28 FEB 2014
intervista

Processo Tamoil a Cremona - Dopo l'incontro con il Sindaco, il processo continua con la deposizione di due tecnici dell'Arpa

INTERVISTA | di Emiliano Silvestri - Cremona - 18:07 Durata: 11 min 38 sec
Scheda a cura di Delfina Steri
Player
Dopo l'incontro con il Sindaco, che conferma l'accordo del 2011, Gino Ruggeri commenta: "La sudditanza nei confronti della Tamoil non è soltanto delle istituzioni".

Il processo continua con la deposizione di due tecnici dell'Arpa.

Incontro cordiale e collaborativo; l'amministrazione - che potrebbe entrare direttamente nel processo dopo la sentenza per l'azione civile relativa al risarcimento - continua a condividere la tesi dell'azienda petrolifera, convalidata dall'accordo siglato nel 2011, che il processo sembra smentire.

Il segretario dell'Associazione radicale Piero Welby di Cremona, che è
parte civile nel processo per conto del Comune di Cremona, dichiara: "La sudditanza nei confronti della Tamoil non è soltanto delle istituzioni; la società Canottieri Bissolati non si è costituita in quanto tale e dei suoi 4.500 soci, soltanto una trentina si sono costituiti parte civile".

Continua il processo.

Oggi il Giudice Guido Salvini interroga due tecnici dell'Agenzia Regionale per l'Ambiente, uno dei quali è nel frattempo divenuto assessore nella Giunta del Sindaco Oreste Perri.

leggi tutto

riduci