi Dida dare le idee e altri di prenderne
Diciamo così il dividendo politico
Quindi sappiamo in questo di non avere alle spalle una corazzata dal punto di vista della
Comunicazione ma dobbiamo estere ingrato di farlo
Più
Complessivamente è vero
Che Renzi ha sgranato il
PD sul versante moderato
Ma non ci dimentichiamo mai visto che
Parliamo appunto di Europa che Renzi anche portato il PD all'interno di una parte della famiglia socialdemocratica
In Europa
Attraverso
Questo sì Segretario il PD ha aderito al Partito Socialista europeo
Benissimo
Questo vuol dire
Che noi dobbiamo
Su un terreno concorrenziale
Probabilmente finalmente al di fuori dell'anatema è del fatto di considerare l'altra parte un nemico
Dobbiamo
Essere in grado di essere il nuovo centro destra all'interno della famiglia popolare
è non ci dobbiamo dimenticare la nostra collocazione non dobbiamo farci ridurre ad un cespuglio e dobbiamo però anche dire le cose come stanno
Nella
Famiglia popolare ci sono diciamo due forze e mezzo e ormai ce ne sono
Due
Ci sta Forza Italia che è
Chiamiamo le cose con il loro nome il vecchio centrodestra
E che
E il corpaccione centrale che proprio per la sua
Vetusti Italia perderà sempre di più forza
è pezzi
E questi dove andranno
Una parte andrà nella destra che si è ricostituita e che sempre più è fuori dall'orizzonte del popolarismo
Perché le scelte che ha fatto rispetto all'Europa rispetto all'euro sono scelte che la portano più nel campo della demagogia
Piuttosto che appunto nel campo di umore o per il fumo se volete anche tra virgolette non acritico noi dobbiamo stare in Europa ricordandoci
Che viene prima l'Italia dobbiamo stare in Europa dicendo quale Europa vogliamo quali sono le radici ma certamente
L'Europa e l'orizzonte che non
Possiamo abbandonare
Quindi
Se da una parte perderà un po'di forza rispetto a quella parte a quella parte e dall'altra deve perdere tante nei confronti di un nuovo centro destra che è il centrodestra che è popolare
Che è
Moderato ma non per questo assolutamente privo di nerbo
E che deve essere in grado di dare appunto una prova di novità questo e il nostro Occhetto e quello di diventare
In breve attraverso le prove che daremo sul campo e attraverso il ricambio di classe dirigente il fulcro dell'altra parte rispetto a una sinistra che comunque si sta rinnovando
Ora
C'era una vecchia ricetta il
Gattopardo che dice che
A volte si deve cambiare tutto per non cambiare niente e io credo che la politica estera italiana esattamente a questo snodo ha due possibilità
Una
E quella che
Tutto rimanga tale e quale il palcoscenico rimanga tale e quale
Il modo di far politica rimandata alle quali
E al posto dei vecchi combattenti di sinistra di destra né arrivino dei nuovi
Che sembra noi incarnare il cambiamento ma in realtà questo cambiamento
Nascondere una profonda conservazione magari uno di questi protagonisti avrà anche lui il cognome Del Vecchio
L'altra possibilità invece e che cambi la scena
E qua per fare questo dall'altra parte si stanno attrezzando questa possibilità è legata soltanto a quello che noi riusciremo a fare perché cambi la scena è necessario che in questo Paese ci sia un nuovo centro destra
Questo è il nostro tentativo
Questa
è la nostra scommessa vi dico infine su questo chiudo
Che non è una scommessa semplice perché noi non è che stiamo rinnovando un partito
Non abbiamo nemmeno vinto il congresso di un partito
Noi stiamo costruendo da zero un partito
E lo stiamo facendo sperimentando un modo nuovo perché siamo il primo partito che nasce
Sulla base dell'autofinanziamento senza una lira di finanziamento pubblico ci dobbiamo creare le scrivanie perché non sappiamo dove lavora
Questo
è molto tra virgolette anche esaltante ma anche
Molto difficile io vi prego di tenerne presente di tenerlo presente e anche insomma di avere
Un po'di accondiscendenza se qualche cosa si sbaglia perché quando le prove sono così difficile possibile anche sbagliare la cosa importante che la direzione sia quella giusta e la direzione è quella di rinnovare
Il nostro schieramento non avendo paura di dire che gli altri sono il vecchio eh
Di farlo per rinnovare l'Italia vi ringrazio
Invito il direttore Luigi vicinanza eccolo qui fategli un bell'applauso
Il titolo dei ragazzi della Winters culla dopo questa mattina Maurizio Sacconi
E l'onorevole Eugenia Roccella
Mi hanno sottratto da otto anni
Il presidente Quagliariello evidentemente
Comunque
Io ringrazio gli organizzatori per questa
Opportunità
Qualcuno ricorderà
Che sono stato direttore del quotidiano dell'Abruzzo il centro dal due mila e sei e dal due mila e dieci per cui mi fa sempre piacere quando l'opportunità di tornare qui in Abruzzo è particolarmente stasera
A questa sessione della Quinta esclude due mila quattordici
Tra l'altro
Il libro che
Presentiamo moderati per un nuovo umanesimo politico scritto appunto da Gaetano Quagliariello Eugenia Roccella e Maurizio Sacconi con il contributo tra l'altro in conclusione di tre
Giovani nati dopo la caduta del muro di Berlino dunque
A cavallo degli anni ottanta e novanta è un libro complesso ricco
Ho denso di cultura
Credo che vi tocchi leggerlo francamente se davvero pensate di voler occuparvi di politica impegnarvi in questa una
In questa avventura politica che il nuovo centrodestra sta sta lanciando sulla scena nazionale
A me è piaciuto moltissimo
L'immagine che il Presidente Quagliariello a ha dato del vecchio centro destra quando l'ha definito una casa discografica una casa discografica che
Lancia personaggi televisivi piuttosto che formare dirigenti
Politici d'altra parte nel vecchio centrodestra si sconta l'eclettismo culturale
Da un lato il
Lo statalismo della vecchia Alleanza Nazionale dall'altro lato il secessionismo virato in un federalismo un po'straccione della lega familismo o sfrenato di alcuni personaggi politici insieme al Family Day di Casini della stessa onorevole Roccella e Giovanardi cioè c'era un po'auditor toh ma non c'era un'idea di società
Questo libro invece delinea un'idea di società aderire in maniera
Anche molto netta e se volete anche dal mio punto di vista rigida in qualche modo
Un'idea una destra che prova a fare uno sforzo di cultura
Perché è evidente che nei prossimi mesi si
Ci sarà una battaglia culturale nel Paese lo accennato sempre Quagliariello nella introduzione cioè tra i valori del popolarismo i valori tradizionali della socialdemocrazia europea
Però leggendo questo libro io una domanda subito è protagonista devo fare vorrei partire dalla onorevole Roccella
Anche perché è una collega giornalista scritto ma di libri per cui mi sento pur non conoscendola mi sento maggiormente in confidenza con lei il rischio
è che
Voi del nuovo centrodestra avete i valori e la cultura ma il vecchio centrodestra ai leader e i voti
Ma
Reca c'è non è sereno una
Caracas circa ci saranno le elezioni tra l'altro quella imminenti europee tra due mesi e mezzo
Intanto io devo dire che credo invece
Che in politica non si va avanti molto se non si hanno l'ha detto anche Gaetano Quagliariello poco fa se non si hanno delle radici delle radici profonde
E quindi se non si ha una cultura politica chiara un orizzonte una visione
Altrimenti ci si spende e ci si consuma anche velocemente nel tatticismo
Nelli obiettivi a breve scadenza e potrei fare degli esempi ma li conosciamo
E questo appunto può e non ha non non produce risultati non costruisce un partito ha una forza politica
Poi per quanto riguarda il vecchio centrodestra devo dire che non è vero che il centro perché cento essa non avesse una cultura politica ce l'aveva incarnata nella figura del leader cioè aveva incarnata in Berlusconi cioè non non l'aveva
Costruita in un gruppo dirigente non l'aveva diffusa in un gruppo dirigente
Ma il leader incarnava un'idea una cultura politica in qualche modo solo che questa cultura politica su quello sociologico marchiamo piglio leadership o addirittura più politica
Mio politica non non non è la definizione che io adotterei però una sì una leadership a tutto campo no il corpo delibera è stata scritta certi da una leadership torniamo a volte ho fatto un plus esatta sufficientemente perché Berlusconi era un grande imprenditore perché aveva rotto il monopolio televisivo
Della RAI e tutto che tutto questo aveva costi
Vito intorno a lui proprio un attimo e tutta una mitologia anche e anche in qualche modo una cultura c'è una rappresaglia aveva consegnato la rappresentanza di una cultura che poi in realtà non era molto delineata
Però tutto questo è invecchiato sì e a ragione Gaetano guardi c'è il vecchio centro destra quella stagione è finita è una stagione che si è conclusa era una stagione cominciata in fondo con gli anni ottanta
Berlusconi non è un leader da tempi di crisi diciamocelo con chiarezza e non è a non è un leader del
Della nuova stagione che abbiamo di fronte
Per affrontare questa nuova stagione servono nuovi strumenti serve più chiarezza e serve assolutamente costruire una classe dirigente del nuovo centrodestra io su questo a sono sono del tutto convinta
E
Non sa se vogliamo
Siculo UCIMU USA andare avanti io per esempio in questo libro
Che poi è stato anche un po'è venuto fuori non pensavamo di scrivere veramente un manifesto del nuovo partito perché abbiamo quando abbiamo cominciato eravamo tutti e tre nella nel PdL ancora però sera
C'era un gruppo diciamo omogeneo dal punto di vista dei valori del Progetto e questo libro è nato da questo gruppo anche amicale anche qui ha ragione Gaetano
Su questo anche un gruppo amicale c'è un gruppo e condivide un progetto ma che è anche un gruppo di solidarietà umana spontanea
E
Ed è ed è nato proprio dall'idea che tra anche le nostre diverse competenze in qualche modo
Le nostre diverse competenze convergessero in questo progetto politico e forse questo andava chiarito meglio cioè non è che Gaetano sia un esperto di istituzioni e di riforma istituzionale
Io un'esperta di temi etici
Definizione tra l'altro non amo affatto e Maurizio Sacconi l'esperto di lavoro di anche di economia e così via
è che queste cose invece avevano delle un nesso avevano fra di loro connesso
Che appunto
Costi intendeva spontaneamente ha una visione a un Progetto e che questo punto andava chiarito noi speriamo di averlo fatto prima di tutto questo c'è appunto
Il rapporto fra l'antropologia positiva come la chiamava Maurizio come ne ha parlato anche stamattina
Lo sviluppo e anche invece la come dire la la la base istituzionale di una società
E e dall'altra proprio il fatto nel mio specifico per esempio cioè della nella parte che ho trattato io
Chiarire per esempio un equivoco
Che c'è proprio sui temi antropologici senso i temi diciamo del nuovo umanesimo che noi
Ci troviamo a voler scegliere di fronte invece al tentativo di de costruire in qualche modo l'uomo i suoi rapporti fondamentali
A volte si pensa che su temi come la fecondazione assistita
Le coppie omosessuali che si tratti di diritti civili e che quindi un liberale debba aderire non ha una visione in questo caso più simile a quelle della sinistra
Non è così
Vorrei magari in un altro in un altro momento chiarire perché non è così ma non è una cosa da poco perché appunto qui si tratta o di proseguire una una tendenza tipica della sinistra quella di volere l'uomo nuovo anche malgrado l'uomo spesso cioè l'uomo non vuole essere nuovo ma deve essere nuovo per forza
Ecco quindi una tendenza tipica di raddrizzare il famoso legno storto dell'umanità che non è una tendenza liberale che è una tendenza tipicamente dissi di tra
Tipicamente utopica è un'utopia la vecchia utopia sociale che si è trasferita su nuovi territori se il territorio tipici della post-modernità e della tecnico-scientifica
Ecco e dall'altra parte invece una
Visione liberale che parte prima di tutto
Dall'accettazione dell'uomo così come dalla volontà casomai di migliorare il suo ambiente di migliorare le condizioni in cui vive ma non di modificarlo e soprattutto non di modificarlo suo malgrado
Benissimo
Benissimo onorevole Roccella
Io
Voglio fare una domanda adesso al
Allora Presidente Sacconi già ministro o del lavoro appunto stamattina si parlava di Antropologia positiva come fattore anche
Di sostegno dell'economia mi ha colpito però o
Un passaggio finale a conclusione di uno dei capitoli e proprio dove cioè dove si parla di Antropologia positiva che
L'analisi che voi fate del della sinistra oggi e sostanzialmente parlate del vecchio partito comunista che assunto una connotazione di uno strano Partito Radicale di massa
La condivido moltissimo personalmente questa questa definizione sempre più spesso è apparsa la sinistra senza radici essenza ancoraggio alla sua base sociale
O appunto lo sono partito radicale di massa giustizialista per un verso e relativista etico per l'altro mercati sta su alcuni limitati temi come le professioni e marxista sui rapporti di lavoro in una parola nichilista
La vostra alternativa però
Quale
E poi se posso fare una domanda a ciascuno di voi
Mi colpisce che ciascuno di voi viene da una tradizione gloriosa socialista o appassionata e appassionante radicale
E
Queste somme non accennati siete vaccinati e dunque come di questo giudice mi ha ulteriormente colpite oltre che
Condivisione invece avevo siamo cristiani e non democristiane che sono
Questa conversione che mi ha colpito in quel caso là ci ritorniamo e perché il libro da questo punto di vista e molto teocon
Allora
Da e in
Io vorrei un attimo riprendere una considerazione che faceva prima Gaetano perché ebbene che soprattutto in un
In undici contro formativo come questo
Venga ribadito questo concetto c'è un necessario ammesso nell'azione pubblicare l'azione politica
Tra principi visione ed azione
Se noi ci limitassimo all'azione
Commette facilmente cadremmo nella nel piccolo tatticismo
Nel tatticismo se non orientato la tattica esiste spesso alla esigenza di una valutazione
Pragmatica immediata anche opportunista in qualche momento ma quanto importante sapere da dove diedi dove vuoi andare
Avere delle stelle polari di differimento soprattutto in un tempo come questo nel quale spesso la notte la notte appare veramente scura e ti fa paura
Per revocare una bella canzone italiana e
La tutt'altro onde se non è invece Campansi non solo di principi e di visione
Saremmo inconcludenti rischieremmo di essere inconcludenti quindi e necessario questo rapporto e questo rapporto continuamente deve
Alimentare la tensione politica la pensione di di chi si impegna per il bene comune
Avere dei avere dei principi di riferimento quelle stelle polari nella notte scura per attraversare il guado quanto sono importanti avere la visione del punto di arrivo aver uniti ER non rigida
Ma venire una una speranza una
Una prospettiva di lungo periodo una visione della di ciò che puoi con la tua azione a realizzare e che per coloro ai quali ti rivolgi può essere anche
Un motivo per procedere
Tanto più quando la strada
Può essere resa incerta dalle difficoltà che si incontrano dicevo l'attraversamento del guado quante volte l'acqua si alzava la tentazione di tornare indietro alla vecchia sponda che nell'illusione che possa essere più sicura anche se era frana ante nel momento in cui sei partito
Ma a
La paura può farti credere che
Che ella all'altra sponda non si avvicina che sia
Sempre si allontani sempre di più e quindi sei tentato ritornare indietro invece deve andare avanti ma per andare avanti
Coloro che
In qualche modo si assumono la responsabilità in più un sono stati delegati dal popolo hanno chiesto delega l'hanno ottenuta
E hanno il dovere di
Relazionare continuamente l'azione il passo che si compie
Con
I principi ai quali ci ispiriamo e che sono stati depositati dalla tradizione la tradizione non è altro che l'esperienza insistita nei secoli
E dall'altra parte la visione il punto d'arrivo forza che alla fine alla fine di questa strada ce la possiamo fare ad arrivare a quella sponda con quelle caratteristiche
La
C'è una scelta per quanto riguarda i principi molto chiara e questa scelta
Come ho detto sono i principi della tradizione che non possiamo non dire cristiana quando io dicevo siamo cristiani lo dicevo non discutendo della fede la fede è una scelta di ciascuno lo siamo perché la nostra cultura
Si fa cristiani perché Benedetto Croce diceva non possiamo non dirci cristiani
E quindi diciamo che stamattina la persona la persona come essere in relazione con gli altri con la persona con tutta la sua attitudine alla socialità
E quindi a fianco dalla persona la prima proiezione naturale che
Sociale che la famiglia
E poi però le infinite forme comunitarie
La stessa l'idea dell'impresa come comunità ma quella
Quell'attitudine a comunitaria io dico sempre si misura nel nostro portafoglio anche di un giovane credo le tessere che abbiamo le comunità le quali apparteniamo
Nelle quali e sono molte perché per fortuna le quella che Giovanni Paolo II chiamava l'eccezione italiana
In questo comma in questo si rappresenta cioè in questa fortissima attitudine
A riconoscere il valore della famiglia la ricchezza alla persona il valore della famiglia il significato della della comunità e quindi di non essere soli
Il rifiuto della solitudine
Questo che cos'è tutto questo se non un programma alternativo a quella sinistra così descritta nel segno del sottotitolo del libro per un nuovo umanesimo politico
Devo dirvi che noi vorremmo tanto noi autori credo di interpretare i colleghi che questo umanesimo fosse condiviso dalla nazione intera che ci fosse un pavimento
Di principi di innanzitutto condivisi
E poi ci si confrontasse ci si alterna se su questi principi e c'è un po'di nostalgia un certo punto nel libro quando io nomino Guareschi quel bel bravissimo scrittore
Che ha scritto i libri di don Camillo e Peppone
Carissimi salvare in sede don Camillo e Peppone non so se avete mai visto i film se non li avete visti vedete vi prego vitali dei prego or sono di una modernità straordinaria
In questi
Don Camillo e Peppone alla fine avevano un umanesimo condiviso alla fine e c'è questo bello differimento alla alle pagine di Guareschi quando c'è la quando c'è la piena del Po tutti e due si danno da fare ad aiutare la gente
E don Camillo chiede ma come faremo chiede al testo corrispondenti
Ho un buon Camillo preoccupato per la crisi che gli chiedeva cosa occorresse fare il Cristo di Guareschi perché dire ma va avanti da mesi parlava rispose ciò che fa il contadino quando il fiume Esaro oggi gli argini invade campi
Bisogna salvare insieme
Quando il fiume Sarno entrato nel suo audio la terra riemerge era il sole lascio chiara
Se il contadino passa fatto insieme potrà gettarlo sulla terra resa ancora più fertile dal di moda il fiume il sedime tutti Fichera Illy spighe turgide durate daranno gli uomini cubani vita e speranza
Bisogna salvare il seme
Ecco io credo che
Qui ci sia quell'umanesimo politico che è davvero alternativo alla sinistra quando essa si fa nichilista
Quando essa abbandona quelle radici
Umanitaria che aveva anche
Nella sua versione marxista italiana senza citare Gramsci Bertotto stando alla al vissuto
Di quello che era il Partito Comunista così cauto quando si doveva parlare della famiglia così cauto ancor più quando c'era in gioco
La difesa della vita così attento al sentire comune del popolo e adesso così attento al luogo comune di certe borghesia e cosmopolite anti nazionali tendenzialmente
Quelle con tanto che anche per l'Italia si può parlare di gol scambiare della sinistra il caviale come dicono in fra come dicono in Francia perché c'è in ogni Paese c'è una sinistra in Italia qualcuno ha detto atti cista cioè dell'articolo
Cercarci è una sinistra incassabili fu detto per qualcuno
Per me non è un problema
Certa e quell'altro gli ambiti fatemi Veggetti privi
Ecco successo la sapevo ma tantissime altre zone si dice bene a questo è questo
Possiamo Carlotti su quelle noi vorremmo proprio invece il proprio nel tempo della grande crisi ripartirà da qui deriva tutto e
Da qui viene tutto
Perché quando nel il libro c'è un c'è un programma innanzitutto c'è il bisogno che la politica abbia visione proprio visione
Del si dice possiamo approntata arrivare noi di Europa solo in termini di regole e non in termini di una visione geopolitica Egeo economica
Cioè che idea abbiamo dell'Europa
Che idea abbiamo del mondo nel momento in cui sono finiti di di equilibri in base ai quali a lungo il mondo ha
Si è retto dopo la Seconda guerra mondiale
E lì c'è una visione c'è un'ipotesi di dimensione multipolare ma fondata su poche regole condivise per le quali bisogna operare c'è un'idea di Europa che sia veicolo di pace nel Mediterraneo e del Medioriente
Che ha ritenendo che soprattutto la sua fascia
Meridionale possa svolgere questa importante funzione quindi l'Europa
Che non può rapina se intorno al Baltico come certe volte
Una visione Panther riesca porterebbe a ritenere dell'Europa il suo sviluppo economico si terrà tra pile
Tutto verso l'alto verso ciò che dovrebbe restare della sua capacità di intercettare i grandi flussi commerciali e giù giù c'è l'idea di una crescita economica fondata non sono sulla liberazione della società
Perché si ai antropologia positiva allora sei per poche regole per poche tasse per uno Stato più leggero e per uno Stato al servizio della società e non uno Stato che si impone sulla società
Tutto vien da sé e diciamo però anche una cosa attendiamo una mano a coloro che hanno
Continuano a diffidare dell'uomo di questi tempi con quello che ci passa il convento
Davvero l'antropologia positiva poiché il poi prenderla per convinzione oppure anche prenderla per convenzione
Perché conviene perché se noi la prendiamo la strada l'antropologia positiva se non smontiamo molta parte della iper regolazione della iper tassazione
Per il peso eccessivo dello Stato sulla società noi non scateniamo quella vitalità democratica economica sociale
Che ha sempre fatto lo sviluppo e continuerà a fare lo sviluppo senza di essa senza questa vitalità della società non ci sarà stato efficiente che la potrà sostituire e fare sviluppo e tanto meno e tanto meno vite umane
Bene Presidente Saccone
Però anche lei io devo fare la stessa
La stessa domanda o come perlomeno il concetto è lo stesso e in questo caso cito o il senatore Quagliariello che ha detto poco fa nel Governo si afferma non è nostre idee
Però il dividendo politico va ad altri e mi pare che il riferimento esplicito sia avversi allora
Queste idee poi come si trasformano in consenso politico
E questo Governo e da lei un giudizio sui su alcuni dei provvedimenti se questo venisse lavora alcuni giudizio sul provvedimento se io Antonio che l'evento sugli annuncio che al momento non c'è nessun atto
Ma e la
Questo Governo è un po'tutto da scoprire anche dal punto di vista
Diciamo di quei fondamentali che sono necessari nell'azione nell'azione pubblica nell'azione di governo
Noi abbiamo fatto degli accordi e alcuni temi sono sospesi nell'azione di governo perché sono portato a pensare che qualcosa nella sinistra sia successo lo dicevo anche questa mattina che ci sia discontinuità
Fino a che punto non lo so lo vedremo nella manovra dei giorni scorsi detta manovra annunciata nei giorni scorsi ci sono elementi fondamentali che noi abbiamo condiviso i quali abbiamo concorso
Poco fa la segretaria della CGIL Camusso deve avere letto davvero bene quello che probabilmente nei giorni scorsi non aveva letto bene
Il
Decreto lo citava prima Gaetano Quagliariello diceva la cosa più immediata il decreto legge sul lavoro
E si è immediatamente opposta ha detto bisogna parlare intanto cancelli tanto per gradire a gentilmente si è rivolta al Governo e ha detto intanto cancella il decreto legge e poi vediamo di parlare di un contratto unico
Io ho detto
è aria eccoli adesso
C'è un suo video che spopola sul web
Sette assessori a proposito del contratto unico di quella meta fate così fatto esaurito il vero perché
Perché è una cosa proprio da cosche avviare quello del contratto unico stamattina ne parlavamo d'
Giacobinismo costruttivista dicevo cioè tutto dello stare dentro tutto anche quello che lavora sabato lo studente o la mamma di famiglia che va al ristorante
Che ha
Più presenze in alla domenica lo dobbiamo mettere dentro il contratto unico cioè anche il
Tutte le tante Olanda o il lavoro di raccolta agricola lo dobbiamo mettere dentro il contratto unico e così via ma fermiamoci
La che il Governo ha l'occasione la CGIL è un'occasione la CGIL ha un'occasione di cambiare di cambiare come
Sogni come la CISL la UIL
Che hanno
Letto quel quel documento lo hanno condiviso mi riferisco alla semplificazione dell'apprendistato del contratto a termine
Il Governo ha l'occasione di dimostrare che non si ferma di fronte al veto della CGIL
Mai nella storia d'Italia quando
Ad
Ci siamo siamo andati avanti e non abbiamo accettato il veto dalla CGIL abbiamo fatto cose sbagliate l'abbiamo sempre fatte cose giuste
Come con una scala mobile quando cambiamo la scala mobile o quando facemmo la legge Biagi siamo andate avanti
Invito questo Governo a ritenere che certe volte certi tigri come insegnano segno cioè testo certe forme vecchie storie cinesi
Basta chiudere gli occhi e ci passi attraverso perché sono tigri di carta
Bene va bene va bene
Allora
Ne difende questi provvedimenti
Un Governo tutto tutto da scoprire
L'Italia vuole scoprire questo questo Governo inevitabilmente
Però ritorniamo un attimo I temi ai temi del libro e al passaggio
Che ho citato della cultura radicale gente della sinistra e della trasformazione invece
Anche culturale che i protagonisti gli autori di questo libro hanno avuto
Hanno avuto negli anni la sensazione lo dico con grande franchezza e che
Il libro sia
Ho già accennato prima sia un manifesto
Di un nuovo centro destra ma di un nuovo centrodestra con una forte vocazione confessionale
Persino oltre
Io rientra menti della della chiesa della Chiesa
Della chiesa diffusa
Della Chiesa e chi sa diffusa chiamiamola così Della Chiesa diffusa senza tirare
Per la giacchetta
I Pardi
In carica o quelli di emeriti non lasciamoli lasciamoli stare
C'è una contraddizione in tutto questo in tutto questo percorso culturale e lo domando in particolare a lei onorevole Roccella lei ci siamo stati siamo vaccinati perché le idee
Libertarie
Di una volta non vanno più bene
E dovrebbero andare bene
Oggi le vostre
Idee segnate guidava forte valenza integralista
In realtà quando ha detto siamo vaccinati scherzavo la verità invece che almeno per quanto mi riguarda ma penso anche
Quagliariello con cui abbiamo proprio una comuni comune militanza radicale speravamo nel Partito Radicale negli stessi anni in gioventù
E ma penso che altrettanto valga per Sacconi nella sua militanza socialista
In realtà la leggerlo mobile assolutamente assolutamente no ma io non l'ho mai rinnegata e nessuno di noi ha mai rinnegato il proprio passato
Io anzi ritengo che la cultura radicale mi ha insegnato moltissimo e ancora oggi
è una parte profonda della mia cultura
Però le cose
Le cose sono cambiate nel senso che quando io avevo vent'anni stavo appunto nel movimento deliberazione della donna federato al partito radicale anche nel
Partito Radicale
C'era il fuori che era il primo movimento omosessuale della storia c'era tra l'altro il caso Braibanti noi abbiamo lottato contro
Quella quell'accusa di plagio quella condanna per plagio Braibanti che nascondeva forse molti di voi non se lo ricorda ma in realtà era la storia di un di un amore fra non fra
Un un professore
Un allievo non minorenne
E che e la famiglia aveva
Aveva accusato appunto il professore di plagio
Un reato dai confini molto confusi utilizzabile anche appunto per colpire in realtà una relazione omosessuale
Ma che fuori allora non combatteva a favore del matrimonio omosessuale combatteva
Per la libertà sessuale cioè contro l'idea per esempio
Che in solo all'interno del matrimonio ci potesse essere una vita sessuale che
Ma una relazione d'amore dovesse essere per forza appunto
Quella matrimoniale combatteva contro il pezzo di carta non si diceva non è anche e amore anche se non c'è il pezzo di carta combatteva in sostanza una battaglia di libertà
Ma oggi questa battaglia è assolutamente vinta anzi oggi se si è perso qualcosa si è perso proprio l'idea di che cosa sia il matrimonio
Quindi la cosa buffa è che oggi la cosa lei la battaglia del delle associazioni omosessuali si è rovesciata cioè non è più una battaglia per la libertà sessuale marittima una battaglia
Il secondo me corporativa per
Il riconoscimento istituzionale di un rapporto di coppia
Allora noi pensiamo alle pensavamo e io lo penso ancora che lo Stato non debba entrare nella vita personale non debba entrare nella vita fin attiva delle persone cioè lo Stato non è che debba riconoscere un rapporto d'amore
Heather omosessuale o quello che sia
Istituzionalizzando lo
Un conto è il matrimonio perché il matrimonio è un'istituzione non è un un come
Hanno detto non lo slogan francese
Umana riascolto Ussa cioè qualcosa una specie di regalo per tutti è un'istituzione che serve
A tutelare sostanzialmente la prole cioè serve a garantire una stabilità
Tra in un rapporto di coppia pubblicamente riconosciuto
Che impegna i contraenti in diritti e doveri e tutela i figli possibili figli è un rapporto aperto alla procreazione quindi fra un uomo una donna e tutele possibili figli perché i figli
I figli degli uomini tra l'altro diventa noto ma non mi molto tardi quindi hanno bisogno di una tutela più lunga e che appunto di una stabilità del resto lo sappiamo tutti i bambini del mondo vogliamo il papà e mamma stiano insieme
Quindi le cose punto sono cambiate sono rovesciate ma non siamo non non si sono rovesciate da parte nostra si sono rovesciate nelle richieste per esempio che fanno
Che fanno oggi le associazioni omosessuali
Il matrimonio o sessuale per esempio non è che non lo combattiamo con ragioni confessionali assolutamente anzi io sento sempre citare papi ma papà Bergoglio ma non solo
Dagli avversari io non ho mai citato Vangelo Pappi e così via le mie ragioni sono ragioni assolutamente laiche assolutamente liberali cioè io non credo che
Cioè credo che il matrimonio sessuale serva in realtà oggi a scardinare
Il matrimonio semplicemente il matrimonio tout court a scardinare
Voi sapete che gli antropologi quando arrivano in
Quando vanno a studiare un attributo ma un gruppo sociale un gruppo umano la prima cosa che fanno ricostruiscono le reti di parentela a partire dal matrimonio
Il matrimonio serve a questo serve a
Costruire la comunità è il i matrimoni finiti sono il nucleo di una comunità umana e intorno a questo poi si costruisce una comunità è una società
Quando si si parla di matrimoni omosessuali o di siti degli della delle coppie gay in realtà si parla
Di un un nuovo mercato che è il mercato del i nuovi figli costruiti in laboratorio
Costruiti attraverso un pazzo genetico con un mercato del corpo soprattutto un mercato del corpo femminile che
Io credo che debba fare orrore perché tra l'altro non solo è un mercato ma un mercato anche con connotazioni razziste basta fare un giro su internet e si vede quanto costano
Io cuciti cioè che una donna debba vendere il proprio cuciti una donna giovanissima perché devono essere molto giovani debbano vendere debba dovendo
E proprio cuciti vuol dire che una donna in condizione di bisogno vuol dire che è una forma di sfruttamento perché nessuna
Si sottopone a un trattamento ormonale pesante all'intervento chirurgico per regalare si parla sempre di homo donazione ma non esiste la votazione e semplicemente una un femminismo qui nessuno ha sottopone a questo per regalare ovociti a qualcuno
In realtà e una forma appunto di sfruttamento e gli ovociti ad un prezzo diverso se sono di donne nere o di donne bianche perché
Sono le coppie bianche
Benestanti dell'Occidente che
Chiedono appunto figli attraverso questi questi nuovi questi nove tecnologia
E altrettanto con l'utero in affitto cioè tutto questo cioè si pensa sempre al diritto al diritto al figlio al diritto delle coppie
Non si pensa alle ricadute sociali che hanno poi queste tecnologie non si pensa che cosa significa per un bambino per esempio non sapere chi è si Fini proprio padre aprì la propria madre si possa avere fino a sei genitori oggi anzi sette ormai
Attraverso pazzo genetici ci sono coppie ma ormai molto normale in America che ordinano gli embrioni belle fatti alla Banca dell'embrione c'è un catalogo da cui si sceglie ci sono i prezzi ci sono le condizioni è un contratto
Si possono ordinare sono a coppie gay che hanno ordinato Gemelli con il seme incrociato cioè in modo che ognuno
Abbia un figlio geneticamente legato assente
A Cisano famiglia c'è adesso interrompe se non mi sembra di prendere qui i casi eccezionali di farne e di farmi capire lingua
E allora no la verità non è così non è così perché nel mondo tutto queste assolutamente la normale è assolutamente banale
Cioè non è veramente basta fare un giro su internet le famiglie cioè ci sono famiglie che si chiamano famiglie
Che cercano cioè di
Ragazzi che cercano il loro genitore che è un donatore anonimo di seme e si ritrovano fra di loro con il numero del donatore di seme la famiglia non so cento uno sono persone che hanno relazioni fra di loro
Assieme che perché sono fratelli
Allora giugno abbiamo parlato appunto come TARSU no Comitato sono invece non ci sono casi ci sono stati gli PAI molti paesi sono dovuti tornare indietro Giorgio no no ma
Ci sono paesi che sono tornati indietro la Svezia è tornata indietro
All'eterologa la l'Inghilterra è tornata indietro dalla dalla possibilità dell'utero in affitto proprio perché le ricadute sociali che non erano state considerate perché abbiamo fatto un po'gli apprendisti stregoni con queste nuove tecnologie
Non erano state previste quindi e noi siamo in un po'
Il nostro Paese è stato molto protetto da delle leggi sagge che sono state spacciate per invece leggi liberticida e
Che non hanno consentito alcuni fenomeni ma altrove sono l'assoluta normalità c'è stato un filmato ormai il film su uteri in affitto che fenomeni di questo tipo sono
Cose quotidiane nel
Né ci sono serie televisive in America l'Italia questo non lo sa fino in fondo proprio perché questi fenomeni in Italia non sono entrati
E io credo che quando noi andiamocene che nel nostro percorso verso il futuro la politica serve a governare i fenomeni a scegliere a fare delle scelte a governarli non a a subirli quindi noi scegliamo non è che noi siamo passati visti o reazionari perché vogliamo selezionare le forme di accesso per esempio le nuove tecnologie non vogliamo il pacchetto intero vogliamo scegliere
E scegliendo vogliamo portarci appresso ora nostro manetta
La possibilità di dire madre e padre mamma e papà e non genitore uno genitori due il nostro bagaglio
Umano trent'
Di tradizione ma di da relazioni umane a cui siamo affezionati
Non
Vedo che
I giovani applauso dunque
C'è consenso mi fa piacere per voi ma questo non
Contrasta con l'affermazione che lei ha fatto in apertura del suo intervento poco fa
Lo Stato non deve interferire nella vita privata nella vita di cittadini cioè eccetera
Un doppio livello cioè fino a dove si deve fermare
Lo Stato e fino a dove può arrivare perché lei poi credo che sia suo questo capitolo o comunque va bene insomma è vostro questo capitolo quando si parla appunto di
Riflessione biopolitica nel senso come lei poco fa illustrato l'ICE investe
Il modo di concepire il potere politico in relazione alle sensuali alla al corpo la maternità e paternità all'aridità insomma a tutto
Il problema è esattamente l'opposto saprà
Noi non vogliamo che lo Stato entri nella vita privata che non vogliamo appunto io prima parlavo di utopia sociale che si è trasferita sul terreno tecnico scientifico cioè
Con
C'è una vecchia copertina molto famosa in cui di Times che diceva licenziati giocano essere Dio punto interrogativo
L'idea è che oggi si possa Traverso
Qualche anno fa si pensava attraverso la clonazione poi la clonazione fallita dal punto di vista Roscetti FIBE tecnico
E quindi questi ed era stata abbandonata ma l'idea che si possa
Raddrizzare appunto il legno storto Rile umanità che si possa cambiare l'uomo che l'uomo fatto in laboratorio che l'uomo ordinato sul catalogo sia migliore di quello che può fare che possono fare
Un uomo e una donna avendo una relazione d'amore e facendo un filo secondo i metodi anche qui a cui siamo più o meno tutti affezionati
Affittato il trasferimento di quelle utopie che sono utopie pericolose utopie che hanno sempre prodotto di stoppie utopie in cui alla fine
Non c'è
Come si pensa
Autodeterminazione anzi l'autodeterminazione la capacità di sviluppare la propria personalità di decidere di sé
Tende a scemare perché tende ad allargarsi ruolo dello Stato tende ad allargarsi cioè il potere di più più che ci sovrastano
Il sono sempre più forti in questi casi quindi io credo che invece sia esattamente il contrario ossia una resistenza
Dell'umano una resistenza del io
Cito serve una resistenza del senso comune contro il nuovo Comune il senso comune e la nostra esperienza di uomini la nostra esperienza di persone che sono tutte nate da un uomo e da una donna
Che hanno avuto una madre un padre
Che pensano magari di avere dei figli e hanno appunto mia esperienza di calore un'esperienza non so in vecchi tetti di mamma ce n'è una sola
Noi saremo affezionati a quest'idea non vorremmo che rimane ce ne fossero tre
Quattro ormai
Appunto parecchie attraverso cioè posso prendere
Non solo uscita in utero ma posso scindere anche l'ovocita e così via impazza genetici si moltiplicano con le tecniche con lo svilupparsi delle tecniche
Quindi mi sembra invece una resistenza dell'esperienza del senso comune
Dell'uomo in senso proprio nel senso di un è un vanesi mo'
Contro un un tipo di Tecnost senza
Che finisce poi alla fine
Per affidarci ha poteri che ci sovrastano quindi a diminuire non ad aumentare la nostra capacità
Di Haute determinarci di scegliere di essere persone
Che hanno perché che hanno potere su se stesse
è esattamente l'inverso
Allora materia semper certamente ma mi spiega
Signor Presidente perché questi temi dovrebbero creare consenso intorno a un partito nascente ad una sfida
Anche elettorale complicata
In tempi tra l'altro di crisi profonda dove sicuramente la questione principale
Il lavoro l'occupazione la cassa integrazione i salari bassi o addirittura
Cancellati
Non sono temi semplici
E non sono temi
Immediatamente comunicabili
Utili ad avere
Un consenso
Popolare perché io io con Eugenia
Ho condiviso
La vicenda di Eluana Englaro ero ministro in quel momento lei era sinistramente della salute e quindi
Mi trovai ad affrontare a decidere se dovevo Girardi dall'altra parte o se dovevo a assumere una responsabilità
Fui molto aiutato da Eugenia che era sottosegretario allo stesso Ministero
Io credo che come ho detto ci sia un nesso molto stretto
Tra il modo con cui si affrontano questi temi che vengono
Proposti da a alcuni ambienti ideologizzati perché noi li subiamo capiamoci
Noi stiamo subendo l'iniziativa su questi temi perché vi sono ambienti ideologizzati che oggi dicono
Noi vogliamo
Che sia
Possibile programmare la propria morte
Che sia possibile a chiedere l'assistenza pubblica per la propria il proprio suicidio
Noi vogliamo che si possa
Decidere come nel caso di Eluana Englaro della morte di una persona
Che si trova
In uno stato di gravissima disabilità
In un in quello stato di
In coscienza che non conosciamo peraltro
E che può vivere vent'anni
Può vivere a lungo
Non è un malato terminale per il quale giustamente uno sguardo tra infami tra i familiari medico
Spesso risolve la situazione perché nel caso di un malato terminale l'accanimento terapeutico
è giustamente da evitare ma qui siamo in presenza di un'altra fattispecie di altre fattispecie tutti questi casi c'è un'aggressione
Da parte di ambiente che sono ideologizzati prendete il caso che l'omosessualità dove abbiamo al Senato dopo l'approvazione della Camera
Una legge che istituisce il reato di opinione di associazione
Per omofobia o per transfobia ed è non è neanche ben descritta cosa sia non è descritta fatto cosa sia l'omofobia
O la transfobia
Per esempio questi ambienti ideologiche o ideologizzate ritengono che la mia convinzione sulla unicità del matrimonio
Quale descritto nella Carta costituzionale sia
Un'opinione omofobica
Essi istituisce laureati vorrebbe istituire un reato di opinione di associazione
è già passato alla Camera adesso la si esamina al Senato
Noi cosa diciamo
Ma se volete dare una particolare rilevanza a un reato certamente odioso quando è determinato da questo intanto questa intenzione
Per prender permettiamo delle aggravanti specifiche
Ai reati contro la persona
Mi sembra che sia un modo naturale di affrontare il problema il nostro quello mio Diogene a non dover non ideologico naturale rafforziamo i reati contro la persona
Quando hanno una motivazione di questo tipo
Ma perché il reato di opinione di associazione con tutti i pericoli che questo comporta per la libertà di tutti
è evidente che quindi ci sono ambiente ideologici che hanno
La convenzione nostra allora da un lato è quella che non ci si può girare dall'altra
Parte
Di fronte a queste aggressioni non ci giriamo dall'altra parte di fronte alla volontà di condurre a morte forzosamente
E patti cosa vende IUAV Englaro perché ravvivare
Deduttiva
Aveva
Attività cerebrale nessuno avrebbe mai ipotizzato l'espianto degli organi di Eluana Englaro nessun neanche il più scatenato
Radicale avrebbe mai ipotizzato una cosa del genere era viva
Aveva tutte le funzioni vitali
E in uno stato di in coscienza che la scienza non sa definire non sa dire
Che quale percezione possa consentire bene
C'era solo quella vita in gioco o non c'era più in generale
La
Attitudine della società ad essere vitale
Io ve lo dico anche lo dico anche a voi io vi chiedo immaginiamo che si diffonda una convinzione per cui
Quando il papà o il nonno
Entrano in uno stato di demenza senile tipo poca vigilanza valga la pena liquidare il problema quel problema terribile che in famiglia si affronta che si deve gestire approntare
è
Invece si sia portati a liquidarlo voi pensate che saremmo nel momento in cui certi CIE acconciarsi modi infusa mente a liquidare il problema
Saremmo una società più dei più vitale
Che
I giovani il giovane nipote il giovane piglio
Che sostenesse la tesi risolviamo
Liquidiamo questo problema sarebbe più produttivo sarebbe più
Come dire più utile a sé e agli altri
Io penso di no io penso onestamente di no penso che diventeremmo giorno dopo giorno sempre più attratti sempre più al
Avete presente ieri
Chi chiede di chi vede non conosce il prelievo
Questi occhi sbarrati queste abbia questo
Simpatico gruppo che fa questa filtrando questa idea diciamo di Jacob disorientati chiamiamoli così del Carlos
Parco perciò Zelig
E questa è questo il nostro futuro è una è una
Soprattutto lo rivolgo ai più giovani che possono talora
In forza anche
Ti deboli trasmissioni di principi da padre in figlio di indebolimento delle abitudini di pranzare insieme di ridiscutere insieme di questo mondo e di
Sentire da chi dai nostri padri le loro esperienze il loro vissuto
Qualche volta possono essere tentati a Prati devo dire per fortuna che poi quando abbiamo i casi concreti al di là delle teorie
Noi in Italia conosciamo uno solo che abbia chiesto
Che sua figlia venisse condotta a morte c'è un solo caso non è vero che ce ne sono altri perché è un problema perché gli altri che quando vi dicono è chissà quante ce ne sono che non conosciamo non è vero ma perché l'iter portare a morte una come Rwanda Englaro ce la vuole
Molta determinazione e ci vuole una struttura è proprio per questo
Posso dire l'avete utilizzato invece il caso estremo come caso generale e diffuso no perché noi perché la contraddizione del ragionamento attenzione
Però più in generale no perché più in generale c'è il Tecce il nodo di come ci atteggiamo rispetto alla grave disabilità
Di come affrontiamo le trattiamo
Tutta la grave disabilità che con l'allungamento della vita sì però si genera diffusamente
Il tipo di rapporto che il nucleo familiare a con una situazione di questo tipo
Il tipo di impegno che nella società diffusamente si pone rispetto alla vita rispetto al modo di sostenerla non quando è facile quando ha l'immagine di una bella persona giovane
Ma quando a le condizioni di fragilità e di fragilità straordinaria che inevitabilmente si producono e ancor più come ho detto con l'allungamento della vita si producono qui è in gioco veramente ciò che tiene insieme una società ci sono minoranze che stanno aggredendo questi principi e noi crediamo che sia
Doveroso
Opporvi sì
E perché sia necessario invece e tenete conto che quando diciamo dell'invasività dello Stato non ci riferiamo solo ad un burocrate
O ad un po'o al Parlamento ci riferiamo per esempio ad un magistrato
Puoi magistrato sostituirsi al medico e decidere di condurre a morte di far condurre aborto una persona
Puoi magistrato sostituirsi ad un'altra altre figure esperte e pretendere quella terapia può il magistrato
Questo è lo Stato invasivo teste hanno spesso verificando non solo quello democratico quello alla fine
Che dobbiamo rispettare quello del Parlamento ma quell'o anche
Invece non democratico
Quello spesso autoritario che è quello di una ad
Anomali anomala funzione giudiziaria
Che arriva a mettere in discussione anche princìpi costituzionali con una disinvoltura davvero
Terrorizzante l'anomalia giudiziari italiana non è solo quella penale
Chiedetevi perché c'è e andate a vedere le varie espressioni che assume l'anomalia e a tutto campo
Cosa dovrei dire a voi del piano del fatto che siamo l'unico Paese nel quale
Un tribunale ha condannato i geologi per non avere previsto il terremoto quello voglio dire proprio voi no su conoscete un altro Paese misero in
Pongo questo la devo interrompere Mohamed corrompere perché siamo
Nella regione
Che ha avuto il terremoto
Ma è impossibile a condannare o non lo sappiamo ci sono stati condannati perché non hanno previsto il terremoto
Questa è una sciocchezza ed è cattiva informazione allora la sentenza la sentenza
Basta legge sa esterno avvenga la sentenza racconta un'auto la storia
Non perché non c'è stata previsione terremoto perché nessuno è così stupido neanche un magistrato neanche un magistrato e così stupido
Ma è stato detto
Che
Quella riunione famosa della settimana prima
Ha negato la possibilità di terremoto è l'esatto contrario non la previsione a c'è stata la negazione del pericolo questa e la sentenza dell'Aquila precisando ottocentonove molto
Proprio chiedo scusa
Chiedo scusa io adesso su questo possiamo fare un bel dibattito io ci sto possiamo fare un bel dibattito ideologico proprio qua io ci sto perché c'entri nulla con lo Stato fa fare perché
Su questi temi etici
è inutile fare i tifosi sui fatti ci sono i fatti da scusa chiedo scusa mi basta mettere agli atti
Quello che lei ha detto e ne parleremo è pervenuta una lama parlarne
E ho voluto fare questo riferimento proprio sapendo che l'emozione può condurre all'illusione
Che la sanzione giudiziaria sostituisca a quella
Diciamo quella della storia quella etica quella che diversamente può essere realizzata ma riguardava sempre sempre non a caso il grado
Di previsione o di negazione che dir si voglia comunque il rifiuto di APT perché banconote io perché il potere politico in quell'occasione e mi dispiace dirlo perché ho grande stima
Per
Bertolaso ma ho grande stima e lo dico pubblicamente ma il potere politico in quel momento doveva fare un'opera di tranquillizzazione
Per cui ancora una volta la magistratura interviene lì dove il potere politico inadeguato e carente
Mi dispiace io davvero considero non solo io in buona compagnia quella sentenza un esempio di anomalia giudiziaria
Perché
Cellule questo è l'unico Paese all'acqua ci sarà l'appello e la cassa dell'unico Paese in cui quale serie arrivati imprese in relazione a eventi di questo genere questo modo
Noi però altra cosa però come dire il dibattito
E bello proprio per questo naturalmente il libro io di trattarla dell'anomalia giudiziaria modo parla della memoria giudiziaria ruoli sarebbe il caso Englaro era un'altra
Era un caso come altri costruito a tavolino
Da un gruppo questo l'ha detto Maurizio Mori non lo non l'ha scritto in un libro uno dei protagonisti dall'altra parte nonna
Dalla mia quindi
Da questo punto di vista possiamo essere tranquilli abbiamo documentazione attendibile
E un caso costruito a tavolino per arrivare proprio a una legislazione
Permissiva dal punto di vista dell'eutanasia e della prima del testamento biologico ma soprattutto dell'eutanasia lì lo scopo era assolutamente quello
è anche qui vediamo dove il laicismo e dove la libertà Eluana Englaro non aver mai mai fatto un consenso tanto meno un consenso informato
Quindi lì i magistrati hanno deciso
Sulla base
Anche qui
E la sentenza degli stili di vita di Eluana Englaro
E io mi chiedo quale sia
Assolutamente no assolutamente no c'è stata no non è così la sentenza dice queste esattamente questo cioè che sulla base la sentenza della Cassazione
Dice che sulla base degli stili di vita
Di Eluana Englaro la la la Corte ha potuto ricostruire
Un'eventuale volontà un'eventuale volontà allora io mi chiedo se ognuno di voi
Vorrebbe che la propria volontà di
Essere
Di essere portato a morte perché non vogliamo usare
Parole troppo forti attraverso un
Metodo come la denutrizione e la disidratazione
Venga affidato
A una ricostruzione in base al proprio stile di vita fatta da un magistrato
C'è quindi
Già questo cioè già questo metodo di ricostruzione della volontà a posteriori su base indiziaria

No no ma poi dissentire invece
No tant'è vero che a un certo punto potevano riaprire tant'è vero che ci sono va beh ma non è questo la correlate alla Cassazione
Ma se ne sono due le sentenze non vorrei entrare in Italia sono pari a quaranta rimane a casa sta arrivando
Al Ministro Alfano tradiscono estendersi stalla bruciante
Vorrei dire semplicemente che tutte queste cose in realtà di cui noi parliamo magari in astratto
Poi sono molto concrete scelte di governo c'è per esempio
Si fanno entrare le biloba anche private in Italia oppure no cioè si sceglie di continuare sulla tradizione solidaristica
E non di commercio di elementi del corpo oppure appunto si apre a questo oppure ancora si è parlato oggi del welfare Italy Piano abbiamo parlato delle pensioni di reversibilità per esempio per quanto riguarda le coppie le unioni civili o le coppie omosessuali
Oppure ancora si parla della sostenibilità del sistema sanitario nazionale e quindi del fatto che ci devono essere
Pochi grandi ospedali efficienti e poi sanitari territorio che assistenza domiciliare noi sappiamo che stiamo cercando di fare un grande sforzo verso l'assistenza domiciliare
Che anche nata abbastanza spontaneamente indica in Italia come ha detto Cazzola attraverso il fenomeno delle badanti e degli assegni di accompagnamento quindi i trasferimenti diretti e che libertà che le famiglie possono un dare in questo modo ecco l'assistenza domiciliare se non c'è più per esempio la famiglia diciamo tradizionali tra virgolette e difficile costruire l'assistenza domiciliare
I fatti altrove questo perché c'è una disgregazione
Della famiglia e della comunità molto più accentuata che in Italia
Questo non è più possibile quindi i modelli anche di di guerra e il fare di sanità
Che noi costruiamo sono ma densità pensava di scelte estremamente concrete sulla base di un'ipotesi di conservazione
Della famiglia per esempio della famiglia tradizionale delle relazioni di parentela così appunto come abbiamo conosciute oppure
Di un mantello completamente diverso quindi quando parliamo
Di queste case non parliamo solo di questioni astratte
Magari
E su cui possiamo avere idee anche Villesse ma
Parliamo di scelte in modo alto concrete di governo anche di modelli
è di Welch farò di sanità per esempio
Naturalmente
Il libro avete capito la complessità dei temi trattati dal libro
E anche perché
Io l'ho definito Teo come da questo punto di vista mi pare che il dibattito sia stato abbastanza chiaro ed esplicito non parla soltanto di questi temi etici parlava anche di questioni fondamentali come la riforma
Dello Stato una delle questioni per esempio
Più o meno federalismo allora il ruolo delle Regioni l'abolizione delle Province vedo qui
In sala in prima fila un autorevole Presidente di una provincia
No Abbruzzi se
Ma ce la farete
Con questo Governo ad abolire le Province velocissimamente perché mi dicono che l'uomo
Pini SOFA mi è arrivato per cui poi quando arriva in sala e vedo che dobbiamo avere ormai le Province sono
Superate auguriamoci anche da
Quinto della
Quello che fu approvato con pochi voti di differenza
Centrosinistra e che ha
Quel disordine istituzionale
Per cui saremmo l'unico Paese al mondo ad avere un federalismo a base pluriennale
Normalmente il federalismo a un soggetto
Alla base di esso invece noi avrei abbiamo una Carta costituzionale che
Considera i Comuni le Province le Regioni
Il sulla base di questo federalismo di ipotizziamo un federalismo più ordinato che rivaluta anche la dimensione dello Stato come garante di ultima istanza del primario interesse nazionale
Siamo in Abruzzo Regione insieme ad altre coinvolta dal giudicata questione
Delle spinse
Dei consiglieri e degli assessori una riflessione sulla sulle spese facili e le Regioni e non soltanto per
Il tema dei rimborsi
Ma più in generale sono sembra avverata la profezia di Ugo la Malfa quando parlava con Maccanico e diceva avremo utenti i centri di spenti i centri di spesa fuori controllo una riflessione su questo
Lo chiedo a lei onorevole eccetera prima casa e Pagani e noi l'ha detta Gaetano prima noi non abbiamo una linea di finanziamento anzi non è ora di finanziabilità quindi partiamo avvantaggiati israeliana
Se il campionato della diciamo etico da questo punto di vista
No nel senso che le Regioni non passa non cederà darà la a a secco ANITEC dico resta del federalismo e delle dei costi standard
E delle questioni che riguardano restando qui si è sempre occupata quindi Cacciaguerra conclusiva
Libero segnala
Un per quel terribile disordine istituzionale che ha innescato processi di spesa pubblica spesso non controllati quando ero Ministro della Sanità ebbi a dire un giorno scherzosamente che in Calabria stavamo ricostruendo la
I conti della sanità per per ascolto e per la testimonianza eccetera testimoni per
Tradizione orale anzi gli stessi pubblicamente per tradizione orale
Credevo di aver fatto una battuta poco tempo dopo vidi unico ma ragioneria dello
Stato e disse lo stiamo procedendo per ascolti certificati che era la tradizione orale sostanzialmente
Ma non solo solo solo o IP criticamente i centri di costo delle Regioni o delle province autonome
Sono purtroppo quegli otto mila comuni e quelle Province che hanno determinato una terribile dispersione
Di risorse e con patologie che sono state possiamo riunire per molti aspetti nelle società partecipate soprattutto dai Comuni e dalle Regioni
Ora siamo costretti a una grande operazione di riordino
Eliminando le Province
Facendo in modo e questo modo dovremmo discutere nella riforma della Carta costituzionale
Che i Comuni non dico si fondano ma associno fra di loro le funzioni fondamentali raggiungendo quella minima massa critica che li renda efficienti almeno un bacino di cento mila abitanti diciamo nel libro
Per gestire in modo efficiente
Quelle funzioni fondamentali
Dal governo del territorio alla alla gestione dei servizi scolastici alla
Al
All'anagrafe tutte alla polizia locale
Per non parlare di ma di una base di una massa critica ancor più efficiente
E soprattutto
E qui recuperiamo però il federalismo varato nella scorsa legislatura
Introducendo degli elementi di responsabilità come il fallimento politico degli amministratori ove vengano superati determinati indicatori di bilancio
Sia possibile l'immediato commissariamento di quelli di quell'ente che sia il Comune la Provincia il secondo noi anche l'area pone anche se ci voi c'è stata una una
Sentenza dalla Corte che ha bocciato il nostro fallimento politico per le Regioni
Ma che sia possibile commissariare ritornare al voto e dichiarare ineleggibili per un certo numero di anni a quelle ad altre funzioni pubbliche gli amministratori che sono falliti che cioè
Hanno solo hanno condotto quella funzione al di fuori dei parametri di bilanci segretezza ed opportuno estenderlo sullo le Assemblee elettive anche tutto
Viticolo
Informa il potere regionale penso alle ASL
Agli enti regionali noi abbiamo io ma io sarò presente giustamente concentrato noi abbiamo in cui sulla base di un accordo tra Stato e Regioni io o commissariato l'Abruzzo
La il Molise il Lazio nulla la Campania
La la Calabria cioè abbiamo dei commissari anche uno del mondo però cedere anche una
Di Gela la Liguria Liguria la Liguria era già sottoposta a piano di rientro non esattamente commissariata non proprio commissariate era sottoposta comunque
Ai vincoli del cosiddetto piano di rientro
Ma dobbiamo mettere ordine ripeto
Soprattutto controllo dove oggi spesso c'è una finanza fuori controllo degno nel caso dell'Abruzzo che ha fatto molte cose buone rispetto a ciò che ereditò questa Amministrazione
E lo ha fatto soprattutto con riferimento alla sanità che l'ottantatré per cento medio della spesa corrente delle Regioni chiodi sarà ricandidato Presidente della Regione
Ma io posso solo testimoniare
Che sia stato un buon amministratore e lo sia stato in modo particolare come ho detto per quanto riguarda
La sanità che egli ereditò e poi bene oggi è cambiata molto sulla base di elementi che credo siamo percepiti dai cittadini e certamente al risultato ai controllori dei conti della sanità sostanzialmente un sito io vedo
Il senatore Quagliariello non posso non fai una domanda perché ce l'ho data da giorni
Anche perché
Come sapete iniziatore Maiello è un raffinato intenditore di calcio
Lo dichiara anche sul suo profilo Twin terra e quel che lunedì
Renzi i presenti il Consiglio
Incontra di nuovo la Merkel che lo aveva che gli aveva raccontato della storia di di commessa l'attaccante tedesco della Fiorentina e scalza variare ha fatto tutto un come dire sua storia
è arrivato
Norbert lavoro globale
Va bene la domanda era Renzi lei quale calciatore paragone
Non mi dite guaine però è per cortesia
è
Lasciamo perdere
Io credo che possiamo concludere qui ringrazio i miei chimico relatori
Ringrazio che mi avete dato questa opportunità saluto
Spese
Caro Angelino
è così
Caro Angelino
Prima di
Dare la parola alla sindaco di risolverli che ci ospita qui in questa cornice meravigliosa io volevo esprimere a nome
Dei
Centoventi ragazzi che sono qui presenti
E che sono stati selezionati per essere qui perché devi sapere Angelino che noi abbiamo
Avuto oltre quattrocento domande e di partecipazione a questa scuola di formazione politica e quindi questo dalla testimonianza di quanto è vivo l'interessa nei nostri confronti
Ti dicevo a nome dei centoventi ragazzi con i quali siamo in a una dalle undici di questa mattina sono le venti e quindi capisci che siamo in Aula Giarda nove ore
Si era
Diffuso un certo scetticismo cui per il fatto che il leader del partito potesse essere presente ad un evento come questo dove non ci sono folle oceaniche dove non ci sono neanche centinaia di per le Camere ebbene vedete ragazzi io vi avevo detto che sarebbe venuto Angelino Alfano perché Angelino Alfano è diverso e il movimento
Politico che lui ha contribuito a fondare è un movimento politico nuovo e quindi non vi deve sorprendere che il leader di un avvio di un movimento politico nuovo
Che fa anche il Ministro dell'interno in questo momento
Decida di dedicare del tempo ai giovani che sono il nostro futuro la nostra speranza e quindi io Angelino a nome di questi giovani
Amente con orgoglio ti ringrazio e ti esprimo veramente l'orgoglio di fare parte di un partito di un partito di un movimento che adesso
Si costituiva partito non dicendo l'undici il dodici aprile ti ringrazio e lascio la parola alla sindaco di risolverli che
A nome della cittadinanza vuole darti belve il benvenuto
Buonasera ministro buonasera a tutti non è mio personale dell'Amministrazione comunale che rappresento nonché della cittadinanza diviso condoni lutto dappertutto l'altopiano delle cinque miglia
Siamo veramente orgogliosi e contenti di a rischio ospiti qui tra lui nella nostra ridente cittadina
Un augurio questi splendidi ragazzi che possano portare nel cuore i compiti di Bison duri che possa dare a loro un lustro un futuro politico come l'augurio che faccio a tutti tutto il Governo speriamo e
Avremo più concretezza più
Gesti forti ma che possano far ripartire questa maledetta crisi italiana e vorrei che arrivi sondaggi
Potrà essere ricordato come
Il trampolino di lancio per uno splendido futuro politico sia per il nuovo centro destra che per tutto il Governo italiano grazie a tutti grazie
Allora ragazzi
Questo è il momento diciamo
Più importante della giornata ve lo siete meritato dopo una giornata di lavoro senza altri preamboli io darei subito la parola ad Angelino Alfano con un altro applauso
Grazie io
Sono davvero contento
Di essere qui e di incontrare a quest'ora così tanti ragazzi tante ragazze che hanno
Fatto una scelta quella di partecipare ad una
Iniziativa
Che Erminia io ringrazio davvero Erminia e che è stata un po'l'animatrice colleghi la quale
Ha spinto
Questa iniziativa fino alla realizzazione e Federica
Che ha creduto che io venissi alla ragione nel senso che
Molto banalmente avendo preso l'impegno lo mantengono e penso che sia anche una cosa molto normale e non ci sia nulla di straordinario e di Rovigo
Io sono convinto di una cosa
Che
Da questi incontri da questi giorni andranno via
Più di cento ragazzi super motivati e che hanno
Una idea chiara
L'idea cioè che il nostro Paese si può riprendere e che si riprenderà se si realizzeranno le ricette del nuovo centrodestra che sono le ricette del centrodestra
Probabilmente lo dobbiamo dire senza troppi giri di parole
Toccherà a noi realizzare gli impegni e il centrodestra aveva assunto con gli italiani e che non aveva mantenuto
Toccherà a noi realizzare tante di quelle cose
Che noi avevamo detto che avremmo realizzato e non abbiamo realizzato io non la farò lunga qui con voi ma alcune cose ci tengo a dirle con grande chiarezza
La prima cosa
Per evitare
La finta ipocrisia per evitare
Di non essere pienamente sinceri ve la dico subito
Noi abbiamo fatto una scelta coraggiosa ce lo diciamo
Tra di noi perché ci crediamo fino in fondo
Per separare la nostra strada da quella di Silvio Berlusconi e da quella di Forza Italia
C'è voluto il coraggio di chi crede profondamente nell'Italia nel centrodestra nei valori del centrodestra e di chi si era reso conto che per quella via noi non avremmo più realizzato nulla dei nostri programmi dei nostri valori e degli obiettivi per i quali
Ciascuno di noi aveva scelto di stare in politica e di impegnarsi
Questa è la ragione di fondo è su questa ragione abbiamo edificato un movimento politico io sono
Veramente contento di dire a voi un qualche cosa che
E Gianni noto e già sui siti fra l'altro devo dire che o intravisto dei visi e dei volti che mi sono ma mi sono noti per via di Twitter perché ho visto o riconosciuto dalla foto alcuni miei follow queste quindi io ringrazio
Della promozione del sostegno bene qual è la cosa che io voglio dirvi sono passati
Meno di centoventi giorni dalla nascita del nuovo centro destra e in questi centoventi giorni sono nati
Oltre diecimila circoli per un totale di centoventi mila iscritti al nuovo centrodestra è stato un risultato straordinario
è stato un risultato straordinario
è stato un risultato nato
Dalla vostra passione e dal vostro coraggio c'è voluto coraggio per fare nascere il nuovo centrodestra ci vuole passione per
Edificare il
Crescere di questo nuovo centrodestra ci vorrà tenacia per vincere c'è voluto coraggio per nascere
Ci vuole passione per crescere ci vorrà tenacia per vincere
Il coraggio l'abbiamo avuto la passione non ci manca la tenacia la troveremo
Perché noi abbiamo dentro di noi una grande certezza di avere fatto la scelta giusta e se essa è fatta la scelta giusta questa scelta giusta si è fatta perché abbiamo creduto fin dal primo momento
Che
Hanno
Sembra ottobre quando tutto si è verificato noi eravamo di fronte a un bivio
Anche qui senza giri di parole
Ho
Sceglieva amo l'Italia
Ho sceglievano Forza Italia
E al bivio tra scegliere l'Italia e scegliere Forza Italia abbiamo preferito scegliere l'Italia
La
Nostra scelta è stata una scelta chiara fin dal primo momento quando ci è stato detto
Che
Il nostro obiettivo doveva essere alla alla fine di tutto non poteva che essere che fare cadere il Governo di Enrico Letta fare cadere la legislatura precipitare l'Italia in una crisi Albu io votare con una legge elettorale incostituzionale candidare il centrodestra italiano alla sconfitta noi abbiamo detto di no perché era il razionale e non avrebbe portato noi ma soprattutto il Paese da nessuna parte
Avrebbe portato soprattutto il Paese a sbattere abbiamo detto di no
Qual è la scelta che noi abbiamo fatto la scelta è quella di non abbandonare i nostri valori la scelta è quella dichiara la forza c'è il coraggio di dire che noi in questi anni non abbiamo sbagliato valori non abbiamo sbagliato speranza non abbiamo sbagliato ideali
Questa speranza a questi valori questi ideali intendiamo coltivarli
Noi
All'interno del nuovo centrodestra ci hanno detto
Perché mi perdonerete ma sono giorni di grande soddisfazione per noi ci hanno detto
Ma come
Voi fate l'accordo con il Partito Democratico cioè con lo stesso Partito Democratico con cui l'accordo l'aveva fatto il PdL tutto unito qualche mese prima ci hanno detto
Ma voi fate l'accordo con il Partito Democratico e noi abbiamo risposto sì
Lo facciamo se il Governo di Matteo Renzi avrà la stessa maggioranza del Governo che ha sostenuto Enrico letta cioè
Niente SEL niente Vendola niente spostamento a sinistra la stessa maggioranza
E se avrà i nostri contenuti di programma cioè
Se realizzerà le cose per le quali ci siamo sempre battuti
Abbiamo
Ottenuto l'uno e l'altro e ieri abbiamo fatto un Consiglio dei Ministri nel quale abbiamo deliberato di diminuire le tasse per dieci miliardi
A dieci milioni di cittadini dieci miliardi di tasse in meno a dieci milioni di cittadini che hanno meno di venticinque mila euro di reddito e che hanno
Mille cinquecento euro al mese
Nel momento in cui abbiamo fatto questa scelta nel momento in cui abbiamo fatto questa scelta noi abbiamo realizzato esattamente quello che non si riusciva a realizzare con il vecchio centrodestra abbiamo diminuito le tasse
Abbiamo
Diminuito però oltre due miliardi un po'meno di tre miliardi l'IRAP
E abbiamo smontato i pezzi più odiosi della legge Fornero quelli che riguardavano l'apprendistato quelli che riguardavano il contratto a termine quelli che smontavano le loro volte il rapporto di fiducia tra l'imprenditore il cittadino
Che
In un
In una situazione come quella della forma ero dava che pensare che il contratto a termine era fraudolento che l'apprendistato era un trucco e toglieva la componente di fiducia tra l'imprenditore e il lavoratore
Ma soprattutto tra lo Stato l'imprenditore e sapete come abbiamo realizzato la diminuzione delle tasse
Tagliando dieci miliardi
Di spesa pubblica cioè
Meno tasse
Con meno spesa pubblica e la nostra ricetta e la ricetta del centrodestra e la ricetta liberale se non è centrodestra questo che cos'è il centrodestra
E quando abbiamo
Ha chiesto il taglio dell'IRAP e ci è stato detto
Per fare il taglio dell'IRAP non possiamo perché non c'è più il margine tagliare altra spesa pubblica ma dobbiamo aumentare di un poco le aliquote sulla rendita finanziaria
Noi abbiamo detto a condizione che non si tocchino i BOT e il risparmio degli italiani
Se c'è da tassare la rendita finanziaria che è troppo tardi che tassata troppo in basso
Per diminuire
L'IRAP che è troppo alta e creare quindi un riequilibrio noi ci stiamo se si salva il risparmio degli italiani avevamo già detto di no alla patrimoniale e la sintesi è questa abbiamo detto alcuni sì
Che realizzeranno la ripresa italiana il sia al taglio dell'IRPEF dissi al taglio dell'IRAP dissi allo smontaggio della forme ero e abbiamo detto alcuni no
Che stanno funzionando per il bene dell'Italia il no allo spostamento a sinistra del Governo il no alla patrimoniale il no alla tassazione dei BOT ad io amo detto dei siti centrodestra e dei nodi centrodestra così si fa avendo sempre come bussola l'Italia perché alla fine noi questa scelta
Abbiamo dovuto farla per il bene dell'Italia e perché abbiamo chiaro in mente che se non ci sarà un'Italia forte
L'Europa non ci accoglierà con il rango che l'Italia merita vedete l'Italia un grande Paese e quando noi andiamo in Europa
Dobbiamo ricordarci sempre che noi siamo italiani
E che rappresentiamo un grande Paese fondatore dell'Europa e quindi all'Europa noi diciamo di avere fede nell'Europa
Ma abbiamo l'onestà di dire che così come non ci piace la vogliamo cambiare e il nostro slogan ma sarà Bettarini euro
Sarà per un'Europa migliore perché la via d'uscita non è
Meno Europa mai d'Europa noi dobbiamo dire prima l'Italia
Il nostro standard non potrà che essere in Europa prima l'Italia
Perché prima l'Italia in Europa significa capire che cos'è l'Europa l'Europa è un luogo dove ciascun Paese esprime la propria forza negoziale e mette sul piatto la propria forza
Per tutelare gli interessi nazionali e noi non avremo nessuna difficoltà nessuna timidezza nessun pudore permettetemi
Di dire questo due punti noi andremo in Europa affare i fatti dell'Italia
A difendere gli interessi nazionali a difendere il popolo italiano e i suoi interessi difendere gli interessi nazionali italiani non è un limite esattamente lo scopo che ci anima quando noi andiamo in Europa
Allora questa qui e la componente vera di un centrodestra che deve rinnovarsi perché
L'ho già detto una volta questa la seconda volta che lo dico in pubblico quando
Ho partecipato al dibattito sulla fiducia al Senato
Quando ho partecipato al dibattito sulla fiducia al Senato
Ed ero seduto lì accanto RNC e banchi del Governo
Lui ha detto tante cose che
Riguardavano ovviamente al programma di governo che riguardavano il governo dell'Italia ad un certo momento lui ha detto che ringrazio
Per il fatto di essere qui cioè a presiedere il Governo a chiedere la fiducia il mio partito lui ha detto
Perché mi ha permesso di fare le primarie
Oggi per per me poi c'è stato un secondo giro ho fatto le primarie le ho vinte e da quel momento ho potuto ambire a diventare Presidente del Consiglio quindi se io sono qui
E grazie a un partito che mi ha fatto fare le primarie mentre lui diceva queste cose
Io mi sono fatto una domanda
Ma perché questo non è possibile nel centrodestra perché non è possibile votare per scegliere la leadership del futuro perché non è possibile realizzare ad
è strano realizzare nel centrodestra quello che il centro sinistra realizzato facendo il più grosso rinnovamento della propria classe dirigente degli ultimi trent'anni
Allora questa domanda non abbiamo trovato risposta e dunque la ragione altra
Per cui noi dobbiamo combattere questa giusta battaglia e quella di riuscire a innovare il centrodestra attraverso un il modello democratico di scienza delle future leadership
Ma che c'è di male io questo dico che cosa c'è di male a fare una scelta di questo genere non abbiamo fatto un
Una precisa scelta di campo abbiamo detto nuovo centrodestra perché noi siamo per l'avranno già detto che il centrodestra
Noi diamo qui valori abbiamo cui programmi abbiamo quella sensibilità
E il nuovo centro destra che cos'è
è una collocazione politica perché siamo di centrodestra
Ed è anche una missione è un programma noi vogliamo fare il centro-destra nuovo ce lo vogliamo rinnovare e lo vogliamo innovare per rinnovare per rinnovarlo pensiamo dello strumento sia quello delle primarie e non abbiamo bisogno
Di tanta complicazione abbiamo bisogno di dire che quando
Arriverà il momento giusto quello sarà il metodo per individuare la nuova leadership nel frattempo
Noi abbiamo
Un grande compito quello di servire l'Italia
Servire l'Italia attraverso i provvedimenti di governo e il prossimo obiettivo che noi ci diamo con questa nostra partecipazione al governo dopo avere fatto una scelta sull'IRPEF a favore de dei ceti
Anche nei anche del ceto medio perché a venticinque mila euro è anche un pezzo di ceto medio
E anche un pezzo di ceto medio bene dopo avere fatto questa scelta dopo avere fatto la scelta a favore degli imprenditori con
La scelta dell'IRAP noi
Vogliamo fare un'altra scelta la scelta a favore degli autonomi e stiamo studiando una proposta che permetta a tanti ragazzi
Liberi professionisti che hanno aperto la partita IVA che hanno aperto lo studio che non hanno dipendenti e che sono dentro la fascia dei venticinque mila euro come per i dipendenti di avere a che loro dei benefici ci stiamo studiando e siamo convinti che potrà essere una scelta giusta perché le partite IVA i liberi professionisti ragazzi che aprono uno studio devono essere difesi
Come sono difesi
Come sono difesi i dipendenti
Anche se sappiamo che già le partite IVA gli autonomi hanno un beneficio da questa manovra perché per essere molto pratici quando tu lasci a dieci milioni di italiani mille euro in più in tasca all'anno
è chiaro che riprendono i consumi e rimette in moto l'economia e quindi si scarica positivamente anche sui commercianti sugli artigiani su coloro i quali fanno andare avanti l'economia
Allora questa riforma del mercato del lavoro che abbiamo fatto questa tassazione bus più bassa sulla su questi ceti
è
Esattamente la nostra missione l'altro giorno quant'è la ieri quando abbiamo fatto il Consiglio misti l'altro ieri insomma
Da Forza Italia è venuta qualche ironia
E allora io
Ho ricordato che qualche anno fa io io proprio
Fui relatore della legge finanziaria
E in quella relativa quella relazione la legge finanziaria io proposi al Parlamento come relatore ma la proposta ovviamente era del Governo dal Governo Berlusconi di Tremonti
Di diminuire le tasse fu il primo modulo poi non arrivo il secondo il primo modulo fui relatore della Finanziaria io e quale fu la scelta fu la scelta a favore dei ceti meno abbienti si ampliò la no tax area
Si ampliò la no tax area e si
Misero cinque miliardi se non ricordo male circa
Per i ceti meno abbienti quindi questa nostra legge finanziaria che andremo a fare ora di diminuzione fiscale ricalca esattamente la stessa filosofia
Quindi mi meraviglierei molto se Forza Italia votasse no alla diminuzione delle tasse cioè da meno tasse per tutti a che cosa siamo finiti
Ecco e poi c'è un'altra cosa lo dico
Perché e un'altra scelta che ha fatto un nostro ministro cioè Maurizio Lupi
Ha fatto approvare un decreto legge che adesso andrà per la conversione in Parlamento che prevede
Un piano sulla casa straordinario cioè prevede
Che vi sia la possibilità da parte dei proprietari di alloggi sfitti
Di affittarli a determinate condizioni e di avere la certezza che quando finisce l'affitto la casa a forma di loro proprietà perché voi sapete bene che per tanti proprietari di casa c'è spesso la remora ad affittare l'appartamento perché poi tutti pensano con la proroga astratte con tutto quello che c'è va a finire che non mi ritorna in casa
Non mi ritorna la casa allora Lupi ha proposto il Governo ha accettato
Un decreto che prevede delle garanzie per il locatore e delle condizioni agevolate per quello che affitta la casa
Questo per venire incontro alla domanda e offerta e fare sì che la risposta di housing sociale la domanda scusate di housing sociale la domanda
Di casse private abbia una risposta da parte dei proprietari di appartamenti sfitti togliendo loro la paura che queste case voi non tornino loro nella loro piena disponibilità
E è una cosa di centrodestra o no questa
Allora abbiamo fatto una serie di scelte che sono scelte che conferma nel fatto che noi avevamo ragione
E siccome erano lì ad aspettare tutti al varco che noi facessimo qualcosa di più talmente di sinistra da contraddire il nostro nome
Siamo molto contenti di avere smentito tutte le Cassandre e avere dimostrato che noi siamo un nuovo centro destra di nome di fatto
Concludo
Concludo dicendovi che
Fra poco partirà una lunga campagna per le elezioni europee in questa campagna per le elezioni europee noi abbiamo bisogno di
Dimostrare per la prima volta la nostra forza
è una forza che dimostreremo anche attraverso
L'esito dei provvedimenti di governo
E in questi provvedimenti di governo voglio dare atto a Gaetano Quagliariello di un lavoro che risulterà prezioso per quanto riguarda il TAR
O al Senato con il superamento del bicameralismo perfetto e la fine della confusione del Titolo quinto che vorrei ricordarlo
Adesso noi stiamo modificando il Titolo quinto come atto di ravvedimento operoso di una sinistra che una dozzina di anni fa aveva portato il Paese ad una scelta sbagliata ricordato di quando sentite parlare di Titolo quinto stiamo parlando della necessità di fare una riforma costituzionale che smonti una riforma costituzionale della sinistra che aveva fatto una cosa sbagliata con l'opposizione del centrodestra questo ricordato lo sempre quando
Fate un dibattito una discussione sul Titolo quinto
E a quelle elezioni europee
Noi
Dovremo dimostrare la nostra forza vedete
In Italia esistono due grandi poli mediatico televisivi il Polo della sinistra che fa riferimento a un grande imprenditore e il Polo che fa riferimento al
Presidente Silvio Berlusconi
Noi siccome ci chiamiamo nuovo centrodestra non siamo coccolati dal Polo di sinistra perché sanno che non andremo con loro in prospettiva e quindi non ci coccolano
Gli altri siccome abbiamo avuto il coraggio di separare per il bene dell'Italia la nostra strada
Ci trattano male
Ci trattano male quindi non siamo trattati bene né dalla sinistra e neanche dal polo editoriale del centrodestra e di Forza Italia
Ma noi sapete che cosa pensiamo che vinceremo le europee lo stesso anche senza questo sostegno perché non avremo
La il sostegno dei poteri forti ma avremo il sostegno del nostro
Coraggio
Della nostra voglia di vincere della nostra passione della nostra fede nei nostri ideali nell'idea che abbiamo che l'Italia ce la farà e nella giustezza di una linea che sta tutta nel dire noi serviamo la patria serviamo l'Italia esser diamo anche il futuro del centrodestra quindi io vi ringrazio davvero per la passione per l'entusiasmo che avete messo in questo corso considerata il nuovo centrodestra come il movimento politico del futuro oltre che del presente del centrodestra
E sono convinto che gli animi diritti ideali che vi anima
La speranza che vi anima il lavoro che avete fatto in questi giorni sarà il carburante vero per farvi andare velocissimi anche durante questa campagna elettorale di ringrazio